Vi racconto la mia vita – parte 2 – L’ adolescenza

26 05 2019

180FDDE6-24F4-4033-8521-699C76D4793B

CHI ERO: Un “creatore di mondi” fin dall’ inizio e un “escapista” immerso nella fantasia. Non potevo stare da solo nemmeno per un momento quando non ero con la mente nel mio mondo. Se non creavo storie, le leggevo, e i fumetti di Topolino e i libri di Animorphs e Piccoli Brividi erano la mia vita. Altre cose che leggevo erano le enciclopedie, comprese quelle di animali. Sono sempre stato un osservatore meditativo, alle prese con “fenomeni curiosi ed enigmatici” che in realtà facevano parte delle esperienze di vita di tutti i giorni, per gli altri. Ero molto legato a mio fratello, che coinvolgevo nella mia attività creativo – simulatoria, ma facevamo anche delle azzuffate memorabili. Ad un certo punto ho cominciato ad avere la necessità di tenere sempre qualcosa in mano da manipolare, come quel personaggio dei Peanuts con la sua copertina. Ho mangiato verdure solamente alla mensa scolastica, e in seguito non ne ho più mangiate, preferendo carne e pesce. La mia dieta è sempre stata ristretta e selettiva, e non ho mai avuto il gusto di mangiare, vivendo pranzi e cene come brevi momenti di transizione fra un’ avventura mentale e l’ altra.   

COSA E’ CAMBIATO: Da “creatore di mondi” in questa fase della mia vita sono diventato scrittore occasionale, e la mia fantasia è ancora attiva. Ho imparato a passare molto tempo da solo, diventando uno di quelli che escono da soli senza programmi per il pomeriggio. Le mie letture si sono concentrate sui libri di testo scolastici. Il legame con mio fratello si affievolisce sempre di più in questa fase. La mia giornata comincia al mattino prestissimo. Frequentando l’ oratorio e la parrocchia locale, continuo a credere in Dio.  

Visualizza immagine di origine

Nel 2003  sono andato ancora in gita in montagna con la classe, potevamo fare sci di fondo e anche delle discese, ma io soffrivo davvero troppo il freddo, però un po’ di ricordi nell’ usare lo sci ce le ho ancora. In stanza in albergo sono stato messo ovviamente con il compagno di classe che mi sopportava poco, che ha reagito male, anche se io ero per lo più indifferente e non capivo tutto questo suo disagio. Una notte l’ ho passata anche nella stanza con l’ ex amico della sfuriata e non è successo niente. A quanto pare frequentavo ancora il corso di nuoto.  Per il compleanno ho organizzato una festicciola in soffitta, ho invitato il mio amico storico, una mia amica stretta e due sue amiche. Per l’ occasione mi sono dichiarato a lei ed è cominciata una storia più o meno platonica che sarebbe durata anni. Per qualche tempo ripetemmo questi incontri a casa mia, ma poi tutto sfumò.  Papà in giugno è stato a Barcellona. Guardavo ancora i Digimon alla televisione. Quell’ anno divenni amico con la figlia di un collega di mia madre, e sono anche venuti a trovarci al mare d’ estate. In aprile sono stato ancora in gita con l’ altra scuola. Per Pasqua siamo andati in Corsica, in una casa prestata per l’ occasione. Mio fratello ha fatto il saggio di pianoforte. Io ho fatto uno spettacolo di classe a teatro sulla storia di Ulisse, ma ho sbagliato una parte e i miei compagni hanno avuto da ridire. Quell’ anno ho fatto la cresima, e sono venuti amici di famiglia per l’ occasione. Fu un’ estate caldissima, ma non me la ricordo così. Ad agosto morì una zia che viveva assieme ai miei nonni materni, e ho assistito al mio primo funerale. L’ ho presa malissimo. In autunno, papà è andato a Berlino. A fine ottobre ho fatto la cresima, e ci sono stati ospiti, invitati da noi. A fine scuola, in palestra, il mio amico storico ha avuto un incidente. La faccenda era piuttosto complicata, e sarebbe finita solo l’ anno dopo.

Nel 2004, Anche se guardavo ancora i Digimon, in primavera ho cominciato ad appassionarmi di una serie tv americana su una famiglia ( 7th Heaven ) che mi ha appassionato per 4 anni.  Il mio compleanno venne rovinato dalla varicella, che mi colpì il giorno prima, e mi mise a letto per 15 giorni. In quell’ anno scambiavo continui messaggi con la mia amica platonica, ed eravamo vicini di banco. Ogni tanto ci scrivevamo sul banco mentre la prof. spiegava. Nell’ ultimo mese delle medie ho cominciato a fare più amicizia con il mio “rivale”. L’ ultimo giorno siamo andati ai giardini pubblici e abbiamo giocato al gioco della bottiglia, credo anche in classe. Io e il mio amico storico non saremmo più stati in classe assieme da ora in poi. In aprile sono stato ancora in gita con l’ altra scuola. Credo che siamo andati a Bruxelles e in Olanda. Abbiamo anche visitato una scuola lì. In autunno il mio amico storico ha concluso la sua vicenda di salute con una operazione chirurgica, e sono andato a trovarlo all’ ospedale.

Visualizza immagine di origine

A settembre cambiò tutto. Ho conosciuto una nuova amica, che si è introdotta a me facendo finta di parlare inglese, lol. In autunno ero molto impressionato da lei, e lei era amica stretta della mia amica platonica, e a me piaceva anche lei. Ma lei mi disse di no perché stava con un altro. Conobbi anche fin dal primo giorno di Liceo Classico un altro amico importante, anche se ogni tanto discutevamo spesso. Per i primi mesi ero stato soprannominato “il silenzioso”. I cambiamenti non erano il mio forte. Con me in classe di persone conosciute c’ era solo una ragazza delle medie e una mia “amica” dei vecchi tempi delle elementari. Nell’ intervallo curiosamente andavo spesso a trovare due ragazzi dell’ ultimo anno, che erano vicini a noi di classe. Inoltre cominciai ad avere lezioni private a casa di Latino e Greco, l’ inizio di una Era di lezioni private di qualunque cosa. Fortunatamente la mia insegnante privata era come una grande sorella per me.

Visualizza immagine di origine

Nel 2005  in primavera morì mia nonna materna, ma non partecipai al funerale, come anche mio fratello, per motivi scolastici (una scelta discutibile …). Avevo due migliori amiche, ma con l’ altra nuova c’ erano solo conversazioni al telefono e messaggi. Avevamo provato a uscire con le sue amiche, ma io non ero ancora pronto ad affrontare uscite con gli amici. Sono maturato tardi, e ancora adesso credo di essere abbastanza per i fatti miei dal punto di vista della “maturità”. La prima uscita con i compagni di classe venne inaugurata con un film horror (per la mia felicità …) da adolescente non avevo quasi mai tempo di uscire con gli amici, ero troppo impegnato con la scuola. Con la mia amica platonica, invece, questo fu l’ anno più intimo. Andavo spesso a passare i pomeriggi a casa sua. Giocavamo anche a scacchi, e flirtavamo, ma niente di serio. Siamo – sempre – stati soli a casa sua, ma io non ero un approfittatore, tutt’ altro, ero ancora ingenuo e intimidito, se fossi stato una persona diversa chissà cosa sarebbe potuto succedere. Di certo non avvenne quel che di solito avviene nelle serie tv. Credo che lei fosse terribilmente irritata dalle mie esitazioni. Un primo litigio avvenne in prossimità del suo compleanno. Ma facemmo pace giusto in tempo. Quel giorno ci dicemmo che ci amavamo per la prima volta. Ma a maggio abbiamo avuto un acceso litigio al telefono fisso, alla quale ha assistito indirettamente anche l’ altra mia e sua amica, via cellulare. Cose che succedevano nel 2005, suppongo. Ci siamo “lasciati”, ma poi facemmo ancora pace, ma ci volle molto tempo. In estate trovai una nuova amica di cellulare, che poi sarebbe entrata a far parte della mia classe. Parlavamo spesso, anche se delle volte tendeva a ignorarmi. In pochi si fidavano di lei. Nell’ intervallo andavo spesso a trovare i miei due amici grandi dell’ ultimo anno, e passavo poco tempo con i miei compagni. Osservavo spesso gli studenti più grandi della scuola, quando potevo. Conobbi anche due fratelli albanesi con i quali strinsi una amicizia per anni. In classe, in sala conferenze, ci hanno fatto vedere il funerale del Papa. Un’ altra mia amica di una altra classe si trasferì al sud in autunno. Avevo poi anche trovato una altra amica di cellulare. La mia amica dell’ anno scorso andava allo Scientifico come il mio amico storico. I due edifici erano collegati, ma ci incontrammo lì in rarissime occasioni. Inoltre, da quest’ anno, per una “casualità” durante i miei giri in libreria, comincio ad appassionarmi all’ astrologia, dapprima superficialmente, ma poi, una volta compresa la versione professionale, questa passione non mi ha mai più lasciato.

Visualizza immagine di origine

Nel 2006 * in gennaio partecipai ad una festa doppia di compleanno fuori città, e il mio migliore amico mi raccomandava di non azzardarmi a bere alcolici, ma poteva stare tranquillo, perché ero letteralmente un puritano all’ epoca. Quella festa mi rimase molto impressa. Ci fu un compagno che si fece tutte le ragazze, e io osservavo con invidia. Io facevo da tappezzeria e lui era il più spigliato della classe. A gennaio inoltre, cominciai a scrivere una fan fiction degli Animorphs di 70 pagine a mano, che poi a marzo presentai in classe, all’ attenzione soprattutto della mia professoressa di Italiano, che volle leggerla a casa sua e darmi dei consigli. In autunno abbiamo partecipato al matrimonio della mia babysitter da bambino. L’ Italia vinse i mondiali a luglio. Andammo in strada a festeggiare. Demolimmo la Fiat Tipo in luglio, cosa che presi malissimo, ma era ormai alla fine dei suoi giorni. In aprile, il giorno prima del tredicesimo compleanno di mio fratello, per ironia ( se leggete 2003 capirete ), io e la mia amica “platonica” ci siamo lasciati definitivamente, e quando tentai di andare a parlarle, sua madre mi guardò male dalla finestra di casa. Non andai più a casa sua. Sinceramente, però, ricordo molto meglio il litigio del 2005. Ci tenemmo ancora in contatto per un po’, poi sfumò tutto. Conobbi una amica di penna sul forum dedicato alla serie tv americana. Curiosamente aprii all’ epoca un sito dedicato assieme ad una misteriosa amica di Malta, ( una di tre gemelle ) e durò per molto tempo. A giugno partecipai come animatore al mio primo grest dell’ oratorio. C’ erano anche i miei due amici albanesi, e un amico con cui sono in contatto ancora adesso. In autunno la mia amica di infanzia che era mia compagna di classe ebbe un incidente d’ auto. Per un periodo molto breve divenne più gentile con me, perché mio padre aveva aiutato lei e le sue amiche durante la terapia successiva all’ evento.

Visualizza immagine di origine

*E’ stato a partire da quest’ anno, che durante i miei giri in bicicletta meditativi, da solo, ho cominciato a fare giochi mentali di “channeling” cercando di evocare un’ altra personalità da sovrapporre alla mia, senza alcuna influenza sulla realtà dei fatti. Ho sempre voluto essere una persona diversa da come sono veramente.

Del 2007 a dire il vero ricordo poco rispetto agli altri anni. I primi cinque mesi saranno stati così abitudinari che li ho dimenticati completamente. Quell’ anno al grest conobbi il mio primo “pseudofratello”  , un bambino di 10 anni che si era affezionato a me, e che sarebbe presto entrato nella storia della mia vita. In autunno divenni aiutante nella sua classe di catechismo, dove c’ era anche la sua migliore amica, e anche questa sarebbe diventata brevemente parte della mia vita. Dopo le lezioni lo accompagnavo a casa.

