Kali

31 03 2013

Le braccia di Kali, le lancette dell’orologio, il ritorno dell’ora legale, la Pasqua.

kali ma 1 [Desktop Resolution]

La divinità (forza cosmica femminile) KALI. Per terra è SHIVA.

lheure-dete-commence-ce-soir

Le lancette dell’orologio.

uovo_orfico

L’uovo.

Annunci




La costola tolta a D’Annunzio

29 03 2013

Pur ritenendomi distante dall’approccio lievemente mistico-esaltato di Mike Plato (ognuno ha il suo stile), ho pensato di inserirlo come blog da linkare tra quelli qui a destra poichè, in diversi post, risulta essere attento agli aspetti simbolico-archetipici del mondo, i quali ci parlano attraverso sincronismi e combinazioni. Un interesse condviso da Civiltà Scomparse.

Per esempio, dal suo blog condivido il seguente breve articolo (http://mikeplato.myblog.it/archive/2013/03/23/la-costola-tolta-a-d-annunzio.html), il quale evidenzia degli “archetipi divini” in uno pseudo-mito (detto anche “leggenda urbana”) che circola da diverso tempo, riguardante Gabriele D’Annunzio, il quale, secondo questa storia, si sarebbe fatto togliere una costola per praticare l’autofellatio.

http://forum.leggendemetropolitane.net/yaf/default.aspx?g=posts&t=686

image

ANCHE NEGLI PSEUDO-MITI SI CELANO VERITA’ ARCHETIPICHE DIVINE

lui si chiamava GABRIELE D’ANNUNZIO

ARCANGELO GABRIELE che annuncia la nascita del bambino mistico

Angeli e arcangeli non esistono relmente.
la CABALA dice che tutti gli angeli sono nell’UOMO PRIMORDIALE
il CRISTO

Gabriele è un aspetto del NOSTRO UOMO INTERIORE.
io ho visto MERCURIO che mi annunciava la nascita di un altro me stesso
che è LUI STESSO
LUI ANNUNCIA SE STESSO, LA RINASCITA DI SE STESSO nell’uomo

puo farlo manifestandosi come GABRIELE, MICHELE, MERCURIO

NELLO PSEUDO-MITO, D’ANNUNZIO SI FA TOGLIERE LA COSTOLA PER FACILITARE UN’AUTO-FELLAZIO

che ricorda la questione della costola?
Adamo

e la costola chi è?
Eva

quindi questo pseudo mito racchiude l’archetipo dell’ANDROGINO, l’uomo interiore

Egli quindi toglie la parte femminile, la manifesta all’esterno
perchè il FEMMININO è IL LATO NASCOSTO DI OGNI COSA

ecco perchè la SFINGE è femmina
L’ESOTERISMO è FEMMINA
LA TRADIZIONE SPIRITUALE è FEMMINACercare il lato interiore di ogni cosa significa cercare il FEMMINILE

ora il mito dice che lui si leva la costola in realtà per AUTOFECONDARSI

GENERA SE STESSO DA SE STESSO….IL SERPENTE CHE SI MORDE LA CODA, con la coda che è fallica

NOI SIAMO CAPACI DI AUTOGENERARCI
CIOE’ DI AUTO FECONDARCI
è l’uomo interiore che ha questo potere

infatti non a caso D’Annunzio scrisse LE VERGINI DELLE ROCCE
in cui sogna la NASCITA DI UN SUPERUOMO
IL CRISTO CHE EMERGE DA NOI è QUEL SUPERUOMO





Come ci sentiremmo se Silvio Berlusconi diventasse DAVVERO papa?

11 03 2013

17/feb/2013 – Il Papa si dimette? E chi sarà il successore? Per i twitters europei non ci sono dubbi: Silvio Berlusconi sarà il nuovo Papa.(http://www.italia2013.me.)

slide_281513_2118700_free

Un avvenimento del genere vorrebbe dire che la trasformazione in farsa della politica e della Storia (a cui assistiamo ormai da anni) è andata fuori controllo, sarebbe un avvenimento di tale magnitudine da far deragliare l’immaginario collettivo fino a un punto di non ritorno. Qualcosa di diverso dall’avverarsi del Terzo Segreto di Fatima ma, forse, identico nelle conseguenze. Lo sbriciolarsi definitivo della più millenaria tra le istituzioni del potere occidentale sotto il peso della satira estrema diventata realtà, per necessità oscure di equlibrismi occulti all’ombra del colonnato del Bernini.

