Faccio un po’ il punto della situazione su Civiltà Scomparse

10 11 2018

Ok, dopo che è un bel po’ di tempo che non mettevo più qualche aggiornamento mio su Civiltà Scomparse, ora sento che è proprio venuto il momento di farlo.

Un po’ invidio il mio collega di blog Teoscrive che riesce spesso e volentieri a scrivere articoli anche molto vasti e articolati, ricchi di calcoli e riferimenti. Ormai sono cinque anni che mi conosco con lui, solamente attraverso internet perché finora non abbiamo mai avuto modo di incontrarci dal vivo. Tutto è cominciato quando Teoscrive mise qualche commento a un piccolo post ciclologico sulla situazione egiziana che misi in linea nel luglio 2013, non mi ricordo bene come successe ma lo invitai a scrivere anche lui sul blog e da lì in poi è nata la nostra collaborazione.

Sarebbe potuto succedere anche con altri, non solo con Teoscrive, tendenzialmente il sottoscritto aprirebbe il suo blog alle collaborazioni ma capisco bene che i più tanti vogliono rimanere nel loro orticello, non posso biasimarli. C’è anche da dire, però, che l’affiatamento con Teoscrive si è intensificato nel tempo, anche per via di molte chattate su Facebook da noi fatte, spesso iniziate da lui e da cui talvolta sono nati anche articoli di Civiltà Scomparse. Oltre i contatti Facebook, c’è un terzo elemento di una sorta di “triumvirato” (raggruppamento di individualità molto archetipico!), che è Mediter-Fabon Burton, e lui ha un blog tutto suo, lo conosco ancora da prima di Teoscrive, dal 2010, e so che porta avanti dei suoi percorsi molto studiati e personali, penso di aver capito col tempo che le possibili collaborazioni-contaminazioni rischiano di distrarlo dalla sua linea di studio molto netta e direzionata da lui portata avanti da anni e che solo talvolta rende pubblica e manifesta attraverso il suo blog. Insomma, mi sarebbe piaciuto che uno come Mediter collaborasse a questo blog più o meno come fa Teoscrive ma col tempo ho capito che ciò non è possibile, poichè è proprio il suo determinato stile, come ho detto, a non renderlo possibile. Ad ogni modo il suo blog Mondo Simbolico (nome anche di una categoria di Civiltà Scomparse) è perennemente ben segnalato tra i link a lato, anche perché è rimasto uno dei pochi spazi web a essere più in sintonia con ciò che si dice qui dentro, visto che spazi web che esistevano in passato, come “Memoriale – ritorno alla realtà” di Claudio Monetti e “The Synopticon” di Naaray-Garbuglia, non esistono più da tempo. Sono i siti web che mi permisero di “riaggomitolare” certe sensazioni che provavo, come ho detto, si può dire, dai tempi dell’infanzia e che fino ad allora non ero mai riuscito ad esplicitare in un modo comprensibili. Quei due siti web mi avevano aiutato a cominciare a capire e da un po’ di tempo che voglio ricordare qui su questo blog “Memoriale – ritorno alla realtà” di Claudio Monetti poiché, all’incirca più o meno una dozzina di anni fa, era stato tra i primissimi a ispirarmi i modi di pensare che poi si sarebbero concretizzati in Civiltà Scomparse.

frattali computazionali

Se Claudio Monetti (alias Giovanni Monni) fosse ancora in giro e si imbattesse in Civiltà Scomparse mi viene da pensare che potrebbe anche avere voglia di dire la sua, anche perché penso che molto pochi (anche e soprattutto tra gli alternativi italiani), finora, capiscano sul serio dove voglia andare a parare questo blog: come, spero, ormai molti avranno capito non é un contenitore di notizie contro-informative o complottistiche anche se qualche anno fa lo poteva sembrare, ma vuole essere un blog, diciamo, il più possibile sobrio, su modi alternativi di considerare il mondo in cui troviamo immersi, quello della civiltà occidentale. A differenza degli scienziati e degli storici “normies”, normali, noi NON DIAMO PER SCONTATO IL MONDO DA CUI PRENDONO LE MOSSE LA SCIENZA E LA STORIA (cosa che tendono a fare gli scienziati e gli storici normali) ma noi invece prendiamo le mosse da una visione delle cose che reputa scienza e storia due realtà tutt’altro che oggettive di per sé e incontrovertibili ma, anzi, parecchio costruite e artificiali, quasi delle SIMULAZIONI.

Fin dai lontanissimi tempi dell’infanzia ho avuto sempre modo di rendermi conto di cose di cui gli altri non si rendevano conto, riguardanti proprio i MUTAMENTI, le coincidenze e le analogie inaspettate. Le nevrosi sono certo un fardello ma possono anche essere una specie di dono perché ti fanno vedere il mondo a volte come se assumessi quasi delle sostanze psicotrope alla dimetiltriptamina che ti distanziano dalla realtà normalmente condivisa, e quindi è come se guidassi fuoristrada e dunque noti coincidenze e mutamenti che sfuggono perennemente ai “normali”, ai “logici e razionali” coi piedi sempre ben piantati per terra e che si destreggiano bene nella società. Però possiamo dire che sono questi “normali” a essere invece perennemente distratti di fronte a mondi percettivi che a loro sfuggono completamente ma che, nondimeno, hanno diritto di esistenza anche se non si trovano a loro agio nella società occidentale della scienza, della logica, della razionalità, delle regole, della tecnologia, delle leggi tra cui quella causa-effetto ecc ecc…

civiltà scomparse

Inoltre, spesso e volentieri, gli scientifici logici e razionali fraintendono completamente certi argomenti, tendendo a vederli in modo caricaturale. Prendiamo l’ASTROLOGIA: non è vero che è basata sugli “astri, stelle, pianeti e costellazioni, i quali influenzano le vite degli esseri umani” (è una sciocchezza) ma l’astrologia è invece basata sulla QUALITA’ DI UN DETERMINATO SPAZIOTEMPO e questa ben determinata qualità di un determinato punto dello spaziotempo diverso da tutti i determinati punti localizzati prima e localizzati dopo, è come MARCATA da determinate posizioni degli astri (vale a dire gli elementi della realtà più visibili da tutti quanti)…anche se qui la situazione é un po’ come quelli che si trovano seduti su un treno fermo e a un certo punto sembra che il treno si muova ma a muoversi é invece il treno a fianco visto dal finestrino: il punto centrale dell’astrologia sono i movimenti tropici (TROPOLOGIA, studio delle stagioni e dell’anno) di Terra, Sole e Luna: i movimenti delle costellazioni e degli altri pianeti hanno senso solo in rapporto ai movimenti tropici di Terra, Sole e Luna; la fondamentale inclinazione dell’eclittica per esempio, quella che produce le stagioni e quindi l’anno e quindi di conseguenza produce anche le religioni come quella cristiana e cattolica…ma qui andiamo troppo lontani: la cosa fondamentale è la qualità dello spaziotempo, che é sempre diversa, non é un sacco vuoto e amorfo che si può riempire come si vuole e quindi il passato e il futuro possono essere in ogni modo riempiti, in questo blog vogliamo sempre mostrare che non è così.

Dal concetto di qualità dello spaziotempo sempre diversa ha origine non solo l’astrologia ma anche le sincronicità e la ciclologia. E il concetto di qualità dello spaziotempo è affine a quello di PSICHE ovvero, in estrema sintesi, un modo di vedere ciò che chiamiamo “materia” che non la vede come qualcosa di morto, amorfo e privo d’intelligenza ma, anzi, equiparabile alla stessa psiche la quale, a sua volta, non è una banale produzione del cervello dentro le nostre teste ma, si può dire, l’altra faccia di ciò che chiamiamo “materia”. Quindi i movimenti della psiche sono i movimenti dello spaziotempo e delle sue localizzazioni, in un certo senso misurabili con un certo modo scientifico di intendere l’astrologia, lo studio delle sincronicità e la ciclologia dello spaziotempo storico in una specie di “campo unificato di ricerca”.

https://civiltascomparse.wordpress.com/2015/04/02/vi-sono-veramente-due-mondi/

La stessa cosa attingibile dai nostri sensi, se vista come “materia” ci saranno certe conseguenze e se vista come “psiche” (o “coscienza” o “anima del mondo”) ci saranno altre conseguenze, per adesso ancora considerate come FAVOLE da scienziati e storici ma prossimamente le cose potrebbero anche cambiare, magari in seguito a qualche megaevento di portata planetaria.

Storia come menzogna universale e sincronicità come dire la verità e atto rivoluzionario

1a941

Matrix5

Il punto é anche che, come é stato illustrato da Teoscrive qualche giorno fa, il concetto di realtà come simulazione poteva apparire come una cosa tanto fiabesca e fantascientifica, alla “Matrix”, alla “Tredicesimo piano”, alla “Truman show” ma siamo giunti a poter ben dire che è qualcosa di terribilmente concreto e reale, il classico elefante nel salotto che nessuno vede, é infatti la stessa STORIA (in particolare la nostra occidentale) a essere una simulazione artificiale, una realtà virtuale in cui siamo tutti immersi, e che ha ben poco di naturale (diciamo nulla) pur pervadendo tutta la nostra vita dalla nascita alla morte. Quindi il rendersi conto delle sincronicità potrebbe essere un punto di fuga da questa simulazione artificiale in cui siamo tutti immersi, le sincronicità potrebbero essere viste come lampi di verità dentro questo videogame collettivo, dentro questo grande teatro. Pensando a quella celebre frase di George Orwell, Nel tempo della menzogna universale dire la verità è un atto rivoluzionario, la “menzogna universale” sarebbe la stessa Storia e i lampi di verità sarebbero le sincronicità e le coincidenze e il notarle e mostrarle sarebbe un “atto rivoluzionario”.

Annunci




Le leggi della storia e il problema del libero arbitrio

4 11 2018

Visualizza immagine di origine

Mi rendo conto che le mie scoperte sulle leggi della storia potenzialmente in grado di rivelare il futuro collettivo dell’ umanità pongono un problema al concetto di libero arbitrio.

Non sono un materialista e non lo potrò mai essere. Sono un appassionato di sincronicità e credo nel destino. Da più di dieci anni sono anche appassionato ed esperto di astrologia, che interpreto come una forma di psicologia ciclica.

Suggerisco di interpretare i miei cicli storici e le mie leggi della storia come fattori potenziali, che individuano le PROBABILITA’ e le POTENZIALITA’ che un evento accada. Non c’è certezza, perché l’ uomo, messo a confronto con una previsione del futuro, automaticamente è portato a comportarsi in modo che ciò che viene predetto non accada.

Io penso che in sostanza siamo ” personaggi ” interpretiamo un ” ruolo ” e che l’ esistenza segua un copione. Chi conosce di più questo copione e il suo procedimento ha la possibilità di agire “improvvisando”. In un certo senso, nel momento in cui conosciamo tutte le regole, possiamo cominciare ad agire liberamente.

Io penso che il libero arbitrio sia limitato, e funziona come in quei ” videogiochi a scelta multipla “. Quando entriamo in questo universo dobbiamo agire in piena immersione e concordanza con le sue leggi.

Quello che stiamo osservando, è, ancora una volta, una ulteriore categoria di ordine, e l’ ordine è dettato da una intelligenza superiore.

I personaggi dei libri, dei videogiochi, e quelli interpretati dagli attori agiscono in un mondo chiuso e ordinato, e questo succede PROPRIO perché sono stati creati o indirizzati da un agente esterno a comportarsi in quel modo.

Di conseguenza, dovremmo applicare questo ragionamento alla vita umana. Non siamo macchine, ma personaggi. Il nostro corpo fisico non è l’ unico rivestimento che avvolge la nostra mente e la nostra coscienza. Queste leggi che governano la nostra collettività per quanto riguarda la nostra storia sono un altro grado di rivestimento che dobbiamo indossare e applicare per vivere in questo mondo.  

I più saggi fra di noi sanno che il mondo è un palcoscenico, e che la storia è un grande spettacolo collettivo, e tutti possiamo farne parte se ne comprendiamo il procedimento.

In poche parole, noi siamo avatars, e facciamo parte di un disegno, ordinato e dettagliato in ogni minimo particolare.

La storia, come del resto il tempo stesso, ha delle ” stagioni ” e delle periodicità ben definite. Questo succede perché questi fenomeni sono stati manovrati artificialmente, se così si può dire, da un agente esterno.

Dove troviamo ordine, e sequenzialità, dovremmo esserne lieti. Stiamo scoprendo che anche il fenomeno collettivo che noi chiamiamo Storia, possiede una sequenzialità simile al DNA o alla codificazione di un programma informatico.

Siamo nel periodo migliore della storia per abbandonare il materialismo e tornare alle origini. Infatti il materialismo spinto è danneggiato e corrotto dall’ irrazionalità e dalla negazione dell’ ordine costante dell’ esistenza.   





Nuove prospettive dai cicli storici sul Ventunesimo secolo

27 10 2018

Visualizza immagine di origine

In questi giorni ho fatto una ricerca sui multipli dei cicli storici da me presentati nello scorso articolo:

  • Il ciclo dei 25 anni è il più evidente in assoluto, ho registrato quarantaquattro esempi. PRIMARIO
  • Il ciclo dei 22 anni mi ha fatto registrare diciotto esempi, ed è il secondo in classifica. PRIMARIO
  • Il ciclo dei 37 anni mi ha fatto registrare quindici esempi. PRIMARIO
  • Il ciclo dei 32 anni mi ha fatto registrare tredici esempi. PRIMARIO
  • Quello dei 13 anni mi ha fatto registrare tredici esempi. PRIMARIO
  • Quelli dei 44 e 45 anni arrivano fino a dieci e undici esempi accumulati, rispettivamente. MULTIPLO
  • Quello dei 17 anni arriva fino a dieci esempi accumulati. PRIMARIO
  • Quello degli 87 anni mi ha fornito otto esempi registrati.  PRIMARIO
  • Quello dei 52 anni mi ha fornito otto esempi registrati. MULTIPLO
  • quello dei 15 anni mi ha fornito sette esempi registrati. PRIMARIO

Dall’ ultimo aggiornamento emergono altri cicli potenziali, di carattere multiplo e generazionale:

2018

25 ( Ciclo principale e di nostalgia culturale )– 50 – 100 – 150 – 200 – 250 ( Ciclo Imperiale 3 di Glubb ) ( 1968 – 1918 – 1868 – 1818 – 1768 )

http://time-price-research-astrofin.blogspot.com/2016/12/from-conquest-to-affluence-to-collapse_6.html

22 ( Ciclo attività solare e nostalgia culturale ) – 44 – 66 – 88 – 110 – 132 – 154 ( Ciclo Imperiale 2 ) – 176 – 198 – 220 ( Ciclo Imperiale 1 ) – 242 ( 1974 – 1952 – 1930 – 1908 – 1886 – 1864 – 1842 – 1820 – 17981776 )

https://motls.blogspot.com/2011/03/is-there-66-year-cycle-in-temperatures.html

The 11-year sunspot cycle is actually half of a longer,22year cycle of solar activity.

