Animorphs e le sue storie dark che leggevamo da bambini – PARTE 1

5 02 2019

In questo articolo elencherò tutte le situazioni DARK e HORROR e SPLATTER che la fantastica saga degli Animorphs ci faceva leggere quando eravamo bambini, così che possiamo stupirci di come sia stato possibile creare una saga di questo genere diretta verso i ragazzini delle medie … e più avanti delle superiori …

Ovviamente, avendo letto la saga per intero, avviso subito: SPOILERS IN QUANTITA’!

LIBRO 1: In una delle prime scene il gruppo di ragazzini osserva da lontano l’ antagonista principale della saga che divora l’ alieno che ha donato loro la metamorfosi, VIVO, e sputa pezzi che finiscono direttamente nelle fauci di alieni simili a giganteschi millepiedi. Da lontano ascoltano il loro vicepreside ordinare a dei Controllers di ” portargli le loro teste “. Jake scopre che suo fratello è controllato da uno degli alieni antagonisti. Il gruppo scopre che il gruppo di attivisti che partecipano alla Comunità, in realtà sono umani controllati da alieni che cercano di reclutare ulteriori ospiti da schiavizzare. Il gruppo scopre che i nemici hanno costruito una vera e propria città sotterranea, e uno degli ingressi si trova nello sgabuzzino della loro scuola. Cassie rischia di essere immersa nella fanghiglia dove vivono le lumache aliene parassite, ma viene liberata dall’ intervento del gruppo, ed è costretta ad uccidere un Controller umano. Tobias non riesce a fuggire dalla città sotterranea e rimane intrappolato nel corpo di un falco per sempre. 

LIBRO 2: Questo libro è dedicato agli effetti e alle conseguenze di vivere assieme a due genitori schiavizzati dagli alieni. 

LIBRO 3: Tobias, intrappolato come falco, avverte gli istinti animali che lo spingono ad accoppiarsi con un falco femmina, e cerca di sopprimerli. Apprendiamo che rifiuta la carità degli amici, e che per sopravvivere deve mangiare le carcasse degli animali investiti dalle auto. Tobias in questo libro tenta di suicidarsi, ma non ci riesce. Il resto del gruppo rischia di affogare in una stiva di una astronave che è stata riempita di acqua, in stile Titanic.

LIBRO 5: Marco scopre che la madre che credeva morta da anni, in un incidente, è in realtà controllata dal capo dell’ invasione della Terra. Durante una missione, tre di loro arrivano vicinissimi ad essere cucinati in forma di aragoste da una casalinga, si trasformano davanti a lei, traumatizzandola, e convincendola in qualche modo che è tutto un sogno. Il gruppo prova la metamorfosi in formica e scopre che la loro individualità può spegnersi come un interruttore, e ne escono vivi a malapena, dopo essere stati coinvolti in una guerra fra formiche, a suon di smembramenti. 

LIBRO 6: Si scopre che gli alieni controllano un intero settore dell’ ospedale locale, e che il governatore è a rischio di essere catturato e infestato. Jake bollisce qualche centinaio di lumache aliene vive in una Jacuzzi, ma ci cade dentro e viene infestato, da uno Yeerk che si rivela essere l’ ex infestante del fratello. Il gruppo decide di legare Jake in una baracca per 3 giorni, e lo Yeerk muore di fame nella sua testa. 

LIBRO 7: Un addestratore di elefanti viene sconvolto dalle due ragazze trasformate, che gli fanno fare un bel volo. Mentre il gruppo è a pochi istanti dall’ essere ingoiati da uno dei millepiedi giganti, in metamorfosi da scarafaggi, una creatura semi – divina ferma il tempo e interviene a mò di Deus ex Machina, che chiede loro se vogliono essere trasferiti con le loro famiglie su un altro pianeta perchè tanto lui conosce il futuro e sa che tutti gli umani verranno infestati. Successivamente, si trasformano di nuovo in umani all’ interno della bocca del millepiedi gigante, che viene squartato, e un intero settore di infestati scopre chi sono ( ma poi perdono misteriosamente memoria dell’ evento ). L’ Ellimist, la creatura semi – divina, li trasporta nel futuro, dove possono confrontarsi con una Rachel che ha mangiato Tobias in forma di falco, assieme al resto del gruppo, e osservando un mondo completamente devastato. Cassie scopre con shock che gli Yeerk intendono sbarazzarsi di tutte le forme animali inutili e inefficaci. Il gruppo procede a distruggere il congegno che permette agli Yeerk di nutrirsi di raggi del loro sole artificiale, e un sacco di Yeerk cominciano a delirare nelle teste degli ospiti. 

LIBRO 8: Jake e Ax assistono inermi all’ uccisione di un loro insegnante, infestato da uno Yeerk delirante, in classe, dal vicepreside. L’ Andalita infestato dall’ antagonista della saga, uno dei leaders Yeerk, viene momentaneamente liberato dalla fuga del suo infestante, e chiede di essere ucciso, ma il gruppo si rifiuta di farlo. Il gruppo scopre che sono stati gli Andaliti a ” istruire ” gli Yeerk per pietà e a donare loro la tecnologia per viaggiare nello spazio. 

LIBRO 9: Il gruppo ha esperienza della gioia della vita quotidiana delle termiti, e di nuovo rischiano di essere trascinati in un ” mondo privo di individualità ” e Cassie l’ animalista è talmente disgustata che calpesta e uccide la termite regina, per poi sentirsi in colpa per il resto della vita. Cassie è così presa dal prendersi cura di un gruppo di puzzole orfane, che rischia di rimanere intrappolata per sempre nel corpo della loro madre rimasta uccisa, perchè si addormenta. 

LIBRO 10: Marco si trasforma in un ragno – lupo. Trovano un nuovo alleato, appartenente ad una specie di androidi ,creati da alieni estinti, che vivono sulla Terra e riescono a trovare un cristallo / supercomputer che cambia la personalità dell’ androide, permettendogli di fare una strage inimmaginabile di Controllers, tanto che persino Rachel la amazzone si mette a piangere disperata. Inoltre Marco ha dovuto essere salvato da un arresto cardiaco, e l’ androide riesce a riattaccare il braccio ad Ax. L’ androide informa loro che non ha più intenzione di compiere stragi, e il gruppo si sbarazza del congegno. 

LIBRO 11: Il gruppo si ritrova nel bel mezzo della giungla amazzonica, dove scampano ai piranha per un soffio, e Rachel è ricoperta da formiche nel sonno. In questo libro l’ intero gruppo viene stritolato dall’ antagonista, ma per qualche motivo che riguarda lo spazio – tempo, niente di ciò che hanno subito era reale …

LIBRO 12: In questo libro, Rachel riesce a salvare un bambino caduto in una zona dello zoo locale organizzata per i coccodrilli, e a causa di una reazione allergica non riesce più a controllarsi e si trasforma a ripetizione, e quando tocca all’ elefante, la sua casa viene distrutta, e lei e la sua famiglia sono costretti a vivere in un albergo per qualche settimana. Ax spiega a Rachel che è allergica ai coccodrilli, e ad un certo punto la sua sindrome farà in modo che il DNA del coccodrillo venga eiettato fuori dal suo corpo per generare una creatura incontrollabile. Un attorucolo da quattro soldi decide di sfuggire all’ invasione trasferendosi in Uzbekistan. 

