Aprile è il mese più crudele

20 04 2019

http://copycateffect.blogspot.com/2019/04/April.html

La zona rossa di aprile: un tempo pericoloso
di Loren Coleman, autore di The Copycat Effect (Simon and Schuster, 2004)  Suicide cluster  (Faber & Faber, 1987) e altri libri.
“Aprile è il mese più crudele …”
di Thomas S. Eliot (1888-1965).
Da La terra desolata, 1922.

14 aprile

1865 – Alla vigilia del quinto giorno della Pasqua ebraica, il 14 aprile 1865, il presidente Abraham Lincoln fu colpito a morte e morì per le sue ferite la mattina presto del 15 aprile, già programmato come giornata nazionale di preghiera per celebrare la fine della guerra civile. Gli ebrei di tutto il paese si radunavano nelle sinagoghe per ringraziare. Quando arrivarono le notizie della morte di Lincoln, gli altari delle sinagoghe furono presto drappeggiati di nero e, invece di melodie pasquali, le congregazioni cantarono gli inni dello Yom Kippur. Lincoln era stato protettivo nei confronti degli ebrei americani, ribaltando il famigerato ordine generale n. 11 del generale Grant che espelleva gli ebrei dal dipartimento del Tennessee e sosteneva anche la legislazione che consentiva ai cappellani ebrei di prestare servizio militare.

15 aprile


2013 – L’attentato alla maratona di Boston è stato un attacco terroristico, seguito da successive sparatorie correlate, avvenute quando due bombe a pressione sono esplose a Boylston Street durante la maratona di Boston nel Massachusetts. I morti furono 6 e 280 i feriti, alcuni con perdite di arti.

16 aprile
73 – Masada, una fortezza ebraica, cade sotto i Romani dopo diversi mesi di assedio, ponendo fine alla Grande Rivolta Ebraica.
1947 – L’esplosione della fregata dell’esercito francese Grandcamp SS piena di nitrato di ammonio. Agganciata al porto di Texas City esplose in fiamme, provocando la morte di almeno 581 persone.
1995 – Il governatore del Texas George W. Bush nomina “Selena day” il 16 aprile nel Texas, dopo l’uccisione della cantante Selena Quintanilla Perez  due settimane prima.

2007 – Sparatoria di Virginia Tech: Seung-Hui Cho abbatte 32 persone e ne ferisce 17 prima di suicidarsi.

17 aprile

1961 – Invasione della Baia dei Porci: un gruppo di esuli cubani finanziati e addestrati dalla CIA nella Baia dei Porci a Cuba con l’obiettivo di estromettere il regime di Fidel Castro.
1978 – Mir Akbar Khyber viene assassinato, provocando un colpo di stato comunista in Afghanistan.
1984 – L’agente di polizia Yvonne Fletcher viene ucciso a colpi di arma da fuoco dall’ufficio del popolo libico (ambasciata) a Londra durante una piccola manifestazione fuori dall’ambasciata. Si contano anche dieci feriti. Gli eventi portano ad un assedio di 11 giorni dell’edificio.
2006 – Un kamikaze palestinese fa detonare un ordigno esplosivo a Tel Aviv, uccidendo 11 persone e ferendone 70.

18 aprile

1775 – Rivoluzione americana: inizia l’avanzata britannica via mare; Paul Revere, William Dawes (sopra) e altri cavalieri avvertono la campagna dei movimenti delle truppe. (Il film sinc-cinematico Knowing dello scorso anno ha lo studente Caleb Koestler – name game – che frequenta la William Dawes Elementary, situata in 1959 a Lexington.)
1906 – Un terremoto e un incendio distruggono gran parte di San Francisco, in California.
1983 – Un kamikaze distrugge l’ambasciata degli Stati Uniti a Beirut, in Libano, uccidendo 63 persone.
2007 – Una serie di attentati, due dei quali suicidi, si verificano a Baghdad, ammazzandone 198 e ferendone 251.
2013 – Un attentato suicida in un caffè di Baghdad uccide 27 persone e ne ferisce altre 65.
2013 – Esplosione di fertilizzanti per le piante, a ovest di Waco, in Texas, che uccise 15 morti e circa 200 feriti, radendo al suolo ottanta case e una scuola media.