Quell’ anno scrissi un altro libro, abbastanza rudimentale. Ricordo pochissimo i primi mesi a scuola, invece in autunno mi ricordo che ebbi il primo dei miei ricorrenti attacchi di panico, e mi misero sdraiato in corridoio. Il mio migliore amico venne ad aiutarmi ai servizi della scuola, cosa straordinaria, perché io ero conosciuto per essere l’ unico della scuola a non usare i bagni, cosa che provocava qualche sussurro in classe. Quindi , quando chiesi per la prima volta in assoluto di andare ai servizi, e non scherzo, era la prima volta che ci entravo, il mio amico mi seguì a breve.

Presentai anche il mio nuovo “libro” in classe, ma il più spigliato della classe mi disse che l’ inizio del racconto non aveva senso. A dicembre, io, mio fratello, mia madre e la sua migliore amica, siamo andati in comitiva in viaggio a New York. Fu una esperienza memorabile, siamo stati dentro all’ Empire St. Building, ad una partita di basket, e abbiamo visto l’ albero di natale gigante e la pista di pattinaggio.

Mia madre ha tentato di farmi mettere l’ apparecchio, ma io soffrivo , non lo tolleravo, e quindi me lo feci togliere. Io respiro con la bocca e quell’ affare mi faceva respirare male. Questo fu anche l’ anno in cui cominciai ad interessarmi all’ onirica, ai sogni, quello più memorabile fu quello dove sognai una bambina bionda, Giulia, che nasceva in estate, un sogno dove eravamo al mare al sud, e c’ erano stranamente anche i miei nonni materni.

In autunno, inoltre, partecipai ad un ritiro spirituale assieme allo staff dell’ oratorio e al mio amico storico, con la quale condivisi la stanza di albergo. In classe ero un tipo abbastanza strano e silenzioso, la classe nei primi anni era ossessionata con il mio criptico diario, dove scrivevo frasi italiane in caratteri russi, perché in questi anni ero appassionato di lingue straniere e me le studiavo da solo. Per esempio quest’ anno imparai l’ olandese. Loro credevano che io scrivessi in russo, ma erano tutte frasi italiane, solo scritte con caratteri diversi. Era il mio codice segreto. Credo di non aver mai smesso veramente di scrivere. Quest’ anno catalizzai l’ attenzione di un forum online con le mie biografie ( decine ) di personaggi di Tekken.

Visualizza immagine di origine

Il 2008 fu un anno molto complicato e tortuoso per me. In gennaio rimasi molto impressionato dalla morte di Brad Renfro, un attore di 25 anni, e all’ epoca usavo il computer fisso in camera da letto, che usavo per giocare ai Sims, e vidi il film più commovente di sempre, The Cure, che mi distrusse. Nel film c’ era anche l’ attore morto.

Quest’ anno incominciai lezioni private di matematica per prendere la sufficienza, da tre insegnanti diversi. Uno di questi aveva praticamente un business con la sala d’ attesa in casa. All’ epoca c’ era ancora il carnevale in città, e andai in giro con il mio amico storico e un nostro amico in comune. A marzo divenni maggiorenne, ma fui l’ unico della classe a non fare la patente.

Quella primavera ero alle prese con una serie di attacchi di panico accompagnati da intensa fotofobia. La fotofobia mi rimane ancora adesso, ma meno intensa, mentre all’ epoca avevo attacchi di panico in continuazione, dal dentista ebbi una sorta di attacco epilettico cosciente, poi dal barbiere, e anche a casa da solo dove venni soccorso dai vicini di casa per tachicardia, poi venne a soccorrermi anche mio padre. Parte di questi attacchi era connessa alle difficoltà scolastiche. In autunno mia madre e io cominciammo ad andare una volta al mese da uno psicologo.

Provai ancora a mettere l’ apparecchio, ma anche questa volta non funzionò. A marzo, quando incontrai ai giardini pubblici il mio “pseudofratello”, conobbi anche un ragazzino che l’ anno dopo sarebbe entrato a far parte di una mia mistica misteriosa saga onirica mai spiegata. Ritrovai lo stesso ragazzino in compagnia dei miei due amici albanesi.

Cominciai poi ad appassionarmi di cinema, in particolare dei film di River Phoenix. All’ epoca ero in contatto con due ragazze che erano parte di una famiglia di 6 gemelli in Indiana. I gemelli mi ossessionavano a quei tempi, e loro erano unici, più o meno. Usavamo messenger, ragazzi, messenger hahaha, che tempi. Entrai nel social network facebook verso la fine dell’ anno. Continuavano i miei sogni sulle persone più impensabili.

Il mio “pseudofratello” con gli altri diceva che ero veramente suo fratello. Io lo accompagnavo a casa dopo la lezione di oratorio e giocavo con lui a pallone, e gli regalai anche il mio gameboy con i giochi dei Pokemon, e un videogioco della play. Siamo anche andati ad un parco acquatico con l’ oratorio.

Quella primavera, inoltre, terminai le mie terapie per la schiena, mensili, a Vigevano. Per la prima volta dovetti fare i recuperi estivi. Ma ai centri estivi ebbi una discussione con una delle animatrici, e quel giorno me ne andai dall’ oratorio sbattendo il cancello e interrompendo il mio lavoro, poi venni chiamato per parlare con il parroco. Io e il mio “pseudofratello” usavamo la webcam per comunicare, e mi ricordo anche che una volta io, lui e la sua amica giocammo a palle di neve davanti all’ oratorio, e vennero anche una volta a vedere casa mia, in quella occasione. In autunno i miei compagni di classe ebbero la bizzarra idea di candidarmi e farmi vincere il posto di rappresentante di classe ( io mi ero pure dimenticato del giorno della votazione, fate voi), ma non funzionò “per svegliarmi”. La ragazza mia collega era più brava. Le mie compagne di classe erano molto contrariate dalla mia vittoria.

Visualizza immagine di origine

Nel 2009, a maggio la mia classe e io partecipammo ad una festicciola a casa di una professoressa. Fu l’ anno dei miei esami di maturità. Iniziarono il giorno che morì Michael Jackson, in quella che divenne l’ estate del soundtrack Jackson.

E’ anche l’ estate della Timewave e di Terence Mckenna. Mi ricordo qualcosa di remoto a proposito di quella teoria di come i miei compagni avevano scoperto questa mia passione, durante gli ultimi giorni, e mi prendevano in giro.

Conobbi altri amici di penna stranieri, una delle quali l’ avevo sognata esattamente come era in foto l’ anno prima, e finì una amicizia al femminile, quando lei mi diede buca al cinema. Smettemmo di tenerci in contatto da allora.

In gennaio scrissi un copione in inglese, ispirato a The Cure, e provai a partecipare ad un “concorso” indetto da un tizio su fb, ma non penso che fosse reale … non importa, il testo era pieno di errori. Gliel’ ho mandato nel 2009, e credo non se ne sia fatto niente.

Festeggiai il carnevale all’ oratorio assieme al mio amico storico e altre persone. All’ oratorio spesso passavo il tempo di “intervallo” nella sala giochi con l’ amica del mio “pseudofratello” . Una volta accompagnai anche lei e la sua amica allo skatepark, e mi fecero provare lo skateboard, ma lo feci volare contro un palazzo… Quell’ anno approfondii l’ amicizia con i fratelli albanesi e conobbi meglio i loro genitori e la nonna. Una volta, per un compleanno, mi invitarono anche a cena, e in autunno diedi loro lezioni private per aiutarli con la scuola.

Fu una primavera tempestosa, perché io e la mia amica delle elementari che fu gentile e carina con me 3 anni prima ( per un progetto di classe andai anche a casa sua, e per un poco siamo stati soli … a me piaceva moltissimo ma non successe niente ) ci siamo incastrati in un conflitto di interessi legato in parte al mio “stato di privilegiato” in classe, punto di vista che non condividevo. Lei finì per bloccarmi, e oh, mi tiene bloccato ancora adesso nel 2018. Lei in classe mi stuzzicava spesso, e siamo diventati i protagonisti dell’ high school drama show della classe. Io mi ero innamorato follemente di lei. Per la fine della scuola e dell’ ultimo anno delle superiori, le scrissi una lettera e gliela inserii nella buca della posta a casa sua. Il giorno dopo mi salutò all’ ingresso e mi sorrise durante una verifica, voltandosi verso di me. Poi l’ ultimo giorno non si presentò. Entrai che i miei compagni si stavano passando quella lettera e molti si sono complimentati con me per quanto era bello quello che avevo scritto. Durante le nostre famose discussioni dell’ intervallo i maschi mi dicevano di reagire, e la prendevano in giro. Le ragazze mi dicevano di diffidare di lei. Io ne rimasi molto imbarazzato e scosso. Ancora una volta un ultimo giorno di scuola rovinato. Passai spesso nei pressi di casa sua per tentare di parlare con lei nelle settimane successive, ma lei mi guardò con uno sguardo minaccioso all’ ingresso di casa sua e non ebbi il coraggio di parlarle.

Inoltre una altra mia “migliore” amica finse di essere malata e mandò messaggi ai compagni, fra cui me, fingendo un tumore, per assentarsi a scuola… ma io scoprii l’ inganno solo l’ anno dopo.

Per il mio compleanno mi feci lasciare una sala libera all’ oratorio, e invitai il mio amico storico, un altro nostro amico, i fratelli albanesi, il mio ” pseudofratello ” e la sua amica e ci divertimmo assai. Fu il migliore compleanno della mia vita. Passai il Natale con entrambi i nonni, la paterna e il materno.

_________________________________________________________________________________________

In autunno, a ottobre, avvenne un cambio di Era nella mia vita. Cominciai l’ università di lingue straniere in un’ altra città, e lo stesso giorno, nella mia città, conobbi due nuovi amici che volevano conoscermi, mentre giravo da solo in bici. Anche loro erano sulla bici, ma siccome avevano diversi anni in meno di me ( 5 o 6 se non sbaglio ) all’ inizio mi rifiutai di associarmi a loro e gli diedi persino un numero di telefono falso. Ma loro insistettero e trovando ridicolo nascondermi in casa per farli andare via, decisi di arrendermi e fare amicizia con loro. All’ università feci amicizia con due amiche albanesi, e un ragazzo di colore alto 2 metri , dalla Costa d’ Avorio. Inoltre in autunno cominciò la mia saga onirica misteriosa che catalizzò la mia attenzione per anni.

E questo è stato l’ ultimo anno di quella che ormai considero come “la mia prima vita”, completamente separata da tutto quello che riguarda la seconda.

Annunci




I temi dei miei progetti di scrittura

2 03 2019

Visualizza immagine di origine

In questo articolo vi parlerò delle tematiche chiave dei miei attuali progetti di scrittura, nella speranza, un giorno, di riuscire a farsi pubblicare qualcosa.

Visualizza immagine di origine

P. S. Nei link la punteggiatura dei racconti è in fase di aggiustamento, ed eventuali errori nella disposizione del testo derivano dall’ imperfetta trasposizione del testo dalle pagine di Word. Per adesso concentratevi sulla lettura, la fase degli aggiustamenti tecnici verrà a suo tempo.

Ho dedicato ( una tradizione ormai ) il Natale ad arricchire la mia collezione di libri di Stephen King e a leggere la biografia dell’ autore, nel quale in certi aspetti mi sono ritrovato, mentre sotto altri aspetti abbiamo vissuto in atmosfere completamente diverse.

Mi sono reso conto che sono arrivato al punto in cui era arrivato lui, giusto prima di debuttare, “quando il tempo scarseggiava, la scrittura era faticosa, l’ energia era poca, e il futuro inquietante. ” Chissà, forse non è un caso.