LIBRO 13: Rachel e Tobias scoprono due ” rettiloidi alieni ” in fuga dalla base Yeerk, e il maschio, per dimostrare che non è infestato si apre la testa con gli artigli e mostra loro il suo cervello privo di Yeerk, e le sue ferite si rimarginano. Tobias rischia di essere mangiato da un procione, in forma di falco, e interviene l’ Ellimist. Tobias chiede che gli sia permesso di tornare umano, ma l’ Ellimist gli permette solo di riprendere a trasformarsi e lo manda indietro nel tempo, così che possa ” assimilare ” sè stesso, e trasformarsi in umano per 2 ore alla volta quando lo desidera. Tobias è furioso. 

LIBRO 14: In questo libro si apprende che gli Yeerk stanno provando a infestare anche alcuni animali, da qui la scena del cavallo che tenta di fare una telefonata … inoltre pare che l’ Area 51 possegga un gabinetto andalita. 

LIBRO 15: In questo libro gli Yeerk tentano di inserire un chip nel corpo degli squali per renderli più intelligenti e utili ai loro scopi, e il gruppo rischia di beccarsi il chip. Marco deve fingere davanti a sua madre – Capo dei controllers di essere uno di loro. 

LIBRO 16: ( Oddio, questo libro! ) Jake scopre che su Internet la gente comincia a parlare di alieni e di umani infestati, e vi sono comunità online che discutono di come comportarsi. In particolare c’è un bambino che chiede come comportarsi con il padre. Il gruppo per ottenere informazioni sul ” Sito della Resistenza ” si infiltra nel quartier generale della AOL, e incontrano il capo della Windows, una specie di Steve Jobs … che è il fondatore del sito. Costui in realtà è infestato da uno Yeerk psicotico che ha scoperto come sopravvivere senza raggi solari, ed in pratica si scopre che ogni 3 giorni costui cattura un essere umano per mangiarlo, assieme allo Yeerk che lo infesta. Usa quindi il sito per attirare le sue prossime vittime. Il gruppo decide di lasciarlo libero perchè si sbarazza degli Yeerk, ma nel frattempo lo rendono un senzatetto, bruciandogli la villa. MI SENTO MALE!

LIBRO 17: Il gruppo salva un aspirante suicida, che è infestato da uno Yeerk delirante, e che viene successivamente internato per via dei suoi ” attacchi di isteria “. Tramite lui, il gruppo scopre che il suo Yeerk è allergico ad un cibo che gli provoca una intossicazione che lo porta alla follia. Ovviamente decidono di versarlo nella ” vasca ” che contiene gli Yeerk. 

LIBRO 18: Il gruppo viene informato da Ax che durante la metamorfosi la loro massa corporea in eccesso viene materializzata in un settore dell’ universo, a disposizione delle astronavi che viaggiano alla velocità della luce e che potrebbero investire la loro massa in qualsiasi momento. Capitano su una astronave andalita, assieme ad un gruppo di combattenti che vengono traditi dal loro capo e la astronave esplode. Il gruppo comincia a spaventarsi, quando ad uno ad uno, cominciano a sparire misteriosamente. 

LIBRO 19: L’ animalista del gruppo, sconvolta dal fatto che ogni volta che entra in battaglia le capita di uccidere qualcuno, decide di rinunciare alla causa e abbandonare il gruppo. Cassie salva una bambina da un orso, ma scopre, mentre entrambe si perdono nella foresta, che essa è infestata, e che sa chi è lei. Il suo Yeerk fa parte di un gruppo che si oppone alla schiavizzazione altrui, e dopo una serie di eventi, Cassie decide di sacrificarsi per mantenere un patto con lei e si trasforma per sempre in un bruco, che poi diventa una farfalla, fino a quando Ax non si rende conto che Casssie per qualche misterioso motivo può trasformarsi ancora e tornare umana. 

CONTINUA       

   

Annunci




E’ la nuova Zeus-rassegna, fatta apposta per voi

28 01 2019

https://secretsun.blogspot.com/2019/01/its-new-zeus-revue-coming-right-at-you.html

Bene, è stata un’altra settimana entusiasmante e frenetica, non credete?

Avere cervelli difettosi come i miei tende a far intrappolare in una sincronia sempre più insidiosa con tutti i simboli e i significanti che ti svolazzano attorno, quindi vedrò se i miei eruditi lettori vorranno provare a volare tra le più ampie (ed empie) stranezze in giro per l’Etere …
In tutto questo, non voglio entrare troppo in profondità nella melma nella politica, e ringrazierò tutti i miei bravi commentatori a non farlo, visto che quello è un buco sincronico (sinkhole) a parte.
Ma ho raccolto un sacco di dati con difficoltà e visto che ritengo svegli un mucchio di miei lettori, ho pensato di buttar giù un po ‘di queste cose per vedere se vi rivelano patterns significativi.
Ho cercato di rintracciare le orme di divinità [cornute] nascoste da un po ‘di tempo ormai, ma dato che si tratta di un mix sincretico di culture e figure molto diverse, è molto più facile a dirsi che a farsi.
Anche così, il Cornuto sembra essere una sorta di jolly in tutte le notizie importanti della settimana scorsa o giù di lì, dato alcuni dei simboli molto evidenti sono connessi alle sue varie incarnazioni come Zeus e Giove Ammon.
Quindi non so se mi trovo in coma o se siamo morti tutti nel 2012  […], so solo che gli dei sono tornati e hanno fame.
Perciò indossate i vostri cappucci pensanti e guarda cosa potete fare di tutte queste sciocchezze che vi propongo…
CIBO DEGLI DEI

Un meteorite impatta sulla “Luna lupesca di sangue” E’ stata la prima volta che un impatto è stato catturato da una ripresa durante una eclisse totale di luna.

Una start-up controversa [Ambrosia] investe 8.000 dollari per iniettare nei vostri vasi sanguigni sangue giovanile adesso dichiarano di essere pronte e in attività in 5 città degli USA.

Cibi sacri: Ambrosia e il nettare degli dei. Nell’antica Grecia, agli dei del monte Olimpo piaceva un fragrante snack chiamato Ambrosia. Qualcuno pensa fosse un drink, altri un cibo, ad ogni modo sembrava conferire immortalità. salute e una buona igiene in seguito al suo consumo.

Super luna lupesca di sangue: quelli che osservano il cielo hanno l’ultima chance di vedere un’eclisse lunare totale.

Nella mitologia greca, il Licaone era un re dell’Arcadia che, nella più popolare versione del mito. testava l’onniscienza di Zeus servendogli carne arrostita di suo figlio Nittimo, allo scopo di vedere se davvero Zeus sapesse veramente tutto. Per ricambiare questo raccapricciante atto, Zeus trasformò Licaone in un lupo, assieme alla sua progenie, compreso Nittimo, che ritornò alla vita.

