Il "237" di Shining in Sh! The Octopus del 1937 e la "stanza 27"

21 01 2020

Attenzione: alla fine di questa fine versione italiana dell’articolo di Loren Coleman su un ulteriore esempio del numero 237 della stanza di Shining in film precedenti Shining, ho scritto una sincro allerta.

In “Cripto-kubrickologia (#cryptokubrology): il numero 237 dopo di Shining ci siamo chiesti se ce ne fossero altri di film con dentro il 237 prima dell’uscita di Shining nel 1980, oltre ai film già menzionati qui.

Uno di questi “237” si vede apparire in un film commedia, una oscura “monster comedy” americana del 1937 intitolata Sh! The Octopus. Compare come numero di stanza dell’ospedale in cui si trova l’attrice Marcia Ralston.

Nonostante gli attori Hugh Herbert e Allen Jenkins fossero già comparsi in uno stesso film, questo è il primo che li vede uniti in un vero e proprio team. La bizzarria del film ne ha fatto un “cult movie”.

Herbert and Jenkins interpretano due detective imbronciati, i quali, alla ricerca di un maestro del crimine dal nome “The Octopus”, finiscono per ritrovarsi dentro un faro marittimo infestato pieno di personaggi sospetti, tra cui il personaggio principale, il quale sembra essere un autentico polpo.

Diverse recensioni di questo film lo presentano come “terribile” e tra l’altro veramente difficile da reperire. Tuttavia, in “Trailers from Hell,” Michael Schlesinger tratta di Sh! The Octopus dicendo che raggiunse quasi la perfezione nel suo genere. (Vedere qui il trailer originale.) Viene anche detto che ci fu un gruppo rock il cui nome fu ispirato al film.
 

Sul sito “1000 Misspent HoursSh! The Octopus viene visto come “uno dei pochi conosciuti esemplari di un genere apparentemente impossibile, la parodia di una parodia. A ben vedere, infatti, il film è stato interpretato come una parodia di The Gorilla, il quale fu egli stesso una parodia di film sulle case misteriose quali The Bat e The Cat and the Canary. Infine, Sh! The Octopus è abbastanza semplicemente uno dei più strani e illogici film della sua – e di ogni altra – era.”

 
Nello stesso sito inoltre viene osservato che “Captain Hook (George Rosener, già in Doctor X e House of Secrets), in custode senza una mano, è un uomo squilibrato pericoloso, e ha l’abitudine di piombare in una rabbia omicida ogni volta che sente il ticchettio di un orologio.”
 
Ci viene poi detto da Scott Ashlin, il recensore del sito: “Una cosa sola mi ha fermato dal definire Sh! The Octopus il più stupido film horror/mistery degli anni trenta: la sconcertante possibilità che i suoi autori si rendevano perfettamente conto di che stavano combinando e l’avessero dunque fatto apposta.”

Per quanto riguarda la stanza 237, può avere una funzione speciale in questo film. Dopo che il faro marittimo esplode e gli spettatori pensano che il film sia finito, in realtà non lo è.

Invece della fine c’è una dissolvenza su una scena in un ospedale dove uno dei personaggi principali “è su un letto, si agita e viene assistito. Si scopre che è svenuto a causa di tutte quelle pillole che stava prendendo in auto all’inizio del film.” Marcia Ralston e un’altra attrice “sono infermiere dell’ospedale, e uno lo sottolinea in una maniera straordinariamente simile a come si vedrà nella scena finale di “Il mago di Oz” due anni dopo. E quindi tutte quelle cose appena successe? Mai accadute,” scrive il 15 aprile 2008 Stacia, l’autore della recensione (qui).

Tanti anni fa Marcia Ralston fu sposata con Phil Harris.

Il film uscì l’11 dicembre 1937. Schlesinger ne parla come uno dei film usciti per il Natale 1937. Una specie di strambo “cinepanettone americano” ante litteram?!

L’ “Octopus” (altrimenti detto “La piovra”) in anni recenti ha preso un sinistro significato cripto-politico, con il libro The Octopus: Secret Government and the Death of Danny Casolaro di Kenn Thomas e Jim Keith.

Pubblicato originariamente nel 1996 per essere poi elogiato dalla critica, questo libro divenne un classico molto ricercato nella letteratura complottista underground – e oggi detiene prezzi molto elevati nel mercato dei libri da collezione. La nuova edizione tascabile [Feral House, 2004] porta le ricerche complottistiche di Casolaro nel mondo post 11 settembre, per il quale fu considerato un presagio.”

Inoltre, tornando al film, avere un personaggio come “Captain Hook” in Sh! The Octopus è un enigma.  Nel 2010 scrissi di una misteriosa serie di morti di piccoli bimbi, tutti uccisi nello stesso modo tramite grucce. Le morti sono spesso dovute a ganci appendiabiti, a volte negli armadi a volte nei bagni. Questo studio apparve il 24 gennaio 2010 in “The Peter Pan/Hook Deaths.” seguito il 27 febbraio 2014 da “New Hook Death.” Nel 2017, ho aggiornato sul fenomeno con un nuovo post.

BTW, Sh! The Octopus ha una scena con un uomo impiccato gocciolante sangue, cosa che, attraverso il “linguaggio del crepuscolo”, ci può portare a ulteriori sincro-indagini riguardanti il film in questione.

Attenzione: sincro-allerta!

Devo ammettere che per tutta la giornata di ieri non avevo molta voglia di fare la versione italiana di quell’ultimo articolo di Loren Coleman sul “237” e la cosa che oggi mi ha spinto decisamente invece a farla è stata la visione ieri di un episodio su un canale YT di ricercatori italiani del paranormale, gli “Italian paranormal research”.

Ne ho visti un po’ di episodi degli “I.P.R.” e devo dire che sono bravini e davvero alle volte sembrano riuscire a presentare nelle loro riprese qualcosa di davvero poco spiegabile con gli schemi scientifici classici con cui vediamo il mondo.

