Come sarebbe stato un mondo evoluto al contrario

25 04 2018

Risultato immagine per industrial revolution

Immaginiamo una civiltà dove tutti i mezzi di trasporto sono dapprima privi della ruota, quindi sommergibili, barche, navi, aerei ( senza le ruotine ), elicotteri. Proviamo a immaginare che lo spostamento via terra giunga dopo, magari in un mondo con meno superficie terrena del nostro. La ruota cambia ogni cosa, le automobili diventano i nuovi robot. L’ inquinamento e i costanti incidenti convincono la gente a bannare l’ automobile e passare alla bicicletta. Ora non hanno bisogno di strade asfaltate, tecnicamente nella versione mountain bike possono andare dovunque, passare fra la gente, non serve una patente per guidarla e i giovani e i bambini raggiungono una maggiore autonomia, e la vita è più semplice, e più sana. Le automobili inoltre vengono rimpiazzate dalle carrozze trainate da ” cavalli artificiali “.

Immaginiamo una civiltà che adotta la digitalizzazione senza conoscere la praticità della carta. Immaginiamo che nessuno sappia che dagli alberi si può ricavare la carta. La digitalizzazione è effimera, e a causa di un disastro naturale ( per esempio un blackout continentale ) il 99% della conoscenza e della cultura antica si perde. La gente deve ripartire da zero, un noto pioniere scopre ( come noi abbiamo scoperto il petrolio ) che dagli alberi si può ricavare la carta. Viene lavorata la grafite, nasce la matita, si evolve la stampa, il libro è fenomenale, l’ informazione vola senza limiti, la conoscenza esplode, la cultura rinasce grazie alla letteratura. L’ invenzione della penna rende più duratura la cultura scritta. Successivamente l’ uomo decide di applicare la scrittura su diversi materiali ( come la pietra o attraverso il pennarello ) e la cultura rimane stabile e visibile per millenni. Ogni possibile ” era dell’ oblio ” è scongiurata.  Nel frattempo però attraversiamo un periodo di sconvolgente trasformazione della natura che rischia di portare la vegetazione all’ estinzione, ma il problema viene risolto.  

Sempre attraverso una civiltà che adotta la digitalizzazione come prima cosa, immaginiamo che la luce artificiale prodotta da uno schermo del computer sia l’ unica cosa che permette alle classi privilegiate di produrre informazione di notte. O immaginiamo che le cose siano andate diversamente, e che la lampadina e l’ elettricità, con l’ illuminazione artificiale di città e case, e uffici venga un secolo più tardi della nostra storia, o che sia difesa gelosamente dalle classi più alte, e che un ribelle scateni una rivoluzione per il controllo dell’ energia elettrica. La rivoluzione ha successo, surclassando ogni risultato della Rivoluzione Francese nella nostra storia, il popolo ha vinto l’ elettricità, il concetto di classi sociali cessa di avere significato, è il più grande cambiamento sociale della storia dell’ uomo.

Immaginiamo che le epidemie si rafforzino in modo esponenziale nella storia. L’ umanità rischia di estinguersi secoli prima, ma la storia antica è fornita di antibiotici e vaccini, e siccome le epidemie sono più deboli, la cultura fiorisce più velocemente, e gli antichi producono cose mirabolanti perché vivono come viviamo noi ora.

Immaginiamo che per secoli e millenni la cultura non riesce a diffondersi a tutte le classi sociali perché più della metà del mondo non vede bene, e gli occhiali vengono inventati solo nel 1991. Il mondo cambia in modi incredibili, la differenza sociale sparisce nel giro di pochissimo tempo e la capacità funzionale dell’ umanità aumenta. Gli occhiali non sono visti come una debolezza, ma come noi vediamo i cellulari, diventano la cosa più cool che esista, e sorgono imitazioni e falsi quattrocchi.

Immaginiamo una civiltà che evolve l’ architettura al contrario. Per secoli e millenni nessuna costruzione riesce a durare più di una cinquantina d’ anni, e serve costante manodopera e ristrutturazione per tenere in piedi le infrastrutture, rallentando le comunicazioni e i viaggi, e il benessere. Ma ad un certo punto ci rendiamo conto che la nostra capacità di costruire aumenta esponenzialmente e tutte le nuove costruzioni durano per millenni. I grandi geni, stimolati dalle religioni nascono in fondo alla storia, generando opere di fascino ipnotico.

Immaginiamo che per qualche motivo religioso – spirituale, o per qualche stranezza superstiziosa umana, l’ igiene personale e il concetto di toilette non si sviluppino abbastanza per permettere il benessere dell’ umanità, per secoli e millenni. Gradualmente la razionalizzazione diminuisce le superstizioni e si sviluppa una cultura di rieducazione all’ igiene. Nel frattempo il processo di espulsione dei rifiuti biologici assume un nuovo senso di tabù, che favorisce la cultura del bagno privato. Improvvisamente un fenomeno comune del quale non ci importava liberarsene in pubblico, diventa scandaloso ” perché non possiamo fare come i cani”. Oppure immaginiamo un mondo che si de – evolve, superando il tabù della nudità umana come rivoluzione sociale, e che una sottocultura giovanile proponga come per il nostro ” amore libero ” un ritorno alla ” defecazione senza tabù “. All’ improvviso una malattia si diffonde arrestando questa strana deviazione sociale, e nei libri di storia si racconterà che ” uno degli atti più normali del mondo ha quasi portato all’ estinzione dell’ uomo – il ritorno al bagno privato ti salva la vita “.  

Non è vero che più elettrodomestici diminuiscono le ore dedicate alle faccende casalinghe. Infatti è il contrario. Immaginiamo che la rivoluzione del lavoro si svolga al contrario, e che venga inventato un modo per ” liberare la casalinga ” di qualche ora in più di svago, con meno elettrodomestici e , premesso che le acque dei fiumi restino pulite, nasca un fenomeno di socializzazione alternativa attraverso il trasporto dei panni da lavare sulle sponde dei fiumi.