Il rituale era notturno, a giudicare dal nome NITTIMO (da nyx, notte) che fu dato al figlio di Licaone, il quale fu ucciso e servito come parte del banchetto destinato a Zeus. Voci della cerimonia che circolarono tra i greci giravano intorno al tema del sacrificio umano e del cannibalismo: secondo Platone, un particolare clan si raggruppava sulla montagna per fare un sacrificio a Zeus Licaone ogni nove anni e un singolo boccone di frattaglie umane sarebbe stato mescolato con quelle degli animali.

In che modo allora un protettore inizia a trasformarsi in un tiranno? Chiaramente quando fa ciò che l’uomo si dice che faccia nel racconto del tempio arcadico di Zeus Lycaean. . . Il racconto è che chi ha assaggiato le viscere di una singola vittima umana macinata con le viscere di altre vittime è destinato a diventare un lupo. . .
E il protettore del popolo è come lui; avendo una folla interamente a sua disposizione, non è trattenuto dallo spargere il sangue di parenti; col metodo preferito di falsa accusa li porta in tribunale e li uccide, facendo sparire la vita dell’uomo, e  assaporando il sangue dei suoi concittadini con lingua e labbra empie; alcuni uccide e altri bandisce, al tempo stesso alludendo all’abolizione dei debiti e alla spartizione delle terre: e quale sarà dopo il suo destino? Platone, Repubblica

Le ossa potrebbero appartenere ad adolescenti sacrificati a Zeus.

DURO ARIETE

Belus o Belos, nei testi greci classici o latini classici (e nel tardo materiale basato su di essi) in un contesto che si riferisce al dio babilonese Bel Marduk. Sebbene spesso identificato con il dio greco Zeus – corrispondente al dio latino Giove come Zeus Belos o Giove Belus, in altri casi Belus è evemerizzato come un antico re che fondò Babilonia e costruì le ziqqurat. E’ riconosciuto e adorato come dio della guerra.

PROPRIO GIU’ DALLA STRADA

Procter & Gambler sfida degli uomini a radere la loro “mascolinità tossica” in uno spot pubblicitario della Gilette. Lo spot che fa il verso a #MeToo domanda “E’ questo il meglio che un uomo può prendere?”

Ciò sembra un pochetto strano a qualcuno? #CovingtonCatholic è a meno di dieci miglia di distanza dal quartier generale della #Gillette? Forse la realtà si sta accartocciando su se stessa o forse sono io a essere in coma.

@Gillette Quanto presto voi ragazzi scenderete lì?

Dico quello che penso e ognuno di questi ragazzi lo sto trovando un pezzo di merda.

Io, no, non posso ancora proprio credere di stare difendendo uno spot di rasoi ma la nazi-gioventù del 2019 mi costringe a farlo. #nonsiamomaistaticosìviciniallafinedeigiorni

“Avendo una folla completamente a sua disposizione, non è trattenuto dal versare il sangue di parenti e col metodo preferito della falsa accusa li porta in tribunale e li uccide …”

CITTA’ DI CONGREGA [DELLE STREGHE?]

A New York passa la legge che permette gli aborti in ogni momento della gravidanza se la salute della madre è a rischio.

 

Lo stato di New York “celebra” la legalizzazione dell’aborto fa sì che il vescovo cattolico metta in questione la fede del governatore Cuomo.

Il governatore di New York Andrew Cuomo fa sì che l’one world trade center e altri luoghi degni di nota brillino di rosa questo giovedì per celebrare la promulgazione del “reproductive health act”.

La marcia per la vita è un differente tipo di uscita didattica per le scuole come i Covington Catholic.

SATANISTI: DEGLI EROI

“Hail Satan?” Recensione del film: gli eroi satanisti usano il Diavolo per separafre Chiesa e Stato” Sundance 2019: un documentario fa luce sull’incompreso Tempio Satanico”.

ANDANDO AL SUPER B’AAL

Molte circostanze fanno sì di connettere la lontana storia di questo paese con quella dei fenici. Al tempo della congiunzione di Venere con la Luna, si svolgevano sacrifici solenni tra i druidi, in cui delle vittime umane erano immolate; in quel particolare periodo i babilonesi, da cui i fenici derivano la loro teologia, avevano costume di offrire sacrifici umani a Giove Belus nella sala di Astarte, la cui adorazione fu introdotta in Giudea da una delle concubine di Salomone, chiamata Ashtareth in ebraico, e dal momento che questa lingua non possiede parole per indicare il divino, nelle scritture viene indicata come la regina del paradiso, e l’abominazione dei zidoniani.

Costruito presso una palude che dava sul fiume Potomaca e il cimitero nazionale di Arlington, il memoriale onorario del sedicesimo presidente degli USA […] il memoriale è stato costruito ispirandosi al tempio di Zeus a Olimpia, e altri capolavori dell’antica Grecia. […]

Statua di Zeus e statua di Lincoln.

 

Uno scheletro della Grecia antica può essere ciò che rimane di umani sacrifici a Zeus.

Un sacrificio umano dell’epoca della Grecia antica in un altare sulla cima di un monte? Un seppellimento umano in un altare a Zeus diffonde congetture sui sacrifici umani della Grecia antica. Su un picco montano della Grecia del sud, gli archeologi hanno fatto una scoperta inusuale: un seppellimento umano in un antico altare dedicato a Zeus. La scoperta fu recentemente riportata dal ministro greco della cultura.

 

Misteriose ossa risalenti alla Grecia antica potrebbero essere quelle di un adolescente sacrificato a Zeus.

MAI DIRE MAI

“True detective” stagione 3 episodio 3 “The Big Never”.

 

Il Grande Mai — Hays ricorda la sua lontana relazione con Amelia, così come la rottura della loro relazione emersa dopo che si sono sposati; dieci anni dopo i crimini Purcell, nuove evidenze emergono, dando ad Hays una seconda chance per vendicarsi.

WOLF LIKE ME

“Avendo una folla completamente a sua disposizione, non è trattenuto dal versare il sangue di parenti, col metodo preferito di falsa accusa li porta in tribunale e li uccide …”

Domanda onesta. Avete mai visto una faccia più da prendere a pugni di quella di questo ragazzo?

E’ un deplorabile. Anche qualche ppl può essere preso a pugni in faccia.