Gli ultimi episodi da loro inseriti hanno per me un particolare motivo di interesse dovuto al fatto che, per questa loro indagine, si sono recati in un enorme hotel senza nome abbandonato in un luogo sperduto (ci ricorda qualcosa?), nel quale sembra abbiano svolto dei rituali. A questa indagine i due del’ I.P.R. hanno fatto partecipare – con un piccolo inganno – una loro amica presentatrice tv, la quale non è avezza alle ricerche sul paranormale e, infatti, una volta nel luogo, mostra di avere una gran paura tale da paralizzarsi non riuscire nemmeno, a un certo punto, ad avanzare lungo un corridoio in fondo a cui si sono uditi dei rumoretti inspiegabili.

La cosa che veramente mi stupisce, anche ora che ne rifletto scrivendo, è che questo episodio, “La stanza 27, ‘brutte sensazioni’ ” mostra delle analogie con questo ultimo articolo di Loren Coleman: la stanza dell’hotel “maledetta”, con un numero che ha il 66% delle cifre del “237”. Inoltre a un certo punto, nella stanza in questione viene mostrata una gruccia, un appendiabiti (oggetto dai “comportamenti strani” già visto in un’indagine precedente lì dentro) e la stessa ragazza che s’è presa paura ha anche tirato in ballo la storia di un “marinaio” avente qualcosa a che fare con vicende oscure presumibilmente avvenute nell’hotel e in particolare dentro quella stanza.

Stranamente tutti elementi che in qualche modo compaiono anche nel film Sh! The Octopus e nell’articolo di Coleman a lui dedicato.

Gli appendiabiti nella “stanza 27” dell’episodio degli I.P.R.

Articolo che, oggi ho scoperto dopo aver visto ieri il filmato degli I.P.R., Coleman ha aggiornato proprio aggiungendo quella parte di Sh! The Octopus in cui c’è l’uomo appeso a gancio e quei riferimenti di suoi precedenti articoli su omicidi di bambini uccisi da appendiabiti.





Il numero "237" in film precedenti a "Shining"

15 12 2019

In questi giorni, visitando lo spazio twitter di Alex Fulton (https://twitter.com/cryptokubrology), uno studioso di ciclo-sincronismi nei film di Kubrick (e altri) a partire dalla famosa cifra “237”, che in “Shining” identifica il numero della camera d’albergo maledetta, avevo pensato di fare un post-riassunto di un certo numero di particolari da me trovati di mio interesse… e ieri mi sono accorto che sono stato anticipato da Loren Coleman di Twilight Language, il quale ha praticamente fatto il tipo di post che volevo fare io. Grazie, Coleman!

Anche nel caso in cui questa indagine sul “237” (comparso come si vedrà in film assai precedenti a “Shining”) si scoprisse non reggersi su basi solide, è comunque la manifestazione di un desiderio di scoperta e approfondimento su possibili realtà sconosciute riguardanti i sincro-cicli che noi di questo blog condividiamo pienamente.

Il “237” più conosciuto: il numero della camera nel film “Shining”.

Il film Shining uscì il 23 marzo 1980. L’importanza di trovare il numero 237 nei film in cui è apparso prima e dopo Shining è diventato un pilastro della #Cryptokubrology. CRIPTO-KUBRICKOLOGIA.

http://www.zerozerotwo.org/KUBRICK/KUBROLOGY/MAZEgate.html

Cripto-kubrickologia: “Una metodologia utile per decostruire la Storia con la sincronicità” ~ come ha detto Alex Fulton (@Crypto-Kubrology) il 31 gennaio 2017. 
La cripto-kubrickologia è stata definita come “un’indagine dentro le opere di Stanley Kubrick basata sulla premessa che l’intero corpus delle sue opere è come una massa mutevole cabalistico-profetica comparabile (nello scopo) al lavoro di William Shakespeare, ma incomparabile (in complessità) a nient’altro di simile nella Storia registrata”. In effetti la cripto-kubrickologia porta a una visione del tutto differente dal consueto della stessa cosiddetta STORIA.” ~ come dice Robert Shawn Montgomery (shawnfella)
 

Uno dei riferimenti di base della cripto-kubrickologia è il film documentario Room 237 del 2012.

Documentario diretto da Rodney Ascher sulle interpretazioni e sui segreti e nascosti significati del film di Stanley Kubrick Shining (1980), adattamento dall’omonimo romanzo del 1977 di Stephen King.

Il film include filmati noti e meno noti tratti da Shining e da altri film di Kubrick, insieme a discussioni con numerosi kubrickiani e cripto-kubrickiani.

“Room 237” ha nove segmenti, ognuno dei quali si concentra su diversi elementi all’interno del film i quali “possono rivelare indizi nascosti e accennare a un’opera tematica più ampia”.

Così come dichiarò il New York Times nel 2013, “Se Shining è un labirinto dentro un labirinto, il film di Ascher lo documenta bene.”
 
Il titolo si riferisce alla “room”, alla STANZA N°237 nell’hotel infestato dai fantasmi in Shining, dentro cui i personaggi non avrebbero mai dovuto entrare. Il regista Ascher utilizzò un budget di 5426  dollari e ne fece 296. 359 al botteghino. Fu un enorme successo economico nella storia dei film documentari.
Il Kubrick perduto.

Un altro film-maker che ha studiato l’arte di Kubrick è Gary Leva

La “Stanley Kubrick Collection” di Gary Leva include (ogni link apre una clip della sua selezione) i seguenti clips:
I film mai finiti di Stanley Kubrick.
Tra coloro che praticano la cripto-kubrickologia (#Cryptokubrology), non c’è nessuno più prominente di Alex Fulton e Robert Shawn Montgomery, i quali sono i co-creatori di @Cryptokubrology su Twitter e le menti dietro vari contributi cripto-kubrickologici su YouTube and Facebook.
Alex Fulton
 
Fulton and Montgomery have produced a series of YouTube videos: 
 

Crypto-K 1.02 – Entering Kubrick’s Sync Maze

Versione italiana prossimamente sul blog “Civiltà scomparse”.