Immaginiamo che il riscaldamento e l’ aria condizionata siano artificio del passato remoto, e che per qualche motivo si perdano le informazioni pratiche per realizzarli. Ad un certo punto, come se scoprissimo Atlantide, un noto esploratore e archeologo riesce a reperire la ” ricetta del riscaldamento e del condizionamento della temperatura “. Il mondo cambia radicalmente.

Immaginiamo che fino al 1914 nessuno abbia mai sentito parlare o possegga la polvere da sparo, immaginiamo che nessuno abbia mai sentito il rumore di uno sparo. Un incredibile pioniere con un lato oscuro il 28 Giugno 1914 tira fuori un oggetto incomprensibile. Alla velocità della luce ( ” praticamente ” ) colpisce a morte Francesco Ferdinando. E’ un piccolo 11 Settembre localizzato, ma le voci corrono, la pistola provoca la stessa inquietudine che abbiamo vissuto noi dopo la bomba nucleare, ma a differenza della Guerra Fredda, la pistola si evolve esponenzialmente e si diffonde generando un ” feticcio all’ Americana ” in tutto il pianeta,  e il mondo come lo conosciamo cambia radicalmente.

Oppure immaginiamo che al posto della tecnologia olografica, nel Ventunesimo Secolo si diffonda la ” cultura dei fuochi artificiali “. Diventa un vizio come il tabacco, una sorta di arte come alcuni intendono i videogiochi, gli animali sensibili ne risentono, gli animalisti protestano, il femminismo adotta l’ antifuochismo, e i petardi si diffondono fra i pochi di buono come nella nostra storia si è diffuso l’ alcolismo e le droghe.

Rimpiazziamo la diffusione di Internet nel 1991 con la scoperta del petrolio, e le aspettative sulla robotica con quelle sui motori e sulle automobili. Nel giro di poco tempo, automobili che dapprima funzionavano in versione elettrica si tramutano in ciminiere ambulanti, con maggiore inquinamento acustico, maggiore rischio di incidenti, e che come per la nostra plastica, non riusciamo a liberarcene nel corso dei decenni perché giacimenti sempre più ricchi vengono scoperti e utilizzati. L’ inquinamento aumenta esponenzialmente, e il benessere generale diminuisce.

Immaginiamo che per un qualche guazzabuglio tecnologico o per motivi religiosi o di elite , nell’ antichità si diffonda un fenomeno di ectogenesi che permette alla donna di evitare la gravidanza crescendo embrioni all’ esterno, in vasche apposite. Con il tempo questa pratica perde di significato, la cultura si modifica, e viene considerato più etico partorire in modo naturale, oppure ciò viene imposto alla donna, ma le donne moderne, disabituate allo stress trasformativo della gravidanza e al dolore del parto, decidono di generare sempre meno figli, portando alla stabilizzazione della popolazione generale, che era esplosa nell’ antichità proprio per la comodità fornita dall’ ectogenesi.

Immaginiamo di rimpiazzare la ” rivoluzione musicale ” apportata dal Rock ‘ n’ Roll con la semplice invenzione della chitarra. Improvvisamente diventa l’ invenzione più ricercata del secolo, la creatività musicale aumenta esponenzialmente, e la crisi della cultura musicale che viviamo attualmente non si verifica o avviene decenni più avanti nel tempo. Oppure immaginiamo una ” Rivoluzione di Musica Classica” nel Ventesimo Secolo. La gloria del pianoforte genera un fortissimo interesse spirituale per la musica, che viene adottato dalla generazione dell’               ” amore libero ” .

Rimpiazziamo la diffusione del cellulare con quella del telefono classico, dapprima a manovella poi nella versione fissa casalinga. La sensazione di trasformazione culturale è completamente diversa perché ci permette di diffondere la nostra voce ovunque. Immaginiamo che fino agli anni ’90 non fosse esistito il telefono. Immaginiamo quali trasformazioni culturali possa generare questo rimpiazzo.

Immaginiamo invece che fino a qualche decennio fa non ci fosse l’ orologio portatile e da fissare alle pareti, o apporre sui campanili. Improvvisamente il tempo è definito, la ” disinformazione temporale ” è finita e non vi sono più differenze che limitano la comprensione internazionale. Inoltre lo stress di osservare le lancette che si muovono e la cultura della puntualità generano inquietudine nella popolazione generale. L’ orologio da tasca viene visto non come una vera necessità ma più come una zavorra o un fastidio, una tecnologia altamente intrusiva, come noi percepiamo le telecamere e i cellulari.  

Immaginiamo una versione storica dove la digitalizzazione precede la carta e l’ email precede la lettera classica. L’ email è fredda, asettica e facilmente perdibile, lo spam preclude una vera e propria diffusione del messaggio. Con l’ introduzione della carta da lettere, aprire una busta e leggere appunti scritti su foglio con l’ inchiostro, senza doversi tramutare in archeologi dello spam, genera una emozione maggiore e migliora nettamente la comprensione del messaggio in sé.    

Immaginiamo che il tablet – digitalizzazione preceda la televisione ( e la radio ) – concretizzazione; l’ esperienza visiva internazionale è posseduta dapprima unicamente dall’ elite, dalle classi alte, la portabilità non viene sfruttata a dovere perché il tablet rischia di essere rubato. Attraverso un processo di de – apartheidizzazione della esperienza visiva, con l’ emergere della televisione il mondo entra nelle case della gente di tutte le classi, generando un fenomeno uguale a quello provocato da Internet. La qualità all’ inizio è minore, ma con l’ emergere dell’ HD, della UHD e della televisione olografica questo inconveniente viene risolto, e nello stesso modo in cui si aprono continuamente nuovi siti, nascono continuamente nuovi canali televisivi.  

Immaginiamo di trasferire l’ invenzione della macchina fotografica ai tempi moderni, diciamo fra gli anni ’80 e ’90. Come fu per la nostra videocamera, la trasformazione sociale è sconvolgente, al pari dei nostri selfie, la fotografia diventa cool, il tempo si può metaforicamente fermare, la cultura sociale viene maggiormente compresa per via della durata della tecnologia, nascono tutta una serie di nuovi intriganti mestieri collegati, e invece di isolarsi e fissare uno schermo anche quando si va in giro, la gente comincia a esplorare e vivere intimamente il mondo circostante, allo scopo di realizzare la foto migliore.  

