La morte di Jerome Salinger

29 01 2010

 

Grazie Salinger, per averci donato "Il giovane Holden", e per averci fatto in qualche modo capire che scrivere non significa solo pubblicare.



 




Qualche breve riflessione sull’élite al potere nel mondo, il comunismo e Zeitgeist Addendum

28 01 2010
"Gli arconti vollero ingannare l'uomo, perchè essi videro che egli aveva la stessa origine di quelli che sono veramente buoni. Essi presero il nome delle cose che sono buone, e lo diedero alle cose che non sono buone, in modo da, per mezzo dei nomi, ingannare gli uomini e legarli alle cose che non sono buone. E poi, se essi fanno loro un favore, li allontanano da ciò che non è buono e li collocano in ciò che è buono, ciò che essi conoscono. Perchè essi hanno deliberato di prendere l'uomo libero e fare di lui un loro schiavo per sempre."
Vangelo apocrifo di Filippo (67 – 13)

Speriamo che rivelino pubblicamente che gli UFO esistono sul serio, e che vi sono stati davvero dei contatti con gli extraterrestri.
Questa sarebbe una notizia che cambierebbe definitivamente il mondo.
Sapere con certezza che non si è soli nell'universo…questa società alla "The Truman show" andrebbe probabilmente a farsi friggere.
Una società basata sulla coscienza e sulla maggiore integrazione tra emisfero destro ed emisfero sinistro del cervello è auspicabile.
Una civiltà basata solamente sulle limitazioni della mente dello stato ordinario di veglia è fragile, mentre è solidissima se basata sulla coscienza.
Coscienza del fatto che, senza anche uno soltanto dei suoi elementi, il tutto non potrebbe esistere.

Naturalmente, chi è fortemente critico nei confronti delle multinazionali che mangiano le culture, chi è contro l'ampliamento delle basi NATO nel mondo, durante gli anni 00 del XXI secolo è stato generalmente definito "terrorista" o "comunista".
L'ultimo grande scontro pubblico tra "comunisti" e "anticomunisti" c'è stato in Italia nell'aprile 2006. Il solito referendum (uff…) pro o contro Berlusconi.
Tutti i partiti sono profondamente in crisi. E hai voglia stampare manifesti, utilizzare strategie di marketing politico!
Quei manifesti cinici a Bologna nell'estate delle europee 2009; poster elettorali del PD sponsorizzati dal faccione di Enrico Berlinguer…
Quando una cosa non funziona più e ha fatto il suo tempo… Questi partiti non fanno che essere autoreferenziali, esprimono soltanto la loro limitatezza, le proprie vedute ristrette, la loro testa dura.
Il concetto di "appartenenza politica" si sta disgregando.
Gli anni zero del XXI secolo sono stati quelli del "precariato".
Durante la campagna elettorale del 2006, il centrosinistra dava la colpa al centrodestra per la presenza del precariato di massa.
Volendo cercare di far dimenticare che è stato proprio il centrosinistra, alla fine degli anni 90, a smantellare un sistema occupazionale che durava da decenni, e a inaugurare il cosiddetto lavoro "a tempo determinato", "a progetto", "coordinato e continuativo", "interinale", insomma quella che poi sarebbe stata chiamata "flessibilità", ovvero una perdita di diritti e garanzie senza un abbattimento reale dei costi del lavoro.
Comunque, tutta l'ondata delle privatizzazioni negli anni 90 e 00 si inseriva all'interno di un processo molto, molto più ampio – al di là degli angusti confini nazionali – globalista, mondialista, il "Nuovo Ordine Mondiale" a guida USA-Nato-Zion insieme all'ONU (e i suoi derivati come il WTO e il FMI), il quale doveva rafforzarsi ed emergere definitivamente nei venti anni successivi al 1990.
Per esempio, pensiamo al progressivo assorbimento dei marchi nazionali da parte delle corporation globali – la Perugina e la Motta inglobate dalla Danone e dalla Nestlè – finanziate prevalentemente da gruppi anglosassoni (l'economia parla solo inglese).
L'obbiettivo sarebbe dovuto essere la distruzione delle sovranità nazionali attraverso il cosiddetto "turbocapitalismo" (deregulation) per poi instaurare un rigido comunismo globale (Governo mondiale = NWO) con a capo le multinazionali – tecnocrazia industriale – guidate dai "re filosofi" platonici impersonati dai criptocrati dei gruppi ombra che stanno dietro le quinte delle organizzazioni mondialiste e che guidano i governi del mondo come se questi fossero marionette.
Non a caso, la "falce e martello" é un simbolo che odora di massoneria lontano un miglio..
Il progetto degli "Illuminati" – sia la fazione dei Rothschild sia quella dei Rockefeller? – sarebbe quello di attuare un comunismo rigoroso, la proprietà (non più privata) dei mezzi di produzione industriale diventerebbe proprietà del Governo Mondiale, vi sarebbe l'abolizione globale del plusvalore, l'abolizione del capitale (o una nuova distribuzione del capitale?), l'abolizione del denaro liquido in moneta, banconote e carte di credito sostituito da microchip RFID impiantati sottopelle senza cui non si potrebbero compiere transazioni.
Da ciò che abbiamo visto brevemente, il comunismo senza l'abolizione del controllo centralizzato diventa semplicemente tirannia. In effetti, il potere vessatorio e burocratico imposto con la forza (esplicita o implicita), trova nel comunismo il terreno ideale per germogliare ed espandersi.
Il comunismo è una religione laica, atea e materialista, coi suoi dogmi e la sua "teologia della liberazione", la quale ha sostituito lo spazio (la "terra promessa", il "paradiso") col tempo (il "sol dell'avvenire", sempre e soltanto in un futuro imprecisato).
Karl Marx si sarebbe messo le mani nei (pochi) capelli, lui che disprezzava qualunque religione e la vedeva, giustamente, come "oppio del popolo"!