19 aprile

Il 19 aprile è il primo giorno del tredici giorni del rituale satanico relativo al fuoco – al fuoco del Dio, Baal o Moloch/Nimrod (il Dio Sole) conosciuto anche come il dio dei romani Saturno (Satana/Diavolo), questo giorno era il principale giorno per i sacrifici umani, soprattutto di bambini e col fuoco. Questo giorno era uno dei giorni più importanti per i sacrifici umani e, come tale, ha visto anche alcuni storici eventi.

Sacrifici di sangue per la bestia. Un sacrificio di fuoco è richiesto per questa data specifica.
1775 – Battaglie di Lexington e Concord nel Massachusetts, le prime battaglie della rivoluzione americana. Questo è il loro anniversario effettivo, anche se poi è diventato una data legata al terzo lunedì di aprile.
1897 – Prima esecuzione della maratona di Boston, intitolata alla battaglia di Maratona nell’antica Grecia.

1993 – L’assedio dell’FBI di 51 giorni del Branch Davidian Building fuori Waco, Texas, USA, ha fine quando vi scoppia un grande incendio. Ottantuno persone muoiono.
1993 – Il governatore del South Dakota George Mickelson e altri sette muoiono in un aereo di proprietà statale che si schianta nello Iowa.
1995 – Bomba di Oklahoma City: l’edificio federale Alfred P. Murrah a Oklahoma City, negli Stati Uniti, viene attaccato uccidendo 168 persone.
1995 – Richard Wayne Snell, un assassino condannato, membro dei gruppi suprematisti bianchi The Covenant, The Sword, e The Arm of the Lord (CSA), viene giustiziato in Arkansas. Snell filmava gli aerei atterrati all’aeroporto di Mena, in Arkansas, ritenuto da molti teorici del complotto una copertura approvata dalla CIA per contrabbandare droghe in America. Snell era stato accusato di aver complottato per far esplodere il Murrah Building negli anni ’80. Secondo quanto riferito, Snell avrebbe assistito a rapporti televisivi sull’attentato di Oklahoma City nel giorno della sua esecuzione e avrebbe approvato l’attentato
2013 – Un sospettato per l’attentato alla bomba di Boston, Tamerlan Tsarnaev, viene ucciso in una sparatoria con la polizia. Suo fratello Dzhokhar Tsarnaev è catturato mentre si nasconde in una barca all’interno di un cortile di Watertown, nel Massachusetts.

20 aprile

1889 – Adolf Hitler, soldato e politico austriaco-tedesco, cancelliere della Germania (morto nel 1945)
1939 – Il cinquantesimo compleanno di Adolf Hitler viene celebrato come festa nazionale nella Germania nazista.
1945 – Seconda guerra mondiale: dal Führerbunker Adolf Hitler fa il suo ultimo viaggio in superficie per assegnare le croci di ferro ai ragazzi della Gioventù hitleriana.
1961 – Insuccesso della Baia dei Porci cioè dell’ invasione degli esiliati cubani sostenuti dagli Stati Uniti contro Cuba.
1971 – Secondo Steven Hager, direttore di High Times , il termine 420 ebbe origine alla scuola superiore San Rafael nel 1971, tra i waldos. Si sarebbero incontrati tutti i giorni dopo la scuola nel pomeriggio per fumare marijuana presso la statua di Louis Pasteur. Una delle note dei waldos dice: “Abbiamo scoperto che potevamo parlare di sballarci di fronte ai nostri genitori senza che loro lo sapessero usando la frase 420“. Per estensione oggi, 20 aprile (stenograficamente, “4/20” negli Stati Uniti ) si è evoluto in ricorrenza della controcultura, dove le persone si riuniscono per celebrare e consumare cannabis.
1978 –  Il volo di linea Korean Air Lines 902 viene abbattuto dall’Unione Sovietica.

