Riepilogo ufficiale Timewave Zero – Guardiamo all’ estate 2022 – Eschaton in arrivo

1 05 2019

 

https://civiltascomparse.wordpress.com/2010/07/08/terence-mckenna-lambasciatore-iperdimensionale/
Terence McKenna fu per qualcuno un guru più che un uomo, il cui stile di vita venne plasmato da esperienze molto profonde di una realtà alternativa. Per il resto della sua esistenza, si sarebbe sforzato di portare consapevolezza di tale dimensione nella nostra realtà, che lo spinse ad uno status di quasi guru, anche se non si è mai sentito tale, considerando addirittura il termine guru in senso negativo.
McKenna ha realizzato una formula matematica la quale divenne nota come la “teoria delle novità” e l’ “Onda Temporale” (TimeWave). Inizialmente, McKenna non vedeva che uso potesse fare di quella formula, un sistema che mostra come le “NUOVE COSE” (novità, novelty factor) costituirebbero i balzi nella nostra cronologia.
Il tempo in sè – diceva – è un’onda frattale basata sull’apparizione di novità, gli output di quest’onda. Il tempo si è quindi sviluppato attorno a una serie di nuove idee e cambi di paradigma, eventi che hanno cambiato il mondo. Il problema era come ancorare la formula all’interno del nostro calendario, dove si sarebbe visto un giorno in cui l’Onda Temporale collassa in un PUNTO ZERO.
L’Onda Temporale è rimasta un argomento intrigante dopo la morte di McKenna, specificamente con gli attacchi dell’11 settembre 2001 o lo tsunami in Asia del 26 dicembre 2004. McKenna indicò il 2012 come una probabile data per l’ Eschaton, un crollo tremendo del tempo attuale che ci costringerà ad entrare in un nuovo tempo. Sebbene infatti questo potrebbe essere lo scopo dell’Onda Temporale, non sono stati gli abitanti [dell’Iperspazio] ad ancorarlo alla nostra cronologia ma soltanto McKenna. Perciò l’ancoraggio non è una certezza ma solo una teoria.

Sebbene l’Onda Temporale coincida in gran parte con gli eventi significativi che i media occidentali hanno riferito, non esiste nessuna classificazione scientifica su come comprendere il significato delle novità in una scala globale. Il mondo è cambiato l’11 settembre, o quando Bush ha deciso di invadere l’Afghanistan? E, benchè seguito in modo avvincente dai mass media, si è trattato sul serio di un evento globale? Ed importa indipendentemente da fatto che l’umanità cambi, o soltanto quell’evento che potrebbe cambiare l’umanità accade? Tali questioni rimangono in sospeso.
McKenna univa una voce unica ad un metodo specifico e intrigante di esposizione, sia che parlasse in pubblico o meno.
Nonostante ciò, i suoi interventi e le conferenze pubbliche – come pure le discussioni private – mi hanno rivelato rapidamente come McKenna fosse molto lucido, e la parte più intrigante dei suoi discorsi era quella più nascosta. Si trattava di un uomo dai molti strati.

“Assai pochi profeti vivono vedendo realizzarsi le loro profezie. Non è accaduto neanche a Joachim de Fiore, non è successo nemmeno a Marx. Se [qualcosa] succederà, succederà, non ha bisogno di tifosi. E’ inerente alla stessa morfologia dello spazio e del tempo. Una cosa molto divertente su di me e la mia carriera è che è diversa da quella di [Timothy] Leary, diversa da tutta questa gente: questo strano rapporto verso le profezie e l’apocalisse. I miei fan non ci capiscono niente di quella roba, e anche i miei critici faticano a comprendere cosa essa sia. Perciò abbiamo tutti solo da conviverci fino a che non si toglie di mezzo.”

https://civiltascomparse.wordpress.com/2018/03/27/terence-mckenna-filosofo-e-oratore-teorico-di-storia-ciclica/

Visualizza immagine di origine
Etnobotanico, mistico, psiconauta, oratore, scrittore, esperto di psichedelia, enteogenetica, metafisica, alchimia, linguistica e teorie dell’ evoluzione del linguaggio, filosofia, teorie sulla coscienza umana, di un altissimo livello culturale e di raffinatissimo modo di parlare laureato in ecologia, sciamanesimo e conservazione delle risorse naturali. Un giorno studierete nei libri di storia quest’ uomo, se la sua teoria sul tempo si rivelerà fattibile e concreta.

“La storia è fatta di cicli di ritorni, e ogni epoca ( evolutiva ) è più breve di quella precedente. L’ evento alla fine dei cicli è anticipato da varie ” tracce fantasma ” attraverso il corso del tempo ( anticipazioni ) e quando partecipi alla storia, entri nella dimensione esteriore del campo temporale di attrazione della concrescenza.”

” Le credenze di uno sciamano Witoto e quelle di un fenomenologo della Princeton hanno uguale possibilità di essere corrette, siccome non ci sono arbitri per ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Non abbiamo assimilato la spiritualità.”

“Il fattore novità insito nel tempo indica la densità di connessione. Siamo alle prese con una specie di attrattore, una esperienza assolutamente inedita attende il genere umano. La storia viene attratta dal futuro, e i concetti di causa ed effetto si capovolgono. Non riusciamo a concepire le società del passato, immerse in un mondo lento, meta – stabile. “

“Il punto di vista della scienza è che tutti i processi in ultima analisi, corrono verso il basso, ma l’entropia è massimizzata solo in qualche lontano, lontano futuro. L’idea dell’entropia fa supporre che le leggi del continuum spazio-temporale siano infinitamente e linearmente estendibili nel futuro. Nello schema di tempo a spirale del Timewave questo presupposto non è fattuale. Piuttosto, attraversare epoche di tempo significa passare da un insieme di leggi che condizionano l’ esistenza ad un altro insieme radicalmente diverso di leggi. L’universo è visto come una serie di scompartimenti o epoche le cui leggi sono molto diverse l’una dall’altra, con transizioni da un’epoca ad un’altra che si verificano improvvisamente e inaspettatamente. “

“Sono più interessato alle persone che sono in disaccordo con me. Le mie idee rappresentano esperienze di testimonianza e di esperienza concreta e reale. Non è questione di fede.”

Ogni cosa che pensi di sapere è sbagliata. E’ un concetto liberatorio, ciò significa che tutti i problemi che pensavi di avere possono essere visti da un punto di vista differente. E’ un concetto che rende il mondo irriconoscibile. Non comprendiamo che cosa sia la coscienza a livello profondo.”

la Coscienza e la Storia sono due facce della stessa moneta. E’ la Coscienza che produce la Storia e la Storia produce la Coscienza, in un intescambio reciproco.

Risultato immagine per timewave zero

https://civiltascomparse.wordpress.com/2016/04/06/ricerca-per-la-data-della-transizione-eschaton-ipotizzata-per-il-2016/
Sto andando avanti con la ricerca di una data per la transizione denominata Eschaton anticipata dalla teoria della Timewave di Mckenna , una ricerca indipendente cominciata dopo il ” Grande Errore del 2012 ” e mandata avanti in parallelo con Meyer.
Meyer espone diversi metodi per trovare una data zero/ di transizione che si allinei alle ripetizioni storiche dei cicli storici del grafico timewave:
1.Trovare un evento di grande impatto negli anni ’70;
Inoltre a circa (24.576 se non erro) giorni dalla transizione dovrebbe esserci un punto di ripartenza del ciclo temporale
2.Controllare le ” risonanze storiche ” con la formula da usare con i giorni giuliani e un calcolatore online ((64*ggiuliano2) – ggiuliano1)/63
3.Controllare che tali timelines ricostruite indichino l’ 11 Settembre 2001 come esempio di ” mega- evento ” in un punto di novità altissimo.
4.Ci sono dei punti sulla timeline ( qualsiasi essa sia ) che indicano punti di grande importanza come i cambiamenti di ciclo a 384 giorni dalla transizione ( come anche 6 giorni e 24. 576 giorni ) e quelli che rappresentano picchi di shift come quello a 8 mesi e 12 giorni dalla data zero, e anche 2 periodi di novità altissima di 64 giorni a 2 e a 4 anni di distanza dalla data zero

https://civiltascomparse.wordpress.com/2017/05/07/emmanuel-macron-luomo-dei-ricorsi-concentrati/
Noi di questo blog abbiamo ripetuto più volte come, a nostro parere, la linea spaziotemporale della storia incentrata sull’Occidente non è una linea dritta, continua e uniforme, indefinitamente dal passato al futuro, ma una specie di spirale di Fibonacci, e a un certo punto di quello che per noi è il futuro, si arriverà a una specie di “anomalia spazio temporale” della storia occidentale, un punto di fine-origine della spirale.

Visualizza immagine di origine

Il processo di progressiva accelerazione verso questo punto di fine-origine è dato dal ripetersi ricorsivo di avvenimenti già accaduti in passato che ricorrono e si ripropongono sotto altre vesti, contemporaneamente vecchie e nuove.

In questo stesso blog sono state compiute parecchie analisi incentrate su questa ricorsività degli avvenimenti della storia occidentale, analisi compiute in massima parte dal mio socio di blog ,con le sue indagini basate sulle ripetizioni storiche utilizzando il software Timewave inventato dall’etnobotanico Terence McKenna e perfezionato dal ricercatore Peter Meyer. Il punto di fine-origine della spirale del tempo (e il punto zero del grafico della Timewave, in cui l’abitudine raggiunge lo zero.

Tornando a noi e a oggi, quando le ricorsività cominciano a concentrarsi, cioè quando un avvenimento di rilevanza storica (oggi come oggi definito come di rilevanza massmediatica) è il ricorso di parecchi altri (avvenimenti del passato) contemporaneamente, vuol dire che i giri della spirale stanno diventando sempre più piccoli; quando un avvenimento massmediatico rilevante ne ricorda contemporaneamente parecchi altri già avvenuti nel passato, vuol dire che la linea spaziotemporale della – presunta – linearità storica occidentale sta raggiungendo la meta, ormai non più tanto lontana come prima, si è ormai abbastanza prossimi al punto di fine-origine, all’occhio della spirale.

Il fenomeno Emmanuel Macron, tornando al discorso principale del post, è il nostro “gendarme testa d’aquila” che ci fa capire come la fine del percorso della spirale non sia lontano, che i numeri sono sempre più piccoli e vicini allo zero: questo avvenimento è una specie di “accartocciamento ricorsivo” di una quantità di altri avvenuti in precedenza, è il ripetersi di tutti questi altri, contemporaneamente e in modo condensato.
Ma una cosa la possiamo affermare con una certa relativa sicurezza: non manca molto al punto zero della spirale dello spaziotempo storico occidentecentrico o, perlomeno, non manca moltissimo.

https://civiltascomparse.wordpress.com/2017/06/27/dal-big-bang-al-big-vision-la-soluzione-al-modello-di-viaggio-nel-tempo-di-mckenna/
https://civiltascomparse.wordpress.com/2017/11/03/terence-mckenna-aveva-predetto-flashforward-senza-saperlo/

Risultato immagine per timewave zero

Immaginiamo che lo scenario escatologico previsto da Terence Mckenna si realizzi per davvero. Questa è la narrazione di uno scenario ipotetico, frutto di una INTUIZIONE riguardo allo scenario che si sarebbe verificato, secondo Terence Mckenna, durante il primo pionieristico esperimento di viaggio nel tempo. Lui non è arrivato a questa esatta conclusione, ma le sue stesse parole si allineano perfettamente allo scenario descritto nel libro Flashforward pubblicato nel 1999 con una serie tv dedicata uscita nel 2009. Potremmo essere davanti a uno scenario da film nella realtà, ma le dinamiche secondo cui questo fenomeno potrebbe realmente verificarsi sono ad ora inspiegabili. Ma se Mckenna ha ragione, questo fenomeno si verificherebbe in concomitanza con il primo esperimento di viaggio nel tempo.

Mckenna diceva che mettere in pratica il viaggio nel tempo avrebbe significato comprimere il tempo in un singolo punto nello spazio – tempo, determinando un fenomeno imprevisto che avrebbe fatto apparire il futuro immediatamente sovrapposto al presente. Lo ha chiamato fenomeno del God Whistle.

Bene, quindi se un individuo dovesse testare il viaggio del tempo per la prima volta, secondo il modello di Mckenna, ciò vorrebbe dire che un millesimo di secondo dopo la coscienza di ogni essere umano ( e forse persino creatura animale ) sulla Terra verrebbe trasferita in uno stato mentale non ancora sperimentato da creatura alcuna, simile alla fase REM del sonno. Ma a differenza del libro Flashforward dove si vede un tempo 20 anni nel futuro, o della serie , dove vediamo un tempo 6 mesi nel futuro, – noi vedremmo tutta la nostra vita come se qualcuno ci trasmettesse un file nel cervello – quindi tutto il possibile futuro da noi percepibile. Ciò potrebbe avere implicazioni inaudite e assolutamente imprevedibili.

Nel grafico timewave c’è un solo punto nello spazio tempo che fa collassare il sistema. Mckenna aveva persino pensato si sarebbe trattato della fine dell’ umanità…Ma non sarà così …sarà infatti l’ unico momento nella storia dell’ umanità dove mancherà un osservatore e uno stato di coscienza. Inoltre ci sarà la minore attività umana e cosciente nella storia del pianeta. E sarà una esperienza che ogni umano ( e forse ogni creatura animale abbastanza cosciente di sè ) potrà vivere. Dunque questo evento è l’ unico in grado di far davvero collassare il sistema, cambiare la nostra percezione del tempo, la nostra percezione di libero arbitrio, cambierebbe ogni cosa.

Chi capisce come funziona la timewave, sa che il libero arbitrio viene messo in difficoltà perchè il grafico è in grado di segnalarci i momenti nel tempo ( anche se la timeline e la data zero prevista dal successore spirituale di Mckenna, Meyer, è attualmente accettabile solo come stima ) con più fattore di novità e progresso e fattore di abitudine e stagnazione, e grazie alla ricorsività storica insita in esso ( insita nel tempo stesso ) anche le finestre di tempo dove un conflitto o un qualunque evento di importanza storica ha la potenzialità di tornare in forma moderna.

Visualizza immagine di origineRisultato immagine per flashforward

Vi consiglio di leggere FlashForward o di guardare la serie per avere una idea, seppur non identica, di come potremmo fronteggiare un tale evento di magnitudo inaudita. Potrebbe persino succedere prima della data zero ( forse al punto del Grande Picco 8 mesi e 12 giorni prima? ) e poi forse si vorrà cercare di replicare l’ evento, che darebbe luogo a preparazioni colossali e a un giorno in cui tutta l’ umanità sarà sveglia e attenta, ma nessuna vera attività avrà luogo. Forse nel primo flashforward vedremmo eventi nella data che sarà poi riconosciuta come – data zero – e quindi non vedremo la nostra intera vita ma ci sarà un fenomeno di attrazione temporale verso una certa data, e solo in quella data, a fenomeno replicato, vedremmo la nostra vita intera srotolarsi davanti ai nostri occhi, per poi tornare al presente.

“E’ indubbio che qualsiasi cosa succederà coinvolgerà ogni essere umano sul pianeta a partire dall’occidente industrializzato, ogni essere umano a prescindere se connesso o no al sistema tecno-comunicativo: dici che gli occidentali, o comunque quelli non del terzo mondo, avvertiranno più intensamente la botta, che poi si estenderebbe anche a coloro non connessi al sistema dei mass media e della comunicazione globale o dici che sarà una cosa riguardante esclusivamente la coscienza degli umani a prescindere se siano tecno-connessi tra loro?”

“…io penso che la timewave è una impronta della coscienza prevalentemente umana, anche se i cicli di mckenna andavano indietro di miliardi nel tempo io mi fermerei a 200.000 e passa anni , quindi io suppongo che riguarderà l’ osservatore più intelligente sulla Terra, quindi prevalentemente l’ uomo, a tutti i livelli dagli aborigeni ai membri del MENSA. “

“Ci sta con ciò di cui discutiamo da anni: il punto di massima connessione tra le menti.”

“Certo se succedesse come nella storia del libro dove ogni umano colto in una azione o posizione a rischio muore o viene ferito ci sarebbero enormi rischi per i coinvolti. Del resto mckenna aveva detto che tanto più la morte entra nel sistema sociale umano tanto più è alto il fattore di novità perchè la morte è la nostra definizione di ignoto. Del resto sarebbe il fenomeno di taglio genetico più imponente da noi vissuto…Purtroppo temo che l’ aftermath non sarà accessibile a determinati milioni di individui ( la stima nella serie e libro era di 20 milioni di vittime )”

“Sì in effetti si può collegare in un certo senso alle religioni, se ciò dovesse diventare realtà verrebbe interpretato come un evento simile alla venuta di cristo. Mckenna faceva il paragone con la storia di un disco volante che si materializza all’ umanità, e fornisce alcuni moniti e insegnamenti, portando doni ma anche avvertimenti, per poi sparire all’ improvviso. Anche se l’ evento del disco volante durasse una settimana tutta la storia del millennio futuro girerebbe intorno orbitando attorno a quella settimana. Un evento di visioni globali di questo genere riscriverebbe tutti i propositi e obiettivi, tutte le leggi umane e ogni persona contribuirebbe a fornire un mattoncino del futuro così da generare una immagine di tutti i tempi – e comunque anche se le visioni ci dovessero fornire informazioni sulle tecnologie future dovremmo realisticamente aspettarci una nuova grande stasi perchè tutta l’ umanità sarà concentrata sullo scoprire la verità e analizzare tale evento in ogni sua sfaccettatura. Saremmo obbligati a fermare il presente per studiare questo fenomeno.”

Il tempo funziona come se il presente fosse in mezzo a un sandwich, e riceve informazioni sia dal passato che dal futuro
Infatti gran parte del nostro presente anche se non ce ne accorgiamo è costruito dai residui retroattivi del futuro
Il tempo ha una struttura frattale e autoripetente presentata sotto forma di grafico grazie alla teoria della timewave di Mckenna – Meyer

Visualizza immagine di origine
https://civiltascomparse.wordpress.com/2014/07/20/tempo-a-sandwich-il-presente-ha-origine-nel-futuro/

https://civiltascomparse.wordpress.com/2017/02/16/timewave-zero-post-di-sole-immagini-only-pictures-and-captions/

https://civiltascomparse.wordpress.com/2018/11/06/la-storia-come-fenomeno-artificiale/

La Storia dovrebbe essere studiata e interpretata come un inspiegabile fenomeno artificiale inserito in un contesto naturale. Se l’ uomo è una singolarità nel mondo animale, la Storia è una singolarità fenomenica e trasformativa del mondo materiale. E’ ciò che rende l’ uomo una creatura unica nel suo genere, è uno dei fenomeni che vanno oltre qualunque interpretazione materialistica, perché non c’è niente di più trasformativo e immersivo della trasformazione che la storia attua sull’ ambiente che ne viene pervaso.

Storia e religioni sono interconnesse, infatti Terence Mckenna diceva che il Cristianesimo rappresenta un motore potentissimo per la cultura e tutto ciò che concerne la Storia. Di solito dove si svolge la Storia c’è anche un background religioso, mentre in altre circostanze essa è guidata e ispirata dall’ ideologia.

La Storia è un grande spettacolo collettivo nato spontaneamente in un mondo che come ci viene spiegato non dovrebbe essere possibile. E’ un grande mistero, ma come al solito noi di solito indaghiamo i misteri in contesti straordinari , mentre le grandi verità sono sempre in bella vista.

La collettività del quotidiano è un fenomeno periferico rispetto al grande spettacolo, e con l’ insorgere dei media ci siamo immersi in un ruolo di audience. In passato anche le ” comparse dimenticate dalla Storia” erano a stretto contatto con questo fenomeno artificiale. Ora, invece, noi la osserviamo da grande distanza, tranne per quanto riguarda alcune Scene Madri che avvengono e cambiano i paradigmi, come l’ 11 settembre.

La quotidianità è una storia secondaria di questo grande spettacolo, è come un premio di consolazione per chi non sarà ricordato dagli archivi del futuro. E’ una dimensione più bassa della realtà. Ed è proprio per questo che quando qualcuno vive immerso nella versione soggettiva e quotidiana della realtà, perde quel sentore di spiritualità che invece avvolge completamente gli eventi storici e chi ne è protagonista e ricevente diretto. Si dice che la vita vera va vissuta con piena intensità perché è allora che emerge una ” trama, un significato, uno scopo ” mentre invece la meccanicità della vita ripetitiva ci fa disconnettere.

La Storia è ciclica, periodica, in un certo senso , adesso stiamo imparando come, quantificabile, e spinta da una fonte iniziale verso uno scopo. Non è ancora chiaro se ci stiamo dirigendo verso un grande finale collettivo, oppure se ne siamo lontani, ma eventualmente ad un certo punto questo momento atteso si verificherà. La Pausa degli anni ’90 è stato solo un breve intervallo.

Se ci pensate, tutte le potenze della Storia sono state accompagnate da una religione dominante, da una icona, da una ideologia e comunque da un credo collettivo, qualunque esso era. Chi è lontano dalla Storia , a parte le ormai rare civiltà tribali, è lontano dalla religione, ed è lontano dagli sguardi. E’ come se le nazioni di periferia fossero dominate dal fattore soggettivo – quotidiano, mentre le nazioni con un passato culturale e storico e un presente dominante non possono fare a meno di mischiare la quotidianità con la fenomenologia storica.

Oggi ho letto che partecipare a un comizio di Trump sta diventando un movimento spirituale più che politico. Trump è in questo momento la creatura dominante del pianeta, in un certo senso, e gli americani stanno vivendo la sua vita attraverso la collettività. Trump è l’ incarnazione stessa della sua nazione. E’ quindi ovvio che raggiunga un successo così elevato, il suo carisma è ammaliante, e spirituale.

In un certo senso si può quindi ancora una volta interpretare il costrutto di Terence Mckenna della timewave, cosa che per diversi mesi abbiamo messo da parte, un concetto parzialmente errato, non ancora perfezionato, ma in un certo senso fondamentalmente valido, in questo modo: i due fattori sono novità e abitudine, e la novità è sempre percepita e vissuta dalla collettività, mentre l’ abitudine è sempre vissuta in modo soggettivo e quotidiano. La novità è quella interferenza che rende la vita speciale e straordinaria.

Ed è per questo che noi siamo così attaccati al passato, così intrisi di nostalgia. Noi abbiamo nostalgia di un aspetto spirituale della vita, perché la Storia è una realtà superiore, separata completamente dalla vita ” realistica “, del tran tran di tutti i giorni e generalmente non straordinaria.

Io e il mio collega blogger ci siamo detti: questo è un concetto evidente, elementare, di una realtà disarmante, eppure non sembra una interpretazione comune, sembra ancora essere una interpretazione troppo innovativa e troppo pionieristica, quindi per questo ancora difficile da capire.

Ed è tutto questo che ci riporta sempre verso una verità: la nostra realtà è artificiale, e non naturale. Shakespeare aveva ragione: la vita è un grande spettacolo. Mckenna interpretava il mistero della Storia come una dimensione psichedelica della realtà, una crisalide dell’ essenza umana, attraverso la quale un giorno emergerà una creatura del tutto differente e superiore. Mckenna parlava di simulacro.

Ne risulta quindi che chi vive la vita con scetticismo e attaccamento al materiale, vive questa dimensione con un grado di immersione più elevato e concentrato , a differenza di chi , quasi sempre alienato e a disagio nei confronti della dimensione che noi interpretiamo come ” realistica ” della vita, percepisce qualcosa di differente e distorto. Chi la vede come noi vede una visione di insieme, e ha una coscienza superiore, una consapevolezza differente. Noi siamo un po’ impacciati nella realtà che la visione razionale ha costruito perché compensiamo queste difficoltà con una visione differente, e questo cambia tutto.

Anche se noi non sappiamo perchè siamo proprio noi in questo modo e perché altri sono in un altro. Del resto non è forse stato scoperto che la materia in sé non esiste? Non c’è altra esperienza al di fuori del panorama mentale. E questo dice tutto.

Guardatevi intorno. Non fate sì che l’ apparente naturalezza e ” banalità ” della vita vi distolga dal concetto su cui dobbiamo focalizzare la nostra attenzione. La Storia con tutta la sua artificialità e con tutta la sua trama è concreta ed è il grande Elefante in mezzo alla stanza, la Verità in piena vista.

E non è una interpretazione ispirata dalla nostra attualità mediatica e focalizzata sul cinema. La Storia è emersa prima di tutto questo. E’ il fulcro dell’ attività umana.    

Cicli storici : 250.000 anni, 4306 anni, 67 anni, 384 giorni, 6 giorni, 1 ora e 25 poi minuti, secondi e zero – Historical cycles 250.000 years, 4306 years, 384 days, 6 days, 1 hour and 25 minutes than less minutes, than seconds, than zero
Time travel invention is the expected deus ex machina that will change the structure of time.

Primo postulato: il tempo ha una struttura mappabile ( frattale ) su un software, è costituito da elementi che ne determinano la qualità e la direzione ( in senso verticale non orizzontale perchè sì il tempo va avanti sempre dal presente verso il futuro ). La qualità è determinata da questo software realizzato con la collaborazione di alcuni matematici e si può verificare nel passato, presente e futuro. Esistono principalmente due fattori: ” consuetudine ” e ” novelty ” ( inconsuetudine, cambiamento, progresso ). Secondo la teoria uno di questi fattori sta gradualmente perdendo di valore e si sta dissolvendo.

Secondo postulato: il tempo è ciclico. La sua struttura grafica presenta segmenti di lunghezza di tempo variabile ( 250.000 anni, 3406 anni, 67 anni, 384 giorni, 6 giorni ) ma costituiti dalla stessa sequenza di ordine dei ” tasselli ” del grafico che si ripetono sempre nello stesso modo, ma appunto a velocità variabile. Da qui deriva l’ altro aspetto del tempo, tempo che influenza la realtà, tempo che influenza gli eventi umani e naturali, e ne deriva una risonanza degli eventi storici. E’ possibile calcolare con la formula da me data sopra, e attraverso la consultazione del grafico, quando un determinato evento ha una ” finestra temporale ” dove quel particolare segmento si ripete. Teoricamente prevedibile fino a ora e minuto. Solamente in quella determinata finestra è possibile che questo evento ritorni in versione moderna. Con la formula si arriva a capire che collegando due date e mettendole in una formula si arriva a un risultato che rappresenta ” la data finale / di transizione quindi ” che l’ accoppiamento di questi eventi storici determina. Più volte si ottiene lo stesso risultato, tanto più è probabile che quella sarà la data di transizione perchè vuol dire che gli eventi si stanno effettivamente ripetendo nell’ ordine che la teoria ci propone.

Terzo postulato: la struttura del tempo ha una data di scadenza. Secondo la teoria, la perdita graduale del fattore di consuetudine rappresenta un cambiamento graduale delle dinamiche tempo – storia che ci porterà a un momento che rappresenterà tutto il tempo – passato e presente e futuro nello stesso giorno – una vera e propria singolarità, e Mckenna ha interpretato questo giorno posizionato nel prossimo futuro come l’ invenzione e attivazione del primo tentativo di viaggiare nel tempo. Secondo lui sarebbe possibile solamente viaggiare nel futuro e non nel passato, ma l’ attivazione di un primo viaggio nel tempo avrebbe comportato una sorpresa imprevista: secondo lui a quel punto la realtà come la conosciamo cesserà di esistere e verrà sovrapposta da una differente dove ci approcceremo in modo differente allo spazio – tempo. Come se avessimo trovato un codice definitivo che sblocca tutto il futuro, e per questo la struttura del tempo cesserà di avere validità.

In sostanza: tempo dotato di struttura ( teorica ), frattale, dotato di qualità e fattori, ripetizione ciclica degli eventi storici e naturali, fattori matematici, possibilità di mappare tale struttura e consultarla, anticiparne le dinamiche future, fattore di transizione verso un differente approccio allo spazio – tempo.

https://civiltascomparse.wordpress.com/2010/05/11/quattro-momenti-di-una-conferenza-tenuta-da-terence-mckenna/
1 – Il revival arcaico:
La Storia sta per finire perché la cultura dominante ha condotto la specie umana in un vicolo cieco e, mentre la catastrofe inevitabile si avvicina, la gente è in cerca di metafore e risposte adeguate per descrivere la situazione.
4 – Timewave Zero:
Salve a tutti…bene. Avete mai notato come, mmh, ci sia una certa QUALITA’ della realtà che va e viene, e la natura dei flussi e riflussi, e nessuno ne parla mai o le dà un nome per esprimerla, tranne alcuni. Per esempio, qualcuno chiama un determinato giorno “non adatto per tagliare i capelli”, oppure alcune persone dicono: “Le cose stanno andando davvero in modo strano recentemente.” E penso che non ci facciamo caso e ne parliamo mai perché siamo incorporati in una cultura in cui ci si aspetta di credere che tutti i tempi siano sostanzialmente uguali l’un l’altro, e che il vostro conto in banca non abbia fluttuazioni eccetto in relazione alle vicissitudini della vostra esistenza. In altre parole, ci si aspetta che ogni momento sia uguale all’altro, e tuttavia questo non è ciò che sperimentiamo. E così quello che ho notato è che la realtà è in esecuzione attraverso il flusso e riflusso delle novità. E alcuni giorni, e alcuni anni, e alcuni secoli sono molto insoliti in effetti, e alcuni non lo sono. E vanno e vengono a ogni scala (giorno, anno, secolo) in modo diverso, intrecciandosi, risuonando. Questo è ciò che il tempo sembra essere. La scienza ha trascurato questo, il più saliente dei fatti riguardanti la natura: cioè che la natura stessa è una macchina per conservare le NOVITA’.
Ciò che noi rappresentiamo non è un evento collaterale, o un epifenomeno, o un qualcosa di accessorio, o altro, sul bordo del nulla. Ciò che rappresentiamo è il nesso di novità concrescente il quale si è mosso, spostato tutto assieme, si è complessificato, si piega su se stesso per miliardi e miliardi di anni. Non vi è, per quanto ne sappiamo, niente di più avanzato di quello che è seduto dietro i vostri occhi. La NEOCORTECCIA umana (il neopallio) è la struttura più densamente ramificata e complessa dell’universo conosciuto.
Non le informazioni genetiche, non la mutazione genetica, non la selezione naturale, ma l’attività EPIGENETICA: scrittura, teatro, poesia, danza, arte, tatuaggi, piercing e filosofia.
E queste cose hanno accelerato l’ingresso di novità in modo che siamo diventati UN’IDEA espellendo forza della natura per costruire templi, costruire le città, costruire macchine, motori sociali, i piani, e questa idea si diffonde sulla terra, nello spazio, nel dominio micro-fisico.
L’ondata di novità che si è srotolata ininterrotta fin dalla nascita dell’universo, è ora concentrata e fusa nella nostra specie.