“Falli urlare, prima i cappelli nel tritacarne” […] inclusa Kathy Griffin, il produttore Disney Jack Morrissey e Ron Perlman si sono affrettati a cancellare dei tweets furiosi a proposito dei ragazzi di Covington dopo che un nuovo video suggerisce che il confronto non era equa”. — Alcuni liberals importanti di Hollywood sono arrabbiati a proposito di certi studenti della Catholic high school del Kentucky mentre erano filmati a confrontarsi con vecchi nativi americani — Immagini virali hanno mostrato dei ragazzi che sembravano prendere per i fondelli Nathan Phillips sabato vicino al memoriale di Lincoln — Ma il nuovo video saltato fuori dall’incidente mostra mostra una timeline degli eventi più sfumata — Phillips, il vecchio nativo americano, è intervenuto nel litigio tra i ragazzi dell’high school e una bizzarra setta religiosa — Ciononostante, celebrità liberal compresi Debra Messing, Kathy Griffin, Rosie O’Donnell, Ed Asner e altri hanno espressamente oltraggiato i ragazzi — Griffin, ha voluto anche “nominare e svergognare” i ragazzi — Il giovedì, Griffin ha cancellato un tweet che mostrava dei giocatori di baseball di Covington “fare un saluto nazista” sebbene la foto li mostri mentre alzano tre dita — Anche Ron Perlman, l’attore dei “figli dell’anarchia”, ha cancellato un tweet sui ragazzi di Covington, anche se ancora si riferisce a uno di loro dandole della “puttanella” — Il produttore cinematografico ha cancellato un tweet in cui ai “MAGA kids” gli si augura di finire dentro un tritacarne assieme ai loro cappelli.

erik “paga gli insegnanti, amico” abriss @AbrissErik — Non so cosa dice di me ma io ho davvero perso la capacità di articolare la rabbia isterica, la nausea e il mal di testa che mi procura questa roba. Voglio solo che questa gente muoia. Semplicemente. Ognuno di loro preso singolarmente. E i loro genitori.

Fuoco sui “MAGA” cazzoni. In vista.

 

 

 

 

 

  • Beffardo. Condiscendente. Irrispettoso. STRONZO. #CovingtonShame.

    Sto tifando per una totale e completa disfatta di questi teenagers che vestono cappelli MAGA fino a che possiamo seguire ciò che sta succedendo. Sembra che avvelenino le giovani menti. — Rep. John Yarmuth @RepJohnYarmuth Il comportamento che abbiamo visto in questo video è più che raccapricciante ma non succede per caso. E’ il diretto risultato dell’odio razzista dispiegato quotidianamente dal presidente degli USA che, tristemente, qualcuno scambia per un modello da seguire.

    Kathy Griffin @kathygriffin — Ps. La replica dalla scuola è stata patetica e impotente. Voglio i NOMI di questi ragazzi. Ho vergogna di loro. Se pensate che questi coglioni non vi fotterebbero in un batter d’occhio pensateci meglio.

    Pink non si scuserà per la condanna degli studenti coinvolti in un faccia a faccia con un vecchio nativo americano.

    Dal momento che erano a Washington DC, dovrebbero prendere i loro berretti rossi e le loro stronzate MAGA e fare la stessa cosa al congresso. La reazione non sarebbe così dignitosa. Gli stamperebbero nel deretano quel loro sorrisetto idiota.

    C’è sempre qualche stronzo di internet che mi informa che non ho visto ciò che ho visto. Queste piccole puttanelle bianche coi berretti rossi simboleggianti i più bassi istinti. Vaffanculo.

    Do drop it, Perly.

    i #MAGAkids voglio vederli urlanti inghiottiti dal tritacarne, preceduti dai loro berretti.

    MAI DIRE NEVERLAND

    Bryan Singer, direttore di Bohemina Rhapsody, è accusato di violenza sessuale da quattro uomini, quando erano minorenni.

     

    “Lasciando Neverland”: un documento della Sundance di Michael Jackson fa scioccare il pubblico. — Premiere delle due parti di Dan Reed, un exposure di quattro ore in cui due uomini affermano di essere stati abusati dal re del pop […] — Michael Jackson con Jimmy Safechuck, allora di dieci anni, sull’aereo del tour di Michael Jackson nel 1988.

    Cercando Neverland.

     

     





Protetto: Kubrick red: Redrum, Redrug, ecc… [#Criptokubrology]

10 01 2019

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:





Protetto: Criptokubrickologia (#Criptokubrology): i frame 237

9 01 2019

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:





Protetto: Premi cinematografici e cripto-kubrickologia (#Criptokubrology)

7 01 2019

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:





Analisi di un cortometraggio – Freunde 2001

1 01 2019

     Visualizza immagine di origine

Freunde è un cortometraggio molto coraggioso, intenso, nebuloso, alienante, dai toni psicologici, che deve aver attinto da una fonte reale, perché quanto si può visionare in questo film si può immaginare solo se lo si è realmente vissuto.

                                      SPOILER IMMAGINI IN FONDO ALL’ARTICOLO

Nella prima scena il ragazzo scuro scappa come ne dipendesse la salvezza della sua vita da una minaccia che gli sta alle calcagna. Ha i vestiti e il collo sporco di quello che sembra essere fango e terra. Tiene una torcia in mano e il suo corpo è sotto un notevole sforzo, a giudicare dalle smorfie della sua faccia.

Continua a correre, e poi sembra inciampare.

_______________________

Nella scena successiva vediamo ancora il biondo apparentemente in preda al dolore, a bocca spalancata e occhi premuti, chiusi, mentre il ragazzo scuro preme tutto il suo corpo addosso a lui trattenendolo per il collo. Il ragazzo scuro è un dominante, e quello è un rituale di lotta, come due cuccioli di bestie selvatiche che si allenano a diventare maschi alfa.

_______________________________

A scuola, il ragazzo scuro ad un certo punto, nel bel mezzo della lezione, getta addosso all’ amico la parola – cocksucker – ripetutamente, anche sussurrandoglielo all’ orecchio, con uno sguardo che sembra esprimere disprezzo, sfida, rancore, ma che in realtà significa che vuole persuadere il biondo a fare ciò che il termine significa. Il ragazzo biondo sembra essere a disagio da quel comportamento.

Il ragazzo scuro successivamente gli afferra le braccia e gliele stringe dietro la schiena come se volesse ammanettarlo. Il video mostra la stretta premuta su uno dei polsi. In primo piano. Poi lo costringe a bere un liquido che stanno usando in classe nell’ aula di chimica.

_________________________________________

Dopo vediamo un altro rituale di lotta, e si può notare che per una volta il biondo riesce a prevalere sullo scuro, che reagisce con una smorfia di rabbia, messo di fronte al sorriso spudorato dell’ altro.

Poi, terminato il rituale, finisce tutto in spintoni e risate. Ma lo scuro deve sempre avere la meglio, e l’ ultima parola, e quindi lo atterra di nuovo al terreno, i volti sempre a distanza molto ravvicinata, lo scuro preme le mani contro le orecchie del biondo, che tenta di fargli voltare la faccia e coprirgli la bocca. Lo scuro si arrende, e lascia il biondo con la faccia coperta di terra.

___________________________________________

Dopo, lo scuro si arrampica su un reticolato e chiede una sigaretta all’ amico, che gliela dà. Lo scuro è di poche parole, si esprime con frasi brevissime, e molto vaghe. Il suo sguardo è concentrato sul biondo, che ha sempre qualcosa per cui sorridere.

Ad un certo punto, il biondo lascia lo scuro appeso alla rete per parlare brevemente con altre persone, fra cui c’è una ragazza.

_________________________

Successivamente, i due amici guardano dei filmati alla televisione, una storia d’ amore, un vecchio film, apparentemente. C’è una scena di sesso. Il filmato viene reso in modo da far capire che lo scuro, mentre fuma, sta guardando il maschio del film. Il biondo gli chiede di spegnere la tv. Lo scuro gli chiede se è perché c’è una donna nel video. Il biondo ad un certo punto, visto che la sua richiesta non è soddisfatta, vuole andarsene. Lo scuro non lo perde mai di vista, e lo guarda perplesso.