37 – 74 – 111 – 148 – 185 – 222 ( Ciclo Imperiale 1 ) – 259 ( 1944 – 1907 – 1870 – 1833 – 1796 – 1759 )

32 – 64 – 96 – 128 – 160 – 192 – 224 ( Ciclo Imperiale 1 e ciclo dei cambiamenti politici statunitensi ) – 256 ( 1954 – 1922 – 1890 – 1858 – 1826 – 1794 – 1762 )

https://www.armstrongeconomics.com/tag/224-year-cycle-of-political-change/

52 – 104 – 156 – 208 – 260 ( Ciclo Imperiale 1 ) ( 1914 – 1862 – 1810 – 1758

https://tallbloke.wordpress.com/2013/08/22/ian-wilson-connecting-the-208-year-de-vries-cycle-with-the-earth-moon-system/

87 – 174 – 261 ( Ciclo Imperiale 1 ) ( 1844 – 1757 )

https://www.armstrongeconomics.com/qa/the-86-year-cycle-is-all-around-us/

13 – 26 – 39 – 52 – 65 – 78 – 91 – 104 – 117 ( 1992 – 1979 – 1966 – 1953 – 1940 – 1927 – 1914 – 1901)

https://motls.blogspot.com/2011/03/is-there-66-year-cycle-in-temperatures.html

17 – 34 – 51 – 68 – 85 – 102 – 119  ( 1984 – 1967 – 1950 – 1933 – 1916 – 1899 )

https://www.beacontechnologies.com/blog/2014/02/17-year-stock-market-cycle-theory/

http://www.investwithalex.com/warning-this-article-will-blow-your-mind-17-year-cycles-within-human-life-why-human-life-takes-the-same-trajectory-as-the-stock-market/

https://pricentime.com/blog/2017/02/05/17-year-stock-market-cycle/

15 – 30 ( Ciclo dei trend culturali ) – 45 – 60 – 75 – 90 – 105 – 120 ( 1988 – 1973 – 1958 – 1943 – 1928 – 1913 – 1898 )

The Nostalgia Pendulum: A Rolling 30-Year Cycle of Pop Culture Trends

Il ciclo sopra descrive anche una versione di 22 anni e 24/25 anni della nostalgia culturale

https://www.travelchinaguide.com/intro/astrology/60year-cycle.htm

https://www.commondreams.org/views/2012/06/11/war-or-revolution-every-75-years-its-time-again

2018: ( 1993 , 1986, 1996, 1973, 1966, 1931 ) ( 1768 – 1776 – 1794 – 1862 – 1810 – 1898 / – 1798 – 1758 – 1796 – 1757 )

La vicenda delle carovane dall’ Honduras potrebbe connettersi alla guerra America – Spagna del 1898, e la situazione fra Democratici e Repubblicani potrebbe essere connessa alla guerra civile Usa ( 1862 ) ; nel 1898 la Cina subì un colpo di stato, venne invasa da diverse nazioni e Pechino venne saccheggiata. Potrebbe connettersi al grande disastro cinese del 1931?  E alla Rivoluzione Culturale del 1966?

2019 : ( 1994 , 1987, 1997, 1974, 1967, 1932 )( 1769 – 1777 – 1795 – 1863 – 1811 – 1899 / – 1799 – 1759 – 1797 – 1758 )

Potenziale allaccio al colpo di stato del 1799 di Napoleone e l’ evento di Parigi del 1997.  

2020 : ( 1995 , 1998, 1975, 1968, 1933 ) ( 1770 – 1778 – 1796 – 1864 – 1812 – 1900 / – 1800 – 1760 – 1798 – 1759 )

2021 : ( 1996 , 1989, 1999, 1976, 1969, 1934 ) ( 1771 – 1779 – 1797 – 1865 – 1813 – 1901 / – 1801 – 1761 – 1799 – 1760 )

Abbiamo la connessione alla fine della Guerra Civile, 1865, al 1901 della morte della Regina di Inghilterra. Potenziale allaccio fra il colpo di stato di Napoleone del 1799 e la situazione francese del 1969.

2022 : ( 1997 , 1990, 2000, 1977, 1970, 1935 ) ( 1772 – 1780 – 1798 – 1866 – 1814 – 1902 / – 1802 – 1762 – 1800 – 1761 )

Abbiamo la connessione alla spartizione e alla cancellazione della Polonia, 1772, alla caduta di Napoleone, 1814, alla Rivoluzione Industriale, 1780, per la Germania la connessione fra le due unificazioni 1866 e 1990, e una connessione fra la ribellione irlandese del 1798 e il 1997. Nel 1762 cominciò il Regno di Caterina la Grande e abbiamo l’ allaccio con la morte di Diana del 1997

2023: ( 1998, 1991, 2001, 1978, 1971, 1936 ) ( 1773 – 1781 – 1799 – 1867 – 1815 – 1903 / – 1803 – 1763 – 1801 – 1762 )

Abbiamo la connessione fra il 2001 e il 1773 del Boston Tea Party, anno che vide anche la più imponente rivolta nella storia della Russia, e qui abbiamo una connessione con la crisi del 1998. Abbiamo il colpo di stato di Napoleone nel 1799, l’ allaccio al libro sul capitalismo di Marx, 1867, anno che vide anche la fondazione del Canada. Abbiamo la connessione con il 1815 ( Congresso di Vienna e l’ eruzione del Tambora, la più imponente della storia registrata ) e l’ eruzione del Pinatubo e la fine della potenza del 1991. Inoltre nel 1903 abbiamo la divisione politica russa fra Bolscevichi e Menscevichi. Allaccio fra il 1763, fine della Guerra Mondiale dei 7 anni e la fine della Guerra Fredda nel 1991, forse in seguito alla caduta delle potenze.

  • Per completare l’ opera … della caduta dei sistemi potenza nel 2021 e 2023 abbiamo anche l’ allaccio con la nascita della UK del 1801.

2024: ( 1999, 2002, 1979/80, 1972, 1937 )  ( 1774 – 1782 – 1800 – 1868 – 1816 – 1904 / – 1804 – 1764 – 1802 – 1763 )

Abbiamo la connessione alla modernizzazione del Giappone, 1868, 1816 è l’ Anno senza Estate. Nel 1980 ci fu l’ eruzione americana del St. Helens. Poi abbiamo delle connessioni in serie che rappresentano quella che potrebbe essere la prossima GUERRA MONDIALE ( 2002, la Guerra al Terrorismo, il 1937 e il 1904, che entrambe indicano il Giappone attaccare a sorpresa un altro paese, che sarà o la Cina o la Russia. Il 1979 ci parla invece della crisi con l’ Iran e il 1999 delle lotte urbane contro la Globalizzazione.  

2025: ( 2000, 2003, 1980, 1973, 1938 ) ( 1775 – 1783 – 1801 – 1869 – 1817 – 1905 / – 1805 – 1765 – 1803 – 1764 )

Abbiamo la Guerra Rivoluzionaria Americana, e la connessione con il 2003 ci indica che gli Usa andranno a scontrarsi con l’ Iran, e il 1973 ci indica che saranno instaurati progetti globali di Austerity con gli steroidi. Leggete i due libri ” I Carbon Diaries ” per capire come si vivrà. L’ Austerity come l’ ha vissuta l’ Italia nel 1973 diventerà un fenomeno globale, ( c’è anche l’ allaccio con l’                               ” infame”  Stamp Act del 1765, impopolare fra i coloni Usa ) quindi ci conviene volare e guidare finchè ce lo permetteranno. Pensate a razionamenti di energia e controlli ossessivi sui consumi, un orario prestabilito per utilizzare elettrodomestici e un sistema a punti per vivere come viviamo ora in casa, come si fa adesso con la patente. E chi non si atterrà alle regole del ” nuovo sistema ” verrà isolato e non potrà usare i mezzi pubblici e dovrà frequentare corsi di rieducazione. Guidare diventerà un puzzle. Abbiamo ancora una connessione con una grossa eruzione, St. Helens e il Laki Islandese del 1783.  

2026: ( 2001, 2004, 1981, 1974, 1939 ) ( 1776 – 1784 – 1802 – 1870 – 1818 – 1906 / – 1806 – 1766 – 1804 – 1765 )

Interessante la connessione fra 1776 e 2001 per gli Usa, e anche il 1906, col terremoto di San Francisco e il 2004 con il suo megaterremoto.

 2027: ( 2002, 2005, 1982, 1975, 1940 ) ( 1777 – 1785 – 1803 – 1871 – 1819 – 1907 / – 1807 – 1767 – 1805 – 1766 )

Abbiamo la liberazione del Sudamerica, 1819, e la connessione fra il 1785 e la guerra santa fra Russia e Cecenia con i problemi del 2002. Dall’ altra parte, non menzionato qui,  nell’ elenco degli allacci ci sono anche il 2010 e il 2014, che si allacciano con 1793 e il crollo economico che inizia la Lunga Depressione, e quindi possiamo ipotizzare un primo inizio di declino EU e con il 1907 e la rivoluzione violenta in Romania, che potrebbe significare una nuova crisi come in Ucraina 2014?     

2028: ( 2003, 2006, 1983, 1976, 1941 ) ( 1778 – 1786 – 1804 – 1872 – 1820 – 1908 / – 1808 – 1768 – 1806 – 1767 )

Abbiamo ancora una connessione con la Guerra Rivoluzionaria Americana, e una potenziale indicazione per la prossima guerra con l’ Iran, poiché nel 1908 si è scoperto il petrolio nel paese e il 2003 rappresenta la prossima tappa della guerra in Medio Oriente. Dall’ altra parte, non menzionato qui, abbiamo l’ allaccio con il 1991 e la Guerra Jugoslava e il 1908 ci indica una possibile crisi fra Ungheria e Bosnia. Non menzionato abbiamo anche l’ allaccio fra 1908 e 2013 e il Tunguska Impact e il meteorite del 2013 …  ( C’è anche un allaccio con la guerra Turco – Russa del 1768 )

2029: ( 2004, 2007, 1984, 1977, 1942 ) ( 1779 – 1787 – 1805 – 1873 – 1821 – 1909 / – 1809 – 1769 – 1807 – 1768 )

Il 1821 ci parla della Guerra di Indipendenza Greca, in un potenziale scenario di opposizione alla Turchia, e non menzionato qui, abbiamo una interessante connessione fra 2016 e 1909 per la Turchia ( colpo di stato di Erdogan e fine dell’ Impero Ottomano ), e anche fra il 1873 e il suo crash e la Lunga Depressione, con il 2007 e la crisi Cinese che diede origine alla Depressione. Qui con il 2004 e lo Tsunami Indiano c’è anche l’ inizio della Carestia Bengalese del 1769. 

2030: ( 2005, 2008, 1985, 1978, 1943 ) ( 1780 – 1788 – 1806 – 1874 – 1822 – 1910 / – 1810 – 1770 – 1808 – 1769 )

Interessante la connessione fra 2005 e 1806, la morte del Papa Polacco e la fine del Sacro Romano Impero! Abbiamo anche il 1780 e la Rivoluzione Industriale. Per il Messico abbiamo l’ allaccio fra il sisma del 1985 e la rivoluzione del 1910. Interessante anche sapere che nel 1910 il Giappone ha annesso la Corea.

2031: ( 2006, 2009, 1986, 1979, 1944 ) ( 1781 – 1789 – 1807 – 1875 – 1823 – 1911 / – 1811 – 1771 – 1809 – 1770 )

Non menzionato qui abbiamo una connessione fra il nazionalismo di Trump e la dottrina Monroe che definì l’ imperialismo americano e la sua supremazia, in opposizione al Vecchio Mondo. C’è anche una connessione fra 1986 e 1911 a riguardo della situazione in Libia.

2032: ( 2007, 2010, 1987, 1980, 1945 ) ( 1782 – 1790 – 1808 – 1876 – 1824 – 1912 / – 1812 – 1772 – 1810 – 1771 )

Interessante la connessione fra la crisi Greca del 2010 e il conflitto balcanico del 1912 Grecia e Serbia contro la Turchia, che perse. Ancora più interessante l’ allaccio fra il 1987, con il suo peggior disastro marittimo in tempo di pace e il Titanic del 1912!  Interessante anche la connessione fra il ” nuovo mondo ” del 1945 e l’ inizio della Gilded Age epoca d’ oro statunitense. Il 1772 fu l’ anno della Spartizione della Polonia e la cancellazione della nazione.

2033: ( 2008, 2011, 1988, 1981, 1946 ) ( 1783 – 1791 – 1809 – 1877 – 1825 – 1913 / – 1813 – 1773 – 1811 – 1772 ) 

Con il 2033 abbiamo la fine della Guerra di Indipendenza Statunitense.

2034: ( 2009, 2012, 1989, 1982, 1947 ) ( 1784 – 1792 – 1810 – 1878 – 1826 – 1914 / – 1814 – 1774 – 1812 – 1773 ) 

Qui c’è l’ allaccio fra il 1773 e la più imponente rivolta della storia russa e la situazione del 1989.  Potenziale allaccio fra la caduta di Napoleone del 1814 e la situazione del 1989 in Urss e Cina.

2035: ( 2010, 2013, 1990, 1983, 1948 )  ( 1785 – 1793 – 1811 – 1879 – 1827 –  / 1815 – 1775 – 1813 – 1774 ) 

Possibile connessione fra il Regno del Terrore del 1793 e le rivoluzioni del 2013? Nel 1793 ci fu anche la grande epidemia di febbre degli Usa, e abbiamo l’ allaccio all’ influenza del 2010. Abbiamo poi ancora la connessione fra la guerra santa ceceno – Russa e la crisi sovietica del 1990. Anche per la situazione in Grecia abbiamo la vittoria del 1827 e la crisi del 2010. Allaccio anche fra la Guerra Rivoluzionaria americana del 1775 e la situazione del 1990. Per le eruzioni abbiamo l’ allaccio fra il Tambora 1815 e quello dell’ Islanda nel 2010.  

2036: ( 2011, 2014, 1991, 1984, 1949 ) ( 1786 – 1794 – 1812 – 1880 – 1828 – / 1816 – 1776 – 1814 – 1775 ) 

Qui possiamo vedere la connessione fra la grande rivolta in Polonia del 1794 e la crisi in Ucraina del 2014 e la guerra in Jugoslavia e la crisi in Urss del 1991. Allaccio anche fra la Guerra Rivoluzionaria americana del 1775 e dichiarazione di indipendenza del 1776 e la situazione del 2011 ( rivoluzioni ) 2014 a Ferguson e del 1991. Anche qui allaccio con la caduta di Napoleone e la situazione del 2011 e 1991.  

2037: ( 2012, 2015, 1992, 1985, 1950 ) ( 1787 – 1795 – 1813 – 1881 – 1829 – / 1817 – 1777 – 1815 – 1776 ) 

Qui abbiamo ancora la Spartizione e la cancellazione della nazione polacca del 1795. Potenziale allaccio fra la dichiarazione di indipendenza Usa e le rivolte di Los Angeles del 1992.

2038: ( 2013, 2016, 1993, 1986, 1951 ) ( 1788 – 1796 – 1814 – 1882 – 1830 – /  1818 – 1778 – 1816 – 1777 )

Qui abbiamo l’ allaccio fra il Grande Gioco delle nazioni rivali UK e Russia e la Guerra Fredda del 1986 e 1951.

2039: ( 2014, 2017, 1994, 1987, 1952 ) ( 1789 – 1797 – 1815 – 1883 – 1831 – /  1819 – 1779 – 1817 – 1778 )

Forse si può fare un qualche tipo di allaccio fra il fenomeno #MeToo e la Rivoluzione Francese del 1789, che vide la Marcia delle donne su Versailles. Qui abbiamo anche un possibile allineamento fra 1815 e 1883 e le due eruzioni potenti. Possibile connessione fra l’ invasione Napoleonica di Italia del 1797 e il 1994 ? E ancora riguardo la Polonia, fra la sommossa soppressa del 1831 e la crisi in Ucraina del 2014.

