Emergenza Nazionale in USA per via dell’H1N1, come mai?

25 10 2009

Ieri è stata dichiarata EMERGENZA NAZIONALE nel territorio degli USA, per via di un’influenza – la H1N1che è meno pericolosa di quelle abituali.
Dietro ci sono gli interessi delle grosse aziende internazionali del farmaco, le quali vogliono vendere a tutti i costi agli stati un vaccino contenente anche sostanze insane, come lo squalene.

Vi invito a leggere il documento presente nel seguente link:

http://www.scribd.com/doc/21569400/InfluenzaSuina

E, se siete d’accordo con ciò che avete letto, di condividerlo con più persone che potete.

Grazie per la vostra attenzione.





Non può durare

22 10 2009
I mercati azionari stanno, a mio avviso, ponendo serie basi per la prossima minibolla.
E’ impensabile credere che tutto sia finito, che la grossa e profonda crisi che ha colpito il sistema finanziario e di seguito l’economia reale, sia finita in questo modo.

Il comportamento dei mercati denota come, l’ultima lezione non sia servita a nulla o quasi. Troppo presto per dimenticare, il settore privato, finanziario soprattutto in questo momento non sconta nei fondamentali i problemi che sono stati solo messi da parte. Questione di tempo, poco.

Oggi, l’intero sistema finanziario denota irregolarità comportamentali, tutti gli asset che salgono contemporaneamente, dimostrano come solo l’enorme liquidità messa a disposizione a basso costo cerchi un’allocazione che non è nella impresa a mezzo il rischio del credito, in poche parole, le Banche, piccole o grosse, oggi trovano meno rischio nell’investimento di breve, in maniera diretta sui mercati che compiere il proprio mestiere di finanziare il sistema assumendosi il rischio impresa. Quanto può durare? Non credo molto ancora.

Nicolas Listorti

Io credo che bisogna mettere l’accento su questa enorme ed incredibile speculazione che si sta facendo in questo momento ai danni di lavoro famiglia e imprese, e meno dei guai dell’attuale presidente del consiglio…Mettere l’accento sul sistema bancario e che la magistratura venga invocata perche’ si dia da fare in questo campo, anziche’ parlare dei calzini di mesiano ..sinceramente dei problemi di Berlusconi e di sapere del lodo mondadori non me ne frega niente..

 

andrea andrea 22.10.09 15:11|

 

 





Non odiare per vincere, di Salvatore Brizzi

15 10 2009

Alimentando l’insofferenza e l’odio verso le entità duali stesse, o nei confronti degli eserciti, della globalizzazione o dei responsabili dell’inquinamento ambientale, si ottiene l’effetto esattamente opposto a quello voluto.
Chi agisce in tal modo diviene egli stesso inquinatore del pianeta… e anche della peggior specie: inquinatore mentale ed emotivo.
Le forze duali si nutrono infatti proprio di quelle basse emozioni che l’uomo esprime nei suoi maldestri tentativi di ostacolarle.
Su troppi siti ho notato un astio serpeggiante nei confronti del Nuovo Ordine Mondiale così come degli alieni.
Questi argomenti vengono affrontati con pesantezza invece che con leggerezza. In fondo è tutto un gioco divinamente perfetto. Le migliori armi per vincere sono la Gioia, la Compassione, la Presenza…
Se si incrementa la separatività non si fa altro che incrementare il potere dei signori della dualità. È un discorso perfettamente logico. La "battaglia per la Terra" si combatte a livello sottile più che sul piano fisico grossolano.
Come sconfiggere un nemico che si nutre di odio? Con l’amore.
Non combattendolo, ma sottraendogli i soldati; divulgando cioè il risveglio delle coscienze e facendo così in modo che nessuno sia più disposto a farsi abbagliare dalle sue promesse. Il vecchio modo di intendere la vita appassirà con un moto naturale derivante dal non riuscire più a trovare terreno fertile nelle coscienze ormai liberate dei nuovi uomini.
Le informazioni riguardo il loro operato vanno diffuse; essi vanno portati allo scoperto, mostrati all’opinione pubblica, ma non odiati, bensì trascesi, resi impotenti dall’avanzare di una nuova visione dell’esistenza all’interno della comunità umana, resi innocui perché superati dalla nuova presa di consapevolezza.
Allora moriranno d’inedia, perché non saranno più alimentati in alcun modo da un’umanità consapevole ormai incapace di provare in famiglia, sul lavoro, in auto o davanti alla tv le basse emozioni che costituiscono il loro cibo.
Il disegno diabolico di sottomissione della Terra è come l’Idra dalle nove teste che compare in una delle fatiche di Ercole. L’eroe riesce a sconfiggere il mostro solo quando smette di voler tagliare le sue teste – ne nascevano due ogni volta che ne veniva tagliata una – ma si inginocchia di fronte a lui, lo solleva e lo espone alla luce del Sole.
Ogni genere di interferenza culturale che risvegli le coscienze dal piattume – e dal pattume – quotidiano può essere compiuta.
Non ci sono limiti a ciò che si può fare per aiutare il risveglio degli uomini, purchè ogni intervento non sia mai accompagnato da odio e risentimento nei confronti di un presunto nemico; il che trasformerebbe un’azione a favore del Bene in un’azione contro.
Rammento che la saggezza popolare ha sempre saputo che "non si sconfigge il diavolo divenendo noi stessi diavoli": nel momento in cui li si odia si entra a far parte delle loro schiere, divenendo inutilizzabili per il servizio all’umanità.
Non ha d’altronde alcun senso logico voler odiare entità che sono solo manifestazioni energetiche agenti secondo una natura duale. Quale colpa avrebbero commesso se non quella di esistere e di voler svolgere il loro compito – la divisione – secondo la loro natura? Sarebbe come accusare la forza di gravità di essere di ostacolo all’uomo. Lo è, ma la colpa è della struttura dell’uomo, non della forza. Per gli uccelli la forza di gravità non è un problema, bensì un mezzo per godere della Bellezza del volo.
Gli esseri diabolici ci sono utili, ci sono indispensabili, perché attraverso la separazione illusoria ci costringono a divenire ogni giorno più consapevoli di noi stessi. L’adorazione del diavolo in quanto portatore di luce (=lucis -ferum) che avveniva all’interno di antiche confraternite, ha origine da questa esatta considerazione.
Ciò naturalmente non giustifica le deviazioni sataniche operate al fine di soddisfare desideri personali! Sia chiaro che se l’uomo è schiavo delle forze duali lo deve al suo addormentamento, non a una loro presunta "cattiveria".
Noi creiamo la nostra realtà: questa è una legge che vale SEMPRE.
Non è odiando le forze del Male che si salva il mondo… ma nemmeno restando nella passività. Ogni uomo ha un suo specifico lavoro da svolgere. Invece il lavoro che, più in generale, ognuno di noi deve svolgere, consiste nel cominciare a risvegliarsi alla sua anima con il fine di diventare più utile al risveglio del pianeta.
È un lavoro "per", non "contro". Il vero Guerriero, il Portatore della Fiamma, sia esso uomo o donna, non si occupa del male, non spreca le sue energie, egli è un artista che si focalizza su opere e interventi che facciano crescere a dismisura il Bene nel mondo.