“TimeWaveZero” è un sistema di calcolo informatico, inventato da McKenna negli anni settanta con la collaborazione di alcuni matematici, basato sui cicli temporali dei 64 esagrammi dell’oroscopo cinese, l’I Ching. La sua ultima versione risale al 1993, ed è quella tuttora utilizzata. Esso parte dalle premesse che il tempo della storia umana è basato su due elementi in contrapposizione tra loro: le novità (per esempio, un tempo anche un oggetto comune come la ruota fu novità) e la conservazione delle abitudini (le quali un tempo furono novità.) Inoltre, gli eventi della storia umana si ripetono in maniera autosomigliante – come i frattali – anche se con personaggi, situazioni e intensità differenti, e possono dunque essere calcolati e mappati da un grafico ciclico, il quale quando la sua linea è ascendente vuol dire che la conservazione delle abitudini predomina sulle novità e il contrario quando è discendente. La cosa fondamentale da sapere su questo grafico è che non prosegue indefinitamente, ma ha un termine, un punto finale dove la conservazione delle abitudini raggiunge lo zero e la novità raggiunge l’infinito. Dove quindi avviene un Evento che non ha paragoni con nessun altro evento nella storia dell’uomo, un momento di rottura quindi, di forte discontinuità con tutto ciò accaduto precedentemente.

Questo punto, nel programma informatico, viene calcolato partendo da una data nel tempo in cui è avvenuto qualcosa di particolarmente significativo, quindi una rottura dell’abitudine evidente, aggiungendo un determinato numero di giorni a partire da quella data e facendo si che tutto torni, nella storia del mondo, utilizzando quel determinato punto nella mappatura temporale del programma.

Il problema dei problemi é di far sì, (a parte avere fede nel funzionamento del programma e nella realtà delle premesse su cui si basa) in un certo senso, che “la mappa coincida col territorio”, il territorio è il tempo della storia umana, la mappa è il software “TimeWaveZero” e, a seconda di dove si mette il puntatore, diciamo così, a seconda di dove, all’interno del grafico, si dica “Questo punto del ciclo rappresenta proprio quella determinata data”, bisogna vedere poi se vi sia davvero coincidenza tra il punto del ciclo e una determinata data scelta come quella più indicata per far quadrare tutto. Insomma, il gioco è quello di scegliere una data nella storia dell’uomo che si vede come particolarmente indicata per essere un forte punto di discontinuità con ciò che è accaduto prima, un forte momento di novità, di ampliamento di coscienza collettiva e – attraverso determinati calcoli – trovare il punto finale, verificando poi, a partire da questo, che altri punti del grafico coincidano con altre date significative.

Il modo in cui il Timewave è costruito a partire dalla sequenza degli esagrammi dell’I Ching, implica che determinati periodi hanno un significato particolare, vale a dire i periodi di una giornata (corrispondente a una riga in un esagramma), sei giorni (dal momento che un esagramma ha 6 linee) , e 6 * 64 = 384 giorni (dato che l’I Ching ha 64 esagrammi). E, conseguentemente, tutti i periodi composti da 384 moltiplicato per una potenza di 64, come in 384 * 64 = 24,576 mila giorni (circa 67 anni), 384 * 64 * 64 = 1.572.864 giorni (circa 4306 anni) e così via. Questi periodi possono essere chiamati “cicli”.

Terence McKenna presume che ogni punto della Timewave precedente al punto zero per un certo numero di giorni in qualunque di questi periodi, cioè, ogni punto che è l’inizio o la fine di un ciclo, deve essere un punto di grande novità (rispetto agli altri punti della Timewave), dimodoché, quando viene effettuata una corrispondenza tra il tempo della Timewave e quello storico (fissando la data zero), i punti nel tempo corrispondenti a questi punti del grafico mostreranno grande novità. In particolare, il punto di 16.834 giorni ( 45 anni ) precedenti al punto zero sarebbe un momento di grande novità.

In questo modo, Peter Meyer ci mostra come si possa trovare un punto di particolare novità nel grafico, mettiamo in qualche momento del periodo 1969-1979 per ottenere una data di punto zero nel periodo 2014-2024.

La storia umana si sta ripetendo in un processo a spirale, che grazie alla teoria della timewave zero, e’ possibile non solo studiare e analizzare, ma anche anticipare. Questo processo e’ matematicamente calcolabile, e si è’ svolto in un ciclo di 4306 anni, e un altro di 67 anni, e ora siamo nel ciclo dei 384 giorni. Tutta la storia umana viene replicata in versione moderna come se vivessimo in un loop dove ogni evento storico gode di una chance in più di replicarsi, magari in un paese diverso, ma che in certi aspetti fa da paese specchio.

la teoria implica che gli ultimi due anni prima della data zero siano come fratelli gemelli, siccome nel penultimo finisce il ciclo dei 67 anni, e inizia quello dei 384 giorni, facendo in modo che gli eventi moderni si ripetano in due circostanze specchiate.

https://civiltascomparse.wordpress.com/2016/10/29/le-basi-della-teoria-del-tempo-frattale-di-mckenna/

La “Timewave zero” è un software grafico basato su formule matematiche. Secondo McKenna dovrebbe calcolare il flusso e riflusso della “novità”, definita come aumento nel tempo dell’interconnessione nell’Universo, oppure la complessità organizzata.[16]Basandosi sull’interpretazione di McKenna della sequenza “King Wen” delle tessere dell’ I Ching cinesi, il grafico sembra mostrare grandi periodi di novità, corrispondenti con i maggiori cambiamenti nell’evoluzione biologica e nei cambiamenti socioculturali dell’umanità. Secondo Mckenna il tempo e’ in eterno conflitto fra una situazione statica, stagnante, abitudinaria e conservativa, e una situazione turbolenta, inusuale, progressiva e caotica, e quest’ ultima situazione è destinata a prevalere sulla prima sempre di più col passare del tempo fino all’ annullamento della prima.
Questa teoria che dimostra che il tempo è mappabile e che la storia è ciclica , e inoltre il comportamento umano nei confronti della storia è prevedibile.

Terence Mckenna ha sempre avuto due idee precise per cosa sarebbe accaduto alla fine del grafico: il primo viaggio nel tempo. / il contatto con una civiltà extraterrestre

Terence Mckenna diceva che saremmo passati dallo spazio-tempo al tempo-spazio, e secondo lui sarebbe stato come attivare tutti i trucchi di un videogioco e ” completare ” il gioco, diceva che sarebbe seguita subito un’ anticipata singolarità tecnologica e avremmo avuto a disposizione di tutto e all’ istante.

Diceva che il viaggio nel tempo non implicherà un vero e proprio macchinario che il pubblico potrà usare per viaggiare fra le epoche, ma che causerebbe una modifica delle leggi della natura causando la trasformazione della epoca presente nella versione più evoluta immaginabile del futuro. Per evitare ogni paradosso tipico dei viaggi nel tempo sarà il futuro stesso a sovrapporsi al presente e ad arrivarci incontro.

Quindi il grafico non sarebbe potuto essere lo stesso. In teoria il grafico esce fuori scala, e assume un movimento unico, e l’ abitudine nella storia non esisterà più, sarà proprio debellata e vivremo in un mondo dove la novità e il progresso prevale su tutto.

le ripetizioni degli eventi avvengono secondo tematiche: il grafico è in grado di descriverci una sorta di orologio biologico-storiologico umano, cioè è in grado di dirci quando ci sono maggiori potenziali per guerre, rivoluzioni e periodi di progresso. Guardando al passato, alla traccia sul grafico, possiamo capire esattamente cosa ci aspetta in un determinato periodo futuro. Non c’ entra occidentale od orientale. E’ un processo globale. Direi proprio biologico.
Ne consegue che esiste un fenomeno sincronicistico secondo il quale epoche diverse hanno la stessa struttura grafica per cui gli eventi si ripresentano in forma moderna e in maniera sempre più compressa tanto è che un anno del passato viene compresso in sei giorni del presente.


Visualizza immagine di origine

Queste sono le condizioni che deve avere l’ evento finale…
– Non deve avere precedenti nella storia
– Deve mantenere una connessione fra gli esseri umani ( non deve danneggiare le comunicazioni globali )
– Deve essere immediatamente percepibile da tutto il mondo
– Dovrà avere un ruolo nel modo in cui cambieremo la nostra percezione del tempo
– Dovrà porre fine alla possibilità degli eventi di ripetersi secondo il modello convenzionale.
In teoria ogni civiltà evoluta nell’ universo dovrebbe avere una sua versione di timewave ( orologio biologico ) e se due civiltà si incontrassero, le loro timewave si fonderebbero…L’ evento finale infatti è chiamato un’ interferenza nella storia convenzionale.

Il concetto di I-Ching vede il tempo come un numero finito di distinti e irriducibili elementi, nello stesso modo in cui gli elementi chimici compongono il mondo della materia. Tali elementi sono 64. Il grafico è un modello di tempo che incorpora la conservazione e l’ ingresso della novità.
Gli esagrammi accadono in coppia nella sequenza King Wen. Il secondo è l’ inverso del primo. In ogni sequenza di 64 esagrammi ce ne sono 8 che non cambiano una volta invertiti, e sono accoppiati con esagrammi in cui ogni linea del primo esagramma è diventato il suo opposto.

Mckenna è partito dal calcolo del numero delle linee che cambiano dal passaggio da un esagramma al successivo in una serie elaborando una sequenza di base.
 Zero
 2 ore e 25 minuti
 6 giorni
 384 giorni
 67 anni – 1951
 4306 anni ( 67 X 64 ) – 2300 a. C.
 275.000 anni ( 4300 X 64 ) – l’ emergere dell’ homo sapiens
 18 milioni di anni ( 275.000 X 64 ) – l’ inizio dell’ era dei mammiferi
 1.3 miliardi di anni – l’ inizio della vita sul pianeta
http://www.fractal-timewave.com/

https://civiltascomparse.wordpress.com/2017/11/05/una-raccolta-degli-articoli-piu-caratteristici-del-blog/

L’ era postmoderna attuale ( dal 1973 – ma più precisamente dal 1990 ) ha come caratteristica principale l’ inaudita percezione di termine della storia – da intendersi come termine dell’ era dei miti, della ” storia come era una volta “, delle icone simbolo, dell’ innovazione e dei pionieri, e dell’ immaginario futuro. Nessuno storico o sociologo ne parla ma siamo intrappolati da decenni in un bizzarro e continuo riflusso di nostalgia, la musica, la cultura, la televisione, sono ripiegate verso il passato, in un loop continuo di revival, remake, retrò. Ci dovremmo accorgere che nessuna ” icona ” attuale persisterà nei ricordi nei decenni a venire, che la musica stilisticamente ha cessato di cambiare ed è praticamente morta creativamente. E’ un fenomeno inedito nella storia e andrebbe studiato a fondo. Secondo il nostro blog questo fenomeno sta per terminare bruscamente per capovolgersi ( non senza un evento trigger ) e dare luogo a un fenomeno di innovazione assoluta, in tutti gli ambiti della vita e della cultura.

McKenna considerava che il tempo presente veniva “tirato dal futuro verso uno scopo così inevitabile, come una biglia che invariabilmente raggiungerà il fondo di una tazza, quando la si rilascia vicino al bordo finendo a riposo, nello stato con minore energia, ossia in fondo alla tazza stessa. Quello è precisamente il mio modello della storia umana.” Nella “Novelty theory“, Teoria della Novità, determinati periodi storici sono connessi da un rapporto di mutua interferenza costruttiva o entanglement quantistico. Il fattore novità equivale alla densita di connessione sociale – culturale.

https://civiltascomparse.wordpress.com/2010/04/15/loccidente-ha-esaurito-la-sua-spinta-propulsiva/
https://civiltascomparse.wordpress.com/2010/08/16/i-misteri-della-cospirazione-e-della-linea-spaziotempo-1956/
https://civiltascomparse.wordpress.com/2010/08/18/ancora-sulla-linea-spaziotempo-post-1956/
https://civiltascomparse.wordpress.com/2010/10/02/ulteriori-precisazioni-sugli-anni-da-cui-tutto-e-cominciato/

https://civiltascomparse.wordpress.com/2011/03/21/segnali-di-esaurimento-delle-novita-nella-maniera-consueta-di-vedere-il-mondo-e-la-storia/

https://civiltascomparse.wordpress.com/2014/03/17/la-storia-e-un-processo-di-metamorfosi/

https://civiltascomparse.wordpress.com/2016/04/06/come-funziona-il-tempo-secondo-mckenna-meyer-timewave-zero/

https://civiltascomparse.wordpress.com/2018/03/29/reportage-di-storia-ciclica-parte-2-dove-siamo-arrivati-con-le-ripetizioni-storiche/

IN COSA CONSISTE IL FATTORE NOVELTY negli eventi storici:

– Eventi inaspettati, nuovi, diversi, bizzarri
– Aggregazioni di persone, coinvolgimento di massa
– Connettività fra le persone
– Eventi di valore storico, in grado di finire sui libri di storia
– Eventi di grande scissione fra le epoche, separazione dal passato
– Lavoro creativo
– Eventi generatori di numeri massimi di audience mediatica
– Nuove informazioni e scoperte
– Distruzioni ambientali ed eventi a livello estinzione o generatori di un grande numero di morti
– Eventi che generano cambiamenti culturali
– Eventi che generano progresso tecnologico
– Eventi che generano una riduzione delle barriere
– Eventi che generano sincronicità

IN COSA CONSISTE IL FATTORE HABIT negli eventi storici:

– Routine, eventi programmati, regolari, soliti, nella media, mediocrità
– Individualità e azioni solitarie
– Disgregazione di persone
– Problemi di connettività sociale
– Periodi triviali, poco significativi, periodi di transizione
– Conservazione e continuazione di abitudini passate, tradizioni
– Stagnazione culturale
– Maggiori limitazioni e barriere più forti

Sul grafico timewave sei giorni di tempo corrispondono alla ripetizione storica di un anno di storia, e un mese corrisponde a cinque anni di storia rievocata. Di conseguenza ogni anno che passa vengono rievocati sessanta anni di storia. Questo vuol dire che in 5 anni si ripetono 300 anni di storia, ogni 10 anni 600 anni di storia,  ogni 15 anni si ripetono 900 anni di storia , e ogni 25 anni equivalgono a 1500 anni.

Visualizza immagine di origine

Un’ automobile a tutta velocità contro un muro
3 / 11 / 2011

Ho già scritto precedentemente che gli ultimi decenni del xx secolo – così ricordabili e fatti ricordare – possono essere riconducibili a una specie di traguardo (ma questa parola non mi piace) situato nel FUTURO. In quello che per le genti dei decenni del novecento – secolo strapieno di violenza e di speranza, così mitizzato – era il futuro.
Ora, io non credo per principio a nessuna profezia codificata, sono dell’idea che “credere o non credere” sia soltanto avere o meno dei pregiudizi, la realtà va sperimentata.
Io osservo. Il mio inconscio incamera e fornisce delle visioni, di tipo quasi “sciamanico”, nel pieno dell’occidente ipertecnologico e devoto alle elaborazioni dell’emisfero sinistro del cervello. Fatico molto a riportare le visioni su carta o su questo blog, dal momento che il mio livello culturale (legato allo stato cosciente di veglia, e quindi alla condizione ipnotica dovuta al linguaggio) non è per niente adeguato, non è sufficiente a riportare in un modo soddisfacente le esplosioni simboliche, archetipe, visionarie, profetiche che bussano al di là della porta socchiusa che fa da tramite tra l’inconscio e il conscio.
Il mio livello culturale è inadeguato!
Qualche anno fa, quasi scherzando, avevo detto a un amico, mentre avevamo tutt’e due i cellulari in mano: “Eh, di questo passo, la miniaturizzazione progressiva della tecnologia dell’informazione-comunicazione, ci porterà a cosa? Alla telepatia?!” Lui si era mostrato scherzosamente d’accordo con me, e aveva aggiunto una constatazione che ora non ricordo.
Un cambiamento di paradigma scientifico potrebbe avvenire, non in termini di decenni o secoli, ma in termini di ore, anzi di secondi.
La percezione di un campo di coscienza strutturatrice di forme attraverso schemi frattali basati su ciò che viene chiamato “geometria sacra”. Un tipo di visione della realtà – dove ogni elemento di essa è strettamente legato a ogni altro elemento, come le cellule di un organismo – che sarebbe fondata su un tipo di energia ILLIMITATA e SENZA COSTI, attinta dallo stesso tessuto dello spaziotempo.
Il cambiamento di percezione sarebbe del tutto radicale, paragonabile a quello di un essere umano appena uscito urlante dal grembo materno. Si tratterebbe del frutto ultimo di ricerche sperimentali sviluppate tra il XIX e il XX secolo, e poi interrotte, insabbiate, dagli anni 10 del novecento. ( …)
Quindi vi è la necessità di far andare le cose “di male in peggio” sempre più velocemente ma, nello stesso tempo, sarà sempre più rapida anche l’emersione di quel NUOVO ASSOLUTO, INFINITO, di cui dicevo. L’attuale rovesciamento della situazione internazionale in cui viviamo, il procedere verso la cosiddetta UTOPIA REALE (fine del sistema di scambi corrente,pace definitiva nel mondo, comunismo autentico, energia illimitata, possibile contatto extraterrestre) non può che avvenire in un tempo assai breve, una volta che il movimento verso questo esito avrà acquistato sempre maggiore velocità. In qualsiasi momento ciò partirà, non avrà bisogno di secoli o millenni, ma di una giornata o anche meno. Esattamente come lo sterminio di miliardi di persone in una guerra mondiale termonucleare. Sarà qualcosa paragonabile a un uomo a cui non gli è quasi successo mai nulla nella sua vita, e che gli succede di tutto e di più l’ultimo giorno che ha da vivere.
Vi sarà una polarizzazione crescente della situazione, immediatamente prima di questo rovesciamento. Come dice il mio amico, non si potrà più mediare tra le spinte evolutive e quelle involutive, tra le spinte dell’ego e quelle del sè, si arriverà a un punto in cui bisognerà prendere una decisione netta: o di qua o di là. Intanto sembrerà di trovarsi dentro un frullatore alla massimo dei giri!
Premettendo che si tratta di un’IMMAGINE POSITIVA, è come se fossimo su un’automobile che va a tutta velocità contro un muro (diamo un’occhiata a queste statistiche sul sito del futurologo Peter Russell…), e il momento dello scontro sarà il punto esatto in cui la nuova umanità verrà alla luce dal grembo della terra, dopo una gravidanza durata secoli, millenni. Si potrebbe pensare a una SUPER-CONVERGENZA di tutte le attuali apparecchiature/mezzi per la comunicazione/informazione – televisione, radio, internet, telefono, cinema, libri – attraverso le nanotecnologie, oppure il campo di coscienza unificata esposto da nuovi ricercatori come Nassim Haramein, o anche entrambe le cose. Da quel momento lì in poi non vi sarà più alcuna distinzione tra realtà virtuale e realtà reale, in un trascendimento completo di entrambe. Nel rendersi conto che avevamo scambiato una realtà virtuale per una realtà reale, e che per realtà virtuale si intende ogni punto di vista di una coscienza centrale che si percepisce:
1) Separata dal mondo;
2) Circondata da coscienze altre che avverte come diverse, estranee a essa e appartenenti a quel mondo separato;
3) L’interazione con queste coscienze esterne da estraneo a estraneo.

Si tratterà di un momento SINCRONICO totale di estrema rilevanza. Pensiamo allo scambio di battute alla fine del film “The Truman Show” tra Truman e il regista della sua vita: “Allora non c’era niente di vero…” “TU eri vero!”

Peccato che, per quanto mi riguarda, ciò che ho scritto è del tutto insoddisfacente. Ciò che ho appena esposto è solo un’idea banale, che non riesce per nulla a evocare ciò che avverrà nel bel mezzo del “punto di biforcazione.” Totalmente inimmaginabile. Si tratterrà di qualcosa somigliante all’emersione di un ricordo lontanissimo, quasi come se, nel nostro profondo, avessimo sempre saputo che la storia del mondo sarebbe andata a finire così.

Come le immagini CLASSICHE di un avvenimento storico conosciutissimo, come le immagini dei comizi di Hitler, delle folle durante la crisi del 1929 e le barricate giovanili in strada a Parigi nel 1968, o… E non è nemmeno corretto chiamarlo “punto finale” della storia del mondo, dal momento che in realtà sarà un “punto iniziale.” O, meglio, una specie di CONVERGENZA tra la fine e l’inizio della storia. Un “punto di biforcazione”, appunto. Conto di ritornarci sopra, più dettagliatamente, in un prossimo articolo sul fatto che in realtà è come se percepissimo la direzione del tempo in maniera rovesciata. Intanto, voglio ricordare questa frase del surrealista Andrè Breton, il cui spirito è affine a ciò che ho appena scritto.

Mi piace parlare di “magnitudine” in relazione alla potenza e all’influenza di certi avvenimenti storici, utilizzando il gergo con cui si misura l’intensità delle scosse sismiche. Alla FINE di tutto, in qualunque punto dell’attuale direzione temporale questa fine si trovi, vi sarà un avvenimento paragonabile alla caduta dell’Impero Romano, alla rivoluzione americana, alla rivoluzione francese, alla rivoluzione russa ecc…ma di magnitudine estremamente più elevata, tale da riguardare l’intero pianeta e non solo. Già soltanto la fine del dominio millenario dei mercanti-prestatori di danaro a interesse – e del controllo dei “sacerdoti del tempio” – potrebbe scatenare un effetto domino dagli esiti imprevedibili.

Stiamo parlando di “un’automobile che va a tutta velocità contro un muro”, e fu proprio l’industria dell’automobile a motore a scoppio basato sull’utilizzo degli idrocarburi, che prevalse dall’inizio del secolo scorso in poi, quel monopolio sulle energie inquinanti e non rinnovabili, il quale ebbe così parte nell’implementazione del sistema finanziario federale americano, esteso in seguito a tutto il mondo dopo due sanguinose guerre mondiali.

E’ accaduto QUALCOSA nel primo decennio del novecento.
Sono state bloccate ricerche scientifiche le quali andavano nella direzioni contraria ai grandi monopoli finanziari basati sulla gestione della scarsità e sulla distribuzione di energia ad alto costo di estrazione. Mantenendo e portando avanti negli anni una struttura di potere tuttora esistente. E’ stato negli anni dieci del XX secolo che questa struttura di potere (figlia diretta – nel corso dei secoli – di “Babilonia la grande” e dell’Impero Romano), ha cominciato a pensare all’obiettivo di estendersi, dominando sull’intero pianeta, a partire dall’ “estremo occidente.”
In una rivista di estrema destra non complottista, ho visto nominare questa estensione della N.A.T.O. sull’intero pianeta terra, come “Impero del Demiurgo”, una pseudodivinità che, secondo lo gnosticismo, reggerebbe tutte le cose del mondo volendosi far scambiare dagli uomini per il vero Dio.
Persino una questione che avrebbe creato tanti problemi in futuro, ovvero quella del sionismo, e dello stato confessionale ebraico in territorio palestinese, è iniziata a concretizzarsi davvero in quel decennio di cento anni fa, con la cosiddetta DICHIARAZIONE BARFOUR del 1917, dove l’impero britannico (per tramite dei Rothschild) dichiarava il suo nulla osta per uno stato sionista in Medio Oriente, da costruire sulle spoglie dell’Impero Ottomano il quale si stava sbriciolando nella Grande Guerra.

https://civiltascomparse.wordpress.com/2019/04/23/timewave-zero-fattore-novelty-come-densita-di-interconnessione-fra-menti-coscienti-a-livello-globale/

Considerando che Terence Mckenna identificava il fattore novelty del grafico di mappatura della struttura del tempo frattale Timewave Zero come livello di interconnessione cosciente fra menti individuali, e livello di intensità e aggregazione di pensiero – linguaggio verso un singolo argomento – evento, possiamo cercare un altro modo di individuare eventi apportatori di novelty crescente , per esempio fra eventi che hanno generato una audience televisiva di numeri che vanno da 1 a 3 miliardi di telespettatori,  ma anche eventi che hanno coinvolto folle di milioni di persone.

In questo modo possiamo anche mettere un attimo da parte gli eventi scioccanti, imprevedibili, sorprendenti, unici, tecnologicamente innovativi, e quelli che hanno aggiunto qualcosa di importante alla nostra conoscenza informativa del mondo. In questa modalità di indagine e ricerca ci occuperemo degli eventi che hanno attratto il maggior numero di menti individuali a visualizzare, essere coinvolti come partecipanti o come spettatori, discutere e osservare un singolo evento.

Peter Meyer, sviluppatore del software della Timewave, pensava che il 9/11 fosse l’ evento apportatore del più intenso livello di novelty della storia dell’ uomo. Un evento che è stato visualizzato alle televisioni del globo da 2 miliardi di individui di tutte le nazioni. Ma se non fosse così? Se il crescendo costante dell’ influenza sul fenomeno Storia e sulla coscienza globale del fattore novelty dipendesse invece dalla diffusione di televisori e dalla trasmissione di programmi ed eventi di spettacolo globali allo scopo di concentrare sempre più l’ attenzione – osservazione delle menti coscienti verso un’ unica direzione – evento? Allora il 9/11 sarebbe solo un evento fra i tanti che hanno coinvolto più di 1 miliardo di osservatori contemporaneamente.

Scopriremo quindi che l’ evento televisivo con la più grande audience di tutti i tempi è avvenuto durante la inaugurazione delle Olimpiadi Statunitensi ad Atlanta il 19 luglio 1996, con l’ incredibile audience di 3 miliardi e mezzo di persone.

Scopriremo anche che il periodo di interconnessione globale continuato in un breve periodo più intenso di tutti i tempi si è verificato nell’ agosto del 2008, fra l’ 8 e il 24 agosto 2008, con la inaugurazione delle Olimpiadi Cinesi, visualizzata da 2 miliardi di persone, una Olimpiade che ha generato una audience giornaliera costante di 593 milioni di persone per ogni giorno della sua trasmissione.
Per fare un paragone, ogni match dei mondiali del 2018 ha generato 191 milioni di spettatori ogni giorno fra giugno e luglio 2018.

Capiamo quindi che cosa sta crescendo veramente, la capacità degli eventi di spettacolo e intrattenimento sportivo – musicale – tributativo di concentrare l’ attenzione mediatica globale tramite l’ utilizzo della televisione e di Internet, che continuerà ad aumentare fino a raggiungere il culmine assoluto, si suppone durante l’ Eschaton generato dalla struttura frattale del tempo secondo la formula di Mckenna.

Ci avviciniamo ad un momento nella storia unico nel suo genere, che sarà in grado di concentrare l’ osservazione e l’ attenzione mediatica di tutti gli umani viventi in tutte le nazioni e le zone del mondo. E’ sempre più vicino quel momento, è un fenomeno che si ritiene sia impossibile da evitare, essendo esso l’ obiettivo finale del bizzarro, innaturale, artificialmente congetturato e coscientemente modellato e guidato fenomeno della STORIA UMANA. La nostra ipotesi è che da oggi al 2024 – 2025 esso si verificherà.

Se davvero il grafico di mappatura frattale del Tempo di Mckenna è in grado di misurare e individuare la concentrazione intensificata del – coinvolgimento in esperienze -, della osservazione collettiva di un evento, e della aggregazione e solidificazione della struttura (metafisica) della Coscienza Globale, fusione dell’ enorme numero di attività coscienti individuali, allora dovremmo trovare un modo di individuare sul grafico tutti questi eventi di magnitudo storico – mediatica globale, e le aggregazioni fisiche delle folle di persone.

Noi sappiamo che all’ incirca ogni 2 anni il grafico Timewave presenta un -salto di novità- della durata di 2 mesi ( 64 giorni per l’ esattezza ), che si tratta di un periodo di intensificazione del fattore novelty ( progresso, eventi scioccanti, eventi di grande impatto mediatico, concentrazione della coscienza globale su un singolo evento – argomento
) , e sappiamo che quando la linea del grafico si alza, significa che le cose tornano alla normalità, le persone si – disgregano – e si fanno azioni che si focalizzano sulla propria individualità personale, fino a raggiungere un punto di frizione ( i picchi del grafico ) che indicano, probabilmente, annunci di eventi che concentreranno l’ attenzione, e l’ inizio di una transizione fra individualità e disconnessione reciproca verso una condizione di collettività e interconnessione collettiva – mediatica – globale. Il picco del grafico più importante e significativo si verifica a 16. 384 giorni dalla – data zero Eschaton – , quindi per il periodo 2019 – 2024 si dovrebbe trovare negli anni della decade dei Settanta del 20° secolo.

https://civiltascomparse.wordpress.com/2019/04/25/aggiornamento-timewave-zero-risonanze-storiche-e-la-ricerca-della-data-zero/

Per il punto del CAMBIO CICLO, che inizia il CICLO DEI 67 ANNI ho proposto di posizionarlo:

ANNUNCIO DNA 28 febbraio e 25 aprile 1953 – Data Zero 11,12 giugno e 6, 7 agosto 2020-

INCORONAZIONE REGINA ELISABETTA II 2 giugno 1953 – data zero 13 settembre 2020
FONDAZIONE DEL CERN 29 settembre 1954 – data zero 11 gennaio 2022
18 SETTEMBRE 1957, La rivolta dei Nerds, DATA DI ORIGINE DELLA SILICON VALLEY – data zero 31 dicembre 2024

Per il punto del GRANDE PICCO DI FRIZIONE che ha dato origine alla ascesa della NOVITA’ nella storia recente ho proposto di posizionarlo: 

Date di fondazione della Microsoft / Apple: data zero nel 2020/ 2021
Primo test Space Shuttle 12 agosto 1977 – data zero 21 GIUGNO 2022 e 15 agosto 1977 il WOW SIGNAL del SETI, data zero 24 giugno 2022
Lancio della sonda Voyager, l’ oggetto umano più distante dalla Terra 5 settembre 1977 – data zero 15 LUGLIO 2022
( il 3 settembre 1977 inoltre viene lanciato in commercio il primo personal computer )
( l’ 11 settembre 1977 inoltre viene lanciata in commercio la prima console videoludica di successo )

Ho controllato inoltre anche le posizioni dei NOVELTY JUMPS di 64 giorni biannuali:

10 Luglio 2022:
26 aprile 2018 – 29 giugno 2018
2 giugno 2020 – 5 agosto 2020
10 febbraio 2014 – 15 aprile 2014
13 settembre 2005 – 16 novembre 2005
3 gennaio 2012 – 8 marzo 2012
30 aprile 2008 – 3 luglio 2008

24 luglio 2022:
10 maggio 2018 – 13 luglio 2018
16 giugno – 19 agosto 2020
24 febbraio 201429 aprile 2014
27 settembre – 30 novembre 2005
17 gennaio – 22 marzo 2012
15 maggio – 17 luglio 2008

15 luglio 2022:
1 maggio – 4 luglio 2018
7 giugno – 10 agosto 2020
15 febbraio – 20 aprile 2014
18 settembre – 21 novembre 2005
8 gennaio – 13 marzo 2012
5 maggio – 8 luglio 2008

21 giugno 2022:
7 aprile 2018 – 10 giugno 2018
14 maggio – 17 luglio 2020
22 gennaio – 27 marzo 2014
25 agosto 2005 – 28 ottobre 2005
20 dicembre 2011 – 22 febbraio 2012
16 aprile – 19 giugno 2008

Inoltre ho controllato i 3 punti di MAGGIORE NOVITA’ del 20esimo e inizio 21esimo secolo:

10 luglio 2022:
19 agosto 2005 – 22 ottobre 2005
6 maggio 1938 – 9 luglio 1938
23 gennaio 1951 – 28 marzo 1951


24 luglio 2022:
2 settembre 2005 – 5 novembre 2005
20 maggio 1938 – 23 luglio 1938
6 febbraio 1951
– 11 aprile 1951

21 giugno 2022:
31 luglio – 4 ottobre 2005 ( Katrina incluso )
17 aprile 1938 – 20 giugno 1938
3 gennaio 1951 – 8 marzo 1951


15 luglio 2022:
24 agosto 2005 – 27 ottobre 2005
11 maggio 1938 – 14 luglio 1938
28 gennaio 1951
– 2 aprile 1951

Ho individuato 4 POTENZIALI DATE ZERO nell’ estate 2022, 21 GIUGNO, 10 LUGLIO, 15 LUGLIO, 24 LUGLIO .