2040: ( 2015, 2018, 1995, 1988, 1953 )  ( 1790 – 1798 – 1816 – 1884 – 1832 – /  1820 – 1780 – 1818 – 1779 )

Interessante la connessione fra la situazione in Grecia, il suo ” getaway ” del 1832 e il tentato Grexit del 2015.  

2041: ( 2016, 2019, 1996, 1989, 1954 ) ( 1791 – 1799 – 1817 – 1885 – 1833 – /  1821 – 1781 – 1819 – 1780 )

Qui vediamo una connessione fra il colpo di stato Napoleonico del 1799 e il colpo di stato in Turchia del 2016.

2042: ( 2017, 2020, 1997, 1990, 1955 ) ( 1792 – 1800 – 1818 – 1886 – 1834 – /  1822 – 1782 – 1820 – 1781 )

Allaccio fra la situazione in Crimea e la guerra fra Polonia e Russia nel 1792 e la crisi in Urss del 1990. Possibile allaccio fra la situazione in Francia nel 1792 e l’ evento a Parigi del 1997.

2043: ( 2018, 2021, 1998, 1991, 1956 ) ( 1793 – 1801 – 1819 – 1887 – 1835 – / 1823 – 1783 – 1821 – 1782 )

 Allaccio fra l’ assassinio dello Zar nel 1801 e la crisi Ungherese del 1956, ma soprattutto ai due anni 1998 e 1991 che indicano una situazione critica quest’ anno. Potenziale allaccio fra l’ eruzione Islandese del 1783 e quella del Pinatubo del 1991. Potenziale allaccio fra l’ annessione della Crimea del 1783 e la situazione del 1991 e del 1956 in Ungheria. Possibile allaccio fra la dottrina della supremazia americana del 1823 e l’ emergere della potenza unipolare Usa nel 1991.

2044: ( 2019, 2022, 1999, 1992, 1957 ) ( 1794 – 1802 – 1820 – 1888 – 1836 – /  1824 – 1784 – 1822 – 1783 )

Potenziale allaccio fra la Rivoluzione di Alamo Texas contro il Messico e le rivolte di Los Angeles del 1992.

2045: ( 2020, 2023, 2000, 1993, 1958 ) ( 1795 – 1803 – 1821 – 1889 – 1837 – /  1825 – 1785 – 1823 – 1784 )

2046: ( 2021, 2024, 2001, 1994, 1959 ) ( 1796 – 1804 – 1822 – 1890 – 1838 – / 1826 – 1786 – 1824 – 1785 )

Ancora un possibile allaccio fra il 1804 e l’ impero di Napoleone con l’ Italia del 1994? E fra la fine della Resistenza dei Nativi del 1890 e la situazione in Sudafrica del 1994? Nel 1838 ci fu anche il culmine della ricollocazione dei Nativi americani.

2047: ( 2022, 2025, 2002, 1995, 1960 ) ( 1797 – 1805 – 1823 – 1891 – 1839 – / 1827 – 1787 – 1825 – 1786 )

2048: ( 2023, 2026, 2003, 1996, 1961 ) ( 1798 – 1806 – 1824 – 1892 – 1840 – / 1828 – 1788 – 1826 – 1787 )

2049: ( 2024, 2027, 2004, 1997, 1962 ) ( 1799 – 1807 – 1825 – 1893 – 1841 – /  1829 – 1789 – 1827 – 1788 )

Possibile connessione fra il collasso economico del 1893 e la crisi Asiatica del 1997. Potenziale allaccio fra la Rivoluzione Francese del 1789 e l’ evento di Parigi del 1997.

2050: ( 2025, 2028, 2005, 1998, 1963 ) ( 1800 – 1808 – 1826 – 1894 – 1842 – / 1830 – 1790 – 1828 – 1789 )

2051: ( 2026, 2029, 2006, 1999, 1964 ) ( 1801 – 1809 – 1827 – 1895 – 1843 – /  1831 – 1791 – 1829 – 1790 ) 

2052: ( 2027, 2030, 2007, 2000, 1965 ) ( 1802 – 1810 – 1828 – 1896 – 1844 – / 1832 – 1792 – 1830 – 1791 ) 

2053: ( 2028, 2031, 2008, 2001, 1966 ) ( 1803 – 1811 – 1829 – 1897 – 1845 –  / 1833 – 1793 – 1831 – 1792 ) 

Non menzionato qui c’è l’ allaccio fra la Brexit del 2016 e la carestia Irlandese del 1845.

2054: ( 2029, 2032, 2009, 2002, 1967 ) ( 1804 – 1812 – 1830 – 1898 – 1846 – /  1834 – 1794 – 1832 – 1793 ) 

Possibile allaccio fra il 1898, e il colpo di stato e l’ invasione di Cina e la Rivoluzione Culturale in atto nel 1967. Potenziale allaccio fra la più grave epidemia influenzale della storia americana del 1793 e l’ epidemia del 2009.

2055: ( 2030, 2033, 2010, 2003, 1968 ) ( 1805 – 1813 – 1831 – 1899 – 1847 – /  1835 – 1795 – 1833 – 1794 ) 

Allaccio fra il Sessantotto e la Rivoluzione del Texas nel 1835.

2056: ( 2031, 2034, 2011, 2004, 1969 )  ( 1806 – 1814 – 1832 – 1900 – 1848 – /  1836 – 1796 – 1834 – 1795 ) 

Qui appare chiaro l’ allaccio fra le rivoluzioni del Quarantotto e quelle del 2011 della Primavera Araba, e anche quelle di fine anni ’60. C’è anche l’ allaccio con la caduta di una icona storica, 1814 e la caduta di Ghaddafi in Libia del 2011.  

2057: ( 2032, 2035, 2012, 2005, 1970 ) ( 1807 – 1815 – 1833 – 1901 – 1849 – / 1837 – 1797 – 1835 – 1796 ) 

Possibile allaccio fra la guerra Sikh contro Britannici del 1849 e il grande blackout Indiano del 2012.

2058: ( 2033, 2036, 2013, 2006, 1971 ) ( 1808 – 1816 – 1834 – 1902 – 1850 – /  1838 – 1798 – 1836 – 1797 ) 

2059: ( 2034, 2037, 2014, 2007, 1972 ) ( 1809 – 1817 – 1835 – 1903 – 1851 –  / 1839 – 1799 – 1837 – 1798 )

Allaccio fra la guerra dell’ oppio e il declino della Cina del 1839 e la crisi Cinese del 2007.  

2060: ( 2035, 2038, 2015, 2008, 1973 ) ( 1810 – 1818 – 1836 – 1904 – 1852 – /  1840 – 1800 – 1838 – 1799 )

Potenziale allaccio fra il culmine della ricollocazione dei Nativi nel 1838 e la crisi europea dei migranti in rotta verso la Germania del 2015.  

2061: ( 2036, 2039, 2016, 2009, 1974 ) ( 1811  – 1819 – 1837 – 1905 – 1853 –  / 1841 – 1801 – 1839 – 1800 ) 

Allaccio fra la Rivoluzione Persiana del 1905 e quella del 2009. Allaccio fra la nascita del Regno Unito nel 1801 e la Brexit del 2016.   

2062: ( 2037, 2040, 2017, 2010, 1975 ) ( 1812  – 1820 – 1838 – 1906 – 1854 – / 1842 – 1802 – 1840 – 1801 ) 

Sorprendente allaccio fra la fondazione del Partito Repubblicano Usa del 1854 e l’ Inaugurazione del Repubblicano presidente Usa Trump.

2063: ( 2038, 2041, 2018, 2011, 1976 )  ( 1813  – 1821 – 1839 – 1907 – 1855 – /  1843 – 1803 – 1841 – 1802 ) 

2064: ( 2039, 2042, 2019, 2012, 1977 ) ( 1814  – 1822 – 1840 – 1908 – 1856 – / 1844 – 1804 – 1842 – 1803 )

2065: ( 2040, 2043, 2020, 2013, 1978 )  ( 1815  – 1823 – 1841 – 1909 – 1857 – /  1845 – 1805 – 1843 – 1804 )

Allaccio fra il 1805, e la modernizzazione dell’ Egitto, e la violenta rivoluzione del 2013. Da notare anche l’ allaccio con le agitazioni islamiche del 1978.

2066: ( 2041, 2044, 2021, 2014, 1979 ) ( 1816  – 1824 – 1842 – 1910 – 1858 – /  1846 – 1806 – 1844 – 1805 )

Allaccio fra il declino della Cina e la Cessione di Hong Kong del 1842 e la rivoluzione di Hong Kong del 2014.

2067: ( 2042, 2045, 2022, 2015, 1980 ) ( 1817  – 1825 – 1843 – 1911 – 1859 – / 1847 – 1807 – 1845 – 1806 )

2068: ( 2043, 2046, 2023, 2016, 1981 ) ( 1818  – 1826 – 1844 – 1912 – 1860 – / 1848 – 1808 – 1846 – 1807 )

2069: ( 2044, 2047, 2024, 2017, 1982 ) ( 1819  – 1827 – 1845 – 1913 – 1861 – / 1849 – 1809 – 1847 – 1808 )

Qui ritorna l’ allaccio fra la Guerra Civile Usa e l’ Inaugurazione di Trump nel 2017. Inoltre nel 1861 morì il consorte della Regina e nel 2017 si è dimesso il marito della Regina Elisabetta. Potenziale quindi una scomparsa di un membro dei Reali.

2070: ( 2045, 2048, 2025, 2018, 1983 ) ( 1820  – 1828 – 1846 – 1914 – 1862 – / 1850 – 1810 – 1848 – 1809 )

Potenziale allaccio fra l’ Annessione del Texas del 1846 e il periodo di Trump nel 2018. Interessante l’ allaccio fra il 1914 e la Guerra Mondiale e il periodo peggiore della Guerra Fredda con l’ incidente sfiorato del  settembre 1983. Potenziale allaccio fra le marce contro le armi in Usa del 2018 e il Quarantotto europeo. Nel 1848 ci fu anche la prima convention sui diritti delle donne negli Stati Uniti per il suffragio, e si allaccia al femminismo del 2018.    

2071: ( 2019, 1984 ) ( 1821  – 1829 – 1847 – 1863 – / 1851 – 1811 – 1849 – 1810 )

2072: ( 1985 ) ( 1822  – 1830 – 1848 – 1864 – / 1852 – 1812 – 1850 – 1811 )

Possibile allaccio fra il Primo Impero Messicano del 1822 e il sisma nello stesso paese del 1985.

2073: ( 1986 ) ( 1823  – 1831 – 1849 – 1865 – / 1853 – 1813 – 1851 – 1812 )

Potenziale allaccio fra la Dottrina sulla supremazia Statunitense ( Monroe ) del 1823 e la situazione con le riforme Russe del 1986.

2074: ( 1987 ) ( 1824  – 1832 – 1850 – 1866 – / 1854 – 1814 – 1852 – 1813 )

2075: ( 1988 ) ( 1825  – 1833 – 1851 – 1867 – / 1855 – 1815 – 1853 – 1814 )

Qui c’è un potenziale allaccio che risulta dai calcoli sui multipli dei cicli storici, quello fra il 1815 e il 1988, fra l’ eruzione del VEI 6 Tambora che produsse l’ anno senza estate, e l’ estate del grande incendio a Yellowstone del 1988. Inserisco quindi l’ ipotesi che possa verificarsi una eruzione del supervulcano, probabilmente non di livello assolutamente devastante, ma abbastanza imponente da compromettere ulteriormente lo status di potenza in declino degli Stati Uniti. 

2076: ( 1989 ) ( 1826  – 1834 – 1852 – 1868 – / 1856 – 1816 – 1854 – 1815 )

Potenziale collegamento fra il cambiamento in Giappone ( ristabilimento del dominio imperiale ) del 1868 e il Massacro di Tiananmen del 1989 in Cina. Qui c’è anche l’ allaccio del 1989 con il Congresso di Vienna del 1815, come culmine geopolitico.  

2077: ( 1990 ) ( 1827  – 1835 – 1853 – 1869 – / 1857 – 1817 – 1855 – 1816 )

Allaccio fra il grande regno Zulù del Sudafrica 1816 e la liberazione di Mandela del 1990. In arrivo nuovo iconico leader per questo paese?  

2078: ( 1991 ) ( 1828  – 1836 – 1854 – 1870 – / 1858 – 1818 – 1856 – 1817 )

Potenziale allaccio fra la Rivoluzione del Texas e la fine di una Potenza nel 1991.

2079: ( 1992 ) ( 1829  – 1837 – 1855 – 1871 – / 1859 – 1819 – 1857 – 1818 )

2080: ( 1993 ) ( 1830  – 1838 – 1856 – 1872 – / 1860 – 1820 – 1858 – 1819 )

2081: ( 1994 ) ( 1831  – 1839 – 1857 – 1873 – / 1861 – 1821 – 1859 – 1820 )

Potenziale allaccio fra la fondazione della Liberia da una società di schiavi liberati  nel 1820 e l’ elezione di Mandela in Sudafrica nel 1994. Speranze per questo paese?

2082: ( 1995 ) ( 1832  – 1840 – 1858 – 1874 – / 1862 – 1822 – 1860 – 1821 )

2083: ( 1996 ) ( 1833  – 1841 – 1859 – 1875 – / 1863 – 1823 – 1861 – 1822 )

2084: ( 1997 ) ( 1834  – 1842 – 1860 – 1876 – / 1864 – 1824 – 1862 – 1823 )

Ancora un allaccio fra il declino della Cina e la Cessione di Hong Kong del 1842 e la situazione del 1997.

 2085: ( 1998 ) ( 1835  – 1843 – 1861 – 1877 – / 1865 – 1825 – 1863 – 1824 )

Possibile allaccio fra la Guerra Civile Usa del 1861 e lo scandalo presidenziale del 1998. Nel 1877 ci fu anche uno sciopero nazionale.

2086: ( 1999 ) ( 1836  – 1844 – 1862 – 1878 – / 1866 – 1826 – 1864 – 1825 )

2087: ( 2000 ) ( 1837  – 1845 – 1863 – 1879 – / 1867 – 1827 – 1865 – 1826 )

2088: ( 2001 ) ( 1838  – 1846 – 1864 – 1880 – / 1868 – 1828 – 1866 – 1827 )

Potenziale allaccio fra il culmine della ricollocazione dei Nativi americani, il Trail of Tears e la situazione statunitense del 2001. Inoltre il 1846 vide l’ Annessione del Texas. Il 1864 indica la Guerra Civile Statunitense.

2089: ( 2002 ) ( 1839  – 1847 – 1865 – 1881 – / 1869 – 1829 – 1867 – 1828 )

2090: ( 2003 ) ( 1840  – 1848 – 1866 – 1882 – / 1870 – 1830 – 1868 – 1829 )

Interessante allaccio fra il Quarantotto e le proteste anti guerra del 2003. Nel 1882 l’ Egitto venne bombardato dall’ UK. Nel 2003 ci fu la guerra in Iraq.

2091: ( 2004 ) ( 1841  – 1849 – 1867 – 1883 – / 1871 – 1831 – 1869 – 1830 )

Qui possiamo vedere l’ allaccio chiaro fra l’ eruzione del Krakatoa e il conseguente maremoto in serie di tsunami che dalle acque di Giava e Sumatra raggiunsero il Sudafrica,  e lo tsunami oceanico multinazionale del 2004.

2092: ( 2005 ) ( 1842  – 1850 – 1868 – 1884 – / 1872 – 1832 – 1870 – 1831 )

2093: ( 2006 ) ( 1843  – 1851 – 1869 – 1885 – / 1873 – 1833 – 1871 – 1832 )

2094: ( 2007 ) ( 1844  – 1852 – 1870 – 1886 – / 1874 – 1834 – 1872 – 1833 )

2095: ( 2008 ) ( 1845  – 1853 – 1871 – 1887 – / 1875 – 1835 – 1873 – 1834 )

Possibile allaccio fra la crisi alimentare Irlandese del 1845 e la crisi economica del 2008. Allaccio fra il Crollo economico del 1873 e la crisi globale del 2008.