Scrivo perché mi fa bene, perché sento che mi appartiene, mentre cerco di tenere a bada le mie paure dormienti. Le mie paure più grandi sono la morte, il caso, e l’ eventualità dell’ assenza di qualcosa dopo la morte. Pur avendo fatto abbastanza ricerche affini agli argomenti trattati in questo blog, che archiviano il caso come un’ eventualità impossibile e inesistente, è ancora insita in me la grande paura che in un qualsiasi giorno tutto possa cambiare. Credo che la morte a 59 anni di mio nonno mio omonimo quando avevo 3 mesi in un incidente d’ auto mi pesi in un angolino della mente più di quanto vorrei ammettere. Una volta credevo che in tutti ci fosse qualcosa di buono, ora credo invece che in tutti ci sia uno spiritello maligno che ogni tanto decide di combinare qualcosa. Non so se il mio destino comprende anche diventare un buon scrittore. Però so che la scrittura e la lettura sono presenti da sempre nella mia vita. Stephen King è stato segnato dal ritrovamento dei racconti e delle riviste di suo padre, scrittore di racconti mai pubblicati, all’ età di 10 anni, più o meno alla stessa età di quando io scoprii una collezione di Dylan Dog appartenente a mio zio nella casa di mia nonna paterna, una collezione che mi attirava e mi respingeva allo stesso tempo.

Del resto la cruda violenza la potevo leggere anche nella saga degli Animorphs che ha nutrito la mia infanzia con 64 libri di una saga per me indimenticabile con i personaggi più realistici e vivi che abbia mai trovato. Per non parlare della mia passione per i Goosebumps o Piccoli Brividi che amavo collezionare da bambino.

Stephen King ha visto l’ amichetto di 4 anni venire investito da un treno, e io sono passato affianco a un mio compagno di classe per 8 anni che conoscevo appena poche ore prima che morisse in un incidente d’ auto.

Volevo vedere qualcosa di mio nella storia di vita di Mckenna e voglio vedere qualcosa di mio nella storia di vita di Stephen King, anche solo il piccolissimo fatto in qualche modo significativo per me che lui è nato nel giorno in cui festeggio l’ onomastico, che io vivo come un – mezzo compleanno – perché sta a sei mesi dal mio compleanno.

Spero di non produrre storie che diano vita a film dell’ orrore che non riuscirei a guardare. Mi piacciono i libri dell’ orrore ma NON i film. Ironico detto da uno che ha invitato l’ amichetto a guardare un film fantascienza –  horror – splatter, niente di meno che Starship Troopers, in età elementare per poi farlo vomitare! Non so con quale stomaco guardavo certi film all’ età di 10 anni.

Ho sempre avuto una certa attitudine a cercare di entrare ed esplorare la mentalità altrui, in particolare quella degli antagonisti della vita. Per esempio nel breve e incompleto progetto del 2014 de “ Ieri il bullo ero io “ capovolgo la situazione, e inserisco la ” vittima di bullismo ” nel corpo del suo persecutore, e dimostro che la vittima in realtà è un personaggio senza scrupoli che si approfitta della situazione, ha un cuore oscuro, e si accanisce persino con sé stesso, inconsapevole che il suo corpo ospita ora la mente del suo bullo, che è vittima delle sue sfortunate e tragiche circostanze di vita, e non riesce ad adattarsi alla sua nuova collocazione nella piramide sociale. https://raccontidefcon.wordpress.com/leggi-11-pagine-di-ieri-il-bullo-ero-io-2014/

Anche la tematica della vendetta è presente in alcuni miei racconti, per esempio in ” Gli angeli sterminatori “ anche se ho una certa tendenza a inserire violenza gratuita, un particolare che probabilmente dovrò modificare per non rendere il tutto troppo gore. Questo racconto in particolare è praticamente uno splatter. https://raccontidefcon.wordpress.com/leggi-gli-angeli-sterminatori-incompleto-2017/

La differenza fra me e Stephen King è che io tendo a vedere la donna e la ragazza come antagonista piuttosto che santerellina, un po’ come viene mostrato in Carrie, un po’ per le mie esperienze personali, un po’ come ispirazione da altre storie, per esempio da Rachel e Taylor di Animorphs. Nel mio romanzo in modalità lavori in corso ” Discordia “, una donna è la antagonista principale, come anche in ” Esme, rossa e diabolica “. E a differenza di Stephen King, io sono un antifemminista, e del politically correct non me ne frega niente. Tendo spesso a mettermi in correlazione con Stephen King, e posso dirvi che a differenza delle sue storie che attingono quasi sempre dal paranormale e situazioni un po’ troppo cinematografiche, io cercherò il più possibile di restare sul realistico e sul fattibile, anche se nel mio romanzo in formazione “Psychosis”  faccio una eccezione alla regola.

Visualizza immagine di origine Visualizza immagine di origine

I miei personaggi vivono situazioni traumatiche e le conseguenze, come in ” La missione di Dennis ”  dove il protagonista si porta dietro una immagine traumatica che all’ improvviso si materializza, e questa storia prende vaga ispirazione dalle vicende di Captain Spirit di Life is Strange 2. Questo potenziale romanzo, del quale finora è stata realizzata solo la trama, potrebbe essere il corrispettivo di Shining di King, a causa delle atmosfere invernali e della tematica del padre alcolizzato. A dire il vero anche qui ci sarebbe del paranormale, ma potrebbe anche trattarsi di un semplice scherzo del cervello o un temporaneo fenomeno di dissociazione dalla realtà, a fin di bene …

Sarà molto sentita anche la tematica della tentazione, poiché molti miei personaggi vedono emergere il proprio lato oscuro, o vengono manipolati dagli antagonisti allo scopo di cadere in atti di violenza e distruzione, come è il caso di    ” Alleviamo un killer “ , dove un ragazzino viene manipolato a compiere riti di iniziazione che diventano sempre più violenti, da un gruppo di ventenni senza limiti.

Visualizza immagine di origine

  ” Esme, rossa e diabolica “ sarà il corrispettivo di Christine di Stephen King, ma invece di essere ammaliato e posseduto dall’ automobile, il protagonista verrà manipolato e persuaso dalla sua fidanzata.

P. S. se vi devo dire la verità, a volte sospetto che la mia tendenza a vedere nella femmina una antagonista potrebbe derivare da un mio periodo di depressione infantile, e pensieri negativi, cominciati più o meno in concomitanza con il duplice omicidio perpetrato da Erika nel 2001. Avevo undici anni ed era una storia importante all’ epoca. Ho persino inserito una scena che richiama quell’ evento, dopo aver letto esattamente come è avvenuto il fatto ( per mia sfortuna ) in ” La Morte nasce a tredici anni ”   dove l’ antagonista principale lamenta dolore dal morso del bambino che ha pugnalato a morte. Sappiate che quando leggerete quella scena, l’ immagine che voglio evocare è quella del bambino ucciso da Erika e dal suo compagno.

Visualizza immagine di origine Visualizza immagine di origine

” Psychosis ” è invece il corrispettivo di IT di Stephen King, ma senza il clown, rimpiazzato da un serial killer, e con l’ aggiunta di uno ” scienziato pazzo “, un romanzo del quale ho già scritto 12 capitoli, e che sarà ambientato nella mia città, romanzata per l’ occasione. In questo romanzo c’è la tematica della trasformazione dal bene al male, del bullismo, delle indagini su assassinii, un aggancio alla tematica LGBT, esperienze di povertà e famiglie disastrate, la forza dell’ amicizia, una antagonista isterica femminile, e ci saranno molti allacci alla saga degli Animorphs, protagonista della mia infanzia. https://psychosisromanzoonline.wordpress.com/

Copy of Cutting Edge Magazine Cover - Made with PosterMyWall (3)

Ho già in mente la trama di un corrispettivo alla rovescia di ” Misery ” di Stephen King. Il titolo è ” Ghostwriter “  e l’ antagonista è uno scrittore che si accanisce sul suo fan numero 1 per costringerlo a scrivere un manoscritto al posto suo, minacciandolo di ordinare ai suoi ” amici immaginari “, i suoi mostri dell’ orrore che si rivelano reali, di assalirlo, qualora decidesse di rifiutarsi o tentare di fuggire.   

Visualizza immagine di origine

Un vago allaccio a ” La metà oscura ” di Stephen King si trova nel mio racconto breve completato, fra i miei preferiti ” Dark Sosia: due gemelli lontani e un doppelganger sociopatico ”  , un intreccio fra gemelli, con un solo innocente fra un quattro. Con un finale scioccante e memorabile. Che cosa faresti se, una volta giunto nella tua nuova città, dopo un trasferimento, scoprissi che lì vive un tuo sosia sociopatico che crede che tu sia il suo ” gemello violento ” scappato di casa tempo fa? E che cosa penseresti se tu fossi a conoscenza del tuo gemello rapito alla nascita? https://raccontidefcon.wordpress.com/leggi-dark-sosia-due-gemelli-lontani-e-un-doppleganger-sociopatico/

Visualizza immagine di origine

Visualizza immagine di origine

” Discordia ” è un romanzo che sto scrivendo, che è il corrispettivo di Cose Preziose di Stephen King, poiché anche a me piace dirigere storie con decine di personaggi e coinvolgere intere piccole città nelle mie storie. La differenza principale sta nel fatto che l’ antagonista è una donna che viene percepita da ognuno in maniera differente.

Copy of Dark Brushed Metal Background - Made with PosterMyWall (10)

Adesso sto leggendo ” Rose Madder ” che mi ha preso e procede molto bene, e chissà che non ne venga fuori ispirazione per una futura storia.

Una nuova trama che ho realizzato di recente è quella di ” Demoni ” , la storia di un uomo che vive una vita ai margini della vita di comunità, e che racconta ad un ragazzo adolescente che viene coinvolto nella sua vita, di avere la tendenza a uccidere le persone. La sua filosofia di vita è collegata ad un evento traumatico avvenuto nella sua infanzia, che lo ha convinto che ormai tutto è perduto e dentro di lui si annida il male. Sarà la furbizia e la perspicacia del ragazzo a fargli comprendere che ci deve essere una sconvolgente verità nascosta dietro a tutte le sue storie. Che cosa scoprirà? Potrebbe esserci una ” connessione alla rovescia ” con il Miglio Verde di King, anche se ne ho letto solo la trama.

Da giovane le mie storie preferite dei Piccoli Brividi erano quelle dei gemelli malvagi, dei sosia, ma anche quelle ” classiche ” dei campeggi maledetti, per questo ho realizzato un racconto in fase di svolgimento chiamato ” La setta in tenda ” , un campeggio estivo che si rivela invece essere il quartier generale di una setta oscura. https://raccontidefcon.wordpress.com/leggi-la-setta-in-tenda-il-campeggio-dei-sadici-incompleto-2017/

Risultato immagine per horror camp

Una vaga connessione a Blaze di King c’è nel mio racconto breve completato ”  Dylan & Alan: un ragazzino e un delinquente in fuga “ , una storia abbastanza soft per i miei standard. Adesso che ci penso, ci potrebbero essere anche vaghi richiami a ” Finders Keepers ” di King, sebbene non lo avevo ancora letto quando ho realizzato Dylan & Alan. https://raccontidefcon.wordpress.com/leggi-dylan-alan-un-delinquente-e-un-ragazzino-in-fuga/ 

Siccome il primo libro di Stephen King che ho letto è stato ” The Dome “, avevo realizzato nel 2015 un romanzo in formazione chiamato ” Interferenze ” con una vaga connessione alla Cupola, ma ho deciso di non continuarlo, e trasferire i suoi personaggi in altri racconti e romanzi, poiché hanno sicuramente del potenziale.

