Un nuovo tempo per una nuova civiltà

18 02 2019

Vi presento una parte del libro “La terza rivoluzione industriale” di Jeremy Rifkin, che ho trovato meritevole di attenzione in Civiltà scomparse. Molto vicina agli argomenti trattati nel blog.

Buona lettura.

 

La riscoperta dello spazio e del tempo

La decisione di fondare le loro nuove teorie sulle verità della fisica newtoniana indusse gli economisti illuministi a concepire lo spazio e il tempo in un modo molto meccanicistico e utilitaristico: lo spazio è un contenitore, un deposito, pieno di utili risorse pronte per essere espropiate a fini economici; il tempo, a sua volta, è uno strumento malleabile da manipolare per velocizzare il processo di espropriazione e creare una ricchezza economica virtualmente illimitata. Le azioni dell’uomo sono considerate una forza esterna che agisce sulle risorse contenute nello spazio, trasformandole nel modo più efficiente possibile con tecnologie labor-saving (risparmio di manodopera) in utilità produttive. L’approccio utilitarista allo spazio e l’uso efficiente del tempo sono diventati così le fondamentali coordinate spazio-temporali della teoria economica.

Risultati immagini per "alex grey" "time"

 

I concetti illuministi e post-illuministi dello spazio, del tempo e dell’agire dell’uomo riflettevano il pensiero dell’epoca: geologi e chimici erano convinti che la materia inanimata della Terra fosse una sorta di giacimento di risorse ancora da sfruttare, passivo e illimitato, che attendeva l’intervento umano per essere attivato e trasformato in una ricchezza produttiva. Oggi le nuove scoperte della scienza sul funzionamento del nostro pianeta, e soprattutto sull’interazione tra i processi geochimici e i sistemi viventi, gettano il seme del dubbio sulle ultime vestigia del pensiero economico classico.

[…]

Immagine correlata

Negli anni settanta del novecento lo scienziato britannico James Lovelock e la biologa americana Lynn Margulis analizzarono il modo in cui i processi geochimici interagiscono con i processi biologici sulla terra al fine di mantenere le condizioni ideali per la conservazione della vita. Nel corso dei decenni successivi la loro provocatoria “ipotesi Gaia” ha conquistato consensi sempre più vasti, ed è stata rafforzata e confermata da ulteriori evidenze empiriche rilevate da ricercatori in ogni campo.

Lovelock e Margulis osservano che la terra è un sistema autoregolato che agisce come un organismo vivente e, a sostegno della loro ipotesi, citano l’esempio della regolazione del metano e dell’ossigeno. Il livello di ossigeno nell’atmosfera terrestre deve mantenersi entro una fascia di oscillazione molto ristretta per permettere alla vita di conservarsi: se i livelli di ossigeno aumentassero al di sopra del livello massimo, la terra si trasformerebbe in una sfera infuocata e la vita si estinguerebbe. Ma come viene mantenuto tale equilibrio?

Immagine correlata

 

Secondo i due scienziati, quando l’ossigeno nell’atmosfera raggiunge livelli superiori a quelli accettabili innesca un corrispondente aumento della produzione e rilascio di metano da parte di batteri microscopici. Il metano migra nell’atmosfera e agisce da riduttore dell’ossigeno, riportandolo al livello “normale”. Questo non è che un esempio delle migliaia di feedback circolari che fanno sì che la biosfera sia un luogo ospitale per tutte le forme di vita terrestri.

Sta emergendo una nuova visione scientifica del mondo, le cui premesse e ipotesi sono più compatibili con i modi di pensare reticolari alla base del modello economico della Terza rivoluzione industriale. La vecchia scienza è caratterizzata dal distacco, dall’esproprazione, dalla dissezione e dalla riduzione; la nuova dall’impegno, dall’integrazione e dall’olismo. La vecchia scienza è concentrata sul rendere la natura produttiva; la nuova un partnerariato con la natura.

 

[…]

Se tutti gli organismi biologici interagiscono continuamente con i processi geochimici per mantenere una condizione omeostatica favorevole alla perpetuazione della biosfera e alla preservazione della vita sulla terra, per garantire alla specie umana il benessere a lungo termine è fondamentale essere capaci di vivere entro i limiti spaziali e temporali che vincolano il funzionamento della terra. La teoria e la pratica economica classica e neoclassica, con la loro mania per l’espropriazione e il consumo, hanno minato alla base i meccanismi di feedback tra i processi biologici e geochimici della biosfera, impoverendo gli ecosistemi del pianeta e provocando un drammatico cambiamento delle temperature e del clima.

Se vogliamo sopravvivere e prosperare come specie, dobbiamo ripensare i concetti di spazio e di tempo. La definizione economica classica dello spazio come contenitore o deposito di risorse passive deve necessariamente essere sostituita da un’idea di spazio come comunità attiva di relazioni. In questo nuovo schema, la composizione geochimica del pianeta non può più essere considerata una risorsa o una proprietà, bensì una parte complessa delle relazioni interattive che rendono possibile la vita sulla terra. Allo stesso modo, le nostre priorità economiche devono passare dalla produttività alla generatività, da uno sfruttamento puramente utilitarista della natura alla tutela delle relazioni che conservano la stabilità della biosfera.

Risultati immagini per "time" "circular"

 

Anche nell’organizzazione del tempo, l’efficienza deve cedere il posto alla sostenibilità: il nostro approccio all’ingegnerizzazione deve essere ricalibrato e sincronizzato con le ciclicità rigenerative della natura, invece che con i semplici ritmi produttivi dell’efficienza del mercato.

I passaggi dalla produttività alla generatività e dall’efficienza alla sostenibilità rimetterebbero la nostra specie al passo con i flussi e riflussi, i ritmi e le ciclicità della più vasta comunità biosferica della quale siamo parte integrante e indivisibile. […]

 

Per gli scettici, convinti che qualsiasi tentativo di integrare le attività umane nei ritmi e nelle ciciicità della biosfera sia inutile a causa dell’innata predisposizione biologica dell’uomo ad assicurarsi l’autonomia dalla natura e a esercitare il potere su di essa a distanza, un rapido excursus introduttivo alla cronobiologia dovrebbe bastare a tacitare ogni ulteriore obiezione.

Risultati immagini per "alex grey" "time"

Tutte le forme di vita, dai microbi agli esseri umani, sono regolati da miriadi di orologi biologici che adattano i propri processi fisiologici al più generale ritmo della biosfera e del pianeta. Le creature viventi, inclusi gli uomini, scandiscono le proprie funzioni interne ed esterne sulla base del giorno solare (ciclo circadiano), del mese lunare (ritmo lunare), dell’avvicendarsi delle stagioni e della rotazione annuale della terra intorno al sole (ciclo circannuale). Lo psicologo John E. Orme ha osservato che “l’universo fisico è fondamentalmente ritmico per propria natura. La luna ruota intorno al sole e il sistema solare stesso muta posizione spaziale nel tempo. Tutti questi fenomeni producono cambiamenti ritmici regolari e la sopravvivenza delle specie biologiche dipende dalla capacità di seguire questi ritmi. [J.E. Orme, “Time: Psychological Aspects: Time, Rhythms, ad Behavior”, in T. Carlstein, D. Parkes, N.J. Thrift (a cura di), Making Sense of Time, New York, J. Wiley, 1978, p. 67.]

Immagine correlata

Chiunque abbia provato il jet lag, avendo attraversato più fusi orari durante un viaggio in aereo, sa che il corpo umano è delicatamente calibrato e sincronizzato sui ritmi del pianeta, e che ogni alterazione provoca uno sfasamento dei processi corporei. La temperatura corporea aumenta e diminuisce secondo sequenze prevedibili nell’arco delle ventiquattr’ore, e lo stesso vale per lo stato termico della pelle. Il ciclo mestruale della donna tende a seguire il ciclo lunare e sono noti i “disturbi affettivi stagionali” (DAS), che si manifestano nei mesi invernali quando la diminuzione delle ore di luce provoca in alcuni soggetti predisposti un senso di sonnolenza e di depressione analogo al processo di letargo che nel periodo invernale rallenta l’attività fisiologica di molti mammiferi [K. Hammer, “Experimental Evidence for the Biological Clock”, in J.T. Fraser (a cura di), The Voices of Time: A Cooperative Survey of Man’s Views of Time as Expressed by the Sciences and by the Humanities, New York, G. Braziller, 1966; Joost A. Meerloo, Along the Fourth Dimension: Man’s Sense of Time and History, New York, John Day Company, 1970, p. 67; S. Sharp, Biological Rhythms and the Timing of Death, in “Omega Journal of Death and Dying”, 12, 1981-82, pp. 15-23.]

Risultati immagini per "time" "dali"

I ricercatori nel campo della crono-farmacologia stanno cominciando a capire che il momento della giornata in cui viene somministrato un dato farmaco o eseguito un intervento chirurgico può influenzarne l’efficacia, e stanno sperimentando la sincronizzazione della terapia con l’orologio biologico interno del singolo paziente.

Il fatto che l’uomo, come ogni altra specie, sta biologicamente integrato nei cicli della terra cambia il modo in cui pensiamo allo spazio e al tempo: il nostro stesso essere è inserito nelle coordinate spaziotemporali del pianeta. Le cellule del nostro corpo vengono continuamente sostituite e la nostra esistenza è un esempio dell’attività della natura, con calorie energetiche a bassa entropia che entrano in noi dall’esterno, trasformandosi in nuove cellule che sostituiscono quelle divenute scorie e restituite all’ambiente affinché siano riciclate. Ognuno di noi è un’incarnazione delle correnti energetiche e dei processi geochimici e biologici che fluiscono attraverso la biosfera. Nel sistema planetario, la vita, i processi geochimici e le ciclicità della terra interagiscono in una varietà di relazioni strettamente sincronizzate che garantiscono il funzionamento di ogni organismo e della biosfera nel suo complesso.

Per molto tempo la nostra specie ha vissuto in sincronia con i ritmi del pianeta. Le energie concentrate nei combustibili fossili della Prima e della Seconda rivoluzione industriale hanno allontanato per la prima volta l’uomo dalle ciclicità della terra. Oggi l’illuminazione elettrica ventiquattr’ore su ventiquattro, la comunicazione Internet, i viaggi aerei, i turni di lavoro e una miriade di altre attività ci hanno allontanato dal nostro orologio biologico primordiale. Il sole e l’alternarsi delle stagioni sono diventati meno rilevanti per la nostra soppravivenza o, almeno, siamo ormai convinti di questo.

Risultati immagini per third industrial revolution

La nostra crescente dipendenza dai ricchi giacimenti di radiazione solare inerte e conservata, in forma di combustibili basati sul carbonio, ci ha dato l’illusione che il nostro successo sulla terra dipendesse più dalla genialità e dal progresso delle tecnologie che dai cicli ricorrenti della natura. Adesso ci stiamo rendendo conto che non è così. L’imposizione di ritmi produttivi artifciali – soprattutto l’isitituzionalizzazione dell’efficienza meccanicista – ha portato una grande ricchezza materiale a una porzione significativa della popolazione umana, ma a spese degli ecosistemi terrestri, con conseguenze tragiche per la stabilità della biosfera.

[…] riportiamoci alla luce del sole. Affidandoci al flusso energetico che attraversa la biosfera – il sole, il vento, il ciclo idrico, la biomassa, il calore geotermico, le onde e le maree oceaniche – ci riconnettiamo con i ritmi e le ciclicità del pianeta. Torniamo a essere integrati nell’ecosistema della biosfera e giungiamo a capire che la nostra impronta ecologica individuale influenza il benessere di tutti gli altri esseri umani e di ogni creatura vivente.

[…]

Sotto questi e altri aspetti, i cambiamenti in atto nel modo in cui percepiamo la natura umana e il senso dell’avventura dell’uomo rispetto al pensiero dominante negli ultimi duecento anni, nel corso di due rivoluzioni industriali, sono così radicali che gran parte della teoria economica classica e neoclassica, che ha accompagnato e legittimato questi due straordinari periodi storici, non sopravviverà al nuovo paradigma economico emergente.

[…]

Owen Bartfield, un filosofo britannico recentemente scomparso, si è espresso sulla fase che la nostra specie sta attraversando e ha osservato che l’umanità, nella sua relazione con la natura, ha attraversato due grandi fasi.

Immagine correlata

Per oltre il 90% della nostra esistenza sulla terra abbiamo vissuto come cacciatori e raccoglitori: i nostri più antichi antenati sperimentavano la natura in maniera diretta e intima. C’erano confini molto labili fra sè e l’altro da sè: la vita era vissuta in uno stato quasi onirico nel quale gli esseri viventi e gli altri fenomeni interagivano, si ricombinavano e si scambiavano di posto in uno sconcertante carosello, quella che gli antropologi chiamano “nebbia indifferenziata”.

La vita quotidiana era perfettamente regolata sulle ciclicità della natura e delle stagioni, come ancora accade a tutte le altre creature della terra. La “madre terra” non era ancora una metafora, ma un vero essere primordiale al quale i cacciatori-raccoglitori si affidavano per la propria sopravvivenza e, per questo, era trattata con rispetto, amata e temuta dagli uomini, che dipendevano dalla sua clemenza.

La grande trasformazione dalla caccia-raccolta all’agricoltura ha cambiato radicalmente la relazione dell’uomo con la natura: dal completo assoggettamento alla sua benevolenza e generosità a un suo sempre più stretto controllo e accurata gestione, in quanto risorsa. Con la domesticazione delle piante e degli animali, l’uomo ha cominciato a distaccarsi dal mondo naturale, creando una barriera fittizia tra il suo comportamento e quello animale.

Risultati immagini per "paleolithic art" "psychedelic"

Nel Basso Medioevo, essere civilizzati significava essersi liberati dalla “bruta” condizione animale. Le generazioni successive sono diventate sempre più consapevoli di sé e autosufficienti, ma a costo della perdita dell’intima, originaria partecipazione alla natura di cui godevano.

Bartfeld ha scritto che la razza umana si trova oggi all’inizio di una terza fase della propria relazione con la natura: un momento in cui l’uomo torna a rapportarsi con il mondo naturale, non con un senso di dipendenza e timore – come avveniva per i nostri antenati – ma come scelta deliberata di diventare parte integrante di una più vasta universale comunità della vita. [O. Bartfield, Salvare le apparenze, trad. it. Genova-Milano, Marietti, 2010 (ed. or. 1965)]

Immagine correlata

Questa è la coscienza della biosfera. Ciò che Bartfield lascia inesplorato, però, è il processo storico sottostante per il quale una specie sempre più cosciente di sè e individualizzata è in grado di cambiare direzione, scegliendo intenzionalmente di riscoprire la relazione d’interdipendenza con la natura[…]

Ogni successiva e sempre più complessa rivoluzione dell’energia e delle comunicazioni ha innescato una differenziazione delle mansioni sempre più elaborata che, a sua volta, ha incentivato una maggiore individuazione e consapevolezza di sé. Il generico “noi” che caratterizzava la semplice esistenza dei cacciatori-raccoglitori ha ceduto il posto a singole individualità: macellai, fornai e fabbricanti di candele, ciascuno con un più marcato senso del proprio io, reso possibile dalla mansione unica svolta per la società. Ancora oggi i cognomi evocano le competenze professionali trasmesse di generazione in generazione: Ferrari, Calzolari, Calderali, Malgaroli [ecc.]

[…]

Se la nostra natura intrinseca è empatica e abbiamo una pulsione innata all’affiliazione con la natura, come possiamo risvegliare la nostra connessione biofilica? Wilson afferma che qui “devono entrare in scena gli psicologi”, [Arousing Biophilia: A Conversation with E.O. Wilson, in “Orion”, inverno 1991; http://arts.envirolink.org/interviews_and_conversations/EOWilson.html. i quali ci devono aiutare a risvegliare la pulsione primordiale alla biofilia, a lungo sepolta nel nostro inconscio collettivo. Altri concordano con lui.

Nel 1992 Theodore Roszak, che ha coniato il termine “ecopsicologia”, nel suo libro The Voice of the Earth manifestava una certa delusione rispetto alla psicologia come professione, notando come l’American Psychiatric Association elencasse nel Diagnostics and Statistical Manual (DSM) oltre 300 patologie mentali, senza mai contemplare la possibilità che l’essere umano possa soffrire psichicamente a causa della perdita del legame con la natura. “Gli psicoterapeuti hanno esaurientemente analizzato ogni forma di relazione familiare e sociale disfunzionale, ma le relazioni ambientali disfunzionali non esistono neppure come concetto” scrive Roszak [T. Roszak, The Nature of Sanity, in “Psychology Today”, 1°gennaio 1996; http://www.psychologytoday.com/articles/199601/the-nature-sanity, ed evidenzia un punto molto significativo rilevando che “il DSM definisce il disturbo di ansia da separazione come un’ansia eccessiva riguardante la separazione da casa e dalle persone alle quali l’individuo è attaccato. Ma nessuna separazione è più pervasiva, in quest’epoca di ansia, della disconnessione dal mondo naturale”. Roszak ha sfidato la professione psichiatrica, dichiarando che i tempi sono maturi per “una definizione della salute mentale fondata sull’ambiente”. [T. Roszak, The Voice of Earth, New York, Simon & Schuster, 1992.][E.A. Bragg, Towards Ecological Self: Deep Ecology Meets Constructionist Self-Theory, in “Journal of Environmental Psychology”, 16, 1996, pp. 93-108.]

Annunci




La mia interpretazione di astrologia – Una filosofia astrale

25 01 2019

Visualizza immagine di origine

La mia interpretazione dell’ Astrologia la interpreta come una filosofia che studia la rappresentazione simbolica del Sistema Solare e immediati dintorni come metafora della mente umana.

Nella mia interpretazione il Sistema Solare si potrebbe identificare come una analogia della coscienza e dell’ inconscio umano, una sorta di dimensione matematica e quindi intangibile della concreta dimensione mentale umana psicologico – caratteriale.

Gli scienziati hanno la ” certezza – evidenza – convinzione ” che tutto ciò che riguarda l’ essere umano abbia a che fare con la genetica e i geni.

La filosofia astrologica dice un po’ la stessa cosa, ma rimpiazza i geni con delle energie, delle forze simili alla gravità, intangibile ma onnipresente, o per meglio dire rimpiazza i geni con dei cicli che sincronicamente si allineano con il movimento delle orbite degli astri, quasi come se ogni movimento di un astro possa essere analogo alla trasmissione di informazioni fra neuroni.

L’ Astrologia infatti è intimamente connessa agli studi sulla ciclologia, e ha la sue origini nei calendari e nelle documentazioni di informazioni sincroniche antiche.

Noi uomini moderni dobbiamo avere una interpretazione metaforico – ciclica – sincronica delle ” regole astrologiche ” e del suo sistema di credenze.

In questo senso, il Sole rappresenterebbe la nostra personalità più evidente e immediata, il cuore e il fulcro del nostro essere. Il Sole è il ” nostro nome ” e il nostro ” ruolo ” sulla Terra. L’ Ascendente è la parte della personalità che usiamo in situazioni pubbliche e quindi non intime, è il copione che decidiamo di interpretare quando vogliamo apparire o agire consapevolmente in modo cosciente e controllato, ma la personalità Solare è quella spontanea, intima, privata e unicamente caratteristica di noi stessi come individui.

I pianeti più vicini al Sole sono le nostre emozioni e passioni più emergenti, come l’ intelletto e i nostri interessi ” verbali “, il tono di voce e ciò che vogliamo comunicare ( Mercurio ), le nostre emozioni legate all’ amore, all’ affetto e all’ amicizia, e il rapporto con l’ estetica del nostro fisico ( Venere ) e la nostra tenacia, l’ energia vitale, e la rabbia, il rapporto con la forza fisica ( Marte ). In questo contesto si inserisce anche la (Luna), che rappresenta i nostri umori, ricordi improvvisi e fugaci e il nostro intuito. La Luna è connessa alle maree terrestri come i nostri umori sono connessi agli occhi, a ciò che vediamo, perché la visione è il motore di trasmissione reazionale delle emozioni, e le acque Terrestri sono i nostri dotti lacrimali, mentre i Terrestri sono i nostri occhi.  

La Fascia Asteroidale, con elementi protagonisti Cerere, Vesta e Igea rappresentano l’ analogo dei nostri geni, ci sono migliaia di rocce piccole e grosse che si allacciano in qualche modo alle nostre caratteristiche più svariate, ai livelli più svariati, come se esistesse uno – spettro – rappresentato dai gradi presenti nella nostra carta astrale, e diventano più magnificati ed evidenti quando raggiungono il grado 0°, 1° e 29° alla nostra nascita. Come se ci fossero una miriade di potenzialità per noi, che diventano ” allacciate intimamente ” a noi solo qualora nascessimo sotto un determinato grado di alto valore astrologico. (Cerere) rappresenta la soddisfazione dei bisogni, il nostro rapporto con il cibo, e il rapporto con il genitore. ( Vesta ) rappresenta la devozione, la presenza o meno del pudore, eventuali repressioni, la capacità di concentrarsi, mentre ( Igea ) rappresenta il nostro concetto e livello di igiene, salute, pulizia.

Le Case Astrologiche rappresentano qualcosa di simile ai gruppi sanguigni, indicano il settore della vita nel quale ogni ” pianeta ” manifesterà il suo simbolismo nella vita individuale, e generalmente sono dodici ( in Oriente sono 27 o 28, associate al ciclo lunare e non quello solare ):

Il SE’, I VALORI, le COMUNICAZIONI, L’ ABITAZIONE / L’ AMBITO FAMIGLIARE, i PIACERI, L’ AMBITO DI LAVORO E SALUTE, le ASSOCIAZIONI e PARTNERSHIP, la TRASFORMAZIONE, la FILOSOFIA, la REPUTAZIONE PUBBLICA, le AMICIZIE e la RETE SOCIALE, l’ INCONSCIO e L’ AMBITO DEL DISFATTISMO.