Significa che al momento stiamo ripercorrendo il periodo storico che va dal 1816 al 1823 circa …

Visualizza immagine di origine

Queste le RISONANZE STORICHE più eclatanti / evidenti che ho registrato in questi anni:

Risonanze storiche che implicano una DATA ZERO non nel 2022:

– 27 novembre 1095 Papa invoca Prima Crociata e 12/13 settembre 2006 Islam si infuria con il Papa dopo un suo discorso
( Data zero implicata 11/ 12 febbraio 2021 )
( si potrebbe allacciare anche alla crisi delle vignette danesi di gennaio e febbraio 2006, dando una data zero fra giugno e luglio 2020 )

Regno del terrore francese e attacchi francesi del 13 novembre 2015 e 14 luglio 2016
( date zero implicate nel maggio 2019 e gennaio 2020 )

410 il Sacco di Roma e l’ attacco terroristico di Oklahoma City 1995
( data zero implicata 13 giugno 2020 )
( se lo allacciamo al 9/11 la data zero implicata è nel 2026 )

Inizio impero Romano 27 BC e Pax Romana, e allaccio alla Pax Americana
20 gennaio 1989 inizia era di Bush padre ( ? )
1 febbraio 1992 fine formale della guerra fredda
8 e 26 dicembre 1991 fine della Urss e inizio dell’ era unipolare
( date zero implicate nel 2021, 2024, 2023 )

1572 massacro di Parigi, e gli attacchi in Francia del 2015
( date zero implicate in gennaio e novembre 2022 )

Giugno 1836 incendio di Chartres e 15 aprile 2019, incendio di Notre Dame
( data zero implicata nel marzo 2022 )

Guerra di successione Spagnola 1701 e crisi Catalana ottobre 2017
( date zero implicate in ottobre e novembre 2022 )

4 settembre 476 la fine dell’ Impero Romano, e la fine dell’ Impero Britannico, 1 luglio 1997
( data zero implicata 4 agosto 2021 )

Ribellione di Haiti 21 agosto 1791 e 3 febbraio 1802 e proteste di Haiti 2019
( date zero implicate nel luglio e settembre 2022 )

11 novembre 1918 e 11 novembre 2018, il centenario
( data zero implicata nel giugno 2020 )

Assedio di Damasco nella 2° crociata 1148 e 15 marzo 2011, inizio della Crisi Siriana
( data zero implicata nel novembre 2024 )
( se la allacciamo alla battaglia di damasco del Luglio 2012 viene una data zero nel 2026 )

Scisma di Occidente e 2 papi 1378, e i due papi del 2013
( data zero implicata nell’ aprile 2023 )

1640 Rivolta Catalana e crisi in Catalogna dell’ ottobre – novembre, dicembre 2017
( date zero implicate nel settembre e ottobre e novembre, dicembre 2023 )

1666 incendio di Londra, e incendio della Grenfell Tower di Londra, 14 giugno 2017
( data zero implicata nel gennaio 2023 )

19 aprile 1810 guerra di indipendenza venezuelana e crisi venezuelana 2019 ( gennaio )
( data zero implicata nel maggio 2022 )
( se la allacciamo alla Venezuela Spring dell’ aprile 2017 la data zero è nel luglio 2020 )
( nell’ aprile del 2017 in Venezuela si svolse la ” madre di tutte le marce ” nell’ anniversario del 1810 )

Il Quarantotto dei liberali ( 1848 ) e:
( la marcia degli studenti americani contro le armi, 24 marzo 2018 ) ( data zero implicata dicembre 2020 )
( la protesta delle donne contro la inaugurazione di Trump 21 gennaio 2017 ) ( data zero implicata settembre 2019 )
( la protesta delle donne negli Stati Uniti 20 gennaio 2018 ) ( data zero implicata ottobre 2020 )
( la crisi catalana di ottobre 2017 ) ( data zero implicata nel giugno 2020 )
( la giornata Wake Up Europe del 7 dicembre 2017 ) ( data zero implicata nell’ agosto 2020 )
( la protesta della giornata delle donne del 2017 ) ( data zero implicata nel novembre 2019 )

Il Sessantotto Francese ( 1968 ) e:
( i due sabati di dicembre dei Gilet Jaunes, 1 e 8 dicembre 2018 ) ( data zero implicata nel settembre 2019 )

Visualizza immagine di origine

Nonostante la mia ricerca sulle risonanze storiche abbia dato risultati che ( anche ) non centrano e non rientrano nella finestra di tempo 2022 ( ma che vanno dal 2019 al 2026 ), la svolta è arrivata quando sono iniziate le proteste dei Gilet Jaunes in Francia lo scorso 17 novembre.

Infatti mi sono reso conto che i Gilet Jaunes replicano ( in maniera frattale, e in scala minore, ma di mappatura grafico temporale identica ) nella maniera più efficiente possibile il periodo della Rivoluzione Francese, delle Guerre Rivoluzionarie Napoleoniche e del Periodo del Terrore.
Non c’è altra possibilità. Deve essere questo l’ allaccio perfetto, la rievocazione storica più evidente.

Perciò mi sono concentrato su quel periodo storico, ho raccolto tutti i dati possibili, e mi sono focalizzato sulla ESTATE DEL 2022.

Queste le risonanze storiche che implicano date zero nell’ estate del 2022:

Inaugurazione del Colosso di Rodi e riapertura della Statua della Libertà 3 luglio 1986 ( 15 giugno 2022 )

  • Primo imperatore tedesco, 919, Sacro Romano Impero, e debutto di Papa Benedetto XVI, 19 aprile 2005, Papa Tedesco ( 15 luglio 2022 )
  • Costituzione Usa 17 settembre 1787  e copertina del Time, 8 ottobre 2018 ( 10 giugno 2022 )

2 settembre 1792 inizia Periodo del Terrore Francese, e sparatoria francese dell’ 11 dicembre 2018 ( 15 luglio 2022 )
5 settembre 1793 ( stessa cosa di sopra ) e ( stessa cosa di sopra ) ( 10 luglio 2022 )
Il primo Ringraziamento americano, novembre 1789, e il Ringraziamento del 2018 ( 10 luglio 2022 )
La ribellione di Haiti del 1802 e quella di Haiti del febbraio 2019 ( 19, 20 luglio 2022 )
13 luglio 1814 la creazione dei Carabinieri Italiani e la tragedia del pullman bruciato sventata dai Carabinieri del 20 marzo 2019 ( 21 giugno 2022 )
18 maggio 1804 il Colpo di Stato di Napoleone e 18 gennaio 2019, Macron si riunisce con tutti i sindaci Francesi
( 17 giugno 2022 )
Il debutto di Maometto nella storia e giugno 2000 il debutto di Assad in Siria ( 10 luglio 2022 )
La malattia di Giorgio III ottobre e dicembre 1788 e rivelazioni sulla sua malattia pubblicate il 17 novembre 2018
( 13, 14 luglio 2022 )
9 novembre 1799 il colpo di stato di Napoleone e il paragone con Guaidò in Venezuela e le proteste con incendio e feriti del 5 febbraio 2019 in Francia ( 24 e 31 luglio 2022 )
Maggio 1821 muore Napoleone, e fallimento del Colpo di stato di Guaidò in Venezuela, 30 aprile 2019
( 21 giugno 2022 )
7 maggio 1817 abdicazione dell’ Imperatore Giapponese, e prima abdicazione di un Imperatore Giapponese da 200 anni a questa parte, 30 aprile 2019 ( 15 luglio 2022 )
La Rivoluzione Francese del 14 luglio 1789 e 17 novembre – 1 dicembre – 8 dicembre 2018 Gilet Jaunes i primi atti
( 10 luglio – 24 luglio – 31 luglio 2022 )
– ( * questa un po’ ipotetica ) 1 novembre 1755 terremoto scuote Lisbona e 11 maggio 2018 Lisbona ospita l’ Eurovision    ( 24 luglio 2022 )
Uccisione di Tupac Amaru II 18 maggio 1781 e uccisione di Kashoggi, Arabia, 2 ottobre 2018
( 10 luglio 2022 )
Aprile 1792 inizia la Guerra Rivoluzionaria Napoleonica e 1 dicembre 2018 Gilet Jaunes devastano Parigi
( 10 luglio 2022 )
Periodo della Crocifissione di Gesù e 31 marzo 1991 ( Pasqua! )
( 10 luglio 2022 )
Agosto 1796 Guerre Rivoluzionarie Napoleoniche e 12 Gennaio 2019 atto Gilet Jaunes
( 24 luglio 2022 ) ( se allacciato all’ atto dell’ 8 dicembre 2018 – 21 giugno 2022 )
( se allacciato alla crisi in Venezuela scatenata da Guaidò del 10 gennaio 2019 – 24 luglio 2022 )
20 maggio 1800 Napoleone invade l’ Italia, e 7 febbraio 2019 piccola crisi diplomatica fra Francia e Italia
( 29, 30 luglio 2022 )
Il Quarantotto dei Liberali ( 1848 ) e il prossimo evento 27 settembre 2019 ( EarthStrike ) la protesta generale dei climatisti
( 16, 17 giugno 2022 )

 

Annunci




Tempi incomprensibili sono in arrivo, e la gente non vuole ascoltare

11 06 2018
Visualizza immagine di origine

Finora abbiamo sempre concepito la nostra vita come la vera esistenza ma stiamo per accorgerci che la vita dell’ umanità deve ancora iniziare. Stiamo per essere prelevati dalle nostre bolle quotidiane da un DEUS EX MACHINA per essere trasportati in un’ epoca radicalmente diversa, in una dimensione dell’ esistenza che farà somigliare la storia umana a ciò che leggiamo nei romanzi più arditi e profondi.

 

Tu che leggi seduto sulla tua poltrona, sappi che ti trovi alla fine di un processo di transizione chiamato ” storia ” e per tutta la tua vita sei stato ingannato quando ti è stato detto che sei nato in un universo già del tutto formato e completo, in una umanità già di gran lunga avanzata. Sappi che ti trovi alla fine del periodo gestazionale dell’ universo e della storia umana, e che presto dovrai affrontare la nascita, il momento di transizione più critico, dove tutto potrebbe andare per il meglio, oppure andare tutto storto.

Qualcuno là fuori ( fuori dal nostro universo ) ci ha cresciuti con un destino: e stiamo per scoprire se si tratta di un evento a livello estinzione, oppure un evento che trasformi e faccia progredire in modo inconcepibile l’ umanità.

La storia si trova in uno stato di riposo da almeno due decenni, in una fase di ristagno che ci fa vivere attaccati ad un loop nostalgico, dove l’ evoluzione della musica e della cultura OCCIDENTALE è cessata. Ma il letargo sta per terminare. La storia MITOLOGICA è sulla via del ritorno ed emergerà dagli abissi prendendo un bel respiro che simboleggierà la nostra espressione nei confronti di quel che potenzialmente accadrà. E poi ci troveremo immersi nella storia più intensa da due millenni a questa parte. 

Visualizza immagine di origine

  • Un evento naturale ancora ignoto che interferisce con la nostra percezione dello spazio – tempo?
  • Un esperimento che riguarda il tentativo di viaggiare nel tempo ci porta ad una singolarità tecnologica?
  • Il futuro ci verrà incontro e si sovrapporrà al presente per un determinato periodo, facendoci poi tornare indietro come un elastico, lasciandoci a confrontarci con l’ ignoto?
  • Il nostro periodo temporale diventa un museo, visitato da tutti i tempi futuri?
  • Una super eruzione, una guerra nucleare, un’ epidemia globale, un blackout globale, un impatto asteroidale rappresenteranno la più grande sfida all’ esistenza dell’ umanità?
  • La nostra timeline storica verrà attraversata da un’ interferenza a causa dell’ incontro diretto con un’ altra specie ( extraterrestre ) ? Il primo contatto si svolgerà con esiti positivi o negativi?
  • La matrice simulativa che ha ipoteticamente creato questa realtà si rivelerà e usciremo dal sistema?
  • Un evento trasformativo ancora ignoto trasformerà le capacità dell’ umanità accelerando la nostra evoluzione collettiva?

Entro questa estate, in una finestra di tempo che va dall’ 8 luglio 2018 al 26 agosto 2018 questo potrebbe succedere. E tutto quello che succederà sarà stato previsto da TERENCE MCKENNA, un etnobotanico, mistico, psiconauta, massimo esperto mondiale di psichedelia, lecturer e autore di libri, filosofo e oratore ma soprattutto ideatore della teoria del tempo frattale ricorsivo ciclico mappabile su un grafico con cicli che accelerano la trasformazione storica delle epoche ( 4306 anni, 67 anni, 384 giorni, 6 giorni sono alcuni esempi ) dove nel ciclo dei 67 anni ogni 6 giorni equivalgono a 1 anno di storia, ogni mese equivale a 5 anni di storia, e ogni anno equivale a 60 anni di storia. Nel ciclo dei 384 giorni dove si suppone siamo ora, iniziato l’ anno scorso, ogni 6 giorni equivalgono a 60 anni di storia e quindi ogni giorno equivale a 10 anni di storia.

Mckenna1.jpgzdr_7

E NESSUNO lo sa! Come ci si può preparare anche solo psicologicamente ad un evento quale è la transizione ( anche detta Eschaton, Omega Point, Data Zero ) se non si sa nemmeno che QUALCOSA sta succedendo!

levi-miller-1500611801

E’ una strana posizione la mia. Perché un ragazzo di 28 anni di una zona collinare Italiana dovrebbe comprendere il sistema che struttura il tempo meglio di altri? Eppure sono qui, ad analizzare questo sistema dal 2009, a cercare di creare una timeline che allacci ogni evento storico al suo corrispondente moderno e post moderno, a cercare di capire quando si verificherà la transizione, alla fine di tutti i cicli, quando la struttura che governa questi cicli cambierà per sempre.

Al mondo solo lo sviluppatore di software Peter Meyer ha calcolato una data potenziale * che è l’ 8 LUGLIO 2018.

( e potenziale bisogna considerarla, per via delle variabili, e qui entro in gioco io, che a differenza di Mckenna e Meyer* ( che ha comunque considerato come seconda scelta la data del 26 AGOSTO 2018 ), non mi focalizzo su una sola data ma estendo il potenziale ad una finestra di tempo, individuabile attraverso l’ allaccio degli eventi storici )

E, al mondo, solo io sto cercando di realizzare una timeline con tutti gli allacci storici per ogni epoca.

Non c’è nessun altro, a parte chi ha incrociato il suo percorso con Mckenna, Meyer, e i due blogger che scrivono qui, che potrebbe comprendere cosa c’è dietro al mega evento di proporzioni senza precedenti che ci accingiamo a incontrare. Se accadrà, ognuno avrà la sua idea, e vorrà diffonderla al mondo, ma c’è un solo PERSONAGGIO le cui PAROLE e DISCORSI sono da diffondere in un mondo post eschaton, e costui è TERENCE MCKENNA. Il filosofo del tempo che vive ormai solo sulla piattaforma di You Tube.

Ma nessuno ascolta. Nessuno crede in questa teoria, nessuno la prende in considerazione, nessuno si chiede quale sia il suo valore. E’ questo il problema di mettere da parte una teoria ed escluderla a priori perché non coincide con i dettami della scienza convenzionale. Si rischia di arrivare ciechi e sordi a confronto con la transizione più importante della storia dell’ umanità.

Ci sono stati periodi in cui sono stato preso dalle vicende della vita personale, ma successivamente sono sempre tornato a considerare tutto questo perché mi rendo conto che il mio punto di vista è unico e singolare. Il sistema che regola il tempo e la storia umana si è rivelato all’ uomo …ma nessuno ha udito nulla.

Tutti presi dalle vostre vite, certamente piene di valore e significato, ma avete tralasciato lo scopo per cui ci troviamo qui. Siamo la generazione più singolare della storia. Stiamo per assistere alla nostra nascita e ci troveremo in un mondo sconosciuto, completamente differente da quello in cui siamo cresciuti a livello embrionale.

Abbiamo dato ascolto alle farneticazioni disgraziate della scienza, che afferma che siamo nati per caso in un universo che non ci riguarda. Un atto di puro masochismo è stato quello di considerarci in questo modo. Mckenna ci insegnava che noi abbiamo uno scopo scritto e suggellato nella storia, e finora abbiamo solo immaginato di esistere. Almeno per quanto riguarda il nostro sistema solare, noi abbiamo un ruolo centrale quali creature con il massimo potenziale.

Finalmente il paradigma mentale materialistico si avvia alla fine. Si sbriciolerà come una palla di vetro lanciata contro un muro a confronto con l’ evento dell’ Eschaton. Non abbiamo bisogno di sentirci dire che siamo insignificanti animali megalomani e distruttori. Siamo molto di più. E dovremmo puntare il dito contro tutti quelli che hanno supportato il riduzionismo e l’ assurda tesi della casualità umana e dirgli come veramente stanno le cose.

Visualizza immagine di origine

Visualizza immagine di origine

Ma dobbiamo farlo dolcemente, perché le persone dalla mentalità chiusa sono vittime di loro stessi. E si troveranno a disagio nel mondo post – eschaton che ci accingiamo a conoscere. Dobbiamo accompagnarli per mano e spiegare loro passo passo come comportarsi. Il problema è che, se nessuno di voi si rende conto di cosa sta succedendo, a chi si affideranno queste persone? LA SCIENZA NON AVRA’ LA RISPOSTA PRONTA, e NON LA TROVERA’ CON IL SUO SISTEMA RAZIONALE RIDUZIONISTICO.

Visualizza immagine di origine

Qualcosa di inconcepibile e incomprensibile sta per trasportarci in un mondo che crederemo ( credevamo ) impossibile.

I often like to think that our map of the world is wrong, that where we have centered physics, we should actually place literature as the central metaphor that we want to work out from. Because I think literature occupies the same relationship to life that life occupies to death. A book is life with one dimension pulled out of it.  ( Terence Mckenna )

Spesso mi piace pensare che la nostra mappa del mondo è sbagliata, che dove abbiamo messo al centro la fisica, dovremmo in realtà posizionarci la letteratura come la metafora centrale dalla quale vogliamo estrapolare la realtà. Perché penso che la letteratura occupi la stessa relazione con la vita che la vita occupa alla morte. Un libro è la vita con una dimensione tirato fuori di esso. ( Terence Mckenna )

Stiamo per essere trasportati in un’ atmosfera da romanzo per iniziare il capitolo pilota dell’ umanità, dobbiamo solo capire di che genere tratterà la nostra storia …

  Visualizza immagine di origine

 





Reportage di storia ciclica parte 2 : il bizzarro fenomeno della Storia Umana e il modo in cui stiamo ripercorrendo le epoche ( 1950 – 2018 )

29 03 2018

worldhistory1

image

 

Sul grafico timewave sei giorni di tempo corrispondono alla ripetizione storica di un anno di storia, e un mese corrisponde a cinque anni di storia rievocata. Di conseguenza ogni anno che passa vengono rievocati sessanta anni di storia. Questo vuol dire che in 5 anni si ripetono 300 anni di storia ( 2018/13 – 1718 ) , ogni 10 anni 600 anni di storia ( 2018/08 – 1418 ) , ogni 15 anni si ripetono 900 anni di storia ( 2018/ 2003 – 1118 ) e ogni 25 anni equivalgono a 1500 anni ( 2018 / 1993 ) e quindi se i cicli storici finiscono nel 2018 vorrebbe dire che intorno al 1983 cominceremmo a ripetere gli anni antecedenti a Cristo ( 82 a. C. per esempio ), nel 1978 saremmo al 380 a. C, nel 1968 al 980 a. C, e nel 1943 saremmo ai limiti della storia conosciuta, nel periodo dell’ Antico Egitto.

Data zero – data di fine dei cicli = il punto del grafico Timewave Zero che indica la fine di tutti i cicli (come se avvenissero tutti nello stesso istante contemporaneamente), quindi fine del tempo storico come noi lo percepiamo comunemente.

Risultato immagine per eschaton

La versione di Peter Meyer propone la data zero nel Luglio 2018 ( ma ha proposto anche come alternativa il 26 Agosto 2018 )

TIMELINE DELLA STORIA UMANA e paragoni col presente e futuro

  • ETA’ DELLA PIETRA ( utensili in pietra ) – Paleolitico superiore – Espansione e migrazioni globali degli umani anatomicamente moderni e prime pitture nelle caverne; crescita della diversità di artefatti, primi villaggi stabili organizzati, petroglifici, pesca ( Sudafrica ), evoluzione sociale più complessa, maggiore identificazione di gruppo ed etnicità. Primi uomini in Australia, e Giappone, e Siberia, e poi migrazioni nelle Americhe.
  • Mesolitico – Epipaleolitico – alla fine del Periodo Glaciale, gruppi di cacciatori e raccoglitori, estinzioni della megafauna, nomadismo, prime armi di ossidiana
  • Neolitico – Comincia il fenomeno dell’ agricoltura, la Rivoluzione Neolitica, prime addomesticazioni di animali. Jericho, la prima città conosciuta ( West Bank moderno ), comincia vita sedentaria.
  • Calcolitico – Emerge la metallurgia ( in Serbia ) del rame.
  • ETA’ DEL BRONZO – Uso del bronzo, proto – scrittura, emerge l’ invenzione della scrittura, come quella cuneiforme in Mesopotamia, e quella geroglifica in Egitto. Faraoni Egiziani.
  • ETA’ DEL FERRO – Produzione di arnesi e armi attraverso la lavorazione del ferro. Comincia la registrazione storiografica.
  • PROTOSTORIA – Epoca dei Celti e delle tribù Germaniche. Si frappone fra l’ inizio dell’ alfabetizzazione all’emergere dei primi storici. Preservazione di tradizioni orali. Regno di Corea, gruppi del Mississippi e primi esploratori Europei protostorici.
  • STORIA ANTICA – Comincia la storia registrata, Sumeri e scrittura cuneiforme, scrittura coerente, ANTICHITA’ CLASSICA, da Omero ( Epica Greca ) Antica Grecia, prime olimpiadi, fondazione di Roma, Antica Roma, fino alla Caduta dell’ Impero Romano, o alla chiusura dell’ Accademia Platonica, o fino al debutto dell’ Islam, o fino all’ epoca di Carlomagno, Middle Kingdom dell’ India, e prime dinastie Cinesi, emergere del Cristianesimo, filosofi Greci, città stato Greche, scultura, letteratura antica, tragedie e teatro Greco, architettura ed educazione antica dei giovani. Imperatore Romano, Mahavira, Buddha, Confucio, Babilonia, Impero Persiano, fine epoca Regia a Roma, Repubblica Romana, concetto di democrazia Greca, Impero Macedone, Cina Imperiale, Divisione dell’ Impero Romano in Occidentale e Orientale, si diffonde il Cristianesimo nell’ Impero Romano, fine del paganesimo, Sacco di Roma di Alarico.
  • STORA POSTCLASSICA – Sviluppo delle tre grandi religioni, Cristianesimo, Islam e Buddhismo, Epoca d’ oro Islamica, potenza della Cina Imperiale, invenzione della polvere da sparo in Cina, impero Mongolo.  
  • MEDIOEVO – Declino della popolazione, dispersione dell’ urbanizzazione, invasioni barbare, migrazioni ( tribù Germaniche ), Califfato Umayyade, Impero Bizantino, monasteri e conversioni al Cristianesimo, Franchi, dinastia Carolingia, invasioni Vichinghe e Magiare e Saracene, inizio del Periodo Caldo Medievale, manovalanza, villaggi contadini, feudalesimo, servizi ai nobili, cavalieri, manieri e castelli. Le Crociate mettono a confronto Islam e Cristiani, per il controllo della Terra Santa, re e regni, scolasticismo e università, Dante e Divina Commedia, viaggi di Marco Polo, architettura e stile gotico, cattedrali gotiche. CRISI DEL TERZO SECOLO: carestie, peste bubbonica, declino estremo della popolazione Europea, controversie e isteria religiosa, lotta contro gli eretici, scisma Cristiano fra Cattolici e Protestanti, rivolte contadine, cambiamento e raffreddamento del clima ( Piccola Era Glaciale ), e problemi con i raccolti, le grandi piogge, e crisi economica. Emergere di una coscienza caritatevole, flagellanti, e vendette sugli Ebrei, emergere delle banche in Europa ( Italia ) – Percepito come un periodo di ignoranza e superstizione, con la religione e il Papato che assumono maggiore autorità. Emerge la creazione degli stati nazionali, e dei Comuni, Guerra dei Cent’ anni fra Inghilterra e Francia, presa di Costantinopoli da parte dei Turchi Ottomani e comparsa del primo libro e della stampa. Lotta fra Impero e Papato. Caccia alle Streghe. Umanesimo, ottimismo e fiducia nell’ uomo , principio della virtù umana.
  • PRIMO PERIODO MODERNO – Rinascimento Italiano, dinastia Ming, debutto degli Aztechi, prime tracce di globalizzazione, scambi commerciali a livello continentale, città stato Italiane, mercantilismo capitalistico, declino del Feudalesimo, Riforma Protestante, guerra religiosa Europea dei Trent’ Anni, Epoca d’ oro della Pirateria, emergere dell’ Era delle Scoperte, scoperta dell’ America, colonialismo Europeo, epoca delle Inquisizioni, come quella Spagnola, opposizione alla stregoneria e alla blasfemia, censure letterarie, riformazione Cattolica del Clero, gli Zar di Russia, rivoluzione culinaria durante gli scambi commerciali dal Nuovo Mondo, assolutismo monarchico, scontri fra nazioni basati sull’ equilibrio del potere, epoca delle conquiste. Illuminismo e rivoluzione scientifica e Romanticismo.
  • SECONDO PERIODO MODERNO – Epoca delle Rivoluzioni, fine dell’ assolutismo e debutto degli stati costituzionalisti e delle repubbliche. ( Rivoluzioni Americana, Francese, Irlandese, Haitiana, rivolte degli schiavi in America Latina, Guerra di Indipendenza Italiana e Greca, i Moti degli Anni Venti e Trenta, il Quarantotto Europeo, Primavera delle Nazioni distacco delle Colonie Statunitensi dall’ Impero Britannico. RIVOLUZIONE INDUSTRIALE transizione verso nuovi metodi di manufattura ed emergere delle fabbriche moderne, crescita senza precedenti a livello di guadagno e di benessere della popolazione ( Grande Divergenza e Miracolo Europeo, emergere delle ferrovie, navigazione a vapore, minieraggio e crescita agricola, uso del carbone ). 
  • EPOCA DELLE MACCHINE E BELLE EPOQUE – Turbine a gas, motori a combustione interna, motori elettrici, emergere dell’ elettricità nelle città, illuminazione notturna, energia idroelettrica, produzione di massa, catene di montaggio, debutto della bicicletta e dell’ automobile, primi grattacieli, tecnologia radio e fonografica, stampa velocizzata, primi giornali per le notizie, primi elettrodomestici, primo volo e aeroplano, emergere del mercato di massa e del consumismo, delle marche, emergere del cinema, e della propaganda, fotografia, suffragio universale, suffragette e femminismo primordiale, uso e abuso di risorse naturali, arte distopica, cubismo, Deco, futurismo. La BELLE EPOQUE è un periodo di decenni di pace e sviluppo sociale, di grande ottimismo.
  • ETA’ DEL PETROLIO – Scoperta del petrolio in Iran, e debutto del gasoline, trivellazioni, carburanti fossili, benzina.
  • PRIMA GUERRA MONDIALE – Un periodo di patriottismo ottimista e di esaltazione della guerra, dimenticata dalle generazioni giovani, in una Grande Guerra Europea, che in seguito all’ assassinio di un erede al trono divenne non una guerra lampo come si credeva ma una carneficina, con uso di armi chimiche, che ha avuto come conseguenza traumatizzazione psicologica e sconvolgimento, portando alla perdita di una generazione di giovani maschi, e all’ emergere delle donne nel mondo industriale. La guerra moderna ha portato nuove tecnologie, come il carro armato, aerei da guerra, sottomarini. Emergono gli Stati Uniti come successori delle potenze Europee in declino, e parte il fenomeno della Rivoluzione Russa, la fine dell’ Impero Ottomano, e la sconfitta della Germania. Influenza Spagnola si diffonde in Europa, portando a una nuova cancellazione di intere generazioni.
  • PERIODO INTERBELLICO – Un ventennio di pace, chiamato ” armistizio ” che funse da periodo di ricarica sociale ( I Ruggenti Anni Venti ) ma portò alla Depressione Economica e alle Tempeste di Sabbia Statunitensi, l’ emergere delle dittature, Fascismo Italiano e Nazismo Tedesco, Guerra Civile Spagnola, regimi militaristici autoritari espansionistici, fallimento della Società delle Nazioni, Comunismo in Unione Sovietica, Grandi Purghe Staliniane, iperinflazione economica ( Tedesca ), si cerca di frenare l’ espansionismo Tedesco con esito negativo. ( Fenomeno della vittoria mutilata che istiga desiderio di vendetta contro i vincitori del precedente conflitto ). La crisi si sviluppa a causa della sovrapproduzione e della speculazione. Epoca del proibizionismo statunitense dell’ alcool, Anni Ruggenti caratterizzati dall’ utopia positivista, quasi un ritorno della Belle Epoque ed evoluzione della femminilità e protofemminismo.
  • SECONDA GUERRA MONDIALE – Il ritorno della Grande Guerra in una maniera ancora più globale e catastrofica, con perdita senza precedenti di militari e civili, bombardamenti a tappeto, uso di missili, massima espressione del Nazismo e periodo dell’ Olocausto contro gli Ebrei e altre civiltà emarginate e considerate negative, genocidio e sterminio, invasioni numerose, e intervento Statunitense e Russo alla liberazione dei paesi catturati. Sconfitta dei dittatori, debutto dell’ Era Atomica, e uso su civili di una bomba nucleare.
  • GUERRA FREDDA – Dopo la Guerra Mondiale emerge il fenomeno della competizione fra due superpotenze, Urss e Stati Uniti, attraverso la minaccia di guerra nucleare, test nucleari e Crisi dei Missili Cubana, grande tensione sociale e politica. Nascita di nuove istituzioni come le Nazioni Unite, il Welfare State, prime tracce di Unione Europea, prime tracce di decolonizzazione in Oriente, emergere dei primi computer primitivi, e della propulsione per i jet. Scontro fra Comunismo e Capitalismo, con la ricostruzione sociale ed economica degli Anni Cinquanta, la Guerra di Corea, l’ emergere dell’ Era Spaziale con i primi satelliti, continui test nucleari, caccia al comunista negli Stati Uniti a livello politico ( Red Scare ), prime tracce di decolonizzazione Africana. Crescita della cultura televisiva.
  • ANNI SESSANTA – Un periodo di trasformazione culturale, con l’ emergere degli adolescenti e della counterculture, rivoluzioni, sperimentazioni psichedeliche, eccessi e disordini sociali, rilassamento sociale e caduta dei tabù, razzismo e sessismo, richiesta di maggiore libertà individuale, ma estrema deviazione dalla norma, boom economico, boom della popolazione, baby boomers, elettrodomestici moderni, assassinii, disobbedienza civile, opposizione al nucleare in massa, campagne per la nonviolenza, liberalismo, Guerra del Vietnam, proteste contro la guerra in massa, rivoluzioni studentesche, come il Sessantotto Europeo – Americano, movimento degli Hippies, rivoluzione sessuale, Stampa Underground, movimento Ispanico Latino, emergere del femminismo moderno, e dei movimenti per i diritti LGBT, crescita del crimine urbano, esplorazioni spaziali come l’ Atterraggio sulla Luna, il controllo delle nascite, epoca d’ oro della musica, delle band musicali, festival della musica come Woodstock e nascita delle Icone e delle Celebrità, emergere di maggiore attrattiva verso le religioni orientali, amore libero. L’ emergere del Rock and Roll. Intense tensioni e scontri razziali negli Stati Uniti.
  • CRISI ENERGETICA E ANNI SETTANTA – Crisi petrolifera dettata dall’ Opec dell’ Iran contro l’ Occidente sostenitore di Israele, Crisi Energetica e Austerity Italiana, embargo petrolifero, stagnazione economica, emergenza della individualizzazione atomizzata piuttosto che la vita di comunità, liberalizzazione economica Cinese, boom economico del Giappone, sconfitta americana nella guerra del Vietnam. Rivoluzione Araba e agitazione del medio oriente, guerre contro Israele, Rivoluzione Verde ed emergere dell’ ambientalismo.
  • ANNI OTTANTA E INTENSIFICAZIONE DELLA GUERRA FREDDA – Capitalismo lassista, emergere dell’ ineguaglianza economica, crollo economico dell’ 87, decostruzione economica, corporazioni e multinazionali. Escalation della tensione fra superpotenze termina con il collasso del Comunismo e dell’ Unione Sovietica, anche attraverso le riforme sovietiche e il grande incidente nucleare di Chernobyl, in Ucraina. Crisi del debito nei paesi in via di sviluppo, carestia dell’ Etiopia attira l’ attenzione globale, attraverso il programma televisivo Live Aid , più visto di sempre attraverso la televisione. Emergere del movimento operaio Solidarnosc in Polonia, massacro Cinese dell’ 89, Rivoluzione di Velluto in Cecoslovacchia, emergere della comprensione della genetica e sviluppo dell’ informatica e della tecnologia dei computer. Caratterizzata dalla maggiore crescita della popolazione nella storia dell’ uomo.
  • ERA DI INTERNET E DELLA GLOBALIZZAZIONE – Crescita del multiculturalismo e dei media alternativi, televisione via cavo e il Web ( Internet ), caduta del comunismo e dell’ Unione Sovietica e disgregazione geopolitica, guerre del Collasso della Jugoslavia, emergere dell’ Unione Europea, grande successo del capitalismo e dei supermercati ( i Mall americani ad esempio ), maggiore scetticismo verso i governi, riallineamento e riconsolidazione delle potenze, ed emergere di una Iperpotenza Unica Unipolare Americana. Progresso nella genetica ( terapie genetiche ), conflitti Africani e Balcanici, genocidi. Grandi migrazioni dai Balcani verso l’ Europa.
  • GUERRA GLOBALE AL TERRORISMO E DECLINO CULTURALE DELL’ OCCIDENTE – A partire dalla fine degli Anni Novanta e dall’ inizio degli Anni Duemila, inizia un periodo di retrocessione a livello culturale, con la fine del fenomeno delle trasformazioni delle decadi e delle grandi trasformazioni stilistiche sociali, con un generalizzato fenomeno retrò di identificazione e nostalgia stilistica verso le decadi dell’ immediato passato, che porta a un declino del progresso musicale assoluto, con l’ emergere di You Tube, che è un po’ come una macchina del tempo, dove il passato diventa accessibile a livello informativo così intensamente che si mescola con il presente, e cade il fenomeno delle Icone Celebrità, perché chiunque teoricamente può diventare famoso. Lo scontro fra identità culturali si concentra nella guerra fra occidente e Islam attraverso attacchi terroristici come l’ Undici Settembre, la fine della Belle Epoque Americana, lupi solitari che attaccano i civili, difficoltà di condivisione, rende impossibile la collaborazione e la comprensione fra mediorientali/ africani e occidentali, fenomeno dell’ immigrazione incontrollata, fenomeno dell’ Euro e della moneta unica Europea, che porta a continui dibattiti per via della Crisi Greca, che trascina quel paese in un declino assoluto. Decade caratterizzata da intensi e frequenti disastri naturali come l’ uragano Katrina e lo Tsunami dell’ Oceano Indiano. La Guerra al Terrore porta i soldati americani ad invadere vari paesi come Afghanistan, Iraq, portando solo miseria e scombussolamento sociale. La decade si chiude con una intensa crisi economica, che porta a fenomeni generalizzati di bancarotta e declino del consumismo. Nascono i sociali network, che cambiano il modo di comunicare dei giovani, e il modo di interagire sociale. La farsa del riscaldamento globale porta a limitazioni economiche e allarmismo sconveniente, e continui dibattiti. 
  • ANNI DIECI DEL VENTUNESIMO SECOLO – Continua e si intensifica il fenomeno di stagnazione culturale prodotto da Internet , con l’ emergere di una intensa nostalgia anche a livello di cinema, con remake, revival in ogni categoria di vita. Emergere della superpotenza Cinese e Ritorno della Russia, che contrastano con il potere degli Stati Uniti. Decade caratterizzata dalla Primavera Araba, da movimenti rivoluzionari americani e da un intenso femminismo combattivo, con la caccia agli abusi sessuali, e una forte competizione e intolleranza fra uomo e donna, con scandali nel mondo del cinema. Guerra Civile Siriana, che porta la Siria al centro della storia, in una intricata e complessa guerra di fazioni e controllo di territori, emergere dell’ Isis in sostituzione ad Al Qaeda e ritorno dei fenomeni terroristici con una concentrazione sui lupi solitari. Dibattiti continui sull’ immigrazione incontrollata. Intensa polarizzazione politica con intolleranza verso le diversità di opinione, soprattutto negli Stati Uniti, con la ridicolizzazione dei liberali. Trasformazione del gender, con rivoluzione del gender ed emergere delle minoranze LGBT con richiesta di uguaglianza e diritti maggiori. Emerge il fenomeno politico del populismo.    