Leggendo la trama di ” Desperation ” di King, che non ho ancora letto, trovo correlazioni vaghe con la mia ex saga a episodi – ora romanzo in formazione            ” Entity ”  , nel quale ragazzi da tutto il mondo si ritrovano in una misteriosa città, manipolati da due voci, divisi in fazioni e messi l’ uno contro l’ altro. https://raccontidefcon.wordpress.com/leggi-entity-scelti-dalle-voci-2017/

new (6)

” Il buio dietro agli occhi ” è una storia ispirata al racconto ” A volte ritornano ” di Stephen King, con un allaccio ( sorprendentemente, per il terrore che mi ha provocato quel film ) a Funny Games. Narra la storia di un gruppo di studenti che prende in ostaggio la famiglia di un professore che sta indagando su una serie di omicidi. Uno di loro, recentemente coinvolto nella vita di questa famiglia, dovrà decidere da che parte stare. https://raccontidefcon.wordpress.com/leggi-il-buio-dietro-gli-occhi-incompleto-2018/

Visualizza immagine di origine

Un vago corrispettivo a ” I bambini del grano ” di King potrebbe trovarsi nel mio romanzo in formazione ” L’ ipnotista “, dove affronto il tema del ” bambino malvagio “, con qualche vago allaccio a ” The Killing of a sacred deer “. Il tema del bambino malvagio la ritroverete se realizzerò la narrazione della mia trama           ” Padre, figlio e oscurità “  , che narra di un bambino posseduto dal male in una specie di Frailty alla rovescia. E anche in ” Allevati a uccidere “ , dove un padre vedovo ha allevato i due figli maschio e femmina alla violenza.

efgrhtjy

Ho anche realizzato un racconto breve che è la versione oscura di ” Stand By Me ” il film del 1986 allacciato a ” Il corpo ” di Stephen King. Nel mio ” La Morte nasce a tredici anni ” , con notevoli allacci ad un poco noto film canadese “The Boys Club “, un gruppo di ragazzini deve affrontare un giovane novello assassino che ha nascosto il corpo di un bambino da lui assassinato. https://raccontidefcon.wordpress.com/leggi-la-morte-nasce-a-tredici-anni/

new (36)

Per allacciarmi ad ” Apt Pupil ” di Stephen King, avevo pensato ( e iniziato a scrivere ) ad un racconto ” La vittima e il burattinaio “, nel quale un giovane uomo spinto da una voce misteriosa e da sogni indicatori, a trovare una singola vittima da assassinare si imbatte in un vero serial killer adolescente e si ritrova costretto a fermare la sua catena di violenza, ma non mi piace la direzione che ha preso, e per adesso è in sospeso.

azurecoverminds

Di recente ho anche creato una serie di personaggi per una grande trama intrecciata ” Minds ” , ma probabilmente li riutilizzerò in futuri progetti. Alcuni di loro sono ispirati ai personaggi delle stagioni di Skins. Invece “Indovina chi uccide” si allaccia vagamente e alla rovescia con la serie di 13 Reasons Why, e si tratterò quindi di un thriller scolastico.

 

 





Animorphs e le sue storie dark che leggevamo da bambini – PARTE 1

5 02 2019

In questo articolo elencherò tutte le situazioni DARK e HORROR e SPLATTER che la fantastica saga degli Animorphs ci faceva leggere quando eravamo bambini, così che possiamo stupirci di come sia stato possibile creare una saga di questo genere diretta verso i ragazzini delle medie … e più avanti delle superiori …

Ovviamente, avendo letto la saga per intero, avviso subito: SPOILERS IN QUANTITA’!

LIBRO 1: In una delle prime scene il gruppo di ragazzini osserva da lontano l’ antagonista principale della saga che divora l’ alieno che ha donato loro la metamorfosi, VIVO, e sputa pezzi che finiscono direttamente nelle fauci di alieni simili a giganteschi millepiedi. Da lontano ascoltano il loro vicepreside ordinare a dei Controllers di ” portargli le loro teste “. Jake scopre che suo fratello è controllato da uno degli alieni antagonisti. Il gruppo scopre che il gruppo di attivisti che partecipano alla Comunità, in realtà sono umani controllati da alieni che cercano di reclutare ulteriori ospiti da schiavizzare. Il gruppo scopre che i nemici hanno costruito una vera e propria città sotterranea, e uno degli ingressi si trova nello sgabuzzino della loro scuola. Cassie rischia di essere immersa nella fanghiglia dove vivono le lumache aliene parassite, ma viene liberata dall’ intervento del gruppo, ed è costretta ad uccidere un Controller umano. Tobias non riesce a fuggire dalla città sotterranea e rimane intrappolato nel corpo di un falco per sempre. 

LIBRO 2: Questo libro è dedicato agli effetti e alle conseguenze di vivere assieme a due genitori schiavizzati dagli alieni. 

LIBRO 3: Tobias, intrappolato come falco, avverte gli istinti animali che lo spingono ad accoppiarsi con un falco femmina, e cerca di sopprimerli. Apprendiamo che rifiuta la carità degli amici, e che per sopravvivere deve mangiare le carcasse degli animali investiti dalle auto. Tobias in questo libro tenta di suicidarsi, ma non ci riesce. Il resto del gruppo rischia di affogare in una stiva di una astronave che è stata riempita di acqua, in stile Titanic.

LIBRO 5: Marco scopre che la madre che credeva morta da anni, in un incidente, è in realtà controllata dal capo dell’ invasione della Terra. Durante una missione, tre di loro arrivano vicinissimi ad essere cucinati in forma di aragoste da una casalinga, si trasformano davanti a lei, traumatizzandola, e convincendola in qualche modo che è tutto un sogno. Il gruppo prova la metamorfosi in formica e scopre che la loro individualità può spegnersi come un interruttore, e ne escono vivi a malapena, dopo essere stati coinvolti in una guerra fra formiche, a suon di smembramenti. 

LIBRO 6: Si scopre che gli alieni controllano un intero settore dell’ ospedale locale, e che il governatore è a rischio di essere catturato e infestato. Jake bollisce qualche centinaio di lumache aliene vive in una Jacuzzi, ma ci cade dentro e viene infestato, da uno Yeerk che si rivela essere l’ ex infestante del fratello. Il gruppo decide di legare Jake in una baracca per 3 giorni, e lo Yeerk muore di fame nella sua testa. 

LIBRO 7: Un addestratore di elefanti viene sconvolto dalle due ragazze trasformate, che gli fanno fare un bel volo. Mentre il gruppo è a pochi istanti dall’ essere ingoiati da uno dei millepiedi giganti, in metamorfosi da scarafaggi, una creatura semi – divina ferma il tempo e interviene a mò di Deus ex Machina, che chiede loro se vogliono essere trasferiti con le loro famiglie su un altro pianeta perchè tanto lui conosce il futuro e sa che tutti gli umani verranno infestati. Successivamente, si trasformano di nuovo in umani all’ interno della bocca del millepiedi gigante, che viene squartato, e un intero settore di infestati scopre chi sono ( ma poi perdono misteriosamente memoria dell’ evento ). L’ Ellimist, la creatura semi – divina, li trasporta nel futuro, dove possono confrontarsi con una Rachel che ha mangiato Tobias in forma di falco, assieme al resto del gruppo, e osservando un mondo completamente devastato. Cassie scopre con shock che gli Yeerk intendono sbarazzarsi di tutte le forme animali inutili e inefficaci. Il gruppo procede a distruggere il congegno che permette agli Yeerk di nutrirsi di raggi del loro sole artificiale, e un sacco di Yeerk cominciano a delirare nelle teste degli ospiti. 

LIBRO 8: Jake e Ax assistono inermi all’ uccisione di un loro insegnante, infestato da uno Yeerk delirante, in classe, dal vicepreside. L’ Andalita infestato dall’ antagonista della saga, uno dei leaders Yeerk, viene momentaneamente liberato dalla fuga del suo infestante, e chiede di essere ucciso, ma il gruppo si rifiuta di farlo. Il gruppo scopre che sono stati gli Andaliti a ” istruire ” gli Yeerk per pietà e a donare loro la tecnologia per viaggiare nello spazio. 

LIBRO 9: Il gruppo ha esperienza della gioia della vita quotidiana delle termiti, e di nuovo rischiano di essere trascinati in un ” mondo privo di individualità ” e Cassie l’ animalista è talmente disgustata che calpesta e uccide la termite regina, per poi sentirsi in colpa per il resto della vita. Cassie è così presa dal prendersi cura di un gruppo di puzzole orfane, che rischia di rimanere intrappolata per sempre nel corpo della loro madre rimasta uccisa, perchè si addormenta. 

LIBRO 10: Marco si trasforma in un ragno – lupo. Trovano un nuovo alleato, appartenente ad una specie di androidi ,creati da alieni estinti, che vivono sulla Terra e riescono a trovare un cristallo / supercomputer che cambia la personalità dell’ androide, permettendogli di fare una strage inimmaginabile di Controllers, tanto che persino Rachel la amazzone si mette a piangere disperata. Inoltre Marco ha dovuto essere salvato da un arresto cardiaco, e l’ androide riesce a riattaccare il braccio ad Ax. L’ androide informa loro che non ha più intenzione di compiere stragi, e il gruppo si sbarazza del congegno. 

LIBRO 11: Il gruppo si ritrova nel bel mezzo della giungla amazzonica, dove scampano ai piranha per un soffio, e Rachel è ricoperta da formiche nel sonno. In questo libro l’ intero gruppo viene stritolato dall’ antagonista, ma per qualche motivo che riguarda lo spazio – tempo, niente di ciò che hanno subito era reale …

LIBRO 12: In questo libro, Rachel riesce a salvare un bambino caduto in una zona dello zoo locale organizzata per i coccodrilli, e a causa di una reazione allergica non riesce più a controllarsi e si trasforma a ripetizione, e quando tocca all’ elefante, la sua casa viene distrutta, e lei e la sua famiglia sono costretti a vivere in un albergo per qualche settimana. Ax spiega a Rachel che è allergica ai coccodrilli, e ad un certo punto la sua sindrome farà in modo che il DNA del coccodrillo venga eiettato fuori dal suo corpo per generare una creatura incontrollabile. Un attorucolo da quattro soldi decide di sfuggire all’ invasione trasferendosi in Uzbekistan. 

LIBRO 13: Rachel e Tobias scoprono due ” rettiloidi alieni ” in fuga dalla base Yeerk, e il maschio, per dimostrare che non è infestato si apre la testa con gli artigli e mostra loro il suo cervello privo di Yeerk, e le sue ferite si rimarginano. Tobias rischia di essere mangiato da un procione, in forma di falco, e interviene l’ Ellimist. Tobias chiede che gli sia permesso di tornare umano, ma l’ Ellimist gli permette solo di riprendere a trasformarsi e lo manda indietro nel tempo, così che possa ” assimilare ” sè stesso, e trasformarsi in umano per 2 ore alla volta quando lo desidera. Tobias è furioso. 

LIBRO 14: In questo libro si apprende che gli Yeerk stanno provando a infestare anche alcuni animali, da qui la scena del cavallo che tenta di fare una telefonata … inoltre pare che l’ Area 51 possegga un gabinetto andalita. 

LIBRO 15: In questo libro gli Yeerk tentano di inserire un chip nel corpo degli squali per renderli più intelligenti e utili ai loro scopi, e il gruppo rischia di beccarsi il chip. Marco deve fingere davanti a sua madre – Capo dei controllers di essere uno di loro. 

LIBRO 16: ( Oddio, questo libro! ) Jake scopre che su Internet la gente comincia a parlare di alieni e di umani infestati, e vi sono comunità online che discutono di come comportarsi. In particolare c’è un bambino che chiede come comportarsi con il padre. Il gruppo per ottenere informazioni sul ” Sito della Resistenza ” si infiltra nel quartier generale della AOL, e incontrano il capo della Windows, una specie di Steve Jobs … che è il fondatore del sito. Costui in realtà è infestato da uno Yeerk psicotico che ha scoperto come sopravvivere senza raggi solari, ed in pratica si scopre che ogni 3 giorni costui cattura un essere umano per mangiarlo, assieme allo Yeerk che lo infesta. Usa quindi il sito per attirare le sue prossime vittime. Il gruppo decide di lasciarlo libero perchè si sbarazza degli Yeerk, ma nel frattempo lo rendono un senzatetto, bruciandogli la villa. MI SENTO MALE!

LIBRO 17: Il gruppo salva un aspirante suicida, che è infestato da uno Yeerk delirante, e che viene successivamente internato per via dei suoi ” attacchi di isteria “. Tramite lui, il gruppo scopre che il suo Yeerk è allergico ad un cibo che gli provoca una intossicazione che lo porta alla follia. Ovviamente decidono di versarlo nella ” vasca ” che contiene gli Yeerk. 