Nella Astrologia Postmoderna inserirei anche: La VISIONE DELLE COSE / L’ ORIENTAMENTO, la REDENZIONE / RESTAURAZIONE / PROTEZIONE oppure la SOPPRESSIONE e l’ ASSOPIMENTO, e poi anche la STRUMENTALIZZAZIONE, la DEVOZIONE, la LOTTA INTERIORE/ l’ ESORCIZZAZIONE / l’ ESPULSIONE / l’ EROSIONE / il TOCCARE IL FONDO.          

Visualizza immagine di origine

La fascia esterna è separata dall’ analogia della mente ” esternalizzante ” e assume una tendenza ” interiorizzante “, rappresentata da Giove, Saturno e Nettuno. ( Giove ) rappresenta il nostro rapporto con l’ abbondanza, il nostro spettro di ottimismo – pessimismo, la magnificazione degli eventi che si innesca – dentro di noi – e il nostro livello di capacità e volontà di espandere i nostri confini e la nostra elasticità mentale. Giove è una spugna che raccoglie e deposita tutta la ” massa ” cerebrale, come un ponte fra l’ immediatezza esteriorizzante e la meditazione interiorizzante. ( Saturno ) rappresenta il nostro approccio alle regole, ai doveri e ai compiti che ci vengono imposti nella vita, simbolizza le nostre difficoltà interiori, e il nostro approccio nei confronti di limiti e capacità o potenzialità ridotte e ostacolate dagli eventi. Rappresenta anche le ambizioni, lo spettro del realismo e della razionalità Il pianeta è circondato da anelli come quella area mentale è circondata da ostacoli e barriere nei confronti del resto. Sono pianeti ” gassosi “, nebulosi come l’ area della nostra interiorità che simbolizzano.

Ci sono anche i Centauri, dei quali l’ elemento principale è ( Chirone ) che rappresenta la nostra ferita interiore, l’ invidia e il desiderio di aiutare gli altri quando non possiamo fare qualcosa per noi stessi. Mentre per esempio ( Asbolus ) potrebbe rappresentare l’ emergere di un presentimento.  I Centauri hanno un’ orbita instabile, possono trasformarsi in comete ed eventualmente anche essere espulsi dal territorio, e potrebbero rappresentare pensieri zavorra eventualmente espulsi.  

( Urano ) rappresenta gli impulsi, l’ approccio ai cambiamenti e alle occasioni nell’ immediato, il desiderio di cambiare, il dinamismo interiore di chi possiede una grande energia. Urano possiede dei ” poli equatoriali ” quindi si associa al desiderio di distinguersi dalla massa. Simboleggia quindi anche le nostre caratteristiche eccentriche e originali, mentre ( Nettuno ) rappresenta la parte nebulosa della nostra mente, la ricettività psichica, le incertezze, ma anche la parte capace di astrazione e immaginazione, e anche di ideali e obiettivi teorici e astratti, non ancora concretizzati. E’ associato anche ai castelli di carta, quelli di alcuni mistici, ma anche di molti scienziati categorici e dogmatici, oppure degli scienziati da talk show, quelli pagati per divagare, etichettando cose non evidenti e non tangibili come ” scienza “. Questi sono giganti ghiacciati, perché sono meno connessi alle emozioni, e più allacciati invece a delle aree mentali alle quali ci approcciamo con neutralità. Sono composti da sostanze ” volatili ” come lo sono i prodotti di queste aree mentali che simbolizzano, che noi associamo a idee di libertà e speranza.

I satelliti rappresentano ” ulteriori scompartimenti ” : (Ganimede) rappresenta le caratteristiche LGBT  e tutto ciò che riguarda la questione del gender e dell’ identità sessuale, ed è uno scompartimento di Giove. ( Titano ) legato a Saturno potrebbe rappresentare le nostre associazioni agli antenati e le eredità dettate da essi, poiché i Titani esistevano prima degli Dei Olimpici ed erano delle forze primordiali. Forze che possono essere associate alle tendenze ereditarie.

Oltre Nettuno abbiamo la Cintura di Kuiper e il Disco Diffuso, popolato da pianeti ben distanti dal Sole ( quindi distanti dalla personalità immediata esteriorizzata, intima e caratteristica individuale ), lontani dal fulcro della nostra mente. Qui si cela il nostro inconscio.

Risultato immagine per unconscious in mind

Qui abbiamo (Plutone – Caronte ), le nostre ossessioni sia individuali che collettive e associabili ad una generazione, nonché il nostro concetto di mortalità e il rapporto con il fenomeno più ignoto di tutti, la morte. Fino a poco tempo fa Plutone racchiudeva in sé tutto il nostro inconscio, ma ora nella nuova astrologia in sviluppo, il nostro inconscio è stato diviso in vari scompartimenti.

Abbiamo ( Orcus ) che rappresenta le promesse ( a noi stessi, agli altri ), i patti, e il disturbo ossessivo compulsivo, come anche la necessità di mettere ordine. Abbiamo ( Issione ) che rappresenta la contestazione di leggi ingiuste e illegittime, la coscienza delle ciclicità ed eventuali ritorni sui propri passi. Abbiamo ( Salacia ) che rappresenta la nostra fuga interiore e fisica, alla ricerca di uno sfogo dalle pressioni, la vergogna e la sensazione di inadeguatezza. Abbiamo ( Varuna ) che rappresenta la metabolizzazione e la ” macchina dell’ innesto dei pensieri ” che poi si trasformano in parole, frasi, discorsi, scritti, e anche bugie, in associazione via ” ponte ” con Mercurio. Abbiamo ( Haumea ) che rappresenta energie e frequenze drammatiche, intense, reazioni ad eventi che spazzano via tutto il resto, energie che collidono e si impattano sulle altre.  

Questi pianeti viaggiano su cicli che possono portarli ad emergere a livello cosciente ( perielio – vicinanza massima al Sole ) oppure a rimanere allo stadio di inconsapevolezza e un – awareness ( Apside – massima distanza dal Sole ). Abbiamo ( Quaoar ) che rappresenta l’ elaborazione di ciò che poi diventerà il carisma ( le strategie ), il desiderio di sperimentare, rischiare, la voglia di scherzare che emerge anche in modo incontrollabile, la ricerca di distrazioni, l’ inconscio legato all’ approccio alla musica, l’ elaborazione di quelli che diventeranno confronti verbali ( sarcasmo, sfida ). Abbiamo ( Makemake ) che rappresenta tutte le nostre bizzarrie nascoste, i guizzi mentali, l’ intelletto che si scontra con la società, la reazione alle sorprese, o l’ elaborazione di queste nei confronti di altri. Abbiamo ( Eris ) che simboleggia l’ elaborazione del confronto diretto con gli altri, soprattutto a polarità opposte, l’ approccio e l’ elaborazione del pensiero che poi interpreterà i comportamenti dell’ altro sesso, il confronto con l’ esclusione sociale e con la forza distruttiva della natura, l’ approccio con rivali, nemici, nemesi e i Casus Belli, quindi gli eventi triggeranti. Abbiamo ( TX300 ) che rappresenta l’ elaborazione di ciò che diventerà poi diffusione di informazioni, rapporto con i mass media, manipolazione, propaganda, il bisogno di attirare l’ attenzione, il mercanteggiare, la nostra versione dei fatti, la scelta di una fazione, e quindi in sostanza la nostra ideologia e il nostro messaggio. Abbiamo ( AW197, anche detto Edison ) che rappresenta ciò che ci coglie quando si accende la lampadina, l’ energia che alimenta una idea, una connessione, una epifania, una rivelazione interiore, la capacità di costruirsi una rete sociale, la vocazione.  

In tempi più recenti abbiamo anche ( Huya, dio della pioggia, nome analogo ad una nota azienda finanziaria Giapponese ), che rappresenta la nostra idea di diritti sociali, l’ approccio con il concetto di scarsità, e la sete di qualcosa, ma anche le occasioni che piovono sul nostro percorso. ( Varda, ancora poco noto e poco elaborato ) che potrebbe simboleggiare lo sviluppo interiore della forza creativa, la capacità di vedere oltre, e la chiarezza mentale, una energia positiva, che porta luce nell’ ignoto. Abbiamo ( Sila – Nunam ) un elemento binario che rappresenta la codipendenza, e l’ attaccamento a situazioni tossiche. Abbiamo ( Albion ) che ventisette anni fa ha prodotto una nuova era astrologica ma ha ricevuto il nome solo di recente, e rappresenta il rapporto con le iniziative, la costruzione e la fondazione di imprese e di ” mondi ” , il nostro imperialismo interiore, le iniziazioni e i riti di passaggio.

Abbiamo anche gli onirici Mors – Somnus ( un altro elemento binario come Plutone e Sila – Nunam ) e Altira, che simboleggiano il primo il rapporto con l’ inconscio notturno, i pensieri che ci vengono al buio, in solitudine, mentre cerchiamo di addormentarci, la sensazione di lasciarci la giornata alle spalle e quindi di prepararci ad una ” piccola morte transitoria “, essere in allerta e veglia notturna, la letargia, l’ eventuale anemia mediterranea, la stimolazione, il sonnambulismo per alcuni, l’ uso di luci per sfuggire al buio, la meditazione sul cuscino, il sogno lucido. Il secondo, che rappresenta la fase REM, il mondo del sogno aborigeno, che simboleggia coloro che incarnano un sogno, che esprimono un sogno, che rappresentano il sogno di altri, gli incubi, l’ assorbimento in sé stessi, l’ approccio con i sogni e il significato che vi associamo.      

E ce ne sarebbero tanti altri, magari ancora da nominare e da scoprire. La metafora associabile all’ eclittica è il grado a spettro della tangibilità, e della capacità umana di quantificare, studiare e prevedere l’ andamento e il percorso sul quale viaggiano le nostre aree mentali. In questo caso ( Eris ) sarebbe l’ area dal percorso più complesso e turbolento.

Abbiamo ( Sedna ) che rappresenta l’ inerzia, il desiderio di sopravvivenza, la vittimizzazione, il sacrificio, il pianto interiore e silenzioso, la privazione, il rapporto con ciò che non è aggiustabile e correggibile, il disgusto, il sentirsi eventualmente miserabili, in depressione, diciamo che frequentiamo l’ area di Sedna nei punti più bassi della nostra vita. Infatti sta proprio al fondo del nostro inconscio.

Anche se non tutto è perduto, perché pare che ancora più in fondo ci sia ( OR10 ) che rappresenta la connessione con uno sconosciuto, l’empatia, la compassione profonda e umana, la partecipazione alla collettività, la commozione, la suscitazione, l’ incoraggiamento, la carità, e l’ espressione di pensieri profondi.

L’ inconscio, come funziona nel rapporto fra le aree più periferiche del Sistema Solare e gli otto pianeti, è uno specchio, o il lato oscuro del conscio, proprio come il Sole contiene la sua parte oscura in OR10, Mercurio in Varuna e TX300, Marte e Venere rispettivamente in Eris e nel non ancora menzionato ( Lempo: amore capriccioso, pericoloso, morboso, la violazione dell’ intimità altrui, l’ amore che prende il controllo del conscio, la passione sofferta, la frenesia amorosa, l’ amore non corrisposto e la seduzione dell’ altro ), Cerere e Plutone in Haumea, Giove in Quaoar, Saturno in Orcus e Sedna, Urano in Makemake e Issione ed Edison, Luna e Nettuno rispettivamente in Salacia e OR10. Infatti i Transnettuniani e altri nuovi astri rappresentano le espressioni oscure e inconscie del territorio mental – emotivo che abbiamo vissuto finora.

Non solo questo, ma l’ Astrologia include un sistema di ” etichettatura dei flussi ” simile all’ I Ching con i suoi esagrammi, ed è composto dai 360 gradi sabiani, per ognuno dei quali esiste una definizione e una immagine mentale associabile.  

Il Ventunesimo secolo in Astrologia è iniziato nel 1992, con la scoperta del primo Cubewano ( quello che ora si chiama Albion ) e rappresenta il secolo della filosofia e dell’ approccio con il nostro inconscio, nei minimi dettagli.

 

 





Astrologia postmoderna delle costellazioni, una nuova alternativa

16 01 2019

 

Visualizza immagine di origine

 

eclittica2

Visitate anche i seguenti link sul sito dedicato: ( i contenuti sono identici, ma se vi appassiona l’ astrologia, NON potete perdervi i CONTENUTI INTERI del sito! )

https://astrologiapostmoderna.wordpress.com/orione-e-ofiuco-due-segni-zodiacali-alternativi/

https://astrologiapostmoderna.wordpress.com/astri-in-transito-in-orione/

https://astrologiapostmoderna.wordpress.com/astri-in-transito-in-ofiuco/

https://astrologiapostmoderna.wordpress.com/i-nuovi-pianeti/

https://astrologiapostmoderna.wordpress.com/nuovo-ordine-del-sistema-solare-e-della-kuiper-belt-3/

https://astrologiapostmoderna.wordpress.com/astri-non-piu-tanto-nuovi-ma-poco-usati/

L’ Astrologia basata sulla nuova astronomia è un metodo che può servire a tentare di adattare il metodo e la cultura dell’ astrologia psicologica – stagionale alla scienza …

Ho scelto di costruire una Astrologia con 16 segni zodiacali, perché a tutti gli effetti sull’ Eclittica il Sole transita, nel corso di un anno, in 16 costellazioni. Inoltre, oltre al Sole, anche gli altri astri attraversano queste costellazioni, per esempio la Luna va in Cetus, Orione e Sestante ( oltre che tecnicamente in Ofiuco ), Mercurio anche, Marte forse solo in Cetus e Ofiuco, Giove in Ofiuco, Cetus e Orione, come anche Saturno, e Urano solo in Cetus e Ofiuco, mentre Nettuno in Cetus, Orione e Ofiuco, e Plutone in Ofiuco e Cetus.

Ho scelto quindi di introdurre Orione ( 3 giorni l’ anno ), Sestante ( solo il 3 settembre ), Ofiuco ( ben 18 giorni l’ anno ) e Cetus. ( solo il 14 e il 27 marzo )   

Nel Modello Astronomico, l’ Ariete inizia il 18 aprile, il Toro inizia il 13 maggio, Orione dura solo 3 giorni ( 18 – 20 giugno ) in prossimità del solstizio d’ estate, il Gemelli inizia il 21 giugno, il Cancro inizia il 20 luglio, il Leone inizia il 10 agosto, fa una visita in Sestante il 3 settembre, e poi torna in Leone, il Vergine inizia il 16 settembre, il Bilancia inizia il 30 ottobre, lo Scorpione inizia il 23 novembre e dura pochi giorni, perché sopraggiunge Ofiuco il 29 novembre, mentre il Sagittario inizia il 17 dicembre, Capricorno il 20 gennaio, Acquario il 16 febbraio, e il Pesci l’ 11 marzo, facendo due visite in Cetus il 14 e il 27 marzo, per poi tornare in Pesci.

Se ci pensiamo bene, vediamo come queste date siano simboliche … per esempio quel periodo di aprile è un periodo critico per gli attacchi terroristici in Usa e in Giappone è il giorno delle invenzioni ( Ariete indica il pionierismo ), il 13 maggio è intorno alla festa della Madre, che si può intendere anche come Madre Natura, il 20 giugno è il giorno dedicato ai rifugiati ( si allaccia alla parola chiave ospitalità dell’ Orione ) il 21 giugno è primo giorno d’ estate e quindi periodo di maggiore libertà per i ragazzini simboleggiati dall’ adolescenza gemellina. E’ anche il giorno dello Yoga, e degli Umanisti. Ovviamente il 20 luglio è il giorno dell’ Allunaggio, mentre il 10 agosto è il giorno delle stelle cadenti, il 16 settembre generalmente si torna a scuola e alla routine lavorativa, il 30 ottobre ci si prepara a ” vestirsi in costume ” ( Bilancia, Venere ) per Halloween, il 23 novembre è tempo di Ringraziamento, Black Friday ( spese matte ) oppure anche del Buy Nothing Day, in opposizione al materialismo del Toro, il 17 dicembre è il giorno del primo volo effettuato nella storia, il 20 gennaio è il giorno del debutto presidenziale statunitense ( Status, reputazione, Capricorno, Saturno ), e l’ 11 marzo è il giorno dello tsunami giapponese.

Il 14 marzo è il giorno di Einstein e del Pi Greco Day ( si può pensare all’ avventura nell’ oceano del film La Vita di Pi? ) , il 27 marzo è il giorno globale del Teatro.

Per fare il confronto con l’ astrologia tradizionale: il transito del Sole e dei pianeti nei segni si misura così: ARIETE inizia al grado 28° tradizionale, il TORO inizia al grado 24° tradizionale, l’ ORIONE si situa fra il grado 27° e il 29° del Gemelli tradizionale, il GEMELLI inizia al grado 0° del Cancro tradizionale, mentre il CANCRO inizia al grado 29° del Cancro tradizionale, il LEONE inizia al grado 19° tradizionale, e al grado 10° della Vergine tradizionale fa una breve visita di 1 giorno in SESTANTE, per poi tornare in Leone, mentre la VERGINE inizia al grado 24° tradizionale, mentre il BILANCIA inizia dove si situa il grado 7° dello Scorpione tradizionale, lo SCORPIONE inizia al grado 1° del Sagittario tradizionale, OFIUCO si situa fra il grado 7° del Sagittario tradizionale e il grado 24° dello stesso, il SAGITTARIO inizia al grado 25° tradizionale, il CAPRICORNO inizia al grado 0° dell’ Acquario tradizionale, l’ ACQUARIO inizia al grado 27° tradizionale, il PESCI inizia al grado 21° tradizionale. Al grado 23° del Pesci tradizionale fa una visita in CETUS, come anche al grado 6° dell’ Ariete tradizionale, per poi tornare in Pesci. 

Potremmo introdurre anche delle ” costellazioni subzodiacali ” che indicano il transito di pianeti ( e quindi non del Sole ) in costellazioni extrazodiacali, anche lontane dall’ eclittica. Le costellazioni lunari sono AURIGA e CORVUS. Le costellazioni plutoniane * sono BOOTES, CHIOMA BERENICE, ed ERIDANO e SERPENS. ( * fra l’ altro pare che Plutone non possa transitare in Pesci e Ariete, ma che invece favorisca il transito in Cetus ) Venere è l’ unico astro nel Sistema Solare che passa attraverso 25 costellazioni, per esempio in AQUILA, CANE MINORE, AURIGA, SERPENS, CRATER, CORVUS, IDRA, PEGASO, SCUDO, come anche in CETUS, ORIONE e SESTANTE. Quelle non nominate fanno parte di transiti estremamente rari. Pare poi che i pianeti transnettuniani come Eris passino attraverso costellazioni anche molto lontane dall’ eclittica e dalla fascia zodiacale, ma non ci sono abbastanza dati per verificare. Abbiamo 51 costellazioni subzodiacali ( 24 delle quali particolarmente significative ) per le quali descrivere transiti. Le più significative sono AURIGA, CORVUS, IDRA, CRATER, SERPENS, PEGASO, ERIDANO, COMA BERENICE, BOOTES ( BIFOLCO ), VELA ( della ex Argo Navis ), ORSA MAGGIORE, LINCE, PESCE AUSTRALE, MICROSCOPIO, SCULTORE.

COSTELLAZIONI PLANETARIE:

INTRODUZIONE Indicano il transito di pianeti ( e quindi non del Sole ) in costellazioni extrazodiacali, anche lontane dall’ eclittica. Le costellazioni lunari sono AURIGA e CORVUS. Le costellazioni plutoniane * sono BOOTES, CHIOMA BERENICE, ed ERIDANO e SERPENS. ( * fra l’ altro pare che Plutone non possa transitare in Pesci e Ariete, ma che invece favorisca il transito in Cetus ) Venere è l’ unico astro nel Sistema Solare che passa attraverso 25 costellazioni, per esempio in AQUILA, CANE MINORE, AURIGA, SERPENS, CRATER, CORVUS, IDRA, PEGASO, SCUDO, come anche in CETUS, ORIONE e SESTANTE. Quelle non nominate fanno parte di transiti estremamente rari. Pare poi che i pianeti transnettuniani come Eris passino attraverso costellazioni anche molto lontane dall’ eclittica e dalla fascia zodiacale, ma non ci sono abbastanza dati per verificare. Abbiamo 51 costellazioni subzodiacali ( 24 delle quali particolarmente significative ) per le quali descrivere transiti.

Le 24 principali costellazioni planetarie: Auriga, Corvus, Idra, Crater ( Tazza, Coppa) , Serpens, Scudo, Pegaso, Eridano, Chioma Berenice, Bootes ( Bifolco ), Vela, Orsa Maggiore, ( Argo Navis che non è più riconosciuta interamente ), Lince, Pesce Australe, Microscopio, Scultore, Altare, Unicorno, Corona Australe, Perseo, Lupus, Norma ( Regolo ), Andromeda, Telescopio.

AURIGA parole chiave: Addomesticare ( cavalli ), carro, imitazione, audacia, tenere le briglie, vincere gare, portare una capra in spalla, tenere figlia con sé, sfidare rivali, velocità, manomissione, essere addolorato, essere ingannato.   

CORVUS parole chiave: Disobbedire agli ordini, mandare o essere mandato, catturare, pestare la coda, spifferare segreti, provocare, cambiare colore, diventare nero (abbronzarsi? ), mentire, essere assetato di, volere qualcosa che non si può ottenere.

CANIS MINOR parole chiave: Seguire un leader ( Orione ), autorizzare, giustificare, permettere, annunciare, portare a, mostrare, dimostrare, ricordare con sofferenza.

IDRA parole chiave: Combattere, affrontare ( Eracle ), molteplici opportunità, molteplici identità, resistere, divorare, devastare, avvelenare, avvolgere, crescere, impedire, togliere risorse.

CRATER ( Tazza, Coppa ) parole chiave: Di Apollo, riempirsi, avere risorse in quantità, essere punitore, punizione, trovare buche lungo la strada.  