 

Cominciamo dall’ eruzione di Santorini nel 1620 a. C. … dobbiamo trovare un’ eruzione che sia almeno VEI 5 fra il 1961 e il 1962 …non ce ne sono, ma c’è un VEI 5 dell’ Agung nel 1963 ( 17 Marzo ). Come data zero ci dà, dando una data approssimativa di 2 Luglio al Santorini ( scelta perché è esattamente a metà dell’ anno ) il 22 Gennaio 2020. Fino al 1980 non ci sono grandi eruzioni. Però il disastro di Santorini ha generato anche uno tsunami, quindi vediamo cosa troviamo: il disastro del Vajont ( data zero 18 Agosto 2020 ) e uno tsunami provocato da un magnitudo 9.0 in Alaska nel 1964 ( data zero 7 Febbraio 2021 ).

Per l’ Antico Egitto in teoria bisognerebbe guardare al collegamento con i nazisti. Fuhrer derivante da Faraone, e l’ avversità e la persecuzione degli ebrei, e l’ uso degli schiavi …Mi interessano soprattutto Amenhotep che ha riscritto le leggi e creato una nuova bizzarra religione, e Ramses II, che si dice essere colui che era avverso a Mosè. L’ Esodo dall’ Egitto rappresenterebbe quindi un preludio all’ Olocausto nazista. C’è un famoso film uscito il 5 Ottobre del 1956 con Charlton Heston nei panni di Mosè. Altre tracce di remake Egiziano – protoebreo negli anni ’60? Il 23 Ottobre del 1959 uscì un famoso film La Mummia. Il 7 Aprile del 1959 Israele ha creato il primo giorno alla memoria dell’ Olocausto. David Ben- Gurion è stato primo ministro di Israele dal 1955 al Luglio del 1963 ( rievoca il Davide eletto Re di Israele ).  

Per la rievocazione delle prime olimpiadi del 776 a. C. in Grecia, vicina di casa di Roma, ho scelto la olimpiade del 1976 in Canada, vicina di casa degli Usa, e come data zero viene 17 Marzo 2020. Per la rievocazione della Fondazione di Roma si potrebbe ipoteticamente collegarla al bicentenario statunitense del 4 Luglio 1976, che dà come data zero il 23 – 24 Ottobre 2019. Altrimenti, si dovrebbe cercare un evento particolare in Italia ( o negli Stati Uniti ) fra il 1975 e il 1976 …Quale?

Successivamente abbiamo la Cattività Babilonese degli Ebrei, e le riforme che prefigurarono l’ epoca d’ oro di Atene, e anche la liberazione degli Ebrei da parte del Re Persiano. Per quanto riguarda la rievocazione di Buddha, penso che dobbiamo guardare a un evento che riguardi il Dalai Lama Tenzin Gyatso. Probabilmente in questo periodo dovrebbe risaltare una certa attenzione trendistica verso il Buddhismo in generale. Invece l’ epoca di Confucio come rievocazione è da ricercarsi dal 1979 ai primi anni ’80 …  Siamo all’ epoca della One Child Policy e delle relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti.   

Passiamo poi alle guerre Greco – Persiane, e sappiamo che nel 1979 l’ Iran era particolarmente agitato, e sappiamo che in quel periodo antico la Grecia viveva un periodo di straordinaria ricchezza culturale e creatività. L’ Antica Grecia viene ripresa un po’ dagli Stati Uniti dell’ epoca, che poi passarono invece a connettersi con un modello più Romano.

Per quanto riguarda la figura di Socrate, a chi possiamo collegarlo nella storia moderna? Sappiamo che Socrate dava fastidio perché si pensava che mettesse delle idee scomode nella testa dei giovani dell’ epoca, e venne quindi condannato. Successivamente abbiamo le prime battaglie fra i Romani ( Italia – America ) e i Galli ( Francia – ? ), che tentano un attacco al Campidoglio.

Per quanto riguarda Platone, si può trovare una connessione fra colui che ha messo le fondamenta della filosofia occidentale, e la prima famigerata lecture di Terence Mckenna nel Novembre 1982. ( Approssimando le date con inizio Luglio 387 a. C. e la metà di Novembre 1982 abbiamo una data zero che è 18 – 19 Giugno 2020).

Poi abbiamo la figura di Aristotele, e l’ avanzata di Alessandro Magno contro i Persiani, e sappiamo che negli anni ’80 l’ Iran era impegnato in una cruenta guerra con l’ Iraq. Per la rievocazione dobbiamo guardare a partire dall’ estate del 1981. 29 giugno: A Teheran, la sede del partito islamico iraniano è sventrata da un ordigno esplosivo; fra i morti l’ayatollah Mohammad Beheshti, principale collaboratore di Khomeini, l’Iran accusa gli USA; agosto, A Teheran un altro ordigno uccide il Premier Mohammad Javad Bahonar. ( data zero 2 Maggio 2018 ) 2 ottobre 1982: Un ordigno incendiario provoca circa 60 morti a Teheran, l’Iran accusa gli Stati Uniti; la penetrazione iraniana è intanto giunta a Mandali, poco distante dalla capitale irachena ( data zero 25 Giugno 2019 ); 2 febbraio 1983: Bombardamento iracheno sui giacimenti petroliferi di Nowruz; disastro ecologico per il greggio fuoriuscito in mare nel Golfo Persico ( 27 – 28 Ottobre 2019 ); 13 aprile: nuovi bombardamenti iracheni su giacimenti vicini a quelli di Nowruz, il disastro ecologico si aggrava con la compromissione di più di 200 km di coste. Si intensificano gli attacchi missilistici contro l’Iran( 6- 7 Gennaio 2020 );  24 luglio: L’Iraq attacca contemporaneamente 9 città iraniane; febbraio 1984 : L’Iran conquista le isole Majnun; l’Iraq usa le armi chimiche contro iraniani e curdi. La figura di Alessandro Magno si rievocherebbe quindi in Saddam Hussein. La guerra è finita senza vincitori, però, perché l’ Iraq non è riuscito ad annettere territori Iraniani, e l’ Iran non è riuscito a sconfiggere Saddam e le sue truppe.

Vediamo la presentazione del Colosso di Rodi nel 280 a. C. che si collega alla Statua della Libertà, e vediamo che fra il 1984 e il 1986 vi fu un processo di restaurazione della Statua della Libertà , usando metodi innovativi, a un livello mai provato in precedenza. La Statua venne riaperta al pubblico il 3 Luglio 1986: ciò ci dà una data zero approssimativa ( se diamo una data della presentazione a Rodi del 3 Luglio 280 a. C. , il 15 Giugno 2022 ).

La battaglia di Kalinga fu devastante, e il Re Ashoka scelse di convertirsi al Buddhismo come conseguenza ( in India ); se colleghiamo l’ evento con le rivolte anti – Sikh, che fecero 8.000 vittime, in India, iniziando dal 31 Ottobre 1984, otteniamo 10 Giugno 2020. Il genocidio della battaglia di Kaoping che ha segnato l’ unificazione della Cina, nel Settembre 260 a. C. si può collegare al massacro di Tiananmen, ottenendo data zero 6 Febbraio 2025.

Siamo poi nel periodo in cui la potenza di Roma rivaleggiava con Cartagine, e si allinea con la guerra fredda intensificata degli anni ’80, fra Usa e Urss. Si rievoca la figura di Annibale, e nel 216 a. C. si verificò la più violenta battaglia a livello di vittime in un giorno di tutta la storia d’ Europa, quando Annibale sconfisse le legioni Romane. Continuiamo poi con la rivalità accesa fra Scipione e Annibale nella battaglia di Zama, quando Cartagine venne sconfitta e dovette riconoscere Roma come potenza dominante. Annibale venne esiliato. Però se colleghiamo il 15 Ottobre 202 a. C. alla dissoluzione dell’ Urss il 26 Dicembre 1991 otteniamo data zero 12 Ottobre 2026, che mi pare un po’ lontana, quindi deve coincidere con un punto della guerra fredda che ha determinato comunque la svolta negativa per l’ Urss fra il 1983 e il 1990.   

Poi abbiamo la conquista della Grecia da parte di Roma: se lo colleghiamo ( 22 Giugno 168 a. C. alla sconfitta dell’ Iraq nel 1991, 28 Febbraio 1991 abbiamo data zero 29 Maggio 2025, quindi dovremmo trovare qualcosa di anteriore a questo. Se colleghiamo la distruzione totale di Cartagine nella primavera del 146 a. C. alla dissoluzione dell’ Urss, abbiamo data zero 25 Novembre 2025, che è troppo lontana, quindi proviamo con Chernobyl, 26 Aprile 1986; otteniamo dunque 21/22 Febbraio 2020.  

Abbiamo quindi la ribellione di Spartaco, la rivolta degli schiavi repressa da una azione militare; qualche grossa protesta Statunitense da segnalare negli anni ’80? Abbiamo poi l’ eccidio di Carre, e l’ invasione romana della Mesopotamia ( Iraq! ) a partire dal 6 Giugno 53 a. C. ; collegato con il 17 Gennaio 1991 abbiamo data zero 20 Giugno 2023.  

Abbiamo quindi le Idi di Marzo e l’ assassinio di Giulio Cesare; dovremmo allinearlo con un tentato assassinio negli Stati Uniti o un effettivo assassinio in Italia : per una data zero dal 2018 al 2023 dovremmo cercare fra Maggio 1986 e il 1990 – inizio 1991 …i tentativi di attacco a HW Bush e a Clinton forse sono troppo lontani …però per esempio anche Falcone, per dire, si trova troppo lontano, perché da’ come data zero l’ 11 Settembre 2024. Sappiamo che la fine di Cesare rappresentò l’ inizio della fine della Repubblica Romana.

Abbiamo poi le vicende di Marco Antonio e Cleopatra, e l’ annessione dell’ Egitto all’ Impero Romano. Che collegamenti possiamo trovare con la fine di Cleopatra? Abbiamo poi il lungo principato di Ottaviano, che segna l’ inizio del vero e proprio Impero Romano. Se colleghiamo l’ inizio del suo regno all’ inizio della presidenza di Bush Padre otteniamo 14 Gennaio 2021 come data zero.  

Seguiamo poi con la vita di Gesù Cristo, che credo si possa allineare al Papato di Giovanni Paolo II. Segnalo che nel Settembre 1987 , una figura televisiva religiosa, tele – evangelista, si propose alla candidatura della presidenza Statunitense, mentre Giovanni Paolo II si trovava a Los Angeles. Collegato alla vita di Gesù abbiamo una data zero nell’ Agosto del 2018.

Invece per la crocifissione di Papa Pietro, possiamo collegarlo alla morte di Lord Ramsey arcivescovo di Canterbury, nell’ Aprile del 1988, e abbiamo data zero 26 Agosto 2018. Per l’ eruzione del Vesuvio possiamo collegarlo all’ incendio del parco di Yellowstone, che andò avanti per mesi, dal 14 Giugno 1988 al 18 Novembre 1988, dando una data zero che sta fra 1 Ottobre 2018 e 5 Marzo 2019. C’è poi anche l’ eruzione del Pinatubo nel 1991, che dà data zero 18- 19 Ottobre 2021.

Abbiamo quindi le persecuzioni Cristiane, a partire dal 24 Febbraio 303, e la fondazione di Costantinopoli ( Impero Romano d’ Oriente, collegabile agli Stati Uniti e alla Turchia ). Il 378 rivelò ai Romani l’ incapacità di far fronte all’ avanzata dei Barbari nel proprio territorio. Avvenne il 9 Agosto del 378; vediamo cosa accadde l’ 8 Agosto del 1991 in Italia:  Bari: sbarca il mercantile Vlora carico di 12.000 profughi albanesi: 700 sono rinchiusi nello stadio della Vittoria, dove per tre giorni divampa la rivolta. Però la data zero data segna 15 Marzo 2017 quindi si trova nel 1992, possibilmente.  

Dopo la morte di Teodosio nel 395 l’ Impero Romano non fu gestito più da un solo imperatore: segnò quindi una accelerazione del declino e della divisione dell’ Impero. Collegato al 26 Febbraio 1993, primo attacco al WTC dà data zero 10, 11 Luglio 2018, ma un collegamento più appropriato sarebbe il 1 Luglio 1997, la cessione di Hong Kong alla Cina, quando il principe Carlo disse che l’ Impero Britannico era finito, seguito poi dalla morte della principessa Diana, e del suo funerale visto da miliardi di persone: abbiamo date zero 7 Dicembre 2022, 7 e 13 Febbraio 2023.

Il famigerato Sacco di Roma dei Visigoti, che violò la sicurezza di Roma per la prima volta in secoli sembrerebbe un 11 Settembre dell’ antichità, ma se colleghiamo il 24 Agosto 410 al 9/11 otteniamo data zero 13 Dicembre 2026, che pare troppo lontana. Se lo allineiamo al 26 Febbraio 1993, primo attacco al WTC otteniamo data zero 11 Aprile 2018, che è troppo vicina, forse! C’è anche il 29 Luglio 1993, giorno di attacco terroristico a Roma ( e Milano ), seppur di minore entità, e ciò dà data zero 8 Luglio 2018, mentre se allineiamo al 19 Aprile 1995, attacco di Oklahoma City, abbiamo data zero 13 Giugno 2020.

Segue Attila e la sua sconfitta, ma non so a chi potrei collegarlo. Però so a cosa collegare la fine dell’ Impero Romano, 4 Settembre 476: di nuovo, 1 Luglio 1997 o 31 Agosto / 6 Settembre 1997, la cessione di Hong Kong e la morte della principessa britannica – data zero 4 Agosto 2021, 4 Ottobre 2021, 10 Ottobre 2021.  

Seguono le comunità monastiche protomedievali, le conversioni di massa al Cristianesimo, e la figura di Maometto: a cosa si può collegare? Di certo durante la sua rievocazione vi dovrebbe essere una forte attenzione mediatica concentrata sul mondo Islamico.  E in effetti non vorrei dire, ma siamo alla fine del secolo, ed emerge la figura di Bin Laden …che si stabilì in Afghanistan e dichiarò guerra agli Usa il 23 Agosto 1996. Ciò dà data zero 24 Agosto 2018, che è vicinissimo a quanto proposto dal realizzatore del software timewave Meyer ( se allineato a una ipotetica data di inizio Luglio, metà anno 610 ) ! Bin Laden si trasferì in Afghanistan nel Maggio 1996, un po’ come fece Maometto quando spostandosi dalla Mecca a Medina aprì l’ era musulmana!  

Segue lo scisma islamico del 661, quando con tutta probabilità i media concentrarono la loro attenzione sui Sunniti e Sciiti e alla loro opposizione reciproca. Nel 711 i Saraceni invadono la Spagna. Nel 732 i Franchi sconfiggono gli Arabi, bloccando l’ espansione islamica. Gli Arabi però ostacolano i piani dell’ espansione Cinese. Nel 756 avviene la lotta per il dominio della Spagna. Poi l’ attenzione si concentra su Saddam e Baghdad, durante la rievocazione della fondazione del 762.  Siamo quindi alla battaglia di Roncisvalle del 778 ( Chanson de Roland ) e all’ epoca d’ oro della cultura Islamica. Emergono poi i Vichinghi con le loro razzie nel 793, e la figura di Carlo Magno Re e del Sacro Romano Impero, 800. A chi si collega Carlo Magno?     

I Vichinghi assaltano Parigi nell’ 845, gli schiavi africani fondano una loro capitale nell’ 868, viene riconosciuta l’ ereditarietà dei feudi, poi nel 909 avviene il risveglio monastico, e la Germania si unisce nel 919. In Spagna emerge un Califfo, nel 987 nasce la nazione Francese, arriviamo all’ anno 1000, che allineato all’ anno 2000 dà però una data zero nel 2015, quindi non è questo il collegamento. I Vichinghi arrivano in America ( Canada ), il Punjab viene devastato, il Califfo fa radere al suolo la Chiesa del Santo Sepolcro, e avviene lo scisma Cristiano fra cattolici e ortodossi, i Turchi diventano protagonisti del mondo islamico, nasce la prima università Europea in Italia …E poi arriviamo alle famigerate Crociate! 

L’ allineamento col 2001 non funziona, tuttavia ciò non toglie che ci siamo passati in maniera molto intensa e precisa, anche in versione capovolta, con gli islamici che cercano di raggiungere le grandi città per attaccarle! Peter Meyer le colloca nei primi mesi del 2004, prima e dopo l’ attacco terroristico di Madrid, il peggiore per l’ Europa, all’ epoca, e curiosamente, il 26 Marzo 2004 un ex arcivescovo di Canterbury criticò l’ Islam e denunciò i kamikaze come malvagi. La data zero è la data di Meyer, 26 Agosto 2018 ( una delle sue due alternative ). La parte intensa della Guerra al Terrore è durata a mio parere fino al 2005 incluso, quindi secondo me è negli anni fra il 2004 e il 2005 che va cercato l’ allineamento alle Crociate. C’è chi dice che sarebbe meglio il 2014, in seguito all’ emergere dell’ Isis, ma darebbe una data zero troppo lontana, addirittura nel 2028 …Quindi secondo me intorno al 2004 – 2005 … Teoricamente però si può cercare nella Primavera Araba del 2010 – 2011 …ma anche lì andiamo per il 2024 -2025 … 

La Crociata dei Poveri: contadini e disperati, fervidi religiosi, ma inesperti seguaci, l’ opposizione dei Cristiani ai Turchi, poi contro Egitto e Siria ( Primavera Araba? Chissà!) Assedio a Damasco, Crociata dei Re, Saladino in Egitto, Siria, Iraq, crociata contro i Balcani e in Terrasanta, crociata contro l’ eresia Catara in Francia ( rivolte delle Banlieu Francesi? ) , poi in Palestina, Libano …Poi ancora Egitto, Nordafrica, Libano, Tunisia, Acri …

Espugnata Gerusalemme, fra violenze e massacri ( conflitti di Gaza? ) , la rievocazione dello stile Gotico, l’ assedio alla città di Damasco in Siria …24 Luglio 1148 e 15 Marzo 2011 ( inizio guerra in Siria ) data zero 22 Novembre 2024. Invece battaglia di Damasco 15 Luglio 2012 e 24 Luglio 1148 fa 1, 2 Aprile 2026.

Ottobre 1174 Saladino al potere a Damasco, e 3 Giugno 2014, l’ elezione di Assad durante la guerra in Siria: data zero 1 Ottobre 2027, direi troppo lontana.  

Segue l’ epoca dei Samurai Giapponesi ( 1185 ), poi Saladino sconfigge i Crociati e cade Gerusalemme, muore Barbarossa, Francia e Inghilterra tolgono Acri ai Saraceni ( assedio e resa di Acri ), Riccardo Cuor di Leone viene catturato, Costantinopoli è distrutta nella Quarta Crociata. Attacchi in Turchia ci furono nel 2007 ( data zero 19 Febbraio 2020 ), 2008 ( 2021 ), 2010 ( 2023 ), mentre attacchi negli Stati Uniti che potrebbero allacciarsi forse son troppo lontani: 2009, 2013, 2015, 2016 …  

Poi arriva Gengis Khan, che forse rappresenta il superpotere Americano o l’ emergere della potenza Cinese, o forse alla minaccia di Kim in Corea del Nord. Passiamo a Francesco , 1208 ( 24 Febbraio 1208 e 14 Settembre 1224 – chiamata e stigmate ) e colleghiamolo a Papa Francesco ( 2013 ): ( data zero 22 Dicembre 2025 e 17 Settembre 2025 ). Segue il massacro dei Catari in Francia, la Reconquista Spagnola contro il potere islamico, la Crociata in Egitto del 1215 – 1219 ( Primavera araba Egiziana 2011? ).

Dal 1241 i Mongoli cominciano a espandersi e invadere altri paesi, e vengono evocati dagli Stati Uniti quando avviene la presa di Baghdad, mentre i Turchi sottraggono Gerusalemme ai Cristiani, ma il 2003 e la campagna statunitense in Iraq non si allinea bene, quindi prendiamo attacchi distruttivi a Baghdad, come il 23 Novembre 2006 ( data zero 11, 12 Ottobre 2018 ), che si allaccia al 1258, poi entriamo nell’ epoca di Dante, di Marco Polo alla scoperta della Cina, l’ emergere degli Aztechi in Messico, e poi la Guerra dei Cent’ anni fra Inghilterra e Francia, che potrebbe allacciarsi a un periodo di remake effimero della Guerra Fredda …

Arriviamo al 1347, che probabilmente a livello umano è il periodo più trasformativo dell’ intera storia, perché arriva la Peste e rischia di spazzare via l’ Europa. Probabilmente come allaccio dobbiamo mettere un periodo in cui l’ attenzione dei media si è concentrata sulle minacce di epidemia globale. Comunque, è un periodo drammatico e cupo, dove l’ economia va in declino, il clima si raffredda, arrivano le piogge a rovinare i raccolti, vi è una religiosità troppo intensa e morbosa, isterica, una atmosfera di panico e inettitudine, l’ urbanizzazione si disperde, vi sono carestie, caccie agli eretici, maggiore ignoranza e superstizione. Insomma, bisogna trovare una parentesi di alcune settimane negative nella storia e cronaca recente.

Passiamo alla dinastia dei Ming Cinese, allo scisma d’ Occidente e all’ elezione di due Papi ( 23 Marzo 2013, la foto dei due Papi e 20 Settembre 1378 fa 18 Aprile 2023 ). Arriviamo quindi alla battaglia del Kosovo ( sconfitta dei Serbi da parte degli Ottomani ) che piantò i semi del nazionalismo serbo attuale ( 1389 ), e poi abbiamo Tamerlano che saccheggia Baghdad ( 10 Luglio 1401 e 20 Marzo 2003 fa 2012 quindi non si allaccia bene ). Continua la Guerra dei Cent’ anni, passiamo all’ impero Azteco del 1428 e ai sacrifici umani, che si potrebbero allacciare alle nefandezze compiute in Messico in anni recenti. Arriviamo a Giovanna d’ Arco, che forse si può allacciare a qualche signora Russa ( essendo che ha avuto un ruolo nella Guerra dei Cent’ anni contro gli Inglesi )? Meyer l’ allaccerebbe alla martire della Rivoluzione Iraniana del 2009 ( 20 Giugno 2009 ) ( data zero 22- 26 Agosto 2018 ). Arriviamo quindi agli Incas del 1438.    

La caduta di Costantinopoli del 1453 Meyer la allaccerebbe al Settembre del 2009, quando vi furono le peggiori alluvioni di Istanbul da 80 anni a quella parte ( data zero 8 Luglio 2018 ) ma vi sono alternative, e bisogna cercare date di attacchi terroristici in Turchia per esempio. Arriviamo quindi alla rievocazione della stampa e del primo libro, e qui si può fare un allaccio all’ emergere della stampante 3d e degli ebooks, e degli ereaders, quindi, come Kindle. L’ attenzione dei media dovrebbe concentrarsi sul mondo del libro in quel periodo.

Poi arriviamo alla respinta dei musulmani da parte dell’ Ungheria ( 1456 ) come fa attualmente, arriviamo all’ epoca Medicea di Firenze ( Lorenzo De’ Medici – 1469 ), all’ Inquisizione Spagnola, e alla scoperta dell’ America.