LIBRO 18: Il gruppo viene informato da Ax che durante la metamorfosi la loro massa corporea in eccesso viene materializzata in un settore dell’ universo, a disposizione delle astronavi che viaggiano alla velocità della luce e che potrebbero investire la loro massa in qualsiasi momento. Capitano su una astronave andalita, assieme ad un gruppo di combattenti che vengono traditi dal loro capo e la astronave esplode. Il gruppo comincia a spaventarsi, quando ad uno ad uno, cominciano a sparire misteriosamente. 

LIBRO 19: L’ animalista del gruppo, sconvolta dal fatto che ogni volta che entra in battaglia le capita di uccidere qualcuno, decide di rinunciare alla causa e abbandonare il gruppo. Cassie salva una bambina da un orso, ma scopre, mentre entrambe si perdono nella foresta, che essa è infestata, e che sa chi è lei. Il suo Yeerk fa parte di un gruppo che si oppone alla schiavizzazione altrui, e dopo una serie di eventi, Cassie decide di sacrificarsi per mantenere un patto con lei e si trasforma per sempre in un bruco, che poi diventa una farfalla, fino a quando Ax non si rende conto che Casssie per qualche misterioso motivo può trasformarsi ancora e tornare umana. 

CONTINUA       

   





Gli allacci di Life is Strange e Captain Spirit – Una indagine nello sviluppo dei videogiochi

12 07 2018

Visualizza immagine di origine

Life is Strange la Prima Serie è basata sulla trama di Twin Peaks ( la scomparsa di una ragazza ) anche Rachel è vincitrice di un concorso come la ragazza di Twin Peaks. L’ ossessione di catturare la perdita dell’ innocenza del killer e antagonista principale è simile alla storia dei BOB e gli altri spiriti della Loggia Nera di Twin Peaks, che devono tormentare le persone per creare … 

Visualizza immagine di origine

L’ icona del gioco è la farfalla, una allusione al Butterfly Effect. I personaggi della trilogia possono viaggiare nel tempo e creare realtà alternative. La storia ha moltissime correlazioni con quella di Life is Strange. 

Visualizza immagine di origine

Qui viene ripreso il tema di sacrificare una persona per salvare una città, e della tempesta a tornado.

  Visualizza immagine di origine

Le protagoniste di Life is Strange sono ispirate a quelle di Blue is the warmest color …e appare anche il tema della relazione LGBT.

Visualizza immagine di origine

Qui viene ripreso il tema della ricerca di una donna scomparsa, e l’ antagonista che usa le fotografie. Chloe è simile alla ragazza del poster, Lisbeth. L’ antagonista imprigiona e fotografa le sue vittime.

Visualizza immagine di origine Visualizza immagine di origine

Due personaggi hanno cognomi di due protagonisti di IT di King, e cioè ( Frank ) Bowers e ( Kate ) Marsh. Frank Bowers è uno spacciatore e antagonista, mentre Marsh è una ragazza timida, sensibile e bulleggiata.

 Visualizza immagine di origine

Il nome della protagonista, Max Caulfield, è un rimando a Holden Caulfield, protagonista di Catcher in the Rye di Salinger. Egli è uno studente in un’ accademia come Max ed è una icona della ribellione e malinconia adolescenziale.

 Visualizza immagine di origine

Il carattere di Chloe ricorda quello di Daria, cioè acerbo, sarcastico e misantropico. Entrambi i personaggi pensano che tutti possano mentire, senza eccezioni.

Visualizza immagine di origine

Il killer di Life is Strange è basato su Patrick Wilson di Hard Candy, un adescatore di ragazzine da fotografare.

I personaggi di Victoria Chase e Warren, la ragazza snob e il migliore amico di Max, sono ispirati a Cordelia e Xander della serie di Buffy.

_________________________________________________________________

36913587_10214890325524523_2965361956506042368_n

Ora decifriamo per intero il modo in cui è stato realizzato Captain Spirit e come sarà realizzato Life is Strange 2:

  • Chris Eriksen è un calciatore danese
  • Il ragazzino è una allusione a Christopher di Winnie the Pooh e Calvin di Calvin and Hobbes, con un poco di Oliver Twist nel miscuglio.

Visualizza immagine di origine

 Visualizza immagine di origine

Visualizza immagine di origine

Ma anche un investigatore privato da film noir, Tracer Bullet, un astronauta che combatte gli alieni, adora i dinosauri, soprattutto il tirannosauro ( Chris nel gioco ha un tirannosauro giocattolo ), si immedesima in animali, e da supereroe lotta per la giustizia e la verità.

La tigre Hobbes è più razionale e consapevole di lui, spesso lo assale di sorpresa, e Calvin deve spiegare l’ origine delle sue ammaccature ai genitori …un po’ come Chris, che tenta di spiegare alla vicina di casa i segni sul braccio.

Calvin aggiorna periodicamente il padre sul suo calo di popolarità …( il padre di Chris è un ex campione di basket che è appassionato di statistiche ) suggerendogli strategie per migliorare il suo status.

Abbiamo poi Susie Derkins, compagna di scuola e vicina di casa di Calvin …come Daniel Diaz è il vicino di casa di Chris. La loro relazione è una continua fonte di tensione, lei è machiavellica e dispettosa, e forse dietro c’è una attrazione mai affrontata e risolta.

Altri elementi sono ” i mostri sotto al letto “: Chris si fa delle fantasie sugli elettrodomestici e altri elementi del paesaggio, e li immagina come mostri oscuri da affrontare.

C’è anche la casa sull’ albero, con lo scatolone dei segreti, esattamente come in Captain Spirit. Calvin è appassionato di cucina, e anche Chris prova a preparare qualcosa per il padre.

I grotteschi pupazzi di neve, anche questo è presente in Captain Spirit. Calvin è apertamente avverso ai giochi di squadra, come Chris non va esattamente pazzo per il basket come il padre, ma è più portato per i fumetti e il disegno, come la madre.

Calvin teme il periodo natalizio ( la madre di Chris è stata uccisa il 16 dicembre ) perché teme di non essere abbastanza buono per ricevere regali.     

Chris in Captain Spirit possiede un orso peluche …una allusione a Winnie the Pooh di Christopher Robin.

Oliver Twist : qui abbiamo l’ allusione all’ alcolismo di Bill Sikes, scassinatore rude e alcolizzato, che rapisce Oliver e lo ingaggia per fare rapine.

Visualizza immagine di origine

Ci sono potenziali allusioni anche a Tom Sawyer, e all’ amicizia con Huckleberry Finn. Tom viene spesso bastonato dalla severa zia …e la madre è scomparsa. Huckleberry Finn è figlio di un vagabondo ubriacone, dorme all’ interno di una botte e vive di carità. E’ ammirato dai bambini, e temuto da tutti gli adulti, è un fannullone, senza legge, e volgare nel linguaggio. Huck sembra possedere la mentalità archetipica del perfetto innocente, in grado sempre di scoprire la cosa giusta da fare, nonostante la teologia prevalente e i radicati pregiudizi del Sud di quell’epoca. La zia di Tom, Polly, chiama il ragazzo “una povera cosa senza madre” ed Huck stesso confessa all’amico di ricordare la madre attraverso i litigi furibondi che aveva col marito, “Pap Finn”. Conduce una vita spensierata del tutto libera da norme e/o regole sociali, ruba angurie e polli quando ha fame e “prende in prestito” barche e sigari, quando ha voglia di farsi un viaggetto lungo il fiume o di fumare. * ( nel gioco, c’è la possibilità di far provare Chris a fumare, rubando dal padre, nella sua casa sull’ albero …) Grazie alla sua infanzia non convenzionale Huck non ha ricevuto quasi nessuna educazione, ma ad un certo punto viene adottato dalla vedova Douglas la quale lo manda a scuola per ringraziarlo d’averle salvato la vita. Huck e Jim allora, a bordo di una zattera costruita appositamente, cominciano a percorrere il grande fiume: nella speranza di trovare la libertà dalla schiavitù per Jim, la libertà dal padre violento per Huck. Al termine della loro grande avventura Jim guadagna la libertà dopo che Miss Watson muore lasciando un testamento in tal senso, mentre il padre di Huck è deceduto durante l’assenza del figlio. in Tom Sawyer, Detective aiuta l’amico a risolvere un misterioso caso di omicidio…

Huck è il miglior compagno d’avventure di Tom Sawyer; la loro amicizia è in parte radicata nello spirito affine dei due ragazzi e nella capacità di Tom di emulare il compagno, il suo sentimento di libertà e la capacità di far sempre quel che preferisce: Huck difatti fuma ogni volta che ne ha voglia, mentre Tom si vanta apertamente col maestro di esser arrivato in ritardo a scuola perché era impegnato a discutere con l’amico (anche se sapeva benissimo che ciò gli sarebbe valso una severa frustata). 

Jim, lo schiavo fuggiasco con cui fa amicizia Huck, è un’altra personalità dominante nella vita del ragazzo, quasi un simbolo del proprio risveglio morale.

Pap, il padre ubriacone e manesco, costringe ad un certo punto il figlio a tornar a vivere con lui; anche se superficialmente deride l’educazione ed il vivere civile acquisito col tempo da Huck, l’uomo sembra esser geloso del figlio per il suo esser riuscito a vivere in condizioni migliori delle proprie. Per liberarsi da questa invadente presenza genitoriale ad Huck non rimane da fare che fingere d’esser morto e scomparire dalla circolazione.

Inoltre pare che ci siano anche delle allusioni ad una versione maschile di Sailor Moon …Usagi è goffa, piagnucolona, ma anche ottimista e sempre allegra. È una ragazza dal cuore d’oro, che crede nell’amore e nei buoni sentimenti, e grazie a questa sua bontà d’animo riuscirà a salvare il mondo parecchie volte.la missione di trovare la sua principessa e le altre guerriere Sailor, inoltre il compito di proteggere il mondo dal Dark Kingdom. A salvarla in situazioni critiche, sin dall’inizio, è Tuxedo Kamen, un misterioso ragazzo di cui Sailor Moon si invaghisce. 

 

Capitan America (Maguire).jpg

Una altra potenziale allusione è a Capitan America. La sua spalla e compagno di avventure Bucky è ispirato a un giocatore di basket ( il padre di Chris è un ex campione di basket ) …Nel 1945 dopo la scomparsa del Capitan America originale e di Bucky, il presidente Harry S. Truman, per tenere alto il morale delle truppe americane, sceglie William Naslund, l’eroe noto come Spirito del ’76, * ( Captain Spirit! ) per diventare il nuovo Capitan America, affiancandolo al giovane Fred Davis, che veste i panni di Bucky II …

Visualizza immagine di origine

Durante la seconda guerra mondiale, William Naslund decide di diventare un supereroe ammirando l’operato di Capitan America, decide di indossare come lui un costume dai colori patriottici e sceglie il nome di Spirito del ’76 (chiaro riferimento alla guerra di indipendenza americana).

