Autosomiglianze fisiognomiche nello spaziotempo storico

21 12 2014

E’ da un po’ che non aggiorno la sezione di Civiltà Scomparse intitolata “separati alla nascita”, in questa occasione voglio fare le cose “in grande”, proponendo un bel po’ di confronti e rassomiglianze tra personaggi politici (e non) famosi del passato e del presente, con la stessa “aria di famiglia.”
Presentando le seguenti immagini, non abbiamo per nulla intenzione di dimostrare che i presenti personaggi famosi del presente siano “reincarnazioni” delle figure storiche del passato ma vogliamo solamente mostrare come vi sia questo particolare fenomeno di PATTERN autosomiglianti che si ripetono nello spaziotempo.
Ciò è diffuso ovunque anche tra noi comuni mortali ma, naturalmente, si nota di più per quanto riguarda i personaggi pubblici e mediatizzati, perché le loro foto hanno maggiore circolazione e, attraverso i serbatoi di immagini dei motori di ricerca, sono dunque molto più facilitati i confronti e i paragoni rispetto a un tempo.

 

Alessandro III di Macedonia e Jean Sarkozy.

 

Armand Hyppolyte Louis Fizeau ed Eric Cantona.

 

Niccolò Machiavelli e Jacques Chirac.

 

Niccolò Machiavelli e Jacques Chirac.

 

Josif Stalin e Christian Dodd.

 

Dominique Strauss Kahn e Immanuel Kant.

 

Immanuel Kant e Dominique Strauss Kahn

 

Faul McCartney e imperatore Giustiniano.

 

Frederic Mitterand e Caio Mario.

 

Frederic Mitterand e Caio Mario.

 

Frederic Mitterand e Caio Mario.

 

George Harrison e uno dei compagni di Giustiniano.

 

Gorbaciov e Leonida di Sparta.

 

Gorbaciov e Leonida di Sparta.

 

Gorbaciov e Leonida di Sparta.

 

Gorbaciov e Leonida di Sparta.

 

Cocceio Nerva e Jack Lang.

 

Jack Lang e Cocceio Nerva.

 

Cocceio Nerva e Jack Lang.

 

Gordon Brown e George Monck.

 

Gordon Brown e George Monck.

 

Gordon Brown e George Monck.

 

Gordon Brown e George Monck.

 

Gordon Brown e George Monck.

 

Hermann Van Rompuy e principe Andreas Peter von Hesse.

 

Adolf Hitler con e senza baffi.

 

Dominique Strauss Kahn e Immanuel Kant.

 

Segoléne Royal e Alexandra Feodorovna Romanov.

 

Alexandra Ferodovna Romanov e Ségolene Royal.

 

John Travolta e ignoto del XIX secolo.

 

Imperatore Giustiniano e compagni, con Ringo Starr e George Harrison.

 

John Lennon, Paul McCartney, George Harrison.

 

Quattro cesari, cesarismo antico e (post)moderno, aria di famiglia.

 

 

Michel Rocard e cardinale De Richelieu.

 

Armand Hyppolyte Louis Fizeau ed Eric Cantona.

 

Niccolò Machiavelli e Jacques Chirac.

 

Nicholas Cage e ignoto del XIX secolo.

 

Presidente Barroso e faraone.

 

Ramsete II e presidente Manuel Barroso.

 

Re Vercingetorige e Jean Christopher Mitterand.

 

Re Vercingetorige e Jean Christopher Mitterand.

 

Shirley McLaine e la principessa Victoria von Saxe Coburn Saalfeld, che divenne duchessa di Kent.

 

Sylvester Stallone “reincarnato” in un quadro del XV secolo.

 

Siwan Morris e Kate Perry.

 

Josif Stalin e Christopher Dodd.

 

Steevy Boulay e Jean Fouquet.

 

Theodore Vernier ed Henry Guaino.

 

Margaret Thatcher e Judith di Bavaria

 

Judith di Bavaria e Margaret Thatcher.

 

Jane Asher e principessa Teodora.

