24 giugno 2018: personaggi morti in questa data correlati all’ufologia (?)

9 07 2018

http://copycateffect.blogspot.com/2018/07/624-703.html

Roswell, 1947.

Come ho detto di recente e di cui ho già parlato in precedenza, il 24 giugno è di importanza fondamentale per gli ufologi. Il 24 giugno 1947, l’era moderna degli UFO cominciò con il drammatico avvistamento di “dischi volanti” da parte di Kenneth Arnold che volava tra il Monte Rainier e il Monte Adams nello Stato di Washington. Dal 1947la storia di questa data è associata alla morte di ufologi [o comunque persone relazionate in qualche modo con l’astrologia].

Il primo articolo di Bill Bequette che utilizzava la parola “disco volante” apparve il 25 giugno 1947per poi diffondersi in tutto il mondo.

Le storie originali furono scritte dai giornalisti di Pendleton East Oregonian , Bill Bequette e Nolan Skiff. La frase “dischi volanti” non compare in nessuno di essi ma è stata inventata (il 27 giugno, probabilmente) da un giornalista o un editore sconosciuto altrove  sulla base delle storie dei fili di Bequette.
Bequette, il caporedattore del giornale, e Skiff ebbero una prima intervista con Arnold nell’ufficio del giornale a mezzogiorno del mattino del 25 giugno, dopo di che le storie iniziali furono originate rapidamente. La prima breve storia del giornalista Nolan Skiff, scritta appena in tempo per fare il fondo della prima pagina del numero di East Oregon, usò la frase “aereo simile a un disco” (saucer-like aircraft), dimostrando che fin dall’inizio Skiff interpretò l’uso di Arnold della parola “piattino” utilizzata per una similitudine di forma.

Impossibile! Forse, ma “vedere è credere”, dice Flier
Kenneth Arnold, assieme ai vigili del fuoco di Boise, stava volando nel sud di Washington ieri pomeriggio alla ricerca di un aereo marino scomparso, fermandosi qui in rotta verso Boise  con una storia insolita – non aspettandosi di essere creduto dalla gente ma che dichiarò essere vera.

Arnold disse di aver avvistato nove aerei simili a un disco volante che volavano in formazione il 3 di ieri, erano estremamente luminosi – come se fossero nichelati – volando a velocità immane. (Pendleton East Oregonian, 25 giugno 1947)

Bequette suggerì ad Arnold che una storia telegrafica avrebbe potuto sciogliere alcune informazioni sugli strani oggetti che lui e Arnold ritenevano fossero una sorta di aerei o razzi dell’esercito dell’aeronautica militare. Scrisse anche un racconto a parte pubblicato dalla Associated Press quello stesso pomeriggio. Coerentemente con la storia di Skiff, anche questo disse che Arnold (erroneamente identificato come impiegato del Servizio Forestale degli Stati Uniti) descrisse di aver visto “nove oggetti luminosi simili ai piattini”:

PENDLETON, Ore., 25 giugno (AP) – Nove oggetti luminosi simili a piattelli volantii a “incredibile” velocità a 10.000 piedi di altezza sono stati segnalati oggi da Kenneth Arnold, Boise, Idaho, pilota che ha affermato di non poter azzardare un’ipotesi di cosa fossero.

Arnold, un impiegato del Servizio Forestale degli Stati Uniti impegnato nella ricerca di un aereo scomparso, ha detto di aver avvistato gli oggetti misteriosi ieri alle tre del pomeriggio. Stavano volando tra il Monte Rainier e il Monte Adams nello Stato di Washington, disse, e sembrava tessere dentro e fuori dalla formazione. Arnold ha detto che ha cronometrato e stimato la loro velocità a 1200 miglia all’ora.
Le inchieste a Yakima la scorsa notte hanno portato solo sguardi vuoti, ha detto, ma ha aggiunto che ha parlato oggi con un uomo non identificato dallo Utah, a sud di qui, che ha detto di aver visto oggetti simili sulle montagne vicino a Ukiah.
“Sembra impossibile”, disse Arnold, “ma è così.” ~ NICAP

Il giornalista dell’East Oregonian Bill Bequette e il montatore Nolan Skiff non hanno immaginato la storia di 191 parole che fecero uscire quel mercoledì giusto in tempo per il giornale della sera facendo sì di far decollare, proprio “come un disco volante” l’Associated Press e catturando l’attenzionedella nazione intera.

Il titolo in fondo alla prima pagina dell’EO per il 25 giugno 1947 recita: “Impossibile! Forse, ma ‘vedere è credere’ “, dice Flyer. “ E nelle sette frasi che seguirono, Bequette e Skiff riportarono le affermazioni di Arnold che il giorno prima vide “nove aerei simili a piattelli che volavano in formazione” a un’altitudine compresa tra 9.500 e 10.000 piedi tra Mount Rainer e Mount Adams e si muovevano velocità di circa 1.200 miglia all’ora. “ The Military Times .

Il Military Times ha osservato chiaramente: “Skiff morì nel 1970, Arnold nel 1984 e Bequette nel 2011.”
Arnold morì il 16 gennaio 1984 e Bequette il 24 aprile 2011.
Il necrologio di Bequette iniziò, “WILLIAM C. BEQUETTE 16 settembre 1917 – 24 aprile 2011 Kennewick, Washington, William C. Bequette, redattore di lunga data del Tri-City Herald , è morto nel sonno.” Ha menzionato il suo posto nella storia dei “dischi volanti”. Skiff è stato dimenticato con il passare degli anni, tranne che dalla letteratura ufficiale ufologica.

Perché il 16 gennaio? Il più famoso UFO “a forma di piattino” fotografato era l’ oggetto volante non identificato dell’isola di Trindade , che venne visto e fotografato sopra Ilha de Trindade del Brasile il 16 gennaio 1958.

John Keel parlava spesso dell’elevato tasso di probabilità di avvistamenti UFO alla fine di aprile. Il 24 aprile è sempre sembrato un buon appuntamento per Keel. L’incidente di Lonnie Zamora o Socorro fu un incontro ravvicinato di UFO che avvenne venerdì 24 aprile 1964, verso le 17:50, alla periferia di Socorro, nel New Mexico. Lonnie Zamora, un funzionario di polizia di Socorro all’epoca in servizio, dichiarò di essere andato più vicino all’oggetto non identificato e fornì il resoconto più prolungato e completo. Dopo lunghe indagini, il Blue Book del progetto dell’Aeronautica non è stato in grado di fornire una spiegazione convenzionale e ha elencato il caso come “sconosciuto”.
Ma chi lo sa davvero?

Kenneth Arnold apre l’era moderna dei dischi volanti, nello stato di Washington, il 24 giugno 1947.

Il 24 giugno diventa una data da tenere d’occhio ogni anno. Combina una data celebrativa con la sindrome dell’anniversario, con alcuni traguardi mortali legati a questo punto del calendario.
Ovviamente, gli annunci mortuari spesso non arrivano fino a giorni (o settimane o mesi) più tardi. Ora, passata la prima settimana del mese di luglio, sembra che diversi decessi possano essersi verificati il 24 giugno aventi un collegamento diretto all’ufologia nella cultura popolare.
24 giugno 2018:
Stanley Anderson
Stanley Anderson ha recitato nella prima stagione di Roswell come un ex funzionario ex governativo – in passato ha interpretato anche uno sceriffo che è stato il primo sulla scena di un sito UFO distrutto.
L’attore teatrale, cinematografico e televisivo Stanley Anderson, noto per il suo ruolo di giudice nell’episodio finale di Seinfeld e come General Slocum in Spider Man , è morto il 24 giugno 2018 all’età di 78 anni, sei settimane dopo essere stato diagnosticato un cancro al cervello.

Oltre a Spider Man , il suo curriculum includeva ruoli come presidente degli Stati Uniti in Armageddon e The Rock di Michael Bay. Tra i suoi film più recenti ricordiamo Red Dragon , Legally Blonde 2 e Runaway Jury . In TV, ha avuto un ruolo ricorrente come papà di Drew Carey in The Drew Carey Show e ha interpretato il memorabile ruolo di Judge Vandelay nell’episodio finale di Seinfeld .

Anderson era anche un membro di lunga data di tre sindacati per attori, secondo la sua famiglia, e ha lavorato dietro le quinte facendo il lavoro di voce off in annunci per candidati e problemi democratici in tutto il paese.

“Era molto orgoglioso, in definitiva, del ruolo che ha svolto in politica”, è stata la dichiarazione della sua famiglia.

Ha interpretato:

X-Files (serie TV)
come Agente Schoniger
– ” Closure ” (2000) … Agente Schoniger

– Stanley Anderson (l’agente Lewis Schoniger, che si consulta con Scully durante la visione del nastro di regressione di Mulder) ha avuto un ruolo ricorrente in The Drew Carey Show nel ruolo del padre di Drew;
– L’agente Schoniger prende il nome dal vicino di casa dei nonni di Chris Carter;
– La sceneggiatura originale includeva una scena tra Scully, Skinner e Agent Schoniger che discutevano sul fatto che il Dipartimento del Tesoro non era felice che i record riguardanti il ​​rapimento di Samantha fossero perseguiti. Il sito ufficiale ha persino eseguito la scansione del copione da questa scena che non era nell’episodio finale. Fonte .

Anderson, criptokubrologicamente, come è apparso in…

The Shining (miniserie tv)
Delbert Grady
– ” Episodio # 1.3 ” (1997) … Delbert Grady

Ma il chiaro legame di Anderson con gli UFO è arrivato attraverso le sue apparizioni
Roswell (serie TV)
James Valenti Sr.
– ” Secrets and Lies ” (2001) … James Valenti Sr.

James Valenti, Sr. è un personaggio ricorrente nella stagione 1 della serie di fantascienza WB Roswell .

Ex sceriffo di Roswell, James ha passato la vita cercando di dimostrare che gli alieni sono reali. (Questo ruolo sembra essere stato ispirato dallo sceriffo George Wilcox , che informò l’Esercito sul crash degli UFO di Roswell).

La serie della Westinghouse Broadcasting Network, Roswell, ha esaminato ciò che è accaduto ai giovani della comunità negli anni successivi alla caduta dell’UFO nel 1947.

Vice Valenti sul luogo dell’incidente nel 1947

Dai file wifi di Roswell :

Dopo aver prestato servizio nella seconda guerra mondiale, James si unì al Dipartimento dello sceriffo di Roswell. Il vice James Valenti era sulla scena del Crash nell’estate del 1947. Nei successivi dodici anni, James divenne padre (Jim Jr., nato nel 1951) e infine sceriffo della contea di Chavez.

Il 16 novembre 1959, lo sceriffo James Valenti Sr. scoprì il cadavere di James Atherton. Nello stesso anno, Valenti ha indagato sulla morte di un’attrice morta a causa di un bizzarro fulmine durante le riprese di They Are Among Us proprio a Roswell. Secondo la truccatrice Bess Covendall, le indagini di Valenti hanno causato “un bel po ‘di scalpore”. Gli sforzi di Valenti per scoprire la verità gli valsero il ridicolo dell’FBI e il soprannome di “Sgt. Martian”. Il figlio di otto anni, Jim Jr., era un testimone oculare della crescente ossessione del padre.
Nel 1972, Valenti incontrò Everett Hubble. Valenti apprese che la moglie di Hubble fu uccisa nello stesso modo di Atherton; l’assassino non lascia segni se non una mano d’argento. Hubble convinse Valenti che l’assassino si era camuffato da vagabondo, e i due uomini rintracciarono dentro a un silos questo personaggio sospetto. Hubble sparò al vagabondo, ma Valenti cadde in disgrazia perdendo il lavoro come sceriffo e iniziando una lenta discesa nella demenza.

Jim Valenti, Jr. alla fine fu costretto a mettere suo padre in una casa di cura, dove le sue visite sono diventate sempre meno frequenti. Fonte .
###
Otto Binder, dal 1941 al 1953, scrisse 986 di 1743 storie Marvel. Ha scritto Liquidation of the UFO Investigators del 1971. Binder fu uno dei primi scrittori a notare il significato del 24 giugno. Binder, egli stesso, morì il 13 ottobre 1974, lo stesso giorno in cui morì anche il personaggio televisivo americano Ed Sullivan.
Ecco la mia lista di alcuni decessi UFO allineati negli ultimi 24 giugno:
(1) 24 o 23 giugno (c’è qualche disputa), 1964, muore Frank Scully, 72 anni, autrice di uno dei primi libri sui “dischi cadenti” , Behind the Flying Saucers (1950).
(2 e 3) 24 giugno 1967, due contattati UFO britannici, Ernest Arthur Bryant, un contattore, e Richard Church, autore e presidente di CIGIUFO, muoiono.
(4) Il 23 giugno (USA) o 24 (Regno Unito) del 1967 muore Frank Edwards, 55 anni, autore popolare di UFO e personalità radiofonica negli anni ’50, anticipando Arthur Bryant di qualche ora. Infatti, Edwards scompare poco prima della mezzanotte del 23, che sarebbe stata la mattina del 24 giugno nel Regno Unito, quindi la stessa data della morte di Ernest Arthur Bryant. James Moseley stordisce i delegati riuniti per il Congresso degli Ufologi del 1967 all’Hotel Commodore di New York il 24 giugno, con la notizia della morte improvvisa di Frank Edwards.
(5) Il 24 giugno 1969 muore Willy Ley, 62 anni, scienziato missilistico e autore stile Charles Fort. Willy Ley fu uno dei primi stimati scienziati moderni a tentare di rispondere alla domanda su cosa sia un disco volante. Nel 1952, fu uno dei primi, se non il primo, a dire che l’85% degli avvistamenti UFO sono non identificati, lasciando l’altro 15% aperto a nozioni di “viaggi interplanetari”, di cui iniziò a scrivere nel 1926.
(6) 24 giugno 1978 muore Robert Charroux, 69 anni il famoso nome de plume di Robert Joseph Grugeau. Charroux era un autore francese noto per le sue teorie sugli antichi astronauti e scritti su altri argomenti alla Charles Fort, in libri come Masters Of The World: Groundbreaking New Revelations About The Ancient Astronauts (1979).

(7) Il 24 giugno 1987 muore Jackie Gleason all’età di 71 anni, l’attore che fu uno dei primi sostenitori della ricerca sui dischi volanti. Il noto interesse di Gleason per gli UFO avrebbe spinto il presidente Richard Nixon a condividere alcune informazioni con lui ea rivelare pubblicamente certi dati sugli UFO.

(8) Il 24 giugno 2006 muore Lyle Stuart, 83 anni, l’editore rinnegato che nel 1959 pubblicò Stranger than Science dello scrittore anomalo Frank Edwards, un libro alla Charles Fort pieno di informazioni sull’ufologia e altri racconti inspiegabili.
(9) Il 24 giugno 2013, James Martin, 79 anni, un ex scienziato missilistico, scienziato informatico e autore di After the Internet: Alien Intelligence (2000), venne trovato a galleggiare morto sulle acque al largo dell’isola di Agar. Il dottor Martin acquistòl’isola di Agar nel 1977 e fece la sua casa a Bermuda dove il miliardario mantenne sempre un profilo regolarmente basso.
(10) Il 24 giugno 2013, Alan Myers, 58 anni, il più importante batterista (1976-1987) della band Devo, muore di cancro allo stomaco a Los Angeles. I Devo facevano musica punk, art rock, post-punk e new wave, eseguendo anche spettacoli teatrali in cui mescolavano temi kitsch di fantascienza, umorismo surrealista e satira sul moralismo. I Devo erano soliti registrare presso i propri UFO Studios. Di più
e
(11) 24 giugno 2015 muor Mario Biaggi, 97 anni, un ex membro del Congresso del Bronx coinvolto nel movimento di “rivelazione UFO”. Una volta venne raffigurato sulla copertina del n°4 di Ideal’sUFO Magazine del dicembre 1978. Nel periodico apparve l’intervista a Mario Biaggi intitolata There Is A UFO Cover-Up By the Government. L’immagine di copertina mostrava Biaggi assieme all’allora presidente Carter. Di più
(12) Il 24 giugno 2017 muore Loren Janes, 85 anni, un leggendario stuntman e coordinatore degli stunt. Fu coinvolto in alcuni intriganti film relativi agli UFO.
Loren Janes (conosciuto anche come Loren James) fu coordinatore degli stunt di sicurezza per il film cult ufologico, Repo Man , che ha la sua giusta dose di battute di UFO su dischi volanti, giochi di nomi, “Men in Black” e teorici della cospirazione. Era in ” Ritorno al futuro” (1985), per le sue acrobazie, e nella “storia degli UFO” di Steven Spielberg in 1941 (1979).
(13) 24 giugno 2018, Stanley Anderson, 78. Vedi sopra.
Dan Ingram
La voce della radio di New York, Dan Ingram, 83 anni, è morto il 24 giugno 2018.

Mentre gli UFO spazzavano i cieli, Ingram era al microfono WABC di New York il 9 novembre 1965, quando l’elettricità cominciò a mancare prima del Grande black out del Nord-est. Vennero riportati avvistamenti UFO durante quel black out.
Frank Evans Heart
Muore a 89 anni Frank Evans Heart, ingegnere informatico americano (ha lavorato al primo computer di routing per ARPANET, il predecessore di Internet).
Carlos Lopez, Jr.
Carlos Lopez, Jr. muore per suicidio (arma da fuoco) il 24 giugno 2018. Attore, 2017, American Made (capo della CIA); Attore, 2014, Capitan America: Winter Soldier (membro SWAT) Attore / Sceneggiatore, 2012, PTSD-An American Tragedy . Altri
George Cameron
Il batterista dei Left Banke, Justo George Cameron, 70 anni, è morto il 24 giugno 2018 al Mount Sinai Medical Center di Manhattan dopo una battaglia contro il cancro. Nato a Manhattan il 16 ottobre 1947, George era il figlio del compianto Justo e Dominga (Alvarez) Cameron.

George è stato un membro fondatore della band pop barocca, The Left Banke, che ha guadagnato popolarità alla fine degli anni ’60 per i singoli di successo Walk Away Renee e Pretty Ballerina. Il coinvolgimento di George con la band è rimasto fino alla sua morte, spesso ospitando concerti e tour di reunion, rilasciando ulteriori canzoni e album e esibendosi in molti eventi di beneficenza per bambini in tutta New York City.

Dal brano Walk Away Renee dei The Left Banke:
Testo capito male:
Don’t walk away, Renee 
You won’t see me in my UFO. 
Testo originale:
Just walk away Renee 
You won’t see me follow you back home.
[Temo che qui sopra Loren Coleman abbia un po’ esagerato: vale a dire, Coleman himself ha capito male un pezzetto di una canzone di George Cameron pensando che parlava di UFO quando non era così e per questo motivo ha inserito George Cameron, morto il 24 giugno, tra coloro che hanno avuto a che fare con l’ufologia tutti morti in quella data???]
Dale Arthur “Gabby” Park
Dale Arthur Park è morto il 24 giugno dopo una breve malattia. Dale nacque a Trinidad, in Colorado, il 18 gennaio 1938, a Glen “Tuffy” e Opal McLaughlin Park. Si trasferì a Los Angeles con la sua famiglia allargata quando aveva quattro anni. Dopo che suo nonno morì, Dale traslocò con la nonna nella zona di La Puente e si occupò di lei fino alla sua morte nel 1964. Dale iniziò una carriera come stuntman cinematografico pochi anni dopo. Acquisì pure un abito da gorilla, apparendo come tale in diversi film, TV e spettacoli dal vivo. Nel 1968 Dale sposò Laura (Doolin) Barton, l’ex moglie del suo defunto cugino Jerry Barton. Vivevano in Covina con diversi cani e altri animali. Dale e Laura traslocarono poi nella Victor Valley nel 1997, al fine di avere una proprietà in cui poter tenere i loro cavalli. Dale divenne noto per la sua imitazione del compagno occidentale George “Gabby” Hayes, apparendo come Gabby al Roy Rogers Museum e in molte altre località. Lui e Laura hanno vissuto in Oro Grande dal 1998 in avanti, inclusi due anni nell’ex ranch di Roy Rogers. Dale era membro di lunga data della Victor Church Bible Church dove serviva come anziano e, in alcune occasioni, durante il sermone della domenica. Ha diretto molti servizi di “Cowboy Church” nella zona. Dale è stato anche coinvolto con la Fondazione Happy Trails Children’s. Era un cavaliere compiuto, artista e scrittore. Sua moglie Laura e dal suo figliastro Kelly Barton di Oak Park, in California gli sono sopravvissuti. Il servizio funebre è programmato per le 10:00 il 6 luglio a Desert View Funeral Home, 11478 Amargosa Road, Victorville, CA 92392. Al posto dei fiori, le donazioni possono essere fatte a Victor Valley Bible Church, 16349 Hughes Road, Victorville, CA 92395.
Pubblicato sulla Daily Press il 1 luglio 2018.
###
Il 24 giugno e il 2 luglio sono World UFO Day (s), e celebrano la consapevolezza degli oggetti volanti non identificati. Ce ne sono due all’anno: il 24 giugno perché in tale data Kenneth Arnold ebbe il primo avvistamento di “dischi volanti” nel 1947. Il 2 luglio commemora l’incidente UFO a Roswell (NM) del 1947.
John Keel era importante, su tutta la linea. Da Google …
Fenomeno del mercoledì
Annunci




Alamogordo crash

23 06 2018

http://copycateffect.blogspot.com/2018/06/alamogordo-crash.html

Due giorni prima del 24 giugno, data evidenziata da Loren Coleman, un jet della Air Force precipita in White Sands nel New Messico…

ALAMOGORDO – La 49esima ala di Holloman, base dell’aeronautica militare ha confermato che un aereo con equipaggio si è schiantato al Red Rio Bombing Range sul White Sands Missile Range intorno alle 11:45 di venerdì 22 giugno 2018. I funzionari della base Holloman non hanno identificato l’aereo precipitato al suolo e continuano a indagare. La condizione dei piloti dell’aeromobile è sconosciuta in questo momento. L’incidente ha cancellato l’esercitazione di esperimento di attacco leggero dell’Aeronautica statunitense ad Alamogordo che doveva iniziare intorno alle 15:00 di venerdì. Il Red Rio Bombing Range è una struttura dell’Aeronautica attiva che comprende circa 196.000 acri su WSMR, circa 65 miglia a nord della base aeronautica di Holloman.

L’articolo sul blog Twilight language del 20 giugno 2018 sulla mia previsione del 24 giugno, ha in cima l’immagine della mappa di “Los Alamos” del film Repo Man, che ho pubblicato per illustrare l’articoletto del blog. Sulla mappa sono annotate le posizioni di Roswell e Hobbs [= Devil]. (Http://copycateffect.blogspot.com/2018/06/6.24.2018.html)

https://civiltascomparse.wordpress.com/2018/06/20/24-giugno-festivita-di-san-giovanni-battista-e-giorno-in-cui-muoiono-gli-ufologi/

 

 

 

 





Non ci resta che divinare, di Giorgio Galli

18 03 2016

Recentemente, come mi capita, ho voluto provare la sensazione dell’attualità letta molto tempo dopo rispetto a quando è avvenuta, e così ho preso il libro “Diario politico 1994” del politologo Giorgio Galli; personaggio davvero degno di nota per gente come noi che teniamo un blog come questo, poiché si tratta di uno studioso di politica italiana (e tra i più celebri), con un’inclinazione all’esoterismo, interessato anche alle coincidenze significative, alle sincronicità e allo studio sulle analogie, i ritorni e le ripetizioni nella Storia.

In precedenza, avevo già letto delle cose di Giorgio Galli, come “Hitler e il nazismo magico” e “Le coincidenze significative”, e penso proprio che non mi fermerò qui con lui!

In questo “Diario politico 1994”, viene analizzato, cronologicamente lungo la successione dell’anno, il periodo della politica italiana coincidente con le elezioni politiche 1994 che videro la vittoria del centro-destra capeggiato da Silvio Berlusconi, e il varo del primissimo governo con lui come presidente del consiglio. Tale vittoria viene vista da Galli come un imbroglio voluto anche dall’allora centro-sinistra e, non a caso, quel governo ebbe vita molto travagliata e breve (col culmine durante la sconfitta ai rigori della Nazionale in finale ai Mondiali), concludendosi alla fine di quell’anno

“Diario politico 1994” è una lettura piacevolissima, scorrono i nomi di politici dimenticati di quel lontano periodo di ventidue anni fa: Mino Martinazzoli, Mariotto Segni, Achille Occhetto, Rocco Buttiglione, Gianfranco Fini all’apice del successo, Giulio Tremonti e Fabrizio Cicchitto non ancora berlusconiani, Bossi e la Lega in una delle loro fasi più assurde; alle pagine 98 e 107 compare persino Mario Monti, previsto da alcuni come il migliore successore di Berlusconi alla presidenza del consiglio dopo le dimissioni del cavaliere!

Alla fine del libro vi è un’appendice contenente diversi articoli dello stesso Giorgio Galli risalenti a quel 1994, e proprio l’ultimo articolo – che chiude il libro – è  un’illustrazione del metodo analogico delle coincidenze significative applicato alla previsioni per l’anno successivo, il 1995.

In questa occasione voglio riportare integralmente il contenuto dell’articolo.

 

 

large_GIORGIO_GALLI

 

 

Non ci resta che divinare

Quale sarà lo scenario politico italiano nel 1995? Per ipotizzarlo è necessaria una premessa. La politologia è in una fase di riflessione. Come tutte le scienze sociali, ha adottato il modello delle scienze esatte, delle scienze della natura. E su di esso ha basato le sue previsioni. Soprattutto negli Stati Uniti, ha avuto a disposizione grandi mezzi, istituti prestigiosi, studiosi autorevoli. Nonostante tutti questi sforzi, tuttavia, non si è riusciti a prevedere il crollo del sistema imperiale sovietico.

Henry Kissinger, ex segretario di stato degli Usa con la presidenza Nixon e autorevole osservatore di politica internazionale, ha così sintetizzato la situazione: avevamo previsto, per l’Urss, un declino inarrestabile, ma graduale, sino a una crisi all’inizio del Duemila. Vi fu invece un crollo repentino, con una decina di anni d’anticipo.

La politologia ha conseguito buoni risultati analitici, anche nello studio del sistema politico italiano. Ma ciò non può mettere in ombra il fatto che il suo approccio non è stato sufficiente per valutare con sufficiente precisione l’evento cruciale di questo scorcio di secolo.

Mi sono perciò chiesto, all’inizio del 1992, in un saggio scritto con Rudy Stauder e del quale “Panorama” ha parlato, se in questa fase di riflessione la politologia non potesse integrare il suo approccio analitico con altre suggestioni, e con le analogie e le coincidenze significative teorizzate da Carl Gustav Jung. Le prendo in considerazione da molto tempo, avevano suscitato a suo tempo il grande interesse di geni della fisica, come il premio Nobel Wolfgang Pauli.

Non è quindi per un’improvvisazione che accolgo la proposta del direttore di “Panorama” di trasformare questo approccio in una trattazione particolare dei temi politici, che unisca alla politologia classica l’utilizzazione di analogie e coincidenze. In un periodo nel quale il quadro politico muta repentinamente quasi di giorno in giorno, è una approccio di respiro.

Veniamo, dunque, al 1995: mezzo secolo dalla fine della seconda guerra mondiale. La constatazione più sorprendente, impensabile nel 1945, è che i due grandi sconfitti di quel conflitto, cioè la Germania e il Giappone, sono oggi potenze economiche mondiali. Tra i vincitori, solo gli Stati Uniti grandeggiano. L’impero britannico e quello sovietico sono praticamente scomparsi (anche se il secondo ha ancora una possibile base territoriale).

E l’Italia? Ha condiviso, per tutti gli anni Cinquanta, il “miracolo dei vinti”. Si è avvicinata all’Europa, in termini di reddito e di cultura, come mai prima nella sua storia. E’singolare che, all’inizio della svolta, troviamo un politico che tiene conto degli oroscopi, Fernando Tambroni, presidente del Consiglio nella primavera del 1960.

Tambroni consulta abitualmente un’astrologa, Maria Gardini. Sembra che ne abbia avuto buoni consigli, sino alla crisi del giugno 1960, quando il suo governo, un monocolore della Democrazia Cristiana sostenuto dal solo Movimento sociale, fu rovesciato da dimostrazioni di piazza e dalle contese all’interno del suo partito. Non so se la signora Gardini vorrà dire qualcosa su quelle giornate.

La coincidenza è questa: il “miracolo dei vinti” sembra esaurirsi quando torna per un momento protagonista il vinto per antonomasia, il fascismo della Repubblica sociale, del quale il Msi era l’erede. La rinuncia a quella eredità, la trasformazione del Msi in Alleanza nazionale, il suo rapporto col governo (sostegno nel 1960, partecipazione nel 1994) sarà uno dei temi politici importanti del 1995.

Probabilmente, però, non il tema cruciale. Le analogie possibili con il 1945 mi sembrano altre due: una coalizione con un peso inizialmente importante della sinistra e l’emergere, verso la fine dell’anno, di un ruolo determinante svolto dal partito di ispirazione cattolica.
Tra la primavera e l’estate del 1945, l’Italia riunificata del 25 aprile è rappresentata da un governo di coalizione tra la Dc di Alcide De Gasperi e le sinistre di Palmiro Togliatti e Pietro Nenni. Sarebbe una coincidenza sorprendente se, a cinquant’anni di distanza, capovolgendo la situazione creatasi nel 1994, si formasse una coalizione nella quale la sinistra (o parte di essa) e il Ppi, erede della Dc, avessero un ruolo di rilievo.

Alla fine di quell’anno, l’importante partecipazione della Democrazia cristiana si trasformò in un ruolo di preminenza (primo governo De Gasperi). E’ una prospettiva che potrebbe ripetersi, verso la fine del 1995 e nell’ipotesi di un 1996 anni elettorale, dopo un riassetto istituzionale. Il Pds di oggi avrebbe comunque più carte da giocare rispetto al Pci del 1945, condizionato dalla situazione internazionale e dalla subordinazione a Stalin.

La distanza storica ha ingigantito le figure di De Gasperi e di Togliatti. Penso che Rocco Buttiglione e Massimo D’Alema non oserebbero paragonarvisi.

Ipotizzo, comunque, che il loro ruolo nel 1995 sarà più importante che nel 1994.
Questo eventuale processo evolutivo della coalizione di governo non dovrebbe nuocere ad Alleanza nazionale. E’più probabile che il disegno di lungo periodo di Gianfranco Fini possa realizzarsi meglio fuori del governo, se il suo partito ne dovesse essere escluso. La sua leadership di una forte destra di tipo europeo è comunque condizionata da quanto accadrà in Forza Italia, dalla variabile giudiziaria, che conserverà un ruolo decisivo nel passaggio dalla Prima alla Seconda Repubblica.

“Panorama”, 2 dicembre 1994.