Affine a un certo tipo di visione del comunismo è forse il Venus Project presentato dal video intitolato Zeitgeist Addendum, il quale viene visto da alcuni critici come tecnocrazia, attuabile solo attraverso un ricondizionamento psicologico.
Secondo il Venus Project, creato dallo scienziato Jacque Fresco, l'attuale economia basata su un tipo di finanza che poggia su un indebitamento costante alle banche il quale genera un'inflazione perenne e un'altrettanto perenne povertà di molti e ricchezza eccessiva di pochi, andrebbe sostituita da un'economia (presumibilmente globale) basata sulle risorse del pianeta condivise in modo equo, organizzate da un sistema informatico sofisticato, che rimpiazzerebbe le attuali istituzioni decadenti, e prenderebbe i dati forniti – all'interno di una struttura internet – per elaborare le richieste economiche e sociali provenienti da ogni parte del mondo, finalmente unito senza conflitti e tensioni, dovuti alla scarsità (artificiale) delle risorse.
Fantascienza?
In effetti, le città del Venus Project elaborate da Jacque Fresco sono iperfuturibili. Forse soltanto negli USA potrebbero davvero funzionare, ma nelle città europee ricche di testimonianze artistiche secolari?
"Tutte le macchine al potere, gli uomini a pane e acqua" diceva una vecchia canzone di Battiato. E' il caso della visione del mondo futuro presentata in Zeitgeist Addendum?!
Ad ogni modo, dobbiamo sempre considerare che, senza una reale evoluzione della coscienza collettiva, non vi può essere una reale evoluzione politica.

(continua…)

 





Quinto videopost

27 01 2010




Appunti sulla società del controllo postmoderna

25 01 2010

"Gli arconti vollero ingannare l'uomo, perchè essi videro che egli aveva la stessa origine di quelli che sono veramente buoni. Essi presero il nome delle cose che sono buone, e lo diedero alle cose che non sono buone, in modo da, per mezzo dei nomi, ingannare gli uomini e legarli alle cose che non sono buone. E poi, se essi fanno loro un favore, li allontanano da ciò che non è buono e li collocano in ciò che è buono, ciò che essi conoscono. Perchè essi hanno deliberato di prendere l'uomo libero e fare di lui un loro schiavo per sempre."
Vangelo apocrifo di Filippo (67 – 13)