2096: ( 2009 ) ( 1846  – 1854 – 1872 – 1888 – / 1876 – 1836 – 1874 – 1835 )

2097: ( 2010 ) ( 1847  – 1855 – 1873 – 1889 – / 1877 – 1837 – 1875 – 1836 )

2098: ( 2011 ) ( 1848  – 1856 – 1874 – 1890 – / 1878 – 1838 – 1876 – 1837 )

Ritorna l’ allaccio fra il Quarantotto e la Primavera Araba. Nel 1890 ci fu la fine della Resistenza dei Nativi americani.

 2099: ( 2012 ) ( 1849  – 1857 – 1875 – 1891 – / 1879 – 1839 – 1877 – 1838 )

Possibile allaccio fra la rivolta dell’ India contro i britannici del 1857 e il grande blackout del subcontinente del 2012.  

2100: ( 2013 ) ( 1850  – 1858 – 1876 – 1892 – / 1880 – 1840 – 1878 – 1839 )

Possibile allaccio fra la rivoluzione liberale Messicana ( Guerra delle riforme ) del 1858 e le rivoluzioni del 2013.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 





Cicli storici: sette chiavi di lettura – Cicli primari e multipli

18 10 2018

Visualizza immagine di origine

Tratto dal mio ” saggio ” LE LEGGI DELLA STORIA , in attesa che le case editrici si facciano sentire … da adesso comincerò a diffondere comunque una parte del contenuto. Vi rammento anche che il sito dedicato è affiliato al nostro blog!

Ho individuato sette cicli storici ( in realtà sette cicli primari e tre multipli ) che allacciano gli anni fra di loro, e se visualizzati in sequenza formano un’ immagine chiara dell’ anno storico che si andrà a formarsi.

Possiamo mettere assieme sequenze di anni per trovare i punti in comune e definire le parole chiave per la descrizione di un anno futuro.

In ordine di quantità di esempi accumulati:

  • Il ciclo dei 25 anni è il più evidente in assoluto, ho registrato quarantaquattro esempi. PRIMARIO
  • Il ciclo dei 22 anni mi ha fatto registrare diciotto esempi, ed è il secondo in classifica. PRIMARIO
  • Il ciclo dei 37 anni mi ha fatto registrare quindici esempi. PRIMARIO
  • Il ciclo dei 32 anni mi ha fatto registrare tredici esempi. PRIMARIO
  • Quello dei 13 anni mi ha fatto registrare tredici esempi. PRIMARIO
  • Quelli dei 44 e 45 anni arrivano fino a dieci e undici esempi accumulati, rispettivamente. MULTIPLO
  • Quello dei 17 anni arriva fino a dieci esempi accumulati. PRIMARIO
  • Quello degli 87 anni mi ha fornito otto esempi registrati.  PRIMARIO
  • Quello dei 52 anni mi ha fornito otto esempi registrati. MULTIPLO
  • quello dei 15 anni mi ha fornito sette esempi registrati. PRIMARIO

Ne deduciamo che il ciclo dei 25 anni rappresenterà il cuore e la primaria personalità di un anno, il ciclo degli 87 anni rappresenterà un ciclo quasi secolare,  quello dei 52 anni rappresenterà un ciclo cinquantennale di mezzo secolo, e un multiplo di quello dei 13 anni, mentre quello dei 44 anni rappresenterà un raddoppio del ciclo dei 22 anni, e quello dei 45 anni rappresenterà un raddoppio del ciclo dei 15 anni.

Mi piace pensare che siano collegati al nostro sistema solare, che presenta dieci elementi significativi a livello astrologico: il Sole, la Luna, Mercurio, Venere, Marte, Giove, Saturno, Urano, Nettuno, Plutone. Anche in astrologia esiste il concetto di ” higher octaves ” che significa che c’è un collegamento fra i pianeti vicini e caldi ( e il nostro satellite ) e i pianeti lontani e freddi.

Gli astrologi * mettono assieme i pianeti per ricostruire il puzzle della personalità individuale. Noi possiamo mettere assieme sequenze di anni per trovare i punti in comune e definire le parole chiave per la descrizione di un anno futuro.

2018

25 ( Ciclo principale e di nostalgia culturale )– 50 – 100 – 150 – 200 – 250 ( Ciclo Imperiale 3 di Glubb ) ( 1968 – 1918 – 1868 – 1818 – 1768 )

http://time-price-research-astrofin.blogspot.com/2016/12/from-conquest-to-affluence-to-collapse_6.html

22 ( Ciclo attività solare e nostalgia culturale ) – 44 – 66 – 88 – 110 – 132 – 154 ( Ciclo Imperiale 2 ) – 176 – 198 – 220 ( Ciclo Imperiale 1 ) – 242 ( 1974 – 1952 – 1930 – 1908 – 1886 – 1864 – 1842 – 1820 – 17981776 )

https://motls.blogspot.com/2011/03/is-there-66-year-cycle-in-temperatures.html

The 11-year sunspot cycle is actually half of a longer,22year cycle of solar activity.

37 – 74 – 111 – 148 – 185 – 222 ( Ciclo Imperiale 1 ) – 259 ( 1944 – 1907 – 1870 – 1833 – 1796 – 1759 )

32 – 64 – 96 – 128 – 160 – 192 – 224 ( Ciclo Imperiale 1 e ciclo dei cambiamenti politici statunitensi ) – 256 ( 1954 – 1922 – 1890 – 1858 – 1826 – 1794 – 1762 )

https://www.armstrongeconomics.com/tag/224-year-cycle-of-political-change/

52 – 104 – 156 – 208 – 260 ( Ciclo Imperiale 1 ) ( 19141862 – 1810 – 1758

https://tallbloke.wordpress.com/2013/08/22/ian-wilson-connecting-the-208-year-de-vries-cycle-with-the-earth-moon-system/

87 – 174 – 261 ( Ciclo Imperiale 1 ) ( 1844 – 1757 )

https://www.armstrongeconomics.com/qa/the-86-year-cycle-is-all-around-us/

13 – 26 – 39 – 52 – 65 – 78 – 91 – 104 – 117 ( 1992 – 1979 – 1966 – 1953 – 1940 – 1927 – 1914 – 1901)

https://motls.blogspot.com/2011/03/is-there-66-year-cycle-in-temperatures.html

17 – 34 – 51 – 68 – 85 – 102 – 119  ( 1984 – 1967 – 1950 – 1933 – 1916 – 1899 )

https://www.beacontechnologies.com/blog/2014/02/17-year-stock-market-cycle-theory/

http://www.investwithalex.com/warning-this-article-will-blow-your-mind-17-year-cycles-within-human-life-why-human-life-takes-the-same-trajectory-as-the-stock-market/

https://pricentime.com/blog/2017/02/05/17-year-stock-market-cycle/

15 – 30 ( Ciclo dei trend culturali ) – 45 – 60 – 75 – 90 – 105 – 120 ( 1988 – 1973 – 1958 – 1943 – 1928 – 1913 – 1898 )

The Nostalgia Pendulum: A Rolling 30-Year Cycle of Pop Culture Trends

Il ciclo sopra descrive anche una versione di 22 anni e 24/25 anni della nostalgia culturale

https://www.travelchinaguide.com/intro/astrology/60year-cycle.htm

https://www.commondreams.org/views/2012/06/11/war-or-revolution-every-75-years-its-time-again

Possiamo quindi ( metaforicamente ) associare i due sistemi, per quanto separati possano essere: il Sole al ciclo 25 anni, Mercurio ai cicli 13 e 17 anni, Venere al ciclo 15 anni, Marte al ciclo 22 anni, Giove al ciclo 32 anni, Saturno al ciclo 37 anni e Urano al ciclo 44/ 45 anni, Nettuno al ciclo 52 anni, Plutone al ciclo 87 anni.

Possiamo inoltre notare che il ciclo dei 25 anni, moltiplicato per nove volte, forma un sottociclo di 250 anni che si avvicina molto al ciclo orbitale di 248 anni di Plutone. Anche il ciclo dei 22 anni, moltiplicato per dieci volte, si avvicina ad esso, formando un sottociclo di 242 anni. Di conseguenza anche il ciclo dei 13 anni, moltiplicato per diciotto volte, forma un sottociclo di 247 anni, ancora più vicino a quello di Plutone. Scopriremo quindi che il raddoppio del ciclo dei 15 anni forma un sottociclo di 30 anni corrispondente al ciclo orbitale di Saturno, mentre lo stesso moltiplicato per dieci volte, forma un sottociclo di 165 anni, corrispondente al ciclo orbitale di Nettuno, mentre il ciclo dei 17 anni, moltiplicato per quattro volte, forma un sottociclo di 85 anni vicinissimo al ciclo di 84 anni di Urano. Questo allaccio di cicli si riflette anche nella teoria astrologica degli higher octaves dove i pianeti a transito lungo rappresentano influenze connesse ai pianeti a transiti brevi, ma in maniera amplificata, per esempio Mercurio è connesso a Urano, Venere è connesso a Nettuno e Marte è connesso a Plutone.

( * non mi interessa lo scetticismo fondato sul pregiudizio dei critici dell’ astrologia: la studio da quando avevo quindici anni, e mi ha insegnato un mondo di cose sulle sfaccettature della personalità umana. Come mio solito, ho saturato l’ argomento così tanto che adesso, dopo essere passato per una fase Siderale, sempre sull’ onda del bastian contrario, mi sto concentrando sul ramo transnettuniano dell’ astrologia, un concetto che il pensiero astrologico Italiano continua ad ignorare, per convenienza. In più si allinea al mio approccio anti ‒ caso, ne è stato quindi il primo precursore. Mi riferisco alla mia mentalità come una fantasia catalogante proprio da quando ho scoperto di essere Pesci ascendente Vergine. La critica faccia quello che desidera sul mio interesse per l’ astrologia. Chi ha saturato l’ argomento come me sa che non c’è motivo di diffidare dell’ argomento, o meglio, sa che si tratta di uno stile di vita, una corrente di pensiero, più che un vero e proprio insieme di leggi, si potrebbe definire una filosofia psicologica, e non si può giudicare né vera né falsa )

CICLI STORICI PER CATALOGAZIONE

87 ANNI

  • 1930 e 2017 Presidente Hoover e presidente Trump
  • 1929 crollo di Wall Street e 2016 Effetto Brexit
  • 1924 ascesa di Hitler e 2011 manifesto di Breivik
  • 1917 rivoluzione russa e 2004 rivoluzione in Ucraina
  • 1915 prima guerra mondiale e 2002 guerra al terrorismo
  • 1914 scoppio della prima guerra mondiale a Sarajevo e 2001 9/11 a New York
  • 1907 Gandhi e 1994 debutto politico di Mandela
  • 1906 terremoto di San Francisco e 1993 primo attacco al World Trade Center
  • 1904 Entente Cordiale e 1991 fine della Guerra Fredda

45 ANNI

  • 1972 Watergate e 2017 scandalo Harvey Weinstein, presidenza di scarsa popolarità Nixon e presidenza di scarsa popolarità Trump
  • 1969 Allunaggio e 2014 primo atterraggio di una sonda su una cometa
  • 1968 proteste e rivoluzioni globali, come nel 2013 ( Egitto, Brasile e Turchia )
  • 1963 discorso del sogno di Martin Luther King e 2008 elezione presidenziale di Obama
  • 1958 marce contro le bombe e 2003 manifestazioni globali contro la guerra in Iraq
  • 1948 debutto come nazione di Israele e 1993 accordo di pace fra Israele e Palestina
  • 1946 inizia Guerra Fredda e 1991 finisce Guerra Fredda
  • 1944 sbarco in Normandia e 1989 cade il muro in Germania e le popolazioni si riuniscono
  • 1921 ascesa del comunismo, primo congresso del partito comunista cinese e 1966 rivoluzione culturale Cinese
  • 1917 guerra mondiale e 1962 crisi cubana
  • 1900 campi di concentramento inglesi per sudafricani ( Transvaal e Orange ) suscita indignazione internazionale e 1945 liberazione del campo di concentramento principale da parte dei russi

44 ANNI

  • il Sessantotto e 2012 i Giorni della Rabbia contro le ambasciate
  • 1963 assassinio di Kennedy e 2007 assassinio della Bhutto
  • 1947 il primo computer e 1991 debutto di Internet
  • 1945 resa della Germania e 1989 crolla il muro tedesco
  • 1939 scoppio della Seconda Guerra Mondiale e 1983 falso allarme missilistico, evitata guerra
  • 1929 crollo economico di Wall Street, inizia depressione, e crisi petrolifera / energetica del 1973
  • 1918 guerra mondiale e 1962 crisi cubana
  • 1960 e 2004 megaterremoti provocano tsunami
  • 1972 attacco alle olimpiadi di Monaco e 2016 vittime sportive di incidente aereo Brasiliano
  • 1973 libro di Rama e 2017 Oumuamua primo oggetto interstellare nel sistema solare

25 ANNI

  • 1991 colpo di stato in Russia e 2016 colpo di stato in Turchia
  • 1991 prima guerra del golfo e 2016 conflitto contro l’ Isis
  • 1990 invasione Irachena del Kuwait e 2015 l’ Isis attacca una moschea in Kuwait
  • 1990 riunione della Germania e 2015 ondate migratorie mediorientali in Germania
  • 1989 crolla il muro in Germania e 2014 risanamento relazioni diplomatiche fra Usa e Cuba
  • 1987 affondamento di un traghetto belga e 2012 incidente della Costa Concordia in Italia
  • 1986 disastro nucleare di Chernobyl e 2011 disastro nucleare di Fukushima
  • 1985 Live Aid per l’ Etiopia e 2010 drammatico aftermath del terremoto Haitiano
  • 1979 crisi dell’ ambasciata statunitense in Iran e 2004 assedio della scuola di Beslan, in Russia e ” guerra degli ostaggi ” del 2004
  • 1977 collisione su terra fra aerei alle Canarie e periodo immediatamente post 9/11 ( 2002 )
  • 10 settembre 1976 collisione in volo fra aerei e dirottamento di aereo da indipendentisti croati e i dirottamenti aerei del 9/11
  • 1973 scandalo presidenziale Watergate e 1998 scandalo presidenziale Clinton
  • 1972 situazione calda per i Troubles Irlandesi e scomparsa del duca di Windsor ex re e 1997 situazione post scomparsa di Diana in Inghilterra
  • 1972 incontro fra leaders americano e cinese e 1997 cessione di Hong Kong alla Cina
  • 1958 anno delle manifestazioni contro le bombe e 1983 proteste per collocamento di missili sul continente Europeo
  • 1952 emerge il rock ‘n ‘ roll e 1977 scomparsa di Elvis Presley
  • 1948 debutto come nazione di Israele e 1973 Guerra dello Yom Kippur, invaso Israele
  • 1944 sbarco in Normandia e 1969 Allunaggio, sbarco sulla Luna
  • 1943 rivolta del ghetto di Varsavia e il Sessantotto
  • 1934 eliminazione delle SA di Germania e conquista di Cuba di Castro
  • 1925 salita al potere di Stalin e 1950 isteria della Guerra Fredda e opposizione alla Russia al suo culmine
  • 1919 conferenza di pace di Parigi e 1944 sbarco in Normandia per liberare la Francia
  • 1914 e 1939 scoppiano le due guerre mondiali
  • Rivoluzione americana e rivoluzione francese
  • 1776 indipendenza Usa e 1801 formazione Regno Unito
  • Rivoluzione francese e caduta di Napoleone
  • Battaglia di Alamo, Texas e guerra civile statunitense e questa a sua volta collegata alla rivolta di Chicago ( Haymarket Affair ) del 1886
  • 1861 invenzione della bici e 1886 invenzione dell’ automobile
  • 1883 terremoto di Ischia e 1908 terremoto di Messina
  • 1983 tsunami dovuto a eruzione del Krakatoa e 1908 maremoto di Messina
  • 1889 principe ereditario d’ Austria scompare e 1914 arciduca d’ Austria ucciso
  • 1912 incidente del Titanic e 1937 incidente del dirigibile Hindenburg
  • 1920 ultima battaglia di cavalleria e 1945 fine dell’ ultima guerra mondiale del ventesimo secolo
  • 1956 debutto di Marilyn Monroe e 1981 matrimonio reale di Diana
  • 1960, 1985 e 2010 terremoti in Cile
  • 1987 crollo economico di Wall Street e 2012 uragano Sandy causa alluvione di New York
  • 1961 più potente esplosione atomica in Russia e 1986 disastro nucleare di Chernobyl
  • 1970 e 1995 attacco a metropolitana giapponese
  • 1981 Papa colpito da attentatore turco e 2006 Papa provoca l’ acceso disaccordo della comunità Islamica
  • aprile 1984 e aprile 2009 terremoti in Italia
  • 1985 Achille Lauro e 2010 l’ evento della Flotilla Israeliana
  • 1986 e 2011 interventi militari statunitensi in Libia
  • 1991 e 2016 incendio a locale di Oakland in entrambi gli anni