Who said “237”?
 
Versione italiana prossimamente sul blog.

Una delle principali critiche riguardo una comprensione globale dell’aspetto del numero “237” nei film, è quella che dice come i registi – dopo Shining (1980) – potrebbero aver pensato di mettere quel numero dentro i loro film come omaggio a Kubrick.

Le migliori prove per trovare vere intuizioni cripto-kubrickologiche possono venire dal concentrarsi su esempi nei film pre- Shining .

La serie di video “Crypto-K” fornisce episodi di “237” trovati dentro diversi film. Ma a differenza di centinaia o migliaia di casi, la serie menziona solo 31 film o episodi televisivi in ​​cui il numero 237 è menzionato o mostrato (ad esempio come numero civico o numero di stanza). Di questi, trovo che Fulton e Montgomery includano solo dieci casi di “237” pre-1980.

Ne ho trovati altri, come in “Il sipario strappato” (Torn Curtain, 1966) di Alfred Hitchcook.

Stanza n° 237 nel film di Hitchcook “Il sipario strappato”.

Ma diamo un’occhiata ai film di prima e fino al 1980 che Fulton e Montgomery citano nei loro video. Ecco la loro lista completa da guardare durante la visualizzazione dei video.


Possessed (1931)

John Crawford apparsa due volte in due film con lo stesso identico titolo e in entrambi i film compare il “237”.
“Il mago di Oz” uscito il 237° giorno dell’anno nel mezzo della distanza temporale tra l’uscita di due film con lo stesso identico titolo (“Possessed”) in cui in entrambi compare l’attrice Joan Crawford e in cui in entrambi compare il numero “237”!
Clara Blandick, che interpretò “Auntie Em” ne “Il mago di Oz”, appare anche nel “Possessed” del 1931 con Joan Crawford.

“Scrivimi fermo posta” (Shop around the corner, 1940)

“Prendi questa chiave e apri la cassetta numero 237”

Possessed (1947)

“I fidanzati sconosciuti” (In the gold old summertime, 1949)

“La donna dai tre volti”, The Three Faces of Eve (1957)

“Il dormiglione”, Sleeper (1973)

“Ho 237 anni, dovrei ormai andare in pensione…”
237 giorni prima dell’uscita di “Shining” uscì il film “Super Bunny in orbita”: i cartoni di Bugs Bunny vengono visti dal bambino Danny alla tv in “Shining”. I poteri psichici del bambino sono a un livello più violento di manifestazione nel film “Scanners” di Cronenberg, uscito 237 giorni dopo “Shining”.

La parola “tempo”, time, viene detta 237 volte in ogni film di Kubrick (eccetto in “Spartacus” dove il regista non aveva il controllo della sceneggiatura)





Altro sul 237: Scorpion e Shining

1 12 2018

http://copycateffect.blogspot.com/2014/10/Scorpion.html

La serie della CBS, Scorpion , è liberamente basata sulla vera storia di un gruppo di geni, ci viene detto. È stata presentato in anteprima il 22 settembre 2014. La serie è basata sulla vita del genio ed esperto di computer Walter O’Brien.
Walter O’Brien nacque il 24 febbraio 1975 in Irlanda, in gioventù fu vittima di bullismo  e ha fondato i suoi Scorpion Computer Services , usando un soprannome che usava da ragazzo. O’Brien era il ” Real-Life” Scorpion “Helped ID Boston Marathon Bombing Suspects[sospettato di aver messo la bomba alla maratona di Boston dell’aprile 2013], secondo un rapporto di WBZ-TV, Boston.
Resta da vedere quanto sia reale o se sia una leggenda o un mito.
Curiosamente, la prefazione di apertura a Scorpion è una scena che fa vedere un giovane O’Brien arrestato per aver hackerato – il quale indossa un maglione blu con sopra ricamato un razzo USA. Che cos’è fake e cosa non lo è? Suona familiare? Un po ‘come [i presunti finti] sbarchi sulla Luna [delle missioni] Apollo?

Il giovane O’Brien di Scorpion (interpretato da Daniel Zolghadri) indossa un maglione che rispecchia, in un certo senso, il maglione con sopra ricamato “Apollo 11 USA” indossato da Danny in The Shining .

Daniel è un nome che ha le sue origini dal nome ebraico דָּנִיֵּאל ( Daniyyel ) e significa “Dio è il mio giudice”.

Nel film documentario Room 237 (2012, diretto da Rodney Ascher, prodotto da Tim Kirk), diversi teorici sostengono che Stanley Kubrick stia accennando alla falsificazione degli sbarchi lunari mostrando questo maglione.
A volte, un maglione è solo un maglione, ma nel caso di Scorpion , questa citazione potrebbe riguardare proprio il film Shining , dopotutto, quindi, in qualche modo, estendendo la mitologia di Room 237.

Aggiornamento: un razzo Antares è saltato in aria.

“Ogni lancio costa ai contribuenti statunitensi 237 milioni di dollari”. ~ “Si cerca una causa per l’esplosione di razzi spaziali “, 29 ottobre 2014, WESH, Orlando, Florida.