Apriamo una parentesi per la rievocazione del 1492. Dapprima ho pensato di allacciare la Scoperta al disastro petrolifero del Golfo del Messico ( 20 Aprile 2010 ) perché l’ attenzione dei media si era concentrata su quel tratto di oceano ( data zero è una delle due proposta da Meyer, 8 Luglio 2018 ), ma forse è meglio cercare le scoperte dei pianeti extrasolari, in fondo si rievoca il Nuovo Mondo: l’ allaccio con il 16 Dicembre 2009, primo extrasolare con l’ acqua, è scaduto il 2 Marzo 2018. Le alternative sono il sistema di Trappist ( 22 Feb 2017 – 19/ 20 Giugno 2025 ) che però è stato originariamente scoperto nell’ autunno 2015 e nel Maggio 2016, quindi la data zero si può anche tirare indietro, Gliese 832C, ( 25 Giugno 2014 – 5 Ottobre 2022 ), Trappist 1d ( 2 Maggio 2016 – 23 Agosto 2024 ) , Luyten ( 17 Marzo 2017 – 13 Luglio 2025 ) , Proxima Centauri B ( 24 Agosto 2016 – 16/ 17 Dicembre 2024 ) che però fu scoperto dapprima nel 2013 e nel Gennaio 2016, poi anche LHS ( 20 Aprile 2017 – 16/ 17 Agosto 2025 ) , Ross ( 15 Novembre 2017 – 17 Marzo 2026 ) e questi sono quelli più importanti, secondo le mie ricerche, quelli con maggior potenziale futuro.

Da questo punto l’ attenzione mediatica si concentra sulle Americhe per un lungo periodo, ma nel frattempo passiamo al periodo in cui l’ Impero Ottomano raddoppia la sua estensione, e si rievoca la figura di Martin Lutero. Quindi, quale personaggio recente incarna il suo ruolo? In ogni caso, un periodo di agitazione e separazione nella Chiesa, e un desiderio di riformare le regole. Si passa quindi alla vita di Leonardo da Vinci, sebbene siano gli ultimi anni, e chi potrebbe aver preso il suo ruolo? ( Lo scopriremo nel mio futuro articolo sui paragoni fra personaggi storici ? ) Bisognerebbe vedere se un genio dei nostri tempi se ne è andato di recente …

Passiamo quindi ai Conquistadores e ai missionari, che arrivano all’ attenzione mediatica, e forse o senza forse c’è un collegamento con la questione dei migranti e con la questione dei soldati degli interventi militari in Medio Oriente, a riguardo … Nel 1520 la Castiglia si ribellò alle tassazioni e adottò una nuova forma di governo, mettendo le basi per le future rivoluzioni popolari …Qualche collegamento con una crisi primaria in Catalogna? Vedremo …I Conquistadores passano all’ azione e mettono fine all’ Impero Azteco, quindi dovremmo guardare a qualche agitazione central – sud – americana a riguardo. Abbiamo poi il riformatore ostacolato dalle accuse della Chiesa, Magellano che muore nelle Filippine, e nel 1525 una prima grossa rivolta Europea, la ribellione dei contadini in Germania …Questo periodo è più complesso per quanto riguarda trovare delle affinità e collegamenti con l’ immediato passato. Ma probabilmente basterebbe fare un po’ più di attenzione …

Abbiamo poi la fine dell’ indipendenza Ungherese, il punto più basso della storia del paese, citata ancora adesso. Segue un altro sacco di Roma nel 1527, e qui bisogna vedere se c’è stato un attacco terroristico, in Italia non credo, ma negli Stati Uniti, vista l’ affinità romana degli Usa? O almeno una rivolta di qualche tipo …Nel frattempo possiamo paragonare l’ avanzata Ottomana, insistente, con le continue migrazioni di islamici in Europa. Passiamo alla figura di Enrico VIII ( bisogna cercare dall’ autunno 2010 – quindi la recente serie tv dei Tudors non si allaccia, ma forse qualche replica …;) ). Bisogna vedere se un leader attuale aveva avuto qualche contrasto con la moglie, e / o con il Papa.

Abbiamo poi la fine degli Incas, quindi altre agitazioni in Centro – Sud America, forse un assassinio ( Atahualpa ), come fu prima per ( Montezuma ). In Olanda cominciano le stragi eretiche, con gli anabattisti ( 1535 ), poi la condanna di Anna Bolena ( collegamenti? ) , poi abbiamo l’ assassinio di Pizarro in Perù ( 1541 ), un sacerdote che difende la causa degli indigeni ( 1542 ) ( Preti che difendono e accolgono i migranti? ) , l’ Inquisizione contro gli eretici a Roma, la Rivoluzione Copernicana, i gesuiti in Oriente, guerre di religione in Germania.  

Abbiamo poi un regnante Spagnolo che abdica ( 1556 ) e ce ne è stato uno di recente: come Carlo V c’è Juan Carlos ( 16 Gennaio 1556 e 2/ 18 Giugno 2014 fa 10/26 Settembre 2021 ). Poi la Regina Inglese si oppone ai protestanti, gli Ottomani procedono con i loro assalti, si accende il desiderio di indipendenza Olandese ( 1568 ) ( collegamenti? Visto che si oppongono alla Spagna forse riguarda la Catalogna? ) …Poi siamo al 1572 e avviene un massacro ( di ugonotti ) a Parigi …Collegato ai due eventi ( Charlie Hebdo e Nov 2015 ) a Parigi viene data zero 14 Gennaio 2022 e 25 Novembre 2022 ).   

L’ avversione fra Olanda e Spagna si infiamma, con una dichiarazione di indipendenza, poi muore Ivan il Terribile ( 18 Marzo 1584 ) , e si collega con la morte, quasi lo stesso giorno di Ivan Demjanjuk, criminale di guerra soprannominato anche egli il Terribile, morto il 17 Marzo 2012, e data zero ottenuta è 1 Gennaio 2019.  

Passiamo al 1600, e vediamo Shakespeare ( rievocazione? Collegamenti? ) e il primo martire della scienza, Elisabetta I nel suo ” discorso d’ oro “, la pubblicazione del Don Chisciotte, l’ attentato fallito al parlamento britannico, e la colonizzazione della Virginia, quindi prime colonie statunitensi, come tematiche di rievocazione storica. Stranamente, qui è più difficile che nella preistoria e per i tempi più recenti, trovare collegamenti con l’ immediato passato, ma dovrebbero esserci nascosti qui e là.

Passiamo a Galileo, Caravaggio, Pocahontas, e arriviamo alla famigerata Guerra dei Trent’ anni, e dovremmo notare un’ intensa tensione religiosa – multiculturale in Europa ( 1618 ), a partire dalla ” defenestrazione di Praga “, poi l’ attenzione mediatica si concentra anche, non solo sui problemi della convivenza multiculturale ma anche sui barconi dei migranti, perché nel 1619 comincia la saga dei mercanti di schiavi, prelevati dall’ Africa. Galileo, altro personaggio scientifico, alle prese con l’ ottusità della Chiesa ( 1633 ), e quindi la rivolta in Catalogna ( 1640 ) ( 7 Giugno 1640 e 1 Ottobre 2017 – Referendum d’ indipendenza Catalano fa data zero 27 Settembre 2023ma poi c’è anche il 27 Ottobre 2017 come dichiarazione di indipendenza quindi – 23 Ottobre 2023 ).  

Per quanto riguarda la guerra civile Inglese ( 1642 ) ? L’ allacciamento con le rivolte dell’ estate 2011 non funziona ( scade nel 2017 ), quindi forse bisogna guardare agli Stati Uniti. Nel 1649 il regnante venne ucciso. Abbiamo quindi il Grande Incendio di Londra ( mi viene in mente l’ incendio della Grenfell Tower nel 2017 – collegato al 1666 fa data zero 7/8 Gennaio 2023 ). Abbiamo dunque a seguire la corte del Re Sole Francese a Versailles ( 1682 ), e nel prossimo articolo vedremo anche di trovare un collegamento fra il Re Sole e qualcuno di moderno.

Segue la figura di Newton, ma anche l’ isteria della caccia alle streghe, e anche la figura di Pietro il Grande di Russia, che cerca di modernizzare la Russia ( 1697 ) poi l’ unificazione di Inghilterra e Scozia ( 1707 e il fallimento del referendum di indipendenza scozzese del 2014 fa data zero 5 Agosto 2019 , invece collegato alla brexit viene data zero 20 Maggio 2021 ).

Abbiamo quindi Bach, e la riforma militare russa ( 1722 ), il rovesciamento dell’ impero Persiano , la rivoluzione dell’ industria tessile, la classificazione del mondo naturale, i metodisti, la Prussia potenza militare, tensioni fra Inghilterra e Scozia, e infine l’ Illuminismo ( 1751 ).

Come collegare il grande terremoto e tsunami di Lisbona? Bisognerebbe trovare un terremoto central – sudamericano ( bisogna cercare da Gennaio 2014 in poi ) abbiamo 1 Aprile 2014 ( 8 Maggio 2018 ), 18 Aprile 2014 ( 25 Maggio 2018 ), 14 Ottobre 2014 ( 23 Novembre 2018 ), 16 Settembre 2015 ( 1 Novembre 2019 ), 24 Novembre 2015 ( 10 Gennaio 2020 ), 16 Aprile 2016 ( 4 Giugno 2020 ), 25 Dicembre 2016 ( 16 Febbraio 2021 ), 8 e 19 Settembre 2017 ( 4 e 15 Novembre 2021 ).  

Abbiamo dunque la rievocazione della Guerra dei Sette Anni, una sorta di protoconflitto globale, che si rievoca in un 40 – 50 giorni di alta tensione, probabilmente una crisi simile alla Guerra Fredda ( fu un conflitto fra Inghilterra e Francia, ma ai nostri tempi il rivale è la Russia, e il campo di battaglia fu compreso fra Europa, India e Nordamerica ).

Segue la figura di Caterina di Russia. Passiamo quindi alle prime tracce di agitazione Americana ( stamp act 1765 ), all’ emancipazione degli schiavi in Britannia, al boicottaggio del carico di tè a Boston ( 1773 ) ( collegamento da cercarsi a partire dall’ estate del 2014 ). Come collegamento alla Guerra di Indipendenza Americana* si può guardare alle rivolte di Ferguson *( 1770 / 1775 ) ( 7 Novembre 2014 – 26 Agosto 2018 dz ) ( 9 Agosto 2014 – 1770 – 26, 27 Giugno 2018 dz / 1775 – 27 – 28 Maggio 2018 ), ( 24 Novembre 2014 – 13 Settembre 2018 dz ) , c’è poi anche la Dichiarazione di Indipendenza del 1776. Intorno al 1770 , inoltre, è stata scoperta l’ Australia, quindi si dovrebbe cercare un momento in cui l’ Australia è sotto l’ attenzione mediatica.    

Poi, 1780 cattolici contro protestanti, Londra messa a ferro e fuoco, una protesta antipapa che sfociò nella violenza, poi la costituzione Usa 1787, la figura di Washington, 1788, l’ Australia come colonia penale ( mi fa pensare alla vicenda dei migranti Rohingya ( ? ) intrappolati nelle isole circostanti l’ Australia, tenuti in campi di concentramento perché non possono accedere all’ Australia, e infine l’ entrata nel mondo moderno, con la Rivoluzione Francese. Qui si può allineare con le proteste scaturite post Je Suis Charlie ( La marcia dei politici europei 11 Gennaio 2015 – quindi dz nel periodo 6 – 10 Agosto 2018 ) oppure come rappresentazione del caos in territorio Francese – Europeo si può collegare agli attacchi di Parigi di Novembre 2015 ( quindi dz 14 Maggio 2019 ), poi però si possono allacciare entrambi questi eventi al Regno del Terrore Francese 1792- 1794 ( quindi 7 Gennaio 2015 – 1794 – 8 Luglio 2018 ) e ( 10 Agosto 1792 – 17 Settembre 1793 e 13 Novembre 2015 – 23, 24, 30 Maggio 2019 dz ) e ( 10 Agosto 1792/ 17 Settembre 1793 – 7 Gennaio 2015 – dz 13 , 19 Luglio 2018 ).  

In alternativa, dobbiamo cercare una rivoluzione che sia sfociata nella violenza incontrollata, a partire dall’ autunno 2014 …Qualcosa che abbia fatto discutere di diritti dell’ uomo, di svolta rivoluzionaria, di terrore e condanne, bisogna pensare a un novello Robespierre. Vediamo anche la morte di Mozart ( qualche celebrità morta in quel periodo di rivoluzione? ), gli ottomani che cedono la Crimea alla Russia ( polveriera di Crimea , ricordiamo la crisi russo – ucraina che però si svolse a inizio 2014 )  e il conflitto Russo – Turco.

Rimane poi da verificare la rievocazione storica e i vari collegamenti con Napoleone e le sue campagne di guerra, e il modo in cui fece colpo di stato e divenne leader assoluto, nonché ” superuomo europeo ” al controllo di una intera area geografica … Quindi, chi è stato il nuovo Napoleone? ( Senza limitarsi a cercare in territorio francese ).

Se colleghiamo la Brexit ( 23 Giugno 2016 ) alla nascita del Regno UK ( 1 Gennaio 1801 ) viene data zero 24 Novembre 2019. Poi viene la figura imperatrice napoleonica, l’ abolizione della tratta degli schiavi, la campagna napoleonica di Russia ( 1812 ), la caduta di Napoleone ( 1814 ), il suo esilio, ritorno in Francia, sconfitta e declino, Congresso di Vienna , Waterloo, ma in questo caso è ancora tutto da vedere, perché non saprei dove collocarlo sulla timeline, dove queste sequenze di eventi si svolgerebbero in maniera molto accelerata.   

Il milleottocento in generale lo vedo come un periodo complicato se si tratta di allacciare gli eventi con l’ era attuale …abbiamo a seguire l’ eruzione del Tambora, il massacro di Peterloo e le guerre di liberazione del Sudamerica con protagonista il Venezuelano Bolivar ( 1819 ) ( il Venezuela si può allacciare con una crisi attuale ) … La crisi in Venezuela, a livello socioeconomico e politico è la peggiore nella sua storia locale, e i dati indicano che è peggiore degli Usa nella Grande Depressione e della crisi Albanese post caduta del comunismo. Wikipedia la fa partire dal 12 Febbraio 2012. La fase più combattiva arrivò nell’ Aprile del 2017. Una rievocazione è da cercarsi a partire da Gennaio 2015. La guerra di indipendenza Venezuelana cominciò il 19 Aprile 1810 mentre la guerra di Granada di Bolivar cominciò il 27 Maggio 1819. Collegando il 29 Marzo 2017 alle due date dette in precedenza si ottengono date zero: 10/11 Luglio 2020 e 18/19 Maggio 2020 ).

Abbiamo quindi la proclamazione di indipendenza Greca, quella del Messico, quella del Brasile ( anni venti dell’ Ottocento ), la prima fotografia, la fine della schiavitù nell’ impero britannico, l’ incendio del parlamento di Londra, la battaglia di Alamo nell’ indipendenza del Texas, la guerra anglo – afghana, e la breve guerra fra Messico e America ( relazioni compromesse ).

Segue il Quarantotto, con tutte le sue rivoluzioni, anticipate dai vari moti degli anni ‘ 20 e ’30 dell’ Ottocento, e il manifesto di Marx , il concetto di lotta di classe. Gli allacci possibili sono davvero molti …bisogna cercare a partire dall’ estate del 2015. Possiamo guardare al referendum sull’ austerity della Grecia ( 5 Luglio 2015 ), le proteste in Romania ( 31 Ottobre 2015 ), anche il caos post – attacco a Parigi potrebbe valere ( data zero infatti è vicina a quella di Meyer, 12 Luglio 2018 ), che è conseguito in legge marziale a Bruxelles se ricordo bene, alla caccia agli uomini, ma anche in Francia ( data zero 9 – 13 Luglio 2018 ). Fino al 21 Gennaio 2017, però in America, giorno della più affollata protesta nella storia dell’ uomo, non vi sono altri indizi. Anche se in realtà quella del 2017 fu una protesta Worldwide, quindi forse vale …ci furono 168 proteste in paesi fuori dagli Usa.  Si può contare anche la crisi Catalana fra il 1 e il 27 Ottobre 2017. Nel 2018 si può calcolare il remake delle proteste contro Trump il 21 Gennaio 2018 e quelle post-sparatoria, contro la violenza e le armi , il 24 Marzo 2018. La wiki Italiana fa partire il Quarantotto dal 12 Gennaio, mentre quella Inglese dal 23 Febbraio.

Abbiamo quindi ( 22 Feb 1848 e 13 Novembre 2015 – 12 Luglio 2018 ); ( 12 Gen 1848 e 21 Gennaio 2018 – 3 Ottobre 2020 / 24 Marzo 2018 – 5 Dicembre 2020 ) ; ( 12 Gen 1848 e 1 / 27 Ottobre 2017 – 10/ 11 Giugno 2020 e 7 Luglio 2020 ) ; ( 12 Gen 1848 e 5/13 Luglio 2015 – non funziona, data zero a inizio Marzo 2018 ) ; ( 12 Gen 1848 e 31 Ottobre 2015 – 30 Giugno 2018 ) ; ( 12 Gen 1848 e 21 Gennaio 2017 – 28 Settembre 2019 ).

La guerra Russo – Turca del 1853 si può ritrovare nell’ abbattimento di un jet militare russo da parte della Turchia il 24 Novembre 2015 ( data zero 3 Agosto 2018 ). Arriviamo dunque alla rievocazione dell’ Unità d’ Italia.

Arriviamo al periodo della Guerra Civile Americana, e bisognerebbe cercare un periodo di alcune settimane di forte divisione, crisi, proteste e rivalità politiche negli Stati Uniti. La vicenda del dibattito sulla schiavitù mi fa pensare al dibattito sui latinos illegali. ( Seguirà poi una ricerca su questo, quindi tornate a guardare). Segue la scomparsa del principe consorte della Regina Vittoria, e se lo colleghiamo al ritiro dalla vita pubblica del consorte della Regina Elisabetta, viene una data zero 21 Gennaio 2020.

La Rivolta dei Taiping è una guerra civile Cinese provocata dall’ insorgere di una specie di Cristianesimo sul modello del visionario. Non so se si può collegare a qualcosa ( 1864 l’ anno finale della vicenda ). Poi ci sono le battaglie con i nativi Americani di fine Ottocento …e il movimento delle suffragette. Ho controllato e la rievocazione delle prime olimpiadi del 1896 si allaccia ai primi di Agosto 2016 ( 120esimo anniversario delle olimpiadi ) sulla timeline di Meyer.  

La vicenda dell’ affondamento della USS Maine nel 1898 che ha dato pretesto per invadere Cuba mi fa pensare agli ” attacchi misteriosi ” subiti da alcuni ambasciatori statunitensi a Cuba, nell’ autunno 2016, emersi come notizia nell’ agosto 2017. Non ho però trovato date a riguardo.

Siamo quindi nel Novecento, e arriviamo alle prime tracce della Rivoluzione Russa, con la rivolta repressa del 1905.  Questo è anche il periodo della formulazione della teoria della relatività di Einstein.  Il freno all’ immigrazione negli Stati Uniti del 1907 mi fa pensare a un allaccio con una delle prime decisioni del mandato di Trump nel 2017 ( 20 Feb 1907 e 27 Gennaio 2017 – 26 Ottobre 2018 ) / ( 20 Feb 1907 e 5 Febbraio 2017 – 29/30 Agosto 2018 ).  Passiamo quindi alla scoperta dei giacimenti di petrolio nel 1908 in Iran.

La deposizione del sultano nel 1909 mi fa pensare a un allaccio con l’ eliminazione presunta del leader dell’ Isis nel 2017 ( 28 Maggio con annuncio il 16 Giugno – allaccio al 27 Aprile 1909 dà data zero 14 Febbraio 2019 – 5 Marzo 2019 ).  

Nel 1910 vediamo la Rivoluzione Messicana …collegamenti col Titanic ( 1912 )? Ce ne sono? Chissà? Continua il movimento delle suffragette …e poi …

La prima guerra mondiale …quando l’ ambasciatore russo in Turchia è stato ucciso da un finto poliziotto, un giovane turco, ed è stato filmato su youtube perché era in diretta, e il giovane si è messo a urlare e a parlare di Siria, ( 19 Dicembre 2016 ) molti articoli hanno parlato di ” rievocazione di Ferdinando “, descrivendo la vicenda come un’eco dell’ assassinio dell’ arciduca nel 1914, che accese la miccia per la prima guerra mondiale. Allacciando quella data al 28 Giugno 1914 viene fuori come data zero il 5 Agosto 2018. Però ci possono essere altri allacci, conoscete altri assassinii abbastanza noti accaduti di recente? Quello di Jo Cox è troppo indietro nel tempo, e a parte per la morte di un parente del leader nordcoreano e a un attentato di uomini del congresso statunitense nel 2017 Wikipedia non ne indica altri …quindi fino a prova contraria dobbiamo dar per buono quello, e quello del coreano ( data zero 1 Ottobre 2018 ).

La mia idea di replica delle guerre mondiali era quella di un conflitto di larga scala ma a velocità lampo, intervallato da un breve armistizio che poi sarebbe fallito. Di guerre lampo non ce ne sono state, finora. La prima guerra mondiale accese un forte patriottismo, ottimismo, desiderio di avventura, per giovani che non avevano vissuto in tempi di guerra, un periodo buio che interrompeva decenni di pace, una lotta nel fango, fra le trincee, nel mezzo di una devastante epidemia di influenza, con invasioni, attacchi a gas che diedero origine al termine della sindrome post traumatica e rese ciechi tanti soldati. A questi giovani sacrificati alle potenze era stato detto che sarebbero tornati a casa entro pochi mesi. L’ intera Europa finì nella morsa del conflitto, e ricordiamo come la Germania volesse convincere il Messico a dichiarare guerra agli Usa per distrarli e non farli intervenire, ma che fu proprio questa decisione a determinare l’ entrata nella storia internazionale della potenza nascente degli Stati Uniti. ( A parte l’ affondamento di una nave da crociera statunitense da parte di un sommergibile ). Durante la guerra vi fu anche l’ insurrezione Irlandese, il ritorno in campo di Lenin e la Rivoluzione Russa, poi il governo britannico appoggiò la costituzione di una sede ebraica in Palestina, e vi fu un grosso incidente esplosivo in un porto Canadese. Inoltre avvenne la caduta di Damasco di Siria, con gli alleati che conquistarono la città e la tolsero ai Turchi. Sembra qualcosa che potrebbe avvenire anche ai nostri tempi.

Dovrebbe comunque allacciarsi a un periodo di declino e stravolgimenti geopolitici simile alla rievocazione del periodo della Peste …bisogna cercare. La traversata transatlantica senza scalo del 1919 mi fa pensare a un allaccio con il recentissimo volo di 17 ore senza scalo Europa – Australia ( 15 Giugno 1919 – 25 Marzo 2018 – 18/ 19 Ottobre 2019 ).

Ricordiamo che dopo la Grande Guerra alla Germania vennero imposte condizioni eccezionali, che istigarono un desiderio di rivincita nei cittadini, poi cominciò l’ usanza del minuto di silenzio, venne il proibizionismo ( 1920 ) che mi fa pensare ai recentissimi eventi riguardo al diritto delle armi negli Stati Uniti, poi venne la scissione Anglo – Irlandese che scatenò la guerra civile fra sostenitori dell’ accordo e i detrattori.

Naturalmente dal 1922 si parla di dittatori, come Mussolini, con la sua marcia su Roma, e qualcuno ci può venire in mente, ma non lo diciamo. Un uomo venuto a comandare di sorpresa un paese, senza nemmeno aver piena fiducia nell’ esito della sua ” marcia ” …( l’ allaccio di date dà date zero potenziali 7-8 Maggio 2018, 24/ 26 Aprile 2018, e anche 20 Luglio 2018 ). L’ iperinflazione tedesca del 1923 mi fa pensare a una notizia poco nota di uno stravolgimento economico in India, che prese di sorpresa la nazione, con la rimozione da un giorno all’ altro di alcune valute, che costrinse le folle a radunarsi agli sportelli automatici a farsi consegnare banconote da 100, in una economia che funziona quasi esclusivamente ” cash “, quindi contanti alla mano, e la gente si chiedeva se le valute bannate  fossero diventate carta straccia. Avvenne in contemporanea con l’ elezione di Trump e continuò per tutto l’ autunno e l’ inizio dell’ inverno 2016 – 2017. Connettendo l’ 8 Novembre 2016 e il periodo di fine anno ( limite per il ricambio di valute ) al 13 Agosto 1923 e al 15 Novembre 1923 abbiamo date zero il 1 Maggio 2018 e fra il 22 e il 25 Giugno 2018.

Abbiamo poi l’ emergere della figura di Hitler, a partire dal colpo di stato di Monaco, e anche qui un’ idea ce la siamo fatta, ma il personaggio non lo diciamo. Abbiamo poi nel 1926 la prima dimostrazione della televisione, che in tempi attuali si potrebbe allacciare al tablet/ Ipad della Apple, come evoluzione …Il lancio del primo razzo nel 1926 mi fa pensare alla tecnologia di SpaceX, per esempio il 30 Marzo 2017 c’è stato il primo lancio a sistema riusabile di un razzo di classe orbitale, e allacciato al 16 Marzo 1926 fa data zero 8- 9 Settembre 2018, ma poi dobbiamo ricordare anche il celebre lancio, molto più noto, del Falcon Heavy della SpaceX, il 6 Febbraio 2018, e quindi l’ allaccio con il 1926 fa data zero 23/24 Luglio 2019.

Abbiamo poi l’ esordio di Disney e Topolino ( 1928 ), i primi premi oscar, e quindi il crollo di Wall Street ( 1929 ); ultimamente ci sono stati vari eventi paragonabili a questo, in piccolo. Noi per esempio se pensiamo al 5 Febbraio 2018, viene come data zero 1-2 Luglio 2019. Altri eventi sono troppo indietro nel tempo per avere una data zero nel futuro. Il presidente Trump è un personaggio davvero molto simile al presidente Hoover, eletto nel 1928 ( noi contiamo anche l’ inaugurazione del 1929 ) quindi ( 8 Novembre 2016 e 20 Gennaio 2017 allacciato a 6 Novembre 1928 – 20 Gennaio 2017 abbiamo una data zero nella prossima settimana e una il 13 – 14 Giugno 2018 ).  

Abbiamo poi il personaggio di Gandhi, e Hitler che diventa cancelliere. Non voglio esporre la mia opinione su chi possa essere la rievocazione dei dittatori del Novecento, ma si può immaginare. Qualche settimana dopo che Hitler venne eletto in modo regolare, avvenne un incidente false – flag al Reichstag, che fornì al dittatore la possibilità di acquisire maggiori poteri. Abbiamo anche le purghe di Stalin, per fare piazza pulita di avversari politici e presunti oppositori, proprio mentre Hitler assume il controllo totale della sua nazione. Abbiamo dunque Mussolini che lancia una piccola guerra e manda in esilio un leader Africano. Emerge anche la figura di Mao Zedong …

La guerra civile spagnola si può collegare non solo alla crisi intensificata in Venezuela dello scorso Aprile*, e alla rivoluzione Catalana dello scorso Ottobre, ma anche alla Guerra Siriana che continua. Questa guerra fu un’ anteprima della guerra mondiale che sarebbe scoppiata qualche anno dopo, ci fu Guernica come primo bombardamento aereo di una città, e il colpo di stato di Francisco Franco. Allacciando il 17 Luglio 1936 al 30 Marzo 2017 e al 1 Ottobre 2017 viene data zero fra il 9 e l’ 11 Luglio 2018 / 14/15 Gennaio 2019. A cosa si può allacciare il bombardamento di Guernica?  * ( Crisi percepita come un colpo di stato dall’ opposizione, e come un self – colpo di stato dalla OAS  ) Il 20 e 21 Aprile 2017 ci furono 12 vittime nelle proteste in Venezuela ( data zero è fra il 27 e il 29 Luglio 2018 ). Invece in Catalogna non mi pare ci siano state vittime numerose fra i protestanti.

Della guerra fra Cina e Giappone che in Asia si studia come l’ origine della guerra mondiale non vi è traccia nella storia recente perché la situazione è cambiata. L’ anno scorso, seguendo la timeline di Meyer, avevo paragonato il bombardamento di Trump in Siria all’ annessione dell’ Austria da parte della Germania, ma forse non va bene come allaccio. In tempi moderni solo la Russia si può permettere di annettere aree come la Crimea senza che scoppino grandi conflitti, però può ancora accadere che un paese decida di mettere piede dove non dovrebbe. Avevo anche collegato la crisi dei Sudeti alla tensione fra Stati Uniti e Corea lo scorso Aprile, anche qui, si possono fare allacci diversi.