___________________________________________

In un’ altra scena, i due ragazzi sono in una vasca assieme. Il biondo ha un gran sorriso sul volto. Viene accarezzato ad una guancia, e poi chiude gli occhi. Non si capisce bene perché ha segni di sporcizia in volto. Sarà che si sta pulendo dalla terra?

Nella radura abbandonata dove si svolgono i loro rituali, il biondo tenta di far parlare il suo amico sui suoi genitori, ma lo scuro è sempre evasivo, e si allontana. Lo scuro sembra reagire con divertimento, quasi provocando il biondo, rispondendo in  quel modo, con termini che non hanno apparentemente significato. Sorridono.

Il biondo tentenna e si volta guardando altrove, grattandosi il collo o manipolando il colletto della maglia, e lo scuro osserva con intento il collo dell’ amico. C’è una serie di scambi di sguardi reciproci. Lo scuro decide che devono fare una specie di gara. Devono allontanarsi, andare uno a sinistra e a destra, e contare le gocce di pioggia che cadono. Il biondo scoppia a ridere perché quella conta non ha senso. Però lo fanno lo stesso.

_________________________________

C’è una altra scena nella vasca assieme. Giocano, ridono, e lo scuro si avvicina con il corpo al biondo. Sono a casa di quest’ ultimo, e la madre vuole sapere perché ha chiuso a chiave la porta del bagno. Il biondo risponde che non lo ha fatto di proposito. I ragazzi se ne fregano e continuano a giocare con l’ acqua, con gli sguardi sempre fissati l’ uno verso l’ altro.

_________________________

Il biondo è seduto sul letto a leggere da un quaderno, mentre lo scuro si dondola su una sedia, rivolto verso il muro, masturbandosi. Il biondo gli chiede di smetterla o almeno di chiudere la porta. Lo scuro gli risponde che il pericolo lo eccita. Il biondo gli rammenta che sua madre è davvero pericolosa. Infine lo scuro gli si siede addosso e gli chiede di fare una cosa.

___________________________________

Dopo sono al buio, il biondo tiene una torcia sollevata, cercando di vedere davanti a sé. Lo scuro si accende una sigaretta. Dopo, si mettono ad osservare uno scarabeo nero fra le loro mani, incuriositi. Gli danno un nome, Pauline.

Uno dei loro rituali di lotta si svolge al buio, con la sola luce della torcia agitata dal biondo. Poi, in una luce del giorno che se ne va, lo scuro rincorre il biondo, fino ad afferrarlo e buttarlo a terra.

_______________________________

Nella scena successiva si stanno abbracciando, e il biondo è concentrato sul collo dello scuro, che si toglie la maglia. Non ci sono baci, ma i due continuano a toccarsi come se si stessero avvicinando a quel punto. Dopo, il biondo decide che devono fare sesso. Dopo una certa scena, si mettono a ridere e si abbracciano.

____________________________

Nella scena dopo, il biondo è nella vasca con lo scuro, e sta osservando con sguardo spiritato, e la faccia sporca di qualcosa. Lo scuro è indifferente e quasi annoiato. Si rinchiude in sé stesso, chiudendo gli occhi.

______________________________

Lo scuro, nella radura, chiede al biondo se ha mai fatto l’ amore con una ragazza, e se vorrebbe farlo. Lo scuro ha invitato una ragazza. Lei è confusa, si aspettava di trovare solo lui, e invece c’è il biondo, seduto a osservare. Lo scuro manipola la ragazza, flirtando e avvicinandosi, baciandola e chiedendole se le mancava. Baciandole il collo. Si baciano, e lo scuro cerca di sfilarle la cintura. La ragazza si ribella, e cade a terra.

Lo scuro le urina addosso. Premendole le braccia con i piedi. Lo scuro osserva la reazione del biondo, che non ci sta e si allontana, seguendo la ragazza. Lasciando il suo amico da solo.

____________________________

 

            

 





Racconto breve – Il culto della virtualità

23 12 2018

virtual-reality-2229924_960_720

         Scritto da Matteo

Si consiglia la lettura ad un pubblico ADULTO, e possibilmente non suscettibile 😉 tutti i diritti sono RISERVATI, per una eventuale condivisione chiedere tramite commento a questo articolo 

  IMPORTANTE: ( Un avviso, nel caso un transgender stesse leggendo, questi sono pensieri che mi sono venuti in mente per allacciarmi alla tematica del mio racconto breve sulla realtà virtuale, e non sono affatto da considerarsi come fattibili e legittimi. Questo è un racconto immaginario, e così deve essere considerato da chi legge ) 

Le persone suscettibili potrebbero provare un’ esperienza di alienazione leggendo il mio testo … se vi ritenete molto suscettibili ignorate questo articolo anche se dubito che ci siano persone più suscettibili di quanto lo sono io! Non so se trasmetterò qualcosa attraverso il mio racconto, ma spero di farvi pensare e ragionare in un modo del tutto nuovo e radicale, perchè quello è sempre stato il mio obiettivo!