Per favore, trattenete il respiro, guardate il maglione, notate che il post di ieri riguardava la nuova serie Scorpion e continuate a leggere:

Antares , noto anche con la denominazione Bayer Alpha Scorpii (abbreviato in α Scorpii o α Sco ), è la diciassettesima stella più brillante nel cielo notturno e la stella più luminosa nella costellazione dello Scorpione , ed è spesso indicata come ” il cuore dello scorpione” . “Insieme ad Aldebaran, Regulus e Fomalhaut, Antares comprende il gruppo conosciuto come” le stelle reali della Persia “. È una delle quattro stelle più luminose vicino all’eclittica. Le osservazioni di cui sopra sono state pubblicate alla fine di lunedì 27 ottobre 2014. Per coincidenza, quella sera, è stato programmato un razzo Antares diretto alla stazione spaziale orbitante. È stato necessario riprogrammarlo perché una barca a vela al largo è entrata nell’area riservata Il lancio era previsto per martedì 28 ottobre. E invece il razzo senza pilota di Antares è esploso martedì sera.
Secondo la NASA, il veicolo spaziale Antares e Cygnus (= cigno) di Orbital Sciences Corp era pronto per il lancio alle 6:22 pm ET. Doveva trasportare circa 5.000 libbre di rifornimenti ed esperimenti alla Stazione Spaziale Internazionale.

“Qualcosa non è andato per il verso giusto durante il lancio”, ha detto il portavoce della NASA Jay Bolden. “Ma non è stata indicata alcuna perdita di vite.”

Il razzo senza pilota di Antares è esploso poco dopo il lancio da Wallops Flight Facility in Virginia.

Il logo di Wallops Flight Facility (WFF) della NASA ricorda un tridente stilizzato.

Vedere anche ” The Autotune Ascension “, che parla di Auto-Tune , un processore audio creato dalla Antares Audio Technologies, coi suoi collegamenti sincro-mistici.

 

Altri post sul 237:

More 237: Scorpion and The Shining

Anche all’IKEA regolano gli orologi alle 2:37

Oltre la camera n°237: il film Pitch Perfect 237 e il 9/11

Volo n°237, Obama 237 e camera 237

Ebola scare at Logan on ebola discovery anniversary





Anche all’IKEA regolano gli orologi alle 2:37

30 11 2018

Questo è un addendum degno di nota – sebbene totalmente creato di proposito – alle sincro riguardanti il 237 che sono in giro.

 

 

 

 

 Il video:

 

Altri post riguardanti il 237:

More 237: Scorpion and The Shining

IKEA Even Set The Clock At 2:37

Oltre la stanza n°237, il film Pitch Perfect 237 e il 9/11

Volo 237, Obama 237 e camera 237

Ebola Scare At Logan on Ebola Discovery Anniversary

Colorado clusters e copycat

 

http://copycateffect.blogspot.com/2014/10/IKEA237.html 

 





Oltre la stanza n°237: il film Pitch Perfect 237 e il 9/11

30 11 2018

http://copycateffect.blogspot.com/2014/10/PitchPerfect237.html

Di recente, il numero 237 è apparso frequentemente nelle cerchie dei sincro-mistici. Il 14 ottobre 2014 ho pubblicato ” Volo 237, Obama 237 e Sala 237 “. Ciò è stato stimolato dal volo 237 e dal terrore per l’ebola all’aeroporto Logan di Boston. Ma ciò è anche qualcosa che ci riporta agli inizi della giornata dell’11/09/2011 a Portland, nel Maine, dall’aeroporto di Logan alle Twin Towers.

“La stanza 237 è una profonda tana del coniglio.” ~ Sibyl Hunter, 26 maggio 2014 .
“Breaking Breaking Bad: 237.” ~ iAhuasca, 25 agosto 2013 .

Nella mia discussione del 14 ottobre ho postato il documentario Room 237 il quale analizza il film The Shining

Room 237 ha ricevuto persino delle lodi cinematografiche .

Questo altro documentario è Pitch Perfect 237 , di Cook St. Productions. (Vedere qui  se il video non viene visualizzato.)

Una guida dei teorici della cospirazione per capire il film di Anna Kendrick del 2012 “Pitch Perfect”.

 

 

 

 

 

 

 

Ciò che diventa rapidamente evidente è che Pitch Perfect 237 è un documentario ben fatto che ha grandi intuizioni sincro-mistiche. Mescola l’argomento con parti uguali di umorismo e profondo simbolismo del crepuscolo. Questo, naturalmente, viene fatto come se una delle star dei film di Twilight , Anna Kendrick, avesse un certo controllo su ciò che viene rivelato.

Il segreto dietro le intuizioni in Pitch Perfect 237 sono le osservazioni apparentemente ironiche sul ruolo dell’11 settembre in Pitch Perfect , come se quello fosse il suo messaggio nascosto primario. Ma anche nell’umorismo gli individui possono decodificare il linguaggio del crepuscolo.

Pitch Perfect 237 è una produzione intelligente. I cantanti del gruppo The TrebleMakers (suona anche come The Troublemakers), cantano una canzone (e recitano) sugli aeroplani, e i Barden Bellas, vestono come assistenti di compagnia, mentre cantano. Pitch Perfect 237 li conta e… trova intriganti i numeri contati.

Enki King, che ha pubblicato questo video sulla sua bacheca di Facebook, ha anche detto, “Mi è appena venuto in mente che Anna Kendrick è originaria di Portland ne Maine, e Mohammed Atta e i suoi compari decollarono dal Portland International Jetport la mattina dell’11 settembre.

Io ci vivo a Portland, nel Maine, e ho scritto del mistero di Mohammed Atta a Portland . Trovandomi qui a Portland noto che la gente è anche molto consapevole dell’attrice Anna Kendrick la quale proviene dal queste parti. A Portland ci si conosce tutti.
“Kendrick è nata il [9 agosto 1985] a Portland, nel Maine, ed è figlia di Janice (nata Cooke), una contabile, e William K. Kendrick,  insegnante di storia occupato anche in finanza …. Ha frequentato la Deering High School a Portland “, come ci dice Wikipedia.

A “Beca” interpretata da Anna Kendrick vengono dati approfondimenti sul mondo attraverso la visione di The Breakfast Club .