Nel 1938 ci fu l’ equivoco radiofonico di una presunta invasione extraterrestre …chissà che, se la rievocazione della seconda guerra mondiale è ancora davanti a noi, non succeda una finta invasione, magari con uso di tecnologie olografiche ad ampio raggio, che faccia da preludio allo scoppio della Grande Guerra numero Due…potrebbe anche succedere! Abbiamo poi la Notte dei Cristalli, un sacco della Germania rivolto verso la comunità ebraica, e di una rievocazione in questo senso non mi pare ci sia stata traccia …poi abbiamo la fissione nucleare, che è la scissione dell’ atomo, l’ invasione di Praga, la resa della capitale Spagnola e la fine della guerra civile, il patto  russo – tedesco …   

Entriamo poi in Seconda Guerra mondiale, e l’ anno scorso avevo notato che proprio come indicava Meyer, la metà di Aprile mostrava un influsso senza precedenti di ricerche online sulla terza guerra mondiale, proprio mentre si teneva il fiato sospeso per la tensione America – Nord Corea. Avevo pensato a un possibile attacco preventivo alla Corea da parte degli Usa, o ad un intervento militare americano / turco in Siria, con la Russia che correva a difendere la nazione amica. Avevo pensato che avremmo visto, come fu allora, comunicazioni telefoniche e internet interrompersi temporaneamente, e ordini ai cittadini all’ estero di tornare nei propri paesi, come anche ai mezzi di trasporto di fare marcia indietro. Avevo pensato che si sarebbero intensificati gli attacchi terroristici, a fungere da rimando ai bombardamenti della guerra mondiale sulle città, e in effetti questa parte c’è stata …avevo anche pensato a una guerriglia furiosa per una quarantina di giorni, che si sarebbe poi interrotta e si sarebbe trasformata in una guerra fredda, non prima di un colpo di scena nucleare … 

Anche se una vera e propria guerra lampo non c’ è stata, la scorsa primavera – estate ci sono state varie tracce di rimando alla guerra mondiale, tutto nell’ arco di alcune settimane e mesi, a breve distanza l’ uno dall’ altro:

  • Gli Usa hanno lanciato una ” MOAB ” su un rifugio di terroristi in Afghanistan
  • Eventi relativi alla guerra in Siria, il conflitto attuale più devastante che si possa trovare
  • Il referendum in Turchia che ha fornito maggiori poteri al capo di stato
  • La Corea del Nord intendeva testare una carica di missili alla settimana
  • Neo nazisti hanno attaccato un edificio della sicurezza federale in una città Russa
  • Il Papa si è riferito al campo profughi di Lesbo come ” un campo di concentramento ” * la rievocazione di periodi storici si può trovare anche nell’ uso di determinate terminologie in una determinata finestra di tempo
  • La Turchia ha bombardato Siria e Iraq
  • La Germania ha bannato il burqa per i lavoratori civili
  • Il leader del Front National francese si è dimesso per il suo commento in negazione alla logistica dei campi di concentramento
  • La Turchia ha bloccato l’ accesso a wikipedia
  • 50.000 persone sono state evacuate da Hannover, Germania, per disinnescare una bomba inesplosa della Seconda Guerra Mondiale
  • Un attacco hacker Wannacry Ransomware ha attaccato i computer di Inghilterra, Russia e Spagna
  • Gli Usa hanno accusato la Siria di usare forni crematori contro i prigionieri politici
  • C’è stato l’ attacco al concerto di Manchester
  • Le Filippine hanno avuto una grande città assediata dall’ Isis ( le Filippine vennero coinvolte nella seconda guerra mondiale )
  • Katie Hopkins ha chiesto una ” soluzione finale ” per il mondo islamico
  • La Corea del Nord ha lanciato un missile nella zona esclusiva economica Giapponese
  • A Giugno c’è stata l’ uscita del noto gioco Tekken 7 ( questo capitolo includeva nella trama di vari personaggi una guerra mondiale in corso )
  • C’è stato il casino durante la partita a Torino, e persone sono state travolte, e lo stesso giorno un attacco a Londra
  • Persino l’ Iran è stato coinvolto da un attacco terroristico
  • Gli Usa sono intervenuti per fronteggiare l’ assedio di Marawi da parte dell’ Isis, nelle Filippine
  • La Russia annunciò l’ eliminazione del Califfo a capo dell’ Isis, e venne abbattuta la moschea dove fece il suo discorso di debutto
  • E’ iniziata l’ operazione militare per la conquista della capitale Isis Raqqa
  • Gli Stati Uniti hanno sorvolato la Corea del Nord durante una simulazione di attacco nucleare preventivo!
  • La Turchia annunciò che 130 cittadini residenti in paesi esteri avrebbero perso la cittadinanza turca
  • C’è stato un piccolo attacco terroristico al Notre Dame di Parigi
  • C’è stato l’ incendio della torre / grattacielo di Grenfell a Londra
  • La Corea del Nord ha rilasciato un cittadino americano, che però era già in coma, e poi morì
  • Una collezione di eredità naziste venne ritrovata in Argentina
  • Il leader dell’ Iraq libero ha annunciato la fine del califfato nella sua area
  • La Corea del Nord ha lanciato un missile balistico intercontinentale 

Ciò non toglie che una rievocazione attraverso una crisi internazionale della durata di una quarantina di giorni, con invasioni, colpi di stato, caccia alla minoranza etnica, bombardamenti, interventi militari, attacchi terroristici e una sorpresa nucleare possa trovarsi ancora davanti a noi sulla timeline …la crisi in Ucraina si può riaccendere, gli Stati Uniti o la Turchia potrebbero ancora opporsi alla Russia e contendersi la Siria, l’ Isis potrebbe tornare a fare attacchi a distanza ravvicinata, una minoranza potrebbe decidere di insorgere e provocare grave scompiglio nel paese ospitante, la Corea del Nord o la Cina potrebbero ancora decidere di dare una lezione di avvertimento agli Usa ( penso a Pearl Harbor ), la crisi dei migranti potrebbe avere risvolti molto complicati e pericolosi per la morale di certe nazioni, potrebbe emergere una versione di Anne Frank islamica o curda …

In seguito alla rievocazione della guerra mondiale, l’ attenzione mediatica si sposta sulle decisioni delle Nazioni Unite, e riemerge in grande stile l’ atmosfera della Guerra Fredda e della rivalità fra superpotenze, e noi sappiamo che si tratta ancora di una tematica attuale, poi ancora ci potrebbero essere attacchi in Israele, che potrebbero spingere gli inglesi a fare un intervento militare per prendere le redini della situazione ( mi riferisco al 1946 ) , potrebbero tornare alla luce segreti di centenari ex nazisti, potrebbe emergere un nuovo Piano Marshall per la ricostruzione post – guerra ( lampo ), e potrebbe esserci una rivoluzione nell’ area geografica Indiana ( mi riferisco al 1947 ) e la creazione di altri piccoli paesi.

Poi l’ attenzione si concentra sull’ area geografica circostante Israele ( siamo al 1948 ) e se questo punto temporale si trova ancora davanti a noi potrebbe significare l’ emergere di una nazione curda ( Kurdistan ). Segue l’ inizio dell’ Apartheid, e quindi disordini in Sudafrica, che potrebbe forse fare un passo indietro nella storia. Abbiamo dunque il blocco sovietico di Berlino, mentre l’ occidente fornisce rifornimenti di risorse via aerea, e quindi l’ attenzione mediatica si sposta sulla Nato.

La decisione di Xi Jinping di eleggersi leader a vita della Cina mi fa pensare a un passo indietro alla Repubblica Popolare Cinese ( 11 Marzo 2018 e 1 Ottobre 1949 fa data zero 11/ 12 Aprile 2019 ).  Segue poi il periodo del maccartismo, la caccia al comunista negli Stati Uniti, e la guerra in Corea. Una ripresa del conflitto in Corea, interrotto solo da un armistizio che potrebbe ancora cadere, nonostante la recente atmosfera di distensione, non c’è stato. Però ci sono state varie settimane calde di tensione alta fra Corea del Nord e il mondo. Bisogna cercarne una a partire da inizio Marzo 2017. ( Per esempio quella post test di bomba a idrogeno il 3 Settembre 2017 porta a una data zero 28 Settembre 2018 ). ( Per esempio quando la Corea del Nord ha rilasciato l’ ostaggio statunitense morto , se si allaccia al Giugno del 1950 si può ottenere una data zero in Luglio 2018 ). 

Abbiamo poi la Cina che invade il Tibet, la bomba H rappresentata dai test nord coreani recenti, in particolare quello del 3 Settembre 2017 ( 1 Novembre 1952 – 30 Ottobre 1961 e 3 Settembre 2017 – data zero 9 Settembre e 13/14 Settembre 2018 ). Abbiamo quindi la morte di Stalin, e anche la scoperta e l’ annuncio del DNA. Dobbiamo aspettarci aggiornamenti straordinari sull’ argomento? Poi magari l’ attenzione mediatica si sposta sull’ esplorazione dell’ Everest …poi ci fu la rivolta operaia in Germania Est ( 54 vittime ), il colpo di stato in Iran mascherato da sommossa popolare ( un tema molto attuale ) ( 19 Agosto 1953 e 28 Dicembre 2017 fa 5 Gennaio 2019 ) , l’ emergere della cultura rock ‘n’ roll, la sconfitta della Francia da parte del Vietnam, che avrebbe portato all’ intervento militare statunitense …qui non riesco a fare collegamento, quale sarà la prossima ” guerra del Vietnam statunitense”? In arrivo un altro conflitto che non verrà risolto, e dal quale gli Stati Uniti si dovranno tirare indietro? Possibile, anche dopo il futuro incontro Trump – Kim , che ci sia un lungo conflitto in Corea?

Abbiamo poi la morte in un incidente di James Dean, simbolo dell’ adolescente ribelle ( tornerà il trend dell’ adolescente ” ribelle senza motivo” ? ) , il boicottaggio dei pullman da parte dei neri Americani, le figure di Rosa Parks e Martin Luther King, e l’ attenzione mediatica si sposta di nuovo sulla tensione razziale statunitense ( o sudafricana anche ). Vengono denunciati i crimini di guerra di Stalin, ed entra in scena la figura di Elvis Presley. Poi una crisi in Egitto ( nazionalizzazione del canale di Suez ) porta all’ intervento di Gran Bretagna e Francia, e quindi la Rivoluzione Ungherese del 1956, con le sue tante vittime.   

Abbiamo poi le indipendenze Africane ( decolonizzazione ), un risveglio Africano in arrivo? Poi il nascere della comunità economica europea, e quindi l’ era spaziale con il lancio del satellite Sputnik. In arrivo competizione nello spazio fra due superpotenze? E quindi il salto in avanti Cinese, la modernizzazione, e il debutto della figura di Fidel Castro ( grandi cambiamenti e stravolgimenti a Cuba? ) ( o altrove, a ricreare la stessa atmosfera di Cuba? ), la fuga del Dalai Lama in India, i massacri sudafricani ( un tema che potrebbe diventare attuale molto presto ), il primo uomo nello spazio ( quindi primo uomo …dove? Iperspazio? 🙂 ) ; abbiamo poi le truppe di Castro che sconfiggono le forze antigovernative, la costruzione del muro di Berlino a dividere la Germania ( la tematica del muro è stata molto discussa di recente …) , la figura di Bob Dylan ( recentemente ha ottenuto il premio nobel per la letteratura, che ha accettato un anno esatto fa, ma non si allaccia con la timeline ).    

Ci fu poi un attentato al leader delle Nazioni Unite, la rivoluzione Algerina, la prima trasmissione satellitare, la morte di Marilyn Monroe ( qualche tragedia celebre di recente? ), recentemente, fra il 2017 e il 2018, abbiamo avuto Mary Tyler Moore ( 80 anni ) , France Gall ( 70 anni ) , Dolores O’ Riordan ( 46 anni ), Sridevi ( una delle più popolari star di Bollywood – 54 anni – annegamento accidentale nella vasca da bagno, provocato da esagerazione alcolica durante un matrimonio della quale era ospite ), e Katie Boyle ( 91 anni, ma quella che ci somigliava forse di più ), ma potrebbero essercene altre; comunque date zero ottenibili sono ( 24 Novembre 2018, 2 Dicembre 2018, 12 Gennaio 2019, 5 Febbraio 2019 ). E poi abbiamo l’ annuncio di un nuovo concilio Vaticano ( 1962 ) ( ce ne sarà un terzo? ).       

Arriviamo alla Crisi Cubana del 1962, quella che ci portò quasi alla guerra nucleare …ce ne sarà una simile? E i due leader delle superpotenze riusciranno a diplomatizzare e a riportare la situazione alla normalità? Abbiamo poi la svolta antischiavista Saudita, il discorso ” Berlinese ” di Kennedy, in supporto alla Germania del dopoguerra, divisa dal muro, e il discorso più celebre di Martin Luther King , ” Ho un sogno “. Dopo abbiamo l’ assassinio del presidente Kennedy ( l’ anno scorso ci furono le rivelazioni dei JFK files , 21 e 26 Ottobre 2017, che allacciati al 22 Novembre 1963 fanno data zero 28- 29 Agosto 2018 / 3 – 4 Settembre 2018.       

Abbiamo poi il debutto dei Beatles e il loro arrivo fra gli americani ( nuova band superfamosa in arrivo? La rinascita culturale delle band musicali? ), la condanna di Mandela, i bombardamenti americani sul Vietnam del Nord ( Corea del Nord? ), la Rivoluzione Culturale Cinese, l’ assassinio dell’ organizzatore dell’ Apartheid sudafricano, la divisione della Nigeria, la guerra dei sei giorni fra Israele e i paesi arabi, la cattura e morte di Che Guevara ( collegamenti con Puigdemont di Catalogna? I due arresti ci furono il 5 Novembre 2017 e il 25 Marzo 2018 – quindi date zero ottenute 22 Agosto 2018 e 21 Gennaio 2019 ).   

Abbiamo poi il primo trapianto di cuore, che si può allacciare al presunto trapianto di corpo realizzato su corpi senza vita ( quello con persona viva apparentemente non si ha da fare ) il 17 Novembre 2017 ( 3 Dicembre 1967 e 17 Novembre 2017 fa 2 Settembre 2018 ). L’ offensiva del Tet in Vietnam segue, come anche le proteste contro la guerra in Vietnam, negli Stati Uniti, il massacro di My Lai, l’ assassinio di Martin Luther King e le proteste dei neri a seguire.

A cosa si può allacciare il Sessantotto? Il fenomeno è stato composto da proteste antinucleare, proteste per la salvaguardia dell’ ambiente, movimento Hippie, opposizione all’ intervento statunitense in Vietnam, e dalle proteste delle femministe ( e qui c’è materiale a iosa, visto che siamo post movimento me – too, negli Stati Uniti abbiamo le proteste per i diritti civili, il movimento Black Power ( il vecchio Black Lives Matter ) , il movimento Chicano ( latinos ), e il movimento Potere Rosso, e anche il Black Consciousness, i primi sit – in nelle università. Non solo, abbiamo proteste anche in Messico, Spagna, i dodici giorni della Sapienza di Roma in Italia, il Maggio Francese ( sciopero generale ), i primi Troubles Irlandesi …bisogna capire se ci siamo già passati, oppure questo fenomeno si trova ancora davanti a noi …la crisi costituzionale Venezuelana conta? La crisi di Catalogna conta? E le proteste contro Trump? Il ritorno del femminismo combattivo e aggressivo? Le proteste recentissime contro le armi negli Stati Uniti?

Abbiamo quindi la Primavera di Praga, l’ assassinio di un candidato alle elezioni statunitensi ( 1968 ), la Terra vista dalla Luna, l’ aereo di linea supersonico, l’ atterraggio sulla Luna ( attenzione mediatica si concentra sulla Luna? Novità grosse in arrivo? ), il festival musicale di Woodstock, il guasto dell’ Apollo 13, la morte di Jimi Hendrix, il ciclone Bhola che devastò il Bangladesh in modo simile allo tsunami del 2004, la dichiarazione di indipendenza del Bangladesh, la Bloody Sunday irlandese, e quindi il famigerato incontro Nixon – Mao, che in termini attuali si traduce in incontro Trump – Kim ( ? ), che dovrebbe avvenire in un giorno del prossimo Maggio. ( Se contiamo come buono l’ invito dell ‘ 8- 9 Marzo, abbiamo data zero fra il 29 Novembre e il 1 Dicembre 2018 ), altrimenti una potenziale data zero si troverebbe ( fra 24 Gennaio 2019 e 23 Febbraio 2019 ). Avremo il riconoscimento da parte statunitense della Corea del Nord e addirittura il suo ingresso nelle Nazioni Unite, come fu per la Cina di allora?

Il caso Watergate si può allacciare allo scandalo Harvey Weinstein, a meno che non sorgano altri problemi a riguardo del presidente Usa ( quindi 17 Giugno 1972 e 5 Ottobre 2017 – data zero fra il 24 e il 29 Giugno 2018 ) e si può collegare anche alle dimissioni di Nixon nel 1974 ( 8 e 17 Ottobre 2017 allacciato a 9 Agosto 1974 fa date zero 15 Giugno e 24 Giugno 2018 ), ( 3 Novembre 2017 e Giugno 1972 / Agosto 1974 fa data zero 11/12 Luglio 2018 e 24 Luglio 2018 ) e il fenomeno MeToo si può allacciare al sorgere del movimento femminista di allora.

Abbiamo poi l’ attacco terroristico rivolto agli atleti Israeliani a Monaco, il dibattito sull’ aborto, il cessafuoco / tregua in Vietnam, il golpe Cileno, ma ricordiamo anche la recente morte di Manson, si può collegare al suo arresto per i crimini del 1969, e quindi al momento in cui era maggiormente sotto l’ attenzione mediatica dell’ epoca ( Manson è morto fra il 19 e il 20 Novembre 2017 allacciato al 9 Agosto 1969 e al suo arresto il 22 Aprile 1971 fa data zero 17 e 26 Agosto 2018 * che è la seconda proposta da Meyer ).

Abbiamo poi la Guerra del Kippur, l’ embargo petrolifero deciso dall’ OPEC e dall’ Iran, contro i sostenitori di Israele, l’ Austerity italiana e la crisi energetica occidentale, la rivoluzione in Portogallo ( recenti proteste di massa in Brasile? ), le dimissioni di Nixon per evitare l’ impeachment, la nascita della Microsoft, Pol Pot che prende il potere in Cambogia e inizia un genocidio, gli Stati Uniti che organizzano la grande fuga lasciando il Vietnam del Sud alle prese con il Nord, la morte del dittatore Spagnolo, la nascita della Apple, altri massacri di studenti in Sudafrica, il debutto della saga di Guerre Stellari, la morte di Elvis Presley ( allacci possibili? ), la prima malattia umana completamente debellata, l’ era di Khomeini in Iran, l’ incidente della centrale nucleare statunitense, il debutto della Thatcher ( collegata a Theresa May ), Papa Giovanni Paolo II, la crisi dell’ ambasciata americana in Iran, l’ intervento militare Russo in Afghanistan, la ribellione degli operai polacchi di Solidarnosc, l’ uccisione di John Lennon, l’ inizio dell’ era dei personal computer, l’ invasione britannica delle Falklands, i massacri dei campi profughi Sabra e Chatila in Medio Oriente ( zona libanese ), l’ intensificarsi della guerra fredda e l’ uscita di film sulla guerra nucleare anni ’80.

Se ce l’ abbiamo ancora davanti, la rievocazione degli anni ’80, vuol dire che la recente ossessione culturale per la nostalgia di questa decade non è ancora finita, e anzi, si concentrerà in un momento temporale futuro, della durata di due mesi. Abbiamo poi le manifestazioni contro il dispiegamento missilistico in Europa, la guerra di Libano, i kamikaze libanesi che attaccano i militari occidentali, il violentissimo 1984 indiano, con l’ attacco al Tempio d’ Oro, le proteste, vittime a centinaia nelle manifestazioni violente, l’ assassinio del capo di stato, e l’ incidente industriale più grave della storia ( come si rievocheranno questi eventi a distanza molto ravvicinata? ) , un altro sciopero nazionale britannico, il documentario sulla carestia in Etiopia, la più grave di sempre, che ispira il Live Aid, la trasmissione televisiva del secolo ( concerto per raccolta fondi ), la tragedia dello space shuttle Challenger , l’ assassinio del diplomatico svedese, gli Usa che bombardano la Libia in risposta ad un attacco terroristico in una discoteca, e poi Chernobyl ( come si rievocherà ? Un altro incidente a una centrale nucleare? O addirittura, magari durante una ripresa del conflitto Ucraino, ci scappa un attacco nucleare? Una fuga di agenti chimici, l’ emergere di una crisi epidemica in stile The Stand di Stephen King? Ci sarà un’ altra città fantasma?

Abbiamo poi le riforme dell’ Unione Sovietica, l’ Intifada Palestinese, l’ attacco con armi chimiche dall’ Iraq verso la popolazione curda, l’ incidente dell’ abbattimento di un aereo di linea iraniano da parte degli Usa, le manifestazioni a sostegno di Mandela, l’ abbattimento di un aereo statunitense su una città scozzese attraverso l’ uso di una bomba a bordo, il disastro della Exxon Valdez, e quindi il massacro di Tiananmen in seguito alle continue manifestazioni Cinesi …potrebbe succedere di nuovo? Poi abbiamo le catene umane dei paesi baltici contro la presa di potere sovietica, e la rivoluzione tedesca con il crollo improvviso del muro di Berlino …quale altro muro verrà abbattuto? Rimangono la divisione Coreana e il muro fra Israele e Palestina, ma anche quello fra Usa e Messico …chissà. Poi abbiamo la rivoluzione in Romania, con l’ eliminazione del dittatore, la liberazione di Mandela …

Poi abbiamo l’ Iraq che invade il Kuwait, la Guerra del Golfo 1, e l’ intervento militare americano, la fine della Guerra Fredda, l’ emergere di una superpotenza unipolare, e la disgregazione dell’ Urss come si rievocherà? Ci sarà un’ altra caduta geopolitica Russa? E’ ancora possibile? O sarà invece la disgregazione dell’ Unione Europea? Nella rievocazione anni ’90 si parlerà tanto di Europa …quindi nel 1991 l’ attenzione mediatica si sposta sulla crisi del popolo curdo, l’ eruzione del Pinatubo VEI 6 , e le guerre in Jugoslavia, violente e tragiche ( come si rievocheranno? mi ricorda quando l’ Isis aveva detto che avrebbe attaccato quei paesi e li avrebbe presi in assedio …tornerà la guerra in Europa? Ci sarà una guerra civile? ) ( è una notizia delle ultime ore, una escalation di tensione in Kosovo, con la Russia che si prepara a difendere e intervenire ) , il colpo di stato a Mosca ( tentato ), la pace fra Israele e Palestina ( possibile un accordo definitivo? ) , il genocidio in Ruanda, la democrazia che trionfa in Sudafrica e l’ elezione di ( un nuovo? ) Mandela, l’ affondamento di un traghetto europeo e la morte di più di 800 persone, un attacco con gas letale a Tokyo, l’ attacco del primo famoso lupo solitario ad Oklahoma City ( autobomba ), la pulizia etnica in Bosnia, la cessione di Hong Kong alla Cina ( una soluzione alle isole contese fra Cina e Giappone? ) , l’ incidente mortale alla principessa Diana d’ Inghilterra, l’ accordo che terminò i Troubles irlandesi, la prima sparatoria scolastica nota …( collegamento con quella più recente? Se le allacciamo fa data zero 3 Giugno 2018 ).

Entriamo quindi nel ventunesimo secolo, e in un periodo di terrorismo e disastri naturali: l’ 11 Settembre, ( chissà come si rievocherà! ), la Guerra al Terrore ( ci sarà un forte rimando a quell’ atmosfera da inizio guerra, un revival) , l’ intervento militare statunitense in Iraq, la caduta e la fine di Saddam, l’ attacco terroristico in Spagna, il grande terremoto e tsunami dell’ oceano Indiano ( bisogna tenere d’ occhio la controparte occidentale che può scatenare una serie di tsunami atlantici senza paragoni, o almeno così dicono i documentari: Cumbre Vieja, Canarie, potrebbe generare una frana capace di generare quindi tsunami che spazzerebbero via le coste atlantiche del Nord Africa, le coste di Spagna, Portogallo e Gran Bretagna, per poi arrivare fino a Brasile, Cuba, Messico, Stati Uniti costa Est e Canada, e milioni di persone morirebbero, anche con un largo preavviso ), poi l’ attacco di Londra, l’ uragano Katrina ( e come abbiamo visto l’ anno scorso, uragani del genere possono ancora accadere ) , la crisi economica del 2008 , la presidenza di Obama, l’ inaspettata morte di Michael Jackson che travolse il mondo della musica e fece quasi mandare in tilt i motori di ricerca, il grande terremoto di Haiti che ha devastato un’ isola di poveri …    

Per la decade dei 2000, ancora, l’ assedio del villaggio e della scuola di Beslan, in Russia, e il successivo massacro, l’ attacco di Mumbai, la seconda Intifada, le guerriglie di Gaza , la Grande Guerra Africana ( e la più sconosciuta, combattutasi fra il 1998 e il 2003 in Congo ), la twitter revolution nell’ Iran del 2009, le tematiche relative all’ Euro, all’ acceleratore di particelle del Cern, i social network, gli sms, i cellulari, il riscaldamento globale, sono ancora davanti a noi.  

Per la decade dei 2010, la Primavera Araba ( come si rievocherà? Può succedere un revival di tutte quelle proteste in Tunisia, Egitto, Libia, Siria …? ), la Guerra in Libia, la Guerra in Siria ( vi sarà il culmine e quindi la conclusione? ), la guerra civile, il colpo di stato, e i massacri in Egitto, Occupy Wall Street, le proteste e i saccheggi britannici del 2011, la crisi in Venezuela, la crisi in Ucraina e l’ annessione della Crimea da parte della Russia, il colpo di stato in Turchia, le dimissioni del Papa, il meteorite in Russia, la crisi dell’ Euro, la crisi e il declino della Grecia, la Brexit, la crisi in Catalogna, le crisi del nucleare con la Corea, e con l’ Iran, la crisi dello Yemen, l’ emergere dell’ Isis, l’ intervento in Siria della Russia, l’ attacco terroristico ( sparatoria di Utoya ) in Norvegia, l’ esplosione alla maratona di Boston, gli attacchi terroristici Francesi, fra cui quello più grave a Parigi, le stragi di Orlando e Las Vegas, la strage di Nizza, gli altri attacchi, al concerto a Manchester, a Berlino, a Barcellona, a New York, il terremoto – tsunami – disastro nucleare di Fukushima ( chissà come si rievocherà! Difficile immaginarlo senza pensare a un grande disastro! Anche se dovessero esserci aggiornamenti come conseguenza al disastro del 2011, sarebbe lo stesso grave ), l’ uragano Sandy, che allagò New York, le sparatorie scolastiche statunitensi, insomma, un lungo periodo tormentato sta ancora davanti a noi …vedremo come si realizzerà! 

Come abbiamo detto altre volte, secondo Terence Mckenna, l’ evento che fungerà da transizione e fine dei cicli storici rappresenterà un cambiamento, periodico o perenne, della nostra percezione del tempo, una vera e propria conclusione del fenomeno bizzarro che chiamiamo storia umana: le possibilità variano, dal viaggio nel tempo ( secondo Mckenna ce ne renderemmo subito conto, perché il primo viaggio genererebbe una singolarità tecnologica immediata, che ci renderebbe capaci di accedere a ogni momento del futuro, collegando quindi il presente a tutto il futuro umano ), al contatto con un’ altra civiltà e quindi una interferenza con la nostra percezione, a una ultima sfida alla sopravvivenza dell’ umanità, un fenomeno naturale che cambierà il nostro modo di percepire la realtà, e sarebbe inaspettato e inspiegabile secondo le nostre conoscenze scientifiche attuali, l’ emergere di una intelligenza artificiale che si sarebbe riverberata attraverso tutto il tempo storico lasciando tracce nel nostro inconscio ( che sarebbe quindi in grado di percepire a distanza temporale un evento che rappresenta il punto più importante di tutta la nostra storia ed esistenza – ed è proprio questo quello che importa sapere, che questo evento che ci attende come civiltà, è rimbalzato attraverso la struttura del tempo, la timeline, indietro, fino a noi, fino ai nostri antenati, generando essa stessa la spinta che ci ha portati fino all’ evoluzione attuale ). L’ emergere della storia stessa come fenomeno rappresenta questa forza di gravità temporal – culturale che ci sta spingendo sempre più veloce verso quel punto temporale che rappresenta l’ EVENTO per eccellenza.       





A cinque anni dal 21 dicembre 2012: la Data Zero Timewave riconsiderata

21 12 2017

E’ venuto il momento di proporre ai lettori di Civiltà Scomparse la traduzione italiana di un fondamentale articolo di Peter Meyer (già collaboratore dell’inimitabile Terence McKenna), il cui sito web è gemellato al nostro blog.

terence_mckenna_and_peter_meyer_tn

Peter Meyer e Terence McKenna alle Hawaii nel 1987.

Durante il 1986-1999 Peter Meyer ha studiato e migliorato i fondamenti della teoria dell’Onda Temporale Zero (Timewave zero), primariamente proposta da Terence McKenna, sviluppando un software per illustrare ed esplorare questa teoria. Egli ha compiuto ciò in collaborazione con Terence,  e ha avuto molte discussioni con lui durante il 1986-1994 a proposito della teoria. Il software venne inizialmente sviluppato per la Apple e successivamente (nel 1989) trasferito su MS-DOS per funzionare sui PC Intel. Nella sua versione finale, Fractal Time (versione 7.10) funziona con Windows. E’ disponibile su CD-ROM, assieme a circa 40 articoli riguardanti la Timewave Zero e argomenti relativi.

Una volta passato il 21 dicembre 2012 senza l’arrivo di alieni dallo spazio o di viaggiatori del tempo dal futuro, un bel po’ di gente ha dichiarato, piuttosto sprezzantemente, come tutto ciò prova che la Timewave Zero fosse un mucchio di spazzatura. Ma molti non sanno che una data zero specifica non era implicata dalla teoria TWZ. Quel 21 dicembre fu una stima che Terence McKenna fece in qualche momento degli anni Ottanta e c’è ragione di credere che questa stima fu errata. Cosicché, il non arrivo dell’Eschaton nel dicembre 2012 non implica che TWZ può essere liquidata come una fantasia, specialmente se ci sono basi ragionevoli per proporre una data zero alternativa. Tali basi (soprattutto l’evento di grandissima magnitudine dell’11 settembre 2001) sono fornite dall’articolo La data zero riconsiderata (http://www.fractal-timewave.com/articles/zerodate_reconsidered.html).

mannarino

Una distinzione dovrebbe essere notata tra la Timewave come oggetto matematico (una funzione che prende un numero reale non negativo e produce un altro numero reale non negativo) e la timewave associata al tempo storico (che è vista nei grafici prodotti dal software illustrante la teoria). La funzione è formalmente definita nella pagina La matematica della Timewave Zero (Onda Temporale Zero).

Sebbene non faccia parte della definizione matematica della timewave, Terence McKenna la interpreta in termini di “novità” e “abitudine”: quando la timewave scende, si mostra in discesa nel grafico, ciò significa che vi è un incremento della novità (innovazione, sorpresa), quando si alza, ciò sta per una tendenza al mantenimento nell’abitudine (routine, nulla di nuovo).
Nella teoria della Timewave Zero  c’è uno e uno solo punto in cui il valore della timewave è zero e in tutti i punti prima di questo il valore è positivo (e generalmente più alto per i punti della linea del tempo precedenti al punto associato al punto zero). Allo scopo di far sì che i punti nella timewave corrispondano ai punti nella linea temporale storica, deve essere scelto qualche punto nel tempo che corrisponda al punto zero.

La data (assumendo il fuso orario GMT-5, quello di La Chorrera in Colombia [dove McKenna visse l’esperienza estrema, “di picco” a inizio anni Settanta, che gli ispirò l’idea del tempo come “paesaggio invisibile”]) del giorno in cui è situato questo punto zero, è chiamata “la data zero”. Terence McKenna dichiarò che c’era ragione di credere che tale data zero fosse il 21 dicembre 2012 (e dunque che il punto zero fossero le sei del mattino del fuso orario di La Chorrera in questa data). La base per tale dichiarazione fu duplice: (1) C’è ragione di scegliere 21-12-2012 come data zero piuttosto che qualche altra data. (2) Usando questa data zero può essere mostrato (così come McKenna ha tentato di fare in diverse conferenze pubbliche) come vi sia infatti corrispondenza tra le discese della linea del grafico timewave e periodi di grande novità nella storia.

Nonostante l’opinione comune del contrario, la teoria della Timewave Zero non implica qualche particolare data come data zero, e in particolare non implica che il 21-12-2012 sia la data zero. Ogni altra data è teoricamente possibile.
Nel mio articolo The Zero Date (scritto nel 1999) io critico la scelta del 21 dicembre 2012 come data zero. Ecco qui un sunto di quella critica:

Il modo in cui la timewave è costruita a partire dagli esagrammi della sequenza di King Wen degli I Ching, implica che certi periodi abbiano un’importanza particolare, soprattutto periodi di un giorno (corrispondenti a una linea dell’esagramma), sei giorni (dal momento che un esagramma consta di 6 linee), e 6*64 = 384 giorni (visto che gli I Ching constano di 64 esagrammi). E in seguito tutti i periodi che consistono in 384 moltiplicato da 64 e potenze di 64 così come in 384*64 = 24.576 giorni (67 giorni circa), 384*64*64 = 1.572.864 giorni (4306 giorni circa) e così via. Tali periodi possono essere chiamati “cicli”.