______________________________________________________

Morire e ritrovarsi in una tuta haptica, ricoperto dalla testa ai piedi. Percepire tutte le sensazioni di perdere il contatto con il proprio corpo e con la realtà che si è sempre conosciuto, e poi essere accolti da un messaggio davanti ai propri occhi, funzionanti: ” Hai terminato una delle tue vite extra nella nostra simulazione virtuale di realtà Terra 2.0. Sei ancora vivo. Sei in grado di accedere di nuovo alle tue memorie originali biologiche, e sei in grado di ricordarti come toglierti la tuta haptica e le apparecchiature che ti hanno permesso di vivere una vera e propria vita virtuale. Guardati allo specchio fornito da Mirrorrevelation. Company e scopri la tua reale identità. Potresti essere sorpreso o scoprire di avere sempre avuto ragione. Scoprirai anche che una vita extra completa ha richiesto solamente 24 ore del tuo tempo virtuale, e quindi il tempo trascorre molto più velocemente su Terra 2.0 Ricordati che aver vissuto questa esperienza virtuale è da considerarsi un privilegio regalatoti dalla nostra azienda. Ci auguriamo che tu voglia ripetere attraverso un altro corpo – avatar. In caso tu sia stato abortito avrai diritto ad un rimborso e ad una vita extra supplementare privilegiata. In caso qualcuno abbia interrotto la tua esperienza virtuale prima del previsto avrai diritto ad un rimborso pari al valore della tua aspettativa di vita come misurata nella tua nazione virtuale di provenienza, e ad una vita extra supplementare privilegiata. Nel caso tu ti sia trovato nel corpo di gender sbagliato ti informiamo che la selezione del corpo avatar è una questione socio economica, e ti preghiamo di informarti per sapere se sei in debito con la nostra azienda. Ora sei libero di vivere la tua vita biologica, ma sappi che ti aspettiamo per una nuova esperienza su Terra 2.0. Arrivederci! “
Era vero. Ero ancora vivo, e ricordavo tutti i particolari su come togliermi la tuta haptica, i guanti haptici, il visore, e tutto il resto dell’ apparecchiatura, compreso il tapis – roulant sul quale mi ” muovevo “, ” camminando ” e tutte le apparecchiature di manipolazione della materia che mi fornivano tutti i vari gadget ogni volta che ne avevo l’ occorrenza. Ed era vero. Pur avendo vissuto una vita pressoché completa, mi trovavo ancora nel corpo dell’ appena ventenne con il quale ho iniziato questa esperienza virtuale. Ma conservavo ancora tutte le memorie della mia vita extra vissuta, anche se sembra tutto un sogno un po’ più impresso del solito. Sono vissuto in Italia, fra il 1990 e il 2095 del calendario di Terra 2.0, ma in realtà sono Dennis, sono nato nel futuro, e ogni vita virtuale vissuta dai miliardi di abitanti del mio pianeta ha richiesto il sacrificio di circa 19 – 24 ore reali. Vivo in una località tropicale, nella versione reale dell’ Australia. E a differenza della mia vita extra, ho un gemello maggiore.
Prima di tutto vorrei parlare della mia esperienza mentale. Perché mi sono guardato allo specchio nella mia stanza fornitomi da Mirrorrevelation. Company, che ha immediatamente scattato una foto e mi ha chiesto il permesso di pubblicarla sul suo sito ufficiale, visitato da coloro che come me si sono guardati allo specchio e ci hanno trovato un’ altra persona. Quindi pressoché il 90% della popolazione umana. Con una certa indifferenza e frustrazione ho dato il permesso.
Una volta raggiunti i 16 – 17 anni nella mia vita extra, posso dire che probabilmente ho avuto esperienza di una sorta di ” body dysphoria “, un termine emerso su Terra 2.0 per una esperienza mentale che qui non esiste. Che ero maschio l’ ho sempre saputo, ma la mia immaginazione era molto attiva, e mi giungevano immagini e scenari, per così dire. Mi è stato spiegato che la nanotecnologia che oscurava la mia percezione sensoriale non funziona sempre in modo ottimale, e spesso permette di far emergere ricordi di una vita diversa da quella ” giocata ” e sensazioni anomale di alienazione. Io sono il contrario di un afantasiaco, sono un superfantasiaco, e facevo fatica a pensare a me stesso come me stesso, dovevo sforzarmi per includermi nei miei pensieri, e forse è stato il risultato della mia generazione di ” cresciuti nei video online “, ma quando io pensavo, pensavo per immagini sia fisse che in movimento, e pensavo attraverso quel che si potrebbe definire, un meme. In più, spesso mi veniva più spontaneo pensare in inglese che in italiano.
Dunque, a 16 e 17 anni erano emerse sensazioni intense in me, un desiderio intenso di essere diverso, mi venivano in mente scenari tropicali, estati assolate e immagini in alta risoluzione di un ragazzo biondo. All’ epoca avevo cominciato a interessarmi ai gemelli, per qualche motivo, forse influenzato dal fatto che all’ epoca guardavo una serie tv di Terra 2.0 con dei gemelli che vivevano in un albergo. Che assieme a me nelle prime settimane di embrione c’ era un gemello mai sviluppato appieno l’ ho scoperto solo nel 2013 anno di Terra 2.0, attraverso una pagina di diario di mia madre. Intendo dire la madre del personaggio che ho interpretato. Ma in un certo senso l’ ho sempre saputo, qualcosa mancava.
Descrivendomi col senno di adesso, all’ epoca, ma senza nessun tipo di esteriorizzazione della questione, mi sentivo come un giovane Michael Jackson, volevo davvero davvero cambiare. E non conoscevo Michael, sì sapevo chi era, ma non sapevo molto al di là del suo nome e della sua fama. Non saprei bene come descrivere quella sensazione disforica, ma guardando un certo tipo di archetipo fisico, mi sentivo ” a casa “, sentivo ” familiarità “. Quella familiarità non è mai andata via. Avevo persino ricordato il mio nome reale, perché il mio nome su Terra 2.0 era un nome Cristiano, un genere di nome che nella mia vita reale non esiste, perché la grandissima percentuale della Storia umana generata su Terra 2.0 è fittizia. Quindi avevo dato un nome a quelle immagini mentali, che facevo in modo di visualizzare nella maniera migliore possibile, e quando giravo da solo in bici, lo sovraimponevo sulla mia immagine, e mi sentivo diverso, sentivo che fare un esercizio mentale di sovraimpressione sul mio corpo mi dava coraggio e fiducia in me stesso.
Dennis in seguito è diventato il mio primo personaggio di un libro, e ovviamente era inclusa la questione dei gemelli che non sanno di essere gemelli, prima ancora di indagare nei diari di mia madre e scoprire che – io – ero, o almeno sarei potuto essere potenzialmente un gemello. Il libro era ambientato in Australia. Quando in seguito trovai in certi film e immagini online, immagini di persone bionde che si avvicinavano in modo sorprendente all’ archetipo che avevo in mente, mi sentivo quasi come se avessi immerso un dito nel futuro e avessi pescato qualcosa. QUASI come. Da allora ho sempre cercato di conoscere e familiarizzare con figure che mi ricordassero questo archetipo. Forse ancora non me ne rendo conto, ma probabilmente cercavo una ” idea percettiva di me stesso ” più che altro. Poi è successo. Due volte ho conosciuto due persone che si avvicinavano a quell’ archetipo, anche se a ben pensarci, solo vagamente, perché non c’ era alcuna somiglianza fra loro e le immagini archetipiche nella mia mente, ma era l’ idea della personalità che volevo cercare. Non posso andare nei dettagli, ma sono state esperienze molto vissute, da una parte la ricerca di un carattere trasgressivo che io non potevo esprimere da solo, dall’ altra parte la ricerca di una personalità dominante e persuasiva alla quale mi sono arreso completamente. Forse è vera la questione delle tracce psicologiche comportamentali che lascia la condivisione di giorni e settimane come embrione con un altro embrione, anche se nel mio caso si tratta di giusto pochissime settimane, ma chissà, forse la ” consapevolezza ancestrale ” e in seguito la ” consapevolezza concreta ” ha influito. Quello che cercavo io era il gemello maggiore. Ho la sensazione che io sarei stato il minore. Ho la sensazione che io NON sarei stato il gemello dominante. Ho persino vissuto due anni di esperienza virtuale alternativa all’ interno di quella che già era alternativa, quella nella quale per due anni mi sono diviso fra due famiglie e ho approfondito l’ amicizia con un vero e proprio secondo fratello, una personalità dominante e impositiva che io cercavo, senza saperlo. E mi sono lasciato inglobare completamente. Lui non corrispondeva all’ archetipo fisico di quelle immagini, ma aveva una personalità che in qualche modo io allacciavo a quella sensazione che avevo provato io. Coraggio, fiducia e trasgressione.