Un altro attore di Portland, Maine appare in Pitch Perfect. Judd Nelson viene mostrato con l’uscita del film The Breakfast Club .
“Nelson è nato il [28 novembre 1959 o 28 luglio 1959] a Portland, nel Maine, il figlio di Merle (nata Royte),  mediatrice di corte ed ex membro del parlamento statale del Maine, e Leonard Nelson, un avvocato aziendale … Si trasferì poi alla Waynflete School in quel di Portland, nel Maine “, dice Wikipedia.
Per un teorico della cospirazione, anche un cospiratore umorista che fa collegamenti con l’11 settembre e il fatto che due attori di Portland, nel Maine siano nel film PitchPerfect è una coincidenza alquanto al di là delle probabilità statistiche. È interessante notare che il regista di PitchPerfect237 non menziona mai i collegamenti 9/11-Portland-Kendrick-Nelson.
Un’altra attrice la quale ha Portland nel Maine – e Waynflete – nel suo sangue è Liv Tyler, che è nata Liv Rundgren [1 luglio 1977] al Mount Sinai Hospital di New York ed è l’unica figlia di Bebe Buell, una modella, cantante ed ex Playboy Playmate (Miss Novembre 1974), e Steven Tyler, il cantante principale degli Aerosmith …. [Ha frequentato] la Breakwater School e la Waynflete School a Portland nel Maine prima di tornare a New York City con sua madre all’età di 12 anni “, menziona Wikipedia. Nel 2002 aveva recitato ne Il Signore degli Anelli: Le due torri – un film che ha ricevuto la sua giusta dose di analisi a causa dell’11 settembre. Solo per dire.
Alcune delle immagini in Pitch Perfect   – E Pitch Perfect 237 – come questa copertina di Cat Scratch Fever sulla testa di Skylar Lipstein, sono difficili da capire.
Ovviamente, dopo aver visualizzato Pitch Perfect 237 , potreste rimanere a grattarvi la testa sul motivo per cui non è stato detto nulla sulla stanza 334 che appare in Pitch Perfect . La clip della stanza 334 è visibile al minuto 1:11 in Perfect Pitch 237.

A questo punto mi viene da notare che nel 2010-2012 avevano mandato uno strano programma tv intitolato Inside Room 334. Si trattava di una serie web in cui si vedeva il padrone squilibrato di un hotel installare una videocamera spia dentro la stanza n° 334, per poi postare online i video che raccoglieva. Bizzarro, per non dire altro.

 

 





Volo 237, Obama 237 e camera 237

23 11 2018

http://copycateffect.blogspot.com/2014/10/237.html

Il numero 237 si trova nelle news. E’ intrigante vedere come il 237 si leghi a enigmi e misteri di natura sincromistica.

Volo 237
Lunedì 13 ottobre 2014, allarme per la grave malattia contagiosa chiamata ebola all’aeroporto Logan di Boston, nel Massachusetts. Una squadra di Hazmat si è imbarcata sul volo 237 degli Emirati (mostrato sopra) per curare cinque passeggeri malati, tutti provenienti da Dubai. Il volo 237 era partito dall’India, via Dubai.
[…] Lunedì scorso, la Commissione Sanitaria Pubblica di Boston ha rilasciato una dichiarazione in cui si diceva che non ci fosse alcuna infezione da Ebola:

Dopo aver discusso con i nostri partner ospedalieri Boston Medical Center e Massachusetts General Hospital, l’Ufficio per le malattie infettive della Boston Public Health Commission ha stabilito che i pazienti in arrivo sul volo 237 degli Emirati all’aeroporto internazionale di Logan non soddisfano i criteri per eventuali infezioni di salute pubblica, tra cui Ebola, MERS o infezione da meningococco. Fonte

Obama & 237

Il presidente Barack Obama, misteriosamente (o consapevolmente), quando dichiarò l’ “Independence Day” il 1 maggio 2013, menzionò il numero “237” alla fine della sua “Proclamazione presidenziale” per il Loyalty Day (Giorno della lealtà) 2013.

Il sottoscritto Barack Obama, Presidente degli Stati Uniti d’America, dichiara il giorno 1 maggio 2013, come Giorno della Lealtà. In questo Giorno della Lealtà, invito tutti gli Stati Uniti a unirsi a sostegno di questa osservanza nazionale, sia mostrando la bandiera degli Stati Uniti o promettendo fedeltà alla Repubblica per cui si trova.
In fede, ho qui apposto la mia mano questo trenta aprile, nell’anno di nostro Signore duemilatredici, e dell’Indipendenza degli Stati Uniti d’America il duecentotrentasettesimo. Fonte .

Steve Fletcher sottolinea nel suo What Is The Meaning of the Number 237? come il 1 ° maggio sia il giorno in cui ebbe inizio la setta degli Illuminati [di Baviera] nell’anno 1776. {Così il 2013} segna il 237 ° giorno, 1 maggio 1776 – 1 maggio 2013 = 237. Quindi il 1 maggio 2013 è stato il Compleanno degli Illuminati n. 237. “ Fonte .

Ma, come osserva Krister Rollins, residente a Portland, nel Maine, “è abbastanza normale che i proclami della presidenza vadano a parare nel numero di anni di indipendenza degli Stati Uniti”. Non c’è alcun mistero qui. Solo una “coincidenza” con l’anno di fondazione degli  Illuminati, sembra. Giusto?

La teorizzazione alternativa è stata notata per l’uso del numero 237, perché sembrava strano per un presidente americano menzionare quel numero in quella data. All’inizio del 2013 ci furono alcune speculazioni sul fatto che gli “Illuminati” avrebbero potuto pianificare qualcosa di grosso per il 4 luglio di quell’anno.

Il 4 luglio 2013, l’esercito egiziano ha deposto Mohammed Morsi e ha sospeso la costituzione egiziana, dicendo che la mossa era un tentativo di “riconciliazione nazionale” piuttosto che un colpo di stato. Morsi, comunque, lo definì un “colpo di mano militare completo”, per poi essere preso in custodia: il primo capo di stato democraticamente eletto nella storia egiziana rovesciato dal feldmaresciallo Abdel Fattah el-Sisi.