13 ANNI

  • 2003 seconda guerra del golfo e 2016 conflitto contro l’ Isis
  • 1997 incidente di Diana in Francia e 2010 incidente aereo coinvolge governo Polacco
  • 1990 prima guerra del golfo e 2003 seconda guerra del golfo
  • 1988 esplosione in volo di aereo e schianto su zona abitata di Lockerbie e 9/11 nel 2001
  • 1988 Bush padre e 2001 protagonista Bush figlio
  • 1955 boicottaggio dei pullman da parte dei neri statunitensi e il Sessantotto
  • 1948 blocco di Berlino e 1961 costruzione del muro di Berlino inizia
  • 1945 primo test bomba nucleare e 1958 anno della campagna per il disarmo nucleare
  • 1932 punto più basso della Depressione economica occidentale e autunno 1945 nell’ Europa post guerra
  • 1987 e 2000 le due Intifada
  • 1999 Columbine e 2012 Sandy Hook, sparatorie scolastiche
  • 2002 attacco a teatro di Mosca e 2015 attacco a concerto di Parigi
  • 1998 e 2011 incendio a sommergibile Russo ( quello del 1998 rischiava di provocare un disastro nucleare )

15 ANNI

  • 1994 elezione di Mandela e 2009 inaugurazione presidenziale di Obama
  • 1989 rivoluzioni e 2004 rivoluzione in Ucraina
  • 1946 inizia Guerra Fredda e 1961 costruito muro di Berlino
  • 1965 e 1980 funerali di Churchill e Tito
  • 1983 e 1998 attacchi ad ambasciate con autobomba
  • 1996 sparatoria di Port Arthur e 2011 sparatoria di Utoya
  • 1982 scomparsa di Grace Kelly e 1997 scomparsa di Diana

17 ANNI

  • 1988 elezione di Bush padre e 2005 secondo mandato di Bush figlio
  • 1973 Guerra dello Yom Kippur, invaso Israele e 1990 Prima Guerra del Golfo, invaso Kuwait
  • 1956 crisi nazionalizzazione Suez e 1973 Iran punisce tutti i sostenitori di Israele con la stretta sul petrolio
  • 1952 debutto del Rock e 1969 concerto di Woodstock
  • 1949 istituzione della Repubblica Popolare Cinese e 1966 rivoluzione culturale cinese
  • 1945 primo test bomba nucleare e 1962 crisi missilistica nucleare cubana
  • 1944 guerra mondiale e 1961 muro di Berlino
  • 1939 crisi in Polonia per invasione Russa e 1956 rivoluzione ungherese soppressa da truppe russe
  • 1986 e 2003 disastri dei due shuttle americani
  • 1998 e 2015 due scandali dei Clinton

22 ANNI

  • 2018 annuncio clonazione scimmie e 1996 clonata una pecora
  • 1995 e 2017 problema della scelta di Gerusalemme come capitale, rievocato da Trump
  • 1992 situazione geopolitica in Ucraina e 2014 proteste violente in Ucraina e situazione geopolitica
  • 1992 guerra razziale di Los Angeles e 2014 proteste di Ferguson
  • 1992 crisi in Algeria e 2014 crisi Irachena provocata dall’ Isis
  • 1989 fine del dominio comunista e 2011 tentativo rivoluzionario della Primavera Araba
  • 1979 assalto all’ ambasciata statunitense in Iran e 2001 attacco al Pentagono
  • 1972 genocidio in Burundi e 1994 genocidio in Rwanda
  • 1979 intervento militare Russo in Afghanistan e 2001 intervento americano in Afghanistan
  • 1969 debutto di Arpanet e 1991 debutto di Internet
  • 1963 e 1985 cedimenti di dighe provocano disastri
  • 1941 evento di Pearl Harbor e 1963 assassinio di Kennedy
  • 1940 guerra mondiale e 1962 crisi missilistica cubana
  • 1939 guerra mondiale e 1961 muro di Berlino
  • 1937 guerra civile spagnola e 1959 conquista di Cuba di Castro
  • 1928 debutto di film di Topolino e 1950 secondo anno del fumetto di Topolino
  • 1923 iperinflazione tedesca e 1945 resa della Germania
  • 1917 rivoluzione Russa e 1939 crisi polacca post invasione di Germania e Russia

32 ANNI

  • 1979 rivoluzione Iraniana e 2011 Primavera Araba
  • 1977 morte di Elvis e 2009 morte di Michael Jackson
  • 1969 allunaggio evento più visto in tv e 2001 9/11 attacchi visti in diretta tv
  • 1965 rivoluzione culturale cinese e 1997 cessione di Hong Kong alla Cina
  • 1963 assassinio di Kennedy e 1995 assassinio del leader Israeliano
  • 1934 marcia della Cina e 1966 rivoluzione culturale cinese
  • 1933 dittatura di Hitler e 1965 Mao prende il potere
  • 1914 inizia la Grande Guerra e 1946 inizia la Guerra Fredda
  • 1930 e 1962 personaggi storici Gandhi e Mandela
  • 1985 e 2017 tragedie sportive a partita, coinvolti italiani ( stampede )
  • 1969 e 2001 crisi economiche in Argentina
  • 1976 e 2008 terremoti in Cina
  • 1985 e 2017 terremoti in Messico, avvenuti lo stesso giorno

37 ANNI

  • 1973 conflitto in Vietnam e 2010 shelling al confine fra le Coree
  • 1973 Austerity Italiana e 2010 crisi Greca
  • 1970 anno delle morti nei campus statunitensi e 2007 sparatoria a università uccide 32 persone
  • 1955 Rosa Parks e boicottaggio dei pullman e 1992 guerra razziale a Los Angeles
  • 1947 esodi caotici post disgregazione subcontinente Indiano e 1984 l’ anno nero dell’ India
  • 1928 piano quinquennale russo e 1965 rivoluzione culturale cinese e libretto rosso
  • 1925 rafforzamento della stretta di Stalin e 1962 crisi cubana fra Usa e Urss
  • 1924 ascesa di Hitler e 1961 costruzione del muro di Berlino inizia
  • 1922 debutto politico di Mussolini e 1959 conquista di Cuba di Castro
  • 1908 esplosione di Tunguska e 1945 primo test di bomba nucleare
  • 1904 sfida fra Giappone e Russia e 1941 attacco giapponese a Pearl Harbor e invasione tedesca in Russia
  • 1903 il primo volo e 1940 prima battaglia aerea della storia e primi bombardamenti aerei sull’ Inghilterra
  • 1964 intervento militare americano in Vietnam e 2001 invasione dell’ Afghanistan
  • 1980 guerra fra Iran e Iraq scoppia e 2017 Isis attacca l’ Iran
  • 2017 e 1980 situazione in Zimbabwe, leader dismesso era al potere da 37 anni

52 ANNI

  • 1954 primi problemi in Vietnam e 2006 Corea del Nord annuncia possesso di bomba nucleare
  • 1948 debutto della nazione di Israele e 2000 seconda Intifada
  • 1941 Pearl Harbor e 1993 primo attacco al World Trade Center
  • 1939 scoppia Seconda Guerra Mondiale e 1991 disgregazione Jugoslava inizia serie di guerre civili
    • 1908 maremoto di Messina e 1960 megaterremoto di Cile
    • 1907 Gandhi e 1959 Dalai Lama fugge in India
  • 1904 sfida russo ‒ giapponese e 1956 rivoluzione ungherese soppressa da truppe russe
  • 1799 e 1851 colpi di stato in Francia

cito da vecchio articolo di Civiltà Scomparse:

Il nostro amico Matteo ha scoperto una nuova ricorsività nella storia: avvenimenti somiglianti che si ripetono a scadenza di 25 anni.

Ciò fa capire che la “matematica della storia” ci riserva ancora tantissime sorprese, e, con ogni probabilità, siamo solo agli inizi di un mare di cose da scoprire al riguardo.

Ad ogni modo, tutto ciò è soltanto “frutto del caso”, sono solo “banali coincidenze”, o vi è un pattern, un misterioso schema basato sugli archetipi (che condiziona il tempo nonostante se ne trovi fuori) il quale, con una precisione cronometrica, sta dietro lo svolgersi degli avvenimenti?

1765 Rivoluzione Americana. 1790 Rivoluzione Francese.
1776 Dichiarazione indipendenza USA. 1801 Nasce il Regno Unito.
1789 Rivoluzione francese. 1814 Caduta di Napoleone, tradito.
1804 Primo treno a vapore. 1829 Locomotiva “razzo” rivoluziona trasporti.
1836 Battaglia di Alamo, indipendenza del Texas. 1861 Guerra Civile USA.
1861 Guerra Civile USA. 1886 Rivolta repressa violentemente a Chicago.
1861Inventata bicicletta. 1886 Inventata automobile.
1883 Gigantesca cometa passa vicino alla Terra, astronomo messicano vede 450 frammenti giganteschi della cometa passare a 400 km dalla Terra, frammenti che avrebbero distrutto il mondo. 1908 Evento di Tunguska, si crede che sia stato un impatto di una cometa con la Terra.
28 luglio 1883  Grande Terremoto di Ischia, 2000+ vittime. 28 dicembre 1908  Grande terremoto di Messina, migliaia di vittime.
26 Agosto 1883 Il più grande maremoto del secolo. 1908 Devastante maremoto dovuto al terremoto di Messina.
1889 Suicidio del principe ereditario d’ Austria e fidanzata. 1914 Arciduca d’ Austria e moglie uccisi.
1912 Il Titanic impatta con iceberg e affonda, il più grande transatlantico del mondo. 1937 Dirigibile Hindenburg, il più grande oggetto volante mai costruito, distrutto da incendio.
1914 Inizia prima guerra mondiale. 1939 Inizia seconda guerra mondiale.
Fine agosto 1920 Ultima grande battaglia di cavalleria della storia. Agosto 1945 Ultimi eventi della seconda guerra mondiale.
1948 Prima guerra paesi arabi-Israele. 1973 Ultima guerra paesi arabi-Israele.
1948 Durante il Blocco di Berlino l’URSS proibisce il trasporto delle merci. 1973 Durante la guerra dello Yom Kippur i paesi arabi bloccano il trasporto e gli scambi di petrolio.
29 giugno 1956  Matrimonio Marilyn Monroe e Arthur Miller. Marilyn morirà giovane. 29 luglio 1981 Matrimonio di Diana e Carlo. Diana morirà giovane.
1959 Primo caso registrato di AIDS. 1984 Gaetan Dugas, il “paziente zero”, muore di AIDS.
1960 Terremoto 9.2 Cile 1985 Terremoto 8.0 Cile (25 anni dopo, 2010, terremoto 8.8 Cile.)
1961 La più potente esplosione atomica di sempre in Russia. 1986 Chernobyl, il più grande disastro nucleare di sempre in Russia.
1970 Una fuga di gas a Osaka, Giappone, nella metropolitana causa un esplosione. 1995 Attacco terroristico con gas nervino nella metropolitana di Tokio.
1974 Massacro in una scuola superiore israeliana 1999 Massacro di Columbine, scuola superiore USA.
1975 Primo volo con passeggeri del Concorde 2000 Ultimo volo del Concorde.
10 settembre 1976 Collisione tra aerei, disastro a Zagabria. 11 settembre 2001 Dirottamento di aerei per provocare attacco terroristico.
1979 Incidente nucleare USA 2004 Incidente nucleare Giappone.
24 gennaio 1979 Un milione in marcia a Genova contro il terrorismo. 12 marzo 2004 Milioni protestano in Spagna contro il terrorismo.
1980 I funerali imponenti del Maresciallo Tito. 2005 I funerali imponenti di Giovanni Paolo II.
Maggio 1981 Il Papa scampa a un attentato. Settembre 2006 Minacce musulmane al Papa dopo un suo discorso male interpretato.
1984 Strage del treno rapido 904. 2009 Strage ferroviaria a Viareggio.
Aprile 1984 Terremoto a Gubbio (It.) Aprile 2009 Terremoto a L’Aquila (It.)
1984 Gaetan Dugas, il “paziente zero”, muore di AIDS. 2009 Influenza H5N1, la “suina.”
1985 Achille Lauro, nave sequestrata da palestinesi nel Mediterraneo, un americano muore. 2010 Flottiglia di aiuti per i palestinesi abbordata nel Mediterraneo, un americano muore.
1985 Settembre, grande terremoto in Messico 2010 Settembre, frana di Oaxaca in Messico.
1986 Ripristinata solo per quest’anno la festività del 2 giugno. 2011 Ripristinata solo per quest’anno la festività del 17 marzo.
1986 Disastro nucleare di Chernobyl. 2011 Disastro nucleare di Fukushima.
1986 Tensioni USA con la Libia. 2011 Intervento NATO in Libia.
Ottobre 1987 Wall street: il peggior crollo dal 1929. Ottobre 2012 Wall Street chiude a causa dei danni causati dall’ Uragano Sandy, il quale arriva su New York 83 anni dopo il 1929, lo stesso giorno del crollo di Wall Street del 1929.
Agosto 1987 Julian Knight compie sparatoria in Australia. Luglio 2012 Alla premiere del film “Dark Knight – Il ritorno” un uomo compie sparatoria, USA.
Inverno 1987 Il traghetto Free Enterprise affonda in Belgio con quasi duecento vittime. Inverno 2012 Affonda la nave da crociera Costa Concordia.
14 aprile 1988 A Napoli esplode autobomba davanti a circolo militari Usa , colpevole un Giapponese. 15 aprile 2013 Bombe durante la maratona di Boston




Impressioni e immaginazioni sul crollo del ponte Morandi il 14 agosto 2018

11 09 2018

Abbiamo pensato un po’ prima di scrivere questo aggiornamento del blog poiché la natura dell’evento in questione é tale che è facile, parlando subito in un certo modo di questi avvenimenti, dare l’impressione di essere insensibili o mancanti di rispetto. Quindi abbiamo pensato di lasciare passare un po’ di tempo prima di parlare del crollo del ponte Morandi in termini “altri”, cioé in termini simbolici, sincronici, sincro-mistici e ciclici del tempo storico, termini propri di questo blog.

