Sincronicità e illuminazione

21 08 2013

Utilizzando lo studio della Storia, l’astrologia, e la teoria della sincronicità, l’autore e ricercatore David Wilcock ha discusso di come ci sia un un’architettura nascosta che si manifesta in cicli, la quale – secondo le sue ricerche – guiderebbe l’umanità verso l’illuminazione e il progresso spirituale. “La storia si ripete in cicli precisi” dice Wilcock, citando come esempio la previsione accurata di un astrologo francese nel 1961, di come la rivolta di Giovanna d’Arco scoppiata nel 1400 ripeteva la rivolta guidata dagli studenti (nel 1968) in Francia nel giro di pochi giorni.

“A questo ciclo di 539 [molto vicino a 1/4 dell’anno zodiacale] anni può essere stato fatto riferimento da Gesù in una parabola, quando parlava di perdonare tuo fratello sette volte 77 volte“, ha proseguito.

hannibal_hitler

Questi cicli si ripetono una volta passati 2160 anni, corrispondenti all’ “anno zodiacale.” Una buona parte della storia americana del Novecento è connessa olograficamente alla storia romana nell’ “età dell’ariete.”
Annibale sembra “Hitler con la barba.” Entrambi invasero le stesse aree, durante lo stesso periodo di tempo, usando, in ogni ciclo, le stesse strategie di base.

Wilcock ha anche trovato un parallelo tra la storia di Roma antica e quella americana dei tempi moderni, la prima guerra punica starebbe alla prima guerra mondiale così come la seconda guerra punica alla seconda guerra mondiale, Cartagine alla Germania, e Annibale a Hitler. “La realtà non è ‘vera’. Siamo in un ologramma. C’è come un programma che si sta ripetendo (chiamato Storia), e continua a ripetersi fino a quando non saremo riusciti a padroneggiare la lezione che ci sta insegnando”, ha poi sostenuto. “Ci sono anche i cicli più grandi di 720 anni (corrispondenti a1/3 dell’anno zodiacale), i quali corrispondono a insegnamenti misterici antichi” ha osservato.

“Il tempo della Fine non è relegato strettamente alla profezia cristiana, ma se ne fa riferimento in testi profetici di oltre 30 culture antiche, i quali indicano che ci stiamo dirigendo verso una ‘età dell’oro’, dopo essere passati attraverso periodi molto bui” ha poi detto.

Le persone stanno adempiendo un progetto cosmico, più vecchio del tempo stesso, che si propone di guidarci verso un’ ‘età dell’oro’ in cui avremo cose come viaggi attraverso stargate, tecnologia antigravitazionale, e l’ascensione in cui gli esseri umani giungono a trasformarsi in ‘corpi di luce’ ha proclamato. Per saperne di più,  date un’occhiata al video di Wilcock del suo nuovo libro The Synchronicity Key.

Versione originale: http://www.coasttocoastam.com/show/2013/08/19





1°agosto 2008 – 1°agosto 2013 Lavori in corso

1 08 2013

workin

1069899_10201056281602071_1670460920_n

timewave 13-14

Matteo, un giovane di ventitrè anni che vive nel basso Piemonte, ha compiuto una ricerca utilizzando il software “TimeWaveZero”, che si ispira agli studi sul tempo dell’etnobiologo Terence McKenna, di cui in passato abbiamo scritto a più riprese su Civiltà Scomparse. “TimeWaveZero” è un sistema di calcolo informatico, inventato da McKenna negli anni settanta con la collaborazione di alcuni matematici, basato sui cicli temporali dei 64 esagrammi dell’oroscopo cinese, l’I Ching. La sua ultima versione risale al 1993, ed è quella tuttora utilizzata. Esso parte dalle premesse che il tempo della storia umana è basato su due elementi in contrapposizione tra loro: le novità (per esempio, un tempo anche un oggetto comune come la ruota fu novità) e la conservazione delle abitudini (le quali un tempo furono novità.) Inoltre, gli eventi della storia umana si ripetono in maniera autosomigliante – come i frattali – anche se con personaggi, situazioni e intensità differenti, e possono dunque essere calcolati e mappati da un grafico ciclico, il quale quando la sua linea è ascendente vuol dire che la conservazione delle abitudini predomina sulle novità e il contrario quando è discendente. La cosa fondamentale da sapere su questo grafico è che non prosegue indefinitamente, ma ha un termine, un punto finale dove la conservazione delle abitudini raggiunge lo zero e la novità raggiunge l’infinito. Dove quindi avviene un Evento che non ha paragoni con nessun altro evento nella storia dell’uomo, un momento di rottura quindi, di forte discontinuità con tutto ciò accaduto precedentemente.

Questo punto, nel programma informatico, viene calcolato partendo da una data nel tempo in cui è avvenuto qualcosa di particolarmente significativo, quindi una rottura dell’abitudine evidente, aggiungendo un determinato numero di giorni a partire da quella data e facendo si che tutto torni, nella storia del mondo, utilizzando quel determinato punto nella mappatura temporale del programma. Terence McKenna aveva utilizzato la data del primo bombardamento nucleare su Hiroshima il 6 agosto 1945, e, armonizzando tutti i cicli del grafico con questa data, aveva ottenuto 21 dicembre 2012. Questo negli anni settanta, ben prima che, di recente, uscissero tutti quei discorsi sulla “fine del Calendario Maya” proprio in quel giorno. Nonostante ciò, dal momento che, trascorso quel punto del calendario, abbiamo tutti visto non essere accaduto alcunché di significativo, McKenna, prima di morire nel 2000, aveva detto che quella data poteva non essere quella giusta per la fine del suo grafico e il suo collaboratore Peter Meyer – il programmatore che, dal 1986 al 1993, ha realizzato l’ultima versione del software – già quand’era ancora in vita McKenna pensava che la data del 21 dicembre 2012 non fosse quella corretta.

Il problema dei problemi é di far sì, (a parte avere fede nel funzionamento del programma e nella realtà delle premesse su cui si basa) in un certo senso, che “la mappa coincida col territorio”, il territorio è il tempo della storia umana, la mappa è il software “TimeWaveZero” e, a seconda di dove si mette il puntatore, diciamo così, a seconda di dove, all’interno del grafico, si dica “Questo punto del ciclo rappresenta proprio quella determinata data”, bisogna vedere poi se vi sia davvero coincidenza tra il punto del ciclo e una determinata data scelta come quella più indicata per far quadrare tutto. Insomma, il gioco è quello di scegliere una data nella storia dell’uomo che si vede come particolarmente indicata per essere un forte punto di discontinuità con ciò che è accaduto prima, un forte momento di novità, di ampliamento di coscienza collettiva e – attraverso determinati calcoli – trovare il punto finale, verificando poi, a partire da questo, che altri punti del grafico coincidano con altre date significative. Secondo il già citato Peter Meyer, la data finale la si colloca nel luglio 2018.

Matteo, però, non è d’accordo con Meyer (col quale è in contatto) e la colloca nel luglio 2014.

Perché?

Dopo che la data di punto zero del 21/12/2012 (che diversi, ma non Calleman, avevano indicato come “fine del calendario Maya”) si è capito che non era quella giusta – dal momento che, nel mondo, non sono avvenute cose tali da influenzare profondamente la coscienza collettiva – sul sito di Peter Meyer di Timewave Zero, è apparso un articolo che spiegava come cercare date di punto zero alternative. dal momento che, come lo stesso Meyer dice, e in un’occasione aveva detto anche McKenna, la funzione matematica su cui si basa il flusso della Timewave non implica esattamente il 21/12/2012 come momento dove il livello di novità raggiunge l’infinito e la conservazione delle abitudini lo zero, qualsiasi altra data può essere teoricamente possibile.

Il modo in cui il Timewave è costruito a partire dalla sequenza degli esagrammi dell’I Ching, implica che determinati periodi hanno un significato particolare, vale a dire i periodi di una giornata (corrispondente a una riga in un esagramma), sei giorni (dal momento che un esagramma ha 6 linee) , e 6 * 64 = 384 giorni (dato che l’I Ching ha 64 esagrammi). E, conseguentemente, tutti i periodi composti da 384 moltiplicato per una potenza di 64, come in 384 * 64 = 24,576 mila giorni (circa 67 anni), 384 * 64 * 64 = 1.572.864 giorni (circa 4306 anni) e così via. Questi periodi possono essere chiamati “cicli”.

Terence McKenna presume che ogni punto della Timewave precedente al punto zero per un certo numero di giorni in qualunque di questi periodi, cioè, ogni punto che è l’inizio o la fine di un ciclo, deve essere un punto di grande novità (rispetto agli altri punti della Timewave), dimodoché, quando viene effettuata una corrispondenza tra il tempo della Timewave e quello storico (fissando la data zero), i punti nel tempo corrispondenti a questi punti del grafico mostreranno grande novità. In particolare, il punto di 24.576 giorni precedenti al punto zero sarebbe un momento di grande novità.

McKenna ha quindi ipotizzato che, a causa dell’osservabile aumento delle novità nel corso della storia umana (in particolare dai primi del XX secolo fino ai 1980), il loro incremento stava accelerando così tanto che il punto zero non poteva essere lontano, e si poteva raggiungere agli inizi del XXI secolo. Egli ha quindi cercato un evento nella metà del XX secolo (il bombardamento nucleare di Hiroshima) di così grande novità da poter essere associato con il ciclo iniziato 24.576 giorni prima del punto zero. A partire dalla data di questo evento, la data zero potrebbe essere stimato con l’aggiunta di 24.576 giorni i quali, aggiungendoli al 6 agosto 1945 (Hiroshima) ci porta alla data del 18 novembre 2012. McKenna fu influenzato dal fatto che il ciclo dei 13 baktun (Lungo computo) del calendario Maya si conclude nel dicembre [ma come s’è detto, secondo Calleman, invece la fine del ciclo Maya è 27 ottobre 2011], intorno al 1991 McKenna adottò prima la data del 22 e poi, definitivamente, quella del 21 dicembre 2012.

Secondo Peter Meyer, nessuna delle ipotesi che reggono la scelta di quella data per il punto zero del grafico Timewave è giustificata, dal momento che l’avvenimento di Hiroshima non è stato certo, in assoluto, quello più importante del XX secolo (pensiamo ad altri come l’assassinio di Kennedy, per esempio) e, oltretutto, fissare la data zero nel 21/12/2012 (utilizzando il ciclo dei 24.576 giorni) fa si che il punto del grafico corrispondente non capiti in un periodo che mostra alcuna novità importante.

Vi sono almeno quattro diversi modelli matematici utilizzati per generare il grafico della Timewave (apparsi nel volume di McKenna The invisible landscape), il modello Kelley mostra una maggiore discesa del grafico (indice di incremento delle novità, il decremento è quando il grafico sale), non 24. 576 giorni prima della data di punto zero ma piuttosto 16.384 giorni prima, e ciò è verificato da qualsiasi scelta della data zero.

In questo modo, Peter Meyer ci mostra come si possa trovare un punto di particolare novità nel grafico, mettiamo in qualche momento del periodo 1969-1979 per ottenere una data di punto zero nel periodo 2014-2024. Per esempio, aggiungendo 16.384 giorni alla data in cui, durante la guerra dello Yom Kippur i paesi arabi dell’OPEC provocarono la prima crisi petrolifera. tagliando le forniture di petrolio all’occidente che aveva sostenuto Israele, ovvero il 17/10/1973, si ottiene, come data zero, 26/08/2018. Nel periodo 69-79, vi sono altre date storiche a cui aggiungere 16.384 giorni, per esempio il 15/08/1971, il giorno in cui il presidente USA Nixon annunciò che il dollaro non si poteva più convertire in oro (che darebbe come data zero 23/06/2018.)

Meyer, dunque, situa la data finale intorno al 2018, anche notando che I tre punti sul Timewave che sono i punti iniziali delle tre discese più profonde (maggiore novità) della Timewave si verificano 1.536 giorni prima della data zero, 3136 giorni prima e 6.144 giorni prima. Quando aggiungiamo questi numeri di giorni a un giorno di particolare incremento della novità, come l’11 settembre 2001, si ottengono, rispettivamente, le seguenti date: 25/11/2005, 13/04/2010 e 08/07/2018, come data di punto zero.

Matteo, invece, attraverso i suoi personali calcoli utilizzando l’applicazione Timewave, ha stabilito la data finale al luglio del 2014, adoperando anche i punti di risonanza tra due diversi momenti del tempo, dove, cioè, i cicli del grafico si ripetono con un uguale, o molto simile, disegno della linea ascendente dove, insomma, la forma della Timewave è praticamente identica e dove i due eventi corrispondenti non solo appaiono come riflesso uno dell’altro ma addirittura possono essere visti come lo stesso evento che si ripete frattalmente, anche se con diverse disposizioni storiche. Dove, in pratica, la storia sembra “ricominciare da capo” e ripetersi, comportandosi come uno di quei disegni geometrici frattali.

Matteo, partendo dall’articolo di Peter Meyer (con cui è in contatto a distanza, abbiamo detto) per cercare date finali alternative a quella, ormai scartata, del 21/12/2012, ha seguito il consiglio di Meyer aggiungendo i famosi 16.384 giorni a una data di enorme valore storico/tecnologico. Per settimane Matteo è stato combattuto tra tre date: 12 luglio 2014, 7 settembre 2014 – 16.384 giorni dal 2 settembre 1969, data dell’invenzione di ARPANET, da cui anni dopo sarebbe nato Internet, e dal 29 ottobre 1969, data della prima comunicazione ARPANET – e 29 maggio 2014 (16.384 giorni dopo l’atterraggio sulla Luna del luglio 1969), raccogliendo una serie di dati. Solo in seguito al colpo di stato in Egitto di inizio luglio 2013, si è convinto che la data giusta di fine onda temporale, dove il livello di novità raggiunge il massimo e la conservazione delle abitudini raggiunge lo zero, sia ll12 luglio 2014 poichè ha trovato molteplici corrispondenze tra i punti del grafico che mostrano la linea discendente (novità) e le date relative.

Dunque, innanzitutto, partiamo dai ” punti di novità ” che si ottengono tarando la timeline alla data del 12 Luglio 2014 ottenuta, come si è detto, aggiungendo 16.384 giorni al 2 settembre 1969:

27 Aprile 2010 – 30 Giugno 2010 – Qui vi è un enorme periodo di novità, poiché a fine aprile è cominciato il graduale declino economico dell’ Euro e il crollo della qualità della vita in Grecia; inoltre durante questo periodo è stato creato il primo genoma sintetico, la ” vita artificiale
14 Gennaio 2011 – Culmine della rivoluzione in Tunisia e referendum sull’ Indipendenza del Sudan
11 Febbraio 2011 – Mubarak spodestato in Egitto
L’11 Marzo 2011 – lo tsunami in Giappone e la distruzione di Fukushima è presente come un picco discendente sul grafico
15- 16 Maggio 2011 – Gli Indignados in Spagna si ribellano, discesa del Timewave molto evidente
3 Giugno 2012 – 6 Agosto 2012 – Significativi livelli di novità: trovato il Bosone di Higgs al CERN, 620 milioni di persone in India senza corrente a causa di un colossale black out per 2 giorni, e come culmine, il robot Curiosity atterra su Marte
29 Ottobre 2012 – l’ Uragano Sandy a New York
3-18 Dicembre 2012 – Notevole novità, strage in una scuola del Connecticut, dove un ragazzo di vent’anni uccide 20 bambini
24 Aprile 2013 – Grande novità: con 1127 vittime, la tragedia della fabbrica di Savar in Bangladesh è il più grave crollo di una struttura dopo l’ 11 Settembre.

Di seguito, i prossimi punti di novità e, tra parentesi, il periodo del passato con cui l’evento è in risonanza morfologica nel grafico Timewave.

27 e 30 Settembre 2013 (1964)
Enorme punto di novità fondamentale: 28 Ottobre 2013 (1969)
5 Novembre 2013 (1971)
16 Novembre 2013 (1972/ 1973)
26 Novembre 2013 (1974)
8 Dicembre 2013 (1976)
13 Dicembre 2013 (1977)
21 Dicembre 2013 – 5 Gennaio 2014 (1979 – 1981)
17 Gennaio 2014 (1983)
26 Gennaio 2014 (1985)
11 Febbraio 2014 (1987)
18 Febbraio 2014 (1989)
10 e 12 Marzo 2014 – Molto importante (1993)
14 e 19 Marzo 2014 – Molto importante (1994)
6 Aprile 2014 – Molto importante (1997)
8/9 Maggio 2014 (2003)
30 Giugno 2014 – Enorme (2012)
5 Luglio 2014 – Enorme (2013)

Per quanto riguarda le ripetizioni degli eventi storici posizionando lo zero point il 12 luglio 2014, Matteo ha stabilito, per esempio, che l’intera vita di Gesù  viene ripetuta nel grafico Timewave nel periodo di tempo tra il 4 febbraio e il 4 agosto 1983 (che si ripete ulteriormente il 15 gennaio 2014.) E’ inoltre persuaso che la figura storica di Gesù viene ripresa da due personaggi storici degli anni ottanta: papa Giovanni Paolo II e Lech Walesa (protagonisti, in quegli anni, della stagione evangelico-rivoluzionaria del sindacato antisovietico Solidarnosc.)

Solidarnosc e URSS Cristianesimo e Impero Romano

Questo evento si manifesterà nuovamente – sempre secondo i calcoli di Matteo – il 24 febbraio 2014.

Inizio delle Crociate nel 1095 12 marzo 2000, papa Giovanni Paolo II chiede perdono per gli errori della Chiesa nella storia, tra i quali ci sono le Crociate

La stessa manifestazione storica si ripete il giorno di Pasqua 2014 (cosa succederà?!)

Il periodo della peste nera in Europa è in risonanza col febbraio 2004 e col 12 maggio 2014.

Morte di Giulio Cesare nel 44 a.C. Assassinio del generale Dalla Chiesa il 3 settembre 1982
Rivoluzione francese nel 1789 Esattamente il 4 Gennaio 2011, l’inizio della Primavera Araba

Questa risonanza temporale ha una ripetizione il 20 giugno 2014.

La “marcia su Roma” del 1922 si ripete il 14 febbraio 2013 e il 2 luglio 2014.

Crollo finanziario-economico del 1929 Crisi bancaria di Cipro il 15 marzo 2013

Si ripeterà il 3 luglio 2014.

L’incendio di Londra del 2 settembre 1666 Gli incendi in Australia e nel Regno Unito nel febbraio 2009
Affondamento del Titanic nel 1912 Dicembre 2011, appena un mese prima dell’affondamento della Costa Concordia

Le date di risonanza con lo scoppio e il periodo della Prima Guerra Mondiale sono 17 dicembre 2012, 12 gennaio 2013, 2 luglio 2014.

Estremamente interessante questa:

La fine del pontificato di Benedetto XV nel 1922 Il 29 gennaio 2013, data molto vicina alle dimissioni di Benedetto XVI, nemmeno due settimane dopo
Il caso di Sacco & Vanzetti nel 1927 Marzo 2013, durante lo scandalo dei “due marò” e la crisi diplomatica Italia-India

Tre date per la Seconda Guerra Mondiale: 10 maggio 2013, 13 giugno 2013, 4 luglio 2014.

Guerra civile spagnola, 1936 Guerra civile siriana, 2011
Il 12 febbraio 1947, quando un meteorite enorme viene avvistato e cade in Russia Compatibile, con un certo anticipo, col 15 febbraio 2013, quando un meteorite cade a Celjabinsk in Russia
Morte di Gandhi nel 1948 Il 28 giugno 2013, morte cerebrale di Mandela

Qui c’è la chiave di volta che ha fornito a Matteo la soluzione del punto finale della Timewave
l’11 luglio 2014:

Colpo di stato in Egitto nel 1952 il 3 luglio 2013 diventa, con circa 20 giorni di anticipo, il colpo di stato in Egitto (risonanza totale nello stesso identico luogo)
Tsunami di Unzen in Giappone nel 1792 Tsunami giapponese l’11 marzo 2011, stesso identico luogo
Le campagne militari in Egitto e Siria di Napoleone nel 1798 l’Intervento in Libia nel 2011 e la guerra civile in Siria a partire dallo stesso anno
La Guerra Sino-Giapponese del 1894 Disputa tra Cina e Giappone per le Isole Senkaku del settembre 2012
1963, discorso di Kennedy a Berlino 2013 discorso di Obama a Berlino
1962, Crisi dei missili di Cuba Marzo e Aprile 2013 – Tensioni Nord Corea- Usa, Le condizioni si ripresentano il 19 settembre 2013
Il primo faraone unifica l’Antico Egitto nel secondo millenno a.C. Discorso di Hitler sulla necessità di spazio vitale per la Germania nel 1937
2300 A. C. inizio dell’ eta’ del Bronzo 1945 Agosto – Inizio dell’ era atomica, Il 13 giugno 2013 si ripresenteranno le stesse condizioni
Inizio del regno intermedio dell’Egitto antico 3 luglio 2013
Nel 1159 avanti Cristo un eruzione in Islanda provoca 18 anni di cambiamenti climatici Il 14 Novembre 1963 un eruzione in Islanda crea l’Isola di Surtsey
Nel 1154 avanti Cristo muore Re Menelao di Sparta Novembre 1963, periodo della morte di Kennedy
Nel 1003 avanti C. Davide viene eletto re di Israele Punto del grafico nel 1967, durante la guerra dei sei giorni di Israele
Ascesa di Alessandro Magno l’8 novembre 1977 un archeologo greco scopre la tomba del padre di Alessandro Magno, Filippo II
Alessandro Magno conquista la Persia, conosciuta anche come Iran Rivoluzione iraniana nel 1979
Adriano imperatore di Roma Elezione di Gorbaciov come segretario dell’URSS nel 1985
Nel 380-391 a.C. il Cristianesimo diviene religione di stato Nell’aprile 1989 Solidarnosc diventa legale
Nel 380-391 a.C. il Cristianesimo diviene religione di stato Nell’aprile 1989 Solidarnosc diventa legale
11 settembre 2001 1191, Assedio di Acri nell’attuale Haifa in Israele

L’assedio di Acri apri’ il periodo della Terza Crociata così come l’ 11 Settembre apri’ la Guerra al terrore; fu l’ evento più distruttivo di tutto il periodo delle Crociate, con 5000-10.000 vittime fra i Cristiani, fu proprio un 9/11 dell’ antichità. Un doppio assedio con catapulte giganti usate per abbattere le mura di un castello con torri. L’ attacco venne guidato da Saladino.

Scoperta della cometa Elenin, 2011 20 giugno 2014
Scoperta di Ison, “cometa del secolo”, 2013 1 luglio 2014
Scoperta della cometa Siding Spring, che colpirà Marte nell’Ottobre 2014 Luglio 2014
Evento di Tunguska nel 1908 e il meteorite sulla Russia nel 2013 Inizio di Luglio 2014, cosa succederà?

A provvisoria conclusione di questo post, c’è da dire che il buon Matteo sta ancora sperimentando con le date alternative e, secondo il posizionamento di fine Timewave nel 12 Luglio 2014, il Luglio 2013 avrebbe dovuto essere dove nel grafico si sarebbe ripetuto il periodo della guerra in Corea, e dopo tre mesi si sarebbe presentata una risonanza con il periodo rivoluzionario degli anni sessanta.
Infatti, Matteo ha notato che l’ evento di Berkeley nel 1964, dove degli studenti si mobilitarono per salvare un parco creando scompiglio, e’ quasi del tutto identico a ciò che è’ successo in Turchia per il Parco Gezi dal 28 Maggio 2013 al 15 Giugno 2013, e, inoltre, il mese di Giugno ha avuto come protagoniste varie rivoluzioni in Turchia, Brasile ed Egitto.
Per di più, 3 mesi prima, nel Marzo 2013, non si parlava d’altro che di Corea del Nord, quando l’ armistizio tra le due coree era stato stracciato.
Quindi, se il 1964 fosse collegato alla fine di Maggio 2013, allora vorrebbe dire che Marzo 2013 e’ collegato agli anni ’50, quelli della Guerra di Corea. Sulla linea temporale del 12 Luglio 2014, la guerra di Corea iniziava il 13 Luglio 2013 e il 1964 e’collegato al 3 Ottobre 2013.
La differenza fra le due date, applicata ai fatti come si sono svolti cronologicamente, da’come risultato la data finale di 6 Marzo 2014. Il che è eccellente perché’ tale data si trova a 1 anno e 19 giorni dal 15 Febbraio 2013, il meteorite di Celjabinsk. Se questa data finale fosse giusta, in quel giorno di Febbraio 2013 abbiamo cambiato ciclo temporale, iniziando quello dei 384 giorni. L’evento di Celjabinsk sarebbe un diretto precursore del’ evento di massima novità che, allora, non si situerebbe più il 12 luglio 2014 ma il 6 marzo.
La data finale del 12 luglio non è totalmente garantita, quindi, e c’è una data alternativa da non sottovalutare.