Sala 237

Uno degli usi più sincro-cinematici di “237” è nel film  Shining uscito nel 1980.
Nel film di Stanley Kubrick Shining , la stanza più infestata del [maledetto] ‘Overlook Hotel è la 237. Il figlio del personaggio di Jack Torrance, Danny, il maggior numero di interazioni lo ha con questa stanza. Il cuoco dell’hotel Dick Hallorann, sorprende Danny comunicando telepaticamente con il ragazzo e offrendogli un gelato. A Danny Dick spiega che lui e sua nonna hanno condiviso questa abilità telepatica, che lui chiama “luccicanza” (ovvero “shining”, quindi il nome del film). Danny chiede se c’è qualcosa di cui aver paura nell’hotel, in particolare per le informazioni che ha ricevuto sulla stanza 237. Hallorann inoltre racconta a Danny che l’hotel ha delle sue “tracce” fatte di molti ricordi, non tutti sono buoni. Dice anche a Danny che non c’è “niente” in quella stanza ma di stare lontano dalla stanza 237. Fonte .

La storia dietro la “room 237” è complessa, sia nella realtà che nel film.

Il numero della camera 217 è stato cambiato in 237. L’hotel Timberline Lodge, situato sul monte Hood in Oregon, è stato utilizzato per le riprese esterne del finto “Overlook Hotel”; l’hotel Lodge chiese a Kubrick di non girare nella stanza n. 217 (descritta nel libro [di King]) in Shining , perché dei futuri ospiti al Lodge potrebbero aver paura di rimanere lì, e una stanza inesistente, n. 237, è stata sostituita nel film. Contrariamente alle aspettative dell’hotel, la camera n. 217 è richiesta più spesso di ogni altra stanza del Timberline hotel. Ci sono analisi [complottiste] relative a voci secondo cui Kubrick avrebbe simulato le riprese del primo sbarco sulla Luna, poiché tra la Terra e la Luna ci sono 237.000 km di distanza [cosa peraltro non vera].

A proposito di altri numeri utilizzati nel film, Danny indossa una maglia numero 42, e guarda brevemente con la madre Wendy il film Summer of ’42 . I numeri della Stanza 237 moltiplicati tra loro danno come risultato 42. 42 è un doppio 21, che si trova nella data e nel numero di foto (1921, le 21 immagini sul muro della “golden room”). 12 è un’immagine speculare di 21. Il numero di chiamata radio per l’Overlook è KDK 12. I due titoli sullo schermo per la terza parte (8 a.m. e 4 p.m.) sommati danno 12. 12 è anche la somma dei numeri della famosa stanza maledetta. Fonte
[…]
Room 237 è un documentario americano del 2012 diretto da Rodney Ascher sui tanti strani significati percepiti in Shining . Il film include riprese di Shining e altri film di Kubrick, insieme a dibattiti con alcuni appassionati del regista. Il film ha nove segmenti, ognuno dei quali si concentra su diversi elementi all’interno del film che “possono rivelare indizi nascosti e suggerire una più grande opera tematica”. Il film è stato prodotto da Tim Kirk.
Il film è raccontato interamente attraverso la voce fuori campo di persone con diverse teorie su Shining .
Secondo uno di loro, Shining parla del genocidio dei nativi americani, poiché ci sono immagini in tutto il film associate al West americano. Ad esempio, lattine di Calumet Baking Powder si notano sullo sfondo di due scene importanti. Poiché un calumet è una “pipa della pace”, e le lattine mostrano l’immagine di un nativo americano, una delle persone intervistate riteneva che l’imperialismo americano fosse il sottotesto del film, e si é stupito che nessun altro abbia notato ciò.
Un altra teoria in questo documentario propone che Stanley Kubrick avesse diretto le riprese diffuse dalla NASA per pubblicizzare l’atterraggio sulla Luna della missione spaziale Apollo 11. Questa teoria è dell’idea che ci fossero segni rivelatori dell’uso [kubrickiano] della proiezione frontale nei filmati della NASA e che il regista fosse stato incaricato di produrlo. Punto focale della teoria è il maglione lavorato a uncinetto con la scritta Apollo 11 indossato da Danny, e il fatto che il pattern del tappeto assomiglia alla rampa di lancio delle missioni Apollo: ciò verrebbe visto come prova che il film sarebbe in realtà un’elaborata scusa di sorta per il coinvolgimento di Kubrick. [Per altre teorie interpretative, vedi qui , qui , qui e qui .]
Ronald Christopher Walker scrive: “Il 30 ottobre è il giorno del rilascio di Shining , e il 30 ottobre 1980 (l’uscita del film è il 23 maggio 1980) fu esattamente 42 anni dopo la trasmissione radiofonica di Orwell Welles della Guerra dei Mondi di HG Wells. Il giorno 23 maggio è 111 giorni prima del giorno 11 settembre e il giorno 11 settembre mancano 111 giorni alla fine dell’anno. “




Buon criptokubrickologico Natale!

22 11 2018

Inizio da qui, con un mese di anticipo sul periodo in questione in questo post, a riportare praticamente tutti i post di criptokubrickologia presenti sul blog Twilight language di Loren Coleman.

https://copycateffect.blogspot.com/2017/12/Cryptokubrology-Xmas.html

Stanley Kubrick (26 luglio 1928 – 7 marzo 1999) fece mai un film di Natale?

Gli studiosi di Kubrick concordano chiaramente che si, l’ha fatto. L’unico film generalmente considerato il suo “capolavoro di Natale” è Eyes Wide Shut .
Il critico cinematografico Roger Ebert scrisse , il 19 luglio 1999, che ” Eyes Wide Shut” è stato girato “in uno stile granuloso ad alto contrasto, usando molta retroilluminazione, sottolineature e colori primari forti, ambientare il film a Natale per approfittare del luci natalizie, rende tutto un po ‘vistoso, come una scena urbana “.