1999 – Massacro alla Columbine High School in Colorado: Eric Harris, 18 anni, e Dylan Klebold, 17 anni, uccisero 13 persone e ne ferirono altre 21 prima di suicidarsi.
2007 – Sparatoria del Johnson Space Center: William Phillips con una pistola si barrica nel Johnson Space Center della NASA a Houston, in Texas, prima di uccidere un ostaggio maschio e poi spararsi.

2015 – Un supplente viene ucciso con una balestra e un machete alla Joan Fuster School nel quartiere La Sager di Barcellona, ​​in Spagna, da uno studente di 13 anni. Altre quattro persone rimangono ferite.

21 aprile
1506 – Il massacro dei tre giorni di Lisbona ha fine con l’uccisione di oltre 1.900 sospetti ebrei dai cattolici portoghesi.
1985 – I gruppi militanti The Covenant, The Sword e Arm of the Lord si arrendono alle autorità federali dell’Arkansas dopo un assedio governativo di due giorni.

22 aprile
2004 – Due treni di carburante si scontrano a Ryongchon, in Corea del Nord, uccidendo oltre 150 persone.
2013 – Sei persone muoiono in una sparatoria a Belgorod, in Russia.
2013 – La Royal Canadian Mounted Police arresta due uomini che minacciavano di distruggere un servizio ferroviario a Toronto in un complotto sostenuto da elementi di Al-Qaeda.
2014 – Più di 60 persone vengono uccise e 80 sono gravemente ferite in un incidente ferroviario nel Katanga,  Repubblica Democratica del Congo.
2016 –  Un mese dopo dall’attentato in cui tre attentatori suicidi che hanno ucciso 35 persone e ferito 316 a Bruxelles all’aeroporto e alla stazione metro di Maelbeek/Maalbeek. [sinceramente, questo esempio mi sembra tirato per i capelli…]

23 aprile
303 – Muore San Giorgio, soldato e martire romano (nato nel 275)
St George’s Day (Inghilterra) e le sue osservanze correlate.
1343 – La rivolta notturna di San Giorgio inizia nel ducato dell’Estonia.
1968 – Il 19 aprile Timothy James McVeigh, che ha fatto saltare in aria l’Alfred P. Murrah Building nel 1995,  È giustiziato l’11 giugno 2001. [pure questo esempio mi sembra tirato per i capelli e inoltre la data è sbagliata…]

24 aprile
1184 a.C. – Tradizionalmente la data della caduta di Troia.

25 aprile
1946 – Il disastro ferroviario di Naperville uccide 47 persone nell’Illinois.

1965 – Il cecchino adolescente Andrew Andrew Clark uccide tre persone feriti e ne ferisce altri sei sparando da una collina lungo l’autostrada 101, appena a sud di Santa Maria, in California.
2005 – Centotré persone muoiono nello scontro ferroviario di Amagasaki in Giappone.
2010 – Joseph McVey, 23 anni, proveniente dall’Ohio, viene arrestato con un fucile nel parcheggio dell’aeroporto di Asheville, in un’auto fatta per sembrare un veicolo della polizia con luci e sirene, NC, quando il presidente Obama e la sua famiglia si trovavano sull’aereo presidenziale.


26 aprile
1865 – Viene ucciso in Virginia John Wilkes Booth, assassino del presidente Lincoln.
1894 – Data di nascita di Rudolf Walter Richard Heß o Hess,  un importante politico nella Germania nazista. Nominato vice Führer di Adolf Hitler nel 1933, prestò servizio in questa posizione fino al 1941, quando volò in Scozia in solitaria. “Celebrazioni” neo-naziste si tennero per lui in Germania, alla data della sua morte, il 17 agosto.
1982 – Cinquantasette persone vengono uccise dall’ex ufficiale di polizia Woo Bum-kon in una sparatoria nella provincia meridionale di Gyeongsang, in Corea del sud.
2002 – Robert Steinhäuser, 19 anni, si infiltra nel Gutenberg-Gymnasium (una scuola secondaria) a Erfurt, in Germania. Pedina 12 insegnanti sulle scale e poi li uccide, assieme a un amministratore, due studenti, un poliziotto e inoltre ferisce altre 10 persone prima di suicidarsi. Muoiono in totale diciassette persone.