Immaginiamo una ” archeologia videoludica ” che si occupa di risalire alle informazioni generate da una cultura dei videogiochi nell’ antichità allo scopo di imitarne il concetto per generare una futura realtà virtuale, che però non riesce ad avere il successo sperato, andando al di sotto delle aspettative, perché la digitalizzazione per qualche motivo diminuisce esponenzialmente. All’ improvviso i videogiochi non sono più ” cultura da disadattati e asociali ” ma un risultato ineguagliabile dei bei tempi andati.

Immaginiamo per qualche motivo che l’ invenzione della bottiglia non si verifichi per qualche strano motivo, e che le classi alte abbiano per motivi naturali un accesso facilitato alle risorse idriche quali fiumi, ruscelli, che in questo caso dovranno essere mantenuti privi di qualsivoglia inquinamento perché di importanza vitale. All’ improvviso scoppia l’ ” Era dell’ Acquario ( che ha come simbolo il portatore di acqua ) e il mondo sociale migliora radicalmente grazie alla mirabolante ” innovativa portabilità dell’ acqua ” che risulta essere di qualità migliore della nostra proprio perché le fonti originali sono scampate all’ inquinamento.

Immaginiamo che la televisione satellitare e la ” cultura del satellite ” appartengano al passato e che la civiltà moderna debba districarsi fra miriadi di residui storici nello spazio circostante la Terra, ponendo difficoltà alla diffusione del sistema di trasporto interplanetario.

Immaginiamo che il vinile segua e non preceda il compact disc, migliorando la qualità della musica e la durabilità tecnologica a lungo termine.

Immaginiamo che l’ etichetta della ” cultura del pasto con posate ” faccia parte del passato e che se ne perda l’ uso perché demodè e ” inappropriato ” e che si diffonda invece l’ usanza di mangiare ogni tipo di pasto con le mani, diminuendo la qualità generale del pasto in sé. Inoltre la perdita dell’ uso della forchetta e del cucchiaio nonché del coltello diminuisce la manualità nel corso del tempo.    

Immaginiamo la incommensurabile trasformazione culturale – sociale che avrebbe generato una invenzione ritardataria della moneta, se il baratto fosse rimasto di uso comune per secoli e millenni, e all’ improvviso , come rimpiazzo della Corsa all’ Oro, nel Diciannovesimo secolo si fosse diffusa la ” cultura della moneta ” impedendo esponenzialmente l’ uguaglianza sociale, e generando da zero un sistema piramidale di classi sociali. La distruzione delle ” eretiche monetine ” sarebbe una pratica consueta per le generazioni ribelli adolescenziali del Ventesimo Secolo. Sempre che ci riescano a distruggere una moneta …potrebbero provare a disperderle in massa …

Immaginiamo di rimpiazzare Roswell con una ” micro – Colombata “, rappresentata dall’ invenzione del microscopio e dalla scoperta ” psichedelica ” dei microorganismi. Improvvisamente creature che nessuno aveva anticipato sono fra noi.

Immaginiamo per qualche strano motivo che l’ invenzione del chiodo venga ritardata di secoli e millenni. Nel corso della storia è impossibile fissare qualcosa, e l’ adesivo è l’ unica alternativa. Con la invenzione del chiodo cambia radicalmente la cultura.  

Rimpiazziamo la scoperta del petrolio con l’ invenzione e la produzione del vetro, ritardata di millenni. Diventa una tecnologia mirabolante, capace di donarci lo specchio e quindi di vedere la nostra immagine riflessa, portandoci alla commozione. Inoltre il vetro non si esaurisce con il tempo come il petrolio ed è applicabile in una quantità di versioni e modalità che migliorano nettamente la qualità della vita. Pensiamo a una vita senza finestre, parabrezza, specchi, senza protezione per le lampadine, pensiamo all’ arte della cristalleria …     

Pensiamo a un’ invenzione ritardataria del fiammifero! Internet è più fondamentale del fiammifero? Fatemi il piacere …il fiammifero accende il ” fuoco artificiale ” per la prima volta nell’ ipotetico 1879, portando solo nel 1991 alla sua evoluzione, la lampadina!

Torniamo al concetto di digitalizzazione che precede la carta …immaginiamo la cultura del computer ma la mancanza del fazzoletto di carta … 

Immaginiamo una ” esplosione cultural – creativa ” generata da una ipotetica invenzione moderna del vestiario nella Rivoluzione Industriale Ottocentesca …

Immaginiamo un mondo con pochissimi animali, e una ipotetica trasformazione spirituale generata dall’ ” invasione ” a mò di singolarità tecnologica di una Esplosione Cambriana molto, molto ritardataria!

E chiediamoci perché non è andata in questi modi, e se l’ esponenzialità della tecnologia vale ancora, o se invece è obsoleta.      

Annunci




Classifica dei libri di Stephen King

8 03 2018

Risultato immagine per stephen king logo

Quelli che ho comprato: ( ordine di uscita )

27 Libri, 8 finiti

  • CARRIE: online in inglese, finito
  • OSSESSIONE : Pdf in inglese, finito ( fuori commercio )
  • A VOLTE RITORNANO sto leggendo
  • THE STAND : versione completa, sto leggendo
  • LA ZONA MORTA sto leggendo
  • CUJO sto leggendo
  • STAGIONI DIVERSE finito
  • CHRISTINE finito
  • PET SEMATARY sto leggendo
  • IT finito, in rilettura
  • MISERY sto leggendo
  • TOMMYKNOCKERS sto leggendo
  • LA META’ OSCURA sto leggendo
  • QUATTRO DOPO MEZZANOTTE sto leggendo
  • COSE PREZIOSE finito
  • INCUBI E DELIRI sto leggendo
  • INSOMNIA sto leggendo
  • MUCCHIO D’ OSSA sto leggendo
  • LA TEMPESTA DEL SECOLO sto leggendo
  • L’ ACCHIAPPASOGNI sto leggendo
  • LA CASA DEL BUIO sto leggendo
  • LA STORIA DI LISEY finito
  • THE DOME finito
  • REVIVAL sto leggendo
  • CHI PERDE PAGA sto leggendo
  • IL BAZAR DEI BRUTTI SOGNI sto leggendo
  • ON WRITING finito