Terence McKenna era dell’opinione che ogni punto della timewave che precede il punto zero di un numero di giorni in ognuno di questi periodi, questo è, ogni punto d’inizio o fine del ciclo, deve essere un punto di grande novità (in confronto agli altri punti sulla timewave); e dunque che, quando una corrispondenza tra la timewave e il tempo storico è stabilita (una volta fissata la data zero) il punti nel tempo corrispondenti a questi punti nella timewave mostreranno grande livello di novità. In particolare, il punto 24.576 prima del punto zero sarebbe un punto temporale di grande novità.

McKenna quindi è del parere che, a causa dell’osservabile aumento del livello di novità lungo il corso della storia umana, e in particolare dall’inizio del ventesimo secolo, e in particolare dagli anni Ottanta in poi, il livello di incremento di novità stava dunque accelerando così tanto che il punto zero non doveva trovarsi tanto lontano nel futuro e quindi secondo lui sarebbe avvenuto in qualche momento del ventunesimo secolo. Egli, dunque, andò alla ricerca di un evento intorno alla metà del ventunesimo secolo che fu così estremamente nuovo così da poterlo associare col ciclo che inizia 24.576 giorni prima del punto zero. Dalla data di questo evento la data zero può essere stimata aggiungendo 24.576 giorni.

L’evento intorno alla metà del ventesimo secolo che a McKenna sembrava più caratterizzato dall’elevato livello di novità fu l’uso della bomba atomica per incenerire Hiroshima [e l’altra città,  Nagasaki, seguì di lì a poco] il quale avvenne il 6 agosto 1945. Aggiungendovi 24.576 giorni abbiamo la data 18 novembre 2012. Influenzato dal fatto che l’allora corrente ciclo del 13-baktun del calendario Maya [si diceva finisse] il 21 dicembre 2012 (secondo il più comunemente accettato valore per la correlazione dei numeri coi quali il lungo computo del calendario Maya è connesso ai calendari occidentali), McKenna adottò il giorno 22-12-2012 come data zero arrotondandola al 21-12-2012 [solstizio d’inverno] intorno al 1991.

Questo ragionamento è basato su quattro assunzioni:

  1. L’inizio e la fine di ogni ciclo corrisponde a un tempo di grande novità.
  2. La data zero è probabilmente all’inizio del ventunesimo secolo.
  3. Il bombardamento atomico di Hiroshima è l’evento di più grande novità della metà del ventesimo secolo.
  4. Nonostante la data zero a cui questo ragionamento guida, la “data finale” del calendario Maya è la più probabile data zero per la timewave.

Nessuna di queste opinioni è ben giustificata. Diversi altri eventi lungo il corso dei trent’anni dal 1935 al 1965 [la metà del ventesimo secolo un po’ allargata avanti e indietro] sono candidati a essere eventi di grande novità, specialmente l’assassinio di John F. Kennedy il 22-11-1963, quindi la #3 è dubbia. Così per #1, non solo è dubbia, ma sembra rifiutata dalla stessa timewave, poiché con ogni data zero, la data che si trova 24.576 giorni prima non si mostra affatto come un picco o come una maggiore discesa nel grafico timewave (usando i numeri di Kelley, il solo set di numeri esistente a metà anni Ottanta [il set numerico di Kelley è un tipo di algoritmo che ha tradotto gli I Ching nel sistema binario del software timewave]) ma, al contrario, si mostra come l’inizio di una salita del grafico, che, come sappiamo, vuol dire incremento dell’abitudine. Il grafico sotto mostra una data target 06-08-1946 con la data zero 24.576 giorni dopo:

Notare che il periodo della timewave precedente la data 24.576 prima della data zero (per ogni data zero) è un periodo che (nel corso di oltre tre mesi) non viene mostrata nessuna maggiore ascesa o discesa del grafico. La scelta del 21-12-2012 come data zero ha l’effetto di muovere 33 giorni verso destra, e dunque di muovere dal 06-08-1945 (la data del bombardamento di Hiroshima) in questo periodo:

Dunque la scelta del 21-12-2012 come data zero pone la data del bombardamento di Hiroshima in un periodo che non mostra nessun maggiore livello di novità, al contrario di ciò che è implicato dalla combinazione delle assunzioni #1 e #3.

 

Avendo mostrato come il ragionamento usato da Terence McKenna per arrivare alla data zero del 21-12-2012 , potrebbe essere in definitiva essere visto come meno che convincente, ci si può ora chiedere se c’è qualche ragione per supportare una più plausibile scelta per la data zero. La risposta è sì, ci sono diverse possibilità per una data zero rivisitata.

Alternativa 1

La timewave basata sui numeri di Kelley mostra una maggior discesa del grafico, che inizia non 24.576 giorni prima della data zero ma piuttosto 16.384 giorni prima. (Notare che 16.384 = 2^14.) Ciò è vero per ogni scelta della data zero, per esempio la data zero del 26-08-2018:

In questo modo possiamo notare un evento di grande novità in qualche punto della linea temporale 1969-1979 e quindi aggiungere 16.384 giorni a questa data per raggiungere una data zero da qualche parte del grafico tra il 2014 e il 2024. Infatti, la data del 17-10-1973 (la data su cui è basato il grafico sopra) è una tale data, perché in quella data:

Gli esponenti arabi dell’OPEC (l’organizzazione dei paesi esportatori di petrolio) nel mezzo della guerra dello Yom Kippur, annunciarono che non avrebbero più inviato le navi petrolifere alle nazioni che avevano supportato Israele nel conflitto con l’Egitto: dunque gli Stati Uniti e i suoi alleati dell’Europa occidentale.

http://www.actionforex.com/articles-library/financial-glossary/1973-oil-crisis-20041204320/

https://it.wikipedia.org/wiki/Crisi_energetica_(1973)

E questo “shock petrolifero” ebbe grandi ripercussioni economiche. Aggiungendo 16.384 giorni al 17-10-1973 abbiamo la data zero nel 26-08-2018.

Tuttavia, vi sono altri candidati intorno a questo periodo di tempo per un evento di straordinaria novità, per esempio il disancoraggio del dollaro dalle riserve auree da parte del presidente USA Nixon il 15-08-1971 (ciò darebbe come data zero il 23-06-2016.

Alternativa 2

Quando esaminiamo la matematica della timewave troviamo, sorprendentemente, che ogni coppia di due date che hanno grande (cioè geometrica) risonanza l’un l’altra, implica una particolare data zero.

Nella Sezione 3 di La matematica della Timewave zero è mostrato come per ogni punto sulla timewave che si trova x giorni prima della data zero, per cui il valore della timewave è v, il valore della timewave al punto 64*x giorni prima della data zero è 64*v. Dal momento che questo è vero anche per i punti vicini a x, la forma del grafico della timewave al secondo punto è la stessa della forma del grafico al primo punto. Gli alti e bassi della timewave rappresentano abitudine/novità, dunque l’abitudine/novità dei due punti (e delle regioni adiacenti) è la stessa (solo a una scala differente). I due tali punti o regioni del grafico sono detti essere in risonanza e hanno grande (in altre parole geometrica) risonanza tra di loro, o più esattamente la prima grande risonanza. (Se relazionati attraverso 64*64 invece di semplicemente 64 hanno la seconda grande risonanza tra loro.)

Supponiamo che le unità di tempo sull’asse orizzontale del grafico siano giorni, e che ogni giorno sia numerato secondo il sistema del calendario giuliano [cd “numeri giuliani”] e supponiamo che la data del calendario giuliano del punto zero sia z. Supponiamo che due eventi siano posizionati sul grafico ai numeri del calendario giuliano d1 e d2 (con d1 < d2). Dunque il primo evento è z-d1 giorni prima della data zero e il secondo è z-d2 giorni prima. Supponiamo che essi abbiano la prima grande risonanza l’un l’altro, dunque (z-d1) = 64*(z-d2). Ciò implica che z = ((64*d2)-d1)/63. Perciò se possiamo trovare due eventi che abbiano la prima maggiore risonanza l’un l’altro, ecco che i numeri giuliani di questi eventi ci daranno una data zero.

Come notato sopra, secondo la teoria della Timewave zero, gli eventi (e le regioni del grafico) aventi grande risonanza l’un l’altro sono tali che il livello di novità (o di abitudine) di uno è esattamente lo stesso del livello di novità (o abitudine) dell’altro, ma solo a una scala differente; e ciò che succede nel tempo a un punto è un riflesso di, analogo a, ciò che accade all’altro. Nei suoi discorsi sulla timewave Terence McKenna fornisce numerosi esempi di eventi storici o periodi che risuonano grandemente tra di loro. Vedere La battaglia di Hastings (accaduta nel 1066) per una dettagliata discussione di due eventi del 2008 i quali sono candidati per essere visti come le prime principali risonanze più basse di quell’evento.

Così (senza assumere alcuna data zero particolare, dal momento che è ciò che stiamo provando a determinare) abbiamo bisogno di trovare due eventi che sono così simili o analoghi da essere molto probabilmente in prima grande risonanza l’un l’altro. Candidati per ciò sono l’assassinio di John F. Kennedy (22 novembre 1963 nel calendario gregoriano) e l’assassinio di Giulio Cesare (15 marzo 44 a.C. nel calendario giuliano), dal momento che entrambi gli avvenimenti furono motivati politicamente, avvennero di sorpresa ed ebbero conseguenze significative. I numeri giuliani di questi due eventi sono d1 = 1.705.426 e d2 = 2.438.356. Dalla formula sopra per z otteniamo (ignorando le componenti frazionarie) z = 2.449.989, che corrisponde al 28 settembre 1995.

Dal momento che la nostra data zero revisionata deve essere una data nel futuro (dopo il 2012), questa non lo sarà, dunque dobbiamo riluttantemente concludere che questi due assassinii non hanno in effetti la prima grande risonanza tra di loro. Il problema resta, quindi, trovare due eventi le cui date (in numeri giuliani) implichino una data zero che si trova nel futuro.

Alternativa 3

Una scelta plausibile per una data zero revisionata potrebbe basarsi sulle assunzioni:

  1. Il picco all’inizio di una grande discesa del grafico timewave corrisponde a un evento di grande novità (i cui effetti si manifestano nel successivo periodo).
  2. La data zero è presumibilmente una data della prima metà del ventunesimo secolo.
  3. L’attacco al World Trade Center e al Pentagono dell’11-09-2001 è l’evento di più grande novità della nostra memoria più recente.

#1 è un assioma standard della teoria Timewave zero. #2 potrebbe anche essere rafforzato asserendo che l’11 settembre fu l’evento di più grande novità in tutta la storia umana [conosciuta]. Esso ha lasciato ognuno sbalordito e le sue conseguenze hanno coinvolto ognuno sul pianeta a causa delle conseguenze politiche e delle azioni dell’amministrazione di G.W. Bush.

[…]

[…] L’attacco dell’11 settembre fu un atto di terrorismo perpetrato da una ristretta élite allo scopo di indurre “paura e terrore” tra la popolazione USA, plagiandola per far si che permettesse e accettasse cambiamenti draconiani nelle relazioni tra il governo USA e i suoi cittadini, cambiamenti che presto si manifestarono in (a) un’abrogazione completa di diversi diritti civili che si suppone garantiti dalla costituzione statunitense (aprendo così la via per un aperto stato di emergenza e a uno stato poliziesco cripto-fascista) e (b) carte blanche per un ingaggio USA in aggressive azioni militari (anche solo minacciandole) contro ogni paese visto come pericolo all’obiettivo della dominazione totale del pianeta (vedi F. William Engdahl, Full Spectrum Dominance).

Non c’era mai stato nulla di tale magnitudine prima (sebbene Pearl Harbor possa aver ispirato coloro dietro alla pianificazione dell’11 settembre). Esso fu un evento di tale novità abbastanza da giustificare il ri-calibramento della timewave così da dare primaria importanza all’11-09-2001 come maggior evento di novità, se non in tutta la storia, almeno il maggior momento di novità degli ultimi venti anni. E come potremmo vedere ciò nella timewave? Semplicemente trovando una data zero in rapporto a cui l’11 settembre 2001 sia il picco di una grossa discesa del grafico.

Quando guardiamo ai 20 anni finali del grafico timewave (gli ultimi 20 anni prima della data zero ma senza fissarsi su una data zero precisa) troviamo questo:

I tre punti sulla timewave che sono i punti iniziali delle tre più profonde discese del grafico hanno luogo 1536 giorni prima della data zero, 3136 giorni prima e 6144 giorni prima. Quando aggiungiamo questi numeri di giorni all’11 settembre 2001 noi otteniamo: 25-11-2005, 13-04-2010 e 08-07-2018 rispettivamente. Visto che la nostra data zero revisionata deve trovarsi nel futuro, ciò ci lascia solo un candidato: il giorno 8 luglio 2018. Con questa data zero il grafico dell’11 settembre appare così:

Perciò le assunzioni #1 – #3 danno modo di essere considerate plausibili e dunque l’8 luglio 2018 è un candidato plausibile per una data zero revisionata e (a causa delle obiezioni che possono essere avanzate agli altri candidati menzionati in questo articolo)  è la data più plausibile. Quindi questa data zero è adesso implementata nel calcolatore timewave on line del sito.

Resta da mostrare che usando questa data zero revisionata ci sono delle corrispondenze tra le altri grandi discese del grafico e i grandi eventi e periodi di novità nella storia. Una corrispondenza molto chiara avviene con la data 17-10-1973, la data dello “shock petrolifero” menzionata più in alto.

zdr_2

Clicca per ingrandire

Con questa data zero revisionata, cos’ha da dirci il grafico sul futuro? Qui è come appare per i sei anni precedenti il 08-07-2018:

All’inizio di aprile 2014 il Pentagono può ritenersi soddisfatto che tutto il suo sistema militare (inclusi il suo sito eurasiatico di lancio di missili, i missili stealth, le armi spaziali, le tecniche di modificazione climatica, le capacità di guerra biologica e informatica ecc) sia sufficientemente completo da lanciare l’Operazione The Eagle Strikes con una ragionevole aspettativa di successo, sebbene nello stesso tempo Russia, Cina, Corea del nord e Iran avranno anch’essi fatto i loro preparativi.

[Nota di uno dei blogger di Civiltà Scomparse:

sulle prime non mi sono reso conto, mentre preparavo il post, che di lì a poche ore sarebbe stato il 21 dicembre 2017, esattamente cinque anni dopo la mitica data del 21 dicembre 2012, tanto pubblicizzata e strombazzata gli anni precedenti e che oggi quasi nessuno ricorda più. Qualcosa mi diceva solo che era il momento di fare questa traduzione e postarla. Singolare.]





Terence Mckenna aveva predetto Flashforward senza saperlo?

3 11 2017

FlashForward

DISCLAIMER: adattandoci ai tempi attuali ricordiamo che gli eventi narrati nell’ articolo sono allo stato attuale IPOTETICI e non corrispondono a nessun progetto attualmente in corso. Sono riflessioni frutto di INTUIZIONI e non abbiamo prove o fatti che si allineano a questo concetto, se non per il libro qui nominato. Ma siccome la previsione di Mckenna si allinea perfettamente all’ evento di fantasia del Flashforward è bene rifletterci su e tenere in conto questa eventualità.

Andate al punto del video 2:01 per la spiegazione di Mckenna


Immaginiamo che lo scenario escatologico previsto da Terence Mckenna si realizzi per davvero. Questa è la narrazione di uno scenario ipotetico, frutto di una INTUIZIONE riguardo allo scenario che si sarebbe verificato, secondo Terence Mckenna, durante il primo pionieristico esperimento di viaggio nel tempo. Lui non è arrivato a questa esatta conclusione, ma le sue stesse parole si allineano perfettamente allo scenario descritto nel libro Flashforward pubblicato nel 1999 con una serie tv dedicata uscita nel 2009. Potremmo essere davanti a uno scenario da film nella realtà, ma le dinamiche secondo cui questo fenomeno potrebbe realmente verificarsi sono ad ora inspiegabili. Ma se Mckenna ha ragione, questo fenomeno si verificherebbe in concomitanza con il primo esperimento di viaggio nel tempo.
Ho preferito omettere una data precisa al racconto per il fatto che il cosiddetto Eschaton – Data Zero della timewave – di Mckenna è allo stato attuale previsto ipoteticamente vicino ( l’ex collega di McKenna Peter Meyer lo colloca nel 2018 ) ma secondo le mie ricerche personali sui ricorsi storici e gli accoppiamenti di date potrebbe anche verificarsi in anticipo o in ritardo. La stima di Meyer è appunto una semplice stima.

“Sto osservando la situazione alla televisione…E’ passata una settimana dall’ evento che ha catalizzato l’ attenzione globale. Ogni singolo essere umano sulla Terra ( e pare anche ogni componente delle specie animali più intelligenti e dotate di autocoscienza ) ha avuto una visione attraverso uno stato di ipnosi simile al petite mal che fa parte della gamma dei sintomi degli epilettici. In questa visione i sopravvissuti mano a mano che passavano i minuti hanno raccontato di aver ricevuto immagini e momenti della loro vita futura, fino alla morte. Non tutti hanno potuto raccontare ciò che gli è accaduto. Milioni di individui, che in quel preciso momento si trovavano in posizioni e luoghi ora definiti ” a rischio ” ( autostrade, rampe di scale, grandi altezze, paracadutisti, aeroplani, mari e oceani ) sono deceduti in seguito alla sovrapposizione della visione rispetto alla realtà del presente.

Il mondo si è fermato. Una settimana dopo strade di tutte le città e di tutte le campagne sono sgombre, e i cieli sono occupati solo dagli uccelli. A parte per quanto riguarda gli ospedali e le operazioni di sgombero dei corpi e dei rottami, in nessun posto al mondo si sta lavorando. Le folle stanno cercando rifugio nelle chiese per cercare una risposta, un conforto. L’ Illuminismo è morto folgorato. Siamo improvvisamente tornati in quella stasi e perdita della ragione appartenente al Medioevo. Una nuova pseudo religione legata alle visioni si sta diffondendo online. Un sito ufficiale sta raccogliendo informazioni da tutti i volontari per arrivare, mattoncino dopo mattoncino, a formare dettagliate descrizioni degli anni futuri e dei destini delle persone più note.
Secondo lui per almeno un millennio, successivamente, i popoli avrebbero accantonato la scienza incapace di fornire risposte, e avrebbero sviluppato un senso di meraviglia e mistero, ma anche timore reverenziale che avrebbe rimodellato tutta la cultura umana.

Ma ora cosa abbiamo? La maggior parte pensa sia stata opera di Dio, ma i mass media ci stanno dicendo proprio ora che si tratta delle conseguenze imprevedibili di un esperimento per viaggiare nel tempo. Le nostre esistenze si sono rivelate a noi, srotolandosi nelle nostre coscienze come tappeti rossi, ed essenzialmente siamo ora tutti dei fantasmi. Se il libero arbitrio si dimostrasse illusorio, e avessimo le conoscenze di tutta la nostra vita futura, allora vorrebbe dire che siamo come dei morti che camminano. Alcuni scienziati ci stanno avvisando che probabilmente abbiamo visionato una versione della nostra esistenza in una timeline dove questo evento globale non è avvenuto, e che si tratterebbe solo di una delle infinite versioni possibili nel multiverso.

Ci dicono che siamo passati attraverso una nuova era dell’ umanità. Dal Big Bang al Big Vision. La storia come la conosciamo è finita, sbriciolando tutti i grandi conflitti e tutti i problemi al cospetto dell’ enigma del libero arbitrio e del tempo. Chi diceva che il tempo non esiste? Ora rappresenta un fattore di enorme peso nelle nostre esistenze. La gente si sta facendo sempre più cauta e paurosa. C’è la possibilità che questo fenomeno non dipenda precisamente dall’ esperimento del viaggio nel tempo e che quindi possa replicarsi, mettendo a rischio altre milioni di persone.
La cosa positiva è che stanno spuntando inventori e progetti futuristici ovunque. Potremo avanzare di decenni in poco tempo. E infine questo fenomeno è condivisibile da tutti, tutti ricorderemo dove eravamo e cosa stavamo facendo prima, in quella era che ora sembra già preistoria, inimmaginabile oramai, dove nessuno sapeva cosa sarebbe successo fra un mese, meno che mai di cosa sarebbe morto. Ma ora siamo tutti enormemente più uniti.

Uniti nel dolore, nella soddisfazione se la visione è andata bene, uniti anche nei molteplici malesseri e sogni infranti, uniti dalla compassione e collaborazione reciproca. I crimini sembrano essersi estinti, perché ogni persona malintenzionata conosce le conseguenze del suo gesto, e sente il peso della cella prima ancora di finirci dentro. La gente viene tenuta d’ occhio per vedere se effettivamente succederà quanto descritto dalla visione. Il mondo intero si è attaccato all ‘ astrologia , che permette di organizzare la giornata senza rischi, e alla filosofia, che permette di dire la propria sul nuovo modo di guardare alla nostra vita. Dobbiamo capire se queste visioni rappresentano un futuro fisso e quindi impossibile da cambiare, o se il fatto stesso di aver appreso dettagli sulla vita futura comporterà la rottura con questa modalità di tempo fisso e l’ ingresso nel caos più totale. Forse il libero arbitrio sta cercando di nascere proprio ora. Forse avevamo bisogno di questo momento per far sì che le diramazioni del possibile raggiungessero la libertà. “

Ho realizzato cosa stava descrivendo Terence Mckenna nel suo modello di “ primo viaggio nel tempo “: l’ ho capito leggendo il libro Flashforward
Mckenna diceva che mettere in pratica il viaggio nel tempo avrebbe significato comprimere il tempo in un singolo punto nello spazio – tempo, determinando un fenomeno imprevisto che avrebbe fatto apparire il futuro immediatamente sovrapposto al presente. Lo ha chiamato fenomeno del God Whistle.
Avevo già compreso che avrebbe implicato una singolarità tecnologica, ma non ero ancora arrivato a visionare per bene tutto questo processo da lui ipotizzato:
Bene, quindi se un individuo dovesse testare il viaggio del tempo per la prima volta, secondo il modello di Mckenna, ciò vorrebbe dire che un millesimo di secondo dopo la coscienza di ogni essere umano ( e forse persino creatura animale ) sulla Terra verrebbe trasferita in uno stato mentale non ancora sperimentato da creatura alcuna, simile alla fase REM del sonno. Ma a differenza del libro Flashforward dove si vede un tempo 20 anni nel futuro, o della serie , dove vediamo un tempo 6 mesi nel futuro, – noi vedremmo tutta la nostra vita come se qualcuno ci trasmettesse un file nel cervello – quindi tutto il possibile futuro da noi percepibile. Ciò potrebbe avere implicazioni inaudite e assolutamente imprevedibili.

Nel grafico timewave c’è un solo punto nello spazio tempo che fa collassare il sistema. Mckenna aveva persino pensato si sarebbe trattato della fine dell’ umanità…Ma non sarà così …sarà infatti l’ unico momento nella storia dell’ umanità dove mancherà un osservatore e uno stato di coscienza. Inoltre ci sarà la minore attività umana e cosciente nella storia del pianeta. E sarà una esperienza che ogni umano ( e forse ogni creatura animale abbastanza cosciente di sè ) potrà vivere. Dunque questo evento è l’ unico in grado di far davvero collassare il sistema, cambiare la nostra percezione del tempo, la nostra percezione di libero arbitrio, cambierebbe ogni cosa, dalle religioni alle filosofie, e la scienza dovrà trovare un modo di fronteggiare questo enigma globale. Mi chiedo però se vedremo la nostra vita come si svolgerà senza possibilità di cambiarla, quasi come una sorta di punizione globale per aver osato provare a viaggiare nel tempo ( mi ricorda la leggenda del frutto proibito ) oppure sarà uno dei milioni di futuri possibili.

Come ci comporteremmo se sapessimo come andrà la nostra vita? In effetti è molto ma molto inquietante, ma forse il fatto stesso di venire a saperlo azzererebbe tutto. Chi capisce come funziona la timewave, sa che il libero arbitrio viene messo in difficoltà perchè il grafico è in grado di segnalarci i momenti nel tempo ( anche se la timeline e la data zero prevista dal successore spirituale di Mckenna, Meyer, è attualmente accettabile solo come stima ) con più fattore di novità e progresso e fattore di abitudine e stagnazione, e grazie alla ricorsività storica insita in esso ( insita nel tempo stesso ) anche le finestre di tempo dove un conflitto o un qualunque evento di importanza storica ha la potenzialità di tornare in forma moderna.
Io stesso con i miei esperimenti sulla ciclicità nella mia vita personale, non credo molto nel libero arbitrio come è normalmente inteso, ma come libertà di scegliere qualcosa che porterà a ramificazioni determinate. Libertà di scelta, ma poi la storia va avanti in modo determinato.
Vi consiglio di leggere FlashForward o di guardare la serie per avere una idea, seppur non identica, di come potremmo fronteggiare un tale evento di magnitudo inaudita.

 

“Forse si vorrà cercare di replicare l’ evento, che darebbe luogo a preparazioni colossali e a un giorno in cui tutta l’ umanità sarà sveglia e attenta, ma nessuna vera attività avrà luogo. Forse nel primo flashforward vedremmo eventi nella data che sarà poi riconosciuta come “data zero” e quindi non vedremo la nostra intera vita ma ci sarà un fenomeno di attrazione temporale verso una certa data, e solo in quella data, a fenomeno replicato, vedremmo la nostra vita intera srotolarsi davanti ai nostri occhi, per poi tornare al presente.
Forse i sogni stessi sono una traccia di questo evento futuro che ha attraversato le epoche come una sorta di riverbero…”

“Curioso anche che il libro di flashforward sia stato pubblicato nel 1999 anno di Matrix e la serie tv sia stata mandata in onda nel 2009 quando la ricerca della timewave era nel suo culmine!”

“ E’ indubbio che qualsiasi cosa succederà coinvolgerà ogni essere umano sul pianeta a partire dall’occidente industrializzato, ogni essere umano a prescindere se connesso o no al sistema tecno-comunicativo: dici che gli occidentali, o comunque quelli non del terzo mondo, avvertiranno più intensamente la botta, che poi si estenderebbe anche a coloro non connessi al sistema dei mass media e della comunicazione globale o dici che sarà una cosa riguardante esclusivamente la coscienza degli umani a prescindere se siano tecno-connessi tra loro? “
Bè io penso che la timewave è una impronta della coscienza prevalentemente umana, anche se i cicli di mckenna andavano indietro di miliardi nel tempo io mi fermerei a 200.000 e passa anni , quindi io suppongo che riguarderà l’ osservatore più intelligente sulla Terra, quindi prevalentemente l’ uomo, a tutti i livelli dagli aborigeni ai membri del MENSA.”

“ Quindi sarà il primo avvenimento della storia che coinvolge la coscienza di davvero tutti gli umani, nessuno escluso. “

“ Ci sta con ciò di cui discutiamo da anni: il punto di massima connessione tra le menti. “

“Ironicamente in quei minuti ognuno sarebbe concentrato nella sua bolla mentre assiste a un film della sua vita.
Certo se succedesse come nella storia del libro dove ogni umano colto in una azione o posizione a rischio muore o viene ferito ci sarebbero enormi rischi per i coinvolti. Del resto McKenna aveva detto che tanto più la morte entra nel sistema sociale umano tanto più è alto il fattore di novità perchè la morte è la nostra definizione di ignoto. Del resto sarebbe il fenomeno di taglio genetico più imponente da noi vissuto…Purtroppo temo che l’ aftermath non sarà accessibile a determinati milioni di individui ( la stima nella serie e libro era di 20 milioni di vittime ).”

“Mckenna lo aveva messo in conto però io credo che ci saranno sopravvissuti. Solo come scritto sopra quelli in posizioni e luoghi a rischio se in stato di non coscienza perirebbero. Ci devono essere sopravvissuti in quantità per generare un nuovo livello di esperienza sociale – storica – religiosa – e quant’ altro.
Ma io preferisco un modello più scientificamente attendibile possibile quindi un mondo dove questo fenomeno accade ma ci sono sopravvissuti – la timeline può ricominciare da capo con tutti i cicli oppure azzerarsi ma per poi ricominciare in qualche modo – confido che ci saranno abbastanza sopravvissuti da continuare la società quasi come nel passato – certo saremmo tutti stravolti e ci sembrerà di aver vissuto in un film ma il mondo andrà avanti.
C’è chi non crede nell’ esistenza del tempo…E se il fenomeno tempo facesse il suo ingresso trionfale nel mondo degli umani con questo evento? Davanti a conoscenze sul nostro futuro il tempo avrebbe il maggior peso sulla nostra esistenza.”

“ A volte ho ipotizzato che il punto zero sarà il punto in cui ci si renderà conto che la successione temporale può essere letta nelle due direzioni: dal passato verso il futuro e dal futuro verso il passato e in entrambi i casi è coerente e quindi il punto di fine coincide col punto d’inizio. “

Lo vedo come un punto collegato indistintamente con tutti i tempi, perlomeno nel limite della generazione attuale. L’ unico luogo nel tempo dove tutto il futuro viene attirato e chiamato verso il presente. Mckenna faceva paragoni con un buco nero, un big bang al contrario, o con una palla attirata dentro a una ciotola che inevitabilmente toccherà e si incastrerà nel suo fondo.
Forse colui o colei che fungerà da sperimentatore e viaggiatore nel tempo si troverà a visionare tutta la storia dell’ universo …In ogni caso una esperienza condivisibile con ogni persona nel mondo avrà implicazioni sulla unione sociale e tutto il mondo si chiederà se quanto visionato è fisso nel tempo , un monito oppure solo un futuro possibile a seconda delle condizioni attuali. Prepariamoci a un salto nel medioevo, la scienza dovrà davvero darsi da fare per fronteggiare una ondata spiritual – filosofica di tale magnitudo. “

“ Comunque sia, qualcosa che scardina alla base la nostra percezione comune della realtà a cui siamo abituati. “

“ Questo tuo articolo mi fa venire in mente una forte credenza escatologica tra chi studia le profezie cattoliche, proprio nel periodo 1998-99 (a cavallo del nuovo millennio), quando ancora avevo qualche piccolo residuo di cattolicesimo che avevo paura di abbandonare, sentivo parlare di “avvertimento”, non so se uscì fuori da Medjugorie o da qualche altra visione, ma diciamo la voce si diffuse e quindi era una credenza abbastanza diffusa ed è praticamente il fenomeno che hai descritto tu, solo che nella morale cattolica veniva descritta come una punizione del tipo “tutti vedranno la propria vita o meglio il male che hanno fatto e nulla sarà più lo stesso”, questo avverrebbe prima dell’apocalisse vera e propria. C’è però anche da rimarcare che questo fenomeno secondo l’esoterismo ed anche certe esperienze pre-morte è pratica che tutti un giorno dovremo affrontare anche senza punto zero, certo affrontarla in consapevolezza e nella tridimensionalità, senza il velo di maya che per chi crede a varie incarnazioni, giunge tra di noi, è sicuramente differente.”