27 aprile
711 – La conquista islamica della Hispania (Spagna): le truppe moresche guidate da Tariq ibn Ziyad raggiungono Gibilterra per iniziare la loro invasione della penisola iberica (Al-Andalus).
1805 – Prima Guerra berbera: marines e Berberi attaccano la città tripartita di Derna (Le “coste di Tripoli” fanno parte dell’Inno dei marines).
2011 – Il tornado del 25-28 aprile devasterà parti degli Stati Uniti sudorientali, in particolare gli stati di Alabama, Mississippi, Georgia e Tennessee. Duecentocinque tornado solo il 27 aprile, uccidendo più di 300 persone e ferendone altre centinaia.
2012 – Almeno quattro esplosioni colpiscono la città ucraina di Dnipropetrovsk provocando almeno 27 feriti.
2014 – Un’epidemia di tornado su gran parte degli Stati Uniti orientali uccide 35 persone.

28 aprile
1192 – Assassinio di Corrado di Montferrat (Corrado I), re di Gerusalemme, a Tiro, due giorni dopo che il suo titolo al trono è confermato dalle elezioni. L’uccisione viene eseguita da Hashshashin.
1949 – L’Hukbalahap viene accusato di assassinare l’ex first lady delle Filippine Aurora Quezon, mentre è in viaggio per dedicare un ospedale in memoria del suo marito defunto; anche sua figlia e altri dieci vengono uccisi.
1978 – Il presidente dell’Afghanistan, Mohammed Daoud Khan, viene rovesciato e assassinato in un colpo di stato guidato da ribelli pro-comunisti.
1996 – Massacro di Port Arthur, Tasmania: un uomo armato, Martin Bryant, apre il fuoco al Broad Arrow Cafe di Port Arthur, in Tasmania, uccidendo 35 persone e ferendone altre 23.

29 aprile
1429 – Giovanna d’Arco (legata al name game, Fata / Fata / Faggio – Fay/Fairy/Beech ) arriva per liberare l’assedio di Orleans.
1945 – Seconda guerra mondiale: Führerbunker: Adolf Hitler sposa la sua compagna di lunga data Eva Braun dentro un bunker di Berlino e designa come suo successore l’ammiraglio Karl Dönitz. Sia Hitler che Eva Braun morirono di suicidio il giorno successivo.

30 aprile
1945 – Seconda guerra mondiale: Führerbunker: Adolf Hitler ed Eva Braun muoiono per suicidio dopo essere stati sposati per meno di 40 ore. I soldati sovietici mettono la bandiera della vittoria sull’edificio del Reichstag.

2009 – Otto persone vengono uccise e altre dieci ferite durante una parata del Queen’s Day in Olanda in un tentato omicidio alla regina Beatrice e altri membri della famiglia reale. L’attacco è avvenuto al De Naald (in inglese The Needle , “l’ago” ), che è obelisco monumentale nella città olandese di Apeldoorn. La macchina dell’assalitore, identificata come Richard Karst Tates, finì per schiantarsi alla base dell’obelisco.

2009 –  In Azerbaigian dodici persone vengono uccise (studenti e membri dello staff) da un attaccante armato.

Beltaine Festival – 30 aprile-1 maggio . Notte di Valpurga. Questo è il giorno più alto del del calendario druidico delle streghe. Il 1 maggio è la seconda festa più sacra degli Illuminati. Viene richiesto il sacrificio umano.
+++++++++++++++++




Timewave Zero 2018- da febbraio ad aprile – rievocazione anni ’30 del ‘900

14 02 2017

Risultati immagini per the 1930s

Se una delle tre timelines per il 2018 si rivelerà giusta vedremo un forte shock economico il – 17 Febbraio 2017 / 15 Marzo 2017 / 7 Aprile 2o17 che rievocherà l’ atmosfera della Grande Depressione del 1929.

Dopo la fase della Prima Guerra Mondiale quindi attraverseremo una altra tappa, un altro “piccolo ” eschaton storico, e inizieremo una fase che iniziando al 17 Febbraio se la timewave finisce come dice Meyer l’ 8 Luglio 2018 con il padre di tutti gli eschaton andrà a finire intorno al 14 Aprile.