SERPENS  parole chiave: Essere diviso, scisso, polarità opposte, tenuto in una stretta ( da Ofiuco ), avvolgere, scivolare addosso, rinvigorirsi, ristabilirsi, mutare identità.

SCUDO parole chiave: Difesa, commemorare, commemorare battaglia, difendere i Cristiani o le religioni, armatura.

AQUILA parole chiave: Portare la folgore, dare la scossa, fulminare, rapire, catturare, compiere impresa, fingere, cacciare via, separato da amante, relazioni a distanza, attraversare ponti, ponti piuttosto che muri.

PEGASO parole chiave: Essere la fonte, essere la sorgente, volare, salire in sella, viaggiare, essere domato, compiere imprese, servire da.

ERIDANO parole chiave: Sfociare, essere leader, scorrere, lasciarsi scorrere addosso, seguire una corrente, una moda, oppure crearne una nuova e fare da influencer. Aggregarsi a qualcosa, a qualcuno, anticipare i tempi.

CHIOMA BERENICE parole chiave: Avere capelli particolari o lunghi, massa nebulosa, Amazzone, distinguersi in battaglia, fare voto, tagliarsi i capelli, gratitudine, mantenere promessa, deporre, perdere il vizio.

BOOTES/ BIFOLCO parole chiave: Fare la guardia, addomesticare, riuniti in leghe, orgogliosi del lavoro, essere zoticoni e maleducati, rumoroso, clamoroso, notizia clamorosa, colui che spinge, mandare avanti, frammentarsi.

SCULTORE  parole chiave: Studiare, avere uno studio personale, atelier, scolpire, passione per le sculture, passione per le arti, essere bloccati da qualcosa, adattarsi a situazioni di blocco. ( 1751 ) Botanica, sistemare e classificare, enciclopedia, scienze, mestieri.

PERSEO parole chiave: Eroismo, colpire nel sonno, colpire a sorpresa, darci un taglio, usare la spada, evitare gli sguardi, usare una lama, salvare, affrontare            ( Cetus ), rinunciare al posto ( al trono ).

GIRAFFA parole chiave: Virtù non ostentata, allungarsi, avere una macchia, macchiarsi di qualcosa.

ORSA MAGGIORE parole chiave: Essere una madre che controlla la famiglia, matriarcato, grande mestolo ( Usa ), aratro ( Uk ), i sette buoi ( Latino ), punizione, perdere verginità, fare scandalo, rapporto difficile con figlio, riunirsi con il figlio perduto, salvare, allevare, conflitto genitoriale madre contro padre, nascondere il figlio ( al padre ).

CANI DA CACCIA parole chiave: Levrieri, tenere al guinzaglio, essere tenuti al guinzaglio, tentare di attaccare un animale selvatico ( un orso ), scontrarsi con la madre, essere maschio alfa o maschio beta.     

PESCE AUSTRALE parole chiave: Essere genitori di un ( Pesci ), affinità con l’ Acquario,  recuperare la fertilità, risolvere problemi di fertilità, Siria                            ( costellazione è venerata dai Siriani ), proteggere i pesci e il mondo marino e oceanico, far ammalare, diventare madri da giovani, abbandonare un figlio, bere alcolici, immergersi in profondità, consumare tanta acqua.

UNICORNO  parole chiave: Curare, castità, purezza, neutralizzare, essere il solo, sentirsi solo, cornucopia della fortuna e abbondanza, monaci, monoteismo, femminile, essere diverso, unicità.

PITTORE parole chiave: Cavalletto del pittore, paletta dei colori, caricare asino, canvas, pigmento, pittore, configurare, file, immagine, figura, disfigurare, “ big picture “.

VELA parole chiave: Vela della nave, rivelare, rimuovere il velo, mosso dal vento, bandiera, insegna, condurre, spiegare le vele.

ALTARE parole chiave: Altare, ardente, fare offerte, formare alleanza, arcano, fumo si solleva, il centro della casa, bruciare ( incenso ), fiamme si alzano, cuocere, esorcizzare, sartoriale.

COLOMBA parole chiave: Mandare ed essere mandato in avanscoperta, angusto e insidioso canale, dare informazioni, che l’ evento sta finendo, colomba della pace, aiutare a navigare nei pericoli.

ORSA MINORE parole chiave: Vagone del cielo, indicare direzione, salvare figlio ( da padre violento ), nascondere il figlio, wilderness, essere forte e resistere.

VOLPETTA parole chiave: Falsità, con l’ oca fra le fauci, alopecia, calvizie.

NAVE ARGO parole chiave: Era una volta la più grande costellazione, ora è divisa in Carena, Poppa, Vele, in cerca del vello d’oro, navigare, nautico.

CARENA parole chiave: Cerimonia, Cariatide, timoniere, navigatore, pilotare, portare fuori rotta da tempesta.

BUSSOLA parole chiave: Albero maestro, nautica, onorare antenati, marino, device, misurare velocità, cronometrare, distanza percorsa nei viaggi.

LINCE parole chiave: Sfidare a vedere, luce, illuminare, solitario, montano, avere una buona vista, elusivo, cercare conoscenza e riceverla.

CANE MAGGIORE parole chiave: Seguire leader ( Orione ), ( cane ) in dono, famoso per velocità, cacciare, fare la guardia, fallire a prevenire ( rapimento  ).

MICROSCOPIO parole chiave: Piedi posteriori di ( Sagittario ), simboleggia l’ Illuminismo, commemorazione, magnificare, microscopio, microcosmo, macrocosmo, microbi, ridurre, riduzionismo, sminuire, diminuire.

ERCOLE parole chiave: Sforzo umano in impresa, ginocchia, sulle ginocchia, battaglia con giganti, in posizione difficile, pregare per aiuto, chiedere aiuto al padre, vincere battaglia, trapezista, eroismo.

CORONA AUSTRALE parole chiave: Corona caduta dal capo del Sagittario, gettare via, onorare la madre, ruota di Issione.

GRUS parole chiave: Parte di Pesce Australe, fenicottero.

NORMA ( REGOLO ) parole chiave: Angolo giusto, triangolo del sud, regola, livella, righello, squadra, geometria, carpentiere, strumenti, livello, livellare, conoscenza, la normalità, anormale, Illuminismo.

CIRCINUS ( COMPASSO ) parole chiave: Disegnare ( cerchi, a pois ), draft ( ing ), attrezzo, strumento.

FORNACE parole chiave: Chimica, cuocere, termometro, terme, simboleggia Illuminsimo, bruciare, brand.

MACCHINA PNEUMATICA ( ANTLIA ) parole chiave: Comprimere, soffocare, gas, termodinamica, gonfiare, far pressione, scienziati, affondare, prendere acqua da      ( dal pozzo ), stiva di nave, svuotare, vanità, evanescenza, dissiparsi, sparire, vacante, evitare, evacuare, sprecare, devastare, pompiere, spremere informazioni, far parlare un prigioniero, interrogare, essere pomposo, essere pieno di sé.

PAVONE parole chiave: Simboleggia il firmamento e le stelle, pavido, pavor, paura, timore, carro di Era guidato da pavoni, creatura con tanti occhi, fare la guardia, addormentarsi con la musica, essere colpiti nel sonno.

LUCERTOLA parole chiave: Piccola Cassiopea, Stellagama ( specie di lucertola ), lacrima, lacerare.

LUPUS parole chiave: Uccidere per o essere uccisi da ( Centauri ), cane rabbioso, leone umanoide, associato al Sole, licantropo, mannaro.

CEFEO parole chiave: Re di Etiopia, marito di Cassiopea, padre di Andromeda, pregare gli dei, risparmiare la vita di ( Andromeda ), re seduto sul trono.

LIRA parole chiave: Aquila cadente, la lira di Orfeo, la prima, affascinante, oggetti animati, calmare voci pericolose, imitare, rifiutare donne, vagare senza meta, parlare di frivolezze, filastrocca, lirica, malinconia, cullare, far addormentare.

INDIANO parole chiave: Uomo nudo, arciere, no arco, solo frecce, solo lancia, indigeno, India, indigo, interiore, intimità, intuizione, visualizzazione mentale.

TUCANO parole chiave: Becco lungo, lanciare, pitch del tono della voce, nativo delle Indie dell’ Est, Brasile e Brasiliano, pizzicare, aguzzo, raccogliere, strumento appuntito, augurio.

CASSIOPEA parole chiave: Regina di Etiopia, madre di ( Andromeda ), punita, Dharma ( leggi e insegnamenti buddhisti ), far arrabbiare, essere ( la più ) bella, forzata a vagare, tenersi stretta, aggrappata a ( al trono ), mano insanguinata, supporto, eccellere a parole.

ANDROMEDA parole chiave: Donna in catene, dea della fertilità, fra gli scogli, salvata da eroe, moglie di (Perseo), figlia di (Cefeo), sacrificata a ( Cetus ), grande famiglia, sposarsi, uomo e donna moderni.

OROLOGIO parole chiave: Oscillante, pendolo, simbolizza l’ Illuminismo, misurare tempo, fare l’ oroscopo.

DRAGONE parole chiave: A guardia delle mele ( d’ oro ), ucciso da Eracle / Minerva, ucciso da ladro, lanciato nel cielo, combattere, congelare/rsi, attorcigliato, figlio di Tifone, draconiano, leggi draconiane, severe, drastiche. 

CIGNO parole chiave: Camuffarsi, sedurre, trasformato, fratello che soffre, mancanza del fratello, essere a lutto, devozione ( a fratello ), suicidio e sopravvivenza, immergersi, raccogliere ossa, avvelenare, domandare un toro calmo, migrare per sfuggire, sfuggire a banda di, sfuggire ai lupi, volar via, non più così invulnerabile, salvato da ( Nettuno ), “ L’ ultima opera “, distruggere raccolti e frutteti, risuonare, sonico, sonetto, suono, all’ unisono, Orfeo, orfano, orfico, mistico, affascinante.

Sorprendentemente ho scoperto che anche gli Ascendenti subiscono il cambiamento dato dalla Precessione! Infatti, una Astrologia Astronomica  dovrebbe includere delle ” costellazioni ascendentali “ , ed escludere Ariete, Gemelli, Cancro, Bilancia, Scorpione, Sagittario e Capricorno, poichè essi non possono fungere da Ascendente ( che è la parte dell’ identità Solare che si dimostra in pubblico, come ci si presenta agli altri, mentre la vera Identità Solare è quella del privato ). In certe circostanze, funge da scudo o maschera per proteggere la vera natura di una persona, come meccanismo di difesa. L’ ascendente è quello che noi chiamiamo “prima impressione”, l’idea che noi diamo di noi stessi a chi ci guarda in modo superficiale o ci incontra per la prima volta. In particolare, l’importanza dell’ascendente è il modo in cui esso può esaltare, confondere o nascondere le caratteristiche del sole di nascita.

Le costellazioni ascendentali subzodiacali sono 15 : Pesci ( che copre l’ Ariete ), Cetus ( che copre parte di Toro e Gemelli ),  Eridano ( che copre il Cancro ), Orione ( che copre parte del Leone ), Idra ( che copre una piccola parte della Vergine ), Vergine ( che copre Bilancia e Scorpione ), Ofiuco ( che copre il Sagittario ), Aquila ( che copre il Capricorno ), Acquario, Pesci al posto giusto. Inoltre fra Cetus – Gemelli e Leone si inseriscono Orione, Unicorno, Canis Minor, Idra, Sestante. Prima di Ofiuco si inserisce Serpens, come anche fra Ofiuco e Aquila, mentre Cetus ed Eridano coprono una parte di ciò che c’è fra il Pesci e Toro.

ERIDANO parole chiave: Sfociare, essere leader, scorrere, lasciarsi scorrere addosso, seguire una corrente, una moda, oppure crearne una nuova e fare da influencer. Aggregarsi a qualcosa, a qualcuno, anticipare i tempi. Sta al posto dell’ ascendente in Cancro e una parte di ascendente in Ariete. Governato da Sedna.

IDRA parole chiave: Combattere, affrontare, molteplici opportunità, molteplici identità nascoste, resistere, divorare, devastare, avvelenare, avvolgere, crescere, impedire, togliere risorse. Vale come rimpiazzo di alcuni ascendenti in Leone e Vergine. Governato da Haumea.

AQUILA parole chiave: Uccello del tuono, portare la folgore, dare la scossa, fulminare, rapire, catturare, compiere impresa, fingere, cacciare via, essere separato da amante, relazioni a distanza, ponti piuttosto che muri, attraversare un ponte. Rimpiazza l’ ascendente in Capricorno. Governata da Venere.

UNICORNO parole chiave: Curare, castità, purezza, neutralizzare, essere il solo, sentirsi solo, cornucopia della fortuna e abbondanza, monaci, monoteismo, femminile, essere diverso, unicità. Rimpiazza una parte degli ascendenti in Cancro. Governato da Haumea.

CANIS MINOR parole chiave: seguire un leader ( Orione ), annunciare, portare a, mostrare, dimostrare, autorizzare, giustificare, permettere, ricordare con sofferenza. Rimpiazza una parte degli ascendenti in Cancro. Governato da Venere.

SERPENS parole chiave: essere diviso, essere scisso, polarità opposte, tenere in stretta ( da Ofiuco ), essere alle strette, avvolgere, scivolare addosso, rinvigorirsi, ristabilirsi, mutare ( identità ). Rimpiazza una parte degli ascendenti in Sagittario e l’ ascendente in Scorpione. Governato da Plutone.    

Ascendente in Eridano: Chi possiede questo ascendente può scegliere se diventare un leader oppure confondersi fra la folla. Avverte fortemente lo scorrere del tempo, e se negativo si lascia scorrere la vita davanti agli occhi facendo ben poco di concreto. Potrebbe essere una persona che è resistente ai giudizi e alle opinioni altrui, poiché le loro parole non lo raggiungono nel profondo. Può essere una persona che segue una moda, una corrente di pensiero, oppure la può creare, arrivando anche ad anticipare i tempi, e diventare un influencer, un punto di riferimento. Arrivato di fronte a dei cambiamenti, cerca di aggrapparsi a qualcosa, al suo passato, oppure ad una persona vicina. Può avere una passione per la navigazione dei fiumi.

Ascendente in Idra: Chi possiede questo ascendente può essere un combattente, una persona che affronta l’ altro, e che ha ricevuto molteplici opportunità nella vita, oppure si è creato una o più identità nascoste. Dal carattere molto resistente, probabilmente possiede una fame vorace e può essere devastante quando si arrabbia. Capace di giudizi velenosi, e di una attitudine a creare relazioni avvolgenti nei confronti del prossimo. Probabilmente è cresciuto di statura in fretta. Può creare impedimenti agli altri, oppure togliere delle risorse a chi lo ha contrariato, così facendo sarà lui a mantenere il controllo e prendere le decisioni.

Ascendente in Aquila: Chi possiede questo ascendente non passa inosservato. Può essere una persona che lavora in centrali elettriche, e si occupa di provvedere all’ impianto elettrico. Questa persona smuove e scuote quando agisce, provocando emozioni fulminanti e stimolando le persone a darsi da fare. Può fulminare una persona con lo sguardo. Se molto negativo può essere un rapitore, se invece è positivo può essere un poliziotto che cattura un delinquente. Nella vita qualche impresa memorabile la compirà. Può essere una persona che finge, e se si sente disturbato, caccia via il prossimo senza problemi. Può essersi trovato in situazioni dove è stato separato per qualche periodo dal partner, oppure può essersi impegnato in relazioni a distanza. Soggetto a colpi di fulmine. Probabilmente è una persona che preferisce costruire ponti piuttosto che erigere muri.

Ascendente in Unicorno: Questa persona può essere un guaritore, e di solito predilige la castità, e ha un carattere puro e sincero, capace di neutralizzare le emozioni negative negli altri. Al negativo può essere una persona che si trova spesso in situazioni dove si sente solo, o rimane solo, oppure può essere una persona particolarmente originale e diversa, così che è ” il solo ” ad aver compiuto qualcosa finora. Legato alla cornucopia della fortuna e abbondanza, potrebbe essere favorito alla lotteria! Oppure potrebbe occuparsi di organizzare una lotteria. Legato anche al monachesimo, può essere uno che si fa monaco, oppure che predilige particolarmente le visite nei monasteri. Di solito se si impegna in una relazione, non tradisce e non guarda altre persone, ma rimane fedele. Un maschio con questo ascendente potrebbe avvertire energie più affini al mondo femminile o può avere una comprensione più ampia delle donne.

Ascendente in Canis Minor: Questa persona di solito si affida ad un leader o ad un superiore, magari del segno dell’ Orione, e può essere un annunciatore di notizie, magari un cronista televisivo o un presentatore di telegiornali e altri spettacoli, oppure può essere un autista che porta in giro le persone, oppure può occuparsi di mostre, o si occupa di dimostrare qualcosa, autorizzare qualcuno a fare qualcosa, se è un insegnante o un genitore segnerà molte giustificazioni, e sarà di solito una persona permissiva. Di solito si porta dentro un evento o una esperienza del passato che ricorda con sofferenza.

Ascendente in Serpens: Questa persona di solito affronta situazioni dove è diviso dagli altri, diviso da persone vicine a lui, e di solito è scisso fra una possibilità e l’ altra, fra un lato della sua personalità e uno diverso. Nella sua vita ha osservato polarità e fazioni opposte e se si schiera di solito è contradditorio. Se si relaziona con un Ofiuco, sarà quest’ ultimo a mantenere il controllo e a metterlo alle strette. Infatti, per questo ascendente, essere messo alle strette è particolarmente complicato perché non sa come agire, e si disorienta. Può essere una persona avvolgente nell’ intimità, oppure può accorgersi che qualcuno è indifferente alle sue parole o alle sue azioni, una cosa che potrebbe tormentarlo. Ma di solito è molto capace di rinvigorirsi e mutare mentalità, e addirittura identità se necessario, per ripartire di nuovo.

CARATTERISTICHE DEI NUOVI SEGNI ZODIACALI :

ORIONE – Dominato da Cerere, associato al mito del ” cacciatore gigante “. Parole chiave: cieco, cecità, non vede, recupera visione, avverso allo Scorpione, lotta contro il Toro, è curato da Ofiuco, padre di due gemelli, possiede (due) cani (da caccia), cintura, spada, montagna, orologio, spadaccino del cielo di Tolkien, testa fra le nuvole, orientamento, colpito per gelosia dallo Scorpione, triplice paternità, avere un figlio senza sposarsi, adottare un figlio, ospitare, ospitalità ai potenti, trovare un bambino, urina, spazi aperti, libertà, natura selvaggia – OPPOSTO a Ofiuco, è un segno di TERRA.

E’ probabile che gli Orione abbiano a cuore il tema della caccia, sia come pratica che come opposizione ad essa, e della natura, del mondo dei cani, e siccome conosco una persona nata nel transito del Sole in Orione, queste parole chiave mi concedono numerose sincronicità con la sua personalità, quindi lei diventa ” simbolica ” quando penso alle caratteristiche di Orione, fisicamente al negativo potrebbe dare problemi di vista, aver bisogno di occhiali, ma anche recuperare una visione nuova, un nuovo punto di vista prima ignoto, potrebbe praticare scherma, amare la montagna e le foreste, ed essere particolarmente alto, amare gli spazi aperti, essere sovrappensiero, guardare gli altri dall’ alto, avere un buon o un cattivo orientamento, potrebbe avere una attitudine all’ adozione e all’ ospitalità, ed esperienze relative all’ urina … 

OFIUCO – Dominato dall’ asteroide Chirone, e da Ixion e Makemake, nuovi pianeti transnettuniani, associato al mito dell’ ” addestratore di serpenti “. Parole chiave: addestrare, incantare, manipolare, affascinare, ipnotizzare, ipnosi, sonno, apnea, curare, guarire, guarigione, medicine, restaurare, salvare la vita, un pericolo per l’ Ade ( Oscurità, Ignoto ), carisma, magnetismo, persuasione, tentazione, il Serpente biblico della tentazione e del peccato, affinità con i serpenti, essere una serpe, ricevere protezione, essere immune, avvelenare, velenoso, tossico, dottore, farmacista, stringere, mantenere stretto, anestesia – OPPOSTO a Orione, è un segno di ARIA.   

Qui si vede che gli Ofiuco possono avere un notevole e significativo lato oscuro, penso infatti alla capacità di manipolare, persuadere, mandare in tentazione, essere visto/a come una serpe, una lingua biforcuta, essere velenoso e tossico, tenere le persone in una stretta, ma anche un notevole e significativo lato buono, relativo alla capacità di addestrare e tenere buoni i cattivi, avere un grande carisma, potrebbe avere esperienze relative all’ ipnosi, essere un nuotatore o un subacqueo, e sicuramente avrà una passione per la medicina, la salute, e sarà un buon medico, o anche uno sciamano, e restaurare oggetti come anche salvare le persone, e potrebbe essere visto come un pericolo per il ” mondo underground ” quindi essere dalla parte della legge, ma attenzione a non farsi abbindolare dai futuristi della Singolarità Tecnologica di Kurzweil! Potrebbe addomesticare animali esotici, come i serpenti, ovviamente, ricevere protezione ( guardie del corpo ), avere esperienze negative con medicine e veleni, sostanze tossiche, passare spesso in farmacia e in ospedale oppure esperienze relative all’ anestesia.

SESTANTE – Dominato da Mercurio, non è associato a nessun mito in particolare. Parole chiave: strumento di navigazione, astronomico, strumento musicale ( Urania era una delle muse dee della musica ),a occhio nudo, misurare, determinare, Urania ( musa dell’ astronomia ), commemorazione, distruzione, incendio, perdita degli strumenti, indicare un globo terrestre, uranografia ( mappatura delle stelle e galassie ), uso su navi e imbarcazioni; la costellazione è stata creata nel 1687, l’ anno in cui Newton formulò la Teoria Gravitazionale, le Leggi della Meccanica, la formula della velocità del suono, innescando – un’ ondata di cambiamenti intellettuali, fornendo nuovi metodi per studiare la fisica. Inoltre in quell’ anno in Inghilterra venne dichiarata la libertà di coscienza e vennero sospese le leggi contro il nonconformismo. Non ha opposti, è un segno di FUOCO.