Salvatore Brizzi





La Matrix ha me

12 10 2009

 

Il sogno ultimo del Potere – privo di alcun controllo indipendente da esso – è quello di trasformare gli esseri umani in robot telecomandati privi di anima.

Se non si tiene presente questo non si va da nessuna parte.

I valori della destra queste persone non li conoscono nemmeno di striscio…hanno manipolato così tanto le coscienze negli ultimi 15 anni – attraverso la programmazione neurolinguistica propagata coi mass media di loro proprietà – da far truffaldinamente coincidere la destra con un gruppo di poteri antidemocratici rappresentati da figure di tycoon  impresentabili ma, proprio per questo, ricattabili e, perciò, destinati all’Esecutivo.

Per “non farli parlare”, infatti, gli si mettono ai posti più alti della attuale gerarchia sociale.

Il Potere vuole i chakra dell’essere umano il più possibile bloccati o, perlomeno, che quelli alti non comunichino con quelli bassi, lungo la linea della spina dorsale.

A questo proposito, le religioni organizzate pensano a staccare il collegamento tra i chakra alti e quelli bassi, mentre la pornografia – finanziata dagli stessi gruppi che finanziano le maggiori chiese – pensa a scollegare i chakra bassi da quelli alti.

Questo è uno dei modi in cui “giocano”. 





DAVID ICKE parla di come il tempo e lo spazio siano ILLUSIONI prodotte dalla mente

9 10 2009

 

Interessante il discorso che David Icke fa su come gli ILLUMINATI (l’élite al potere nel mondo) condizionano ciò che chiamiamo MONDO REALE attraverso l’abbassamento delle vibrazioni dell’ ENERGIA di cui è costituito il pianeta, dimodochè la “gabbia solida” – materialismo – in cui viviamo sia perennemente mantenuta, utilizzando la violenza nei confronti degli animali e degli uomini e, quindi, tenendo sempre alto il livello delle emozioni negative.

 