L’ atmosfera generale si scalderà assai perchè mi sa che che a primavera vedremo una nuova fase della ” Terza Guerra Mondiale a pezzetti ” .

La crisi monetaria Indiana potrebbe risultare in una serie di rivoluzioni e manifestazioni e marce che sembreranno ripercorrere quelle del 1930 che fra l’ altro rientra nel ciclo storico degli 87 anni per il 2017, e ricorderete la Marcia del Sale e la figura di Gandhi.

Altri problemi economici si svilupperanno a catena, con una crisi bancaria in Europa o in Canada, il collasso probabile della Deutschbank  tedesca o di quelle statunitensi.

Possibile che la diga cinese più moderna possa cedere? Oppure il clima porterà disgrazie nel paese cinese? Come si rievocherà il disastro naturale con più morti nella storia dell’ uomo? Ricordo che la diga Three Gorges mette a rischio Shanghai e 35 milioni di persone in caso di cedimento. 

E riguardo al piano dei 5 anni di Stalin? Sarà la volta della rapida industrializzazione della Turchia o qualcosa di simile si vedrà in Russia e/o Stati Uniti?

Molti direbbero che allo stato attuale è impossibile che la Cina e il Giappone si affrontino in guerra ma vogliamo ricordare o realizzare che in Asia si studia la Seconda Guerra Mondiale partendo dal 1937 ( e dai precedenti anni di conflitti ) quando il Giappone ha invaso la Cina? E ricordiamo che c’è una disputa in sospeso fra di loro per le isole Senkaku ( Sebbene gli Stati Uniti non abbiano una posizione ufficiale sul merito delle concorrenti rivendicazioni di sovranità, le isole sono incluse nel trattato di sicurezza tra USA e Giappone, ai sensi del quale una eventuale difesa delle isole da parte dei giapponesi può obbligare gli Stati Uniti a fornire loro sostegno militarehttps://it.wikipedia.org/wiki/Crisi_sino-giapponese_per_le_isole_Senkaku

Il pretesto per l’ invasione Giapponese all’ epoca era scaturito da un attentato a un treno giapponese, e i Giapponesi si sono avviati verso la Manciuria e Shanghai.

E se Trump volesse scombinare il governo della California? Sarebbe una buona rievocazione di un colpo basso alla democrazia tedesca con la deposizione del governo Prussiano. Poi bisognerà vedere come si rievocherà il ban alle SA e SS del Cancelliere Tedesco come minacce all’ ordine pubblico…

Nel 1932 l’ Ungheria si era radicalizzata…L’ Iraq si era reso indipendente…

Del 1933 vedremo la rievocazione della salita al grado di Cancelliere di Hitler…che cosa avvenne poco dopo? L’ incendio del Reichstag. E cosa potremmo vedere negli Stati Uniti? L’ evento si dovrebbe rievocare in una di queste 3 date : 8 marzo 2017, 3 aprile 2017, 26 aprile 2017, con un grado di differenza/ errore di 3 giorni.

Che cosa era l’ Incendio del Reichstag? Un attacco false flag al parlamento. Sul posto venne trovato un noto agitatore comunista. Quindi potrebbe esservi implicato un russo o russo-filo oppure più banalmente un migrante islamico ( o un gruppo di tali persone). Questo evento portò all’ annullamento di molte libertà civili e ad arresti di massa di membri del parlamento e delegati comunisti e rivali / avversi del Cancelliere.

Nel frattempo il parlamento di Austria veniva sospeso ed emergeva un governo più autoritario, le banche negli Usa chiudevano per una ” bank holiday “ e aprivano i primi campi di concentramento per gli ebrei…

Nel mondo moderno una cosa come i campi non funzionerebbe più se una regione volesse confinare un popolo o etnia, ma esistono i centri di arrivo e ” contenimento ” dei migranti ( perlopiù islamici ) per prepararli a un eventuale e mai assicurato posto nella società. Questi centri potrebbero salire di nuovo all’ attenzione globale e i mass media probabilmente si concentreranno con attenzione ai fatti che avverranno al loro interno nel periodo post – false flag/ attacco e pre – conflitto.

Prevedo operazioni di boicottaggio reciproci fra americani comuni e comunità islamiche. Probabilmente gli Usa saranno sotto emergenza nazionale. Nella germania post – reichstag vennero proibite le trade unions ( quindi probabilmente ci saranno blocchi degli scambi commerciali con certi paesi), roghi di libri, e il ban ai partiti avversi al Nazismo. 

Rivedremo le dust bowls, cioè le tempeste di polvere della seconda metà anni ’30 negli Stati Uniti? E come si rievocheranno i conflitti urbani in Austria? Anche il Canada diventerà agitato? Nel 1934 inoltre vi furono rallies dell’ estrema destra Francese e un tentato colpo di stato…Ci prepariamo all’ era Le Pen? Nulla è ancora detto e fatto. 

L’ Austria inaugurò una nuova costituzione, e vi fu il fenomeno delle rapine alle banche culminato con la famosa saga di Bonnie e Clyde, i primi incontri fra Hitler e Mussolini, la notte dei Lunghi Coltelli con le purghe alle SA, l’ eliminazione del cancelliere Austriaco e un tentato colpo di stato, la morte del leader Tedesco che ha lasciato strada libera per il potere di Hitler, la lunga Marcia di Liberazione Cinese…

Poi il paese belligerante al centro della questione ( Turchia o Stati Uniti? ) comincerà a rompere le regole violando trattati e instaurando misure allarmanti, riformando le forze aeree, promuovendo il riarmamento e introducendo l’ obbligatorietà al servizio militare, mentre gli Ebrei ( qui traduci Islamici – Curdi – Migranti ) venivano ostacolati sul tema della cittadinanza.

Così mentre il Giappone promuove il militarismo e usa un approccio radicale la Turchia potrebbe invadere la Trebisonda Armena, popolata in maggioranza da Turchi…

Gli Stati Uniti non saranno da meno? Un altro grande evento di prossima rievocazione sarà la Guerra Civile Spagnola, che io vedo come finestra per un conflitto civile o in Francia o ” se il Messico non si rabbonisce ” un intervento militare statunitense in Messico o un forte inasprimento della guerra dei cartelli Messicani. L’ evento dovrebbe avvenire nell’ ultima settimana di Marzo 2017 oppure poco dopo il 20 Aprile 2017 o intorno alla metà di Maggio 2017 ( siamo nell’ area delle elezioni Francesi faccio notare).

Poi ci sono la Grande Purga Russa, il processo a Trotsky, il bombardamento di Guernica questo fra ( 30 Marzo – 2 Aprile ) – ( 25 – 28 Aprile ) – ( 18 – 21 Maggio )… 

Il disastro del dirigibile Hindenburg negli Stati Uniti, la possibilità di una morte reale per eccellenza ( la Regina – ricordiamo che morì un Re negli anni ’30 ) e la rievocazione della incoronazione di Elisabetta II…

E poi iniziano le danze … 1937, il Giappone invade la Cina, il conflitto si era svolto a Pechino, Shanghai, Tianjin, c’ erano le purghe ai gulag in Russia, i bombardamenti in Spagna ( qui Messico – Francia ), il massacro di Nanking.

Poi Hitler prese il diretto controllo della milizia, abolendo il ministero di guerra e mandando via il comandante in capo e il ministro degli esteri, e l’ Austria veniva minacciata di invasione… E infatti poi l’ Austria venne annessa…Come si ripeterà? Gli Stati Uniti si prendono Messico o addirittura il Canada? Cose impensabili ma pensate alla Brexit o allo stesso Trump…O ancora la Turchia prende e marcia in Armenia, Azerbaigian o Cipro?

La crisi dei Sudeti quindi potrebbe ripetersi con una ” alta tensione ” relativa alle ambizioni Turche in Siria, poi venne la crisi cecoslovacca, con legge marziale e dimissioni del leader, l’ invalidamento dei passaporti agli Ebrei…

Altro evento importante è la ” Notte dei Cristalli ” in Germania, che invece che in Turchia la vedo meglio e più affine agli Stati Uniti: caos, proteste, saccheggi, vetrine rotte, incendi, spari, arresti, boicottaggi, vandalismo, in tutto ci furono 91 vittime e 25.000 arresti? Sarà una Notte della Rabbia? ( 9- 12 Aprile / 5 – 8 Maggio / 28 – 31 Maggio) …

Poi la presa di Barcellona, Catalonia e Madrid, e gli Stati Uniti abolirono i sit -ins di protesta, la Cecoslovacchia cessò di esistere, l’ Ungheria venne invasa, il mondo ebraico dichiarava guerra alla Germania, e alla fine della guerra civile, che probabilmente sarà una lampo, ci sarà un lungo periodo di dittatura in Francia / Messico…

Alla fine non sono più permesse imprese e aziende ebraiche in Germania, l’ Italia fascista invade l’ Albania e ad un tratto…

Inghilterra e Francia ordinano ai loro cittadini di tornare in paese, e lasciare la Turchia o gli Stati Uniti, il leader o il ministro degli esteri Statunitense / Turco interrompono momentaneamente le comunicazioni telefoniche e la rete Internet, navi mercantili, treni, aerei vengono costretti a tornare in patria e …

Così ad un tratto in un giorno fra : 14 Aprile 2017 / 10 Maggio 2017 / 2 Giugno 2017 scoppia la guerra sul terreno…Se comincia la Turchia prevedo una mobilitazione verso Armenia/ Siria / addirittura in Grecia possibile …Se invece sono gli Stati Uniti allora probabilmente si tratta sempre di una massiccia intensificazione del conflitto Siriano con l’ inizio di una nuova fase oppure se vorranno proprio scaldare i motori sarà la volta che il conflitto Ucraino tanto temuto ma tanto ignorato dai media scaturisce in Guerra Mondiale in un confronto fra Stati Uniti e Russia, a meno che alla Turchia non venga in mente di intrufolarsi nel conflitto Ucraino…

Alla prossima puntata con la descrizione della rievocazione della guerra mondiale…Che sul grafico si estende per meno di 40 giorni…Quindi prevedo una fase accelerata per poi tornare a una fase simile alla Guerra Fredda…





Autosomiglianze fisiognomiche nello spaziotempo storico

21 12 2014

E’ da un po’ che non aggiorno la sezione di Civiltà Scomparse intitolata “separati alla nascita”, in questa occasione voglio fare le cose “in grande”, proponendo un bel po’ di confronti e rassomiglianze tra personaggi politici (e non) famosi del passato e del presente, con la stessa “aria di famiglia.”
Presentando le seguenti immagini, non abbiamo per nulla intenzione di dimostrare che i presenti personaggi famosi del presente siano “reincarnazioni” delle figure storiche del passato ma vogliamo solamente mostrare come vi sia questo particolare fenomeno di PATTERN autosomiglianti che si ripetono nello spaziotempo.
Ciò è diffuso ovunque anche tra noi comuni mortali ma, naturalmente, si nota di più per quanto riguarda i personaggi pubblici e mediatizzati, perché le loro foto hanno maggiore circolazione e, attraverso i serbatoi di immagini dei motori di ricerca, sono dunque molto più facilitati i confronti e i paragoni rispetto a un tempo.

 

Alessandro III di Macedonia e Jean Sarkozy.

 

Armand Hyppolyte Louis Fizeau ed Eric Cantona.

 

Niccolò Machiavelli e Jacques Chirac.

 

Niccolò Machiavelli e Jacques Chirac.

 

Josif Stalin e Christian Dodd.

 

Dominique Strauss Kahn e Immanuel Kant.

 

Immanuel Kant e Dominique Strauss Kahn

 

Faul McCartney e imperatore Giustiniano.

 

Frederic Mitterand e Caio Mario.

 

Frederic Mitterand e Caio Mario.

 

Frederic Mitterand e Caio Mario.

 

George Harrison e uno dei compagni di Giustiniano.

