Le leggi della storia e il problema del libero arbitrio

4 11 2018

Visualizza immagine di origine

Mi rendo conto che le mie scoperte sulle leggi della storia potenzialmente in grado di rivelare il futuro collettivo dell’ umanità pongono un problema al concetto di libero arbitrio.

Non sono un materialista e non lo potrò mai essere. Sono un appassionato di sincronicità e credo nel destino. Da più di dieci anni sono anche appassionato ed esperto di astrologia, che interpreto come una forma di psicologia ciclica.

Suggerisco di interpretare i miei cicli storici e le mie leggi della storia come fattori potenziali, che individuano le PROBABILITA’ e le POTENZIALITA’ che un evento accada. Non c’è certezza, perché l’ uomo, messo a confronto con una previsione del futuro, automaticamente è portato a comportarsi in modo che ciò che viene predetto non accada.

Io penso che in sostanza siamo ” personaggi ” interpretiamo un ” ruolo ” e che l’ esistenza segua un copione. Chi conosce di più questo copione e il suo procedimento ha la possibilità di agire “improvvisando”. In un certo senso, nel momento in cui conosciamo tutte le regole, possiamo cominciare ad agire liberamente.

Io penso che il libero arbitrio sia limitato, e funziona come in quei ” videogiochi a scelta multipla “. Quando entriamo in questo universo dobbiamo agire in piena immersione e concordanza con le sue leggi.

Quello che stiamo osservando, è, ancora una volta, una ulteriore categoria di ordine, e l’ ordine è dettato da una intelligenza superiore.

I personaggi dei libri, dei videogiochi, e quelli interpretati dagli attori agiscono in un mondo chiuso e ordinato, e questo succede PROPRIO perché sono stati creati o indirizzati da un agente esterno a comportarsi in quel modo.

Di conseguenza, dovremmo applicare questo ragionamento alla vita umana. Non siamo macchine, ma personaggi. Il nostro corpo fisico non è l’ unico rivestimento che avvolge la nostra mente e la nostra coscienza. Queste leggi che governano la nostra collettività per quanto riguarda la nostra storia sono un altro grado di rivestimento che dobbiamo indossare e applicare per vivere in questo mondo.  

I più saggi fra di noi sanno che il mondo è un palcoscenico, e che la storia è un grande spettacolo collettivo, e tutti possiamo farne parte se ne comprendiamo il procedimento.

In poche parole, noi siamo avatars, e facciamo parte di un disegno, ordinato e dettagliato in ogni minimo particolare.

La storia, come del resto il tempo stesso, ha delle ” stagioni ” e delle periodicità ben definite. Questo succede perché questi fenomeni sono stati manovrati artificialmente, se così si può dire, da un agente esterno.

Dove troviamo ordine, e sequenzialità, dovremmo esserne lieti. Stiamo scoprendo che anche il fenomeno collettivo che noi chiamiamo Storia, possiede una sequenzialità simile al DNA o alla codificazione di un programma informatico.

Siamo nel periodo migliore della storia per abbandonare il materialismo e tornare alle origini. Infatti il materialismo spinto è danneggiato e corrotto dall’ irrazionalità e dalla negazione dell’ ordine costante dell’ esistenza.   

Annunci




La saga videoludica di Tekken attraverso le ciclicità – ( Spoilers presenti )

25 01 2017

Risultati immagini per Tekken

La saga di Tekken è nata nel 1994, ed è la storia di un videogioco picchiaduro e la saga di uno scontro insito nella famiglia Mishima, maledetta e perseguitata dal Devil Gene. Attorno alla saga dei Mishima ci sono storie intricate di lottatori da tutto il mondo. 

In questo articolo analizzeremo il sistema di ciclicità di Tekken mettendo a confronto i capitoli, arrivati fino al settimo in uscita a Giugno.

Tekken 1 – Tekken 4 – Tekken 7 

Guardando il roster dei personaggi vediamo che in tutti e tre il boss finale è un Mishima, nell’ 1 e nel 4 si tratta di Heihachi ma nel settimo capitolo incontreremo la moglie di Heihachi, Kazumi.

Tekken 4 e Tekken 7 sono caratterizzati dall’ assenza di Anna, ma nel settimo capitolo come è stato appena annunciato ci sarà Eliza, una vampira affetta da un disturbo del sonno che potrebbe fungere da sostituta della sensuale Anna.

Al posto del lottatore di Sumo di Tekken 1 abbiamo in T7 Bob, il canadese extralarge e superveloce. Entrambi hanno ambizioni spropositate. 

L’ androide Jack debutta nel primo capitolo, mentre nel settimo capitolo debutta Gigas, una specie di ibrido androide – uomo. 

Per quanto riguarda Kazuya ed Heihachi, la saga torna al principio nel settimo capitolo, mostrando nella modalità storia cosa era successo quando Kazuya era un bambino, e quali sono stati gli eventi che hanno posto le basi per l’ inizio dell’ avversione di Kazuya verso suo padre. Nel quarto capitolo Kazuya ” rinasce ” dopo essere stato recuperato da una agenzia segreta che gli ha fornito la sopravvivenza. 

Al posto di Kunimitsu, debuttante nel primo capitolo, nel settimo capitolo andremo a conoscere Master Raven, una donna ninja dotata di Katana. Mentre Kunimitsu era una ladra e una ribelle, Master Raven è una spia che lavora per un’ associazione governativa.

Il travestimento di Lee in Violet del quarto capitolo torna nel settimo capitolo, e nel quarto capitolo torna in scena Marshall Law, ispirato a  Bruce Lee, che aveva debuttato nel primo. 

Nina la fredda assassina si scopre madre nel quarto capitolo, mentre nel settimo capitolo scopriremo come mai si presenta al torneo vestita da sposa insanguinata. 

Probabilmente il tema della rivalità al femminile fra Nina e Anna verrà ripreso nel confronto fra Lili e Asuka. Nina era legata al padre, mentre Lili si ribella alla figura paterna. Nina e Anna furono istruite alla lotta in famiglia, mentre il padre di Lili aborrisce la violenza e Asuka è figlia del proprietario di un dojo. 

C’è una sottile analogia fra i ruoli di Lee e Kazuya , fratelli step, e Lars e Claudio, il primo figlio illeggittimo svedese di Heihachi e il secondo esorcista, al contrario di Kazuya che è invece un posseduto. 

C’è una possibile analogia fra la nativa americana Michelle e la ragazza dai capelli corti  e ambigua, la tedesca Leo. Nel primo torneo Michelle partecipa per vendicare suo padre mentre Leo ha ricevuto una lettera che probabilmente la porterà a scoprire che suo padre è ancora vivo o almeno la verità sul suo destino. 

Nel primo capitolo Nina ha dei ripensamenti sulla sua carriera di assassina, quindi cosa dobbiamo aspettarci da lei vestita da sposa in Tekken 7? Nina ha finalmente scoperto cosa vuol dire amare? Ha finalmente provato un sentimento? La sua veste da sposa ci porta a pensare che la sua nuova storyline si ispirerà alla storia di Kill Bill. 

Cio’ porterebbe a pensare che o Nina ha trovato la sua anima gemella e questo è stato ammazzato durante il matrimonio oppure era lei quella che doveva agire da assassina al matrimonio di qualcuno, e forse qualcosa è andato storto. 

Nel finale di Tekken 7 è più che evidente l’ analogia con il primo e quarto capitolo. Insomma, un finale come da copione. Come in Tekken 1 la bio di Marshall riguarda il dojo, nel primo voleva aprirne uno, nel settimo vuole trovare un istruttore per i suoi allievi. Lo troverà in Feng Wei?

Paul trova un nuovo orso avversario: Panda! Katarina e Lucky Chloe riprendono la storia di Christie, Katarina scopre un terribile segreto su suo padre, mentre come Christie amava Eddy, Chloe a quanto pare lo tratta malissimo! Nel settimo capitolo si riprende la storia di Craig e Armor King del quarto capitolo, e stavolta sono entrambi in fin di vita. Curiosamente, il rivale di King nel settimo è anche esso uno che usa la forza bruta ed è enorme! Jack 7! Il finale di Hwoarang riprende la storia di rivalità mista a protezione che lui prova verso Jin. Jin nel quarto è nascosto in Australia, nel settimo invece viene trovato disperso in forma Devil in Arabia.

Shaheen pare essere l’ erede di Lei, un tizio che sta investigando sui loschi affari della Mishima Zaibatsu e G Corporation, e sull’ esistenza dei demoni. Nina e Steve riprendono il filone della trama del quarto capitolo nel settimo.

Tekken 2 – Tekken 5 – Tekken ( 8 ) ( futuro confermato! )

In Tekken 2 Kazuya ha vinto, ha sconfitto suo padre e l’ ha gettato nello stesso burrone nel quale era stato da lui gettato a 5 anni. In Tekken 5 Heihachi muore di nuovo nel corso di una esplosione provocata da un branco di Jack dotati di bombe, quindi è più che probabile che Heihachi se ne vada per davvero dopo Tekken 7, siccome è stato annunciato che uno dei due, fra Kazuya ed Heihachi , deve morire.

Quindi a mio parere, se esisterà un Tekken 8 sarà senza Heihachi e il suo ruolo potrebbe essere ripreso da Kazuya o da Akuma.

Vediamo i personaggi: In Tekken 2 c’ erano Alex e Roger, e il canguro Roger torna nel quinto capitolo, ma non più come maschio ma come femmina con tanto di cucciolo nel marsupio.
Quindi in Tekken 8 dovremmo avere un personaggio che pratica Commando Wrestling, non necessariamente un animale. Se proprio dovesse tornarne uno, sarà più probabile Alex.

Anche Armor King, rivale corazzato dell’ uomo mascherato da giaguaro, torna in Tekken 5 ma non è più la stessa persona, è anzi il fratello del precedente.
Tornerà in Tekken 8?

In Tekken 5 vediamo come molti degli assenti che avevano debuttato in T2 o che erano maggiormente noti per la loro presenza in T2 ritornano, come Baek, il maestro di Taekwondo, affiancato nel T5 dall’ allievo, che egli tratta come uno pseudo – figlio. Bruce il kick – boxer torna anche esso, e anche il lottatore di sumo Ganryu, e anche il vecchio saggio Wang.  Questo sarà più difficile in Tekken 8, ma magari la trama dei personaggi nuovi ricalcherà la loro.

Come Heihachi si arrampica su per la rupe nella intro di T2, in T5 i personaggi scoprono scioccati che Heihachi è ancora vivo, sopravvissuto miracolosamente all’ esplosione pur avendo superato i 70 anni, venuto a reclamare vendetta e a riprendersi il suo impero economico.

Al posto di Jun Kazama abbiamo Asuka Kazama, una parente. Mentre Jun è una santa e una animalista, che si è lasciata ammaliare dal tetro e oscuro Kazuya, in T5 vediamo che Asuka è una ragazza forte di carattere e tenace, che urla tanto quanto Lois di Malcolm in The Middle, e che ha tanta voglia di darsi da fare e picchiare, e al suo incontro con la versione demoniaca di Jin reagisce mandandolo a gambe all’ aria, senza farsi ammaliare dal loro ” equivoco erotico.

Feng di Tekken 5 è un ibrido fra Law, Paul e Lei ed è una figura antagonistica che è messa a confronto con Asuka, mentre Lei ( debuttante nel T2 ) è un alleato di Jun. Mentre Lei è un poliziotto e investigatore, Feng ha eliminato il suo maestro e ha ferito il padre di Asuka. 

Vi è una ben nascosta analogia fra il diavolo Devil e l’ angelo Angel debuttanti in T2 e la ” coppia di debutto ” ( anche se non sono una coppia ), il personaggio di Dragunov, un russo vagamente ispirato a Kazuya, ma ne è una versione più tetra e muta e vagamente ispirato a Hitler, e Lili ( o Emily ), una ragazzina bella come un angelo, bionda, bianca anche nelle vesti e ricca, ma di animo per niente puro e candido, essendo una specie di principessa ribelle.

Nel quinto Tekken riemerge dall’ oblio la rivalità fra le sorelle Nina e Anna e si arriva alla fase culminante di questa storyline. Mentre Baek poco prima del secondo capitolo aveva eliminato per errore suo padre, nel quinto torna in scena dopo essere rimasto in coma per essere stato sconfitto e torturato da Ogre. Come Ganryu nel secondo capitolo si innamora della nativa americana Michelle, nel quinto capitolo punta invece la freccia dell’ amore verso la figlia adottiva di Michelle, Julia. 

Come Yoshimitsu era stato salvato dallo scienziato pazzo Boskonovitch nel secondo capitolo, nel quinto capitolo ne vendica la sconfitta da parte di un individuo salvato da questo scienziato, il folle zombie androide Bryan Fury. 

Nel secondo capitolo c’ era un riferimento a Jinpachi Mishima, padre di Heihachi, e amico del veterano Wang. Nel quinto capitolo, Wang, avendo ricevuto una lettera da colui che riteneva morto, si avvia a partecipare al torneo per scoprire la verità. 

Jimpachi appare unicamente nel quinto capitolo, come nuova versione del boss finale Devil, essendo nella sua forma demoniaca. Chissà se in Tekken 8 vedremo una forma Devil o Fantasma di Heihachi.

Insomma, il quinto capitolo è un perfetto ritorno di situazione ai tempi del Tekken 2. Le affinità sono innegabili. 

Ho l’ impressione che se ci sarà un Tekken 8 sarà molto diverso dai precedenti, avrà un cambio generazionale simile al terzo capitolo, ma sarà in qualche modo affine a Tekken 2 e Tekken 5. Si vedrà il culmine della situazione di rivalità fra Asuka e Lili ( ma sarà vero che Lili vuole trasferirsi a casa Kazama? E della morte di suo padre se ne parlerà ? – Egli era amico di Shaheen ) un Hwoarang più maturo e forse quasi vecchio, alle prese con la vita dopo la morte di Baek, forse riemergerà Bruce Irvin o Raven, il ninja collega di Master R. , al posto di Ganryu sarà Bob a innamorarsi di una delle ragazze, e se davvero Heihachi non può fare a meno di riemergere dalle sue ceneri, allora ne vedremo la versione demoniaca, che in fondo sappiamo sarebbe la versione preferibile dal perfido baffuto mister Mishima. Si assisterà finalmente al leggendario ritorno di Jun, che è per ora data per morta? E invece i leggendari Paul, Lei e Law cesseranno di partecipare? Se Julia salterà il turno del settimo capitolo la vedremo tornare nell’ ottavo? Mancheranno all’ appello Nina e Anna ormai sorpassate da Lili e Asuka? Vedremo un nuovo personaggio sostituire assieme Lei e Wang? E la storia si fonderà su Akuma, Claudio e Lars? I personaggi confermati in Tekken 8 sono per ora due dei protagonisti, più Lars, Alisa, Leo, Lee.

Confronto Tekken 3 – Tekken 6

Come personaggi Jin è il maggiore protagonista in tutti e due i capitoli, e Lars nel sesto assieme ad Alisa riprende un po’ il percorso di Jin e Ling Xiaoyu. Ma soprattutto la figura di Ogre / True Ogre è ripresa da quella di Azazel.

In entrambi c’è un Bosconovitch, anche se la figlia del Dottore viene rappresentata da un androide. Il ruolo di Hwoarang come rivale di Jin è in un certo senso ripreso dall’ ossessiva ricerca di Miguel per incontrare Jin.  Mokujin ritorna nel sesto capitolo. Leo riprende un po’ il percorso di Julia, alla ricerca della madre. Anche la trama di Zafina riprende alcuni aspetti di quella di Julia.





Destini clonati: siamo dentro a un videogioco?

2 03 2013

Piuttosto ingenuamente, diversi gruppi di persone vedono le straordinarie coincidenze tra le vite dei due presidenti USA Abraham Lincoln e John Fritzgerald Kennedy, come prova che quest’ultimo è la reincarnazione del suo predecessore. In realtà, non si tratta affatto di “reincarnazione”, ma di un tourbillon di avvenimenti sincronici comuni ai due personaggi. Queste sincronie tra diverse vite sarebbero generate da una specie di “piattaforma virtuale di calcolo”, sottostante al mondo della manifestazione materiale, e farebbero somigliare la realtà in cui viviamo a una specie di simulazione, di videogioco di cui siamo i personaggi. E può succedere (molto più spesso di quanto si possa pensare) che diversi personaggi giochino più o meno lo stesso ruolo, essendo testimoni di “scherzi del destino” tali da far pensare a un’ “intelligenza creativa superiore”, dotata di fantasia supportata da una notevole capacità di calcolo degli elementi simbolici e numerici della realtà che sperimentiamo. Ci stupisce la precisione con cui una specie di “divinità” burlona sembra divertirsi con noi e le nostre vite come uno scrittore, un regista o un inventore di videogiochi si diverte coi suoi personaggi. E risulta quasi stupido pensare subito, scetticamente, a un “puro caso”, a una “pura coincidenza”, è evidente che qui siamo di fronte a un’intelligenza concreta che manovra gli elementi di ciò che chiamiamo “mondo reale” con la precisione e la fantasia di un computer dotato di coscienza.

Vedere anche il seguente articolo di AutomiRibelli: Rich Terrile: siamo dentro a un videogioco?

E anche questi due di CiviltàScomparse: La metafisica della realtà virtuale e L’idea centrale della metafisica computazionale.

1a941

Matrix5

http://cosco-giuseppe.tripod.com/misteri/destini_clonati.htm

QUESTO INQUIETANTE ARTICOLO DI GIUSEPPE COSCO E’ STATO PUBBLICATO DALLA RIVISTA OLTRE LA CONOSCENZA, N. 21, (FEBBRAIO 1998)..

UNO STUDIO METTE IN LUCE UNA REALTA’ SCONOSCIUTA LE VITE PARALLELE

Sono state rilevate analogie incredibili tra vicende umane totalmente estranee tra loro. Dalla storia delle due donne di nome Edna, come da quella dei due presidenti Lincoln e Kennedy, si ricava la certezza che vi sono coincidenze troppo precise per essere casuali. Forse ciascuno di noi ha un “sosia”, un altro che vive la nostra stessa vita come la fotocopia di un disegno già tracciato nel grande libro del destino.

Lo studioso J. Goodavage è riuscito a raccogliere, in molti anni di lavoro, numerose vicende degne di essere analizzate a fondo. Egli ha infatti, in diversi casi, riscontrato un notevole parallellismo tre le vite di persone, anche molto lontane tra loro, o comunque che ignoravano ognuna l’esistenza dell’altra. Le coincidenze prese in esame sono a volte davvero sorprendenti, non rientrano nel normale ordine delle cose. Goodavage, nel suo libro “Astrology: The Space Age Scienze”, racconta, ad esempio, di numerosi aspetti in comune tra la vita e la morte di due individui: Donald Chapman e Donald Brazill, entrambi nati il 5 settembre del 1933, il primo, nella cittadina di Eureka e, il secondo, a Ferndale in California.

Una domenica mattina del 10 settembre 1956, esattamente cinque giorni dopo il compleanno di Chapman e di Brazill, i due giovani guidavano la propria auto sulla statale 101 a sud di Eureka e ritornavano alle proprie abitazioni. Avevano riaccompagnato le proprie fidanzate, ciascuna delle quali risiedeva nella città dell’altra, quando, improvvisamente, si scontrarono frontalmente con le proprie auto morendo sul colpo. I certificati di morte indicano che tutti e due morirono per le gravi ferite riportate alla testa.

Un caso altrettanto evidente di parallelismo, narrato sempre da Goodavage, riguarda due donne nate nello stesso giorno e aventi lo stesso nome ma senza alcun rapporto di parentela: Edna Hanna e Edna Osborne. Nel 1939, nell’ospedale di Hackensack nel New Jersey, tutte e due partorirono, nello stesso istante, due bambine, a cui diedero lo stesso nome: Patricia Edna. Goodavage, interrogate le due donne, scoprì dell’altro.

I loro mariti svolgevano lo stesso lavoro ed erano proprietari di un’automobile della stessa marca e di identico colore. Entrambe le coppie si erano sposate esattamente tre anni e mezzo prima, nello stesso giorno. I due uomini erano nati nello stesso anno, mese e giorno; identica circostanza per le loro mogli. Le due donne avevano i capelli castani e gli occhi azzurri, la stessa altezza e lo stesso peso. Entrambe le coppie avevano comprato nello stesso giorno un cane a cui avevano dato il nome di Spot.

Esistono molti altri casi ancora in cui le vite di alcuni individui presentano somiglianze impressionanti. L’ 8 novembre del 1981 “Il Giornale d’Italia” riportò un fatto incredibile relativo alla morte contemporanea di due fratelli. Ada e Guido P. cessarono di vivere alla stessa ora, in circostanze analoghe e per cause identiche. I fratelli morirono l’uno distante dall’altro circa 300 chilometri. Il professore Guido P. docente alla “Normale” di Pisa con la sua “127” nei pressi di Pisa, causa un probabile malore, perde il controllo dell’auto e va a schiantarsi contro un albero. Soccorso, muore prima di arrivare in ospedale, sono le tredici. Alla stessa ora, a Milano, sua sorella Ida, pure insegnante, mentre guida la sua auto veniva colta da un malore e andava a sbattere violentemente contro un albero, morendo.

Non meno sconcertante è il caso narrato dal professor T. Bouchard dell’Università del Minnesota sul “Corriere del Medico” del 12 giugno del 1980. I gemelli Jim Springer e Jim Lewis erano stati adottati da due famiglie dell’Ohio e nessuno dei due sapeva dell’esistenza dell’altro. Entrambi si laurearono in legge e iniziarono a lavorare part-time come aiuto sceriffo. Tutti e due scelgono la Florida per trascorrere le ferie. Acquistano un cane che chiamano Toy. Le loro mogli si chiamano, entrambe, Linda. Divorziati, sposano due ragazze di nome Betty. I figli si chiamano James Allan. Fumano le stesse sigarette e si intendono tutti e due di falegnameria.

Un altro fatto che merita di essere raccontato si è verificato recentemente in Germania. Franz Block, un professore tedesco, si è accorto con raccapriccio di essere venuto in possesso, casualmente, di una macchina fotografica, che getta il malocchio alle persone ritratte con essa. Il signor Block ha scoperto che dei dieci amici fotografati: sei erano morti in incidenti stradali, uno in un incendio, due annegati mentre erano a pescare con la barca e il decimo morto strozzato da un ossicino del pollo che stava mangiando.

La scoperta più agghiacciante il professore l’ha fatta quando, indagando per curiosità su uno dei tanti passanti che apparivano per caso sulle foto, ha saputo che era stato stroncato, due giorni dopo la foto, da un’emorragia cerebrale. Franz Block ha subito donato l’apparecchio fotografico ad alcuni studiosi di parapsicologia e, terrorizzato, ha detto: “Questa macchina fotografica è stata fabbricata dal diavolo in persona e viene direttamente dall’inferno”.

duepresidenti

Misteri analoghi a quelli finora raccontati costellarono persino la vita e la morte dei presidenti americani Abraham Lincoln (1809-1865) e John Fitzgerald Kennedy (1917-1963). Si racconta inoltre che Lincoln appaia sempre alla vigilia della morte di un altro presidente e pare, infatti, che sia apparso anche a John Kennedy il giorno prima di partire per Dallas, sua ultima fatale visita. Tantissime e straordinarie furono le coincidenze, che costellarono la vita e la morte di questi due presidenti. Troppe, per essere sbrigativamente attribuite al caso.

Innanzitutto, Lincoln venne eletto presidente nel 1860. Kennedy, esattamente 100 anni dopo, nel 1960. Lincoln fu ucciso di venerdì, alla presenza della moglie. Anche Kennedy venne assassinato mentre era al fianco di sua moglie, e di venerdì. Ad entrambi i presidenti spararono, e tutti e due furono colpiti da dietro e alla nuca. Subito dopo l’attentato, ricevettero i primi soccorsi dalla propria moglie. Lincoln e Kennedy morirono senza riprendere conoscenza.

Oltre ai particolari della morte in comune, ne esistono altri. La moglie del presidente Lincoln perse un figlio, mentre risiedeva alla Casa Bianca. La stessa cosa accadde alla moglie di Kennedy. Sia Lincoln che Kennedy avevano avuto 4 figli e, al momento della loro uccisione, solo 2 di questi erano vivi. Il vice di Lincoln si chiamava Johnson ed era nato nel 1808. Il vice di Kennedy si chiamava, pure, Johnson ed era nato nel 1908, a distanza di 100 anni esatti dall’altro.

L’assassino di Lincoln si chiamava John Wilkes Bootk ed era nato nel 1839. L’assassino di Kennedy, Lee Harvey Oswald, era nato nel 1939, 100 anni dopo l’altro. E’, pure, perlomeno curioso osservare che la somma delle lettere che compongono nome e cognome dell’assassino di Lincoln dà 15 come totale e così è anche per l’assassino di Kennedy.

Ma le coincidenze straordinarie non finiscono qui. John Wilkes Booth e Lee Harvey Oswald erano entrambi sudisti. Tutti e due i presidenti avevano condotto aspre battaglie per i diritti civili dei negri: Lincoln con il Proclama di Emancipazione e Kennedy con la legge sui Diritti Civili. Al momento dell’attentato Lincoln e Kennedy si trovavano assieme, oltre alle proprie mogli, ad una coppia di amici. Per quanto riguarda le coppie di amici, le donne rimasero illese, gli uomini furono feriti dagli attentatori (il maggiore Rathbone nel 1865 e il governatore Connally nel 1973).

Il segretario di Lincoln si chiamava Kennedy e cercò di dissuadere il presidente dall’andare a teatro quella sera. La segretaria di Kennedy si chiamava Lincoln e, anche lei, tentò di convincere il presidente a non andare a Dallas. Un altro fatto abbastanza singolare è che il marito della donna si chiamava Abraham, come Lincoln. Quando avvenne l’attentato, Kennedy stava attraversando le vie di Dallas su un’auto – guarda caso – di marca Lincoln, prodotta dal gruppo Ford. Booth assassinò Lincoln in un teatro e si rifugiò in un magazzino. Oswald sparò a Kennedy da un magazzino e si rifugiò in un teatro. Booth spirò 11 giorni dopo Abramo Lincoln, entrambi alle 7,20 del mattino. Oswald morì 48 ore dopo Kennedy, pure, alla stessa ora, le 13. A Lincoln successe Andrew Johnson e a Kennedy Lindon Johnson. Durante il loro ultimo anno di presidenza, sia Andrew sia Lindon Johnson furono travolti da uno scandalo politico, che impedì loro di candidarsi per un nuovo mandato.

Alcuni studiosi attribuiscono ai numeri particolari poteri. Vi sono strabilianti casi di ciclicità storica. Mouèsan de la Villoret enuncia, al proposito, sette leggi. La prima afferma che esiste “…un rapporto costante fra il numero effettivo dei capi di uno Stato o dei principi di una dinastia e la somma delle cifre, sia della prima, che dell’ultima data o delle due riunite”.

Studiando la dinastia dei Merovingi, Mouèsan de la Villoret scoprì che l’incoronazione di Clodione, primo re, si verificò nell’anno 427, che, sommato a sé stesso, (4+2+7) dà 13 e che anche quella dell’ultimo re, Childerico II, che avvenne nell’anno 670, (6+7) dà ancora 13. I re Merovingi furono 13.

Un altro enunciato afferma che, capovolgendo la data iniziale di una monarchia, si ottiene l’anno della sua fine. Ad esempio, l’anno d’inizio dei Carolingi: il 789 invertito ci dà l’anno dell’estinzione della monarchia carolingia. Il dogato di Venezia ha inizio il 697; invertendo l’anno in questione si ottiene quello della sua fine: 1796.

Il numero 3 influenzò, con insistenza, la vita del principe Bismark. Egli, infatti, servì 3 sovrani, combattè 3 guerre, fu l’artefice della stipulazione di 3 trattati di pace, rese possibile l’incontro di 3 inperatori e preparò la Triplice Alleanza. I simboli araldici del suo casato furono le foglie del trifoglio e 3 foglie di quercia col motto “In trinitate rebur”. Ebbe, ancora, 3 figli, 3 possedimenti e controllò 3 partiti: i conservatori, i liberali e gli ultramontani.

In relazioni a certi cicli, che segnano eventi luttuosi, vi è un esempio molto illuminante ci viene dalla storia dei re d’Inghilterra. Sto parlando del “sabato nero” della monarchia inglese. Un sabato, il 18 marzo del 1702, morì Guglielmo II. Un sabato, l’1 agosto del 1704, trapassò la regina Anna. Anche di sabato, il 10 giugno 1727, morì Giorgio I° e, sempre di sabato, il 25 ottobre 1760, si spense Giorgio II°. Di sabato morì anche Giorgio III°, era il 30 gennaio 1820. Ancora di sabato, il 26 giugno 1830, morì Giorgio IV. Identica sorte toccò ad Eduardo VII, quando morì era sabato 7 maggio 1910.

J. G. Bourgeat illustra un interessante esempio di queste sottili relazioni, a dir poco singolari, fornendo un eclatante esempio col numero 539. Riassumo lo studio di Bourgeat, che, a sua volta, trae dal libro “Ricerche sulle funzioni provvidenziali delle date e dei nomi negli annuali di tutti i popoli”:

Sommando all’anno di nascita di Luigi IX, (23 aprile) 1215, il numero 539 otteniamo l’anno di nascita di Luigi XVI, (23 agosto) 1754. Addizionando il 539 al 1225, anno di nascita della sorella di Luigi IX, Elisabetta, otteniamo 1764, che è l’anno in cui nacque la sorella di Luigi XVI, pure di nome Elisabetta. Aggiungendo il 539 all’anno della morte, il 1226, del padre di Luigi IX, Luigi VIII, otteniamo 1765, che è l’anno di morte del padre di Luigi XVI, Luigi (Delfino).

Effettuando la stessa operazione per l’anno di matrimonio di Luigi IX, il 1231 (1231+ 539) otterremo come totale 1770, che è l’anno di matrimonio di Luigi XVI. Addizionando 539 al 1225, anno della maggiore età e del governo personale di Luigi IX, otteniamo 1774, che corrisponde all’anno dell’avvento di Luigi XVI. Il 1243, anno in cui Luigi IX stipulò una tregua con Enrico III, sommato a 539 dà come totale 1782; anno in cui Luigi XVI iniziò i preliminari della pace con Giorgio III.

Nel 1249 un nobile orientale, con un ambasciatore, fece sapere a Luigi IX di volersi convertire al cristianesimo. Addizionando all’anno in questione 539 otteniamo 1788, che corrisponde all’anno in cui un ambasciatore d’Oriente annunciò a Luigi XVI che il suo principe desiderava abbracciare la religione cristiana. Il 1250, anno della prigionia di Luigi IX e dell’abbandono dei suoi, sommato al 539 dà come totale 1789, che corrisponde all’anno della prigionia di Luigi XVI (5 e 6 di ottobre) e dell’abbandono dei suoi.

Aggiungendo 539 al 1253, anno della morte della madre di Luigi IX, la regina Bianca, otteniamo 1792 che è pure l’anno della morte del regno di Lys, detta anche morte della monarchia bianca. Nel 1254 Luigi IX abbandonò il mondo per farsi Giacobino e, sempre nello stesso anno, visita la Maddalena in Provence. Sommiamo l’anno in questione al 539 e otteniamo 1793, anno in cui Luigi XVI è preso dai Giacobini e condotto al patibolo. Viene inumato nel cimitero della Maddalena dove fu portato dai Provenzali chiamati Marsigliesi.

Certi numeri sembrano davvero avere strane relazioni con la vita delle persone. E’ il caso della vita di padre Pio, tutta costellata misteriosamente dal numero 5. Egli nacque il 25/5/1887 alle 5 pomeridiane. L’anno della sua nascita cadeva nel quinto centenario di quella di san Francesco, perciò fu chiamato Francesco. Il paese del santo, Pietrelcina, allora contava 5 mila anime. I genitori Orazio Forgione e Maria Giuseppa De Nunzio ebbero in tutto 5 figli. Entrato nell’Ordine dei Cappuccini prese il nome di San Pio V, la cui festa cade il 5/5. Ordinato sacerdote a maggio (ancora 5) del 1910 rimase a Pietrelcina per 5 anni, poi partì per la prima guerra mondiale. Nell’anno 1918 fu mandato al convento di San Giovanni Rotondo, in cui vi erano 5 sacerdoti e gli fu assegnata la cella n. 5. Gli fu data la pensione di guerra di quinta categoria. Dal 5 al 7 agosto 1918, Padre Pio ha il primo e folgorante incontro con Dio. Quarantaquattro giorni dopo riceverà le Stigmate. La mattina del 5 ottobre 1925 viene operato d’urgenza, di ernia inguinale dal prof. Giorgio Festa.

Padre Pio profetizzò, nel 1936, la morte di Giorgio V, re d’Inghilterra, il giorno prima. Dopo l’ apparizione delle stigmate fu visitato più volte dal professor Luigi Romanelli, per volere del Padre Provinciale di Foggia, che nella relazione finale, tra l’altro, scriveva: “Ho visitato Padre Pio cinque volte in 15 mesi…”. Il 5/5 del 1956 padre Pio inaugura il grande complesso ospedaliero, da lui voluto e appena ultimato, celebrando la Santa Messa sulla scalinata dell’ospedale. Le stigmate (5 piaghe, nelle mani, nei piedi e al costato) hanno segnato le membra del santo frate per 5 decenni.

E che dire inoltre dei destini replicati dei pontefici Sisto V e Clemente XIV? I due entrarono dell’ordine dei frati francescani. Furono entrambi innalzati alla soglia pontificia, eletti all’unanimità, allo scoccare del 64esimo anno. Furono papi per l’identico periodo di tempo: 5 anni, 4 mesi e 3 giorni. Morirono entrambi a 69 anni.

Coincidenze impressionanti, vero? Troppo impressionanti e misteriose per non pensare che nella vita degli uomini non vi siano segrete connessioni, sinapsi in un fitto reticolo di destini di cui tutti noi facciamo parte.

Giuseppe Cosco