Ne deduco che i Sestanti hanno una passione per l’ astronomia, e probabilmente suonano uno strumento musicale, hanno una vista acuta che permette loro di determinare, misurare e avere intuizioni speciali. Queste persone però possono sottovalutare o perdere il loro talento o gli strumenti per andare avanti, e possono avere una avversione per il fuoco, oppure hanno dentro di loro una drammatica memoria impressa. Sono persone che hanno una passione per i viaggi in zone sconosciute, poco note e visitate, dove è necessario orientarsi tramite una mappa. Potrebbero essere astronauti che fanno a meno della forza della gravità, possono essere persone che superano il muro del suono su mezzi superveloci, persone molto intelligenti e capaci, che forniscono nuovi metodi per comprendere il mondo, e sono persone che non si adattano alla massa ma spiccano individualmente.

CETUS / BALENA – Dominato dai nuovi pianeti Transnettuniani Sedna, Eris e da Plutone, è associato al mito del ” mostro marino “. Parole chiave: mostruoso, divorare, combattere i mostri, affrontare i propri demoni, distruggere un terreno, erosione, tempesta, spazzare via, affondare, perdere carico, gettare la zavorra, pirati e pirateria. Affrontare le paure e l’ ansia, vedere il mostro negli altri, combattere e confrontarsi con il male, comprendere le motivazioni e le cause dei mali, il terrorismo, odio verso gli altri, interpretare o creare un antagonista, avere il corpo sfigurato, avere compassione per chi affronta i suoi demoni. Non ha opposti, è un segno di ACQUA.  

Si potrebbe dire che queste rare persone hanno un lato oscuro accentuato e significativo, ma potrebbero anche soffrirne e combattere contro sé stessi, affrontano i loro demoni interiori, oppure contrastando le persone malvagie del mondo. Sono persone che si arrabbiano facilmente, e allora diventano elementi devastanti. Per loro il passaggio del tempo è come un fenomeno che erode il passato e lo dissolve, spazzandolo via. Sono persone che hanno toccato il fondo, che sono affondate, ad un certo punto della vita, e che hanno dovuto gettarsi alle spalle la zavorra, le situazioni e le persone che erano troppo pesanti da portarsi appresso.  

Per non stravolgere il ciclo delle case relative agli altri Segni, propongo di aggiungere una Tredicesima casa associata ad Ofiuco, e una Quattordicesima casa associata ad Orione. E anche una Quindicesima casa associata a Sestante, e una Sedicesima casa associata a Cetus. Rimane da capire che cosa potrebbero rappresentare e racchiudere, in quanto a tematiche e archetipi, queste nuove Case …

Nella Astrologia Tradizionale abbiamo: la casa del SE’ / dell’ IO, la casa dei VALORI, la casa delle COMUNICAZIONI, la casa dell’ ABITAZIONE e della FAMIGLIA, la casa dei PIACERI, la casa del LAVORO e SALUTE, la casa delle ASSOCIAZIONI e PARTNERSHIP, la casa delle TRASFORMAZIONI, la casa della FILOSOFIA, la casa della REPUTAZIONE PUBBLICA, la casa delle AMICIZIE, e la casa dell’ INCONSCIO e del DISFATTISMO.

Una Casa 14 potrebbe essere denominata della VISIONE / PUNTO DI VISTAdell’ ORIENTAMENTO – della OSPITALITA’ relativamente ad ORIONE, mentre una Casa 13, relativamente ad OFIUCO, potrebbe essere denominata della REDENZIONEdella RESTAURAZIONEdella PROTEZIONE, ma anche – della SOPPRESSIONE e ASSOPIMENTO.

Una Casa 15 potrebbe essere denominata della STRUMENTALIZZAZIONE, del DEDICARE, dell’ INTUIZIONE, mentre una Casa 16 potrebbe essere denominata della LOTTA INTERIORE, dell’ ESORCIZZAZIONE, dell’ ESPULSIONE, dell’ EROSIONE, e del TOCCARE IL FONDO.     

Nuovo ordine dei pianeti del sistema solare e della Kuiper Belt

Sole – Mercurio – Venere – Luna – Marte – Cerere – Giove – Saturno – Urano – Nettuno – Plutone – 2003az84 – Orcus – Ixion / Issione – Huya – 2002ms4 – Salacia – 2004gv9 – Varuna – Haumea – Quaoar – Makemake –  2002AW197 – 2007OR10* –  Eris – Sedna ( Chirone a parte ) – ( 2007OR10 – dal 2013 più lontano dal Sole di Sedna )

  • CON I NOMI DA ME PROPOSTI PER I PIANETI INNOMINATI: Sole – Mercurio – Venere – Luna – Marte – Cerere – Giove – Saturno – Urano – Nettuno – Plutone – Xolotl – Orcus – Ixion / Issione – Huya – Olelbis – Salacia – Skandamata – Varuna – Haumea – Quaoar – Makemake –  Edison/ Nanabozho – Yemoja * –  Eris – Sedna – Yemoja *

Il percorso sull’ eclittica degli astri

I pianeti del Sistema Solare possono transitare anche fuori dalla zona eclittica delle 16 costellazioni zodiacali ( 14 ufficiali e 2 solo sfiorate ). Tutto dipende dall’ inclinazione della loro orbita rispetto all’ eclittica. Per esempio, Mercurio e Venere hanno una inclinazione notevole ( Mercurio 7°, Venere 3° ) e Venere può transitare anche oltre alla zona zodiacale. Marte, Giove, Urano e Nettuno, soprattutto Urano ( che ha inclinazione 0° ) hanno invece orbite regolari, e raramente Marte esce dalla zona zodiacale, mentre Giove, Urano e Nettuno non lo fanno quasi mai. Cerere e Chirone si distinguono ( Cerere 10° e Chirone 6° ) e possono uscire notevolmente dalla zona zodiacale. Per quanto riguarda i pianeti transnettuniani, Plutone ha inclinazione 17°, come Varuna, Orcus ha inclinazione 20°, simile a Ixion ( 19° ), Haumea e Makemake sono simili ( Haumea 28° e Makemake 29° ), mentre Quaoar è il più regolare ( solo 7° ) e anche Sedna ( 11° ), mentre 2007OR10 ed Eris hanno una inclinazione estrema ( 2007OR10 è a 30° mentre Eris è a 44° ). Molti pianeti transnettuniani saltano del tutto alcune costellazioni zodiacali. Per esempio Plutone non passa in Pesci e Ariete, come Orcus, Ixion salta Cancro e Capricorno, Haumea salta la Bilancia, e forse anche il Capricorno, Makemake forse salta l’ Ariete, e salta la Bilancia, e forse anche Capricorno e Acquario, Eris forse salta il Toro, la Bilancia e il Sagittario, Sedna forse salta il Pesci e l’ Ariete, e 2007OR10 salta Ariete. Bilancia, Capricorno.

LUNA: fra il Toro e il Gemelli passa di frequente in Orione e in Auriga e in Sestante fra Leone e Vergine, mentre raramente in Corvus fra Vergine e Bilancia. Passa anche in Ofiuco fra Scorpione e Sagittario, e fra Pesci e Ariete passa in Cetus.

MERCURIO: fra il Toro e il Gemelli passa in Orione, e fra Leone e Vergine in Sestante. Passa anche in Ofiuco, e in Cetus.

VENERE: passa in Orione, e molto raramente fra Toro e Gemeli anche in Auriga, e fra Gemelli e Cancro, molto raramente, passa in Canis Minor. Fra il Cancro e il Leone passa in Idra, e fra Leone e Vergine passa in Sestante, e successivamente anche in Crater ( Tazza, Coppa ), e mentre è in Vergine passa in Corvus, e molto raramente mentre è in Bilancia passa in Serpens. Passa in Ofiuco, e mentre è in Sagittario, molto raramente passa in Serpens, Scudo e Aquila. Mentre è in Acquario passa in Pegaso, e poi passa anche in Cetus.

MARTE: in circostanze estremamente rare passa in Orione e in Auriga fra il Toro e il Gemelli. Passa anche in Ofiuco e in Cetus.

CERERE: Ariete, Toro, Orione, Gemelli, forse Canis Minor, Cancro, Leone, Sestante, Vergine, Chioma Berenice, Bilancia, Scorpione, Ofiuco, Sagittario, Scudo, Microscopio, Capricorno, Pesce Australe, Acquario, Pesci e può passare in Cetus per più di sei mesi.

GIOVE: passa in Orione ( meno frequentemente ), Ofiuco e Cetus.

SATURNO: passa in Orione, Ofiuco e Cetus.

URANO: passa in Ofiuco e Cetus.

NETTUNO: passa in Orione, Ofiuco e Cetus.

CHIRONE: passa in Ariete, Toro, forse in Orione, Gemelli, Cancro, Leone, Vergine, Bilancia, Scorpione, Ofiuco, Sagittario, Lira, Scudo e Aquila sono in forse, e poi Capricorno, Acquario e Pesci.

PLUTONE: Non transita in Ariete, ma predilige Cetus, e mentre è in Toro passa anche un anno in Eridano. Passa dai tre ai diciannove anni in Orione, poi transita Gemelli, Cancro, Leone, Chioma Berenice per cinque anni, forse Crater,Vergine, Corvus, Bootes per un anno, Bilancia, Serpens per cinque anni, Scorpione solo per breve tempo, Ofiuco per cinque anni, poi torna in Serpens, e sta nel complesso ventitre anni in Serpens, e poi va in Sagittario, forse Aquila, Corona Australe, Capricorno, Acquario e in Cetus, saltando quindi il Pesci. Passa infatti ben cinquantasei anni in Cetus.

ORCUS: Ha un’ orbita quasi identica a quella di Plutone, ma passa in segni opposti ad esso. Salta l’ Ariete e va in Cetus, poi in Toro ed anche Eridano per un anno, mentre in Orione può passare forse anche il Pittore, e mentre è in Gemelli passa anche quattro anni in Colomba, Auriga e Pittore. Mentre è in Cancro passa anche in Bussola, Idra e Vela. Mentre è in Leone passa anche in Sestante e in Chioma Berenice. Mentre è in Vergine passa in Bootes, e mentre è in Bilancia passa in Orsa Maggiore e Serpens. Poi passa in Scorpione, Ofiuco, torna in Serpens, va in Sagittario, salta il Capricorno, e va in Microscopio e Pesce Australe, e mentre è in Acquario passa per Pegaso. Salta il Pesci e va in Cetus.

ISSIONE: Salta Ariete e va in Cetus, poi in Toro, e fra Toro e Gemelli passa in Auriga e Orione. Mentre in Gemelli pare passi anche di nuovo in Auriga. Salta il Cancro, e predilige Lince, forse Bussola, poi va in Leone ( minore ), Chioma Berenice, Crater, poi in Vergine, Bilancia, Orsa Maggiore, Scorpione, Ofiuco, e mentre è in Sagittario passa per la Corona Australe. Salta il Capricorno e va in Microscopio, e Pesce Australe, poi in Acquario, Scultore e Cetus, saltando il Pesci. Mentre è in Cetus potrebbe anche andare in Triangolo.

SALACIA: va in Perseo, saltando l’ Ariete e il Toro, Orione, Unicorno al posto del Gemelli, Lince, Idra, saltando il Cancro, Leone Minore, Vergine, Chioma Berenice, Lupus, Serpens, saltando Bilancia e Scorpione, Ofiuco, Serpens, Telescopio, Pesce Australe, saltando Sagittario e Capricorno, forse in Acquario, e nella zona va in Pegaso e Cavallino. Non è chiaro se va davvero in Pesci.

VARUNA: passa per l’ Ariete, in Toro, e in Eridano per un anno, poi in Auriga e Orione, Gemelli, e fra Gemelli e Cancro va anche in Unicorno. Fra il Cancro e la Vergine passa per Idra e Crater. Fra Leone e Vergine passa in Crater, Idra, Cane Maggiore, Bootes, Chioma Berenice, torna in Bootes e poi nella Vergine passa in Corvus, poi Bilancia, forse Serpens, Scorpione, Ofiuco, forse torna in Serpens, Sagittario, Capricorno, Acquario, e salta Pesci andando in Cetus.

HAUMEA: passa in Ariete, Toro, Orione, fra Orione e Cancro va anche in Unicorno, dopo Orione va in Gemelli, e fra il Gemelli e il Leone pare passi anche per Vela e Carena. Non è chiaro se passi in Cancro, mentre si sa che va in Lince, Orsa Maggiore e poi torna in Lince, e forse anche in Orsa Minore. Poi in Leone, in Orsa Maggiore, in Idra e Crater, poi Orsa Maggiore, Bootes, Chioma Berenice, Bootes, e mentre va in Vergine passa anche in Corvus, e salta la Bilancia perché resta nella zona della Vergine, e da Norma, passando direttamente in Scorpione, poi Ofiuco, Sagittario, Ofiuco, Sagittario, Corona Australe forse, e forse non passa in Capricorno, mentre invece passa in Microscopio e poi in Grus. Se passa in Acquario e Pesci non è chiaro.

QUAOAR:  Passa in Ariete e Toro, e passa in Orione. Gemelli e Cancro sono zone che transita, e nella zona Leone passa in Orsa Maggiore e Sestante. Nella zona Vergine passa in Chioma Berenice, Corvus, Compasso, e nella zona Bilancia passa in Serpens, quindi forse salta la Bilancia, e poi in Scorpione, Ofiuco, Serpens, Scudo, Sagittario, Capricorno, e nella zona Acquario passa in Lucertola. Nella zona Pesci passa in Pegaso e Cefeo.

TX300: Passa in Perseo, saltando Ariete e Toro, poi va in Unicorno, saltando Gemelli, Lince, saltando il Cancro, e nella zona Leone va in Orsa Maggiore e Sestante. Nella zona Vergine passa anche in Chioma Berenice e Corvus, forse anche in Compasso. Nella zona Bilancia passa in Lupus, poi in Serpens, Scorpione, Ofiuco, torna in Serpens, forse va in Scudo, e nella zona Sagittario passa in Telescopio, salta il Capricorno probabilmente, e va nella zona Acquario, dove transita in Pegaso e forse in Lucertola. Nella zona Pesci passa in Pegaso e Cefeo.

MAKEMAKE: Probabilmente salta l’ Ariete per andare in Andromeda e Auriga, passa forse sei mesi in Toro, poi va in Gemelli. Fra Gemelli e Cancro passa in Lince, Auriga e forse in Carena. Fra Cancro e Leone passa in Vela. Nella zona Cancro passa in Orsa Minore. Preferisce Leone Minore al Leone adulto, poi passa in Crater forse, ma passa anche in Orsa Maggiore e torna in Lince per sette anni, Chioma Berenice e Bootes, per passare poi alla zona Vergine, dove passa in Cani da Caccia. Probabilmente salta la Bilancia per rimanere in zona Vergine, e transitare in Norma. Va in Scorpione per sette anni, in Altare, in Ofiuco per tredici / venticinque anni, in Sagittario, poi torna in Ofiuco, poi va un anno in Corona Australe, poi torna in Sagittario. Probabilmente salta il Capricorno per andare in Microscopio per otto anni e in Grus. Nella zona Acquario, dove non è chiaro se passa nel segno zodiacale, va in Scultore. Salta il Pesci per andare in Andromeda.

2002AW197 ( EDISON ): Al posto di Ariete e Toro va in Perseo, poi Orione, Gemelli, Unicorno, salta Cancro e Leone per andare in Idra, poi Vergine e Chioma Berenice, Bilancia e Lupus, salta Scorpione e Ofiuco per andare in Serpens, poi Sagittario e Telescopio, salta il Capricorno, va in Acquario e Pegaso, e non è chiaro se va in Pesci.

ERIS: Passa in Ariete per sessantatre anni, dove forse passa anche in Fornace per un periodo. Probabilmente salta il Toro, per andare in Perseo per quarantacinque anni, poi in Giraffa. Poi Orsa Maggiore e forse Cane Maggiore. Poi Cani da Caccia, e torna in Lince e Giraffa. non passa in Gemelli, poi nella zona Cancro ( dove non passa ) va in Lince dove rimane fino alla fine della zona Vergine, saltando il Leone, perché passa forse anche in Macchina Pneumatica. Passa nella zona Vergine, che transita, poi in Bootes, poi salta la Bilancia, mentre passa anche per Lupus, Norma e Compasso. Poi passa in Altare al posto di Scorpione, Pavo, forse Volpetta, successivamente passa in Indiano, Tucano, Gru, Fenice e nella zona Acquario passa in Scultore per cinquantatre anni, passando poi in Cetus, Pesci per ventinove anni, in Andromeda, e in Cetus.

SEDNA: Nella zona Ariete passa forse in Andromeda, poi in Cassiopea, e in Orologio ed Eridano, per poi andare in Toro, in Orione per trentacinque anni, poi in Gemelli, Cane Minore forse, Cancro, Leone, Sestante. Poi la situazione rimane poco chiara in Vergine e Bilancia, entra in Scorpione, forse in Ofiuco, in zona Sagittario forse ci passa, poi in Scudo, Capricorno, poi passa in zona Acquario, dove va in Cigno, e probabilmente in Cetus, saltando il Pesci.

2007OR10: Forse salta l’ Ariete per passare in Andromeda, poi forse ma non sicuramente in Toro, Gemelli, Cancro, dove passa forse in Vela, Carena, nella zona Leone passa in Sestante, in Orsa Maggiore, ( dopo il Leone ) e in Crater. Nella zona Vergine, dopo la Lince passa in Chioma Berenice, e forse in Cani da Caccia e Bootes. Probabilmente salta la Bilancia per rimanere in zona Vergine, poi passa in Scorpione, Altare, Ofiuco, Sagittario, Ofiuco, e probabilmente salta il Capricorno per andare in Microscopio, Grus, passa in Delfino, e in zona Acquario passa in Cigno, Pegaso, Scultore, e salta il Pesci per entrare in Andromeda.     

ASTRI POCO NOTI E POCO USATI, ma importanti ( Cerere e Chirone ) : https://astrologiapostmoderna.wordpress.com/astri-non-piu-tanto-nuovi-ma-poco-usati/

CHIRONE DOMINANTE ( Vergine e Pesci ) – Guarigione, medico, ferita, insegnamento, supporto, mentore, aggiustatore, risolutore, guida, guru, relativo ai ponti, mediatore, ambasciatore, sanità, igiene, pulizia ( donna delle pulizie ) , ecologia, vaccino, fitness, infermiere/a

CERERE DOMINANTE ( Toro/ Vergine ) – Nutrizionista, dietologo, rifiuti, abbandono, orfanotrofio, supporto nel lutto, agricoltore, contadino, pastore, giardinaggio, fattoria, problemi genitore – figlio, rapitore e rapito, cuoco, anoressia e bulimia, custodia di figli e bambini

CERERE – Il modo in cui si trasmette l’ affetto, diversamente dall’ amore, e la soddisfazione dei propri bisogni

CHIRONE – La fiducia in se stessi; un evento che insegna qualcosa alla persona attraverso la sofferenza

MAKEMAKE IN ASTROLOGIA

bio_dali_salvador

http://moreplutos.com/articles/Makemake-SueKientz_AstrologicalJournal-Nov-Dec2014.pdf

E’ un Cubewano scoperto il 31 Marzo 2005, due giorni prima della morte di Giovanni Paolo II.

La sua scoperta è stata annunciata il 29 Luglio 2005.

Rappresenta la figura dell’ “ uomo alato “ o “ uomo uccello “ e quindi si nota subito una certa attinenza con gli angeli. Gli angeli sono esseri superiori agli umani, più puri. Il desiderio di volare e di possedere le ali rappresenta il desiderio di “ essere come gli angeli “, e fin dai tempi più remoti gli inventori si sono ingegnati per realizzare il sogno di volare. Noi invidiamo gli uccelli, perché il loro regno è il cielo, mentre noi siamo incatenati alla terra. Ma se scaviamo un po’ di più nel profondo, questa invidia viene dal fatto che noi consideriamo gli uccelli più vicini alla Divinità, poiché loro sfiorano il Regno dell’ Eden.

Quando l’ umanità ha imparato a dominare la terra si è avventurata nell’ acqua, e un Nuovo Mondo è stato scoperto, un enorme cambiamento di paradigma nella storia dell’ Occidente.

Ma il cielo è rimasto incontaminato fino ai tempi più recenti, fino a quando, il 17 Dicembre 1903, non è avvenuto il primo volo aereo effettuato con successo.

La figura del supereroe è mitica e riverita perché in grado di sconfiggere la gravità e spiccare il volo.

Makemake ci ha sempre attesi, è rimasta un’ influenza introversa fin quando cercavamo di avvicinarci al divino attraverso la preghiera e la bontà. Ora, fin dagli anni ’60, siamo persino in grado di esplorare i dintorni cosmici che circondano il nostro pianeta. Gli astronauti rappresentano l’ ultima evoluzione della scalata evolutiva dell’ uomo. Anche cercare di raggiungere la vetta delle montagne più alte rappresenta il desiderio interiore di toccare il cielo. Ecco perché una divinità non può mai vivere al di sotto del terreno o nel nostro stesso mondo. Non sarebbe più sacra, superiore e non sarebbe molto diversa da noi umani.

Come si adatta questa riverenza e passione per il cielo, per le vette incontaminate, alla vita personale di ognuno di noi? Attraverso la ricerca di uno scopo ultimo, una missione da compiere, la forza dello stupore, il concetto di riverenza, stima, la purezza di pensiero, il desiderio di migliorare se stessi e il desiderio di modificare e tatuare il nostro corpo, gli stadi principali della vita, i riti di iniziazione e come ultimo stadio, l’ abbandono alla morte come riavvicinamento e ritorno allo stato divino.