Quelli in prova, che comprerò prossimamente:

17 libri

  • SHINING
  • L’ INCENDIARIA
  • USCITA PER L’ INFERNO
  • L’ ULTIMO CAVALIERE
  • IL TALISMANO
  • L’ OCCHIO DEL MALE
  • ( SCHELETRI )
  • DOLORES CLAIBORNE
  • ROSE MADDER
  • I VENDICATORI
  • CUORI IN ATLANTIDE 
  • BLAZE
  • DUMA KEY
  • JOYLAND
  • MR. MERCEDES
  • ( LA SCATOLA DEI BOTTONI DI GWENDY ) DAL 20  Marzo in Italia
  • THE OUTISDER da Maggio in America, lo prendo online

Quelli che non intendo comprare e classificare:

  • Le notti di Salem – non mi interessano i vampiri
  • Indeciso – La lunga marcia e Un uomo in fuga  – argomenti poco interessanti
  • Saga della Torre Nera – proverò il primo ma non penso faccia per me
  • Unico indizio la luna piena – fuori commercio e non mi interessano i lupi mannari
  • Gli occhi del drago – argomento poco interessante
  • ( Scheletri ) ( Tutto è fatidico ) ( Al crepuscolo ) – non sono le migliori raccolte
  • Il gioco di Gerald – non fa per me
  • ( forse ) Desperationtroppo simile ai Vendicatori, e non credo faccia per me
  • Il miglio verde – NON fa proprio per me
  • La bambina che amava Tom Gordon – argomento poco interessante
  • Buick 8 – Troppo simile a Christine e di minore qualità
  • Colorado Kid – scarso nelle recensioni
  • Cell scarso nelle recensioni
  • ( forse ) Notte buia, niente stelle – argomento non proprio interessante, ma proverò
  • 22/ 11/ 63 – L’ ho provato, non mi piace
  • Fine turnoargomento poco interessante
  • Sleeping Beauties – argomento poco interessante

CLASSIFICA!

  1. IT, scritto divinamente, è il culmine della carriera di King, l’ ho finito in 2 anni, e la parte prima della fine ti fa fare full immersion in una atmosfera extra dimensionale, imperdibile, personaggi che entrano nella storia della letteratura
  2. COSE PREZIOSE impossibile da metter giù, la seconda metà fila via come l’ olio in un turbinio di eventi e rivelazioni, una vera sorpresa
  3. THE DOME il mio primo libro di King, mi ha conquistato dalla prima pagina, grande trama, ottimi personaggi, scorre facilmente, caldamente consigliato anche se il finale non è proprio stellare, ma ciò che conta è quel che si trova in mezzo
  4. THE STAND VERSIONE COMPLETA lo sto ancora leggendo, ma si vede già che è un ottimo libro, scorre via più veloce che mai, personaggi che ti sembra di conoscere, mi aspetto ancora molto
  5. CHRISTINE una vera sorpresa, presto lo rileggerò, ottimi personaggi, una bella amicizia e una storia intrigante, non molto conosciuto ma caldamente consigliato, ideale per adolescenti
  6. LA STORIA DI LISEY Un ‘ altra sorpresa, personaggi originali e interessanti, una lettura vissuta con tante emozioni, mi aspetto un buon finale. Non preoccupatevi se vi sembra che il libro non finisca mai, ha la particolarità di contenere il finale più allungato della storia della letteratura. L’ avventura finisce infatti almeno 70 pagine prima della fine del romanzo.   
  7. STAGIONI DIVERSE ho letto tre delle quattro storie, ottima quella del carcerato anche se come tematica non mi attira affatto, non mi stupisce che sia una delle storie più ricordate; spicca ovviamente THE BODY che è la storia del film STAND BY ME che ho letto d’ estate ed è una storia che mi sta molto a cuore. UN RAGAZZO FURBO – APT PUPIL è inquietante, probabilmente la più inquietante di King letta da me finora, infatti ho faticato ad andare avanti perché vedere questi genitori IGNARI e tranquilli convivere con un figlio serial killer di una freddezza quasi pari al protagonista di AMERICAN PSYCHO mi fa rabbrividire. Presenti due casi di atroce violenza animale e tanta morbosità. Però siamo nel genere horror e ci sta bene.
  8. MISERY non ho ancora completato la lettura, ma si vede già che ti prende e ti invoglia a continuare, forse addirittura troppo corto
  9. QUATTRO DOPO MEZZANOTTE di queste quattro storie brevi ricordo che mi hanno reso inquieto, anche se in realtà ho letto solo la prima e l’ ultima, I Langolieri e il Fotocane
  10. LA ZONA MORTA procede molto bene, anche se il succo della trama è lento da arrivare,  mi aspetto molto di più dalla continuazione dello svolgimento
  11. DUMA KEY sono ancora all’ inizio ma promette molto bene e scorre veloce
  12. REVIVAL molto ben recensito, sono ancora all’ inizio ma mi aspetto le faville che si raccontano su questa storia

QUELLI CHE PREVEDO SARANNO NELLA TOP 10:

LA CASA DEL BUIO è stato scritto da due autori, King e Straub, ed è già dall’ inizio il libro più truce di Stephen King. Finora sembra un rifacimento di IT, ma visto dagli adulti e quindi molto più nero. Davvero, è macabro ai limiti di quanto sia possibile scrivere legalmente.

MUCCHIO D’ OSSA a dispetto del titolo, questo è un libro su uno scrittore con il blocco, e parla anche del suo modo di affrontare un lutto. In ogni caso, per la mia felicità, è lungo almeno quanto la Casa del buio 🙂 e fila via bene.