Visualizza immagine di origine

Questo è Bucky, la spalla di Capitan America …

Soldato d'Inverno (Speve Epting).jpg
Bucky è anche noto come ” Il soldato di inverno ” …che è la stagione di Captain Spirit e Life is Strange 2 …Bucky rimane orfano di madre pochi anni dopo, motivo per cui lui e sua sorella Rebecca vengono cresciuti unicamente dal padre seguendolo nelle varie basi dove viene stanziato…
Risultato immagine per rick jones captain americaRick Jones … Inizialmente, Rick Jones non dispone di particolari superpoteri. Tuttavia, in passato ha assunto svariati poteri, come la telecinesi * ( Il potere della nuova serie di Life is Strange ) , la creazione di proiezioni mentali, il limitato controllo del tempo, la generazione di energia, un fattore rigenerante e la forza del destino, ovvero l’accesso alla forza della mente umana. 
In passato è stato membro onorario dei Vendicatori e ha vestito i panni di Bucky, storico alleato di Capitan America. In alcuni numeri tratti da The Incredible Hulk è divenuto il nuovo Hulk, chiamato anche Hulk Adolescente, visto che rappresenta un Hulk molto più giovane e scavezzacollo per certi versi simile al suo alter ego
Risultato immagine per Guardiano Rosso
Guardiano Rosso …che affianca Patriota e lo Spirito del ’76 e Capitan America …
In Life is Strange 2 vi sarà la tematica della vendetta e del perdono …
Potenti vendicatori.jpg
Questi sono i ” Potenti Vendicatori ” …Il leader è Iron Man …
… che sviluppa una seria dipendenza dall’ alcool …per un periodo è un senzatetto alcolizzato …
Gli anziani vicini di casa di Chris e suo padre sono i Reynolds, che ospitano i fratelli protagonisti di Life is Strange 2 …
Copertina Sentry.jpg
Sentry è Robert Reynolds …Bob Reynolds è un semplice studente con il vizio dell’alcolismo, tossicodipendente, vittima di frequenti depressioni e disturbi psichici… Robert Reynolds era rinchiuso a seguito del presunto omicidio della moglie …il cui omicidio si rivela un delirio della sua mente sconvolta. In seguito si scopre che è un personaggio dalla doppia personalità … 
Nel prequel Captain Spirit c’è anche una allusione a Frozen, film preferito di Chris, nonostante abbia protagoniste femminili …
Possibile che il tema delle sorelle venga nel gioco trasformato in una relazione fra fratelli o vicini di casa / amici. Vediamo cosa ne ricaviamo:
  • Ispirato alla fiaba di Hans CHRIStian Andersen
  • La maggiore teme i suoi poteri
  • La minore è stata allontanata dalla maggiore per proteggerla dai suoi poteri, e si innamora di KRIStoff.
  • KRIStoff è un venditore di ghiaccio, adottato e orfano, giovane montanaro biondo, di personalità opposta alla sorella minore della protagonista, è solitario, scontroso, rozzo, ma dal cuore d’ oro.
  • Compare il personaggio del pupazzo di neve …
  • I genitori delle sorelle muoiono in un naufragio
  • In ” La Regina delle Nevi “ i protagonisti sono un ragazzo e una ragazza vicini di casa. Il maschio è acido e cattivo con tutti. La bambina vive con la nonna, come forse faranno i Diaz, e si avvia alla ricerca del maschio, scomparso. Entrambi sono biondi … 
Passiamo ad analizzare il padre di Chris, Charles …
Visualizza immagine di origine
Abbiamo …Charles Dickens, ideatore di Oliver Twist …e del Canto di Natale … ( Captain Spirit è ambientato nella stagione natalizia ) …
Abbiamo Charles Bukowski …scrittore e poeta con un rapporto morboso con l’ alcol …e rapporti tempestosi con le persone. E’ associato con lo stile del realismo sporco … sposò Emilie Krausse …( Charles, padre di Chris, era sposato con una Emily ) …incontra l’ alcool nella prima adolescenza …scrisse una poesia ” Cosa penseranno i vicini ” …ricoverato per una ulcera quasi fatale causata dal bere …traumatizzato dalla morte del suo primo vero amore, sfoga il lutto con la poesia …i suoi libri sono descritti come una esplorazione dettagliata dello scapolo disinibito, solitario, antisociale e totalmente libero …
Risultato immagine per charlie brown
Abbiamo Charlie Brown …scolaro di nove anni, considerato un perdente, è molto testardo e determinato, ma dominato da ansie e i suoi compagni si approfittano di lui…instancabile organizzatore e lanciatore nella sua squadra di baseball, è un terribile lanciatore …il suo amico è il cane Snoopy … ha una grande passione per gli aquiloni …è un solitario, cronico ed esistenziale. E’ assediato dai commenti di chi gli sta attorno …
Per quanto riguarda i Reynolds, abbiamo una altra potenziale allusione …Stephen Reynolds ( con questo stesso nome viene chiamato il vicino di casa di Chris e suo padre …) è un regista …che ha debuttato con – Vendetta * e qui rispunta questa tematica – altri sono – Snowman – Boy and Wolf – …
In – Vendetta – Jimmy Vickers è alla ricerca di una gang di delinquenti che ha assassinato i suoi genitori.
—-
Pare poi che ci sarà anche un personaggio importante chiamato/ a Cassidy, in Life is Strange 2 …
Cosa abbiamo? Butch Cassidy, criminale statunitense, e bandito del West, membro del Mucchio Selvaggio …
Cassidy è un personaggio ricorrente dell’anime Pokémon. È un membro del Team Rocket che occasionalmente si imbatte in Ash e nei suoi amici assieme al suo partner Butch. Fa il suo debutto in L’inganno
Cassie è un personaggio di The Secret Circle …La serie ha per protagonista Cassie Blake, una giovane strega che si trasferisce nella città natale della madre Amelia dopo la morte di quest’ultima. Entra a fare parte di un circolo di streghe e si innamora di Adam Conant. Con il tempo diventa la strega più potente e scopre di possedere la magia nera, ereditata dal padre John Blackwell. 
Il mio nome è Cassidy
Raymond Cassidy è Un professionista, che si dedica al furto e alla rapina con abilità e seguendo un personale “codice d’onore”. un uomo duro e risoluto, con un passato da militare. Un professionista, che si dedica al furto e alla rapina con abilità e mestiere, e che non è mai inutilmente violento. Infatti, si muove seguendo un preciso “modus operandi” e un personale “codice d’onore”: organizza i suoi colpi come azioni da commando, ma evita di coinvolgere i “civili”, come chiama gli uomini che vivono nel rispetto della legge, a meno di non esserne costretto. Non si spara sui civili, non si prendono civili in ostaggio: queste sono le sue regole.
Danny Cassidy
Il diciottenne Danny, fuggito di casa dopo il secondo matrimonio della madre, conduce un’esistenza da sbandato. Ha già commesso alcuni piccoli furti e si è unito a una gang giovanile. Vuole emulare le gesta del padre, che considera un mito, ma è solo questione di tempo prima che finisca nei guai…
Michelle Cassidy
Diciannove anni, Michelle ha ereditato la bellezza materna, ma il carattere risoluto sembra averlo preso maggiormente da Cassidy. Conduce una lotta silenziosa contro Howlag, ma continua a vivere in casa sua. Non se la sente di abbandonare la madre, anche se il suo sogno segreto sarebbe veder tornare il suo vero padre. Per quanto Raymond Cassidy sia un criminale, è certamente più onesto del senatore Howlag. E di sicuro le vuole bene.
Juan Cuervo
Quasi due metri d’altezza per centoventi chili di peso, pieno di tatuaggi e di amuleti che porta appesi al collo: così si presenta uno dei più fidati soci di Cassidy, Juan Cuervo. È un “lobo”, mezzo nero e mezzo indio. Vive in una piccola fattoria oltre il confine messicano con la sua famiglia, ma è sempre pronto a raggiungere Cassidy, per unirsi a lui per un nuovo colpo, o anche solo per dargli una mano.  È un esperto di casseforti e maneggia armi e dinamite con abilità. * I fratelli protagonisti di Life is Strange 2 sono messicani.

Gli avversari

Un senatore corrotto, due pericolosi segugi dell’FBI e un capobanda violento, sanguinario e senza scrupoli

Il mondo di Cassidy

Gli anni ’70, con la loro musica, persino quella dei motori rombanti di un inseguimento tra automobili

Proinsias Cassidy is a 119 year old Irish vampire who has been on the run from Vampire-hunting religious vigilantes. After arriving in Annville, Cassidy befriended the local preacher, Jesse Custer.

Maggie Cassidy è un romanzo di Jack Kerouac, scritto nel 1953 e pubblicato per la prima volta nel 1959, dopo il successo di Sulla strada. Il libro rievoca la vita nella tranquillità di Lowell di Jack Duluoz, l’alter ego letterario di Kerouac.

Il romanzo prende spunto dal triangolo amoroso tra il protagonista, la dolce Maggie e la spregiudicata Pauline Cole, per poi descrivere la gioventù dell’autore nella sua città natale, Lowell. Fortemente autobiografico, il libro rievoca gli amori, le amicizie, la vita in famiglia, le gare sportive di Jack Duluoz. Punto di rottura della vita provinciale è il trasferimento del protagonista a New York.

Visualizza immagine di origine

Cassidy Casablancas è un personaggio immaginario, l’antagonista principale della seconda stagione della serie televisiva Veronica Mars.

Cassidy è un personaggio ambiguo, schivo e riservato, molto serio per la sua età e che si ritrova oggetto di scherno continuo del fratello maggiore Dick, che gli ha affibbiato il soprannome di Beaver (“castoro”) * a causa degli incisivi sporgenti.

* Captain Spirit è ambientato a Beaver Creek

In Lost : Cassidy Phillips è una donna divorziata che si innamora di Sawyer, ma viene truffata da quest’ultimo. Cassidy Phillips è una donna divorziata da poco che viene avvicinata da Sawyer e truffata da lui per 600.000 dollari. Dopo aver impedito a James di usare il solito trucco della valigia colma di banconote che accidentalmente si apre e aver capito il suo vero mestiere, Cassidy gli chiede di insegnarle come raggirare la gente e i due trascorrono insieme i mesi successivi, vivendo grazie ai proventi di piccoli imbrogli. Una volta diventata più sicura delle proprie capacità criminali, la Phillips chiede al proprio amante di istruirla nell’esecuzione di una truffa molto più grande, mettendo a disposizione come capitale il proprio danaro.

In WITCH: Cassidy Chacon (Voiced by Susan Chesler[1]) – A russet-haired woman and original Guardian of Water. She was entrusted with the Heart after Nerissa’s betrayal, but was later killed by an increasingly bitter and jealous Nerissa, in retaliation, by being pushed off a cliff on Mount Thanos. Cassidy’s star appeared at Will’s birth, and she eventually makes a spiritual connection with Will. Cassidy, before she was killed by Nerissa, was a caring and life-loving woman who was close to her mother and has the same water-based powers as Irma. In the show, her spirit was raised by Nerissa’s exceptionally powerful elemental abilities of Quintessence, and was later restored to a physical body. After being released, she was reunited with her elderly blind mother and continued her teenage life that was stolen from forty years previously.

Black Tom Cassidy.png

Black Tom” Cassidy il cui vero nome è Thomas Samuel Eamon Cassidy, è un personaggio dei fumetti. È un mutante in grado di emettere dalle mani raggi di calore intensissimo e ultimamente di manipolare la vita e la struttura vegetale. È la pecora nera di un’altolocata famiglia irlandese nonché rivale e nemico del cugino Sean* Cassidy (Banshee). È inoltre l’unico amico di Fenomeno e suo complice abituale. * Sean è il protagonista di Life is Strange 2 …La causa della rivalità fra i due consiste sia nella vincita al gioco dei dadi da parte di Sean della proprietà immobiliare Cassidy Keep e della fortuna di famiglia che nella rivalità per la conquista dell’affetto di Maeve Rourke, che in seguito sposò Sean. Tornato in Irlanda, Sean apprese della morte della moglie e sfogò la propria ira contro il cugino, riuscendo con il proprio potere sonico a rompergli entrambe le gambe e non dando modo a questi di rivelargli dell’esistenza della figlia. Durante la convalescenza Tom giurò di vendicarsi del cugino e di non rivelargli l’esistenza di Theresa. 

Originariamente, Black Tom possedeva l’abilità di generare e rilasciare raggi concussivi di forza e calore attraverso oggetti legnosi, ed era immune ai poteri del cugino Banshee. È inoltre un ottimo combattente corpo-a-corpo, un maestro con le armi da taglio ed un ottimo stratega.

Successivamente la sua fisiologia, morfologia e psicologia cambiarono facendolo diventare una sorta di organismo vegetale in grado di ripartire la propria coscienza in vari vegetali e di infettarli facendoli diventare parte del proprio corpo. Il processo di ripartizione della mente lo traumatizzò a tal punto da renderlo mentalmente instabile.

Dopo l’M-Day, perse la sua mutazione secondaria e la sua fisiologia originaria fu ripristinata così come i suoi poteri originali.

Risultato immagine per banshee sean cassidyVisualizza immagine di origine

Banshee, il cui vero nome è Sean Cassidy, è un personaggio immaginario dei fumetti.

  • Sean Diaz è il nuovo protagonista di Life is Strange 2 …
  • Banshee È un supereroe mutante che è stato membro degli X-Men e di altri supergruppi mutanti. Il suo potere consiste in un “urlo sonico”, in grado di ferire chi ne viene colpito causandogli anche disturbi psichici. La sua capacità gli permette inoltre di volare. è stato agente dell’Interpol e ufficiale della polizia di New York. Ha circa una decina di anni in più della maggior parte degli altri X-Men e ciò gli ha causato dei problemi di relazione all’interno del gruppo. Tuttavia è stato uno dei mentori del gruppo.
  • Sean Cassidy è un ricco uomo irlandese, possessore di una discreta fortuna e di un castello conosciuto come Cassidy Keep. Qui Sean crebbe insieme alla sua famiglia e al cugino Tom, anch’egli un mutante e come lui immune ai poteri del cugino. Sean si immerse nel suo impiego con l’Interpol e durante una missione si ritrovò a dare la caccia ad un serial-killer in Europa. Nonostante i suoi superiori non ritenevano la questione importante, Sean decise di lavorare al caso da solo e venne inaspettatamente aiutato da un misterioso mutante. Anni dopo Sean si ritrovò a dover arrestare suo cugino Tom, divenuto il criminale Black Tom Cassidy, per conto dell’Interpol. Quando l’uomo finì in galera, Sean era ancora all’oscuro dell’esistenza di sua figlia che era stata mandata a una scuola privata. Tempo dopo Sean decise di intraprendere la carriera del supereroe, con addosso un costume divenne Banshee, ispirando il suo nome di battaglia al leggendario spirito irlandese della morte, ma venne ben presto rapito dal Fattore Tre che usando uno speciale copricapo che annientava la sua volontà lo costrinse a lavorare per loro come criminale. Banshee fu in seguito inviato dal Fattore Tre a rapire il professor Charles Xavier, * ( rispunta il nome Charles ) ma per sua fortuna gli X-Men e il loro mentore riuscirono a liberarlo. Mesi dopo Banshee cercò di combattere da solo contro il Fattore Tre ma ancora una volta fu solo grazie all’intervento degli X-Men che riuscì a sconfiggerli. 

Hopalong Cassidy or Hop-along Cassidy is a fictional cowboy hero created in 1904 by the author Clarence E. Mulford, who wrote a series of popular short stories and many novels based on the character.

In his early writings, Mulford portrayed the character as rude, dangerous, and rough-talking. He had a wooden leg which caused him to walk with a little “hop”, hence the nickname.  He was often called upon to intercede when dishonest characters took advantage of honest citizens.”Hoppy” and his white horse, Topper, usually traveled through the west with two companions—one young and trouble-prone with a weakness for damsels in distress, the other older, comically awkward and outspoken.

Cassie è anche un personaggio degli Animorphs:

Visualizza immagine di origine

She was instrumental in helping the Animorphs acquire their various animal morphs and played a key role in the Andalite-Yeerk War.  Cassie’s family owns a farm that has been in the family since the Civil War, and has been remodeled into the Wildlife Rehabilitation Clinic; a sort of animal hospital for livestock and wild animals. The Animorphs generally use the clinic as their team “base” and form most of their plans there. Cassie’s mother also works at The Gardens, a combination of a zoo and an amusement park. Most of the groups’ morphs are acquired from The Gardens or the clinic.Cassie is the most compassionate member of the Animorphs, Rachel‘s best friend, and was Jake‘s girlfriend. She is very kind and empathetic, often acting as the mediator of the group. Her perceptive and caring nature allows her to sense people’s inner feelings and insecurities, leading her to act as team therapist at times. Though she is openly against most violence, Cassie’s empathetic ability to read people means that she can be ruthless when she has to be. Cassie has the reputation of being a “tree-hugger,” due to her love for animals and lack of style. Her nature-loving personality isn’t at all shallow though; Cassie has numerous moral struggles and questions about evolution, sentience in animals, the so-called “circle of life,” and the morality of the Animorphs’ fighting in the war at all. 
Risultato immagine per stature cassandra
Cassandra Eleanor “Cassie” Lang, conosciuta come Stature o Stinger. Cassie è stata esposta alle Particelle Pym fin da bambina ottenendo l’abilità di manipolare a piacimento le proprie dimensioni e divenendo, da adolescente, una supereroina membro dei Giovani Vendicatori nota inizialmente come Ant-Girl o Giant-Girl. Cassie nutre per suo padre un affetto ed un’ammirazione tali da non venire minimamente intaccate nemmeno dopo che questi viene arrestato per una serie di furti commessi al fine di dare una maggior stabilità economica alla famiglia. Cassie instaura col tempo un intenso legame coi “colleghi” supereroi del padre la ragazzina fa amicizia con Kristoff Vernard, * ( E di nuovo spunta fuori il nome Chris! ) in seguito, sua madre e il suo patrigno, Blake Burdick, ritenendo che vivere a stretto contatto coi supereroi esponga la ragazzina a troppi pericoli, ottengono dal tribunale la sua custodia esclusiva; ciò porta Cassie a nutrire rancore nei confronti dei due accusandoli di volerla allontanare da suo padre …spingendola a scappare di casa e a prendere in considerazione l’idea di unirsi ai Runaways sebbene, dopo aver visto in televisione i Giovani Vendicatori, decide di volerli conoscere e li raggiunge tra le macerie del maniero dei Vendicatori …Ribattezzatasi “Stature” la ragazza si unisce ufficialmente ai Giovani Vendicatori continuando a combattere al loro fianco nonostante sua madre, informata da Jessica Jones dell’identità segreta della ragazza, le proibisca l’uso dei suoi poteri preoccupata dall’effetto che potrebbero avere sulla sua salute. Cassie è in grado di miniaturizzazarsi o ingigantirsi a proprio piacimento, potere che inizialmente risultava fortemente influenzato dal suo stato emotivo.
Visualizza immagine di origine
Kristoff Vernard, conosciuto anche come Kristoff von Doom e successivamente come Dottor Destino II, è un personaggio dei fumetti. ragazzino di nome Kristoff Vernard, che gli era rimasto fedele nel momento del bisogno e a cui era stata uccisa la madre. Kristoff, il quale finì col convincersi davvero di essere il Dottor Destino e decise di mettere in atto il piano elaborato in passato da Victor per impadronirsi del quartier generale dei Fantastici Quattro.
XAVIER200.jpg
Il Professor X, il cui vero nome è Charles Francis Xavier, è un personaggio dei fumetti creato da Stan Lee e Jack Kirby nel 1963, pubblicato dalla Marvel Comics. È un potente telepate che può leggere, controllare e influenzare le menti umane e creare illusioni. Genio naturale, è anche un’autorità nel campo della genetica, delle mutazioni e dei poteri psichici. Sebbene sia un personaggio positivo, in storie più recenti stanno emergendo alcuni lati oscuri del suo passato, in cui pare che il suo comportamento non sia stato sempre irreprensibile. 
In gioventù Charles fu accompagnato nella lotta per questa causa da Erik* ( rispunta il cognome Eriksen! ) Lensherr (il futuro Magneto) che lo aiutò a costruire Cerebro, una macchina che potenziava i suoi poteri telepatici e che permetteva a Charles di rintracciare mutanti da tutto il mondo. In seguito però Erik si convinse che la convivenza tra le due razze era impossibile e che l’homo sapiens, data la sua inferiorità genetica, doveva sparire per fare largo alla razza mutante (homo superior); questa divergenza di opinioni cambiò radicalmente i rapporti tra i due, che da amici divennero rivali. Xavier ha una sorella del tutto identica a lui chiamata Cassandra Nova,* che credeva morta alla nascita. Prendendo il controllo del corpo del fratello, fu responsabile del bombardamento su Genosha, che uccise sedici milioni di mutanti, e per poco non uccise lui e gli X-Men.
* ( Cassidy! ) Gli ampi poteri psionici e telepatici di Xavier gli permettono di leggere le menti e i ricordi degli altri, avvertire le emozioni e le sensazioni di chi lo circonda, manipolare le menti degli altri, deviare le loro menti per rendersi invisibile, creare illusioni mentali potenti, causare la perdita di particolari ricordi o amnesia totale, e indurre dolore o temporanea paralisi mentale e/o fisica in altri. A distanza ravvicinata può manipolare quasi qualsiasi numero di menti con facilità. Tuttavia, il pieno possesso di un’altra mente gli è consentito solo al ritmo di una alla volta, e solo se si trova in vicinanza fisica di questa. Inoltre, non può permanentemente “riprogrammare” le menti umane fino a far credere loro totalmente ciò che vuole: a sua detta la mente è un organismo che ricorda sempre i passi che sono stati necessari per raggiungere il presente e quindi “riscrive” se stessa alla impostazione originale se si cerca di cambiarla. Xavier è uno dei pochi telepati abbastanza qualificati per comunicare con gli animali e persino condividere le loro percezioni.
Nel corso degli anni, Charles Xavier ha preso alcune decisioni discutibili, utilizzando i suoi poteri psichici per realizzare i propri interessi, dimostrando di non aver sempre avuto un certo rigore morale.
Risultato immagine per Erik Magnus Lehnsherr
Magneto, il cui vero nome è Max Eisenhardt[1] anche conosciuto come Erik Magnus Lehnsherr * ( Max la protagonista di Life is Strange 1 e Eriksen il protagonista di Captain Spirit ): noto anche come Signore del magnetismo, è un mutante in grado di generare e controllare campi magnetici e attraverso di essi controllare e manipolare i metalli, soprattutto ferrosi.  i nazisti uccisero il padre, la madre e la sorella, ma Max riuscì a salvarsi, forse grazie al primo manifestarsi dei suoi poteri, ed a fuggire per poi, successivamente, essere catturato ed inviato ad Auschwitz. Magneto è stato descritto come capace di impegnarsi nella proiezione astrale (similmente a quanto possono fare i mutanti telepati). Magneto è stato spesso descritto come in grado di resistere ai più forti o più inaspettati attacchi telepatici.Ha anche, in rare occasioni, dimostrato la capacità di leggere i sogni di altri, di inviare comandi telepatici, e di sondare le menti altrui.
Cassandra Nova, il cui vero nome è Cassandra Xavier, è un personaggio dei fumetti creato da Grant Morrison (testi) e Frank Quitely (disegni), pubblicato dalla Marvel Comics. Apparsa per la prima volta sulle pagine di New X-Men (prima serie) n. 114 (luglio 2001), Cassandra oltre ad essere la gemella di Xavier è anche un mummundrai, forma di vita parassita nata nel piano astrale senza un corpo proprio. Cassandra è il corrispondente negativo di Xavier, il suo lato oscuro. Cassandra Nova cominciò a vivere nelle stesso istante di Charles Xavier. Concepita però senza un corpo, Cassandra ne improvvisò uno copiando il DNA di Xavier, diventando a tutti gli effetti la sua sorella gemella.I mummundrai sono soliti combattere sul piano astrale, contro la mente del corpo che intendono possedere quando sono ancora nell’utero. Nel caso degli Xavier, il potenziale mutante di Charles era così vasto, da permettere a Cassandra di crearsi un proprio corpo anche al di fuori dell’utero materno. La donna può replicare e manipolare il DNA umano e/o mutante, possiede un accelerato fattore di guarigione ed è in grado di attraversare i materiali solidi. Dopo aver copiato completamente il DNA di Charles, il mummundrai Nova ha avuto accesso a tutto lo spettro dei poteri latenti del fratello, vale a dire: vasti poteri psionici (mai spiegati e mostrati del tutto), telepatia, telecinesi, fattore rigenerante accelerato, intangibilità attraverso la scomposizione telecinetica delle molecole del corpo, duplicazione del DNA. 
Il professor Charles Xavier, sopraffatto dal suo lato oscuro e dall’influenza della sua nemesi Magneto che aveva spento telepaticamente poco tempo prima, impazzisce liberando un alter ego malvagio: Onslaught. Quest’ultimo in pochi giorni mette in ginocchio i più grandi supereroi d’America e, per riuscire a contrastarlo e sconfiggerlo definitivamente, sarà necessario il quasi totale sacrificio degli stessi che esclusi i mutanti si immoleranno per riportare la pace. telepatia, la telecinesi, la proiezione astrale, la creazione di illusioni, il controllo sul magnetismo, la creazione di uno scudo mentale, la levitazione, la proiezione di energia e la rilevazione di mutanti.
Il cognome DIAZ dei protagonisti di Life is Strange 2 potrebbe essere un collegamento a Cameron Diaz: ” Ogni Maledetta Domenica ” , ” CHARLIE’S angels ” – Three women, detectives with a mysterious boss, retrieve stolen voice-ID software, using martial arts, tech skills, and sex appeal. – e GANGS OF NEW YORK
Rosa Diaz is a smart, tough and mysterious badass detective. Rosa previously attended a parochial school where she was a model student and had a favorite teacher, Mrs. Weeniercool. She also studied ballet at the American Ballet Academy but was kicked out for “beating up the ballerinas”.
THE GIFTED
Marcos Diaz / Eclipse, interpretato da Sean Teale, un mutante dotato di lumocinesi, ovvero con la capacità di assorbire e manipolare a suo piacimento i fotoni. Ha una relazione con Lorna Dane (Polaris), da cui aspetta un bambino.
 MARCO DIAZ is the deuteragonist of Star vs. the Forces of Evil.
PHICEN LA MUERTA
La Muerta è la storia di Maria Diaz, un soldato americano, di ritorno da un servizio in Afghanistan, per riunirsi con la sua famiglia nel “Dia De Los Muertos”, il giorno dei morti. Nel frattempo il fratello di Maria è entrato a far parte di un gruppo criminale guidato dalla nefasta Mama Z. Il gruppo criminale, pensando di esser stato derubato dalla famiglia di Maria, stermina a sangua freddo l’intera famiglia. Maria si sveglia dal coma 8 mesi dopo e scopre che la sua famiglia è stata sterminata. Lei chiede giustizia alla polizia, ma da loro non ottiene nulla poiché sono in combutta con i criminali. Osando l’impossibile, Maria, aiutata dal misterioso Faustino, decide di vendicare la sua famiglia e manda i Zavala all’inferno, anche a costo della sua stessa umanità.
SEAN DILLON: He is described in the stories as a short man and fair-haired. An aspiring actor at the age of 19, Dillon takes up being an IRA member, seeking revenge after his father is killed in Belfast in the crossfire between the British and the IRA. He is a protégé of Liam Devlin. When he was 19 his father was killed by English troops. He started as an IRA assassin but realized that the cause was not everything. After that he just was a gun for hire. He worked for almost everyone as long as they paid the right price. Dillon is plucked out of prison by Brigadier Charles Ferguson * of the elite British Security Service antiterrorist unit Group 4, who offers him a clean slate in exchange for his services.
Sean Mason Pierce was an Oversight agent and a Navy Seal assigned by Oversight to keep an eye on Amanda. He was a love interest to Alex. In “Clawback“, it was revealed that Sean’s mother Madeline was in fact a member of Oversight. Sean was shown to have deep feelings for Alex.
Daniel Grigori is the male protagonist of the Fallen series. He is a fallen angel and Luce’s boyfriend. He was known as the sixth angel in Heaven, the Angel of Lost Souls and The Watchers which was named Grigori.
Visualizza immagine di origine
Daniel is the daredevil cadet recruited to join the Voltron Force. He was the Black Lion after Keith retired.
Daniel
Daniel is the oldest (and silliest) of the Hunter kids. He spends a lot of time working out and is a bit of a heart throb. When their foster parents Erik* and Kate Hunter disappear, Daniel takes on the role of caretaker, convinced he’s perfect for the job, but he can’t quite figure out the dish washer yet. Daniel has a huge crush on Simone, the attractive neighbourhood police officer. When she’s around, he has to try not to give away their secret while he daydreams of their perfect date!
DANIEL BOONE è stato un esploratore statunitense, famoso per le sue esplorazioni nel Kentucky, dove, nonostante la resistenza indiana, fondò l’insediamento di Boonesborough al di là dei monti Appalachi.
Visualizza immagine di origine
Da BEAVERCREEK, cittadina di CAPTAIN SPIRIT, abbiamo DAWSON’S CREEK:
Dawson’s Creek is an American teen drama television series about the fictional lives of a close-knit group of friends beginning in high school and continuing in college that ran from 1998 to 2003.
Visualizza immagine di origine




Lo scisma interiore fra il vuoto cosmico e il disegno del destino

26 12 2017

Risultato immagine per dylan dog

Recentemente sono tornato a occuparmi della raccolta di racconti che spero di pubblicare il prossimo anno. Sono storie brevi appena sotto le 50 pagine di genere thriller – horror che parlano di giovani e della morte. Sono storie violente e grintose.

Ho dedicato il Natale ad arricchire la mia collezione di libri di Stephen King e a leggere la biografia dell’ autore, nel quale in certi aspetti mi sono ritrovato, mentre sotto altri aspetti abbiamo vissuto in atmosfere completamente diverse.

” mi sono reso conto che sono arrivato al punto in cui era arrivato lui, giusto prima di debuttare, quando il tempo scarseggiava, la scrittura era faticosa, l’ energia era poca, e il futuro inquietante. Chissà, forse non è un caso. “

Risultato immagine per piccoli brividi

Scrivo perché mi fa bene, perché sento che mi appartiene, mentre cerco di tenere a bada le mie paure dormienti, che negli scorsi anni sono usciti a farmi sgradite sorprese, e che potrebbero ancora farlo in qualsiasi momento.

Il destino in sé non mi spaventa. Ho bisogno di interpretare la vita come un disegno strutturato e coerente. Mentre nell’ adolescenza cercavo di essere il più puritano possibile e una volta cantavo nel coro della chiesa, adesso da anni mi sono svuotato completamente della religione, e non sono sicuro che sia un bene. Credo ancora in una sorta di Dio, ma lo sento sempre più distante, e sempre più umano piuttosto che intangibile e divino.

Le mie paure più grandi sono la morte, il caso, e l’ eventualità dell’ assenza di qualcosa dopo la morte. Pur avendo fatto abbastanza ricerche affini agli argomenti trattati in questo blog, che archiviano il caso come un’ eventualità impossibile e inesistente, è ancora insita in me la grande paura che in un qualsiasi giorno tutto possa cambiare, e forse è per questo che ogni volta che penso alla scrittura mi dico ” accidenti alla possibilità di un eschaton di Mckenna nei mesi a venire! Potrebbe intralciare la mia ancora ipotetica carriera! “.

Credo che la morte a 59 anni di mio nonno mio omonimo quando avevo 3 mesi in un incidente d’ auto mi pesi in un angolino della mente più di quanto vorrei ammettere. Con tutta questa storia delle connessioni fra i destini, mi sono reso conto di considerare le auto delle macchine di morte, motivo per il quale a 27 anni non ho mai preso la patente, e non so ancora se mai la prenderò.

Alcune volte questo tipo di paure nascoste e dormienti si trasformano in rabbia, e ormai penso che dovrei evitare di leggere ogni storia relativa a crimini di ogni genere, perché poi mi viene da pensare cose maligne, e ogni qualche settimana vi sono vicende che mi fanno ribollire il sangue e desiderare pene infernali per chiunque le abbia commesse. Una volta credevo che in tutti ci fosse qualcosa di buono, ora credo invece che in tutti ci sia uno spiritello maligno che ogni tanto decide di combinare qualcosa. Il mio ideale di giustizia assomiglia sempre di più a quello dell’ epoca medievale.

Risultato immagine per stephen king logo

Non so se il mio destino comprende anche diventare un buon scrittore. Però so che la scrittura e la lettura sono presenti da sempre nella mia vita. Stephen King è stato segnato dal ritrovamento dei racconti e delle riviste di suo padre, scrittore di racconti mai pubblicati, all’ età di 10 anni, più o meno alla stessa età di quando io scoprii una collezione di Dylan Dog appartenente a mio zio nella casa di mia nonna paterna, una collezione che mi attirava e mi respingeva allo stesso tempo.

Del resto la cruda violenza la potevo leggere anche nella saga degli Animorphs che ha nutrito la mia infanzia con 64 libri di una saga per me indimenticabile con i personaggi più realistici e vivi che abbia mai trovato. Per non parlare della mia passione per i Goosebumps o Piccoli Brividi che amavo collezionare da bambino.

Stephen King ha visto l’ amichetto di 4 anni venire investito da un treno, e io sono passato affianco a un mio compagno di classe per 8 anni che conoscevo appena poche ore prima che morisse in un incidente d’ auto.

Ho vissuto vicende che forse un giorno mi aiuteranno a scrivere libri, se solo fossi capace di farle riemergere dall’ oblio autoimposto in cui le ho ficcate. Per qualche strano motivo ho scritto centinaia di pagine di diario degli anni più contorti e controversi della mia vita per poi smettere giusto in tempo per uscire dal tunnel ed entrare in una più confortevole metropolitana. Forse un giorno brucerò quei diari, o li lascerò a marcire in soffitta o in garage. Non riesco più ad aprirli. Non ci sono storie chissà che, ma hanno lasciato qualcosa dentro di me, che mi condizionano ancora adesso.

Ho paura che in tutto quello in cui ho riposto le mie speranze e le mie teorie personali non ci sia nulla di vero e che sia tutto un voler vedere qualcosa di assente. Cicli storici, cicli nella vita individuale, ritorni di passato, destini, il futuro che influenza il presente e si addentra persino nel passato. Volevo vedere qualcosa di mio nella storia di vita di Mckenna e voglio vedere qualcosa di mio nella storia di vita di Stephen King, anche solo il piccolissimo fatto in qualche modo significativo per me che lui è nato nel giorno in cui festeggio l’ onomastico, che io vivo come un – mezzo compleanno – perché sta a sei mesi dal mio compleanno. Poi scopro che King supporta il femminismo, mentre io vedo il femminismo come affine a una pseudo – setta arrogante, ( forse per via di certe ragazze con cui ho avuto a che fare, forse ancora reduce dalla farsa che è la vita di classe alle superiori, quando le ragazze mi parlavano come se fossi un idiota bambinone ) che King leggeva la Bibbia ai figli adolescenti mentre io la ritengo una storia di fiabe. Poi scopro le peripezie mediche di King con orecchie, tonsille, di quando è stato investito e massacrato da un’ auto e ripenso ai miei appuntamenti settimanali con il dentista( ne so abbastanza per poter fare il dentista e togliervi tutti i denti credetemi ) , alla ginnastica fatta a dodici anni per la scoliosi e alla mia quotidiana lotta con le paure nel 2008.  

Spero di non produrre storie che diano vita a film dell’ orrore che non riuscirei a guardare. Mi piacciono i libri dell’ orrore ma NON i film. Ironico detto da uno che ha invitato l’ amichetto a guardare un film fantascienza –  horror – splatter, niente di meno che Starship Troopers, in età elementare per poi farlo vomitare! Non so con quale stomaco guardavo certi film all’ età di 10 anni.  Dico io, come si fa a far vedere a un amichetto una storia di alieni simili a ragni con una bocca per testa con braccia e gambe che volano e una mucca sbriciolata viva dietro un cartello con su scritto censura? 😉  

In un angolo della mia mente trovo molti eventi simbolici nella mia vita che stanno determinando il mio presente. Sono diviso in due. Da una parte sono un essere brancolante nel buio del vuoto dell’ ateismo e del nulla eterno postmortem, dall’ altra parte mi trovo in una immensa libreria di dati, collegamenti, connessioni, segreti e trucchi con le date che sanno di magia, con la certezza che qualcosa di più c’è, anche se completamente diverso dalle aspettative di un religioso. Spero che un giorno questo scisma mentale troverà un accordo diplomatico.

Matteo