Siccome gli abitanti dell’ Isola di Pasqua, veneratori di Makemake, sono stati sterminati da un’ epidemia, il lato oscuro di Makemake rappresenta l’ insorgere di epidemie come punizione e “ cleansing “ o purificazione provocata dal divino, dall’ intangibile e inspiegabile. Nell’ astrologia mondana rappresenta lo status economico di una nazione o comunità ristretta. Sempre attraverso il suo lato oscuro, rappresenta uno stato vitale al confine fra la vita e la morte, dove non c’è più contatto con il mondo esterno e tangibile.

Il coma. Non è certamente un caso, se il giorno in cui Makemake è stato scoperto, Terri Schiavo, una donna che ha vissuto nel coma per quindici anni, ha ottenuto la possibilità di lasciare questo mondo e ritornare al divino. Quindici anni di attesa per arrivare a morire in questo giorno così simbolico. Quindi Makemake rappresenta anche l’ eutanasia.

Questo pianeta non può che governare il segno del Gemelli, ma anche l’ Acquario ed è dominante nelle carte astrali di chiunque abbia contribuito al progresso nel campo dell’ aviazione, aeronautica, piloti, astronauti, ornitologi e bird watchers, coloro che per hobby osservano e seguono i movimenti degli uccelli.

Secondo Sue Kientz http://moreplutos.com/dwarfs.html Makemake ha a che fare con la navigazione, le epidemie e la crescita o la riduzione di una popolazione. Inoltre ha a che fare con i disastri naturali, i riti di passaggio, i colpi di genio, i comportamenti insoliti e bizzarri, , fisica quantica, l’ intelletto contro la società , e gli eventi imprevedibili e scioccanti, i lanci di razzi, le sorprese, i sink hole, i terremoti, le persone credute morte, la sindrome di Asperger, la sindrome del Genio Savant, la cosmologia, la quantistica e si tratta in sostanza di un Super Urano

HAUMEA IN ASTROLOGIA

hula-girl

http://moreplutos.com/articles/Pluto&Haumea-for-NCGR-News-WebVersion.pdf

HAUMEA – Fourth (or fifth; see next entry) largest Dwarf Planet in the Kuiper Belt, with two known moons, Hi’iaka and Namaka. Haumea is very elongated (1,920 x 1,540 x 990 km) and shaped somewhat like a football, due to a cataclysmic impact it suffered long ago which blasted material off its surface, creating the group of smaller Kuipers called the Haumea Collisional family (or Haumeids). Haumea has never been the same since!
This damaged yet still formidable Dwarf Planet brings life and death, change and transformation. I explain more in this e-newsletter piece written for the National Council for Geocosmic Research (NCGR), Pluto & Haumea. You need to know Haumea! HAUMEA EPHEMERIS

E’ un Cubewano scoperto il 28 Dicembre 2004, poco dopo il disastro dell’ Oceano Indiano, e la sua scoperta è stata annunciata il 29 Luglio 2005. E’ stato classificato come pianeta nano il 17 Settembre 2008.

Rappresenta la figura della donna incinta, in attesa che si rompano le acque e che nuova vita fuoriesca dal suo corpo. La gravidanza è un processo di trasformazione, crescita e cambiamenti. La donna incinta si prepara psicologicamente a diventare madre, spartendo il suo cibo con il futuro figlio ed evitando ogni possibile sostanza che possa nuocere al bambino. Il suo corpo si trasforma, si allarga per dare spazio al bambino, i sensi subiscono modifiche, il senso dell’ olfatto si amplifica, si sente la necessità di cambiare alimentazione. E’ la preparazione alla più grande responsabilità di tutte, quella verso una nuova vita che avrà bisogno di protezione, affetto e che dovrà essere cresciuta con impegno e devozione.

Il mondo attuale, però, non può supportare in modo naturale la crescita illimitata di una popolazione.

Servono limiti. Altrimenti la Grande Madre Natura ritirerà il suo cibo, e a noi toccheranno le erbacce.

Quando Haumea è stanca di supportare la civiltà umana, che si moltiplica in maniera sconsiderata, fa in modo che dai suoi terreni cresca solo l’ erbaccia, piante selvagge, immangiabili, che si moltiplicano a dismisura, a imitazione dell’ uomo. Perché Haumea è buona e generosa, ma da un altro punto di vista ribolle in un elevatissimo calore, domina e contiene il magma, provoca lo sgorgare della lava, l’ eruzione di un vulcano, la caduta di lapilli. Favorisce le minoranze etniche, piuttosto che i popoli dominanti e prevaricatori.

Nella vita personale di ognuno di noi, rappresenta la creazione, la manipolazione delle forme, la scultura, la lavorazione dei vasi, la lavorazione del pane, il processo della gravidanza, il progresso scientifico volto a garantire la fertilità, la passione per i minerali, ottenere qualcosa dalla lavorazione di questi minerali, e tutti i temi riguardanti le minoranze etniche e la cura delle piante.

Rappresenta anche il desiderio di metter su famiglia, la genealogia e la storia dei nostri antenati e il futuro di chi verrà dopo di noi.

Il suo lato oscuro provoca situazioni fuori dal nostro controllo, la crescita di tumori, eruzioni disastrose e la perdita di raccolti, e tutte le situazioni in cui vogliamo avere tanto ma non sappiamo come gestire questa abbondanza. Ci riempiamo di cose inutili e superflue, non sappiamo dare il giusto valore alle cose.

Lo tsunami dell’ Oceano Indiano del 2004 ha colpito luoghi del mondo dove non esistono regole nei riguardi della riproduzione sconsiderata, della crescita continua e costante della popolazione.

L’ influenza di Haumea è ora estroversa, attiva e cosciente, e ci costringe a prendere in considerazione queste tematiche, e a far qualcosa per risolvere il problema prima che sia troppo tardi.

Il mondo non tornerà più ai fasti di un tempo, perché nel corso di questo secolo le risorse naturali cominceranno a diminuire costantemente, e il concetto di scarsità sarà più che mai messo in discussione.

Questo pianeta non può che governare il segno del Cancro, ed è il dominante nelle carte astrali delle donne che partoriscono un gran numero di figli, di chiunque abbia a che fare con le Hawaii, delle persone che contribuiscono alla nascita di un bambino, come i ginecologi, dei vulcanologi e di chi studia i minerali e ne ricava qualcosa, e dei leader delle minoranze etniche e di chi si occupa dei loro problemi, e degli “ hoarders “ coloro che riempiono le loro case di oggetti senza porsi dei limiti.

ORCUS IN ASTROLOGIA

hemlock-grove-hemlock-grove-bill-skarsgrd-roman-godfrey-the-monster-is-within

ORCUS – This large, ~910-km big boy has a moon called Vanth, and orbits just slightly closer to the sun than Pluto, completing a solar orbit one year earlier than Pluto. Orcus apparently really likes to one-up Pluto. Another fun fact: when Vanth addresses its parent body, it says “Orcuth.” It’s so cute.
Those sporting Orcus aspects to personal planets often have a perfection problem: they insist on following (or even making) the rules, they obsess about cleanliness, and may even be a bit OCD (obsessive-compulsive). Orcus individuals makes lists, adjust your tie, and/or too often send their food back to the kitchen. Orcus traits are helpful if you’re cataloguing all the visible stars or every genus of fish; bad if you insist your daughter only marry the “perfect” suitor. Princess Diana (Sun conj. Orcus) seemed “perfect” for Prince Charles, or so the British royals thought. Many other examples, presented in perfectly arranged order, are in More Plutos. ORCUS EPHEMERIS

E’ un Plutino scoperto il 17 Febbraio 2004, pochi giorni prima dell’ attacco terroristico a Madrid e il nome di Orcus è stato approvato il 22 Novembre 2004.

Rappresenta la figura del castigatore, è il braccio destro di Plutone e si occupa di “ finire il lavoro “ incominciato da esso. Orcus ha un’ influenza fredda e disumana, disumanizzante nei confronti dell’ avversario. Non è amico dell’ uomo, perché mette la popolazione umana alle strette, costringendola a rigare dritto, e chi sgarra sarà giudicato, condannato a morte ed eliminato.

In antichità, il patto fra due uomini aveva un valore sacro, una promessa era davvero tale, e rompere un patto o un giuramento significava scatenare un conflitto.

Orcus ha diverse sfaccettature, il punitore, il cacciatore e l’ eremita.

E’ la forza dello status quo, che ingabbia l’ umanità. Orcus è indifferente verso di noi, ma non appena tentiamo di scavalcare il recinto e cominciamo a correre, Orcus diventa una bestia che insegue, cattura e condanna, eseguendo personalmente l’ esecuzione.

Per questo, non è molto amato, non ha rapporti profondi e vincolanti e quindi si isola e si tiene fuori dalla società. Nella vita personale di ognuno di noi rappresenta le promesse di un sindaco o di un leader, un patto di collaborazione, l’ adesione a un circolo, le punizioni di ogni genere, la caccia agli animali selvatici, l’ integrità morale, il giudizio e il pregiudizio, il sentirsi alle strette e l’ essere in trappola, l’ alienazione parentale, l’ isolamento, la clausura e la privacy.

Il suo lato oscuro rappresenta la condanna a morte, l’ esecuzione pubblica, il bullismo di gruppo, la caccia indiscriminata e l’ estinzione di una specie, e tutte le forme di alienazione genitoriale successive a un divorzio.

La sua influenza è rimasta introversa fino al 2004, e ai tempi di Hitler, ha portato al fenomeno della disumanizzazione e del genocidio.

Questo pianeta non può che governare i segni di Vergine e Capricorno ed è dominante nelle carte astrali di giudici, esecutori di condanne, carcerati e guardie carcerarie, cacciatori di animali, eremiti, suore di clausura, bulli e vittime di bullismo, alienatori e alienati.

ERIS IN ASTROLOGIA

xena_and_buffy_by_jeremycolwell-d3eexly

http://moreplutos.com/articles/Eris-SueKientz_AstrologicalJournal-Sept-Oct2014.pdf

E’ un pianeta nano scoperto il 5 Gennaio 2005, poco dopo lo tsunami dell’ Oceano Indiano e poco prima che la Nord Corea dichiarasse di possedere armi nucleari. La sua scoperta è stata annunciata il 29 Luglio 2005.

Rappresenta la figura della pecora nera, ed era la persona che ha scatenato la Guerra di Troia.

E’ il Plutone al femminile. La sua influenza è dinamica e provocatoria, divampante di passione.

Ci sono persone che godono nel mettersi al centro dell’ attenzione provocando dibattiti, mettendo zizzania in una relazione, e facendo scherzi, condendo il tutto con cattiverie e facendo deviare una discussione dal vero obiettivo. Ci sono persone che invadono il territorio altrui e si mettono a fare confusione, distruggono, devastano, saccheggiano, e fanno anche in modo che i componenti dello stesso popolo lottino fra di loro.

Eris impersona il Casus Belli. La sua influenza certamente è stata sempre affianco a noi, soprattutto durante le Crociate. Infatti Eris cerca un concorrente, un rivale, la polarità opposta, nel tentativo di rimanere l’ unico in piedi.

In teoria, si può suddividere la sua influenza in influenza antica e influenza moderna:

In antichità, rappresentava i duelli, le invasioni, i saccheggi, le tensioni religiose. Attualmente, nella vita moderna la sua influenza si è estesa alle rivalità comuni, alle vittime dell’ incredibile violenza della natura, a quelle persone che nei forum di discussione deviano l’ argomento discusso in modo che venga screditato dalle stesse persone che lo supportano, al mondo post – 9/11, al conflitto di idee e culture fra Occidente e Islam, alla globalizzazione come concetto, all’ alienazione dal mondo naturale, alle persone escluse per via delle loro idee, opinioni e credenze non accettate e al razzismo generale. Ma anche Eris ha un punto debole, nonostante cerchi sempre di pungolare quello degli altri.

Infatti chi non si adegua alle regole e all’ etichetta, chi non si rivolge agli altri con le dovute buone maniere viene escluso, allontanato, screditato, deriso e privato dei diritti, in sostanza viene additato e marchiato come “ disadattato “, “ fuorilegge “, “ troublemaker “ e come – una minaccia, subendo il suo stesso gioco.

Questo pianeta non può che governare il segno della Bilancia ed è dominante nelle carte astrali dei lestofanti, briganti, invasori, pirati, i barbari, screditatori e screditati, e i nemici dell’ umanità, e le cosiddette “ pecore nere della famiglia “.    

SEDNA IN ASTROLOGIA

fw

http://moreplutos.com/articles/Sedna-SueKientz_MtAstrol-Feb-Mar2015.pdf

E’ un Transnettuniano scoperto il 14 Novembre 2003, e questo nome è stato accettato nel Settembre 2004.

Rappresenta quella sensazione che si prova a contatto con una folata di vento gelido e polare, l’ emozione di assistere a una parete di ghiaccio che si sgretola e cade nelle acque gelide e oscure dell’ Artico.

Rappresenta il gelo fisico, ma anche quello delle emozioni di facciata, che nascondono il vuoto. Ogni volta che diluvia, che nevica, che tira il vento forte, fino ad arrivare alle alluvioni, alle bufere di neve, ai tornadi e agli uragani, se analizziamo le carte astrali del periodo temporale in cui avvengono questi eventi atmosferici Sedna è sempre dominante. E’ il Nettuno al femminile. Sedna è la regina dell’ astrologia, è il pianeta più distante e solitario del sistema solare e nessuna generazione umana potrà mai assistere ad un ciclo completo di Sedna o conoscere tutte le dodici sfaccettature di questo pianeta, perché un intero ciclo di Sedna dura diecimila anni. Per questo, anche per questo pianeta, si parla dell’ archetipo della solitudine intesa come abbandono e tradimento, quella sensazione che provano ragazzi e ragazze al momento del “ dumping “, quando vengono lasciati/e dal/la partner. Sedna attua tagli netti e si rifugia in capo al mondo. Si libera dei parassiti e rifiuta di sposarsi se non può ottenere qualcosa ed essere felice.

Non si fida di nessuno, perché persino suo padre le ha tagliato le dita pur di salvarsi.

Rappresenta tutte le varie sfaccettature della nostalgia fino ad arrivare alla sensazione che manchi una parte fondamentale del nostro essere, magari anche qualcosa di concreto e tangibile come un arto.

Ma Sedna ha trovato il suo ruolo: occuparsi delle risorse di cibo degli Inuit. Decide lei le porzioni e i tempi.

Rappresenta le marche dei cibi, la potazione di una pianta, il taglio di un pezzo di carne.

Certe persone si trovano a loro agio su ghiaccio, come pattinatori e pattinatrici su ghiaccio e giocatori di hockey. Certe altre persone si trovano più a loro agio con gli animali piuttosto che con gli altri umani, come gli attivisti animali e gli addestratori di foche, delfini e orche. Free Willy è un film basato sulla psicologia di Sedna, dall’ inizio alla fine. Un orfano che trova un grande amico in un’ orca costretta a vivere in una piscina troppo piccola, dimostrandosi in grado di addestrarla. Nuotatori e subacquei trovano il loro posto nell’ acqua. Il lato oscuro di Sedna rappresenta quelle persone che si sposano per soldi e quelle che mirano all’ eredità altrui. E’ estremamente egoista, mira alla sua sopravvivenza a discapito di quella altrui. E un parassita invidioso che fa di tutto per sfruttare gli altri a suo vantaggio.

Questo pianeta non può che governare il segno dello Scorpione e quello dei Pesci ed è dominante nelle carte astrali di chiunque adoperi un’ arma da taglio o un attrezzo come le forbici, per lavoro, lottatori di scherma, giocatori di hockey, pattinatori su ghiaccio, subacquei, attivisti animali e membri del wwf, chiunque abbia perso un arto in qualsiasi situazione, nuotatori, tuffatori, addestratori di animali acquatici, asociali e opportunisti, di chi vive e compie ricerce in capo al mondo.

QUAOAR IN ASTROLOGIA

tongva-walk

QUAOAR – Another big fella, estimated to be 1105-1115 km through the waist. Quaoar has one moon called Weywot. “Wait, what?” Yes, Weywot. “Wait, what???”
Wait, I will tell you what: finding Quaoar prominently placed in a chart clues you that the person is a gambler, a player, someone who takes risks. Whether enjoying sports, entertaining (especially singing or dancing), or pulling a sensational prank, Quaoar-aspected natives want to play, and in effect, create a new reality for themselves and others. This trait can be a good or bad thing, depending on the person’s level of selfishness (or selflessness). Examples of Quaoar’s influence are mentioned in the “plog” articles and in its chapter in More Plutos. QUAOAR EPHEMERIS

E’ un pianeta nano scoperto il 4 Giugno 2002 e tale scoperta venne annunciata il 7 Ottobre 2002.

Quaoar si pronuncia “ Kuauor “ ma se volessimo cercare un nome più semplice proporrei “ Cauro “.

Rappresenta una figura danzante nel caos, che con i suoi movimenti ha creato il mondo, secondo i nativi americani che portano il nome di Tongva. Questo pianeta ha una doppia influenza, e da una parte parla di musica e coordinazione, dall’ altra parla invece di gestione di crisi e rattoppare.

Questo perché la musica in sé ha un certo ordine, una metodica da seguire, soprattutto quando si tratta di leggere le note musicali, gestire un’ orchestra e coordinarsi in un ballo di gruppo, ma anche creare ritmi musicali e remixare un suono, inventare una coreografia da abbinare ad una certa canzone.

E ci vuole capacita’ di organizzazione e di managing quando si tratta di gestire una situazione critica, quando si tratta di una questione di vita o di morte, bisogna essere sicuri di sapere quello che si fa.

Quaoar parla un linguaggio universale e la sua influenza è armonizzante, corretta, di unione, sincronizzazione, pratica, turbolenta. Se tutto funziona, la vita va avanti normalmente, ma ci sono momenti in cui ci troviamo a confronto con noi stessi. I nostri limiti. Le nostre capacità. Il nostro talento.

La vita ci mette al volante, ci abbandona al timone e dobbiamo governare noi, ora, la nave.

Cosa facciamo quando le decisioni importanti spettano a noi? Chi siamo quando ci troviamo al comando e alla guida di un popolo? Il suo lato oscuro rappresenta il caos, la crisi, la frenesia, l’ essere stonati, la scarsa coordinazione, il disfacimento, il farsi mettere i piedi in testa o diventare dei tiranni.

Questo pianeta non può che governare il Capricorno e della Bilancia, ed è dominante nelle carte astrali dei manager, guardie del corpo, cantanti, ballerini/e, dei partecipanti a un musical, di chiunque sia in una posizione di comando, chiunque si trovi a prendere delle decisioni per un gruppo, chi ha talento nel cucito, nel counseling, e le sarte, i deejays e i remixer musicali.

ISSIONE ( IXION ) IN ASTROLOGIA 

ixionwheel

IXION – Like Orcus, Ixion orbits around Pluto’s neighborhood, except it travels mostly on the outside of Pluto’s path. Ixion is smaller (800 km) but nonetheless feisty, in true Pluto fashion.
While Orcus loves rules and order, Ixion breaks the rules. But this doesn’t mean it’s only prominent in the charts of criminals. Those who rightly challenge bad laws, like Martin Luther King, Jr. (Sun trine Ixion) who fought for civil rights, and Galileo (Sun conj. Ixion), who took on the Catholic church and its suppression of science, display Ixion at its finest. Examples galore of good, bad, and ugly Ixion natives are in the Plog section and in More Plutos’ Ixion chapter. IXION EPHEMERIS

IXION ( Aicsion ) rappresenta la capacità o meno di saper perdonare, il dare o meno una seconda possibilità, la capacità di vedere le differenze, le somiglianze e i patterns, essere sconsiderati e non riconoscere i propri limiti, andare oltre i propri limiti, ripetere i propri errori, resettare e ricominciare da zero, ripetere un anno scolastico, trasgredire alle regole, il riformatorio e i vari stages e corsi di apprendimento, oppure essere costretti a cambiare la propria identità per motivi di sicurezza.

E’ un ” ruler ” quindi ” dominatore ” dei segni Ariete ( nuovi inizi ) e Acquario ( rifiuto dei limiti ).

Nella mitologia greca, Issione era il figlio di Flegias, re dei Lapiti ed ebbe una relazione, che sfociò in matrimonio, con Dia, figlia di Deioneo.

Contrariamente ai patti, Issione non fece a Deioneo i doni che gli aveva promessi per le nozze, anzi lo uccise in modo particolarmente crudele, facendolo cadere in una fossa piena di carboni ardenti. Zeus lo perdonò, ma Issione, invitato ad un suo banchetto, cercò di sfruttare l’occasione per concupire Era; accortosene, il dio gli inviò una donna che aveva creato con le sembianze di Era da una nuvola, chiamata Nefele. Issione provò a toccarla e fu colto in flagrante nel tentativo di amplesso.

Zeus, irato, lo consegnò ad Ermes perché lo torturasse, e il dio messaggero obbedì ben volentieri, legando strettamente il re e flagellandolo senza pietà, fino a quando non avesse ripetuto: “I benefattori devono essere onorati”. Poi lo legò ad una ruota di fuoco che girava senza sosta nel cielo.

Variazioni di questo mito intendono la nascita dei centauri come frutto dell’unione fra Nefele ed Issione.

Verrà poi ripreso da Schopenhauer, nella sua concezione dell’arte come liberazione.

Issione è anche protagonista, insieme a Nefele, del primo dei Dialoghi con Leucò di Cesare Pavese, intitolato La nube.

Issione (28978 Ixion) è uno degli asteroidi più massicci attualmente conosciuti della fascia di Kuiper; si tratta di un plutino, ovvero di un corpo dall’orbita analoga a quella di Plutone, in risonanza orbitale 2:3 con quella di Nettuno. Il suo diametro è stimato attorno agli 800 km.