A VOLTE RITORNANO è una raccolta di racconti, alcuni sono interessanti, e sarebbe stato preferibile se fossero state storie più lunghe, perché a dire la verità, la maggior parte di esse sembrano più dei riassunti o degli accenni piuttosto che storie brevi vere e proprie. Non ho ancora letto I Figli del Grano, che dovrebbe essere la storia più notevole della raccolta

INCUBI E DELIRI Per adesso in questa raccolta spiccano La fine del gran casino, dove un genio propone una scoperta che potrebbe mettere fine alla violenza nel mondo, e c’ entra anche un vulcano, niente di meno, ma combina un enorme pasticcio …e una storia che è molto più agghiacciante del libro proibito di King, Rage ( fuori commercio perché ispirava alcuni ragazzi a compiere sparatorie scolastiche ). In Bambinate, infatti, un’ insegnante con allucinazioni un giorno prende ad uno ad uno i suoi alunni e li porta in uno stanzino, compiendo una vera e propria esecuzione a ripetizione …:0

DELUSIONI:

  • THE MIST una storia breve, sto leggendo quella cartacea, ma ho visto il film e mi dicono che è simile, e il finale vi farà lanciare il libro e mandare a quel paese il protagonista. Molto intrigante la parte narrata nel supermercato con la nascita di una setta in poche ore, ma giunti all’ esterno diventa cliché con mostri da film di serie C
  • TOMMYKNOCKERS tipico esempio di storia che non decolla mai, sono già a buon punto con le pagine, ma del succo della storia non c’è ancora traccia, e si vede ancora con il binocolo. Si poteva fare di più.
  • L’ ACCHIAPPASOGNI sono ancora relativamente all’ inizio, ma per la miseria quanta volgarità! Tante cose ripetitive e molto volgari. Un po’ di classe da parte di uno scrittore ci vuole. Se continua così sarà difficile seguire la trama, rischia di essere uno dei libri che non riuscirò a portare avanti.
  • CELL evitatelo, è una storia di zombie in un’ atmosfera metropolitana, e io vado matto per le storie di zombie, ma non è questo il caso, figuriamoci per quelli che non le apprezzano in partenza.




Gli inverni psicologici

4 03 2018

Risultato immagine per Georgie IT

Oh, gente, se non scrivo qualcosa non sono contento …Per me l’ inverno è una stagione psicologica, credo proprio di soffrire di Seasonal Affective Disorder ( SAD ) ( in forma grave, che diventa sempre meno sottovalutabile ) quella cosa che ti arriva addosso come un camion ogni f xxxxxo inverno, arriva a farti sentire come un bambino, impressionabile, emotivo, un fiume di lacrime, che alla mia età sono sempre più nascoste. Ormai ogni anno è un test di sopravvivenza. Pare quasi aumentare di intensità ogni volta …

E’ una lotta contro me stesso, un nascondersi dietro a un sorriso, o nel bagno di casa per evitare di farsi vedere con gli occhi rossi.

Mi sa che questo è l’ anno della Grande Impresa. Quella con me stesso, con le mie capacità. Siamo a quota 28. E’ arrivato Saturno ( il suo primo ritorno in astrologia giunge sempre fra i 28 e i 29 anni ) , e lo accolgo con impazienza perché sono certo che mi farà bene …Sarà come quel vecchio amico storico che mi cinge le spalle e mi dice di fare un passo alla volta. Di smettere di sentirsi bloccato, di smettere di vedere tutto come impossibile. E’ suonata la sveglia.

Che puntualità. Non mi sento più lo stesso. Ho fatto tanto per tornare ad avere una vita sociale soddisfacente e stabile. Ora voglio tornare alle origini attraverso un processo di trasformazione.

Ah, lacrime marzoline. Mai avute. La stagione delle piogge è sempre giunta fra fine gennaio e inizio febbraio o poco prima. Quest’ anno ci trasciniamo a marzo. Tanta gente non capisce. Non mi sono ancora spiegato come faccio i pomeriggi a uscire e apparire normale.

Ah, la sincerità. Come è sottovalutata. Ma io di notte sono sempre un libro aperto. In teoria non dovrei mai scrivere dopo il tramonto, qualcosa che mi riguarda. Al mattino ( tanto tempo fa quando vedevo il mattino hahaha ) mi sveglio sempre freddo, senza una emozione in corpo.

La gente non capisce la fragilità. Non si aspetta che una persona come me possa essere influenzata dalle cose …dalle notizie …non ho una identità molto forte io. E’ più un amalgamo di tante cose, una nuvola senza confini, quello che vivono gli altri lo faccio mio, e lo metabolizzo per conto mio. Io alla gente ci penso. Penso anche a quelli che non hanno modo di immaginare ciò. Forse perché spesso, meno tempo passo a pensare a me, meglio è.

Di inverno è così. Ho bisogno della squadra di supporto per tirarmi fuori le cose da dentro e per farmi reagire. Poi passa la stagione, e divento sfuggente, ma d’ inverno non dovrei mai essere solo. Poi passa, perché io sto bene per i fatti miei, generalmente.

Lavoro troppo poco. L’ unico modo per gestire me stesso è darmi da fare, indaffararmi, essere responsabile di qualcosa. Un po’ di volte sono stato anche vagamente responsabile di qualcuno …Certo, adesso devo prendermi il tempo per scrivere, ma diciamoci la verità, in casa non riesco a starci. La notte non mi serve a nulla. Il riposo è un fastidio obbligato. E’ una cosa che ti manda sui nervi perché prima ti tiene sveglio poi ti fa crollare. Ci sono giorni che ne farei a meno.

Per me è così egoistico come concetto l’ aver bisogno di qualcuno accanto. Mi chiedo come faccio a desiderare qualcuno accanto con tutte le faccende delle quali si devono occupare? Però, a periodi, diventa un problema vitale. E quindi partono i messaggi …che vergogna sentirsi umani, eh? Che invidia quelli che hanno qualcuno accanto, eh? E’ una invidia bonaria, un’ invidia contemplativa.