Sì in effetti si può collegare in un certo senso alle religioni, se ciò dovesse diventare realtà verrebbe interpretato come un evento simile alla venuta di Cristo. Mckenna faceva il paragone con la storia di un disco volante che si materializza all’ umanità, e fornisce alcuni moniti e insegnamenti, portando doni ma anche avvertimenti, per poi sparire all’ improvviso. Anche se l’ evento flashforward durasse pochi minuti tutta la storia del millennio futuro girerebbe intorno orbitando attorno a quei minuti. Un evento di visioni globali di questo genere riscriverebbe tutti i propositi e obiettivi, tutte le leggi umane e ogni persona contribuirebbe a fornire un mattoncino del futuro così da generare una immagine di tutti i tempi – e comunque anche se le visioni ci dovessero fornire informazioni sulle tecnologie future dovremmo realisticamente aspettarci una nuova grande stasi perchè tutta l’ umanità sarà concentrata sullo scoprire la verità e analizzare tale evento in ogni sua sfaccettatura. Saremmo obbligati a fermare il presente per studiare questo fenomeno.”

“In effetti un collegamento con l’ 11 settembre 2001 ( data di ancoraggio per stimare la data zero secondo Meyer ) c’è, sarà una specie di analogia, sicuramente come nel libro un Flashforward provocherebbe danni globali , purtroppo anche potenzialmente milioni di vittime ( senza coscienza del presente non potremo renderci conto dei pericoli ) e il transito di ogni veicolo subirebbe un arresto quasi totale, visto che la gente per lungo tempo, molto più lungo del 2001, non si fiderebbe più di nessun veicolo, la gente diventerebbe incredibilmente più attenta a evitare qualunque rischio nel caso si ripetesse il fenomeno Flashforward. Non so se il fatto che difficilmente sarà replicabile fungerà da rilassante a lungo andare, certo se fosse replicabile in un secondo tempo, le implicazioni sulla paura dei rischi forse si estenderebbe indefinitamente come ora abbiamo paura del terrorismo…Se nel 911 i cieli erano sgombri da aerei in un possibile aftermath della data zero questo tempo potrebbe estendersi per settimane/mesi/anni/ che dir si voglia addirittura, e non solo al cielo, ma anche alla terraferma e all’ acqua. Ne scaturirebbe un timore reverenziale come della guerra nucleare nel Novecento”.





Dal Big Bang al Big Vision – La soluzione al modello di viaggio nel tempo di Mckenna

27 06 2017

FlashForward

” Sono Matteo, e sto osservando la situazione alla televisione…E’ passata una settimana dall’ evento che ha letteralmente catalizzato l’ attenzione globale. Nel tardo pomeriggio di Domenica 8 Luglio 2018, ( La data zero della timewave è una — stima — di Meyer – se dovesse accadere nulla impedisce che avvenga mesi prima o mesi dopo )  orario Italiano, di mattina per l’ America, di notte per gran parte dell’ Asia, ogni singolo essere umano sulla Terra ( e pare anche ogni componente delle specie animali più intelligenti e dotate di autocoscienza ) ha avuto una visione attraverso uno stato di ipnosi simile al ” petite mal ” che fa parte della gamma dei sintomi degli epilettici. In questa visione i sopravvissuti mano a mano che passavano i minuti hanno raccontato di aver ricevuto immagini e momenti della loro vita futura, fino alla morte. Non tutti hanno potuto raccontare ciò che gli è accaduto. Milioni di individui, che in quel preciso momento si trovavano in posizioni e luoghi ora definiti ” a rischio ” ( autostrade, rampe di scale, grandi altezze, paracadutisti, aeroplani, mari e oceani ) sono deceduti in seguito alla sovrapposizione della visione rispetto alla realtà del presente. Ironicamente nessun detenuto è perito nel disastro globale.

Il mondo si è fermato. Una settimana dopo strade di tutte le città e di tutte le campagne sono sgombre, e i cieli sono occupati solo dagli uccelli. A parte per quanto riguarda gli ospedali e le operazioni di sgombero dei corpi e dei rottami, in nessun posto al mondo si sta lavorando. Le folle stanno cercando rifugio nelle chiese per cercare una risposta, un conforto. L’ Illuminismo è morto folgorato. Siamo improvvisamente tornati in quella stasi e perdita della ragione appartenente al Medioevo. Una nuova pseudo religione legata alle visioni si sta diffondendo online. Un sito ufficiale sta raccogliendo informazioni da tutti i volontari per arrivare, mattoncino dopo mattoncino, a formare dettagliate descrizioni degli anni futuri e dei destini delle persone più note. Mckenna lo aveva detto in una delle sue storie: aveva descritto l’ arrivo di un UFO sulla Terra, da cui sarebbero scesi alieni superiori a noi, che avrebbero dispensato doni e moniti, e che poi se ne sarebbero andati all’ improvviso. Secondo lui per almeno un millennio, successivamente, i popoli avrebbero accantonato la scienza incapace di fornire risposte, e avrebbero sviluppato un senso di abbandono e di devozione verso quella civiltà superiore, e si sarebbe impegnata con ogni sua forza per imitarla, perlomeno, o per raggiungerla e ricongiungersi. Ma ora cosa abbiamo? La maggior parte pensa sia stata opera di Dio, ma i mass media ci stanno dicendo proprio ora che si tratta delle conseguenze imprevedibili di un esperimento per viaggiare nel tempo. Le nostre esistenze si sono rivelate a noi, srotolandosi nelle nostre coscienze come tappeti rossi, ed essenzialmente siamo ora tutti dei fantasmi. Se il libero arbitrio si dimostrasse illusorio, e avessimo le conoscenze di tutta la nostra vita futura, allora vorrebbe dire che siamo come dei morti che camminano. Alcuni scienziati ci stanno avvisando che probabilmente abbiamo visionato una versione della nostra esistenza in una timeline dove questo evento globale non è avvenuto, e che si tratterebbe solo di una delle infinite versioni possibili nel multiverso.  

Ci dicono che siamo passati attraverso una nuova era dell’ umanità. Dal Big Bang al Big Vision. La storia come la conosciamo è finita, sbriciolando tutti i grandi conflitti e tutti i problemi al cospetto dell’ enigma del libero arbitrio e del tempo. Chi diceva che il tempo non esiste? Ora rappresenta un fattore di enorme peso nelle nostre esistenze. La gente si sta facendo sempre più cauta e paurosa. C’è la possibilità che questo fenomeno non dipenda precisamente dall’ esperimento del viaggio nel tempo e che quindi possa replicarsi, mettendo a rischio altre milioni di persone. Avremo ancora modo di osservare i bambini giocare? Il centro estivo è stato annullato, e nessun genitore sta portando fuori suo figlio a giocare. Troppo rischioso. La mia stessa famiglia si trova davanti a dover essere molto cauta nel scendere e risalire le scale, così abbiamo messo dei cuscini sul fondo di ogni rampa. Forse sarà così la nostra nuova vita. Cuscini e materassi ovunque.

La cosa positiva è che stanno spuntando inventori e progetti futuristici ovunque. Potremo avanzare di decenni in poco tempo. E infine questo fenomeno è condivisibile da tutti, tutti ricorderemo dove eravamo e cosa stavamo facendo prima, in quella era che ora sembra già preistoria, inimmaginabile oramai, dove nessuno sapeva cosa sarebbe successo fra un mese, meno che mai di cosa sarebbe morto. Ma ora siamo tutti enormemente più uniti. Uniti nel dolore, nella soddisfazione se la visione è andata bene, uniti anche nei molteplici malesseri e sogni infranti, uniti dalla compassione e collaborazione reciproca. I crimini sembrano essersi estinti, perché ogni persona malintenzionata conosce le conseguenze del suo gesto, e sente il peso della cella prima ancora di finirci dentro. La gente viene tenuta d’ occhio per vedere se effettivamente succederà quanto descritto dalla visione. Il mondo intero si è attaccato con le unghie all’ astrologia , che permette di organizzare la giornata senza rischi, e alla filosofia, che permette di dire la propria sul nuovo modo di guardare alla nostra vita. Dobbiamo capire se queste visioni rappresentano un futuro fisso e quindi impossibile da cambiare, o se il fatto stesso di aver appreso dettagli sulla vita futura comporterà la rottura con questa modalità di tempo fisso e l’ ingresso nel caos più totale. Forse il libero arbitrio sta cercando di nascere proprio ora. Forse avevamo bisogno di questo momento per far sì che le diramazioni del possibile raggiungessero la libertà.   “

Domenica ho realizzato cosa stava descrivendo Terence Mckenna nel suo modello di “ primo viaggio nel tempo “: l’ ho capito leggendo il libro Flashforward
Mckenna diceva che mettere in pratica il viaggio nel tempo avrebbe significato comprimere il tempo in un singolo punto nello spazio – tempo, determinando un fenomeno imprevisto che avrebbe fatto apparire il futuro immediatamente sovvraposto al presente. Lo ha chiamato fenomeno del God Whistle.
Avevo già compreso che avrebbe implicato una singolarità tecnologica, ma non ero ancora arrivato a visionare per bene tutto questo processo da lui ipotizzato:
Bene, quindi se un individuo dovesse testare il viaggio del tempo per la prima volta, secondo il modello di Mckenna, ciò vorrebbe dire che un millesimo di secondo dopo la coscienza di ogni essere umano ( e forse persino creatura animale ) sulla Terra verrebbe trasferita in uno stato mentale non ancora sperimentato da creatura alcuna, simile alla fase REM del sonno. Ma a differenza del libro Flashforward dove si vede un tempo 20 anni nel futuro, o della serie , dove vediamo un tempo 6 mesi nel futuro, – noi vedremmo tutta la nostra vita come se qualcuno ci trasmettesse un file nel cervello – quindi tutto il possibile futuro da noi percepibile. Ciò potrebbe avere implicazioni inaudite e assolutamente imprevedibili.
Nel grafico timewave c’è un solo punto nello spazio tempo che fa collassare il sistema. Mckenna aveva persino pensato si sarebbe trattato della fine dell’ umanità…Ma non sarà così …sarà infatti l’ unico momento nella storia dell’ umanità dove mancherà un osservatore e uno stato di coscienza. Inoltre ci sarà la minore attività umana e cosciente nella storia del pianeta. E sarà una esperienza che ogni umano ( e forse ogni creatura animale abbastanza cosciente di sè ) potrà vivere. Dunque questo evento è l’ unico in grado di far davvero collassare il sistema, cambiare la nostra percezione del tempo, la nostra percezione di libero arbitrio, cambierebbe ogni cosa, dalle religioni alle filosofie, e la scienza dovrà trovare un modo di fronteggiare questo enigma globale. Mi chiedo però se vedremo la nostra vita come si svolgerà senza possibilità di cambiarla, quasi come una sorta di punizione globale per aver osato provare a viaggiare nel tempo ( mi ricorda la leggenda del frutto proibito ) oppure sarà uno dei milioni di futuri possibili.
Come ci comporteremmo se sapessimo come andrà la nostra vita? In effetti è molto ma molto inquietante, ma forse il fatto stesso di venire a saperlo azzererebbe tutto. Chi capisce come funziona la timewave, sa che il libero arbitrio viene messo in difficoltà perchè il grafico è in grado di segnalarci i momenti nel tempo ( anche se la timeline e la data zero prevista dal successore spirituale di Mckenna, Meyer, è attualmente accettabile solo come stima ) con più fattore di novità e progresso e fattore di abitudine e stagnazione, e grazie alla ricorsività storica insita in esso ( insita nel tempo stesso ) anche le finestre di tempo dove un conflitto o un qualunque evento di importanza storica ha la potenzialità di tornare in forma moderna.
Io stesso con i miei esperimenti sulla ciclicità nella mia vita personale, non credo molto nel libero arbitrio come è normalmente inteso, ma come libertà di scegliere qualcosa che porterà a ramificazioni determinate. Libertà di scelta, ma poi la storia va avanti in modo determinato.
Vi consiglio di leggere FlashForward o di guardare la serie per avere una idea, seppur non identica, di come potremmo fronteggiare un tale evento di magnitudo inaudita. Potrebbe persino succedere prima della data zero ( forse al punto del Grande Picco 8 mesi e 12 giorni prima? ) e poi forse si vorrà cercare di replicare l’ evento, che darebbe luogo a preparazioni colossali e a un giorno in cui tutta l’ umanità sarà sveglia e attenta, ma nessuna vera attività avrà luogo. Forse nel primo flashforward vedremmo eventi nella data che sarà poi riconosciuta come – data zero – e quindi non vedremo la nostra intera vita ma ci sarà un fenomeno di attrazione temporale verso una certa data, e solo in quella data, a fenomeno replicato, vedremmo la nostra vita intera srotolarsi davanti ai nostri occhi, per poi tornare al presente.
Forse i sogni stessi sono una traccia di questo evento futuro che ha attraversato le epoche come una sorta di riverbero…
La nostra conversazione via chat – me e il proprietario del blog:

Curioso anche che il libro di flashforward sia stato pubblicato nel 1999 anno di matrix e la serie tv sia stata mandata in onda nel 2009 quando la ricerca della timewave era nel suo culmine!

E’ indubbio che qualsiasi cosa succederà coinvolgerà ogni essere umano sul pianeta a partire dall’occidente industrializzato, ogni essere umano a prescindere se connesso o no al sistema tecno-comunicativo: dici che gli occidentali, o comunque quelli non del terzo mondo, avvertiranno più intensamente la botta, che poi si estenderebbe anche a coloro non connessi al sistema dei mass media e della comunicazione globale o dici che sarà una cosa riguardante esclusivamente la coscienza degli umani a prescindere se siano tecno-connessi tra loro?

Bè io penso che la timewave è una impronta della coscienza prevalentemente umana, anche se i cicli di mckenna andavano indietro di miliardi nel tempo io mi fermerei a 200.000 e passa anni , quindi io suppongo che riguarderà l’ osservatore più intelligente sulla Terra, quindi prevalentemente l’ uomo, a tutti i livelli dagli aborigeni ai membri del MENSA

Quindi sarà il primo avvenimento della storia che coinvolge la coscienza di davvero tutti gli umani, nessuno escluso.

Ci sta con ciò di cui discutiamo da anni: il punto di massima connessione tra le menti.

Ironicamente in quei minuti ognuno sarebbe concentrato nella sua bolla mentre assiste a un film della sua vita

Certo se succedesse come nella storia del libro dove ogni umano colto in una azione o posizione a rischio muore o viene ferito ci sarebbero enormi rischi per i coinvolti. Del resto mckenna aveva detto che tanto più la morte entra nel sistema sociale umano tanto più è alto il fattore di novità perchè la morte è la nostra definizione di ignoto. Del resto sarebbe il fenomeno di taglio genetico più imponente da noi vissuto…Purtroppo temo che l’ aftermath non sarà accessibile a determinati milioni di individui ( la stima nella serie e libro era di 20 milioni di vittime )

Forse moriremo tutti nello stesso momento, nessuno escluso, per trasferirci in massa chissà dove, nel futuro estremo, qualcosa di indescrivibile.

sì mckenna lo aveva messo in conto però io credo che ci saranno sopravvissuti. Solo come scritto sopra quelli in posizioni e luoghi a rischio se in stato di non coscienza perirebbero. Ci devono essere sopravvissuti in quantità per generare un nuovo livello di esperienza sociale – storica – religiosa – e quant’ altro.

Ma io preferisco un modello più scientificamente attendibile possibile quindi un mondo dove questo fenomeno accade ma ci sono sopravvissuti – la timeline può ricominciare da capo con tutti i cicli oppure azzerarsi ma per poi ricominciare in qualche modo – confido che ci saranno abbastanza sopravvissuti da continuare la società quasi come nel passato – certo saremmo tutti stravolti e ci sembrerà di aver vissuto in un film ma il mondo andrà avanti

C’è chi non crede nell’ esistenza del tempo…E se il fenomeno tempo facesse il suo ingresso trionfale nel mondo degli umani con questo evento? Davanti a conoscenze sul nostro futuro il tempo avrebbe il maggior peso sulla nostra esistenza

Io a volte ho ipotizzato che il punto zero sarà il punto in cui ci si renderà conto che la successione temporale può essere letta nelle due direzioni: dal passato verso il futuro e dal futuro verso il passato e in entrambi i casi è coerente e quindi il punto di fine coincide col punto d’inizio.

Io lo vedo come un punto collegato indistintamente con tutti i tempi, perlomeno nel limite della generazione attuale. L’ unico luogo nel tempo dove tutto il futuro viene attirato e chiamato verso il presente. Mckenna faceva paragoni con un buco nero, un big bang al contrario, o con una palla attirata dentro a una ciotola che inevitabilmente toccherà e si incastrerà nel suo fondo

Forse colui o colei che fungerà da sperimentatore e viaggiatore nel tempo si troverà a visionare tutta la storia dell’ universo …In ogni caso una esperienza condivisibile con ogni persona nel mondo avrà implicazioni sulla unione sociale e tutto il mondo si chiederà se quanto visionato è fisso nel tempo , un monito oppure solo un futuro possibile a seconda delle condizioni attuali. Prepariamoci a un salto nel medioevo, la scienza dovrà davvero darsi da fare per fronteggiare una ondata spiritual – filosofica di tale magnitudo

Comunque sia, qualcosa che scardina alla base la nostra percezione comune della realtà a cui siamo abituati.

Mi dispiace però non fidarmi completamente della stima sulla data zero fornita da Meyer, ci sono troppe alternative potenziali, può accadere in diverse date di quest’ anno e dell’ anno prossimo. Forse Meyer ha ragione e nel Luglio 2018 vedremo la data zero, ma nulla impedisce che possa accadere mesi prima o mesi dopo …

questo tuo articolo mi fa venire in mente una forte credenza escatologica tra chi studia le profezie cattoliche, proprio nel periodo 1998-99 (a cavallo del nuovo millennio), quando ancora avevo qualche piccolo residuo di cattolicesimo che avevo paura di abbandonare, sentivo parlare di “avvertimento”, non so se uscì fuori da medjugorie o da qualche altra visione, ma diciamo la voce si diffuse e quindi era una credenza abbastanza diffusa ed è praticamente il fenomeno che hai descritto tu, solo che nella morale cattolica veniva descritta come una punizione del tipo “tutti vedranno la propria vita o meglio il male che hanno fatto e nulla sarà più lo stesso”, questo avverrebbe prima dell’apocalisse vera e propria. C’è però anche da rimarcare che questo fenomeno secondo l’esoterismo ed anche certe esperienze pre-morte è pratica che tutti un giorno dovremo affrontare anche senza punto zero, certo affrontarla in consapevolezza e nella tridimensionalità, senza il velo di maya che per chi crede a varie incarnazioni, giunge tra di noi, è sicuramente differente.

Sì in effetti si può collegare in un certo senso alle religioni, se ciò dovesse diventare realtà verrebbe interpretato come un evento simile alla venuta di cristo. Mckenna faceva il paragone con la storia di un disco volante che si materializza all’ umanità, e fornisce alcuni moniti e insegnamenti, portando doni ma anche avvertimenti, per poi sparire all’ improvviso. Anche se l’ evento del disco volante durasse una settimana tutta la storia del millennio futuro girerebbe intorno orbitando attorno a quella settimana. Un evento di visioni globali di questo genere riscriverebbe tutti i propositi e obiettivi, tutte le leggi umane e ogni persona contribuirebbe a fornire un mattoncino del futuro così da generare una immagine di tutti i tempi – e comunque anche se le visioni ci dovessero fornire informazioni sulle tecnologie future dovremmo realisticamente aspettarci una nuova grande stasi perchè tutta l’ umanità sarà concentrata sullo scoprire la verità e analizzare tale evento in ogni sua sfaccettatura. Saremmo obbligati a fermare il presente per studiare questo fenomeno.

In effetti un collegamento con l’ 11 settembre 2001 ( data di ancoraggio per stimare la data zero secondo Meyer ) c’è, sarà una specie di analogia, sicuramente come nel libro un flashforward provocherebbe danni globali , purtroppo anche potenzialmente milioni di vittime ( senza coscienza del presente non potremo renderci conto dei pericoli ) e il transito di ogni veicolo subirebbe un arresto quasi totale, visto che la gente per lungo tempo, molto più lungo del 2001, non si fiderebbe più di nessun veicolo, la gente diventerebbe incredibilmente più attenta a evitare qualunque rischio nel caso si ripetesse il fenomeno flashforward. Non so se il fatto che difficilmente sarà replicabile fungerà da rilassante a lungo andare, certo se fosse replicabile in un secondo tempo, le implicazioni sulla paura dei rischi forse si estenderebbe indefinitamente come ora abbiamo paura del terrorismo…Se nel 911 i cieli erano sgombri da aerei in un possibile aftermath della data zero questo tempo potrebbe estendersi per settimane/mesi/anni/ che dir si voglia addirittura, e non solo al cielo, ma anche alla terraferma e all’ acqua. Ne scaturirà un timore reverenziale come della guerra nucleare nel novecento





Emmanuel Macron, l’uomo dei ricorsi concentrati

7 05 2017

Quando si va a fare un’escursione in montagna, ci si rende conto di essere quasi arrivati alla meta quando si riconoscono certi determinati particolari del paesaggio, i quali indicano che non manca molto al perseguimento della vetta.

Per quanto riguarda la via normale al Mon Viso, ad esempio, la roccia chiamata “gendarme testa d’aquila” fa sapere che ormai si è quasi arrivati.

9572773310_d5c14e1c6f_o

La roccia chiamata “gendarme testa d’aquila”, quando la si vede nel corso della via normale alla cima del Mon Viso, vuol dire che la cima la si è quasi raggiunta.

Noi di questo blog abbiamo ripetuto più volte come, a nostro parere, la linea spaziotemporale della storia incentrata sull’Occidente non è una linea dritta, continua e uniforme, indefinitamente dal passato al futuro, ma una specie di spirale di Fibonacci, e a un certo punto di quello che per noi è il futuro, si arriverà a una specie di “anomalia spazio temporale” della storia occidentale, un punto di fine-origine della spirale.

2000px-fibonacci_spiral_34-svg

Il processo di progressiva accelerazione verso questo punto di fine-origine è dato dal ripetersi ricorsivo di avvenimenti già accaduti in passato che ricorrono e si ripropongono sotto altre vesti, contemporaneamente vecchie e nuove.

In questo stesso blog sono state compiute parecchie analisi incentrate su questa ricorsività degli avvenimenti della storia occidentale, analisi compiute in massima parte dal mio socio di blog Teozakari, con le sue indagini basate sulle ripetizioni storiche utilizzando il software Timewave inventato dall’etnobotanico Terence McKenna e perfezionato dal ricercatore Peter Meyer. Il punto di fine-origine della spirale del tempo (e il punto zero del grafico della Timewave, in cui l’abitudine raggiunge lo zero e la novità raggiunge l’infinito) era stato da McKenna ipotizzato essere la data 21/12/2012, coincidente con la fine del lungo computo del calendario Maya, ipotesi che, come abbiamo ben visto, non ha corrisposto all’effettiva realtà di come sono andate le cose. Peter Meyer, più recentemente, ha stabilito il punto zero del grafico Timewave (il punto di fine-origine della spirale di Fibonacci) in un giorno della seconda metà dell’anno 2018.

Tornando a noi e a oggi, quando le ricorsività cominciano a concentrarsi, cioè quando un avvenimento di rilevanza storica (oggi come oggi definito come di rilevanza massmediatica) è il ricorso di parecchi altri (avvenimenti del passato) contemporaneamente, vuol dire che i giri della spirale stanno diventando sempre più piccoli; quando un avvenimento massmediatico rilevante ne ricorda contemporaneamente parecchi altri già avvenuti nel passato, vuol dire che la linea spaziotemporale della – presunta – linearità storica occidentale sta raggiungendo la meta, ormai non più tanto lontana come prima, si è ormai abbastanza prossimi al punto di fine-origine, all’occhio della spirale.

E’ insomma come la roccia “gendarme testa d’aquila” che ci annuncia che non c’è più ormai tanta strada da fare per arrivare alla cima del Mon Viso.

ehwk9

Uno degli argomenti più seguiti in questi ultimi tempi sono le elezioni presidenziali francesi. Elezioni anomale come mai si era visto fino ad allora nella storia di Francia, ricche di colpi di scena, colpi bassi, indagini della magistratura, hackeraggi, terrorismo massmediatico, quasi una specie di replica delle elezioni presidenziali USA di pochi mesi prima.

Per lungo tempo pareva che il candidato favorito di queste elezioni fosse l’archetipo della Marianne e di Jeanne D’Arc chiamato Marine Le Pen ma, improvvisamente, due o tre mesi fa, dal nulla è sbucato questo Emmanuel Macron, un individuo che fino a poco prima non lo conosceva praticamente nessuno, un oscuro burocrate delle banche Rothschild, ministro dell’economia poco brillante e poco telegenico dell’ultimo governo della presidenza Hollande, l’unica nota un po’ più saporita era che costui fosse una specie di pupillo del notissimo economista globale Jacques Attali e un’altra curiosità un po’ pepata su di lui era che è sposato a una donna di venticinque anni più giovane, sua ex insegnante.

20170323_macron

Poi, tutto d’un tratto, nel giro di poco tempo, questo Emmanuel Macron è diventato telegenico al massimo, non s’è fatto che parlare di lui, soprattutto dopo l’esito del primo turno delle presidenziali i massmedia mainstream non hanno fatto che strombazzare come Macron fosse l’unico, il solo che potesse fermare l’avanzata della populista, xenofoba, antieuro Marine Le Pen. Sono state molto anomale queste presidenziali per la conquista dell’Eliseo: gli storici partiti repubblicano e socialista (la destra e la sinistra classici) hanno raggiunto cifre catastrofiche rispetto a solo cinque anni fa mentre i populisti di estrema destra e di estrema sinistra (Le Pen e Melenchon) hanno avuto una crescita straordinaria, mai vista prima.

Il crollo del potere classico e l’avanzata delle ali estreme ha evidentemente impensierito l’establishment (i cosiddetti PTB “Power That Be”) il quale è corso ai ripari con questa candidatura bizzarra, un giovane con zero esperienza in politica fino a un anno prima (prima che diventasse ministro dell’economia), di aspetto belloccio, che veste sportivo, che parla e veste come un giovane dell’Erasmus, “nè di destra nè di sinistra”, centrista, spalleggiato quasi senza vergogna dai poteri finanziari e aziendali della globalizzazione, per l’Unione Europea e l’euro, messo lì quasi all’improvviso.

Il fenomeno Emmanuel Macron, tornando al discorso principale del post, è il nostro “gendarme testa d’aquila” che ci fa capire come la fine del percorso della spirale non sia lontano, che i numeri sono sempre più piccoli e vicini allo zero: questo avvenimento è una specie di “accartocciamento ricorsivo” di una quantità di altri avvenuti in precedenza, è il ripetersi di tutti questi altri, contemporaneamente e in modo condensato.

Tengo a precisare che gli avvenimenti del passato che ora ricorrono tutti quanti contemporaneamente in Macron sono di sicuro solo una minima parte di tutti quelli che si possono trovare a un’indagine più accurata.

 

matchu-large-clinton-trump-1024x623

E’ il ritorno di Donald Trump contro Hillary Clinton nel 2016, i populisti contro i globalisti, ma questa volta in modo curiosamente rovesciato: il candidato primo presidente donna in USA era il globalista e il candidato primo presidente donna in Francia è il populista, il fenomeno massmediatico bizzarro e che spiazza tutti in USA era il populista e in Francia è il globalista.

alexis-tsipras-television-alexandros-vlachosefe_cymima20150629_0009_16

E’ il ritorno di Alexis Tsipras in Grecia nel 2015, il giovane anti-sistema che sbaraglia tutti e tutto e diventa presidente. Bizzarramente, Macron si definisce “anti-sistema” visto che dice di voler lottare contro i privilegi della casta statale e sindacale francese.

matteo-renzi-bici

E’ il ritorno di Matteo Renzi in Italia nel 2014, il giovane che vuole rottamare la vecchia politica parassita, vestito sportivo e senza cravatta, per dare più spazio alla meritocrazia attraverso il liberismo, la flessibilità e il mercato.

mario-monti-no-tav-638x425

E’ il ritorno di Mario Monti in Italia nel 2011, l’uomo uscito dal nulla messo su improvvisamente dai grossi poteri finanziari e aziendali dell’UE.

Nicolas Sarkozy and François Hollande

E’ il ritorno sia dell’elezione di Nicholas Sarkozy come presidente della Republique nel 2007 (all’epoca mostrato dai massmedia come “il nuovo”), sia dell’elezione di François Hollande come presidente dell’Eliseo nel 2012, che si presentò lui pure come “di rottura col passato” e “presidente anti-casta.” Macron può venire considerato come una specie di mix tra i due presidenti.

sarko-sego-debat

 Inoltre, Sarkozy, alle presidenziali francesi del 2007, aveva come sfidante una donna al secondo turno, Segoléne Royal, tra l’altro moglie di colui che sarebbe diventato presidente nel 2012, Françoise Hollande.

movimento-5-stelle-beppe-grillo

E’ il ritorno dell’affermazione del Movimento 5 Stelle in Italia nel 2013: il partito di Macron, “En marche!”, è un movimento inedito, venuto su in poco tempo, senza circoli e filiali sul territorio, che si considera “nè di destra nè di sinistra”, anti-casta e anche ambientalista. “En marche!” è un partito populista dell’establishment.

22dems-600

E’ il ritorno della candidatura di Barack Hussein Obama a presidente degli Stati Uniti, candidatura poi risultata vittoriosa nel 2008. Un candidato inedito, spiazzante, giovane, bizzarro (mulatto di origine islamica) ,anticasta, antiprivilegi, globalista, che vince (alle primarie) contro una donna, Hillary Clinton.

4092766_orig

E’ il ritorno dell’affermazione del giovane Tony Blair nel Regno Unito nel 1997 come primo “premier minister” vestito con abiti preferibilmente casual e senza cravatta, fotografato in bicicletta, che volle modernizzare il partito laburista (“New labour”) e l’intera terra d’Oltremanica, con la sua “Cool Britannia” e il suo essere appoggiato dalla grande finanza globale…

C’è da concludere dicendo che dall’esito di queste presidenziali francesi sapremo gli ulteriori sviluppi, ancora poco prevedibili sia in un caso sia in un altro. Ma una cosa la possiamo affermare con una certa relativa sicurezza: non manca molto al punto zero della spirale dello spaziotempo storico occidentecentrico o, perlomeno, non manca moltissimo.