Gli estremi che si toccano

6 10 2009

D’altra parte, un certo "movimento" – per così dire – a me sembra di vederlo.
Poi c’è la famosa Legge dell’uno, che ci dice "come facciamo parte di un’unica coscienza", in un certo senso è come se fossimo i pensieri della mente di Dio. Allora, anche le facce più inguardabili, e dalla parte di un liberismo monopolista assolutamente ingiusto potrebbero – in realtà – essere un certo "pensiero" che ha la sua utilità in un determinato processo di autoriconoscimento evolutivo.
Come si fa a chiamare "libero mercato" quel coacervo di monopòli e oligopòli attuale?
Anche oggi, sul notiziario di Radio Zeta vi erano i soliti "dati dalle borse", pieni di cifre, di grafici, di tabelle che accompagnano questa roulette di numeri. Questa specie di insulsa lotteria che è il sistema delle aziende quotate in borsa. Negli ultimi vent’anni sembra esserci stata una rincorsa all’ "pensiero unico" e all’ "agenda unica". Il commercio, la musica, i film, non hanno fatto altro che parlare l’inglese degli aeroporti, altrimenti detto globish.
La troppa sicurezza in se stessi da parte dell’élite al potere in occidente ha generato storture a livello geopolitico, che sono finite per sfociare anche in delle guerre. Tutti numeri senza nulla dietro che giravano telematicamente da una parte all’alta del globo.
Ricordo quando, all’inizio del 2001 ero andato a una conferenza tenuta da alcuni di Lotta Comunista…che parlavano di cambiamenti – se non ricordo male, a livello di traffici economici attraverso l’Oceano Pacifico – con la nuova amministrazione USA Bush. E Franco Battiato, quella stessa primavera del 2001, avrebbe fatto uscire l’album Ferro Battuto, un qualcosa che ricordava il Bastilani di Mai dire goal del 1999.
Ebbene, quelli di Lotta Comunista si arrogavano (come al solito) la scientificità del loro metodo di analisi economico-sociale: il materialismo, l’ateismo, la lotta di classe, il proletariato, la sovrapproduzione delle merci dovuta al plusvalore estratto dalla forza lavoro. E, naturalmente, lo spauracchio della guerra interimperialistica, la Terza Guerra Mondiale. Tutto per tentare di far accorrere le masse davanti alle scientificità delle loro tesi. Una vera e propria "chiesa atea", col "sol dell’avvenire" che non verrà mai!
E’ ovvio che questi comunisti riescono a percepire solo una piccola fetta della realtà, e questa fetta – errore comune – viene da loro scambiata per il tutto.
Per esempio, se è di destra, se non è "comunista" essere legatissimi alle proprie, arcaiche, radici storico-culturali, allora io sono di destra e non sono comunista.
Inoltre, i comunisti con la falce e martello sono sempre più in minoranza. Se togliessero quel simbolo demodè, di chiara origine massonica, "illuminata", sicuramente avrebbero più facilità a cominciare a uscire fuori dal ghetto in cui si sono confinati…e se svecchiassero anche il loro linguaggio veterotrotzkista.
E se riuscissero una buona volta a capire che diverse tesi portate avanti da Roberto Fiore di Forza Nuova non sono affatto "vergognose" come  vogliono credere. Io sto con Costanzo Preve, quando parla di unificare le forze antiliberiste, antioligopoliste, antimultinazionali,  sia di estrema destra che di estrema sinistra, o con il trascendimento filosofico dei due estremi raggiunto da Alain De Benoist. Siamo nel duemiladieci, signori, non ci si può continuare a portare dietro questi fantasmi ottusi dei secoli XIX-XX…
David Icke dice delle cose più rivoluzionarie del più invasato veterocomunista in circolazione…il quale, sostanzialmente, non crede a niente, se non a categorie artificiali inculcate nella sua mente, è persuaso "sia tutto qui", è materialista, e magari insiste a mangiare carne, fumare e bere alcoolici, tutta roba che chiude la mente invece di aprirla.
Ma, d’altra parte, a veder bene, il karma dei settaristi è quello…Marco Ferrando sembra il cugino di Karl Marx…con quella barba che fa tanto "comunista".
Intanto, anche se sono costretto a percepire un’infima parte di quello che sta succedendo, le cose continuano a muoversi…e chissà come evolveranno, chissà se si riuscirà a uscire dal tunnel che dura da più o meno quarant’anni…
Antonio Di Pietro, ultimamente, ha paragonato l’attuale presidente del consiglio della repubblica italiana alla statua di Saddam Hussein col dito alzato, che andava giù…e a Baghdad, nel 2003, non c’era nessuna folla osannante su quella piazza con la statua che cadeva a favore di telecamera. I marines avevano organizzato tutto – o meglio, non erano stati loro a organizzare la cosa ma solo a eseguirla – e "la caduta della statua di Saddam" (tanto simile alla "caduta delle statue" nei regimi del socialismo reale) si voleva mostrare dagli schermi di tutto il mondo come una specie di vittoria del mondo libero contro la tirannia quando (durante lo stesso periodo di tempo) la tirannia sembrava essersi diluita nello stesso mondo libero.
Chissà anche la faccenda del movimento Zeitgeist come proseguirà, e anche quella del movimento per il disclosure sugli UFO.
Ricordo che era proprio la fine di settembre dello scorso anno quando la Lehman Brothers fu lasciata fallire.
Ora, poi, ho scoperto che, in queste faccende, c’è riuscito a entrare persino Micheal Moore, col suo ultimo film, Capitalism, applauditissimo a Venezia.
Diversi importanti cambiamenti della storia sono avvenuti quando meno ce li si aspettava. Nessuno sembrava prevederli, e poi sono avvenuti.





Vita

2 10 2009
Il segreto della vita è trarre il meglio dal peggio.