Tutte quelle persone che stanno bene. E io, che d’ inverno mi chiedo la sera se domani avrò un esaurimento nervoso, e svelerò l’ arcano folletto alieno nascosto in me. L’ umanissimo esserino. Ma mai mi permetterei di averne uno. Dimostrerebbe solo che – non sono in grado di gestire – tale cosa. Ma tante volte sento che scoppiare serve, come innescare un terremoto, e poi scaricare le energie. Ho usato ogni tanto questo espediente per far crollare il domino. ” Usato “, piuttosto ” subìto “. Un colpetto di una certa magnitudo e come per magia tutto comincia ad ingranare.

Che invidia tutte quelle persone calme, pratiche, razionali. Il loro cervello è una meraviglia per me. Come fanno? Come fanno a non farsi trasportare dalla marea? Perché io guardo le persone e li sento dentro anche se sono lontanissimi?

Quanto è difficile parlare di queste cose, ma quanto è necessario.

 

 





Blocchi di ” vita vissuta ” – Quando non siamo ” Off the air “

1 03 2018

Cory-and-Shawn1

La vita vista dal mio punto di vista è strana. Ho avuto solo due amici fraterni nella mia vita. Con il primo siamo diventati amici all’ incirca a 10 anni e lo siamo ancora adesso, e quest’ anno la sua vita raggiungerà una tappa fondamentale.

Il secondo l’ ho conosciuto a 20 anni e poco dopo il mio 23esimo compleanno, mi trovavo consumato psicologicamente dall’ amicizia più intensa della mia vita passata e futura. Lo sentivo più vicino del mio vero fratello. Ho vissuto più a casa sua che nella mia per 2 anni. Negli ultimi mesi passavamo insieme un minimo di quattro ore al giorno. Avevamo otto anni di differenza, e lui era più giovane.

La mia vita si è scissa per anni. Mi sentivo fratello, insegnante, padre, non sto scherzando, probabilmente si è trattato di un test, non so se si tratta di un fenomeno di quelli che affrontiamo qui, riverberi dal futuro, non so. Il fatto è che l’ ho conosciuto nel momento più difficile per un ragazzo. E’ stato quello a condannarci.

Se era un test, non ero pronto. Ero un ventunenne – ventiduenne e avevo voglia di nuove prospettive e libertà, indipendenza e spazi personali, e ho perso ogni contatto con la mia vita in quel periodo, completamente assorbito e plasmato. Lui era il mio primo e ultimo pensiero.

Pensare a quel periodo, in qualche modo, mi fa sentire più a contatto con una certa linea di pensiero spirituale. Era un incontro designato. Non ho dubbi a riguardo. Nella parte centrale mi sentivo più maturo, mentre ora sono regredito a giovincello. Certo, nella parte conclusiva del ” test ” ero assolutamente fragile psichicamente. La separazione è stata forzata, ma io lottavo. Mi sentivo vuoto senza quella condivisione giornaliera. Ho deciso di chiudere il portone quando le giornate si allungavano, e cominciavo a stare a casa sua per per il 95% del giorno.

L’ ho chiamato un giorno ” out of the blue ” ( all’ improvviso ) e ho detto che bisognava terminare tutto. Ero scisso internamente, ed ero affranto. Lui era freddo, incomprensivo, rancoroso.

L’ anno successivo è stato il più solitario e isolato della mia vita. Non riuscivo più a condividere il tempo con nessuno, ero traumatizzato, pensavo che chiunque altro poteva succhiarmi la vita, ma un anno esatto dopo ho cominciato un nuovo lavoro, quello che ho ancora, e tutto è cambiato.

Ma non sono sicuro di aver fatto la cosa giusta. Certo, la mia vita deve avere valore e deve essere sfruttata per le mie passioni e le mie ambizioni, ma sono sicuro che non troverò nessuno che dedicava tanto tempo a me. Due anni dopo un estate, nella casa delle vacanze, solo, mi sono reso conto che forse avrei dovuto riallacciare i contatti. Non siamo durati 24 ore. E così l’ ho ” abbandonato ” due volte. Quella volta è crollato anche lui. Avevamo disseppellito qualcosa che forse doveva rimanere lì, nel passato.

L’ ho seguito mentre studiava, con lezioni quotidiane, per due anni. L’ esperienza ha messo alla prova il mio senso del dovere. Non sono riuscito ad apprezzare quello che era apprezzabile, e non sono riuscito a rientrare nel ” ruolo ” che le circostanze mi hanno assegnato. Nessuno l’ ha imposto, nessuno l’ ha chiesto, è accaduto, è accaduto che mi sono messo a fare il ” mentore “.

La separazione mi ha segnato con una cicatrice profonda. Ho cominciato a voler riportare la ” situazione ” in quello stato, ho cominciato a cercare una figura sostitutiva, e ci sono riuscito, ma il karma mi ha assegnato un altro test. Sono diventato lui. Ero io questa volta che chiedevo più tempo assieme, ero io quello più coinvolto a livello emotivo, e sono stato io quello abbandonato.

Col tempo ho imparato a condividere relazioni di amicizia sane, e meno intense a livello psicologico. Il ciclo che corrisponde a quella ” timeline ” è tornato l’ anno scorso, e ho incontrato una figura di amico che rappresenta lo stesso archetipo, ma non è più un test. Sono cambiato, sono maturato, non chiedo, non pretendo, non mi sacrifico, non mi lascio inglobare. E’ condivisione del tempo per accettazione reciproca.

Ho scritto questo per mostrarvi come la vita spesso ti mette sotto test e ti fa affrontare periodi di vita particolarmente intensi, che, a mio parere possono essere visti come ” predictive – previsionistici “.

La stessa persona che ho incontrato a 20 anni era a sua volta una ripetizione di un test precedente, che ho attraversato a 17 anni. E mentre il primo test, nel quale mi sentivo fratello maggiore, e, solo in modo vago, padre, finiva, quello successivo iniziava. Non scherzo. L’ ho conosciuto la stessa settimana in cui un altro evento improvviso metteva fine alla conoscenza precedente. E’ stato un passaggio.