 

 

 

 

 

Annunci




Sincronicità e illuminazione

21 08 2013

Utilizzando lo studio della Storia, l’astrologia, e la teoria della sincronicità, l’autore e ricercatore David Wilcock ha discusso di come ci sia un un’architettura nascosta che si manifesta in cicli, la quale – secondo le sue ricerche – guiderebbe l’umanità verso l’illuminazione e il progresso spirituale. “La storia si ripete in cicli precisi” dice Wilcock, citando come esempio la previsione accurata di un astrologo francese nel 1961, di come la rivolta di Giovanna d’Arco scoppiata nel 1400 ripeteva la rivolta guidata dagli studenti (nel 1968) in Francia nel giro di pochi giorni.

“A questo ciclo di 539 [molto vicino a 1/4 dell’anno zodiacale] anni può essere stato fatto riferimento da Gesù in una parabola, quando parlava di perdonare tuo fratello sette volte 77 volte“, ha proseguito.

hannibal_hitler

Questi cicli si ripetono una volta passati 2160 anni, corrispondenti all’ “anno zodiacale.” Una buona parte della storia americana del Novecento è connessa olograficamente alla storia romana nell’ “età dell’ariete.”
Annibale sembra “Hitler con la barba.” Entrambi invasero le stesse aree, durante lo stesso periodo di tempo, usando, in ogni ciclo, le stesse strategie di base.

Wilcock ha anche trovato un parallelo tra la storia di Roma antica e quella americana dei tempi moderni, la prima guerra punica starebbe alla prima guerra mondiale così come la seconda guerra punica alla seconda guerra mondiale, Cartagine alla Germania, e Annibale a Hitler. “La realtà non è ‘vera’. Siamo in un ologramma. C’è come un programma che si sta ripetendo (chiamato Storia), e continua a ripetersi fino a quando non saremo riusciti a padroneggiare la lezione che ci sta insegnando”, ha poi sostenuto. “Ci sono anche i cicli più grandi di 720 anni (corrispondenti a1/3 dell’anno zodiacale), i quali corrispondono a insegnamenti misterici antichi” ha osservato.

“Il tempo della Fine non è relegato strettamente alla profezia cristiana, ma se ne fa riferimento in testi profetici di oltre 30 culture antiche, i quali indicano che ci stiamo dirigendo verso una ‘età dell’oro’, dopo essere passati attraverso periodi molto bui” ha poi detto.

Le persone stanno adempiendo un progetto cosmico, più vecchio del tempo stesso, che si propone di guidarci verso un’ ‘età dell’oro’ in cui avremo cose come viaggi attraverso stargate, tecnologia antigravitazionale, e l’ascensione in cui gli esseri umani giungono a trasformarsi in ‘corpi di luce’ ha proclamato. Per saperne di più,  date un’occhiata al video di Wilcock del suo nuovo libro The Synchronicity Key.

Versione originale: http://www.coasttocoastam.com/show/2013/08/19





L’occhio di Horus e la ghiandola pineale

18 02 2013

tumblr_me4ajchDyR1qaxxexo1_1280

L’occhio di Horus e la ghiandola pineale, detta anche epifisi.

In un certo senso l’epifisi è un organo del sistema visivo, non dissimile dalla corteccia visiva. La trasmissione del segnale luminoso parte da una serie di neuroni che originano dalla retina e arrivano all’epifisi.

Il TERZO OCCHIO.

6474193-donna-con-il-terzo-occhio-supernatural-psichico-senses

egitto_dollaro





Edmund Sixtus Muskie e John Forbes Kerry – Addendum

31 01 2013

Nel giugno 2010, nella sezione del blog chiamata Separati alla nascita – in cui si mostrano le analogie, più che altro fisiche, tra diversi personaggi – avevo inserito il confronto tra le fisionomie di due uomini politici USA: Edmund Muskie, segretario di stato nell’ultima fase della presidenza di Jimmy Carter (1977-1981), e John Kerry, sfidante di George W. Bush alle presidenziali 2004.

Ora, per una di quelle coincidenze che amiamo molto, John Kerry è diventato segretario di stato, esattamente come il suo sosia.

E sotto una presidenza che è stata paragonata a quella di Carter, da certi suoi critici, per mettere in luce gli aspetti negativi comuni alle due presidenze.