Da decenni, e soprattutto fino a Giovanni Paolo II ma anche ancora un po’ sotto Ratzinger, la guida suprema della Chiesa Cattolica, l’erede di San Pietro, il seduto sul soglio pontificio, il vescovo di Roma vestito di bianco, è sempre stata presentata alle masse come una figura molto devozionale, a cui tutti i fedeli potevano guardare come a un simbolo di forte levatura morale e spirituale, immacolato come l’abito talare che indossa. Una figura da idolatrare.

Con l’eventuale ascesa di Berlusconi a 266° papa della Chiesa Cattolica, l’orologio della Storia sarebbe come se tornasse indietro fino al 1492, quando divenne pontefice Rodrigo Borgia, un personaggio vizioso e dissoluto, pieno di figli illeggittimi.

582703_598259346855676_1433309052_n

Questo avvenimento sarebbe l’equivalente di un attentato terroristico definitivo alla credibilità dell’istituzione vaticana (oltre che al buon senso) e la successione di combinazioni, sincronismi e casi fortuiti che porterebbe a far uscire dal conclave il nome di Berlusconi, potrebbe far pensare a una complicata serie di mosse frutto di incredibili lotte intestine all’ombra del Cupolone, giunte a un tale livello da sconfinare in un risultato apocalittico.

E non c’è ombra di ironia in ciò che ho scritto.

Un risultato allucinante che era stato in precedenza annunciato da molti segnali, interpretati come satira o folclore mediatico, e invece si trattava di premonizioni, per quei pochi che sapevano leggerle.

 “Un giorno ero ad Oristano e vedevo bar chiusi e nessuno per le strade, stavano tutti andando a un mio comizio. Avevano pensato che arrivasse il Papa, invece ero io. Guardate che adesso un posto si è liberato…”. Così Silvio Berlusconi al Lingotto di Torino. Il web si diverte. (http://www.huffingtonpost.it/2013/02/17/silvio-berlusconi-sul-papa-ora-si-e-liberato-un-posto_n_2707410.html#slide=2118709)
20130309_pietroto

Il Cavaliere? “Farà il Papa”. La battuta, un po’ scontata, è di Luciana Littizzetto, che parlando del Festival di Sanremo non ha potuto evitare un riferimento alle dimissioni di Benedetto XVI e una stilettata all’amato/odiato leader del Pdl. D’Altronde Silvio Berlusconi è uomo dalla smisurata ambizione e dalle infinte risorse e appena arrivata la notizia dell’addio di Papa Ratzinger sul web si sono scatenate le ironie, con tanto di foto del Cav in tenuta papale.

Le tre condizioni – La battuta offre l’opportunità per chiarire chi può diventare Papa, ironie a parte. Per essere eletto Romano Pontefice, il Codice Canonico prevede che il candidato ad validitatem risponda a tre requisiti. Tra questi, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non serve essere necessariamente cardinale o vescovo. Deve invece essere un battezzato (ex aqua et Spiritu Sancto), e fin qui Berlusconi c’è. Dev’essere di sesso maschile, e l’ex premier ha fatto di tutto, anche negli ultimi giorni, per dimostrarlo. Terzo e più importante attributo, non deve essere sposato.(http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/1181470/Berlusconi-Papa–tecnicamente-possibile–se-non-fosse-per-Veronica-Lario—.html)

[Il Cavaliere, ufficialmente, è sposato, ma potrebbe benissimo avere divorziato in segreto od avere ottenuto una dispensa speciale e, ad ogni modo, la volontà emergenziale di farlo papa non si fermerebbe certo di fronte ai vincoli di un codice di eleggibilità papale vecchio di secoli, del resto, se hanno tolto l’uso del triregno, dei flabelli, della sedia gestatoria, della messa in latino, reso possibili gli obbrobri delle chiese moderniste e coperto i pedofili, potrebbero benissimo passare sopra a un’inezia come la necessità di essere sposati per diventare papa e, del resto, il già citato Rodrigo Borgia è diventato Alessandro VI essendo sposato.]