Ovviamente, dal momento che questo è uno di quegli eventi che si imprimono nella mente collettiva – poiché 1) spezza il consueto tran tran (anche mass-mediatico); 2) milioni di persone hanno la loro attenzione rivolta verso la stessa cosa – non poteva che attirare il nostro interesse in questo senso.

Direi di cominciare dal luglio 2001, G8 di Genova, i fatti che successero allora furono così violenti e d’impatto da attrarre l’attenzione di tutto il circo mass-mediatico internazionale, cosa insolita per una città normalmente schiva e un po’ chiusa in se stessa.

https://www.google.com/search?q=g8+genova&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ved=0ahUKEwith97ot7LdAhXNCewKHcY4BMMQ_AUICygC&biw=1366&bih=632#imgrc=_

L’agosto 2001, personalmente, lo ricordo come un mese per me molto particolare in cui mi dedicai a un’attività lavorativa per me anomala (operaio che timbra il cartellino), a cui non mi ero mai avvicinato in passato e non mi sarei mai più riavvicinato nell’allora futuro. Per me il 2001 era stato un anno di delusioni e disillusioni che, probabilmente quando arriverà il momento giusto, potrei anche raccontare in questo blog.

Quel posto di lavoro si trovava in una cittadina che ogni giorno raggiungevo facendo l’autostrada usando un’ Alfa 33. E ogni giorno per andare al lavoro percorrevo avanti e indietro il viadotto sul torrente Polcevera quindi il ponte Morandi. Alla fine di quell’agosto fracassai l’Alfa 33 riuscendo a venire fuori dall’incidente senza – per fortuna – danni fisici anche se l’automobile ebbe mezza parte anteriore distrutta. In quell’occasione mi fidai troppo delle curve dopo un periodo in cui aveva piovuto e dunque l’asfalto era ancora un po’ scivoloso. Il punto dell’autostrada in cui feci l’unico incidente della mia vita si trovava poco prima dell’inizio del ponte Morandi.

Erano passati un mese e dieci giorni dalle vicende del G8 e poco più di dieci giorni dopo avvenne una cosa che, si può dire, è considerata l’archetipo dell’evento amplificato dai mass media che attira contemporaneamente l’attenzione di milioni di persone verso la stessa direzione, unificandole in qualche modo.

Ricordo che nei giorni della seconda o terza decade di quel settembre, ero andato a un convegno organizzato dall’estrema sinistra il cui motto era una di quelle celebri frasi attribuite ad Albert Einstein: “Non so con quali armi si combatterà la terza guerra mondiale ma so che la quarta si combatterà con le pietre”. Mi ero recato a questo convegno con alcuni miei amici di allora e uno di questi, mentre eravamo seduti sui sedili ripieghevoli rossi di fronte al palco, aveva detto: “Ma guardate un po’ nel giro di nemmeno due mesi cosa è successo tutto assieme! Prima col G8 ora con le torri gemelle, sembra la fine del mondo…”

Terremoti, incidenti, azioni terroristiche. Oltre alle tragedie umane che portano con sé. grazie all’amplificazione dei mezzi di comunicazione di massa, portano catastroficamente il SIMBOLICO nel cuore stesso della nostra realtà di tutti i giorni, coinvolgendo l’attenzione di milioni di persone verso lo stesso punto, come una lente che cattura i raggi del sole e genera il FUOCO. Infatti l’espressione “mettere a fuoco” deriva proprio da questo.

Che la causa sia la politica, il terrorismo, un incidente o un terremoto, cosa c’è di più simbolico di muri, torri, ponti che crollano?

L’antefatto (o meglio uno dei possibili antefatti) del crollo del ponte Morandi lo si potrebbe vedere in questo: un altro ponte Morandi (gemello di quello di Genova e costruito negli stessi anni) in Libia, chiamato “ponte sul Wadi-al-Kuf” https://it.wikipedia.org/wiki/Ponte_sul_Wadi_al-Kuf

La cui chiusura fu decisa dal governo libico a fine ottobre 2017. Pochi giorni prima del 14 agosto 2018, il sindaco della località in cui si trova questo viadotto, comunicava ufficialmente al governo la sua alta pericolosità per via del rischio di cedimenti. Qualcosa era forse nell’aria…

Nell’agosto 2016 in Cile è crollato un ponte ferroviario, le foto sono impressionanti ma l’incidente non fece nemmeno un ferito poiché il treno finito nel fiume in seguito a quel crollo era un treno merci.

https://www.internazionale.it/notizie/2016/08/19/crolla-un-ponte-nel-sud-del-cile

Ne riparleremo del Cile, per adesso ricordiamo del crollo in passato di un altro ponte Morandi, nella stessa America del sud, sul lago di Maracaibo in Venezuela, parzialmente crollato a causa di un urto di una petroliera contro un pilone causando la caduta nel fiume di autoveicoli e la morte di sette persone: l’evento ebbe luogo nell’aprile 1964, quindi ben prima dell’inaugurazione del ponte Morandi di Genova, risalente al 1967.

La foto qui sopra l’ho scattata col mio cellulare Nokia più o meno all’ora in cui stava avvenendo il crollo o era avvenuto da molto poco. Quando l’ho guardata successivamente, mi sono reso conto di come in qualche modo riassumesse un certo “spirito” della vicenda che stava proprio avvenendo in quegli attimi, senza che allora io ne fossi minimamente a conoscenza: il cielo plumbeo, il vetro come rigato di lacrime, il ponte e l’adesivo sul vetro “Preziosi vattene” (Enrico Preziosi è un dirigente sportivo a capo di una squadra di calcio di Genova) si può dire simboleggiassero l’atmosfera dell’evento che si sarebbe successivamente manifestato. Mentre il cielo grigio, la pioggia-lacrime e il ponte, penso possano essere facilmente riconosciuti come evidenti simboli dell’avvenimento, l’adesivo “Preziosi vattene” è meno immediato da capire come simbolo, soprattutto per chi non é di Genova: come ad ogni modo si può intuire, la direzione della società calcistica da parte di Preziosi è stata oggetto di polemiche a tal punto che molti volevano le sue dimissioni e l’atmosfera mentale che suscita questo adesivo rosso e blu sul vetro nella foto la vedo come affine a quella delle polemiche in seguito al crollo del ponte Morandi. Senza saperlo, ho catturato con quella foto una ben determinata atmosfera psichica che sarebbe stata ben presente a livello collettivo nelle ore e nei giorni successivi.

Qualche mese prima, Genova ha ospitato, come succede ogni cinque anni, la manifestazione Euroflora e, per l’occasione, sopra alcune strade del centro della città, era appeso un numero considerevole di ombrelli aperti, una specie di installazione artistica, connessa all’Euroflora, che è stata molto fotografata.

Guarda caso, il crollo del ponte Morandi è avvenuto in un momento in cui la pioggia era parecchio intensa tanto che qualcuno ha subito ipotizzato (erroneamente) che un fulmine avesse colpito il ponte e il suo cedimento fosse quindi avvenuto per via di ciò. Anche quelle persone che sono riuscite a catturare su video gli attimi in cui succedeva la cosa, avevano cominciato a filmare per testimoniare in presa diretta la forte acqua che stava scendendo in quei momenti. Singolarmente, prima e dopo l’ora in cui è successo il fatto (e in cui veniva giù la pioggia intensa) il clima non è più stato particolarmente brutto, e così nei giorni precedenti e successivi. Tutti quegli ombrelli sembravano come avvisare di RIPARARSI da qualcosa che sarebbe venuto dall’alto…

Genova è una citta che ha spesso attirato l’attenzione dei mass media nazionali su di sé per via della pioggia o, meglio, per via degli effetti della pioggia: alluvioni e inondazioni a volte tragicamente spettacolari e con il loro tributo di vittime.

Il mio collega di blog Teoscrive ha subito rintracciato una notizia riguardante il crollo di un ponte presso Biella avvenuto venticinque anni prima proprio a causa delle forti precipitazioni

Dicevamo prima del forte impatto simbolico di un ponte così grande e spettacolare che collassa, delle immagini del ponte crollato trasmesse da tutti i mass media. In un certo senso il disastro era previsto: si sapeva che prima o poi quella struttura poteva crollare, se ne parlava da anni, si può dire che era quasi più una questione di “quando” che di “se”. Una volta viste le prime immagini, m’è venuto da pensare al film Cassandra crossing, un film di tanti anni fa riguardante epidemie e virus letali dove i passeggeri di un treno infettato dal virus sono destinati a perire attraversando un ponte fatiscente che crollerà sotto il peso del treno e una buona parte del film mostra quei passeggeri, una volta a conoscenza del loro destino di morte, che fanno di tutto per saltare a terra prima di raggiungere l’inizio del ponte. Combinazione, di virus letali parla anche un film di un po’ di tempo dopo, Io sono leggenda, dove compare il ponte di Brooklyn crollato.

Cassandra crossing.

 

Io sono leggenda.

In effetti, le notizie e le immagini di avvenimenti come questo presto si diffondono “viralmente” come si dice, proprio come un’epidemia, soprattutto in un’epoca in cui ci sono internet 2.0, You Tube e i social network, tutta roba che, per esempio, non c’era ai tempi del G8 prima citato.

Proprio come i passeggeri del film Cassandra crossing, diversi conducenti di mezzi automobilistici, sono riusciti a fermarsi in tempo un secondo prima di crollare assieme al ponte o andare verso il vuoto e, recentemente, il divulgatore e contro-informatore Rocco Bruno ha utilizzato la metafora del ponte Cassandra crossing per dire come, passeggeri di un tipo di civiltà profondamente in crisi, dobbiamo “saltare giù” prima di crollare assieme a questa stessa civiltà.

La foto estremamente evocativa e simbolica, diffusa dai mass media in tutto il mondo e vista dunque da milioni di persone, del camion della catena di supermercati Basko di fronte al vuoto oltre il ponte crollato. Potrebbe essere visto come un emblema della civiltà dei supermercati e del consumismo che si ferma un attimo prima del collasso?!

Il ponte Morandi era talvolta soprannominato “ponte di Brooklyn” per via della vaga somiglianza e tale ponte è spesso comparso distrutto dentro film catastrofici (come Final Destination V) e lo stesso ponte di Brooklyn, nella realtà extra-filmica, qualche anno fa fu colpito da un’intensa perturbazione che ne distrusse una sezione e fece anche rischiare la vita ad alcune persone.

https://www.si24.it/2014/07/03/crolla-di-una-sezione-del-ponte-di-brooklyn-new-york-colpita-da-un-violento-temporale/58130/

La distruzione del ponte di Brooklyn in Final destination V.

A questo indirizzo https://hackaday.com/2015/11/18/suspension-bridges-of-disbelief/ c’è inoltre un’analisi con una lunga carrellata dei vari effetti speciali di diversi ponti americani distrutti in film catastrofici hollywoodiani e di come spesso e volentieri le distruzioni di quei ponti in tali film non seguano le leggi fisiche di cui tengono conto gli ingegneri che progettano quelle strutture. A quest’altro indirizzo http://www.thegeektwins.com/2015/05/7-sci-fi-movies-that-destroyed-golden.html vengono illustrati i sette film di fantascienza in cui il ponte sul “Golden gate” a San Francisco lo si vede distrutto in molteplici maniere. Come si vede anche qui, l’immagine del ponte distrutto fa il paio, come potenziale simbolico, a quella di torri crollate.

Tra l’altro, lo stesso 14 agosto 2018, un’auto si è schiantata contro le ringhiere intorno al palazzo del parlamento di Westminister a Londra provocando diversi feriti tra i passanti, in un sospetto atto di terrorismo http://www.repubblica.it/esteri/2018/08/14/news/londra_auto_contro_barriere_fuori_al_parlamento_un_uomo_arrestato-204069540/

La cosa particolare è che l’anno precedente Londra fu coinvolta in due azioni terroristiche più gravi: una compiuta il 22 marzo (a un anno esatto di distanza dall’attentato terroristico di Bruxelles!) e l’altra il 3 giugno 2017. Sono coinvolti dei PONTI in entrambi i casi: nel primo il ponte di Westminster (vicino al palazzo del parlamento) nel secondo il London bridge. In tutti e due gli attentati sono stati coinvolti alcuni malcapitati passanti proprio come nello strano attentato di Londra – di minore entità ma comunque ben presente sui mass media anche lui – del 14 agosto 2018. Anche nel crollo del ponte Morandi sono stati travolti dei passanti e sia in questo caso sia in quello degli attentati londinesi centrali sono stati gli autoveicoli, quegli stessi autoveicoli che da un po’ di tempo vediamo prendere fuoco con sempre maggiore frequenza.

A ciò si può collegare un curioso episodio avvenuto prima di quegli attentati, nel febbraio 2016, quando molti passanti furono spaventati da uno dei classici autobus rossi londinesi che esplose e prese improvvisamente fuoco nel bel mezzo del London bridge https://www.mirror.co.uk/tv/tv-news/bus-explodes-london-bridge-terrifying-7326412 non si trattava di un atto terroristico vero e proprio ma erano riprese per una scena di un film su Jackie Chan. Verrebbe quasi da pensare che gli autori degli attentati di Londra dell’anno dopo si siano ispirati a questo film!

Comunque sia, proprio esattamente come all’epoca del G8 nel luglio 2001, la provinciale Genova, in quei giorni di ferragosto 2018, occupava le principali notizie di apertura in tutto il mondo, per la prima volta dopo poco più di diciassette anni.

A tal punto che anche la SINCRO-SFERA anglofona (ovviamente quella principale del mondo) ne è stata coinvolta:

https://brizdazz.blogspot.com/2018/08/anxiety-crossing-our-bridges-when-we.html

http://thesignificanceofr.blogspot.com/2018/08/predictive-programming-or.html

Compreso il nostro collega americano Goro Adachi, da cui abbiamo imparato il concetto di COERENZA MULTI-CONTESTUALE:

https://www.supertorchritual.com/news/cydonian-bridge/

https://www.supertorchritual.com/the-genoa-bridge-code/

This was one of those multicontextually resonant events sending shock waves across time backward and forward. And it’s surprisingly – or not so surprisingly in our case – very esoteric. It confirms a hidden, very powerful theme we’ve being stressing all year but no one else would be cognizant of, the…

https://www.supertorchritual.com/the-genoa-bridge-code-part-2/

https://secretsun.blogspot.com/2018/08/damn-it-planets.html

https://merovee.wordpress.com/2018/08/02/the-golden-bridge/

Dunque nel periodo subito dopo l’inizio della seconda metà dell’anno 2001, vi fu l’infuocato G8 di Genova come abbiamo detto il quale, un po’ per la presenza dei principali capi di stato del mondo asseragliati dentro la “zona rossa” del capoluogo ligure, un po’ per i terribili, tumultuosi fatti successi in quei giorni, focalizzò l’attenzione mass-mediatica mondiale su Genova e, dopo nemmeno due mesi, vi fu un altro fatto che catalizzò ancora più massicciamente l’attenzione mediatica di tutto il mondo verso New York e Washington (già normalmente piuttosto mediatiche per i fatti loro, senza che accada nulla di particolarmente terribile). Stranamente, diciassette anni dopo, vi è il ritorno di Genova all’attenzione internazionale e per via di un avvenimento che decisamente ricorda quello delle torri gemelle; in questo agosto 2018 sembra quasi ci sia stato un ritorno ibrido degli avvenimenti del luglio e del settembre 2001. Il luogo del torrente Polcevera in cui è venuto giù il ponte è stato definito “zona rossa”, proprio come la zona off limits in cui si vedevano i capi di stato durante il G8 e come senso ricordava il luogo delle torri gemelle collassate chiamata “ground zero”.