Obama another Jimmy Carter

Barack Obama è solo un altro Jimmy Carter?

Particolare degno d’attenzione, coincidenza nella coincidenza: era noto già da tempo che John Kerry sarebbe stato scelto come segretario di stato per il secondo mandato di Obama, ma solo oggi è stato ufficializzato. Già da tempo avevo idea di postare il seguente pezzo, ma ho iniziato decisamente a scriverlo solo oggi, e PRIMA di sapere da internet dell’ufficializzazione, mentre cercavo una pagina web sulla nomina di Kerry, prima che fosse effettivamente ufficializzata, come è accaduto oggi.





Umberto II e Giorgio Napolitano

16 01 2013

giorgio-i-bmp

Umberto II di Savoia, ultimo re d’Italia, e Giorgio Napolitano, attuale presidente della Repubblica Italiana.

Pochi lo sanno, anzi in Italia sono in molti ma tacciono, ma quando la gente scherzando allude al fatto che il Presidente Napolitano sembra il figlio di Re Umberto II tanto ne è il sosia, sbaglia. Nel senso che Napolitano non sembra, E’ il figlio naturale del nostro ultimo Re. (http://www.radiovostok.com/sito/?p=3871)

 





Uomo vede se stesso in un dipinto di 450 anni fa

15 11 2012

Uno studente di un college e la sua ragazza hanno dovuto guardare più attentamente, dopo essersi imbattuti in questo dipinto al Philadelphia Museum of Art.

Riuscite a vedere la somiglianza?

http://wtvr.com/2012/11/14/man-sees-himself-in-medieval-art/ (c’è anche un video.)

Separati alla nascita con quattro secoli e mezzo di ritardo.

A parere di Civiltà Scomparse non si tratta di un caso di “reincarnazione” ma, forse, di sincronicità.

Agli Uffizi di Firenze c’è un quadro di Sir Richard Southwell rappresentante un certo Hans Holbein il giovane. Costui è praticamente il presentatore Pippo Baudo vestito con abiti cinquecenteschi.

Ricordo di aver letto, qualche anno fa su un settimanale, di un quadro antico in cui era rappresentato un sosia perfetto di Silvio Berlusconi, ma in Rete non riesco a trovarlo. Secoli fa, poi, intorno agli anni ’87-’88, vi era una rubrica sul settimanale Grand Hotel intitolata “appuntamento col mistero”, o qualcosa del genere, e in una delle puntate vi era la storia di una giovane turista, la quale, dentro un castello, vedeva all’improvviso un ritratto spettrale vecchio di duecento anni, in cui si riconosceva completamente. La vicenda, poi, prendeva una piega riguardante gli spiriti, la reincarnazione, ecc.

Certo, tutto ciò qui mostrato potrebbe certo trattarsi di una specie di pareidolia, ovvero l’illusione di vedere forme riconoscibili in elementi naturali o artificiali. A questo proposito, anche qui e qui vi sono esempi di “strane somiglianze” che travalicano il tempo e lo spazio.

Tra l’altro, mi domando come mai, venga dato ora così tanto risalto alla vicenda del giovane “che ha visto se stesso in un quadro del seicento” (se andate su un motore di ricerca, scoprirete quanto la notiziola sia rimbalzata in Rete.) Attenzione: con ciò non voglio essere così tanto ingenuo da lasciare intendere che vi siano delle “manovre ombra”, o stupidaggini di questo tipo; semplicemente mi chiedo perchè questa notizia serpeggi nella Coscienza Collettiva proprio adesso, come mai sia emersa proprio ora: di che cosa è simbolo, cosa ci vuole comunicare?





Il compleanno di Paul McCartney oggi

19 06 2012

Le evoluzioni del volto di colui che – assieme a John Lennon – è stato destinato, o progettato, a far mutare il livello di coscienza dell’occidente (dagli anni 60 in poi). Asssieme, per esempio, a Gandhi, Adolf Hitler, John Kennedy. Non sono più “uomini comuni”, sono EVENTI che accadono per modificare il cervello collettivo.

Paul McCartney