Come ho già scritto, la cospirazione è vastissima: interessa tutto lo spettro della realtà percepita dalla coscienza ordinaria, dello stato di veglia.
L'essere umano viene formattato prima con la scuola, poi col lavoro, e condizionato in continuazione attraverso un sistema monetario corrotto intrinsecamente, il cosiddetto "sistema debito".
Negli ultimi anni vi è stato un genocidio culturale, una specie di shoah dello spirito.
Tutto ciò proveniente in massima parte dall'élite anglosassone: colonizzazione anglofona, estetica pubblicitaria, o buonista, o falsamente trasgressiva.
Vengono utilizzati, inoltre, i trucchi più raffinati per mantenere il controllo di una microscopica parte della popolazione su tutto il resto del genere umano.
Controllo totale della finanza da parte dei gruppi anglosassoni, i quali decidono chi finanziare e perchè.
Ciò viene deciso a porte chiuse, segretamente e non democraticamente.
Nel 1994 non dovevo avere paura della realtà virtuale in sé, ma dell'uso di essa che poteva essere fatto dagli architetti del controllo e del lavaggio del cervello di massa.
Il condizionamento più forte è quello dato dalla paura e dalla sessualità.
Quando scopri certe cose ti viene quasi voglia di spaccare tutto.
Probabilmente questa reazione è prevista da quelli dell'élite che mettono loro stessi in circolazione informazioni segrete sul proprio conto, facendo un gioco pericoloso ma che può portargli vantaggio.
Coloro che si distaccano dalla massa ipnotizzata si sentono come degli extraterrestri, e forse un po' lo sono.
Il cambiamento in peggio (con l'attacco al WTC di New York) è cominciato nel 2001. Adesso siamo nel 2010, probabilmente l'anno in cui in vecchio modo di vedere il mondo raggiungerà il punto più basso. Nel 2001 non ero ancora a conoscenza del Gruppo Bilderberg, dei piani per un Governo Mondiale con un unico centro di potere finanziario gestito dall'élite, del Controllo mentale, delle operazioni Psyop, del progetto MK Ultra, dei gruppi finanziari che dirottano il denaro al complesso militare industriale (le cui estensioni abnormi erano state denunciate dal presidente USA Eisenhower in un discorso televisivo del 1961).
Nel frattempo, un buon numero di persone sembrano cominciare a rendersi conto che questa società opulenta del nord del pianeta, è fondata sull'inganno più totale.
Gerarchismo, piramidalità e glorificazione del tempo lineare, quando la percezione del tempo come "linea diritta consequenziale" è frutto di un condizionamento fortissimo, secolare.
La prima edizione de "Il grande fratello" in Italia, è datata settembre 2000. Quasi dieci anni fa. Accelerazione della videoipnocrazia.
I gruppi di potere dietro le quinte, però, non sono un'organizzazione monolitica in accordo su tutto (tranne, naturalmente, sul controllo dei pochissimi sui moltissimi).
La "guerra al terrorismo di matrice islamica" con Al Qaeda e Osama Bin Laden, sono sostanzialmente creazioni dei servizi segreti USA spacciate per "il grande spauracchio del mondo occidentale".
Sproloqui di tanti "esperti" di ogni tipo in Tv, in radio e sui giornali, i quali non facevano che creare nubi di fumo e confusione.
Tutte le persone interessate a Britney Spears (aprendo un motore di ricerca), al mainstream, a tutta questa roba artefatta e arcontiana, lo si vede lontano un miglio.
Il cosiddetto anninovantismo, come l'ho chiamato. Ci vorrebbe una deanninovantizzazione…
Progetto MK Ultra, creazione di personalità multiple attraverso traumi ripetuti – grandi o (il più delle volte) piccoli – suscitati ad arte.
Attraverso la dipendenza dalla pornografia, per esempio, si crea una personalità separata, un "alter" e viene sminuzzata la coscienza in tanti ego separati l'uno dall'altro, cosicchè la si indebolisce.
Le sigle dei programmi televisivi dopo il 1991. Vedevo i programmi notturni su Raitre per respirare un po', perchè almeno questi non sembravano essere stati toccati da una certa "perversione iperpostmoderna" che ho cominciato ad avvertire in modo netto nel 1994.
Chissà se tutto ciò c'entrava col progetto di "Nuovo Ordine Mondiale" pubblicamente annunciato da George Bush padre l'11 settembre 1991, con la prospettiva di una globalizzazione dei mercati, le liberalizzazioni finanziarie, anzi, più che vere e proprie liberalizzazioni si dovrebbe parlare di privatizzazioni, inserimento sui mercati azionari di organizzazioni pubbliche. Meno stato, più privato e più mercato. Sfascio delle sovranità nazionali attraverso il turbocapitalismo per poi instaurare un socialismo globale gestito dall'élite.
I gruppi che utilizzavano l'enorme potere militare industriale degli USA (e della NATO) in quegli anni – i novanta – si sentivano invincibili. Si sentivano la strada spianata verso il Controllo Globale. Totale e assoluto dei pochissimi sui moltissimi, dopo essere stati decimati di numero in qualche modo.
Vi sono, dunque, delle situazioni in cui ci si viene a trovare quando è come riemergere da un sonno ipnotico. Per tanto tempo si è creduto che le cose fossero in un modo, e invece erano in un altro. Ed era stato fatto credere che andassero in un certo modo attraverso il condizionamento, che poi si trasforma in autocondizionamento perchè viene introiettato.
Per tastare con mano il condizionamento anticulturale, basta osservare bene gli attuali manifesti del cinema mainstream. Sono tecnopatinati, leccatissimi e con un'estetica global di plastica che, personalmente, trovo fastidiosa.
Nell'autunno del 2001 provavo un certo disagio, quello di vivere come dentro una fiction di spionaggio, dentro uno di quei libri di Frederick Forsyth o di Tom Clancy.
L'attentato alle torri era veramente strano, sembrava quasi come che se lo fossero fatti loro per poi incolpare i talebani in Afghanistan che non consegnavano Osama Bin Laden (il quale non è mai stato provato con certezza che c'entrasse col crollo del WTC). Inoltre, erano previste diverse esercitazioni militari quel giorno sul territorio USA…