Negli scorsi anni sono tornato indietro con l’ età a livello psicologico, perché mi sentivo già come un adulto traumatizzato. La mia età non è lineare, è psicologica. E la vita non è lineare, ma ti fa crescere ed evolvere apportando una parentesi fra la tua vita di prima e la tua vita dopo, e in quella parentesi ” si vive “, mentre nel frattempo ” si attende “. E’ come un corso intensivo.

La parte spirituale della vita si vive attraverso questo, si vive nella parentesi, nel blocco dove la vita, come fa la tenaglia quando afferra i pupazzi nel distributore alle giostre, ti prende e ti trasporta altrove.

E lo spettacolo inizia. E’ un nuovo episodio, una nuova stagione, e qualcuno guarda. Potete starne certi. Qualcuno guarda. Nel tempo che separa ogni blocco di ” vita vissuta ” siamo off the air.   





Le locations del mio romanzo Psychosis

17 02 2018

new (8)

Psychosis è ambientato in una versione romanzata della mia città, ma con un nome diverso, che è Ferrofiume ( scelto perché nella prima versione volevo dare un’ ambientazione americana, e in Inglese viene tradotto Iron River ), negli anni 1993 e 2018. Le informazioni e i cambiamenti non sono esattamente gli stessi, ma si può avere un’ idea di come è fatta la città.

I quartieri principali sono definiti: Parte Vecchia ( centro storico ), San Valentino, Oltreponte, Quarto Autunno, zona del Castello ( o della Fortezza, devo ancora decidere ), Quartiere dello Sport, Chinatown ( nella mia città vivono e commerciano molti cinesi ), quartieri albanesi, il quartiere delle fiere e Piazza Giostre ( La Tartufara, un salone che contiene nel romanzo Piazza Fiere ), il centro città con la sua Via Signorile, Collina dell’ Anna, Zona Industriale, quartiere ebraico, Piccola Milano e le frazioni ( per esempio Ferrofiume Popolo, con cascine e fattorie ).

Le locations più usate nel romanzo saranno:

la zona del Molo, che è rappresentato da un paio di barche, una piattaforma sul fiume, una gradinata dove si riuniscono giovani e famiglie, e in tempi più recenti ospita anche alcuni tavoli con vista fiume. Andando sul sentiero a sinistra, si va verso una zona di folta vegetazione che io chiamerò Pozzanghera e Rocce, mentre a destra c’è un percorso, adesso un pochino ricostruito meglio, che io chiamerò ( Viale – nome inventato dai giovani – Riva Amorosa ) perché probabilmente è una zona di coppie, che porta sotto a un ponte, e poi ancora lontano, fino a raggiungere una fabbrica, e un’ altra zona di foresta, dove all’ inizio si può scendere su una piattaforma di rocce nei pressi di un altro ponte, che è una zona molto nascosta. Ancora più in là c’è un’ altra zona che chiamerò la Spiaggia di Sassi, anche quella abbastanza nascosta.

Un’ altra location che userò molto fin dal principio è una zona boschiva preceduta da una breve radura che si trova appena prima della zona di Oltreponte, dove adesso ci sono anche dei tavoli e una fontana. Da lì si può vedere il fiume e dal ponte si possono vedere le persone ai tavoli. Nella mia storia, in fondo a quella zona, nei pressi della parte boschiva avverranno tanti episodi, e si chiamerà Alto Verde, e sarà caratterizzata da erba talmente alta da perdere l’ orientamento, con un sentiero di ghiaia che ci passa attraverso ( in realtà la zona con l’ erba alta è da tutt’ altra parte ).

Possibilmente potrei usare anche un piccolo luogo che qui viene chiamato Il Tendone ( uno spazio quadrato con posti a sedere e due tavoli da ping pong, circondato da grossi sassi ) che si trova in fondo a un parco che viene frequentato da famiglie e bambini, dove in tempi recenti hanno anche messo un campetto da basket.

La zona della Cittadella potrebbe risultare abbastanza usato, si trova nei pressi del Cinema e precede una zona boschiva, dove, se ci si addentra, si vedono alcuni ruderi e una Scorciatoia che viene spesso usata per accorciare il tragitto verso un ipermercato. Nella Cittadella in tempi recenti ogni tanto viene organizzato qualche evento, e ci sono le persone che portano i cani, tavoli per mangiare e incontrarsi in gruppo, e dei percorsi che in un’ epoca passata venivano usati per gare di motocross.

Zona Quarto Autunno è la zona dedicata al 4 Novembre, e contiene una scuola elementare, un piccolo parco giochi, e un famigerato palazzone abbandonato dove si dice si possano trovare barboni, e ci si possa anche perdere. Sarà una location molto usata nel romanzo.

Il centro città potrebbe risultare molto usato come location, e ho scelto di sostituire il banale nome di Via Roma con un più originale Via Signorile, che è una lunga via con i negozi principali del luogo, alcuni bar e locali, e una piazza con una statua al centro, che ho scelto di chiamare Piazza del Cavaliere. Girando a sinistra dopo Piazza Cavaliere si potrà vedere l’ iconico campanile e si potrà raggiungere Piazza Castello / Fortezza. Invece, svoltando in una via che si posiziona più indietro, appena prima della parte centrale di Via Signorile si può raggiungere una piazza dedicata a San Francesco ( che io chiamerò invece Piazza Franceschini ) che fino a qualche anno fa ospitava una scuola IAL.

Nel mio romanzo la nota salita che porta in una zona collinare si chiamerà direttamente Collina dell’ Anna, e nella mia storia sarà costellata di villette.