Il 7 marzo 1999, a sei giorni dalla proiezione del final cut di Eyes Wide Shut per la sua famiglia e le varie stars, Kubrick morì nel sonno all’età di 70 anni, in seguito a un grosso infarto.

Se Eyes Wide Shut parla degli “Illuminati”, ha senso che Kubrick utilizzi le luci di Natale per “illuminare” il suo film.

Vedere The Hidden Messages in Stanley Kubrick’s Eyes Wide Shut di Max Malone. Vedere anche ” Eyes Wide Shut – a steganalysis “. (Vedi sotto.)
Gli analisti mainstream hanno provato a vedersela con l’ambientazione natalizia di Eyes Wide Shut .

Oltre a trasferire la storia dalla Vienna del 1900 alla New York degli anni ’90, Kubrick ha cambiato il calendario del romanzo di Schnitzler [Doppio sogno, da cui si trasse la sceneggiatura del film] dal Mardi Gras al Natale. Un critico credeva che Kubrick lo avesse fatto a causa del simbolismo del Natale. Altri hanno notato che le luci natalizie permettono a Kubrick di impiegare alcuni dei suoi diversi metodi di ripresa, incluso l’uso dell’illuminazione localizzata, così come ha fatto con Barry Lyndon . Il New York Times ha osservato che il film “regala alle luci natalizie una luminosità e una personalità ultraterrene”, e il critico Randy Rasmussen ha osservato che “le luci colorate di Natale … illuminano quasi ogni luogo del film”. Il critico cinematografico di Harper , Lee Siegel, ritiene che il motivo ricorrente del film sia l’albero di Natale, perché simboleggia il modo in cui “Rispetto alla realtà quotidiana, le nostre fantasie di gratificazione sono pompose e solenni all’estremo .. Perché il desiderio è come il Natale: promette sempre più di quello che offre “. L’autore Tim Kreider ha osservato che il party “satanico” di Somerton è l’unico set nel film senza un albero di Natale, affermando “Quasi ogni set è soffuso con la luce onirica e nebbiosa delle luci colorate e degli orpelli … Eyes Wide Shut , anche se rilasciato in estate, è stato il film di Natale del 1999 “. Notando che Kubrick ha mostrato agli spettatori il lato oscuro del consumismo natalizio, Louise Kaplan ha affermato che il film illustra modi in cui la “realtà materiale del denaro” viene mostrata sostituendo i valori spirituali del Natale, della carità e della compassione. Mentre praticamente ogni scena ha un albero di Natale, non c’è “musica natalizia o spirito natalizio allegro”. Il critico Alonso Duralde, nel suo libro Have Yourself a Movie Little Christmas , ha classificato il film come un “film di Natale per adulti” (come ha fatto anche con Bergman, Fanny and Alexander and The Lion in Winter ), sostenendo che “il Natale si fa strada attraverso il film dall’inizio alla fine ” Fonte.

Ma, aspettate, potrebbe esserci di più …

 

Nel 2012, Tony Sokol (“Den of Geek) aveva recensito The Shining (1980) di Kubrick, e aveva iniziato affermando con franchezza ” Sì, è un film di Natale “.

Sokol ha provato a immaginare  Shining come una parabola natalizia. Ciò acquista senso in vari esempi che Sokol ha dato, come “Il capo cuoco dell’ Hoverlook hotel, Dick Hallorann, nota che Danny brilla come la stella di Betlemme”.

Inoltre: “Dick Hallorran, rappresentante del zoroastrismo, estinto dopo l’ascesa del Cristianesimo, vede la chiamata della stella splendente di Danny e abbandona la vacanza appena in tempo per essere spedito da Jack, che zoppica via per inseguire suo figlio nel labirinto di siepi della massiccia proprietà, il padre di Scroogey si trascina troppo a lungo nella neve fino a diventare un ornamento di Natale “.

In questo, qualcuno vi legge delle meditazioni sincro-mistiche.

“Just call me Roob” ha scritto i suoi pensieri su “Riding Stanley Kubrick”.
Ha anche scritto (20/03/2017):

Sabato sera, sentendomi un po ‘male, sono andato a letto a guardare il film, Passengers … Una cosa, però, che ho trovato interessante è stata l’inclusione della Gold Room di Shining.
Immagino che sia stato fatto apposta, come omaggio a Stanley Kubrick, un fatto confermato ieri quando mi sono imbattuto in un post sull’argomento in Twilight Language . Il post mostra anche la strana coincidenza che il padre di Michael Sheen (Arthur, il barista androide sul Avalon) guadagna da vivere come un sosia per Jack Nicholson.

Nel blob roobedoo mi si cita anche in quest’altro passaggio:
Tramite Twitter, mi sono lamentato con il criptokubrickologo Alex Fulton dicendo che “la moderna criptokubrologia è frustrante quando le scene di Shining si trovano in nuovi film senza un ragionamento sui sincronismi”.
Al che Fulton ha risposto che “è difficile, vedendo questi film con dentro il 237, non pensare che i registi siano semplicemente intelligenti.” Gli anni del Shining pre- stanza 237 erano splendidi.
Potete vedere questo 237 menzionato in Stand By Me , un film del 1986 basato su una storia di Stephen King, così come lo fu The Shining (1980). In Stand By Me c’è una scena in cui il cambio totale dei ragazzi ammonta a $ 2,37.
“Just call me Roob” menziona inoltre un vecchio film di Natale che include un “237”, ovvero The Shop Around the Corner (1940). (“Roob” ha creato altre connessioni sincro-cinematiche e qui potete leggere il suo flusso di link di coscienza).
Molti di noi si sono accorti di questi sincronismi criptokubrickologici che sembrano alludere a Shining in film che precedono Shining.
Mi è venuto in mente The Shop Around the Corner alla vigilia di Natale 2017, quando la rete TCM trasmise In the Good Old Summertime , il quale, che ci crediate o no, è un film di Natale.
Sicuramente un film di Natale.