Quella sensazione, con gli anni si è affievolita e tutto è tornato alla normalità, a parte per quelle parentesi in cui mi lasciavo inglobare dalle personalità degli altri … A 27 anni virtuali scrissi un racconto breve, ho riproposto a me stesso queste sensazioni nel mio racconto breve DARK SOSIA: la storia di due sosia che si scoprono per la prima volta, in parallelo con un’ altra coppia di sosia, uno si è autoesiliato e vive da nomade, e l’ altro vive con una madre piena di segreti. I due sosia credono ognuno di essere il gemello dell’ altro poiché sono consapevoli dell’ esistenza passata del gemello, ma si sbagliano. Sono solo simili. E sono avversi l’ uno all’ altro. E’ una specie di metafora per la questione dei gemelli sopravvissuti che prevalgono sull’ altro e crescono e si sviluppano al posto suo. E’ la mia storia breve preferita di mio pugno. E’ veramente opera mia, la sento come mia. Più o meno nello stesso periodo trovai in un cortometraggio online nella zona virtuale chiamata Germania, il nuovo punto di riferimento per richiamare alla mente quella immagine archetipica. Ve lo potrei giurare, guardare quel cortometraggio, fu come tornare veramente a casa propria, in un modo ancora più assoluto che in passato. Quel giovane di un anno in meno di me era l’ incarnazione stessa di quello che sentivo io da adolescente. E’ una sensazione alienante ed estraniante, come non essere più sicuri di appartenere a questo mondo. Ora, qui, nella vita reale, ho scoperto che il mio gemello regredito nell’ utero di mia madre virtuale, è tornato a usufruire dell’ esperienza Terra 2.0, e grazie ai privilegi forniti dall’ azienda, ha potuto ottenere un corpo avatar quasi identico al suo corpo originale e legittimo, e nacque nel 1991 e divenne un attore, e quando la sua esperienza finì, scoprì di essere il mio gemello. L’ esperienza scritta in DARK SOSIA è stata in un certo modo vissuta veramente: Quando ho scoperto i cortometraggi di (…), mi son detto, sconvolto, che Dennis era entrato nella realtà ” reale “, come una sorta di avatar, la mia immaginazione lo ha reso concreto, DENNIS esiste. Ma il suo nome da personaggio era prima DIMI, poi DAVID. Sapete, quelle sensazioni principali, di impatto, che uno ha quando percepisce come se la realtà avesse pescato dalla tua mente e avesse manifestato la realtà proprio come la volevi tu. (…) sembrava come pescato dalla mia immaginazione e incarnato in un vero avatar.
Mi dicevo così: ” Sono davvero colui che risponde alla mia immagine nello specchio? Certe volte si adatta così bene alla mia interiorità. Ma altre volte, a contatto con determinati archetipi ed esperienze, emerge una manifestazione diversa da me, libera da tutte le nevrosi e le peculiarità che fanno me – me -. ” Ma non mi sono fatto coinvolgere troppo, per ovvi motivi. Rimase una sensazione sotterranea, silenziosa, alienante, di non essere quello che sono. Ma ormai mi ero identificato con il mio corpo, anche se raramente includevo me stesso nei miei pensieri ” meme “, mi stavo sforzando. La razionalità troppo – convinta – non mi ha mai convinto. Per determinati periodi l’ ho presa in considerazione e l’ ho fatta mia, ma le domande e i misteri rimanevano gli stessi, e a volte si accumulavano invece di diminuire. La razionalità su Terra 2.0 è percepita da noi che torniamo in noi stessi come un livello di immersione nell’ esperienza recitativa così alto che ci si identifica completamente con la propria identità fittizia e il proprio mondo ingannevole. Fortunatamente, ho potuto scegliere un grado di immersione abbastanza basso da permettermi di ricordare chi ero veramente ad un certo punto, e permettermi di studiare il sistema strutturale della realtà virtuale e andare al di là di tutti dogmi razionalisti, di andare contro corrente, e di essere oltre con i tempi, così oltre che non venni mai veramente compreso. Anche perché per anni sono stato contradditorio, e ho dato ragione ai razionalisti. Ma dentro di me covavo riflessioni che stimolavano la mia immaginazione, persino quando avevo svuotato la realtà di tutte le potenziali bugie, persino allora, permanevano in me sensazioni di non essere nella realtà giusta.
Poche cose erano apparentemente irrazionali e inspiegabili anomalie come lo erano i cosiddetti transgender, un fenomeno che nella vita reale non esiste, e che è emerso unicamente dalle esperienze virtuali di Terra 2.0 … E nessuno ci era arrivato. Nessuno ci era arrivato. Solo io volevo crederci. Tentavo di trovare qualcosa online, qualcuno deve aver fatto la connessione. Hallo? C’è qualcuno a casa in quelle teste di cavolo? ( E non intendo quelle dei transgender, ma dei razionalisti estremi )
Cercavamo gli alieni con i telescopi e i messaggi nello spazio, alieni che non abbiamo mai trovato, e non indagavamo la metafisica dell’ essere transgender. Nessuna filosofia semi gnostica era emersa che li facesse emergere come simboli, nessun guru della tecnologia ci era arrivato. Neppure quando i transgender parlavano della loro sensazione di percepire organi fantasma che non erano nel proprio corpo – avatar. I transgender, le anomalie più evidenti che avevamo a disposizione per arrivare alla verità, eppure nessuno ci ha pensato.
I transgender avevano un grado di immersione nel programma così basso che ricordavano chi erano, si percepivano come costretti a ingannare la gente, si vedevano come attori, e prima di emergere come transgender alcuni ritenevano che tutto il mondo si fosse trovato ad interpretare un ruolo che non gli apparteneva veramente, e che quel fenomeno fosse un apprendimento culturale al quale bisognava adattarsi. Ma come avrebbero potuto i razionalisti riuscire a sondare la verità nascosta? Loro erano i ” pazzi “, paradossalmente, e i transgender erano le persone più ” aware ” sulla Terra ( 2.0, vorrei ricordarvi ) E infatti ognuno di loro aveva ragione, e l’ azienda che permetteva l’ accesso a queste esperienze virtuali si era trovata abbastanza nei pasticci quando erano iniziati ad emergere i primi casi di scandalo. Non sembrava molto etico fornire a queste persone degli avatars di sesso sbagliato. Ma il consumismo non si poteva arrestare, doveva andare avanti, tanto l’ esperienza virtuale sacrificava solo 24 ore e anche di meno. La clausola del rimborso aveva permesso loro di non modificare il sistema. Coloro che sono tornati alla vita reale e si sono opposti al culto diffuso tramite l’ azienda, si sono chiesti come abbiamo fatto a non rendercene conto, a non pensare in maniera diversa, fuori dal quadrato. Come sono stupidi a volte gli umani. Hanno le risposte davanti agli occhi, esposte alla luce del sole, e non le considerano. Non le immaginano neanche.