Silvio Berlusconi PAPA

9 03 2013

Senz’altro ci ricorderemo dove e cosa facevamo quando abbiamo ricevuto la notizia.

La fumata bianca, e il papa eletto dopo Ratzinger proprio lui: Silvio Berlusconi.

l43-papa-130211160644_big

La Storia è impazzita tra le mani dei cardinali elettori durante il conclave iniziato il 12 marzo. Per diventare papa bastano tre requisiti, essere maschi, battezzati e non sposati ed era imperativo salvaguardare certi equilibri: il risultato di quella elezione al soglio pontificio era inevitabile. Alle elezioni politiche svoltesi qualche settimana prima, il partito con a capo il Cavaliere era riuscito ad avere un ottimo piazzamento, nonostante la massiccia perdita dei voti rispetto alle consultazioni precedenti, ma non era certo abbastanza, e la lista gesuita “Scelta Civica per l’Italia” aveva preso troppo poco secondo le previsioni; la situazione era molto delicata, le forze politiche preponderanti non avrebbero fatto a sufficienza gli interessi del Vaticano (soprattutto in questo suo brutto momento) e, addirittura, una movimento emergente, guidato da un comico, era molto critico nei suoi confronti.

Ma queste sono solo ipotesi, ovviamente, non sapremo davvero mai come sia stato possibile che la satira più estrema potesse diventare una concreta realtà storica.

Era tutto tremendamente VERO. Faceva impressione.

Lui si è affacciato dal balcone vestito con i paramenti dell’investitura papale, poco dopo che il cardinale protodiacono ha proferito l’annuncio rituale, Habemus papam, le immagine più assurde circolanti da anni su internet hanno come preso vita nella realtà tridimensionale.

Non sapremo mai quali folli labirinti di compromessi storici, triangolazioni politiche, finanziarie, teologiche, segreti internazionali, ricatti e veti incrociati, questioni giuridiche, considerazioni d’immagine, dottrinali, sociali, trabocchetti della massoneria, abbiano fatto sì che una lucida follia (inevitabile) abbia preso le redini del conclave, per arrivare a questo risultato. E’ troppo riduttivo pensare che possa essere c’entrare in qualche modo la strada sbarrata verso il Quirinale, l’impossibilità (a causa di complesse alchimie politiche) di diventare presidente della Repubblica, come viene caldeggiato da anni (e delle altre alchimie politiche l’hanno fatto, invece, diventare pontefice.) è troppo limitante pensare a una soluzione radicale alle annose pendenze giuridiche sul capo di colui che, tanto tempo fa, veniva chiamato Sua Emittenza. C’è stato qualcosa di più grosso dietro. E forse quello pseudonimo era un’indizio tra le righe, una tra le tante combinazioni che avrebbero potuto suggerire ai più lungimiranti, già anni fa, che le cose sarebbero andate a finire così?

papasilvio

Immaginiamo come ci sentiremmo se davvero una cosa simile diventasse REALTA’.

Se sui quotidiani cartacei, le riviste on line e i telegiornali, comparisse un immagine, certo più realistica, ma non sostanzialmente dissimile da QUELLA.

Silvio Berlusconi PAPA, il 266° della serie.

Vi sarebbero, probabilmente paragoni con altri papi come il libertino Rodrigo Borgia, incoronato l’anno della scoperta dell’America, Alessandro VI. Corsi e ricorsi storici, si direbbe.

E dunque l’ultimo papa della storia, secondo la profezia di Malachia, sarebbe lui, a degno coronamento di una carriera sfolgorante e multisfaccettata. Colui che, nella profezia, viene definito Pietro Romano, e che sarà alla guida della Chiesa durante il Giudizio Finale.