The Shop Around the Corner è una commedia romantica del 1940 prodotta e diretta da Ernst Lubitsch e interpretata da Margaret Sullavan, James Stewart e Frank Morgan. La sceneggiatura fu scritta da Samson Raphaelson sulla base della commedia ungherese intitolata Parfumerie del 1937 del regista Miklós László. Evitando la politica regionale degli anni precedenti alla seconda guerra mondiale, il film tratta di due impiegati in un negozio di pelletterie a Budapest che riescono a malapena a sopportarsi l’un l’altro, senza rendersi conto che si stanno innamorando come corrispondenti anonimi attraverso le loro lettere.

I fan della criptokubrickologia si rendono subito conto del numero di casella postale che è il focus di The Shop Around the Corner. Naturalmente è la cassetta delle lettere numero 237.

– Prendi la tua chiave e apri la cassetta delle lettere numero 237… – Tira fuori dalla busta e baciami.

Ora, per quanto riguarda il film trasmesso il 24 dicembre…

In the Good Old Summertime è un film musicale in Technicolor del 1949 diretto da Robert Z. Leonard. Gli interpreti sono Judy Garland, Van Johnson e SZ Sakall. Il film è un adattamento musicale del film del 1940, The Shop Around the Corner .

Veronica Fisher (Judy Garland) entra nel negozio di musica di Oberkugen, in cerca di lavoro. Sebbene Otto Oberkugen (SZ Sakall) sia riluttante ad assumere più personale, ottiene il posto persuadendo una matrona benestante, attraverso la sua esperienza canora e musicale, a comprare un’arpa a quasi $ 25 sul prezzo di listino di Oberkugen. Né lei né Andrew Larkin (Van Johnson), il commesso anziano del negozio, sospettano l’un l’altro che si tratti dello stesso amico di penna. Litigano costantemente al lavoro, anche se diventano sempre più attratti l’uno dall’altra.

E quale cassetta delle lettere è menzionata in In the Good Old Summertime ? La 237!

Andrew Delby Larkin (Van Johnson): Oh, Veronica, ti amo così tanto! Non aprirai la scatola 237 e mi toglierai dalla mia busta?
Veronica Fisher (Judy Garland): casella 23- casella 237! Vuoi dire…tu?

<> <> <>
 

Questi due film – The Shop Around the Corner e In the Good Old Summertime – hanno un’alto livello di sincronicità che si lega a Eyes Wide Shut . Nell’analisi di Max Malone (riportata sopra), Eyes Wide Shut ha molti legami con The Wizard of Oz e Through The Looking Glass . Ciò è dimostrato dai numerosi specchi e dal negozio “Rainbow” in Eyes Wide Shut .

Ecco dove le cose iniziano a farsi interessanti a livello sincro-mistico.

Frank Morgan aveva interpretato il professor Marvel, il mago, Doorman, Cabbie and Guard in Il mago di Oz (1940) per poi apparire nel ruolo di Mr. Hugo Matuschek in The Shop Around the Corner (1949).
Judy Garland interpretò Dorothy Gale ne Il Mago di Oz (1939) e poi come Veronica Fisher dieci anni dopo in In the Good Old Summertime (1949).

Da qualche parte, al di là del l’arcobaleno, i cieli sono blu. E i sogni che hai il coraggio di sognare divengono reali.

Siamo al di là dell’arcobaleno?

Allora, l’arcobaleno di cosa si tratta? E come si relaziona a Shining? Il proprietario del Rainbow, Milich, assomiglia a Jack Nicholson, con un’attaccatura simile di capelli e un analogo stile di recitazione espressivo. Indossa persino un accappatoio e una camicia di flanella scozzese. Forse Milich è un alter ego di Jack dopo 20 anni circa come capo dell’intrattenimento nell’Overlook Hotel. Come l’Overlook, l’Arcobaleno teletrasporta dentro e fuori dalla realtà, sembra crescere di dimensioni una volta entrato, e offre panorami impossibili. L’arcobaleno è anche un posto di depravazione sessuale, con la figlia di Milich che è l’obiettivo dei pedofili, molto simile a Danny [figlioletto di Jack in Shining]. L’Arcobaleno, come un hotel, fa anche’attività di noleggio. Pagando un certo prezzo si può accedere temporaneamente a realtà più grandi di quelle della propria situazione finanziaria di base. Per Tom Cruise, l’affitto del costume da Rainbow gli permette, anche solo per un momento, di entrare nel covo segreto dell’élite, proprio come il mandato di cinque mesi di Jack all’Overlook gli permette di comportarsi come un re della montagna in un grande, fantastico palazzo. A fine serata Milic assolverà Cruise del suo debito strappando la sua ricevuta, ma ciò che ritrovata. Fonte .

Altri saggi di criptokubrickologia:

http://copycateffect.blogspot.com/2014/10/237.html

http://copycateffect.blogspot.com/2014/10/PitchPerfect237.html

http://copycateffect.blogspot.com/2014/10/IKEA237.html

http://copycateffect.blogspot.com/2014/10/Scorpion.html

http://copycateffect.blogspot.com/2014/12/Furry.html

https://civiltascomparse.wordpress.com/2016/11/22/dal-frame-237-alla-camera-237-da-shining-a-westworld/

http://copycateffect.blogspot.com/2017/03/Cryptokubrology.html

http://copycateffect.blogspot.com/2017/04/Birdman237.html

http://copycateffect.blogspot.com/2017/06/Janes-obit.html

http://copycateffect.blogspot.com/2017/07/Scaramuccia.html