Tra l’altro in un contesto globale parecchio i fibrillazione: il nuovo governo italiano “populista” che crea scompiglio, le vicende negli Stati Uniti con la contrapposizione ormai quasi bellica tra i trumpiani e i non trumpiani in vista delle elezioni di mid term, i casi di censura mediatica nei confronti dell’informazione alternativa su internet, le vicende riguardanti un papato si può dire in caduta libera a causa della pedocriminalità ma non solo, i problemi delle migrazioni, i problemi dell’Unione Europea, i preoccupanti attriti tra Stati Uniti e NATO da una parte e Russia e Cina e le “potenze emergenti” dall’altra…

A questo proposito, poco più di quattro anni fa, scrivemmo un articolo che, letto oggi, ci sorprende un po’.

Ecco un passo riguardante la Liguria in generale e Genova in particolare come manifestazioni simboliche della differenza e contrapposizione tra ovest ed est:

Ho immaginato che il famoso EVENTO si sarebbe manifestato nel prossimo agosto (il mese in cui il mio compare Matteo vede come propizio per lo scatenamento di grandi cose), quando sarò via da Genova per dieci giorni. Mi sarei trovato a non poter più tornarci per lungo, lungo tempo e, quando, magari dopo anni, ci sarei ritornato, non avrei più trovato nulla di ciò che era stato e delle persone che ci vivevano.

Mi domando, però, la ragione simbolica di questa paranoia – che s’è ripresentata, sebbene con intensità molto minore, dopo diciannove anni – cosa vuole davvero dirmi il mio inconscio, rendendomi sensibile e ricettivo a immaginazioni di questo tipo, e ho pensato a ciò che ha scritto recentemente il mio compare Mediter su un suo articolo, il millenario scontro Oriente-Occidente, lo scontro tra il sorgere e il calare del Sole, tra un mondo vecchio che non vuole morire e un mondo nuovo che non riesce a nascere.

Come ligure, io questo lo avverto in modo particolare, visto che, il posto dove vivo si trova A META’ tra Occidente e Oriente, infatti Genova si trova in mezzo alla Liguria, tra la Riviera di Ponente (Occidente) e la Riviera di Levante (Oriente) e io, tra l’altro, sono anche di un segno, la Bilancia, che richiama alquanto questa dialettica Est-Ovest.

Il crollo di un ponte che collega il ponente con il levante della Liguria, che connette l’ovest all’est, può forse essere visto come una manifestazione simbolica (concretizzata nella realtà materiale) anticipatoria di una possibile rottura prossima ventura tra occidente e oriente? Mostrata mass-mediaticamente a tutto il mondo prima della sua effettiva manifestazione concreta nella realtà materiale?

Ecco cosa scrivevamo anche in quello stesso articolo:

Mi veniva anche in mente che, nei giorni intorno al 20 luglio 2001, vi furono gli avvenimenti del G8, e questa sarebbe potuta essere una combinazione significativa, esattamente dopo dodici anni. Un ritorno di un avvenimento simile a maggiore intensità e magnitudo, con Genova di nuovo alla ribalta internazionale, non certo per qualcosa di lieto, ma per qualcosa di fortissimo impatto psicologico globale. Come sarebbe, appunto, un’esplosione atomica.

Periodicamente, la città che venne definita con vari soprannomi, “Superba”, “Dominante”, sembra teatro di forti anomalie, le quali scuotono lo status quo, in particolare dell’Italia, ma non solo. Dalla “partenza dei Mille” nel 1860 al bombardamento navale inglese del 1941 (il quale sembrò un “ricorso storico” del bombardamento navale francese del 1684) ai disordini del 1960 e quelli, già citati, del 2001, e le periodiche, disastrose, alluvioni, dal quella del 1970, a quella del 1992, alla recente del 2011. [nell’ottobre 2014 ne sarebbe avvenuta un’altra].

E poi l’anno scorso, quando una nave colpì un edificio del porto a forma di torre, provocando vittime.

Quest’ultima frase è da spiegare: mi riferisco infatti a qualcosa che successe nel maggio 2013 quando una motonave si scontrò con la TORRE dei piloti del porto facendola crollare e producendo vittime https://it.wikipedia.org/wiki/Tragedia_della_torre_dei_piloti_di_Genova.

Leggendo quell’articolo sembra proprio che mi attendessi qualcosa di dirompente a Genova per l’agosto 2014 quando invece poi è avvenuto esattamente quattro anni dopo.

Il fatto che l’avvenimento del ponte Morandi crollato sia stato per molti genovesi shockante ma non del tutto inaspettato (come se lo si sentisse che prima o poi sarebbe successo) l’ho visto leggendo dei commenti di un mio contatto su Facebook in cui diceva di provare una sensazione stranissima, davvero difficile a far capire a parole, si ricordava dei sogni o delle sensazioni che aveva da piccola, nei quali non vedeva più da lontano la consueta silhuette del viadotto all’orizzonte alla fine della valle e adesso la visione dal suo terrazzo che aveva del panorama senza il ponte (la skyline senza il ponte) la riconosceva esattamente come quella di quei sogni o di quelle visioni che aveva da bambina.

Cosa altro può anticipare il messaggio simbolico globale del crollo del viadotto?

Si sa che l’etimologia della parola “PONTEFICE” significa “costruttore di ponti” e, ora come ora, l’attuale pontefice della chiesa cattolica si può dire sia “sotto inchiesta”, “bersaglio di polemiche”, “nel mirino”, proprio come il “pontefice” Riccardo Morandi (tra l’altro ormai da un po’ passato a miglior vita), il costruttore del ponte crollato. Qualcuno, come si è già detto, nelle primissime ore dopo il crollo, ha fantasticato sul fatto che il crollo fosse avvenuto perché il ponte “era stato colpito dal fulmine”. La parte della sezione del ponte di Brooklyn collassata nel 2014 venne giù in seguito a una tempesta di fulmini. Uno o più fulmini colpirono la sommità della cupola di San Pietro l’11 febbraio 2013, giorno delle dimissioni di Benedetto XVI.

https://www.supertorchritual.com/the-last-pope/

Una delle cose peggiori successe al papato di Francesco in questi ultimi tempi è stata la dimissione in blocco, a maggio, di più di trenta vescovi in Cile sempre a causa delle brutte faccende di pedo-criminalità e delle loro coperture in alto loco. Come abbiamo visto, il Cile è un paese che sembra proprio direttamente connesso al crollo del ponte, sia perché tra le vittime del crollo vi erano anche due cileni sia perché il Cile pare una terra colpita con una certa frequenza da incidenti di questo tipo: m’è stato comunicato direttamente da una cilena (tra l’altro da me incontrata anche il 14 agosto poco prima che venisse giù il ponte) di come in Cile si siano commemorati contemporaneamente i morti dovuti al crollo del viadotto di Genova e i morti di un incidente simile avvenuto anni fa in Cile e che fece uguale scalpore .

Quell’ 14 agosto 2018 è stato anche il giorno della morte di Micheal Persinger, uno scienziato eccentrico e singolare di cui avemmo modo di parlare in un curioso articolo risalente ai tempi delle olimpiadi di Londra nell’estate 2012, quando parve che alla cerimonia d’inaugurazione di quei giochi olimpici si fossero manifestati nientemeno che gli “illuminati”, ovverosia quelle tredici famiglie potentissime le quali secondo i teorici della cospirazione vantano un lignaggio secolare-millenario risalente ai tempi di Babilonia e influenzano gli avvenimenti planetari avendo sotto i loro ricatti di ogni tipo tutte le maggiori istituzioni dell’occidente, a cominciare da quelle finanziarie, militari, religiose e giudiziarie essendo inoltre in contatto con entità extra-dimensionali che li mantengono al potere supremo alle quali fanno tributo praticando innominabili riti satanici sacrificando giovani vite. Questo in nuce pensano certi cosiddetti “teorici della cospirazione”, esagerando di molto cose che magari possono anche avere un qualche fondamento nella realtà (basti pensare alle ramificazioni criminali accertate dei servizi segreti delle nazioni più potenti). Le divinità babilonesi, l’occhio che tutto vede e controlla sulla cima della piramide delle piramidi (la società piramidale fatta di piramidi sotto piramidi), la fenice che brucia nel fuoco e risorge dalle sue stesse ceneri: una simbologia di questo tipo in effetti fu presente nei rutilanti spettacoli all’inaugurazione e alla chiusura delle olimpiadi di Londra del 2012.

La fenice che brucia e risorge dalle sue stesse ceneri davanti all’unico occhio in cima alla piramide.

Bene, quel Micheal Persinger (ideatore di un casco particolare il quale stimola determinati punti del cervello che permettono di provare sensazioni percepite come “contatto con Dio”), per riassumere ciò che scrivemmo in quell’articolo, ipotizzava che una mutazione – intenzionale o meno – del campo elettromagnetico della Terra avrebbe fatto in modo di far comunicare istantaneamente i cervelli tra loro attarverso una specie di “mente collettiva” la quale si sarebbe manifestata proprio in seguito ai cambiamenti delle strutture geo-elettromagnetiche del pianeta. La questione aperta è: e se questa “mente collettiva” vera e propria fosse già attiva ma semplicemente inconscia e se, attraverso certe mutazioni, la si rendesse invece consapevole di se stessa? Può essere che le cosiddette “sincronicità”, i “climi psichici” e le “coerenze inter-contestuali” siano dei sintomi dell’esistenza sottotraccia di questa mente collettiva, la quale sembra rendersi conto di se stessa più del consueto in occasione di determinati avvenimenti globali d’impatto e di shock, amplificati e resi globali dagli attuali mass media.

Sottoscrivo ciò che dice Goro Adachi al riguardo:

Ciò che il tipico teorico della cospirazione non capisce e dunque lo limita nella sua valutazione delle cose è come le notevoli coincidenze possono sorgere dal reame metafisico al di là di ogni consapevole volontà umana e come sorprendentemente comuni tali coincidenze siano. Senza comprendere il ruolo della sincronicità – in sostanza della “magia” – nella nostra realtà, voi non potete sperare di ottenere reali intuizioni di ciò che è in corso intorno a noi e di cosa ci attende oltre l’orizzonte. Il nuovo articolo del Daily grailsSteam Engine Time & Ideaspace: How Creative Ideas Arise Simultaneously” tocca questo importante argomento.

https://www.supertorchritual.com/news/metaphysical-order-in-reality/

La piramide?

Intanto pensiamo che l’evento del crollo del ponte Morandi sia stato qualcosa che ha dato una bella scossa alla mente collettiva, ben al di là di quella italiana, tutto il mondo l’ha visto bene, é stato simbolico in una maniera sfacciata e spudorata e pensiamo sia stato di certo premonitore di roba di magnitudo molto elevata che avverrà in un futuro più o meno prossimo.

Come dice il pluri-citato Goro Adachi:

Questo è uno di quegli eventi che risuonano in maniera multicontestuale mandando onde di shock su e giù attarverso il tempo. Ed è sorprendentemente – o non così sorprendentemente nel nostro caso – molto esoterico. Esso conferma un nascosto, molto potente, tema che stiamo evidenziando lungo il corso dell’anno in corso […]

Sicuramente molti livelli di questa cosa ci sfuggono: per esempio è possibile un collegamento con l’eclisse lunare del 27 luglio (poco più di quindici giorni prima), la più lunga del secolo e del suo allineamento col pianeta Marte, dalla faccia completamente illuminata e alla minore distanza dalla Terra da anni?

E che dire di un’altra associazione mentale che ci viene da fare: i palazzoni sotto quel che resta del viadotto pericolante,  verranno distrutti e quindi gli abitanti andranno via. Sembra il rovescio di ciò che avvenne proprio dopo il 1967, qualche anno dopo l’inaugurazione del ponte quando venne raso al suolo il quartiere di via Madre di Dio che si trovava anch’esso esattamente ai piedi di un ponte, proprio come quei palazzoni sotto il viadotto, dai quali abbiamo visto gli abitanti che sono stati sfollati, esattamente come gli antichi abitanti del quartiere di via Madre di Dio. Questo quartiere (assieme al Borgo dei lanaiuoli e alla via dei servi) è sempre stato visto come il simbolo della “Genova vecchia” della “Genova scomparsa”, sacrificata alla modernità, al consumismo e alla super-motorizzazione partita proprio dagli anni sessanta in avanti. In quel periodo intorno al 1967 venne smantellato un simbolo della “città più a misura d’uomo” quale era il tram elettrico e venne edificato quell’altro tempio alla super-motorizzazione che fu ed è la sopraelevata, una specie di percorso autostradale nel bel mezzo della zona del porto e della città vecchia. Genova fu costretta in un modo quasi violento alla modernità veloce, motorizzata e consumistica. L’epoca dello smantellamento di quei quartieri medievali sotto il vecchio ponte di Carignano per dare spazio alla velocità moderna e soprattutto post-moderna fu nello slancio di fine anni sessanta inizio anni settanta, oggi forse vediamo, con questo crollo, l’inizio-inizio di un processo inverso e, infatti, l’immagine di quel camion del supermarket con di fronte il vuoto del ponte amputato ci fa meditare.