Quando succede qualcosa di particolarmente folle ed eclatante, non si dice forse “è proprio un segno della fine del mondo.”? Ebbene, quale altro segno potrebbe essere maggiormente evidente?

Alla fine del suo millenario percorso, la Chiesa potrebbe dunque essere seppellita da una risata.





Appunti, più o meno disordinati, su Hitler, tempo e petrolio

8 03 2013

[…] Ieri pensavo anche di sentirmi “scandalosamente vicino” ad Adolf Hitler il quale, come me, fin dall’infanzia viveva “in un mondo tutto suo”, “sognava la gloria”, sognava di diventare un pittore. Come me, quindi, aveva talento per il disegno. E, proprio come è successo a me, quel suo talento è stato frustrato. Non fu ammesso all’Accademia di Belle Arti di Vienna perché i suoi risultati all’esame di ammissione furono ritenuti troppo mediocri.

hitl_03

Acquerello di Adolf Hitler

Prima di diventare un completo nullatenente, quindi praticamente un clochard, Hitler cercò lavoro presso diversi posti a Vienna, ma gli venne rifiutato. Anni dopo, verso la fine degli anni trenta del XX secolo, sia quelli che l’avevano sbattuto fuori dall’Accademia di Vienna, sia quelli che gli avevano rifiutato un lavoro, furono scovati dalle SS agli ordini del führer, il quale, praticamente, si vendicò di loro.

cat-looking-like-hitler

L’effetto di quella causa che fu il rifiutare un lavoro a Hitler, e il non ammetterlo all’Accademia, avvenne più di venticinque anni dopo, quando la Storia era tutta diversa. Una specie di “legge del karma.” Quindi, in qualche modo, ciò viene dimostrato dall’immagine seguente, in cui viene messa a confronto la percezione comune del tempo lineare – dove l’effetto segue la causa a breve distanza, procedendo in avanti – e, invece, un modello più vicino a come il tempo è realmente, cioè effetti che sbocciano lontano nel tempo (lineare) rispetto alla loro causa.

480250_458784487508446_1552600313_n

Ciò che la gente pensa sia il tempo – Ciò che il tempo “realmente” è

Un altro esempio può essere lo smantellamento di un’area geografica culturalmente e linguisticamente unificata come l’Impero Ottomano negli anni dieci del XX secolo, e l’effetto di questa causa ha avuto modo di manifestarsi non subito, ma dopo gli anni settanta dello stesso secolo, con il caos bellico/militare del Medio Oriente, sia per via dei confini disegnati a tavolino da parte dell’Occidente, sia per via della presenza dello stato israeliano (a cui si è cominciato a dare via libera negli stessi anni dieci, con la “dichiarazione Balfour”) sia i cosiddetti “petrodollari”, coi quali i paesi mediorientali – come l’Arabia Saudita – dovevano pagare il loro petrolio, per far si di sostenere il dollaro USA dopo l’abbandono del Gold Standard nel 1971.

[segue divagazione]

Ecco perché gli USA e i loro alleati, da quell’epoca in avanti, sono sempre stati pronti a “guerre sante per il petrolio”, dall’epoca Ford-Carter in poi, come aveva anticipato Kissinger in quel numero di Business Week del 1975, perché ora il dollaro non è più sostenuto dalle riserve auree ma dalla vendita di petrolio in dollari, e quindi non si può permettere che degli stati mediorientali produttori di petrolio possano venderlo in una valuta diversa dal dollaro, magari, un tempo, alleandosi con l’URSS e quindi cominciando a vendere il petrolio in rubli.

Anni dopo, con l’URSS defunto, tra fine anni novanta e inizio anni duemila, leggevo articoli sul web – a cominciare dal 2005/2006 se non vado errato – in cui si diceva che l’Iraq era stato preso di mira dal complesso governativo USA (allora dominato dai neoconservatori del PNAC) perchè aveva preso la decisione di vendere il petrolio in euro e non più in dollari. Nel 2006 avevo letto che le minacce verso l’Iran erano dovute al fatto che quest’ultimo aveva deciso di aprire una “borsa del petrolio” in cui il greggio veniva venduto non in dollari.

Petrolio_Pasolini_FrontLa faccenda dell’Iran dura da tanti, tanti anni. Nel 2006, la questione era già su tutti i giornali dopo che nel 2005 – lo stesso anno in cui venne eletto Ratzinger papa – venne fatto dire al neopresidente dell’Iran che “Israele va cancellato dalla cartina geografica”, durante una conferenza chiamata World without zionism. E venne fatta anche una fiaccolata di sostegno a Israele contro l’Iran, organizzata da Giuliano Ferrara. Una specie di Mario Appelius parteggiante per il sionismo, con quella sua trasmissione in prima serata su RaiUno. L’attuale presidente Rai è una donna chiamata Tarantola.

Parallelismi e risonanze nel tempo a distanza di anni: il caos di Bengasi nel febbraio/marzo 2006 e il caos di Bengasi nel settembre 2012; il film blasfemo su Maometto, diffuso sempre in questo settembre e le vignette blasfeme su Maometto diffuse in quel febbraio/marzo.





Walter Veltroni e l’ENTITA’

7 03 2013

Volevo prendere qualche appunto a proposito dell’impressione che m’ha fatto il video, quello di una puntata della trasmissione Anno Zero, qualche anno fa, forse quando Walter Veltroni era segretario del Pd. Il periodo 2007-2008, quando si parlava di Veltrusconi, non erano ancora spuntati i fenomeni Mario Monti & Mario Draghi, erano ancora di là da venire; c’era stato, primavera 2008, quasi cinque anni fa, il “secondo Vday”, era un periodo in cui mio papà diceva che “in tutta la sua vita non aveva mai visto una situazione così incasinata nella politica italiana.” Cinque/sei anni fa. Comunque, intorno a quei tempi, c’era stata, dunque, questa puntata di Anno Zero, ancora con il logo, quello di Rai Due, rosso, con a metà la farfallina coi due profili. Come ospite, quindi, c’era Veltroni: in quell’occasione ha esternato delle cose su cui mi sono trovato d’accordo. Ha parlato delle “zone oscure” dei misteri delle stragi italiane, da quella di Capaci a quella di via D’Amelio; la mafia, prima d’allora, non aveva mai utilizzato metodi così, esplosioni così distruttive. E poi, dopo quelle due occasioni, Falcone & Borsellino, ha smesso. Ed era il 1992, un anno cardine di cambiamento per l’Italia. Così come per quanto riguarda Aldo Moro, il rapimento e la sua uccisione, la strage di Ustica. Tutti avvenimenti, in particolare quest’ultimo, i quali, tra l’altro, si sono lasciati dietro una scia impressionante di morti. Poi, Veltroni ha parlato anche della famigerata “Banda della Magliana”, di come compaia in diversi episodi di quel tipo i quali, apparentemente, non c’entrano nulla l’uno con l’altro.

Affrettandosi a dire di “non essere un complottista” – e, al suo posto, avrei detto anch’io così – s’è detto, comunque, persuaso dell’esistenza di una “entità” (forse ciò che altri, gente vicina a Berlusconi, hanno chiamato “cerchio sovrastrutturale”?) la quale indirizza, influenza, pilota, ricatta le azioni dei governi, delle istituzioni e “agisce” se non è soddisfatta o, in qualche modo, vuole farsi “sentire meglio.”

Ai tempi in cui l’avevo visto, non immaginavo che Veltroni avesse potuto fare un discorso così. Sono rimasto piacevolmente sorpreso. Sono queste le cose che mi caricano, altro che le canalizzazioni!





Louise Dupont e Alberto Sordi ne “Il dentone”

7 03 2013

LouiseDupont

alberto_sordi

Sono affascinato da Louise Dupont, dai suoi denti alla Fernandel, i quali fanno anche ricordare quelli di un personaggio interpretato da Alberto Sordi in un episodio del film “I complessi” intitolato “Il dentone”, dove, proprio come la Dupont, fa anche lui, guarda caso, il giornalista Tv.