Issione segue un’orbita per molti aspetti simile a quella di Plutone, ma orientata in maniera diversa, come mostra il diagramma in calce. Il perielio di Issione si trova al di sotto dell’eclittica; abbastanza insolitamente, l’asteroide si avvicina periodicamente a Plutone a meno di 20° di distanza angolare. Attualmente Issione sta attraversando l’eclittica in direzione del proprio perielio, che raggiungerà nel 2070; Plutone, per contro, ha raggiunto il proprio perielio nel 1989.

SALACIA IN ASTROLOGIA

SALACIA – This salty Dwarf, sized up at 854 km and towing a moon called Actea, is not in More Plutos, although it should be as it is above my self-imposed size cut-off. Sadly I was unaware of Salacia until after my book was complete.
However, I made up for it by researching its use and meaning for this “plog” article from 2016, Salacia, which seems to show this body representative of inhibited or finally released expression or feelings. No Ephemeris available but you can CALCULATE POSITION

E’ un pianeta nano residente nella Kuiper Belt ed è stato scoperto il 22 Settembre 2004, quando hanno iniziato a costruire il Burj Khalifa e il nome gli è stato assegnato il 18 Febbraio 2011, durante la Primavera Araba. Rappresenta una ninfea in fuga dal pretendente Nettuno.

Non ha un’ influenza molto positiva perché simbolizza la fuga e la ricerca di uno sfogo.

Salacia si sente messa in catene quando si tratta di affrontare un problema direttamente e non vuole essere responsabile di un’ altra persona o di un evento, qualsiasi esso sia. Si sente messa in soggezione davanti a individui potenti come Nettuno, si sente inadeguata a stare al suo fianco e condividere il suo trono.

Rappresenta quelle persone che non si curano dei problemi altrui, pensano solo ad andar via, di nascosto e senza far rumore, senza lasciare tracce. Lo fanno per vergogna e inadeguatezza.

Scappano da casa, fuggono da partner troppo esigenti, ma non prima di attraversare un periodo di stress.

Una volta raggiunto un posto sicuro, sconosciuto e privato, tirano un sospiro di sollievo e cambiano vita e abitudini, alla ricerca di altri obiettivi, ma senza esagerare, perché a quel punto arriverà di nuovo il momento di fuggire. Noi altri invece ci preoccupiamo per loro. Li cerchiamo. Organizziamo gruppi che si occupano di andare a vedere se riescono a trovarlo. E allora queste persone diventano ricercati.

A questo punto non torneranno indietro, non si consegneranno, ma vivranno una vita nel segreto del loro rifugio. Ciò da cui scappano dipende dal segno e dalla casa in cui Salacia risiede nelle loro carte astrali.

Fanno soffrire le persone. Partner che hanno bisogno, che si trovano a dover crescere un figlio da sole.

Padri e madri pentiti per aver avuto un conflitto con il figlio che ha deciso di fuggire. Ma anche uomini di potere che decidono di abbandonare il comando in una situazione di crisi. O semplicemente persone sparite nel nulla che probabilmente non hanno trovato un’ oasi di calma e relax ma si sono cacciati/e in grossi guai.

Questo pianeta non può che governare il segno del Cancro e dei Pesci, ed è dominante nelle carte astrali dei padri sconosciuti che lasciano la partner quando nasce il figlio, uomini di potere che si sono arresi e che non si sono curati delle conseguenze, giovani vagabondi che hanno deciso di fuggire da casa, persone che hanno avuto esperienze di vergogna e inadeguatezza, ricercati e di chi si occupa delle operazioni di ricerca.

VARUNA

VARUNA – Don’t get this one mixed up with Varda – this is Varuna (pron. VAR-eh-nuh), named for the Hindu god of oath breakers. Also relatively large at 668km, this moonless world orbits just inside Haumea’s orbit, completing its trip around the sun just two years sooner than its bigger neighbor.
Get a feeling for Varuna by reading this short treatment inside a past plog article, the section called Varuna: Storyteller or Tale-Teller. Those with Varuna prominent are basically liars or writers, creating a new reality with words. Many examples of Varuna in action are in its chapter in More Plutos. VARUNA EPHEMERIS

2002AW197, che Sue Kientz chiama EDISON

2002 AW197 – Unnamed but looking for love, this medium-sized planetoid is 886 km through the middle, with no moon to speak of. One of Mike Brown’s planets, he didn’t even come up with a silly nickname – what’s up with that?
So I came up with one, Edison, as this substantial Dwarf indicates a new path or light-bulb idea that leads one to the next level. With supportive (trine, sextile, some conjunctions) aspects, you are on your way; hard aspects, however, might reveal the “new idea” is not accepted or its use illusive. Ayn Rand (Sun sq. Edison) saw her novel philosophy as brilliant, yet disappointingly it did not universally catch on as she hoped. Further elaborations on Edison are in the Plog articles and in More Plutos’ Edison chapter. No online Ephemeris available

2007OR10 ( che io chiamerei YEMOJA )

2007 OR10 – Another of the really sizeable Dwarf Planets, OR10 is now believed to weigh-in at 1500 km, and so is now the fourth-largest trans-Neptunian Dwarf. This distant world, with one known moon and an orbit as eccentric and long as Eris’s, is the largest body in our solar system to lack a permanent name. Someone who shall remain nameless himself, promised to name OR10, but that was in 2011. Yes, him.
If you persure my “plog” articles, you’ll see OR10 represented as a “weeping heart” icon, as the Big Softie appears in charts of those who tender great compassion and sensitivity toward others (positive aspects). Its dark side is to woefully lack any compassion (e.g., Norway massacre killer Anders Breivik has natal Sun-Mars-Merc stellium conjunct OR10), or to be hyper-sensitive (e.g., the anti-social actress Garbo, Sun sq. OR10, really disliked going out because of very sensitive hearing, and often wore earplugs). OR10 has its own chapter in More Plutos, complete with many examples. No online Ephemeris available

2002TX300, il PIANETA DEI MASS MEDIA

2002 TX300 – Not to be confused with TC302 above, this amazing little world, although admittedly small (a star occultation once yielded a diameter of 286 km, but it’s now believed to be closer to 320 km) TX300 is perhaps one of the shiniest objects in the solar system, which made it seem bigger. Like TC, TX was thought to be 1000 km! This bright Dwarf is also the largest member of the Haumeids, after Haumea itself, and is here because Mama Haumea would not consent to appear unless her big baby was also included. What can you do?
But seriously, TX was extensively researched before that reputation-killing occultation, so it “made” the cut-off size early on. In the end, I could not resist keeping TX in the book because it so clearly indicated people in journalism, television, and broadcasting. Just think: a man may be just one man, but give him a megaphone, a microphone, or put him on TV, and that one man’s impact becomes far reaching! So “little” TX’s physical makeup (small, but powerfully bright) echoes its meaning, big time. You don’t have to be on the news to have TX figure in your life. With supportive TX aspects, you’re a dependable and accurate purveyor of facts and events. But with squares, oppositions, and the like, you might be spouting FAKE NEWS! As you might imagine, the chapter on TX300 in More Plutos illuminates our time. No online Ephemeris available

TX300 :Costruire o intaccare la reputazione di qualcuno, brillare per qualcosa, stimolare, fare luce e rivelare qualcosa.

VARDA

Risultati immagini per Varda

Pianeta nano scoperto il 21 giugno 2003 nella costellazione del Sagittario, ha un periodo orbitale di 312 anni e una inclinazione sull’ eclittica di 21 °.

PAROLE CHIAVE: Dare e conferire benefici, Regina di Valar, creare stelle, creatrice di stelle, elfi, Tolkien, poteri della Terra di Mezzo, vedere oltre, vedere attraverso, vedere vera natura, luce, centrale a dualismo, sentire chiaramente, consigliare, negoziare, arbitrare. 

HUYA

Risultati immagini per HUYA

Planetoide scoperto il 10 marzo 2000, nella costellazione della Bilancia, è omonimo di una azienda giapponese, e il 10 marzo 2000 è stato un giorno importante per il NASDAQ e per la finanza. E’ quindi astrologicamente legato al Toro, e all’ economia. Periodo Orbitale 251 anni, inclinazione sull’ eclittica 15°.

PAROLE CHIAVE: Pioggia, pioggia di doni, vincere lotteria, Venezuela, Colombia, guerriero cacciatore e seduttore, protesta contro il privilegio sociale, abbondanza, ambientalismo, crisi economica, iperinflazione, concetto di scarsità, essere concentrato sulle mancanze, assetato di, placare la sete di. 

LEMPO

Risultati immagini per Lempo

Asteroide Plutino con satellite scoperto il 1 ottobre 1999, ha un periodo orbitale di 245 anni, e una inclinazione sull’ eclittica di 8°.

Mito finlandese, amore e fertilità, diavolo aiutato da complici, spirito errante.

Parole chiave: Amore capriccioso e pericoloso, violare l’ intimità altrui, prendere il controllo altrui con l’ amore e la seduzione, passione sofferta, frenesia amorosa, amore non corrisposto, ammiratore non desiderato, seduzione. Pensieri cattivi, perversioni sessuali. 

SILA – NUNAM

  Risultati immagini per Sila Nunam

Asteroide scoperto il 3 febbraio 1997, ha un periodo orbitale di 293 anni, e una inclinazione sull’ eclittica di 2°. 

Mito Inuit, Sila rappresenta il cielo, il clima, la forza vitale, il maschio, Nunam rappresenta la terra, la moglie, gli animali.

PAROLE CHIAVE: Creatore di persone, dare vita, strumento musicale, fiato, codipendenza, sindrome di Stoccolma, relazioni tossiche. 

ALBION

Risultati immagini per Albion character

Asteroide  e primo Cubewano, scoperto il 30 agosto 1992 ( la Germania organizzò un rally per la protezione di rifugiati e immigrati, e l’ organizzatore delle proteste rivoluzionarie Cinesi di Tiananmen Square venne arrestato ).

Ha un periodo orbitale di 288 anni e una inclinazione sull’ eclittica di 2°.  

PAROLE CHIAVE: Uomo caduto, diviso in quattro, figlio gigante di Poseidone, ucciso da Eracle, fondatore di un paese ( Inghilterra ), uomo vitruviano, poema ” little boy lost ” che realizza che gli umani sono egoisti e che nessuno ama l’ altro come sè stesso. Venne accusato di blasfemia e messo al rogo. Iniziative, pinnacoli, albini, costruire un impero, imperialismo, armada, cerimonie, summit, iniziazioni, riti di passaggio. 

MORS – SOMNUS

Risultati immagini per mors somnus

Asteroide scoperto il 14 ottobre 2007, quando entrò in servizio il più grande aereo passeggeri di sempre, ha un periodo orbitale di 243 anni, e una inclinazione sull’ eclittica di 11°. 

Mors ( Morte ) e Somnus ( Sonno, Caverna, Cuscino )

PAROLE CHIAVE: Essere in allerta, lucidità, letargia, anemia, sonnifero, eutanasia, stimolanti, sonnambulismo, ore notturne, veglia, uso delle luci, approccio con il buio, meditazione, sognare, sogno lucido. 

ALTJIRA

Risultati immagini per altjira

Cubewano scoperto il 20 ottobre 2001 e confermato nel marzo 2007, ha un periodo orbitale di 294 anni e una inclinazione sull’ eclittica di 5°. E’ un mito aborigeno del Dreamtime ( il tempo del sogno ).

PAROLE CHIAVE: Incarnare un sogno, sogno, visione, essere distanti con la mente, fantasia, afantasia, incubo, ritrovarsi in una situazione da incubo, essere assorbiti in sè stessi, essere il sogno di qualcuno, rimosso da realtà, immaginazione, simbolismo onirico, onirica, psiche e sogni. 

MAKEMAKE DOMINANTE  – Tribù, isola, economia, risorse, scopritore, si nasconde, birdwatcher, osservatore di uccelli, ornitologo, cerimoniere

HAUMEA DOMINANTE  – Creazione, costa, gravidanza, ginecologo, lavori relativi alla fertilità, vulcanologo, esperto di rocce e minerali, capo clan, si occupa di etnie e minoranze

ORCUS DOMINANTE  – Promessa, patto ( elezioni ), adesione, punizione, cacciatore, integrità morale, giudice, guardia carceraria, prigioniero, poliziotto, atleta, corridore, super-achiever, alienazione, che si isola, eremita, clausura, privacy, portare ordine in situazioni di caos

QUAOAR DOMINANTE  – Danza, deejay, musica, risolutore, gestire crisi, remixer musicale, luoghi sacri, coreografo, tuffatore, rattoppare, sarta

SEDNA DOMINANTE – Vittimismo, tradimento, abbandono dal genitore, alienazione, molto lontano, in capo al mondo, diluvio, marca di cibi, senza un arto, senza un dito, congelamento, freezer, ghiaccio, hockey, ricercatore ai Poli, Antartide, giardiniere, macellaio, attivista animale, wwf, sottomarino, subacqueo, nuotatore, addestratore di foche e delfini e orche, parassiti, asociale, ereditiere, controllo delle risorse degli altri

ERIS DOMINANTE – Scontro di opposti, vittima di disastri naturali, disputa, zizzania, provocatore, fuorilegge, rivalità, troublemaker, tensioni religiose, genetista, genetica, globalizzazione, discordia, separazione da natura, invasore e invaso, rancore, escluso ( che si lamenta ) , materia oscura, razzismo

IXION DOMINANTE – Capacità di perdonare, dare un’ altra possibilità, ripetente scolastico, capacità di vedere un pattern, discernere somiglianze, essere sconsiderato, ripetere i propri errori, rifiuto dei limiti, resettare e ricominciare da zero, trasgredire, riformatorio, stagista, corso di apprendimento, assumere una nuova identità, ritornare sui propri passi, il tema del ritorno e della ciclicità. Riciclaggio e rinnovi. Andare avanti nonostante tutto. Ricorrenze, uscire dalla routine. Reinventarsi una vita. Recuperare il passato.

VARUNA DOMINANTE – Scrittori, oratori, lingue, linguistica, parole, poliglotta, oggetti / animali parlanti ( film ), mimo, silenzio, articolo scottante, gaffe, bugiardo compulsivo, quando la vita è un inganno, mentire a se stessi, fingere di non sapere, dopo coma parla altra lingua, traduzioni

SALACIA DOMINANTE – Scappare, fuggire da casa, non importano le conseguenze, desiderio di andarsene, nascondersi, vergogna, imbarazzo, rifugiarsi, scegliere la via della fuga, evitare confronto diretto, sparire, ricercato, operazioni di ricerca, sentirsi inadeguati, indifferenza ai bisogni degli altri, esitazione, momento perfetto/ sbagliato per agire, giudizioso, ritardo, impazienza, incapacità di aspettare, indiscrezione, no segreti, decoro

ERIS – L’ approccio del maschile verso il femminile; il confronto fra due polarità; l’ approccio verso la forza distruttiva della natura – Energia affine a Marte

SEDNA – La capacità di raccogliere, accumulare, conservare le risorse e controllare quelle degli altri. – Energia affine al Sole e Saturno ma oscura, inerzia, sopravvivenza, vittimizzazione, sacrificio, pianto, privazione, inaggiustabile, disgusto, miserabile, depressione, pazienza

QUAOAR – La capacità di portare ordine nel disordine, e di mantenere l’ autocontrollo e la calma nelle situazioni critiche. – Energia affine a Saturno / energia affine a Giove – divertimento, carisma, sperimentare, giocare, giocoso, ricerca del rischio, sfida, fingere, scherzare, prendere in giro, distrazione benvenuta, genio musicale, selvaggio, confronto verbale, entusiasmo, teatralità. Il senso dell’ umorismo e la capacità di ridere di se’ stessi. Ridicolizzare qualcuno. Fare della commedia.

VARUNA – Scrittura, oratore, linguaggio, parole, poliglotta, personaggi animati, oggetti animati, silenzio, gaffes, articoli, bugiardo compulsivo, inganno, tradurre. Pensiero, logica, razionalità, dati, statistiche.  

ORCUS – La capacità di mantenere le promesse e la parola data, e la visione della giustizia – Energia affine a Plutone / energia affine a Saturno – inculcare, creare ordine, struttura e stabilità, OCD, compulsione all’ ordine, metodo, meticoloso, superstizioso, rituali, cercare perfezione, procedura, minaccia, matematica, dittatura, portare ordine in situazioni di caos. Giudizio, pregiudizio e disciplina. Giudizio, corte, penalità, giustizia.

MAKEMAKE – Andamento ciclico di espansione/riduzione della popolazione globale in balia di eventi naturali ( quali epidemie ad esempio ) e lo status economico di una popolazione. I riti di passaggio nella vita di una persona, per esempio il passaggio dall’ adolescenza alla vita adulta. / ricerca di uno scopo ultimo, una missione da compiere, la forza dello stupore, il concetto di riverenza, stima, la purezza di pensiero, il desiderio di migliorare se stessi e il desiderio di modificare e tatuare il nostro corpo, gli stadi principali della vita, i riti di iniziazione e come ultimo stadio, l’ abbandono alla morte come riavvicinamento e ritorno allo stato divino. / Ha a che fare con la navigazione, le epidemie e la crescita o la riduzione di una popolazione. Inoltre ha a che fare con i disastri naturali, i riti di passaggio, i colpi di genio, i comportamenti insoliti e bizzarri, , fisica quantica, l’ intelletto contro la società , e gli eventi imprevedibili e scioccanti, i lanci di razzi, le sorprese, i sink hole, i terremoti, le persone credute morte, la sindrome di Asperger, la sindrome del Genio Savant, la cosmologia, la quantistica – energia affine a Mercurio e Urano

IXION – L’ atteggiamento della persona in assenza di regole; la tendenza alla malvivenza – energia affine a Marte e Saturno / ribellione , contro leggi ingiuste, no conseguenze, irrecuperabile, outsider, sfuggire alla presa, provocatore, fa quel che vuole, cambiare percorso, affrontare il potere, superare i limiti, no sottomissione, controcorrente, entrare in un circolo di persone. Ritornare sui propri passi, il tema del ritorno e della ciclicità. Riciclaggio e rinnovi. Andare avanti nonostante tutto. Ricorrenze, uscire dalla routine. Entrare in un circolo di persone.

HAUMEA – La fertilità, la riproduzione, la nascita e la gravidanza – energia affine a Venere e Giove / Sue Kientz invece la interpreta come affine a Plutone – Pericolo, cambiamento drammatico, trasformazione volontaria / involontaria , distruzione completa, esplosione, omicidio, relativa alle minoranze etniche e all’ ecologia, collisione diretta, tsunami. Doni che si rivelano sinistri.   

SALACIA – Cose nascoste, nascondersi, essere invisibile, essere calmi, tenere segreti, ritirarsi, aspettare per il momento giusto, pazienza, critica, dire la propria opinione, impassibile, azione ritardata, impazienza, esitazione, tempo per agire perfetto/ cattivo, giudizio, decoro, indiscrezione, mettersi al sicuro, rifugio, sottomarino.

DOMINI UFFICIALI

Ariete – Marte

Toro –  Cerere

Orione: Cerere

Gemelli – Varuna, TX300

Cancro – Luna

Leone – Sole e Orcus

Sestante: Mercurio

Vergine – Chirone e Mercurio

Bilancia – Venere

Scorpione – Plutone, Eris, Ixion, Makemake

Ofiuco: Chirone, Ixion e Makemake

Sagittario – Giove, Quaoar, TX300, Edison/ Nanabozho ( 2002AW197 )

Capricorno – Saturno

Acquario – Urano, Edison/ Nanabozho ( 2002AW197 )

Pesci – Nettuno, 2007OR10  

Cetus: Sedna, Plutone ed Eris

La mia proposta per cinque PIANETI SENZA NOME: https://astrologiapostmoderna.wordpress.com/la-mia-proposta-per-i-nomi-di-cinque-pianeti-senza-nome/

 

    





Protetto: Criptokubrickologia (#Criptokubrology): i frame 237

9 01 2019

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:





Racconto breve – Il culto della virtualità

23 12 2018

virtual-reality-2229924_960_720

         Scritto da Matteo

Si consiglia la lettura ad un pubblico ADULTO, e possibilmente non suscettibile 😉 tutti i diritti sono RISERVATI, per una eventuale condivisione chiedere tramite commento a questo articolo 

  IMPORTANTE: ( Un avviso, nel caso un transgender stesse leggendo, questi sono pensieri che mi sono venuti in mente per allacciarmi alla tematica del mio racconto breve sulla realtà virtuale, e non sono affatto da considerarsi come fattibili e legittimi. Questo è un racconto immaginario, e così deve essere considerato da chi legge ) 

Le persone suscettibili potrebbero provare un’ esperienza di alienazione leggendo il mio testo … se vi ritenete molto suscettibili ignorate questo articolo anche se dubito che ci siano persone più suscettibili di quanto lo sono io! Non so se trasmetterò qualcosa attraverso il mio racconto, ma spero di farvi pensare e ragionare in un modo del tutto nuovo e radicale, perchè quello è sempre stato il mio obiettivo!

______________________________________________________

Morire e ritrovarsi in una tuta haptica, ricoperto dalla testa ai piedi. Percepire tutte le sensazioni di perdere il contatto con il proprio corpo e con la realtà che si è sempre conosciuto, e poi essere accolti da un messaggio davanti ai propri occhi, funzionanti: ” Hai terminato una delle tue vite extra nella nostra simulazione virtuale di realtà Terra 2.0. Sei ancora vivo. Sei in grado di accedere di nuovo alle tue memorie originali biologiche, e sei in grado di ricordarti come toglierti la tuta haptica e le apparecchiature che ti hanno permesso di vivere una vera e propria vita virtuale. Guardati allo specchio fornito da Mirrorrevelation. Company e scopri la tua reale identità. Potresti essere sorpreso o scoprire di avere sempre avuto ragione. Scoprirai anche che una vita extra completa ha richiesto solamente 24 ore del tuo tempo virtuale, e quindi il tempo trascorre molto più velocemente su Terra 2.0 Ricordati che aver vissuto questa esperienza virtuale è da considerarsi un privilegio regalatoti dalla nostra azienda. Ci auguriamo che tu voglia ripetere attraverso un altro corpo – avatar. In caso tu sia stato abortito avrai diritto ad un rimborso e ad una vita extra supplementare privilegiata. In caso qualcuno abbia interrotto la tua esperienza virtuale prima del previsto avrai diritto ad un rimborso pari al valore della tua aspettativa di vita come misurata nella tua nazione virtuale di provenienza, e ad una vita extra supplementare privilegiata. Nel caso tu ti sia trovato nel corpo di gender sbagliato ti informiamo che la selezione del corpo avatar è una questione socio economica, e ti preghiamo di informarti per sapere se sei in debito con la nostra azienda. Ora sei libero di vivere la tua vita biologica, ma sappi che ti aspettiamo per una nuova esperienza su Terra 2.0. Arrivederci! “
Era vero. Ero ancora vivo, e ricordavo tutti i particolari su come togliermi la tuta haptica, i guanti haptici, il visore, e tutto il resto dell’ apparecchiatura, compreso il tapis – roulant sul quale mi ” muovevo “, ” camminando ” e tutte le apparecchiature di manipolazione della materia che mi fornivano tutti i vari gadget ogni volta che ne avevo l’ occorrenza. Ed era vero. Pur avendo vissuto una vita pressoché completa, mi trovavo ancora nel corpo dell’ appena ventenne con il quale ho iniziato questa esperienza virtuale. Ma conservavo ancora tutte le memorie della mia vita extra vissuta, anche se sembra tutto un sogno un po’ più impresso del solito. Sono vissuto in Italia, fra il 1990 e il 2095 del calendario di Terra 2.0, ma in realtà sono Dennis, sono nato nel futuro, e ogni vita virtuale vissuta dai miliardi di abitanti del mio pianeta ha richiesto il sacrificio di circa 19 – 24 ore reali. Vivo in una località tropicale, nella versione reale dell’ Australia. E a differenza della mia vita extra, ho un gemello maggiore.
Prima di tutto vorrei parlare della mia esperienza mentale. Perché mi sono guardato allo specchio nella mia stanza fornitomi da Mirrorrevelation. Company, che ha immediatamente scattato una foto e mi ha chiesto il permesso di pubblicarla sul suo sito ufficiale, visitato da coloro che come me si sono guardati allo specchio e ci hanno trovato un’ altra persona. Quindi pressoché il 90% della popolazione umana. Con una certa indifferenza e frustrazione ho dato il permesso.
Una volta raggiunti i 16 – 17 anni nella mia vita extra, posso dire che probabilmente ho avuto esperienza di una sorta di ” body dysphoria “, un termine emerso su Terra 2.0 per una esperienza mentale che qui non esiste. Che ero maschio l’ ho sempre saputo, ma la mia immaginazione era molto attiva, e mi giungevano immagini e scenari, per così dire. Mi è stato spiegato che la nanotecnologia che oscurava la mia percezione sensoriale non funziona sempre in modo ottimale, e spesso permette di far emergere ricordi di una vita diversa da quella ” giocata ” e sensazioni anomale di alienazione. Io sono il contrario di un afantasiaco, sono un superfantasiaco, e facevo fatica a pensare a me stesso come me stesso, dovevo sforzarmi per includermi nei miei pensieri, e forse è stato il risultato della mia generazione di ” cresciuti nei video online “, ma quando io pensavo, pensavo per immagini sia fisse che in movimento, e pensavo attraverso quel che si potrebbe definire, un meme. In più, spesso mi veniva più spontaneo pensare in inglese che in italiano.
Dunque, a 16 e 17 anni erano emerse sensazioni intense in me, un desiderio intenso di essere diverso, mi venivano in mente scenari tropicali, estati assolate e immagini in alta risoluzione di un ragazzo biondo. All’ epoca avevo cominciato a interessarmi ai gemelli, per qualche motivo, forse influenzato dal fatto che all’ epoca guardavo una serie tv di Terra 2.0 con dei gemelli che vivevano in un albergo. Che assieme a me nelle prime settimane di embrione c’ era un gemello mai sviluppato appieno l’ ho scoperto solo nel 2013 anno di Terra 2.0, attraverso una pagina di diario di mia madre. Intendo dire la madre del personaggio che ho interpretato. Ma in un certo senso l’ ho sempre saputo, qualcosa mancava.
Descrivendomi col senno di adesso, all’ epoca, ma senza nessun tipo di esteriorizzazione della questione, mi sentivo come un giovane Michael Jackson, volevo davvero davvero cambiare. E non conoscevo Michael, sì sapevo chi era, ma non sapevo molto al di là del suo nome e della sua fama. Non saprei bene come descrivere quella sensazione disforica, ma guardando un certo tipo di archetipo fisico, mi sentivo ” a casa “, sentivo ” familiarità “. Quella familiarità non è mai andata via. Avevo persino ricordato il mio nome reale, perché il mio nome su Terra 2.0 era un nome Cristiano, un genere di nome che nella mia vita reale non esiste, perché la grandissima percentuale della Storia umana generata su Terra 2.0 è fittizia. Quindi avevo dato un nome a quelle immagini mentali, che facevo in modo di visualizzare nella maniera migliore possibile, e quando giravo da solo in bici, lo sovraimponevo sulla mia immagine, e mi sentivo diverso, sentivo che fare un esercizio mentale di sovraimpressione sul mio corpo mi dava coraggio e fiducia in me stesso.
Dennis in seguito è diventato il mio primo personaggio di un libro, e ovviamente era inclusa la questione dei gemelli che non sanno di essere gemelli, prima ancora di indagare nei diari di mia madre e scoprire che – io – ero, o almeno sarei potuto essere potenzialmente un gemello. Il libro era ambientato in Australia. Quando in seguito trovai in certi film e immagini online, immagini di persone bionde che si avvicinavano in modo sorprendente all’ archetipo che avevo in mente, mi sentivo quasi come se avessi immerso un dito nel futuro e avessi pescato qualcosa. QUASI come. Da allora ho sempre cercato di conoscere e familiarizzare con figure che mi ricordassero questo archetipo. Forse ancora non me ne rendo conto, ma probabilmente cercavo una ” idea percettiva di me stesso ” più che altro. Poi è successo. Due volte ho conosciuto due persone che si avvicinavano a quell’ archetipo, anche se a ben pensarci, solo vagamente, perché non c’ era alcuna somiglianza fra loro e le immagini archetipiche nella mia mente, ma era l’ idea della personalità che volevo cercare. Non posso andare nei dettagli, ma sono state esperienze molto vissute, da una parte la ricerca di un carattere trasgressivo che io non potevo esprimere da solo, dall’ altra parte la ricerca di una personalità dominante e persuasiva alla quale mi sono arreso completamente. Forse è vera la questione delle tracce psicologiche comportamentali che lascia la condivisione di giorni e settimane come embrione con un altro embrione, anche se nel mio caso si tratta di giusto pochissime settimane, ma chissà, forse la ” consapevolezza ancestrale ” e in seguito la ” consapevolezza concreta ” ha influito. Quello che cercavo io era il gemello maggiore. Ho la sensazione che io sarei stato il minore. Ho la sensazione che io NON sarei stato il gemello dominante. Ho persino vissuto due anni di esperienza virtuale alternativa all’ interno di quella che già era alternativa, quella nella quale per due anni mi sono diviso fra due famiglie e ho approfondito l’ amicizia con un vero e proprio secondo fratello, una personalità dominante e impositiva che io cercavo, senza saperlo. E mi sono lasciato inglobare completamente. Lui non corrispondeva all’ archetipo fisico di quelle immagini, ma aveva una personalità che in qualche modo io allacciavo a quella sensazione che avevo provato io. Coraggio, fiducia e trasgressione.
Quella sensazione, con gli anni si è affievolita e tutto è tornato alla normalità, a parte per quelle parentesi in cui mi lasciavo inglobare dalle personalità degli altri … A 27 anni virtuali scrissi un racconto breve, ho riproposto a me stesso queste sensazioni nel mio racconto breve DARK SOSIA: la storia di due sosia che si scoprono per la prima volta, in parallelo con un’ altra coppia di sosia, uno si è autoesiliato e vive da nomade, e l’ altro vive con una madre piena di segreti. I due sosia credono ognuno di essere il gemello dell’ altro poiché sono consapevoli dell’ esistenza passata del gemello, ma si sbagliano. Sono solo simili. E sono avversi l’ uno all’ altro. E’ una specie di metafora per la questione dei gemelli sopravvissuti che prevalgono sull’ altro e crescono e si sviluppano al posto suo. E’ la mia storia breve preferita di mio pugno. E’ veramente opera mia, la sento come mia. Più o meno nello stesso periodo trovai in un cortometraggio online nella zona virtuale chiamata Germania, il nuovo punto di riferimento per richiamare alla mente quella immagine archetipica. Ve lo potrei giurare, guardare quel cortometraggio, fu come tornare veramente a casa propria, in un modo ancora più assoluto che in passato. Quel giovane di un anno in meno di me era l’ incarnazione stessa di quello che sentivo io da adolescente. E’ una sensazione alienante ed estraniante, come non essere più sicuri di appartenere a questo mondo. Ora, qui, nella vita reale, ho scoperto che il mio gemello regredito nell’ utero di mia madre virtuale, è tornato a usufruire dell’ esperienza Terra 2.0, e grazie ai privilegi forniti dall’ azienda, ha potuto ottenere un corpo avatar quasi identico al suo corpo originale e legittimo, e nacque nel 1991 e divenne un attore, e quando la sua esperienza finì, scoprì di essere il mio gemello. L’ esperienza scritta in DARK SOSIA è stata in un certo modo vissuta veramente: Quando ho scoperto i cortometraggi di (…), mi son detto, sconvolto, che Dennis era entrato nella realtà ” reale “, come una sorta di avatar, la mia immaginazione lo ha reso concreto, DENNIS esiste. Ma il suo nome da personaggio era prima DIMI, poi DAVID. Sapete, quelle sensazioni principali, di impatto, che uno ha quando percepisce come se la realtà avesse pescato dalla tua mente e avesse manifestato la realtà proprio come la volevi tu. (…) sembrava come pescato dalla mia immaginazione e incarnato in un vero avatar.
Mi dicevo così: ” Sono davvero colui che risponde alla mia immagine nello specchio? Certe volte si adatta così bene alla mia interiorità. Ma altre volte, a contatto con determinati archetipi ed esperienze, emerge una manifestazione diversa da me, libera da tutte le nevrosi e le peculiarità che fanno me – me -. ” Ma non mi sono fatto coinvolgere troppo, per ovvi motivi. Rimase una sensazione sotterranea, silenziosa, alienante, di non essere quello che sono. Ma ormai mi ero identificato con il mio corpo, anche se raramente includevo me stesso nei miei pensieri ” meme “, mi stavo sforzando. La razionalità troppo – convinta – non mi ha mai convinto. Per determinati periodi l’ ho presa in considerazione e l’ ho fatta mia, ma le domande e i misteri rimanevano gli stessi, e a volte si accumulavano invece di diminuire. La razionalità su Terra 2.0 è percepita da noi che torniamo in noi stessi come un livello di immersione nell’ esperienza recitativa così alto che ci si identifica completamente con la propria identità fittizia e il proprio mondo ingannevole. Fortunatamente, ho potuto scegliere un grado di immersione abbastanza basso da permettermi di ricordare chi ero veramente ad un certo punto, e permettermi di studiare il sistema strutturale della realtà virtuale e andare al di là di tutti dogmi razionalisti, di andare contro corrente, e di essere oltre con i tempi, così oltre che non venni mai veramente compreso. Anche perché per anni sono stato contradditorio, e ho dato ragione ai razionalisti. Ma dentro di me covavo riflessioni che stimolavano la mia immaginazione, persino quando avevo svuotato la realtà di tutte le potenziali bugie, persino allora, permanevano in me sensazioni di non essere nella realtà giusta.
Poche cose erano apparentemente irrazionali e inspiegabili anomalie come lo erano i cosiddetti transgender, un fenomeno che nella vita reale non esiste, e che è emerso unicamente dalle esperienze virtuali di Terra 2.0 … E nessuno ci era arrivato. Nessuno ci era arrivato. Solo io volevo crederci. Tentavo di trovare qualcosa online, qualcuno deve aver fatto la connessione. Hallo? C’è qualcuno a casa in quelle teste di cavolo? ( E non intendo quelle dei transgender, ma dei razionalisti estremi )
Cercavamo gli alieni con i telescopi e i messaggi nello spazio, alieni che non abbiamo mai trovato, e non indagavamo la metafisica dell’ essere transgender. Nessuna filosofia semi gnostica era emersa che li facesse emergere come simboli, nessun guru della tecnologia ci era arrivato. Neppure quando i transgender parlavano della loro sensazione di percepire organi fantasma che non erano nel proprio corpo – avatar. I transgender, le anomalie più evidenti che avevamo a disposizione per arrivare alla verità, eppure nessuno ci ha pensato.
I transgender avevano un grado di immersione nel programma così basso che ricordavano chi erano, si percepivano come costretti a ingannare la gente, si vedevano come attori, e prima di emergere come transgender alcuni ritenevano che tutto il mondo si fosse trovato ad interpretare un ruolo che non gli apparteneva veramente, e che quel fenomeno fosse un apprendimento culturale al quale bisognava adattarsi. Ma come avrebbero potuto i razionalisti riuscire a sondare la verità nascosta? Loro erano i ” pazzi “, paradossalmente, e i transgender erano le persone più ” aware ” sulla Terra ( 2.0, vorrei ricordarvi ) E infatti ognuno di loro aveva ragione, e l’ azienda che permetteva l’ accesso a queste esperienze virtuali si era trovata abbastanza nei pasticci quando erano iniziati ad emergere i primi casi di scandalo. Non sembrava molto etico fornire a queste persone degli avatars di sesso sbagliato. Ma il consumismo non si poteva arrestare, doveva andare avanti, tanto l’ esperienza virtuale sacrificava solo 24 ore e anche di meno. La clausola del rimborso aveva permesso loro di non modificare il sistema. Coloro che sono tornati alla vita reale e si sono opposti al culto diffuso tramite l’ azienda, si sono chiesti come abbiamo fatto a non rendercene conto, a non pensare in maniera diversa, fuori dal quadrato. Come sono stupidi a volte gli umani. Hanno le risposte davanti agli occhi, esposte alla luce del sole, e non le considerano. Non le immaginano neanche.
La nostra Terra ( 2.0 ) e la nostra Storia è nata dalle menti e dalle capacità tecnologiche e letterarie di esperti di tecnologia virtualistica, haptica e nanotecnologica, e da un vero e proprio team di persone dedicate, che nel corso della Storia hanno trasmesso degli imput alla popolazione online, creando quella Storia fittizia tanto cara a chi la vive.
Il giorno della presentazione del progetto il mondo reale cambiò per sempre. C’è stata una conferenza stampa in diretta globale, e ci hanno detto che era stato creato un universo virtuale, creato per risultare quasi del tutto identico al nostro, aveva un passato manipolato tutto da scoprire ed era già allo stadio di evoluzione che permetteva la vita umana, ci hanno detto che avrebbero permesso l’ accesso dell’ ambiente virtuale a delle persone paganti, e che esse sarebbero dovuti partire con l’ unico accesso ad avatar di persone che noi definiremmo ” cavernicoli ” e che avrebbero dovuto piazzare le basi per permettere lo sviluppo di una Storia relativa al mondo e alla civiltà alternativa.
La chicca era che grazie all’ ingerimento di agenti nanotecnologici del tutto innocui, i giocatori avrebbero perso temporaneamente il contatto con la realtà e avrebbero interagito fra di loro come se le loro personalità reali non fossero mai esistite. Ai primissimi giocatori vennero forniti ricordi di un passato relativo al personaggio che in realtà non esisteva. Avevano a disposizione dalle 10 alle 15 ore di tempo reale, ma dentro al gioco ne sarebbero passati qualche decina. Furono seguiti in diretta globale attraverso un canale apposito. La popolazione era incredula ed estasiata. Si vociferava che avevano risolto il problema della mortalità, comprimendo una vita di percezioni intera nella finestra temporale di una decina di ore. Chi tornava alla realtà reale lasciava nel mondo virtuale un corpo vuoto, un avatar spento, e quelli che assistevano alla sua ” morte ” credevano fosse reale.
Gradualmente il mondo virtuale venne aperto al pubblico, ed era stata organizzata una lotteria, e chi riusciva ad essere scelto aveva la possibilità di cominciare una vera e propria vita alternativa, dapprima come embrione, poi come bambino e l’ avatar cresceva e percepiva esattamente come nella realtà. Nessuno poteva rinunciare ad una simile opportunità. Con il passare dell’ evolversi dell’ ambiente e della cultura fittizie, sempre più gente aveva il permesso di partecipare, e gradualmente l’ utilizzo di un avatar di qualità venne associato al proprio status economico. Vennero create delle succursali in altri continenti, che si organizzarono dapprima in modo indipendente, poi vennero fuse alla realtà di base, facendo credere ai popoli di incontrarsi per la prima volta.
L’ esperienza era un po’ diversa, nelle epoche passate. C’ era molta più possibilità di interazione con la ” realtà di Fonte “, per esempio ingerire e fare uso di psichedelici riduceva la funzione offuscante dei neuroni manipolati dalla nanotecnologia e permetteva di parlare con delle ” entità guida ” che venivano chiamati ” Logos “. Vennero organizzate le creazioni delle religioni, attraverso dei profeti con un grado di immersione minimo o assente, silenziosi agenti consapevoli della realtà fittizia. All’ inizio l’ azienda aveva un po’ di apprensione e di paura, a lasciare le persone in balia di corpi che non gli appartenevano, ad un ambiente che non esisteva concretamente. Perché poi tornavano alla realtà, e la funzione di immersione non era sempre perfettamente funzionante, alcuni si svegliavano e venivano percepiti come impazziti, altri invece decidevano di interrompere il gioco.
Gradualmente, coloro che tornavano alla vita reale, venivano seguiti da team di tutori e psicologi addetti, per aiutarli a capire cosa era successo, e riadattarli alla loro vita. Moltissima gente si impegnava successivamente a girare il mondo, e a cercare i loro parenti fittizi online, per riallacciare i contatti con queste persone lontane con le quali inconsapevolmente avevano condiviso intere vite.
Come umanità, ci sentivamo molto più uniti e consapevoli, l’ empatia era diffusa, la vita reale era stata cambiata. Ma il mondo virtuale si sviluppava, cresceva, si evolveva e gradualmente si stava sviluppando una sorta di sovraimpressione su quello reale, era diventato più importante, economicamente e culturalmente prezioso e sacro addirittura, la vita reale era lasciata da parte, sottovalutata, si stava perdendo il significato, si preferiva usufruire di vite extra.
Nella vita virtuale i soli contatti con la vita reale provenivano da brillanti scrittori con le loro opere suggerite da memorie ancestrali e remote, dalla capacità di comprensione del sistema a cui potevano arrivare le grandi menti, alcuni ci arrivavano con la logica, altri ci arrivavano attraverso ricordi improvvisi, come se fino a quel punto fossero stati come ipnotizzati, arrivavano immagini improvvise, sensazioni, un’ intera gamma di fenomeni psicologici e comportamentali che nella realtà reale non esistevano, che si erano sviluppati solo attraverso l’ esperienza di vivere vite fittizie. Disforia, la credenza in vite precedenti, la percezione dei transgender, erano alcuni di questi fenomeni.
E mentre le ore di gioco aumentavano, e raggiungevano le 20 o le 24 ore, gli avatar diventavano sempre più complessi, le vite diventavano sempre più interessanti e profonde, variegate e incredibili, ad un certo punto della Storia, la globalizzazione del sistema Terra 2.0 si era fatta completa. Miliardi di utenti usufruivano di vite extra. E l’ azienda si arricchiva, dominava il mondo reale, monitorava il mondo virtuale e lo diffondeva sui canali appositi alle popolazioni, e si diffondeva quella propaganda che divenne un vero e proprio culto.
La nostra società si divise, alcuni si ribellarono, tornarono indietro, in un passato più semplice e anti tecnologico, altri si spostarono su altri pianeti, sulla Luna, e altri ancora erano ancora troppo poveri e arretrati per partecipare all’ esperienza che contava di più in assoluto. E questi mettevano l’ acceleratore, con un solo obiettivo in mente, andando oltre la volontà della gente. Ad un certo punto alcune società ristrette avevano deciso di imporre l’ uso di Terra 2.0 alle loro popolazioni.
Avevamo a disposizione potenzialità senza precedenti, ma avevamo perso tutti i nostri valori precedenti. Una gran parte di noi si sentiva in colpa per aver permesso senza ribellarsi e senza fermare l’ azienda, di aver manipolato intere generazioni, che si svegliavano portandosi dietro anni di vita vissuta per poi passare il loro tempo reale alla ricerca della vita vissuta e perduta. Perchè pochissimi riuscivano a ottenere tutto dalla vita fittizia e a sfruttare tutte le occasioni.
Speravamo che un giorno quella esperienza virtuale venisse conclusa in qualche modo, che si potesse finalmente tornare a vivere in modo più concreto, perché ad ogni modo, noi morivamo ancora, e non sapevamo cosa ci fosse al di là, e alcuni di noi temevano che anche le nostre vite considerate reali fossero esperienze fittizie, temevamo di doverci accontentare di identità temporanee senza mai trovare le nostre identità di Fonte, di base. L’ azienda prometteva vita senza fine, e poi faceva tornare le persone in una realtà dove si moriva ancora. Certo, era solo un giorno, ma non sembrava corretto. Ma ci siamo organizzati. Abbiamo sviluppato un piano, un progetto che ha un obiettivo. Risvegliare tutti quanti e far sparire Terra 2.0. Perché Terra 1.0 era sufficiente.




Buon criptokubrickologico Natale!

22 11 2018

Inizio da qui, con un mese di anticipo sul periodo in questione in questo post, a riportare praticamente tutti i post di criptokubrickologia presenti sul blog Twilight language di Loren Coleman.

https://copycateffect.blogspot.com/2017/12/Cryptokubrology-Xmas.html

Stanley Kubrick (26 luglio 1928 – 7 marzo 1999) fece mai un film di Natale?

Gli studiosi di Kubrick concordano chiaramente che si, l’ha fatto. L’unico film generalmente considerato il suo “capolavoro di Natale” è Eyes Wide Shut .
Il critico cinematografico Roger Ebert scrisse , il 19 luglio 1999, che ” Eyes Wide Shut” è stato girato “in uno stile granuloso ad alto contrasto, usando molta retroilluminazione, sottolineature e colori primari forti, ambientare il film a Natale per approfittare del luci natalizie, rende tutto un po ‘vistoso, come una scena urbana “.

Il 7 marzo 1999, a sei giorni dalla proiezione del final cut di Eyes Wide Shut per la sua famiglia e le varie stars, Kubrick morì nel sonno all’età di 70 anni, in seguito a un grosso infarto.

Se Eyes Wide Shut parla degli “Illuminati”, ha senso che Kubrick utilizzi le luci di Natale per “illuminare” il suo film.

Vedere The Hidden Messages in Stanley Kubrick’s Eyes Wide Shut di Max Malone. Vedere anche ” Eyes Wide Shut – a steganalysis “. (Vedi sotto.)
Gli analisti mainstream hanno provato a vedersela con l’ambientazione natalizia di Eyes Wide Shut .

Oltre a trasferire la storia dalla Vienna del 1900 alla New York degli anni ’90, Kubrick ha cambiato il calendario del romanzo di Schnitzler [Doppio sogno, da cui si trasse la sceneggiatura del film] dal Mardi Gras al Natale. Un critico credeva che Kubrick lo avesse fatto a causa del simbolismo del Natale. Altri hanno notato che le luci natalizie permettono a Kubrick di impiegare alcuni dei suoi diversi metodi di ripresa, incluso l’uso dell’illuminazione localizzata, così come ha fatto con Barry Lyndon . Il New York Times ha osservato che il film “regala alle luci natalizie una luminosità e una personalità ultraterrene”, e il critico Randy Rasmussen ha osservato che “le luci colorate di Natale … illuminano quasi ogni luogo del film”. Il critico cinematografico di Harper , Lee Siegel, ritiene che il motivo ricorrente del film sia l’albero di Natale, perché simboleggia il modo in cui “Rispetto alla realtà quotidiana, le nostre fantasie di gratificazione sono pompose e solenni all’estremo .. Perché il desiderio è come il Natale: promette sempre più di quello che offre “. L’autore Tim Kreider ha osservato che il party “satanico” di Somerton è l’unico set nel film senza un albero di Natale, affermando “Quasi ogni set è soffuso con la luce onirica e nebbiosa delle luci colorate e degli orpelli … Eyes Wide Shut , anche se rilasciato in estate, è stato il film di Natale del 1999 “. Notando che Kubrick ha mostrato agli spettatori il lato oscuro del consumismo natalizio, Louise Kaplan ha affermato che il film illustra modi in cui la “realtà materiale del denaro” viene mostrata sostituendo i valori spirituali del Natale, della carità e della compassione. Mentre praticamente ogni scena ha un albero di Natale, non c’è “musica natalizia o spirito natalizio allegro”. Il critico Alonso Duralde, nel suo libro Have Yourself a Movie Little Christmas , ha classificato il film come un “film di Natale per adulti” (come ha fatto anche con Bergman, Fanny and Alexander and The Lion in Winter ), sostenendo che “il Natale si fa strada attraverso il film dall’inizio alla fine ” Fonte.

Ma, aspettate, potrebbe esserci di più …

 

Nel 2012, Tony Sokol (“Den of Geek) aveva recensito The Shining (1980) di Kubrick, e aveva iniziato affermando con franchezza ” Sì, è un film di Natale “.

Sokol ha provato a immaginare  Shining come una parabola natalizia. Ciò acquista senso in vari esempi che Sokol ha dato, come “Il capo cuoco dell’ Hoverlook hotel, Dick Hallorann, nota che Danny brilla come la stella di Betlemme”.

Inoltre: “Dick Hallorran, rappresentante del zoroastrismo, estinto dopo l’ascesa del Cristianesimo, vede la chiamata della stella splendente di Danny e abbandona la vacanza appena in tempo per essere spedito da Jack, che zoppica via per inseguire suo figlio nel labirinto di siepi della massiccia proprietà, il padre di Scroogey si trascina troppo a lungo nella neve fino a diventare un ornamento di Natale “.

In questo, qualcuno vi legge delle meditazioni sincro-mistiche.

“Just call me Roob” ha scritto i suoi pensieri su “Riding Stanley Kubrick”.
Ha anche scritto (20/03/2017):

Sabato sera, sentendomi un po ‘male, sono andato a letto a guardare il film, Passengers … Una cosa, però, che ho trovato interessante è stata l’inclusione della Gold Room di Shining.
Immagino che sia stato fatto apposta, come omaggio a Stanley Kubrick, un fatto confermato ieri quando mi sono imbattuto in un post sull’argomento in Twilight Language . Il post mostra anche la strana coincidenza che il padre di Michael Sheen (Arthur, il barista androide sul Avalon) guadagna da vivere come un sosia per Jack Nicholson.

Nel blob roobedoo mi si cita anche in quest’altro passaggio:
Tramite Twitter, mi sono lamentato con il criptokubrickologo Alex Fulton dicendo che “la moderna criptokubrologia è frustrante quando le scene di Shining si trovano in nuovi film senza un ragionamento sui sincronismi”.
Al che Fulton ha risposto che “è difficile, vedendo questi film con dentro il 237, non pensare che i registi siano semplicemente intelligenti.” Gli anni del Shining pre- stanza 237 erano splendidi.
Potete vedere questo 237 menzionato in Stand By Me , un film del 1986 basato su una storia di Stephen King, così come lo fu The Shining (1980). In Stand By Me c’è una scena in cui il cambio totale dei ragazzi ammonta a $ 2,37.
“Just call me Roob” menziona inoltre un vecchio film di Natale che include un “237”, ovvero The Shop Around the Corner (1940). (“Roob” ha creato altre connessioni sincro-cinematiche e qui potete leggere il suo flusso di link di coscienza).
Molti di noi si sono accorti di questi sincronismi criptokubrickologici che sembrano alludere a Shining in film che precedono Shining.
Mi è venuto in mente The Shop Around the Corner alla vigilia di Natale 2017, quando la rete TCM trasmise In the Good Old Summertime , il quale, che ci crediate o no, è un film di Natale.
Sicuramente un film di Natale.

The Shop Around the Corner è una commedia romantica del 1940 prodotta e diretta da Ernst Lubitsch e interpretata da Margaret Sullavan, James Stewart e Frank Morgan. La sceneggiatura fu scritta da Samson Raphaelson sulla base della commedia ungherese intitolata Parfumerie del 1937 del regista Miklós László. Evitando la politica regionale degli anni precedenti alla seconda guerra mondiale, il film tratta di due impiegati in un negozio di pelletterie a Budapest che riescono a malapena a sopportarsi l’un l’altro, senza rendersi conto che si stanno innamorando come corrispondenti anonimi attraverso le loro lettere.

I fan della criptokubrickologia si rendono subito conto del numero di casella postale che è il focus di The Shop Around the Corner. Naturalmente è la cassetta delle lettere numero 237.

– Prendi la tua chiave e apri la cassetta delle lettere numero 237… – Tira fuori dalla busta e baciami.

Ora, per quanto riguarda il film trasmesso il 24 dicembre…

In the Good Old Summertime è un film musicale in Technicolor del 1949 diretto da Robert Z. Leonard. Gli interpreti sono Judy Garland, Van Johnson e SZ Sakall. Il film è un adattamento musicale del film del 1940, The Shop Around the Corner .

Veronica Fisher (Judy Garland) entra nel negozio di musica di Oberkugen, in cerca di lavoro. Sebbene Otto Oberkugen (SZ Sakall) sia riluttante ad assumere più personale, ottiene il posto persuadendo una matrona benestante, attraverso la sua esperienza canora e musicale, a comprare un’arpa a quasi $ 25 sul prezzo di listino di Oberkugen. Né lei né Andrew Larkin (Van Johnson), il commesso anziano del negozio, sospettano l’un l’altro che si tratti dello stesso amico di penna. Litigano costantemente al lavoro, anche se diventano sempre più attratti l’uno dall’altra.

E quale cassetta delle lettere è menzionata in In the Good Old Summertime ? La 237!

Andrew Delby Larkin (Van Johnson): Oh, Veronica, ti amo così tanto! Non aprirai la scatola 237 e mi toglierai dalla mia busta?
Veronica Fisher (Judy Garland): casella 23- casella 237! Vuoi dire…tu?

<> <> <>
 

Questi due film – The Shop Around the Corner e In the Good Old Summertime – hanno un’alto livello di sincronicità che si lega a Eyes Wide Shut . Nell’analisi di Max Malone (riportata sopra), Eyes Wide Shut ha molti legami con The Wizard of Oz e Through The Looking Glass . Ciò è dimostrato dai numerosi specchi e dal negozio “Rainbow” in Eyes Wide Shut .

Ecco dove le cose iniziano a farsi interessanti a livello sincro-mistico.

Frank Morgan aveva interpretato il professor Marvel, il mago, Doorman, Cabbie and Guard in Il mago di Oz (1940) per poi apparire nel ruolo di Mr. Hugo Matuschek in The Shop Around the Corner (1949).
Judy Garland interpretò Dorothy Gale ne Il Mago di Oz (1939) e poi come Veronica Fisher dieci anni dopo in In the Good Old Summertime (1949).

Da qualche parte, al di là del l’arcobaleno, i cieli sono blu. E i sogni che hai il coraggio di sognare divengono reali.

Siamo al di là dell’arcobaleno?

Allora, l’arcobaleno di cosa si tratta? E come si relaziona a Shining? Il proprietario del Rainbow, Milich, assomiglia a Jack Nicholson, con un’attaccatura simile di capelli e un analogo stile di recitazione espressivo. Indossa persino un accappatoio e una camicia di flanella scozzese. Forse Milich è un alter ego di Jack dopo 20 anni circa come capo dell’intrattenimento nell’Overlook Hotel. Come l’Overlook, l’Arcobaleno teletrasporta dentro e fuori dalla realtà, sembra crescere di dimensioni una volta entrato, e offre panorami impossibili. L’arcobaleno è anche un posto di depravazione sessuale, con la figlia di Milich che è l’obiettivo dei pedofili, molto simile a Danny [figlioletto di Jack in Shining]. L’Arcobaleno, come un hotel, fa anche’attività di noleggio. Pagando un certo prezzo si può accedere temporaneamente a realtà più grandi di quelle della propria situazione finanziaria di base. Per Tom Cruise, l’affitto del costume da Rainbow gli permette, anche solo per un momento, di entrare nel covo segreto dell’élite, proprio come il mandato di cinque mesi di Jack all’Overlook gli permette di comportarsi come un re della montagna in un grande, fantastico palazzo. A fine serata Milic assolverà Cruise del suo debito strappando la sua ricevuta, ma ciò che ritrovata. Fonte .

Altri saggi di criptokubrickologia:

http://copycateffect.blogspot.com/2014/10/237.html

http://copycateffect.blogspot.com/2014/10/PitchPerfect237.html

http://copycateffect.blogspot.com/2014/10/IKEA237.html

http://copycateffect.blogspot.com/2014/10/Scorpion.html

http://copycateffect.blogspot.com/2014/12/Furry.html

https://civiltascomparse.wordpress.com/2016/11/22/dal-frame-237-alla-camera-237-da-shining-a-westworld/

http://copycateffect.blogspot.com/2017/03/Cryptokubrology.html

http://copycateffect.blogspot.com/2017/04/Birdman237.html

http://copycateffect.blogspot.com/2017/06/Janes-obit.html

http://copycateffect.blogspot.com/2017/07/Scaramuccia.html

 





Faccio un po’ il punto della situazione su Civiltà Scomparse

10 11 2018

Ok, dopo che è un bel po’ di tempo che non mettevo più qualche aggiornamento mio su Civiltà Scomparse, ora sento che è proprio venuto il momento di farlo.

Un po’ invidio il mio collega di blog Teoscrive che riesce spesso e volentieri a scrivere articoli anche molto vasti e articolati, ricchi di calcoli e riferimenti. Ormai sono cinque anni che mi conosco con lui, solamente attraverso internet perché finora non abbiamo mai avuto modo di incontrarci dal vivo. Tutto è cominciato quando Teoscrive mise qualche commento a un piccolo post ciclologico sulla situazione egiziana che misi in linea nel luglio 2013, non mi ricordo bene come successe ma lo invitai a scrivere anche lui sul blog e da lì in poi è nata la nostra collaborazione.

Sarebbe potuto succedere anche con altri, non solo con Teoscrive, tendenzialmente il sottoscritto aprirebbe il suo blog alle collaborazioni ma capisco bene che i più tanti vogliono rimanere nel loro orticello, non posso biasimarli. C’è anche da dire, però, che l’affiatamento con Teoscrive si è intensificato nel tempo, anche per via di molte chattate su Facebook da noi fatte, spesso iniziate da lui e da cui talvolta sono nati anche articoli di Civiltà Scomparse. Oltre i contatti Facebook, c’è un terzo elemento di una sorta di “triumvirato” (raggruppamento di individualità molto archetipico!), che è Mediter-Fabon Burton, e lui ha un blog tutto suo, lo conosco ancora da prima di Teoscrive, dal 2010, e so che porta avanti dei suoi percorsi molto studiati e personali, penso di aver capito col tempo che le possibili collaborazioni-contaminazioni rischiano di distrarlo dalla sua linea di studio molto netta e direzionata da lui portata avanti da anni e che solo talvolta rende pubblica e manifesta attraverso il suo blog. Insomma, mi sarebbe piaciuto che uno come Mediter collaborasse a questo blog più o meno come fa Teoscrive ma col tempo ho capito che ciò non è possibile, poichè è proprio il suo determinato stile, come ho detto, a non renderlo possibile. Ad ogni modo il suo blog Mondo Simbolico (nome anche di una categoria di Civiltà Scomparse) è perennemente ben segnalato tra i link a lato, anche perché è rimasto uno dei pochi spazi web a essere più in sintonia con ciò che si dice qui dentro, visto che spazi web che esistevano in passato, come “Memoriale – ritorno alla realtà” di Claudio Monetti e “The Synopticon” di Naaray-Garbuglia, non esistono più da tempo. Sono i siti web che mi permisero di “riaggomitolare” certe sensazioni che provavo, come ho detto, si può dire, dai tempi dell’infanzia e che fino ad allora non ero mai riuscito ad esplicitare in un modo comprensibili. Quei due siti web mi avevano aiutato a cominciare a capire e da un po’ di tempo che voglio ricordare qui su questo blog “Memoriale – ritorno alla realtà” di Claudio Monetti poiché, all’incirca più o meno una dozzina di anni fa, era stato tra i primissimi a ispirarmi i modi di pensare che poi si sarebbero concretizzati in Civiltà Scomparse.

frattali computazionali

Se Claudio Monetti (alias Giovanni Monni) fosse ancora in giro e si imbattesse in Civiltà Scomparse mi viene da pensare che potrebbe anche avere voglia di dire la sua, anche perché penso che molto pochi (anche e soprattutto tra gli alternativi italiani), finora, capiscano sul serio dove voglia andare a parare questo blog: come, spero, ormai molti avranno capito non é un contenitore di notizie contro-informative o complottistiche anche se qualche anno fa lo poteva sembrare, ma vuole essere un blog, diciamo, il più possibile sobrio, su modi alternativi di considerare il mondo in cui troviamo immersi, quello della civiltà occidentale. A differenza degli scienziati e degli storici “normies”, normali, noi NON DIAMO PER SCONTATO IL MONDO DA CUI PRENDONO LE MOSSE LA SCIENZA E LA STORIA (cosa che tendono a fare gli scienziati e gli storici normali) ma noi invece prendiamo le mosse da una visione delle cose che reputa scienza e storia due realtà tutt’altro che oggettive di per sé e incontrovertibili ma, anzi, parecchio costruite e artificiali, quasi delle SIMULAZIONI.

Fin dai lontanissimi tempi dell’infanzia ho avuto sempre modo di rendermi conto di cose di cui gli altri non si rendevano conto, riguardanti proprio i MUTAMENTI, le coincidenze e le analogie inaspettate. Le nevrosi sono certo un fardello ma possono anche essere una specie di dono perché ti fanno vedere il mondo a volte come se assumessi quasi delle sostanze psicotrope alla dimetiltriptamina che ti distanziano dalla realtà normalmente condivisa, e quindi è come se guidassi fuoristrada e dunque noti coincidenze e mutamenti che sfuggono perennemente ai “normali”, ai “logici e razionali” coi piedi sempre ben piantati per terra e che si destreggiano bene nella società. Però possiamo dire che sono questi “normali” a essere invece perennemente distratti di fronte a mondi percettivi che a loro sfuggono completamente ma che, nondimeno, hanno diritto di esistenza anche se non si trovano a loro agio nella società occidentale della scienza, della logica, della razionalità, delle regole, della tecnologia, delle leggi tra cui quella causa-effetto ecc ecc…

civiltà scomparse

Inoltre, spesso e volentieri, gli scientifici logici e razionali fraintendono completamente certi argomenti, tendendo a vederli in modo caricaturale. Prendiamo l’ASTROLOGIA: non è vero che è basata sugli “astri, stelle, pianeti e costellazioni, i quali influenzano le vite degli esseri umani” (è una sciocchezza) ma l’astrologia è invece basata sulla QUALITA’ DI UN DETERMINATO SPAZIOTEMPO e questa ben determinata qualità di un determinato punto dello spaziotempo diverso da tutti i determinati punti localizzati prima e localizzati dopo, è come MARCATA da determinate posizioni degli astri (vale a dire gli elementi della realtà più visibili da tutti quanti)…anche se qui la situazione é un po’ come quelli che si trovano seduti su un treno fermo e a un certo punto sembra che il treno si muova ma a muoversi é invece il treno a fianco visto dal finestrino: il punto centrale dell’astrologia sono i movimenti tropici (TROPOLOGIA, studio delle stagioni e dell’anno) di Terra, Sole e Luna: i movimenti delle costellazioni e degli altri pianeti hanno senso solo in rapporto ai movimenti tropici di Terra, Sole e Luna; la fondamentale inclinazione dell’eclittica per esempio, quella che produce le stagioni e quindi l’anno e quindi di conseguenza produce anche le religioni come quella cristiana e cattolica…ma qui andiamo troppo lontani: la cosa fondamentale è la qualità dello spaziotempo, che é sempre diversa, non é un sacco vuoto e amorfo che si può riempire come si vuole e quindi il passato e il futuro possono essere in ogni modo riempiti, in questo blog vogliamo sempre mostrare che non è così.

Dal concetto di qualità dello spaziotempo sempre diversa ha origine non solo l’astrologia ma anche le sincronicità e la ciclologia. E il concetto di qualità dello spaziotempo è affine a quello di PSICHE ovvero, in estrema sintesi, un modo di vedere ciò che chiamiamo “materia” che non la vede come qualcosa di morto, amorfo e privo d’intelligenza ma, anzi, equiparabile alla stessa psiche la quale, a sua volta, non è una banale produzione del cervello dentro le nostre teste ma, si può dire, l’altra faccia di ciò che chiamiamo “materia”. Quindi i movimenti della psiche sono i movimenti dello spaziotempo e delle sue localizzazioni, in un certo senso misurabili con un certo modo scientifico di intendere l’astrologia, lo studio delle sincronicità e la ciclologia dello spaziotempo storico in una specie di “campo unificato di ricerca”.

https://civiltascomparse.wordpress.com/2015/04/02/vi-sono-veramente-due-mondi/

La stessa cosa attingibile dai nostri sensi, se vista come “materia” ci saranno certe conseguenze e se vista come “psiche” (o “coscienza” o “anima del mondo”) ci saranno altre conseguenze, per adesso ancora considerate come FAVOLE da scienziati e storici ma prossimamente le cose potrebbero anche cambiare, magari in seguito a qualche megaevento di portata planetaria.

Storia come menzogna universale e sincronicità come dire la verità e atto rivoluzionario

1a941

Matrix5

Il punto é anche che, come é stato illustrato da Teoscrive qualche giorno fa, il concetto di realtà come simulazione poteva apparire come una cosa tanto fiabesca e fantascientifica, alla “Matrix”, alla “Tredicesimo piano”, alla “Truman show” ma siamo giunti a poter ben dire che è qualcosa di terribilmente concreto e reale, il classico elefante nel salotto che nessuno vede, é infatti la stessa STORIA (in particolare la nostra occidentale) a essere una simulazione artificiale, una realtà virtuale in cui siamo tutti immersi, e che ha ben poco di naturale (diciamo nulla) pur pervadendo tutta la nostra vita dalla nascita alla morte. Quindi il rendersi conto delle sincronicità potrebbe essere un punto di fuga da questa simulazione artificiale in cui siamo tutti immersi, le sincronicità potrebbero essere viste come lampi di verità dentro questo videogame collettivo, dentro questo grande teatro. Pensando a quella celebre frase di George Orwell, Nel tempo della menzogna universale dire la verità è un atto rivoluzionario, la “menzogna universale” sarebbe la stessa Storia e i lampi di verità sarebbero le sincronicità e le coincidenze e il notarle e mostrarle sarebbe un “atto rivoluzionario”.