La Zona Industriale avrà la sua storia, e vi sarà narrato un famigerato incidente che caratterizzerà la storia della città ( che chiamerò Ground Zero ). Appena prima di questa zona vi si trovano delle roulotte e una pista ciclabile che viene usata anche per gli allenamenti di atletica, e in tempi recenti ospita un campo da calcio e da rugby. C’è anche una strada che passa parallela alla parte iniziale della zona Industriale che porta verso una nota piscina, un locale discoteca, e se si va fino in fondo si raggiunge la Diga.

Come bonus extra vi saranno due locali bar con nomi un po’ sopra le righe, Vivere bar ( che nella versione 2018 diventa un ristorante esotico ) – che posizionerò per adesso in Piazza Castello / Fortezza, e Belli e Assetati ( che ovviamente non esiste con questo nome ) che si trova nei pressi di una fermata dei pullman, dove aspettano gli studenti.

I suggerimenti saranno ben accolti. Soprattutto sulla versione del 1993, che non ho potuto vivere perché sono arrivato un po’ più tardi in zona.    





Seguite la realizzazione del mio nuovo romanzo Psychosis

15 02 2018

Ieri ho iniziato il mio nuovo romanzo PSYCHOSIS! Non posso rivelare nulla sulla trama, ma tratterà del genere Horror – Thriller con un poco di Sovrannaturale. Inoltre, per la prima volta in una mia storia, ho deciso di dargli un’ ambientazione italiana, e perciò ho realizzato una versione romanzata della mia città.

Sul mio sito potrete tenervi aggiornati sulla realizzazione del romanzo e potrete esplorare le locations immaginarie di una città che esiste veramente.

https://psychosis-in-anteprima.webnode.it/home/

 





La storia dell’ universo – uovo di Andy Weir

29 01 2018

Risultato immagine per universe is a egg Risultato immagine per universe is a egg

Ho trovato questa fenomenale storia: Un racconto breve che ti rimane dentro per sempre

” Eri sulla via di ritorno per casa quando sei morto. Niente di particolarmente originale, semplicemente un incidente d’ auto, ma comunque fatale. Hai lasciato dietro una moglie e due bambini. Non hai provato dolore. Hanno provato a salvarti la vita, ma non ce l’ hanno fatta. Fidati, è meglio che tu sia morto perché le condizioni fisiche del tuo corpo non erano compatibili con una vita decente. E quindi hai incontrato me “

” Cosa è accaduto? Dove sono? ” e io risposi ” Sei morto ” perché non c’era motivo di girarci attorno.

” Sono morto? ”  e io risposi ” Sì, ma non sentirti male per questo. Succede a tutti quanti “

” Che posto è questo? E’ così il dopo – vita ? ” e io risposi ” Più o meno “

” Sei Dio? ” e io risposi che sì, lo ero.

” Ma i miei figli, e mia moglie …? Staranno bene? ” e io risposi ” E’ positivo che ti preoccupi delle persone a te care.

Per te non sembravo esattamente un Dio, più una persona comune, o meglio ancora una figura vaga. ” Non preoccuparti. Staranno bene. Ti ricorderanno positivamente. Tua moglie piangerà, ma nel suo intimo sarà anche sollevata. In effetti il vostro matrimonio era in crisi. Certo, non le piacerà sentirsi sollevata “

” E ora che cosa succede? ” e io risposi ” Tornerai fra gli umani “

” Oh. Quindi gli Orientali avevano ragione ” e io risposi ” Un po’ tutti hanno ragione” 

” Ma che motivo c’è di tornare fra di loro? Non ricorderò nulla della mia vita, giusto? Quindi non importano le mie esperienze personali “

” Non è così. Dentro di te possiedi tutte le esperienze di tutti gli umani, solo che non te le ricordi – adesso – ” e continuai ” Sei un essere più grande di quel che credi di essere. Una personalità è solo una frazione della tua identità. Se rimarrai qui ancora per molto, comincerai a ricordare tutto quanto. Ma non è consentito fra una vita e l’ altra “

” Quante volte sono tornato fra gli umani prima d’ ora? ” e io risposi ” Hai vissuto tante altre vite. E questa volta, sarai una contadina Cinese nel 540 avanti Cristo “

” Cosa? Mi mandi indietro nel tempo? ” e io risposi ” Tecnicamente, per te. Qui le cose funzionano diversamente. Il tempo esiste solo nel tuo universo “

” Io vengo da qualche parte. Qualche altro luogo. E ci sono altri come me. So che ora vorresti vedere il mio mondo, ma onestamente non potresti comprenderlo “

” Quindi ho interagito con me stesso a un certo punto nel tempo ” e io risposi              ”  Accade ogni singola volta, anche se non puoi saperlo ” 

” Quale significato ha tutto questo? ” e io risposi ” Chiedi a me il significato della vita? Un po’ stereotipata come domanda ” ; ” Ma è una domanda ragionevole “

” Abbiamo creato questo universo per farti maturare ” e tu chiedesti ” Avete creato l’ universo per far evolvere l’ umanità? ” e io risposi ” No. Solo per te “

” Solo per me? E tutti gli altri umani? ” ; ” Non c’è nessun altro “

” Ma tutte le persone della Terra… ” e io risposi

” Sono tutte le tue reincarnazioni  ” 

” Sono ogni umano vissuto sulla Terra? ” ; ” Stai cominciando a ricordare …”

” Quindi sono Abramo Lincoln. E John Wilkes Booth. * che ha ucciso Lincoln “

” Sono Hitler? ” ; ” E anche tutte le sue vittime ”

” Sono Gesù? ” ; ” E tutti i suoi discepoli e credenti “

” Ogni volta che hai fatto del male a qualcuno ” dissi ” Lo hai fatto a una versione di te stesso. Ogni atto di bontà, lo hai fatto per una versione di te stesso. Ogni emozione negativa e positiva è stata vissuta da una versione di te stesso “

” Perché tutto questo? “

” Perché un giorno diventerai un Dio. Ma non ancora. Per adesso sei solo un embrione di Dio. Ti faremo nascere solo quando avrai vissuto tutte le vite di tutti i tempi “

” Quindi l’ universo è …”; ” Un uovo, un utero “

” E’ ora di vivere la tua prossima esistenza ”