La nostra Terra ( 2.0 ) e la nostra Storia è nata dalle menti e dalle capacità tecnologiche e letterarie di esperti di tecnologia virtualistica, haptica e nanotecnologica, e da un vero e proprio team di persone dedicate, che nel corso della Storia hanno trasmesso degli imput alla popolazione online, creando quella Storia fittizia tanto cara a chi la vive.
Il giorno della presentazione del progetto il mondo reale cambiò per sempre. C’è stata una conferenza stampa in diretta globale, e ci hanno detto che era stato creato un universo virtuale, creato per risultare quasi del tutto identico al nostro, aveva un passato manipolato tutto da scoprire ed era già allo stadio di evoluzione che permetteva la vita umana, ci hanno detto che avrebbero permesso l’ accesso dell’ ambiente virtuale a delle persone paganti, e che esse sarebbero dovuti partire con l’ unico accesso ad avatar di persone che noi definiremmo ” cavernicoli ” e che avrebbero dovuto piazzare le basi per permettere lo sviluppo di una Storia relativa al mondo e alla civiltà alternativa.
La chicca era che grazie all’ ingerimento di agenti nanotecnologici del tutto innocui, i giocatori avrebbero perso temporaneamente il contatto con la realtà e avrebbero interagito fra di loro come se le loro personalità reali non fossero mai esistite. Ai primissimi giocatori vennero forniti ricordi di un passato relativo al personaggio che in realtà non esisteva. Avevano a disposizione dalle 10 alle 15 ore di tempo reale, ma dentro al gioco ne sarebbero passati qualche decina. Furono seguiti in diretta globale attraverso un canale apposito. La popolazione era incredula ed estasiata. Si vociferava che avevano risolto il problema della mortalità, comprimendo una vita di percezioni intera nella finestra temporale di una decina di ore. Chi tornava alla realtà reale lasciava nel mondo virtuale un corpo vuoto, un avatar spento, e quelli che assistevano alla sua ” morte ” credevano fosse reale.
Gradualmente il mondo virtuale venne aperto al pubblico, ed era stata organizzata una lotteria, e chi riusciva ad essere scelto aveva la possibilità di cominciare una vera e propria vita alternativa, dapprima come embrione, poi come bambino e l’ avatar cresceva e percepiva esattamente come nella realtà. Nessuno poteva rinunciare ad una simile opportunità. Con il passare dell’ evolversi dell’ ambiente e della cultura fittizie, sempre più gente aveva il permesso di partecipare, e gradualmente l’ utilizzo di un avatar di qualità venne associato al proprio status economico. Vennero create delle succursali in altri continenti, che si organizzarono dapprima in modo indipendente, poi vennero fuse alla realtà di base, facendo credere ai popoli di incontrarsi per la prima volta.
L’ esperienza era un po’ diversa, nelle epoche passate. C’ era molta più possibilità di interazione con la ” realtà di Fonte “, per esempio ingerire e fare uso di psichedelici riduceva la funzione offuscante dei neuroni manipolati dalla nanotecnologia e permetteva di parlare con delle ” entità guida ” che venivano chiamati ” Logos “. Vennero organizzate le creazioni delle religioni, attraverso dei profeti con un grado di immersione minimo o assente, silenziosi agenti consapevoli della realtà fittizia. All’ inizio l’ azienda aveva un po’ di apprensione e di paura, a lasciare le persone in balia di corpi che non gli appartenevano, ad un ambiente che non esisteva concretamente. Perché poi tornavano alla realtà, e la funzione di immersione non era sempre perfettamente funzionante, alcuni si svegliavano e venivano percepiti come impazziti, altri invece decidevano di interrompere il gioco.
Gradualmente, coloro che tornavano alla vita reale, venivano seguiti da team di tutori e psicologi addetti, per aiutarli a capire cosa era successo, e riadattarli alla loro vita. Moltissima gente si impegnava successivamente a girare il mondo, e a cercare i loro parenti fittizi online, per riallacciare i contatti con queste persone lontane con le quali inconsapevolmente avevano condiviso intere vite.
Come umanità, ci sentivamo molto più uniti e consapevoli, l’ empatia era diffusa, la vita reale era stata cambiata. Ma il mondo virtuale si sviluppava, cresceva, si evolveva e gradualmente si stava sviluppando una sorta di sovraimpressione su quello reale, era diventato più importante, economicamente e culturalmente prezioso e sacro addirittura, la vita reale era lasciata da parte, sottovalutata, si stava perdendo il significato, si preferiva usufruire di vite extra.
Nella vita virtuale i soli contatti con la vita reale provenivano da brillanti scrittori con le loro opere suggerite da memorie ancestrali e remote, dalla capacità di comprensione del sistema a cui potevano arrivare le grandi menti, alcuni ci arrivavano con la logica, altri ci arrivavano attraverso ricordi improvvisi, come se fino a quel punto fossero stati come ipnotizzati, arrivavano immagini improvvise, sensazioni, un’ intera gamma di fenomeni psicologici e comportamentali che nella realtà reale non esistevano, che si erano sviluppati solo attraverso l’ esperienza di vivere vite fittizie. Disforia, la credenza in vite precedenti, la percezione dei transgender, erano alcuni di questi fenomeni.
E mentre le ore di gioco aumentavano, e raggiungevano le 20 o le 24 ore, gli avatar diventavano sempre più complessi, le vite diventavano sempre più interessanti e profonde, variegate e incredibili, ad un certo punto della Storia, la globalizzazione del sistema Terra 2.0 si era fatta completa. Miliardi di utenti usufruivano di vite extra. E l’ azienda si arricchiva, dominava il mondo reale, monitorava il mondo virtuale e lo diffondeva sui canali appositi alle popolazioni, e si diffondeva quella propaganda che divenne un vero e proprio culto.
La nostra società si divise, alcuni si ribellarono, tornarono indietro, in un passato più semplice e anti tecnologico, altri si spostarono su altri pianeti, sulla Luna, e altri ancora erano ancora troppo poveri e arretrati per partecipare all’ esperienza che contava di più in assoluto. E questi mettevano l’ acceleratore, con un solo obiettivo in mente, andando oltre la volontà della gente. Ad un certo punto alcune società ristrette avevano deciso di imporre l’ uso di Terra 2.0 alle loro popolazioni.
Avevamo a disposizione potenzialità senza precedenti, ma avevamo perso tutti i nostri valori precedenti. Una gran parte di noi si sentiva in colpa per aver permesso senza ribellarsi e senza fermare l’ azienda, di aver manipolato intere generazioni, che si svegliavano portandosi dietro anni di vita vissuta per poi passare il loro tempo reale alla ricerca della vita vissuta e perduta. Perchè pochissimi riuscivano a ottenere tutto dalla vita fittizia e a sfruttare tutte le occasioni.
Speravamo che un giorno quella esperienza virtuale venisse conclusa in qualche modo, che si potesse finalmente tornare a vivere in modo più concreto, perché ad ogni modo, noi morivamo ancora, e non sapevamo cosa ci fosse al di là, e alcuni di noi temevano che anche le nostre vite considerate reali fossero esperienze fittizie, temevamo di doverci accontentare di identità temporanee senza mai trovare le nostre identità di Fonte, di base. L’ azienda prometteva vita senza fine, e poi faceva tornare le persone in una realtà dove si moriva ancora. Certo, era solo un giorno, ma non sembrava corretto. Ma ci siamo organizzati. Abbiamo sviluppato un piano, un progetto che ha un obiettivo. Risvegliare tutti quanti e far sparire Terra 2.0. Perché Terra 1.0 era sufficiente.