E’ sensato o no iscriversi al PD?

18 01 2010

Dite la vostra, in occasione delle elezioni regionali 2010.





Quarto videopost

16 01 2010




CODEX ALIMENTARIUS: una condanna a morte per tre miliardi di persone?

16 01 2010
Il CODEX ALIMENTARIUS, nonostante piovano da tutte le parti minimizzazioni (come questa e questa) prosegue nell’essere visto come una sinistro accordo tra le multinazionali (Monsanto e Baxter soprattutto), il WTO, la FAO e l’OMS per il controllo dell’alimentazione globale in modo da ridurre gradualmente la popolazione attraverso il cibo, reso non nutriente e pieno di sostanze dannose per l’organismo.
Quanto ci sarà di vero? Quanto di falso?



di Daniel J. McDonald
4 gennaio 2010

Se questo fosse un film dell’orrore, sarebbe un “Holiday Blockbuster”. Ma non è un film, è la vostra vita. E se volete vedere come va a finire si può riassumere in due parole: Codex Alimentarius.

Se state leggendo questo articolo probabilmente siete una delle 3 miliardi di persone – miliardi e non milioni – previste che muoiano di malattie curabili nei primi anni di attuazione del programma. Pur rischiando di rovinare il finale, la trama, per così dire, è quella che segue:
Codex Alimentarius (dal latino “codice alimentare”), è un oscuro matrimonio tra le industrie farmaceutiche e chimiche ed il WTO (World Trade Organization), concepito per il preciso e completo controllo su tutti i prodotti alimentari e le sostanze nutritive in tutto il mondo. Il Codex è un complesso, globale, programma inter-governativo, scritto dal Big Pharma, controllato dalle Nazioni Unite e composto di 170 Nazioni tra cui gli Stati Uniti.

Continua a leggere…