Voglio concludere questo articolo riportando un’ottimo scritto del mio amico regista Davide Scovazzo – già comparso una volta in questo blog – che lo vedo come degno finale di tutto quanto:

 

ULTIME RIFLESSIONI SUL PONTE MORANDI

…è che uno crede sempre che le “cose”, le persone, le realtà siano eterne. Che i genitori non moriranno mai, che la vita sia infinita, che la nostra adorata ci amerà per sempre, che quel muretto scrostato e pieno di scritte che sei abituato a vedere fin da bambino quotidianamente nella strada che percorri minimo due volte al giorno sarà sempre lì.
Poi accade.
Il cielo si fa di un rosso “strano” e malato o di un giallo infetto e presago di apocalisse, il Bisagno esonda e lascia strade, negozi, certezze e vite umane sepolte da una mota irreale che alluviona la coscienza, tuo padre si ammala e muore, un ponte che “davi per scontato” e vedevi ogni giorno dal finestrino della macchina andando a lavoro, su cui bestemmiavi in coda o percorrendo il quale sognavi a ore assurde al ritorno da concerti e serate al limite della notte d’un tratto crolla, i programmi televisivi si bloccano e iniziano a spuntare edizioni speciali dei vari TG zeppi di video amatoriali in cui viene ripetuto “ommioddio! ommioddio! ommioddio!” come un isterico mantra, questi stramaledetti social si intasano e ognuno diventa esperto, profeta, sarcastico, superfluamente poetico, tuttologo, e si ripiomba, anche interiormente, in una nuova preistoria. Ha qualcosa di luttuosamente liberatorio, macabro a dirsi.
Le priorità si scompagninano, il mondo come lo conosciamo si mette in standby, ci si guarda intorno per capire se tra i nostri cari ci sono vittime, la capufficio che urla e l’interrogazione di Latino dell’indomani smettono di essere al centro dei nostri pensieri e si fanno piccolissimi.
Si riguarda la fine del (nostro minuscolo, ma condiviso) mondo con occhi nuovamente bambini.
E adesso?
Ho un ricordo personale che mi lega al ponte.
Ma non è “quella volta sul ponte”. E’ più circa il ponte.
Ricordo un’altra istituzione venuta a mancare in questa vecchia Diva imparruccata in avanzato stato di decomposizione tra residui infeltriti di velluti ormai sozzi, vecchi tesori impolverati e ragnatele su antichi argenti ossidati che è la nostra dolorosamente e mestamente, depressivamente amata Genova, immortale e morta al medesimo tempo: il Genova Film Festival.
Sarà stato sette anni fa (anche il tempo si crede che non passi mai, e invece…).
Presenziai con il mio fortunato cortometraggio DURANTE LA MORTE, e lo presentai al sempre stranamente (data la ritrosìa del Genovese-tipo, che preferisce lamentarsi con la cadenza a morto di un mare in risacca per l’assenza di eventi che partecipare agli eventi stessi – che invece esistono eccome – oppure crearne di nuovi…ma in fondo a noi questo mugugno è caro e fa parte del nostro DNA come il Pesto e la Focaccia) caloroso pubblico insieme al Presidente e Maestro di Cerimonie Cristiano Palozzi.
Mi chiesero quali fossero i miei progetti per il futuro che ci sarebbe stato dopo quel corto.
Scherzando, citando la fine del capolavoro del Maestro Lucio Fulci “Zombi 2” (di cui allego una foto…notate le Torri Gemelle sullo sfondo….terrore si aggiunge a terrore, e non certo per i motivi originariamente voluti dagli autori…) in cui il Virus si è espanso anche in Occidente e gli Zombi invadono le nostre città che, appunto, crediamo immortali in quanto inespugnabili, sicure e al sicuro, eterne, incrollabili (con tutti i simbolismi più o meno facili e più o meno beceri che possiamo volerci vedere…gli immigrati coi barconi? L’annebbiamento delle nostre stesse intelligenze senzienti tra fake news, overdose di dati inutili e vacui e annullamento dell’identità? Ma non usciamo fuori tema…), perfettamente esemplificato da uno stuolo di Zombi che avanzano ciondolando invadenti e inarrestabili sul Ponte di Brooklyn (nomignolo che abbiamo sempre affettuosamente dato noi autoctoni al Ponte Morandi data la vaga somiglianza), dissi scherzando e canzonando un po’ il cinema del collega Massimo Morini, “Ho in mente un remake di Zombi 2 in cui gli Zombi marciano sul Ponte Morandi! Bisognerà fare in fretta, prima che ci pensino come al solito i Buio Pesto, magari tirando fuori uno dei loro soliti film, magari intitolato “ResurreXön”!”.
Il pubblico rise. Se ne aveva ancora voglia (ora credo di no, ormai siamo troppo terminalmente stanchi).
L’idea ci sarebbe anche stata, ma sarebbe stato troppo difficile bloccare la strada, impedendo quella viabilità che pareva così indispensabile e inarrestabile e di cui adesso dobbiamo imparare a fare a meno, come dell’acqua e del cibo in tempo di guerra. Col senno di poi, davvero avremmo dovuto fare in fretta.
Ora il ponte rimane lì, come un nonno appena morto a cui avremmo voluto fare molte domande e non l’abbiamo mai fatto, ma ormai è troppo tardi e restano solo i rimpianti per le risposte che non avremo mai più.
Guardo la mia città e la mia nazione, il mondo intero, i governi e i “sistemi” cadere pezzettino per pezzettino come i denti di un morto, mentre i viventi (o presunti tali) rimasti continuano a darsi la colpa l’uno con l’altro del decadimento fisico e strutturale della civiltà come la conosciamo.
Fino a qualche anno fa avrei detto che siamo come i pochi superstiti che si difendono dal lento ma inesorabile incedere degli Zombi (l’ignoranza? La corruzione?) che ci assediano.
Ora no.
Ora so per certo che i Morti Viventi che zoppicano a mente vuota, istericamente voraci e ottusamente ciechi su questo ponte crollato che non porta più da nessuna parte siamo Noi.





Dall’ altra parte della staccionata – lettera ad un amico

9 09 2018

Visualizza immagine di origine

E così è accaduto. Non minimizziamo l’ esperienza, e il cambiamento  che tu, caro amico, affronterai nei prossimi mesi, e anni. Diventare padre è l’ esperienza di cambiamento più monumentale della vita. Anche se hai appena varcato la soglia di un mondo ” alieno e incomprensibile ” per me, non posso fare a meno di immedesimarmi con la mia sconfinata fantasia ( e intuizione ) nella tua situazione.

Questa originale e forse simpatica lettera ti potrebbe sorprendere, ma come sai, io scrivo, quindi perché non scrivere? Chi legge non saprà come ti chiami, non saprà chi sei per ovvi motivi di privacy, ma chi mi segue qui oggi saprà che il mio amico storico, il mio amico di infanzia e adolescenza, quello per eccellenza, è sempre stato il mio supporto di stabilità, anche quando non se ne rendeva conto, anche quando non c’ era, il pensiero rimaneva. Mai una discussione, mai successa nemmeno una singola volta, mai una volta mi sono trovato in situazioni di imbarazzo o sconvenienti, quando arrivavo con le mie ” giornate tipo ” piene di ” eventi sconvolgenti ” dall’ altra parte c’ era sempre quella voce pacata che dava sicurezza, già, perché quella tua tranquillità ( non importa quanto impegno ci avrai messo per mantenerti sempre stabile, magari mi sorprenderebbe ) in poche parole dava un po’ più di senso alla vita. Fra noi due, mi sono sempre immaginato, che io ero come Pippo e tu come Topolino.   

Di amici ne ho avuti tanti, ma uno solo è sopravvissuto così tanto alle turbolenze della mia vita, che dal 2009 a questa parte non è più così lineare come prima, anzi, proprio per niente, sconclusionata e piena di errori.

Sono stato lontano e distante, già, come al solito ho pensato più alla vita degli altri che alla mia, sono fatto così, sono assolutamente convinto che, messo nella tua attuale situazione, potrei tranquillamente dire ciao al mondo e dedicare la mia vita alla nuova creatura. Quindi, credimi, ti capirò molto bene. E’ proprio quello che va fatto. Di genitori poco ortodossi ne vedo spesso, e ogni volta mi indigno. So bene che è necessario ricalibrare il proprio mondo personale per gettarsi a capofitto in una nuova vita, che sarà come ripetere la propria, che sarà come conoscere i propri genitori di nuovo, in modi che neanche credevamo possibile.

In un certo senso ho sperimentato anche io un periodo del genere, anche se avanti nel futuro rispetto alla tua timeline ( lol haha ) … quando nel 2011 e 2012 e inizio 2013 ho dedicato le mie giornate alle lezioni a casa di un ragazzo che è diventato più fratello del mio all’ epoca distante fratello, e molto velocemente, a dire il vero, è diventato una sorta di ” figlio “. Ho sperimentato cosa vuol dire dimenticare il mondo circostante. Ero spinto dal mio senso del dovere, che divorava ogni altra cosa. Sono fuggito dalla situazione per ritrovare me stesso, nella mia solita maniera apocalittica e molto rapida. Sapevo che per mandare avanti il mio futuro era necessario darci un taglio, ma dopo anni, soprattutto dopo un tentativo di ricongiungimento andato a scatafascio, mi sono reso conto che tutto poteva essere diverso, ma l’ altra persona non ha fatto la sua parte come promesso, e quindi forse sarebbe andata allo stesso modo comunque. Nella mia mente, è come se io fossi assolutamente convinto di ” essermi salvato ” andando via, ma sono anche convinto che quella situazione fosse così particolare, io che sono sempre in giro ero entrato in modalità ” casalingo “, c’ era persino l’ altra parte del ruolo, quello della madre, quel ragazzo io e lei ce lo siamo spartito per due anni mentre il padre era spesso al lavoro e assente.     

Visto che mi occupo di cicli vitali e sincronicità, suppongo che se la vita è ciclica, e lo è sicuramente, quel periodo fosse una specie di ” test per il futuro ” che io ritengo comunque di aver fallito, ma in ogni caso ritengo che sia una anticipazione. E’ del tutto impossibile da immaginare, adesso, ma in un periodo del futuro potrebbe succedere qualcosa di simile anche a me. Non ho mai dovuto cercare nessuno, c’ era solo da aspettare che il tempo facesse la sua parte e mi portasse dove voleva che fossi, quindi suppongo che ” cercare ” qualcosa a riguardo non porterà a qualche risultato. Ad ogni modo, quel test non era nemmeno il primo, e non era nemmeno l’ ultimo … E sono sicuro che se le cose fossero state diverse, probabilmente con una persona diversa, a questo punto sarebbe ancora qui, perché non sono capace di lasciar andare via le persone. Credo che quel determinato evento di ” fuga ” sia stato frutto di qualche allineamento astrologico … non a caso c’ era uno stellium in Acquario, il segno della libertà.

Tu probabilmente non hai avuto nessun ” test “, nessuna modalità tutorial, il Tempo ti ha portato il piccoletto e ti ha detto ” Deal with it “. Per di più, eri anche figlio unico, e adesso non sarai più solo, anche se probabilmente non ti sarai mai sentito solo in quel senso, ma chissà … non ho mai osato chiedertelo.

     Risultato immagine per wizard movie jimmy

Per qualche motivo, la mia vita, per tanto tempo, mi ha portato a vivere situazioni in cui io ero il punto di riferimento di tutti gli altri, poi sono diventato quello che    ” andava superato in tutto ” e quel ruolo è ormai sfumato, e ormai i miei amici sono davvero miei amici e non ” tanti fratelli minori ” . Ho voluto rivivere la mia adolescenza, che ritenevo di non aver mai vissuto, visto quanto stavo sui libri per galleggiare sulla sufficienza alle superiori, in una scuola che, col senno di ora, avrei potuto facilmente conquistare, con un po’ di crescita in più … ma così è stato, e , be’, ho fatto l’ adolescente. Ho scritto centinaia di pagine di diario su quell’ esperienza, ma credo che rimarranno non letti fino a quando non lo avrò deciso. C’ era un’ altra persona in quei tempi, dentro di me, un essere ignoto e turbolento che ho mandato via quando non ne potevo più.

Da un anno e mezzo a questa parte sto finalmente ritrovando il me stesso che si era perso chissà dove più o meno nel 2010 o giù di lì. La vita in questi mesi sembra così normale che c’è bisogno di smuovere un po’ la situazione. Quando la vita ti dà solo cambiamenti e turbolenze, se si stabilizzano le cose viene quasi voglia di dire …” e quindi? Tutto qui? “.

Ma a dire la verità sono contento che ” è tutto qui “, perché non desidero altro che una vita normale e tranquilla. Ho sempre desiderato vivere una vita senza tante grandi domande, ho sempre desiderato una gamma di umori e modi di vivere meno melodrammatici ( che ci posso fare, ascendente in Leone … 😉 ) e tanta praticità in più. Ho sempre vissuto la vita in termini di limiti ed esperienze comuni ” mancate ” e altre esperienze meno comuni che invece sono state vissute.

Quindi, voglio fare lo scrittore … ho un passato da ” vero scrittore “? Come quella donna madre single sulla soglia della povertà che scriveva affianco alla bambina disperata, circondata da persone che la guardavano in modo strano? Come quell’ americano che viveva in una roulotte con la moglie e i figli piccoli senza un telefono, facendo lavori di fortuna? Diciamo che sono più fortunato di come sono stati loro a quel tempo, ma anche io potrò raccontare il mio background ” dalle stalle alle stelle “: potrei dire che sono quel tipo sempre sottovalutato, sempre dato per scontato come stravagante sognatore, quel tipo che esce spesso da solo e rimane da solo, e non si sa a che cosa sta pensando. Sono convinto che bisognerebbe pensarci due volte prima di sottovalutare le persone nell’ ombra, che non spiccano a livello sociale e a livello di status in generale, perché la vita è piena di sorprese. Le vite sopra descritte lo dimostrano.

Certo, loro saranno quelli che escono sempre accompagnati, che hanno la macchina sportiva, che possono raccontare delle loro conquiste, ma dalla mia parte ho una notevole creatività e capacità di scrivere, che conservo come il mio tesoro, una qualità che non trovo in nessuno di loro. Non giudico nessuno, più o meno, però mi rendo conto che loro hanno le fidanzate, le compagnie che li aspettano sotto casa, le loro piccole vittorie della giornata, le loro serate movimentate, ma io ho qualcosa di più grande e di più raro.

Ad ogni modo, anche a distanza, anche nei periodi dove non ci siamo sentiti, sei sempre stato un mio punto di riferimento. Tante, tante volte ho avuto bisogno di una dose di pacata razionalità, e te ne ho messo al corrente solo in rare occasioni, e credimi, ce ne sono state tante.

Ora so che ci sarà un bambino e un adolescente e un adulto che avrà sempre a disposizione quella tua pacata ragionevole razionalità, la tua grande qualità, e sono soddisfatto per questo.

Sarà che la mia vita si sta adattando al ristagno culturale in cui siamo immersi da anni, e del quale io e il mio collega abbiamo parlato nel blog? O sarà così perché adesso non avrò più bisogno del tuo intervento ragionevole?

Capisco perfettamente. Da un po’ di tempo a questa parte ho trovato una nuova voce interiore, una delle tante 😉 che mi sta aiutando in questo senso. Tu adesso mi dirai, ma il fatto che io adesso abbia una vita da accudire non vuol dire che i problemi e le insicurezze del mondo circostante siano improvvisamente diventate un ” di meno dei miei “. Io ti dirò con tutta tranquillità che a tutti gli effetti adesso potrai avvalerti proprio di questo. Sì, è vero, te lo dico io 🙂 ora i problemi del mondo circostante sono scesi di livello, e non devi farti nessun problema. Anzi, sentiti libero, nei momenti critici, di affidarti a me, saprò premere un pulsante nella mia mente e connettermi nella immedesimazione del ” Consigliere ” e trovare le parole adatte, anche se conosco la tua modestia e ho qualche dubbio che lo farai per davvero 😉 .

Comunque, non intendo mantenere la mia vita ” ferma e stagnante ” per molto a lungo, ancora. In un certo senso, mi sento connesso alla tua timeline, e mi rendo conto che è ora di lasciare certi aspetti della mia vita alle spalle. Ci sono romanzi da mandare avanti e completare, per esempio. C’è quella faccenda della patente dell’ auto che si è persa nei ” più avanti ” da almeno dieci anni. Ci sono tante faccende lasciate in sospeso, che è ora che abbiano la priorità. Bando alle ciance, in poche parole.

Ho un progetto a lungo termine, e sarò assolutamente determinato a riguardo. Scrivere e pubblicare è incluso nel progetto, ma ci sono anche altre cose. So già che questo autunno sarà ” differente “, non escludo che possa generare una scissione da linearità a non linearità, come nel 2009, si allinea a quella cosa dei cicli vitali, quindi qualcosa succederà. Voglio provare l’ esperienza di metter piede in un ” mondo ignoto ” , diverso dal tuo, ma comunque in un certo senso affine.

Non ci vorrà molto … ben presto la vita da questa parte risulterà un po’ troppo insipida e banale, ci vuole qualcosa che si smuova, che movimenti un po’ le cose.

Buona fortuna per il tuo grande viaggio. Io cercherò di starti dietro, lol, ad una notevole ” distanza a livello esperienziale ” ma sarò sempre qui, pronto ad accoglierti, pronto a valorizzare la nostra amicizia, pronto a ricompensarti del supporto fornito, e ( no, non l’ ho dimenticata questa parte haha ) anche pronto ad accogliere tutto quello che fa parte della tua vita. Con lo stesso valore.

                                                                                                                                             Matteo  

                                                                                                                                     





Protetto: MEZZANOTTE, dal sito web di Marco Vuyet

10 06 2018

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password: