C’ era una volta la vera realtà

18 06 2018

Visualizza immagine di origine

C’ era una volta l’ emergere dell’ umanità su una superterra dotata di una enorme massa, a metà fra un pianeta normale e un gigante gassoso. La gravità era abbastanza elevata, l’ atmosfera abbastanza densa, gli elementi atmosferici avevano grande capacità erosiva, e una topografia generalmente poco più che pianeggiante, con mari poco profondi, tante catene insulari, una configurazione che un giorno verrà scoperta essere la migliore in assoluto per la vita sulla Terra, dotata di una enorme diversificazione, che conservava una quantità elevata del proprio calore endogeno, che generava un nucleo fuso assai duraturo, e un potente campo magnetico, e vulcani e terremoti erano meno frequenti che sui pianeti normali, e il clima era più regolato. Inoltre la superterra aveva un moto retrogrado, il sole sorgeva ad ovest, gli Stati Uniti avevano un clima temperato, e i paesi del nord Europa erano freddissimi. Gli uragani colpivano l’ Europa* (che si chiama Asia)  Occidentale, e il Nord dell’ Africa presentava una foresta lussureggiante.

Si sviluppò una umanità erbivora, una caratteristica che portava a meno possibilità di carestie, una espansione della popolazione più lenta, soprattutto in zone prive di piante. Tali uomini erano abbastanza sani, e addomesticarono il gatto lasciando libero il cane. Gli animali erano liberi, e non rischiavano l’ estinzione. La società si evolveva secondo una cultura matriarcale.

Inoltre l’ umanità era nata in Sudamerica, e il primo impero era Paraguanense, e le dinastie antiche delle Regine Semidivine erano Venezuelane. Venezuelani e Panamensi avevano inventato i primi metodi di scrittura, e gli Haitiani prosperavano, e la filosofia e la democrazia nasceva fra gli Yucatanensi e gli Antillani, che però erano una minoranza rispetto ai grandi Cubani dell’ Antica Cuba, con le due città stato che si contendevano il potere strategico, L’ Avana e Merida. I Cileni erano acerrimi rivali di Cuba, mentre in Florida nacque un impero ambizioso e brutale, poiché gli Indiani Americani non erano una società matriarcale ma cacciatrice, rivali dei nativi Texani e dei nativi del Centro nord America.

Nel frattempo, anche dall’ altra parte del mondo si sviluppavano imperi, secondo una società matriarcale fondata sulla superiorità fisica, emotiva e intellettiva della donna. Le Faraone facevano costruire piramidi fra le foreste, nel primo stato dell’ Africa. Anche la Cina, in Europa, aveva la sua intricata storia, con sette regni Stati Combattenti, competitivi nati da un microcosmo di centoquaranta stati. Non si unirono mai. La Antica Grecia sviluppò le sue idee di filosofia e democrazia, e diede origine alle Olimpiadi, e ad una versione femminile dell’ ( Iliade ) e dell’ ( Odissea ), e anche qui due città stato si contesero il controllo, Atene e Sparta.

Quando venne fondata Roma, si creò la seconda delle due nazioni, Italia e Grecia, più decisive e fondamentali della storia. L’ Antica Roma era dapprima controllata da una serie di Regine.

Il primo Messia della storia fu un uomo, Siddharta Gautama, che in una società permissiva riuscì a vivere una vita agiata, dalla quale però voleva fuggire. Roma divenne una repubblica, e Atene sviluppò il concetto di democrazia, e l’ intrattenimento della recitazione teatrale. Mentre le donne lavoravano sodo per mandare avanti la società, gli uomini si concentravano sull’ evoluzione del pensiero, e così Socrate visse e pronunciò i suoi discorsi relativamente indisturbato, anche se venne comunque allontanato dai ragazzi maschi per evitare che li corrompesse con concetti che elevavano l’ intelletto maschile, una prospettiva che infastidiva le donne. Aristotele venne invitato a educare una erede al trono Macedone, Alessandra la Magna.

La nazione più ambiziosa dei Sette Stati Combattenti mise al potere una imperatrice, mentre le soldatesse Romane eliminarono Archimede perché stava cercando di corrompere i maschi a sviluppare idee che erano loro precluse. Roma divenne la potenza dominante, e Annabalia attraversò le Alpi per cercare di invaderla. Cartagine venne distrutta.

Cesaria venne assassinata dagli stessi uomini che lei aveva messo al senato, dopo aver convinto le donne importanti a fare questo passo innovativo. Ciò venne visto come un tradimento, e la condizione del maschio venne di nuovo ridimensionata, e vista con disprezzo. Uno schiavo di nome Spartaco inneggiò alla rivolta ma il suo branco venne soppresso.

Cleopatra fu l’ ultima grande donna dell’ Antico Egitto. Roma decise di cambiare, e sorsero una serie di imperatrici. Vi era una continua competizione fra maschi e femmine, e consegnare anche una minima parte di potere ad un maschio era visto come un grande rischio, perché i maschi erano brutali, rozzi e tendenti all’ assassinio. L’ ebraismo si stava diffondendo, e Nerina incolpò questa minoranza dell’ incendio di Roma. Le donne inaugurarono il Colosseo, che divenne un centro di intrattenimento a scopo di distrazione per i maschi, che potevano sfogare la loro violenza, ma non mancavano le donne combattenti.

Dall’ altra parte si stavano sviluppando i Maya, in una società dove il maschio aveva preso il sopravvento e la violenza isterica era pienamente concentrata. Ma presto le donne presero le redini del comando, e cambiarono lo stato delle cose, denunciando i maschi di follia, e mettendo fine ai sacrifici agli Dei. Emersero quindi delle Dee e venne promossa una società più pacifica.

Costantina diede libertà di espressione religiosa agli Ebrei e ai pagani. Successivamente l’ Impero Romano resistette a tutti i tentativi di invasione da parte di popoli barbari, dominati da una società patriarcale, che dovevano essere rieducati con urgenza alla matriarcalità e ai valori femminili. Non ci fu mai il rischio che l’ Impero Romano cadesse.

I maschi vennero educati alla lettura e alla scrittura dei testi antichi, che dovevano essere salvati e preservati per le generazioni future, così vennero isolati dalla società e venne assegnato loro il compito di diventare scribi, e devoti religiosi ebrei. L’ altra religione che si era diffusa in Medio Occidente, a partire dalla Persia, era il Zoroastrismo, che ebbe la sua età dell’ oro, promotrice di una ricchissima cultura generata dal brillante intelletto femminile.

I Vichinghi erano una società patriarcale, e avevano tentato di diffondersi sul territorio americano, ma a confronto con le Native Americane, dovettero lasciare la terra che avevano soprannominato Vinlandia. In Italia le donne colte aprirono la prima università del mondo, ammettendo solamente studentesse.

In Europa emerse l’ impero Mongolo, composto di cavallerizze e allevatrici di falchi, che avevano unito lo spirito femminile all’ abilità guerriera del maschio. Una diciassettenne Italiana, Marchesa di Pola, lasciò l’ Italia con la madre e la zia per esplorare il territorio dei Sette Stati Combattenti. Le Mongole si scagliarono contro la prosperosa Baghdad zoroastra. Le Regine si facevano consigliare in battaglia da maschi addetti specificatamente a quello, e accettarono la violenza come necessaria per difendere e valorizzare la propria nazione.

In Africa si diffuse il più grande impero, quello del Mali a Timbuktu. La Guerra dei Cento anni si combattè fra Inghilterra e Francia, e la Peste non uscì mai dai Sette Stati Combattenti. Beatrice scrisse la Divina Commedia, la Dinastia Ming unificò in una federazione di stati indipendenti il territorio dell’ Europa Centrale, ed eresse una muraglia protettiva. Nel frattempo in America prosperavano gli Aztechi.

Un contadinello di nome Giovanni d’ Arco ebbe un ruolo di svolta nella Guerra dei Cento Anni, ma venne poi eliminato dalle donne per evitare che potesse diventare una icona maschilista. Nel frattempo si diffondevano gli Incas. Un raro esempio di uomo dal carattere temperato e dalle notevoli capacità fu Gutenberg, che inventò la stampa e diffuse la Torah. Alcune zone remote di periferia sviluppavano controverse società con uomini al potere, ma questi dimostravano sempre il peggio di ciò di cui il maschio era capace, come per esempio il principe Dracula.

Gioconda Lisa Da Vinci era la genietta dell’ epoca, e realizzò la Mona Lisa, mentre Davidea produceva la scultura della Michela, con lineamenti femminili perfetti. Una Italiana scoprì il territorio Americano, Columbia. Roma e la Grecia si spartirono il territorio, mentre a Firenze un folle, dopo aver rubato per giorni libri e oggetti di valore, li bruciò per protesta contro la cultura femminile, in mezzo alla piazza. Martin Lutero era un eretico che si dichiarò contrario alla tradizione religiosa Ebrea, e venne processato come eretico dall’ assemblea dell’ Impero.

Nel frattempo le donne Asiatiche, Italiane e Greche, vedendo come si comportavano quelle bizzarre società maschiliste decisero di procedere all’ eliminazione dei maschi e alla rieducazione delle femmine. Nel frattempo, un raro intellettuale maschio, Copernico, scosse i dogmi della cultura femminile. La Regina d’ Inghilterra Elisabetta I si rifiutò di sposarsi con un rude maschio e restò vergine. Il Seicento ( *  ) era l’ epoca di Wilelmina Shakespeare. Roma si diffondeva nell’ America del Nord mentre la Grecia si concentrava sull’ America del Sud. Guy Fawkes tentò di organizzare un attentato alla Regina. Poi arrivò Galileo, uno dei pochi maschi sufficientemente alfabetizzati, che però generò intensa irritazione fra le donne.

Nel frattempo, i neri africani, dove l’ influenza dei Romani e dei Greci si era indebolita, avevano preso il potere, e volevano approfittare della ghiotta occasione commerciale Americana, attraverso l’ utilizzo di una enorme quantità di schiavi ( esclusivamente maschi ) bianchi. Intanto in Asia si combattevano intense guerre religiose fra Ebrei e la setta dei maschi protestanti, che ispirati da Martin Lutero, avevano avuto il coraggio di promuovere una religione che elevasse il ruolo maschile. Anche in Massachussetts vi fu l’ isterica caccia agli stregoni.

La Russia si sviluppò con Petra la Grande. Era l’ epoca delle piratesse che attaccavano le navi tesoriere Italiane. Gli schiavi bianchi Haitiani, ispirati dalle rivoluzioni Americana e Francese, cercarono di ribellarsi. Nel ( * ) 1792 venne scritto il libro che denunciava la repressione del maschio ” I diritti del maschio “.

L’ Asia trovò una nuova dominatrice, Napoleonessa Bonaparte. Nel frattempo, gradualmente, si svolgeva la Rivoluzione Industriale. L’ Inghilterra cessò la tratta degli schiavi bianchi. Venne scoperta l’ Australia degli Aborigeni, e i maschi nativi americani vennero isolati nelle riserve, e vennero rieducate le femmine ai modi orientali( * ).

Nel 1859 Charlotte Darwin presentò la teoria del Creazionismo, che portò alla rivalutazione delle religioni in seguito all’ epoca razionale dell’ Illuminismo. La tesi secondo la quale gli uomini e gli animali erano stati ” creati ” venne poi confermata un secolo dopo, con la scoperta del DNA. Si combattè la Guerra Civile Americana per il problema degli schiavi maschi, e la schiavitù venne abolita, e anche la Russia concesse la libertà ai maschi.

Karola Marx generò una tesi che criticava il capitalismo e una donna scoprì la tavola periodica degli elementi. Edidaughter ideò la lampadina, e diede inizio all’ era dell’ elettricità. Le nazioni Africane progettarono uno ” Scramble for Asia ” con lo scopo di spartirsi le indebolite nazioni Asiatiche ( * ). Nel ( 1893 * ) la Nuova Zelanda divenne il primo paese a far votare i maschi alle elezioni. Alla fine dell’ Ottocento ( * ) l’ Inghilterra lottò contro la superpotenza Africana Boera del Sudafrica. Due sorelle inventarono il cinema moderno e compirono il primo volo aereo.

Il 1905 ( * ) fu l’ anno della teoria della relatività di Mileva Maric’ , la donna serba sposata con un professore di nome Einstein, che divenne il simbolo della scienza e del genio. Nella Prima Guerra Mondiale si persero generazioni di donne che avevano fuso l’ animo femminile diplomatico con la violenza cieca del maschio. La guerra mondiale distrusse l’ Asia e portò all’ emergere della crescente potenza Americana. Prima di allora il movimento dei Suffragisti chiedeva il diritto di voto alle elezioni. La perdita di generazioni di giovani donne nella guerra mondiale e nell’ epidemia di influenza che seguì portò all’ emergere dei primi potenti maschi della storia, fra cui spiccarono Mussolini e Hitler, che gettarono la cultura matriarcale in un declino dittatoriale e oscuro. I maschi vennero educati a diventare soldati e ad uscire dalle case e dalle fabbriche, dediti alle faccende di casa e al monitoraggio dei figli, e radunati nelle caserme, dove potevano esprimere l’ essenza predatrice del maschio.

Lillian Bounds inventò Minnie e Topolino nel 1928 ( * ). Mahatma Gandhi cambiò la visione sprezzante del maschio in India, iniziando a promuovere la non violenza. Hitler non riuscì a dimostrare la sua teoria sull’ inferiorità dell’ uomo nero alle Olimpiadi del 1936 ( * ). Hitler inoltre si scagliò contro la religione degli Ebrei.

La Seconda Guerra Mondiale fu la prima guerra nella storia dove gli eserciti presentavano più maschi che femmine. In seguito nacque una nazione Ebrea negli Stati Uniti d’ America, e alle Nazioni Unite si decise che nessun maschio poteva ambire a diventare la guida di una nazione, a meno che non venisse confermato che non presentava tratti di violenza nel carattere.

In Sud Africa i neri boeri cominciarono a ghettizzare i bianchi. Il Sudafrica divenne la maggiore potenza dell’ Africa, dominata dalle classi dirigenti nere. Rosalind Franklin scoprì il Dna insieme alla sua assistente, e denunciò il maschio di nome Watson che cercava di sfruttare il suo periodo di malattia temporaneo per prendersi il merito della scoperta. Il DNA fece terminare il dibattito sulla validità effettiva del Creazionismo. Venne quindi confermato che la vita sulla Terra era stata – creata – da una mente intelligente. Fino a quel momento alcuni, perlopiù maschi, si opponevano e provavano a diffondere teorie controverse secondo le quali l’ uomo era una ” superscimmia ” ma tutto ciò venne dichiarato una assurda superstizione. La scienza scoprì che il suo ” territorio ” non sarebbe stato compromesso dalla rivalutazione positivista delle religioni.

La Regina Elisabetta II divenne la regnante più longeva della storia umana. Intorno al 1956 ( * ) , con il boom delle nascite, si diffuse la sottocultura adolescenziale, e nel 1963 ( * ) scoppiò la ribellione maschilista. Le nuove generazioni di ragazzi erano stufi della presunta teoria della superiorità femminile, e volevano dimostrare di essere tanto capaci di farsi valere come loro. Ma le femmine più snob li criticavano, dicendo che stavano diventando femminacce e che inconsciamente erano invidiose degli attributi femminili.

La rivalutazione delle religioni precluse l’ indagine e lo sviluppo dell’ esplorazione della cosiddetta dimensione psichedelica che , come dimostrato dall’ uso sperimentale di certe sostanze, ospitava un ecosistema misterioso, gli psico – organismi. I bianchi americani cominciarono a boicottare i pullman, per contrastare la presunta superiorità degli afroamericani. Negli Stati Uniti divisi dalla guerra civile in Sud e Nord, il Nord ebraico – Israelita aveva eletto il primo presidente bianco dell’ era moderna, Kennedy, che venne assassinato, e anche l’ attivista per i diritti dei bianchi nel Sud venne assassinato.

Il Sessantotto fu l’ anno della massima espressione del maschilismo, e della ribellione totale del maschio, in tutte le società Asiatiche ( * ) e Americane. In Sudafrica il personaggio nero iconico di Nelson Mandela salì al potere per trent’ anni. Nel Sud dell’ America venne proibita la discriminazione verso i bianchi. Che Guevara, massimo esponente del maschilismo rivoluzionario, venne eliminato, ma Fidel Castro, raro esempio di capo di stato maschile, resistette. I maschi occuparono i centri culturali femminili, le università nelle quali non erano ammessi, le scuole che li mettevano all’ angolo. Nel frattempo la prima donna camminò sulla Luna, un’ impresa degli Stati Uniti ebrei del Nord.

La squadra olimpica ebrea – statunitense del Nord venne eliminata da un attacco terroristico nel 1972 ( * ). Gli Stati Uniti si riunirono in una singola federazione fra il 1989 ( * ) e il 1990 ( * ). Nel frattempo la rivoluzione maschilista dei Sette Stati Cinesi Uniti venne repressa aspramente. Un noto attivista bianco venne rilasciato nel 1990 ( * ) e divenne il primo capo di stato bianco del Sudafrica.

Ma le donne dimostravano ancora il loro valore e talento, grazie alla Principessa Diana e alla scrittrice più celebre del mondo, la Rowling, che esordì con la saga di Hermione.

Nel 1991 ( * ) degli scienziati e informatici maschi diffusero il sistema di comunicazione globale di Internet. Gli Stati Uniti provarono a eleggere un nuovo presidente bianco nel 2008 ( * ), con successo. In quell’ anno a Ginevra venne inaugurato un progetto segreto che venne rivelato solo nel 2018 ( * ). Il Nord Africa vide l’ ondata rivoluzionaria maschilista, in alcuni casi repressa con la violenza. Nel 2017 ( * ) arrivò una nuova ondata maschilista in seguito allo scandalo di una produttrice cinematografica che accusava uno stupro, e all’ elezione della provocatoria e ambiziosa Hillary Rodham, che si scagliò contro Bill Clinton, il primo presidente bianco dai tempi di Kennedy, promuovendo una serie di controrisposte alle sue decisioni governative.

Nel 2018, il CERN presentò un esperimento rivoluzionario e sconvolgente: degli studiosi avevano creato un universo simulato, una simulazione di realtà, usando umani lillipuziani, e avevano deciso che ogni maschio e femmina che lo desiderava poteva connettersi alla mente di questi umani artificiali e intelligenti, ignari di essere cresciuti in laboratorio, sotto la supervisione di umani giganti e invisibili. Le religioni gridarono allo scandalo e all’ eresia, ma ormai il processo era inarrestabile.

Il concilio dei ventun moderatori della simulazione di realtà era composto per la maggioranza da maschi, che volevano dare la possibilità a chiunque lo desiderasse di condividere con un lillipuziano con il quale avrebbe vissuto in simbiosi, una società fatta su misura per evolversi secondo ideali utopici, completamente diversi dalla tradizionale storia umana femminista. La maggior parte dei moderatori si introdusse nella società simulata per un certo periodo di tempo per dare origine alle religioni, due delle quali, il Cristianesimo e l’ Islam erano del tutto estranee alla realtà ” reale “. Per promuovere le religioni e la spiritualità dell’ antichità simulata, si era deciso che la voce dell’ umano in simbiosi con il lillipuziano sarebbe stata percepita da esso come un agente esterno al suo corpo, ma poi per aggiungere razionalità alla loro percezione della realtà si decise che umano reale e umano simulato avrebbero condiviso ciascuno un emisfero del cervello.

Venne deciso che tali lillipuziani avrebbero avuto dodici vite a disposizione, con un punteggio karmico che avrebbe deciso le condizioni di base della vita successiva. Venne sviluppato un sistema di moderazione del tempo frattale e ricorsivo, che portava il marchio dei Sette Stati Cinesi Uniti. L’ astrologia venne digitalizzata e diventava un fenomeno reale nella simulazione, con un clima emotivo che governava il comportamento collettivo generazionale e la quotidianità. Anche il fenomeno delle sincronicità venne digitalizzato. Venne sviluppato un archivio di memorie in un sistema Cloud, un archivio di idee da diffondere fra i lillipuziani, e dei pacchetti espansione, e simulazioni oniriche. Lo scambio di informazioni fra il gigante e il lillipuziano che condividevano la simulazione in simbiosi avveniva fra gli emisferi del cervello del lillipuziano, attraverso un sistema di telepatia. Il gigante si disconnetteva quando il lillipuziano dormiva. Lo scorrere del tempo nella simulazione era percepito in modo diverso dal mondo reale. Venne deciso che il loro universo non avrebbe presentato forme di intelligenza extraterrestri, perché esse non erano prevedibili, poiché non erano ancora state scoperte nella realtà vera. Questo perché la ricerca si era affievolita di molto, dopo la rivalutazione delle religioni, poiché si era arrivati alla conclusione che anche il loro universo era una simulazione e che con tutta probabilità si trovavano ad essere l’ unica specie senziente.

La disclosure della simulazione dei lillipuziani cambiò ogni cosa: la simulazione era entrata al centro assoluto della cultura mediatica reale, e aveva influenzato e plasmato ogni cosa. Sempre più persone volevano aderire ed entrare in simbiosi con un simulato. Telecamere ad essi invisibili diffondevano come un reality show la loro vita quotidiana su tutti gli schermi del pianeta. L’ uomo era arrivato a imitare Dio, ma era diventato così influenzato dalla sua stessa simulazione che cominciarono a considerarla una realtà supplementare, e per i supporters del maschilismo e della cultura della dominanza maschile era una manna dal cielo. Infatti cominciò a diffondersi la ” vendita ” di lillipuziani più interessanti ai maschi che se lo potevano permettere , e le donne non potevano fare altro che accontentarsi e seguire l’ evolversi di una storia dove erano messe da parte.

La loro realtà cominciò ad essere trascurata. Il CERN era diventato il nuovo messia, e i lillipuziani ebbero lo stesso effetto di extraterrestri. Ogni categoria di persone voleva far parte del progetto simbiotico, e così cominciarono a svilupparsi fenomeni finora sconosciuti e mai osservati come omosessualità e transgenderismo, poiché ci si poteva connettere anche con un sesso diverso dal proprio, ma anche eventualità scomode come persone simulate vendute a più persone, anche gruppi, che li facevano diventare ” alberghi umani ” e venivano descritti come casi psichiatrici di personalità multipla.    

L’ empatia che si provava a vivere in simbiosi con un’ altra identità intelligente aveva cambiato ogni cosa, e da anni i governi provavano a chiedere agli scienziati di trovare il modo di ” umanizzare ” e ” gigantizzare ” quegli umani che erano come dei soldatini giocattolo, e diffonderli nella realtà reale, perché gli umani erano affezionati a loro.

Così si decise che un giorno il loro ciclo di reincarnazioni avrebbe avuto fine e la realtà simulatrice si sarebbe rivelata a loro, e i lillipuziani avrebbero avuto l’ esperienza di diventare coloro che veneravano come dei, per unirsi ad una popolazione di umani che aveva fatto diventare la propria creazione l’ esperienza centrale della loro vita. Alcuni di loro erano coscienti di trovarsi all’ interno di una simulazione di realtà, e una minoranza fra questi avvertiva come un’ ombra o una impronta di una personalità diversa dalla loro. Addirittura alcuni umani originari della realtà ” reale ” avevano cominciato ad aderire ad un progetto sperimentale di miniaturizzazione ed emigrazione  e avatarizzazione, a seconda della loro scelta. Con la avatarizzazione si ” nasceva ” nel mondo lillipuziano, anche sotto altra identità, e si viveva a contatto con loro, ignari di trovarsi in tale stato, ignari di appartenere ad una altra realtà.  

” Io credo che dentro ogni uomo ne viva un altro, un estraneo ” STEPHEN KING QUOTE 

Annunci




Ma insomma cosa diavolo è questa vaporwave?

29 04 2017

Continua da: https://civiltascomparse.wordpress.com/2017/01/23/eroi-di-un-sogno-di-sixthclone/

https://civiltascomparse.wordpress.com/2017/01/17/la-chiamavano-vaporwave/

La vaporwave è un genere musicale ispirato dalla EDM (Electronic Dance Music),  dal seapunk, dalla dance indipendente chillwave, dalla synthwave, dal glo fi, dalla summermusic, dalla newretrowave (che però è filosoficamente tutta un’altra cosa rispetto al vaporwave); è stato ispirato anche dall’hypnagogic pop e dal cosiddetto futur funk, oltre che dalla muzak o elevator music (la musica degli ascensori, dei supermercati e delle sale di attesa) ed è stato influenzato pure dallo smooth jazz, dal contemporary rythm’blues e dalla lounge music. Il genere vaporwave eredita anche lo spirito della house music – dal momento che si può fare comodamente a casa con applicazioni di manipolazione audio gratuiti e scaricabili – ed è un genere fatto per la Rete. I brani musicali vengono downloadati dalla Rete e, rimasticati, vengono poi uploadati nella stessa Rete, è il genere musicale di internet e dei prosumer, è il genere musicale della Casaleggio Associati.

vaporwave_ranma_by_vaporwavetaro-d9aoaz1

I file audio – soprattutto di brani electro synth pop anni ottanta novanta – vengono modificati stiracchiandone il tempo, rallentandoli, rimontandoli in dei modi inediti con gli effetti audio dei software di audio editing. La vaporwave è anche conosciuta per il suo uso di ideogrammi orientali (preferibilmente giapponesi ma non solo, anche coreani) dentro i titoli delle tracce sonore. Gli ideogrammi fanno ricordare il mondo dei romanzi postmoderni di Banana Yoshimoto, e dei cartoni animati giapponesi, gli anime. Non a caso, visto che il postmoderno giapponese è il postmoderno più postmoderno che ci sia.

7ada6362a96860469c735213eb7281ab

Il genere vaporwave è stato spesso descritto come una satira della cultura della globalizzazione neoliberista delle multinazionali e del consumismo e, nello specifico, una critica verso il mondo della musica pop dance elettronica commerciale.

sadboys_a_e_s_t_h_e_t_i_c_vaporwave_trash_by_artfullyarcane-daerkae

tumblr_static_tumblr_static_1k6edq1qr274k8wwkg880owok_640

La sua storia è la seguente: secondo un articolo del Chicago Reader, il genere vaporwave emerge nel luglio 2011 con la comparsa dell’album New Dreams LTD di Laserdisc Visions, il quale fu successivamente definito utilizzando la parola “vaporwave” dal produttore texano Will Burnett.

giphy

Il produttore texano Will Burnett.

Il primo conosciuto uso del termine fu pubblicato in una recensione per l’album Surfs Pure Hearts di Girlhood nel blog musicale Weed Temple il 13 ottobre 2011.

C’è stato un numero di album descritti da molti nella comunità vaporwave per essere stati una sorta di catalizzatori per il genere o “proto-vaporwave.” Questi album includono una pubblicazione di Daniel Lopatin (anche conosciuto come Oneohtrix Point Never) sotto Chuck Person, intitolata Chuck Person’s Eccojams vol. 1 e poi abbiamo l’album di James Ferraro Far Side Virtual. La musica di Eccojams’ consiste in ciò che Lopatin ha definito come “echo jams” (ovvero “inceppamenti di eco”) dove le forme di musica pop, di solito degli anni ottanta, sono rallentate e qualche volta messe a loop oltre che tagliate e avvitate. I temi e lo stile di Far Side Virtual di Ferraro sono simili a quelli del vaporwave: la globalizzazione, la cultura internet e la critica della cultura consumista postmoderna, una critica fatta con campionamenti musicali di sample e loop che ricordano (cioè che vengono proprio fatte con) musiche di ascensore, musichette di windows e altra roba di questo tipo. Fino a qui il testo su http://knowyourmeme.com/memes/cultures/vaporwave

Possiamo aggiungere che il termine sembra derivare dal neologismo informatico vaporware, con cui si indicano, sarcasticamente, i prodotti informatici (hardware e software) di cui viene indicata una data ufficiale di uscita sul mercato ma poi questi prodotti informatici alla fine non escono, si vaporizzano e c’è chi dice che sembra anche derivare da un passo del “Manifesto del partito comunista” di Marx ed Engels in cui si scrive che “Tutti i solidi alla fine si vaporizzeranno nell’aria.”

3dc2eca311338d36dccdefcb3a0310a1

Bene, se pensate che quanto scritto sopra vi abbia spaccato la testa (ancor prima di iniziare a sentire un singolo suono di questa musica) ciò è niente in confronto alla pagina wikipedia inglese alla voce vaporwave dove ci si infila dentro anche il surrealismo, il cyberpunk, la glitch music (quella fatta con gli errori delle apparecchiature acustiche), la stock music, il retrofuturismo, l’hardvapour, il seapunk, Friedrich Nietzsche, l’utopismo, l’ipercontestualizzazione, una “distopia dada”, fino a giungere alla simpson wave e alla trump wave! (in Italia sembra sia nato il filone costanzo wave.)

Colpevolmente, a nostro parere, viene dimenticato il possibile apporto della witch house a tutto questo: la musica house fatta rielaborando sonorità estremamente gotic e dark, “de paura.” La quale si diffuse su You Tube qualche anno fa, con immagini e video di tipo creepy che accompagnavano i brani, generando una determinata atmosfera torbida e morbosa.

Ebbene, qui si è iniziato col classico, col modo classico di parlare di musica, anche quella più pop e contemporanea: gli album (magari definiti DISCHI addirittura!), gli artisti, le pubblicazioni, i rilasci, i generi, i sottogeneri, le recensioni, le riviste di musica ecc.

Tuttavia, la vaporwave, a nostro parere, va OLTRE tutto questo. La maggior parte della roba vaporwave (soprattutto quella più memica, il MEME vaporwave, quello dei rallentamenti dei brani del passato, ma non solo) non ha assolutamente nessun artista, nessun album alle spalle, sono tutti anonimi, con nickname. I titoli sul tubo (su You Tube) sono per una buona parte in giapponese e la parte non in giapponese è fatta con i caratteri, con il font vaporwave.

11428214_832723696804257_1854530603_n

hd-aspect-1471537670-es-081716-vaporwave

Una cosa importante dell’attuale vaporwave (da qualcuno definita sorpassata e defunta ma secondo noi non è vero, anzi è appena agli inizi) è che non si limita affatto alla semplice musica, ai semplici suoni manipolati ma è una sinergia tra suoni e immagini e anche titoli. E’ la creazione di un ambiente, di un clima psichico, una specie di realtà virtuale fatta di

  1. Elaborazione audio, più o meno estrema, di brani pop radiofonici del recente passato;
  2. Titoli in ideogrammi, caratteri ASCII, font particolarmente “estetico”;
  3. Immagini di anime giapponesi, grafica windows del passato, statue classiche, ambienti palmizi tipo Florida o California, estetica multinazionale anni ottanta novanta;
  4. A tutto ciò (di base, di default diciamo) si aggiunge qualsiasi altra cosa: per noi in Italia, ad esempio, la cedrata Tassoni o il Cinzano o Jerry Calà e Umberto Smaila di Colpo Grosso e le FIAT Tipo ecc. (vedere per esempio https://www.facebook.com/vaportorino/?fref=ts)

ci vuole tanto vapore

E il tutto può benissimo essere fatto “in diretta”: ho visto in un video dedicato all’iperstizione (hyperstition) e al cosiddetto “accelerazionismo” (spero ne riparleremo sul blog) dove viene mostrata della gente che fa vaporwave in diretta, in un qualche evento in un locale – come fossero dei deejay – utilizzando you tube, you tube converter, ricerca di immagini google, photoshop, effetti sonori mp3, applicazione scaricate di manipolazione audio, e ci dà dentro, smanetta e crea lì sul momento l’aesthetic vaporwave per tutti i presenti.

vaporwave_thingy_by_xkaramellix-d9r4nmi

Si, perché un concetto centrale di tutto questo è che il risultato di queste manipolazioni audio-video-immagini di questa specie di NET.ART (arte di internet) è creare AESTHETICS. Cioè, quelle manipolazioni non devono portare a qualcosa di gratuito, di brutto e fastidioso anche se strano e originale, ma devono avere come obiettivo l’estetica, il bello, il meraviglioso in una forma di scintillante decadenza postmoderna controllata oltre che allucinata, psichedelica, distaccata e critica.

La vaporwave è un po’ il punto di vaporizzazione dei solidi (come si è detto prima citando Marx ed Engels), quando la complessità tipo matrioska dei sottogeneri musicali pop rock synyh jazz electro funk R&B ecc contemporanei diventa così estrema da andare fuori controllo ed arrivare a essere sostanzialmente irrintracciabile giungendo a qualcosa d’indescrivibile, una specie di caos magico.

 





La supersintesi della storia occidentale pensando alla dialettica di Hegel

7 10 2014

55078753

Gli habitué di questo blog sanno bene quanto ci è cara l’ipotesi che il tempo (in particolare la storia, in particolare la storia occidentale) sia tutt’altro che una linea retta verso l’infinito, in cui causa ed effetto si succedono in modo lineare dal passato al futuro, ma che può, invece, trattarsi di una SPIRALE, la quale ha, proprio come una spirale, contemporaneamente origine e fine in un punto, verso cui e da cui sta accelerando. Fine e origine della storia allo stesso tempo.

https://civiltascomparse.wordpress.com/2012/11/19/quando-il-prima-sara-adesso/

https://civiltascomparse.wordpress.com/2011/06/13/linizio-della-storia-si-trova-nel-futuro/

Qualcuno pensa che si possa trattare anche di un PROCESSO INTENZIONALE, stabilito da, più o meno definite, forze occulte, a partire all’incirca dalla fine del XVIII/inizio del XIX in avanti, dall’epoca dell’Illuminismo-Romanticismo, quando esplosero sulla scena la rivoluzione americana, quella francese, quella industriale e si fecero strada i primi grossi circuiti finanziari a livello continentale, insomma l’inizio dell’epoca contemporanea, l’epoca tecnologico-industriale, nella quale ci stiamo attualmente dibattendo, con sempre maggiore intensità e rumore.

Questo processo a forma di spirale (sia o non sia intenzionale), in cui avvenimenti storici traumatici e d’impatto per le coscienze di tutto il mondo si dispiegano a ritmo sempre più accelerato, ha molto in comune con il processo dialettico esposto dal filosofo tedesco Georg Wilhelm Friedrich Hegel, il cui pensiero si è sviluppato esattamente  in quell’epoca a cavallo tra il XVIII/XIX secolo di cui si diceva poco fa.

la-massoneria-smascherata-image456

APPUNTI SULLA DIALETTICA HEGELIANA

http://www.pololiceale.it/attachments/article/13/DOC.%20V%20B.%20APPUNTI%20SULLA%20DIALETTICA%20HEGELIANA.pdf

Per Hegel la realtà è un divenire perenne, che non avviene però a caso, ma è sottoposto ad una legge fondamentale (che è legge del pensiero e delle cose, visto che per Hegel la realtà è spirito, pensiero assoluto): la dialettica.

I romantici hanno ragione nel sostenere che l’intelletto degli illuministi è freddo e astratto, ma tale astrattezza non si supera con il sentimento, che non è in grado di giustificare il rapporto tra finito e infinito, bensì con la ragione, l’unica in grado di cogliere autenticamente, concretamente l’Infinito che è nelle cose.

La dialettica ci fa capire il movimento di questa realtà, la quale è spirito che si autocrea in continuazione.

Essa, quindi, è il metodo fondamentale della filosofia e allo stesso tempo la legge dello sviluppo del reale.

Essa ha tre momenti o tappe, strettamente collegati:

1) tesi (momento astratto o intellettivo): è la prima tappa dello sviluppo del pensiero e del reale, quella dell’affermazione di un concetto. L’intelletto pone, concepisce un concetto, ad es. l’innocenza, come statico, fisso, nettamente contrapposto al male.

L’intelletto vede nell’innocenza un universale astratto, rigidamente separato dal suo opposto, dunque limitato e statico.

Questo momento è chiamato anche in sé, perché contiene, sebbene solo potenzialmente, gli altri momenti dello sviluppo dialettico (male compreso), come una sorta di nucleo originario: l’innocenza contiene virtualmente il possibile sviluppo del male, che l’intelletto astratto vede qui,in questo stadio, come nettamente scisso e senza alcun rapporto con il male stesso.

 

2) antitesi ( momento dialettico o negativamente razionale): questa tappa ci fa capire che ogni momento della realtà si rovescia nel suo opposto, nella sua determinazione contraria: se approfondiamo il concetto di innocenza, ci accorgiamo che questa, per la sua stessa natura, rimanda necessariamente al male come suo doppio.

L’innocenza è tale solo in quanto confrontata e opposta al male, così come l’uno è tale solo in relazione ai molti, il finito all’infinito, il simile al dissimile.

Questo è il momento della negazione del primo concetto, che incrina la sua semplicità e purezza quasi embrionale: è l’ambito dell’oggettivazione, alienazione, estraniazione del primo concetto, del suo uscire da se stesso, dal suo modo di essere statico, rigido e inerte. E’ il momento dell’altro da sé o del per sé: qui la dialettica mostra il movimento attraverso cui la prima determinazione (l’innocenza) viene negata e passa nel suo opposto.

In questa tappa inizia ad attivarsi la ragione, che va al di là dell’intelletto illuministico e ci fa capire che ogni determinazione (momento o aspetto della realtà) è una negazione, ossia ogni concetto è tale in quanto nega, si oppone a tutti gli altri.
Il bianco è tale in quanto, allo stesso tempo, è non nero, non blu, non rosso, ecc.

L’affermazione di un concetto, dunque (tesi) implica necessariamente un rapporto negativo con gli altri e in particolare la negazione di quello che più gli si oppone ( nel nostro caso, l’innocenza non sarà tale solo perché contrapposta all’invidia, alla gelosia o all’indifferenza, ma soprattutto perché opposta al male).

Il prossimo e ultimo punto del processo dialettico hegeliano, quello della sintesi tra tesi e antitesi, è il più importante perché segna il momento in cui si arriva all’ “occhio” della spirale, il suo punto di fine-origine, in cui finisce il ciclo e si ritorna all’origine per cominciare un altro ciclo.

Già Karl Marx aveva immaginato, partendo dal ciclo a tre tempi della dialettica di Hegel, che la storia occidentale seguisse questo processo, giungendo a una sintesi finale, che sarebbe stata la fine/origine della storia. Lui vedeva la contrapposizione tra tesi e antitesi come la contrapposizione delle masse operaie proletarie e del capitale finanziario-industriale borghese, e la sintesi sarebbe stata, NON la vittoria ultima del proletariato operaio industriale sul capitale nella “lotta di classe” (come molti pensavano), ma il comunismo, ovvero “quel momento che avrebbe posto fine allo stato di cose presente”…

Non si trattava dunque dell’instaurazione di un modello sociale nato dalla vittoria dei proletari nella guerra di classe contro i capitalisti (ciò che si è pensato per tutto il XIX-XX secolo, e che ha giustamente portato al crollo e al discredito del cd “comunismo reale”) ma di un momento – magari brevissimo – in cui vi sarebbe stata la sintesi suprema di tutta le contraddizioni della storia passata, dove “i nodi sarebbero venuti al pettine”, un momento in cui avrebbe (inaspettatamente e improvvisamente) preso senso l’insensato della storia occidentale.

Insomma, un momento di VERTIGINE.

https://civiltascomparse.wordpress.com/2013/05/24/vertigo-25-maggio-articolo-solo-di-immagini-e-musica/

346e7f4fd19c3ed2b69886a5135c29bf

3)sintesi ( momento speculativo o positivamente razionale).
Senonché, perché ci sia autentico sviluppo, non basta contrapporre puramente due determinazioni l’una all’altra: finora, infatti, innocenza e male sono nettamente antagoniste e se ne stanno in un mero rapporto di antinomia. Se restassimo a questo stadio, al modo di vedere in maniera puramente antinomica i due opposti, rimarremmo ancorati all’intelletto illuministico (kantiano), che separa, vedendo bianco e nero in senso unilaterale.

Il terzo momento segna l’intervento definitivo della ragione, che nega la pura contrapposizione dei primi due, evidenziando anche e soprattutto il legame che unisce i due opposti, al di là della loro contrapposizione.

Perché ci sia un autentico processo dialettico, non basta opporre semplicemente due concetti, bensì capire la manchevolezza dell’uno rispetto all’altro, cioè il fatto che l’uno non può stare senza l’altro.

La sintesi ci fa cogliere l’aspetto positivo di questa contrapposizione, cioè il positivo che è nel negativo: vale a dire il fatto che quella manchevolezza è la molla che spinge oltre l’opposizione dei due momenti contrapposti ( innocenza/male) e ci permette di cogliere la loro conciliazione o mediazione. Questo momento, che Hegel definisce con il termine Aufhebung, superamento, è un togliere ( auf = via) e un conservare (heben = tenere) al tempo stesso: esso nega quanto di puramente negativo vi era nella precedente antinomia, ossia la mera contrapposizione dei primi due termini (ecco perché la sintesi è anche detta negazione della negazione) e conserva il loro aspetto positivo, ciò che fa andare avanti il reale e la storia .

Nel nostro esempio, la virtù o il bene è la negazione di ciò che di negativo vi era nell’antitesi (il male allo stato puro come opposto all’innocenza) e costituisce la conservazione, il recupero della positività di quell’opposizione ad un livello più alto.

Nega, pertanto, il male in quanto pura negazione dell’innocenza, ma conserva la positività di questa opposizione, cioè il fatto che questa possa aver insegnato ad una persona cosa ha sbagliato e cosa deve dunque rifiutare della sua esperienza e cosa invece va salvato di essa perché lo ha aiutato a crescere.

Il superamento toglie il male opposto all’innocenza e conserva la sua funzione di averci restituito un’innocenza consapevole, perché è passata attraverso l’esperienza dolorosa, ma necessaria del male.

Quindi bene/male, pace/guerra, bianco/nero, non sono momenti puramente contrapposti: la vera pace è solo quella che attraversa il passaggio drammatico e terribile, ma necessario di opposizione e di superamento della guerra.

La terza tappa opera una conciliazione o mediazione tra tesi e antitesi e consente uno sviluppo della realtà, che si è liberata da ciò che ne ostacola il divenire e il progresso (ossia si libera del finito).

Per Hegel, dunque, la realtà è razionale proprio perché è contraddittoria e il compito della ragione è quello di superare tali contraddizioni, risolvendole ad un livello più alto, che saranno a loro volta punto di partenza per ulteriori contraddizioni, che dovranno essere superate, e così via all’infinito.

La sintesi in questo senso è una sorta di ritorno alla tesi, ma arricchita di tutto il processo dialettico di cui abbiamo parlato.

Quindi, la sintesi completa il circolo dialettico, che rappresenta il processo dell’Assoluto e dell’infinito nella sua pienezza più vera (contrapposto al cattivo infinito, simboleggiato dalla linea retta che non risolve mai l’antinomia che ne è alla base.)

Questa ultima parte, che segue, mi fa pensare fortemente alla successione degli Yuga raffigurata come ALBERO DELLA VITA

https://civiltascomparse.wordpress.com/2014/07/05/siamo-in-un-ciclo-senza-fine/

Un ulteriore esempio che possiamo fare è quello di seme / pianta / frutto: il seme è la semplicità e la purezza embrionale della vita vegetale, che deve essere negato in quanto tale dalla pianta, che da esso si sviluppa, determinando la morte del seme per poter nascere in quanto pianta. A sua volta, la vita e la riproduzione del frutto implica che sia negata anche la pianta in quanto tale, che corrompendosi assicura il ciclo riproduttivo del vegetale.

Entrambi, il seme e la pianta, vengono tolti dalla loro reciproca opposizione per lasciare posto al frutto (cioè devono morire in quanto tali) ma viene conservato il loro aspetto positivo, ossia il contributo che essi portano alla realizzazione del suo ciclo.

Immagine5

L’albero dell’umanità (o albero di Dio) [dai tempi più recenti a quelli più antichi]:L’età del ferro (l’età più cupa); L’età del rame (inizio dell’antichità e dell’inferno, apparizione delle religioni); [la fine dell’] età d’argento (la fine del Paradiso); L’età dell’oro; Il Seme dell’albero della vita = Dio, la sorgente; L”era del diamante, dove l’inizio e la fine coincidono.