 

Gorbaciov e Leonida di Sparta.

 

Gorbaciov e Leonida di Sparta.

 

Gorbaciov e Leonida di Sparta.

 

Gorbaciov e Leonida di Sparta.

 

Cocceio Nerva e Jack Lang.

 

Jack Lang e Cocceio Nerva.

 

Cocceio Nerva e Jack Lang.

 

Gordon Brown e George Monck.

 

Gordon Brown e George Monck.

 

Gordon Brown e George Monck.

 

Gordon Brown e George Monck.

 

Gordon Brown e George Monck.

 

Hermann Van Rompuy e principe Andreas Peter von Hesse.

 

Adolf Hitler con e senza baffi.

 

Dominique Strauss Kahn e Immanuel Kant.

 

Segoléne Royal e Alexandra Feodorovna Romanov.

 

Alexandra Ferodovna Romanov e Ségolene Royal.

 

John Travolta e ignoto del XIX secolo.

 

Imperatore Giustiniano e compagni, con Ringo Starr e George Harrison.

 

John Lennon, Paul McCartney, George Harrison.

 

Quattro cesari, cesarismo antico e (post)moderno, aria di famiglia.

 

 

Michel Rocard e cardinale De Richelieu.

 

Armand Hyppolyte Louis Fizeau ed Eric Cantona.

 

Niccolò Machiavelli e Jacques Chirac.

 

Nicholas Cage e ignoto del XIX secolo.

 

Presidente Barroso e faraone.

 

Ramsete II e presidente Manuel Barroso.

 

Re Vercingetorige e Jean Christopher Mitterand.

 

Re Vercingetorige e Jean Christopher Mitterand.

 

Shirley McLaine e la principessa Victoria von Saxe Coburn Saalfeld, che divenne duchessa di Kent.

 

Sylvester Stallone “reincarnato” in un quadro del XV secolo.

 

Siwan Morris e Kate Perry.

 

Josif Stalin e Christopher Dodd.

 

Steevy Boulay e Jean Fouquet.

 

Theodore Vernier ed Henry Guaino.

 

Margaret Thatcher e Judith di Bavaria

 

Judith di Bavaria e Margaret Thatcher.

 

Jane Asher e principessa Teodora.

 

 

 

 

 





Beppe Grillo, gli showman messia e il ritorno della caduta della repubblica di Weimar

21 05 2014

copertina sorrisi 1981 5 beppe grillo

Copertina del diffusissimo settimanale “Tv sorrisi e canzoni” risalente all’anno 1981, quando Beppe Grillo, a 33 anni, è GIA’ all’apice della popolarità.

In un precedente articolo dedicato ad Adriano Celentano, avevo concluso dicendo che, da un certo punto di vista, potevo divertirmi a pensare che il Molleggiato, in quei suoi aspetti profetici e messianici ben noti a tutti gli italiani, proseguiti con continuità dalla seconda metà degli anni sessanta in poi, poteva lasciar pensare che seguisse una specie di ben precisa missione, una specie di AGENDA, magari, chissà, “dettata dall’alto”; questi, naturalmente, sono aspetti dietrologici, anche piuttosto fantasiosi ma, d’altra parte, siamo qui per conciliare realtà e immaginazione.

Prendiamo, per esempio, un altro showman italiano che ha calcato le scene della televisione del Belpaese (della RAI in particolare), dagli anni settanta in avanti, Giuseppe Piero Grillo, in arte Beppe Grillo. Divertiamoci un po’, e pensiamo che le coincidenze che punteggiano la sua carriera non siano unicamente dovute al “puro caso.”

Figlio di un piccolo imprenditore di Savignone (GE), diplomato in ragioneria, i suoi inizi sono oscuri, dopo essere stato componente dei famosi (perlomeno a Genova) “ragazzi di Piazza Martinez” (tra cui c’era anche Donato Bilancia, il “serial killer della Liguria”), svolge dei lavori trascurabili, si esibisce come comico a Milano, si dice rubando le battute ad altri comici della sua città, come Orlando Portento e, per un bel po’ di tempo, la fama per Grillo è un miraggio.

Poi, dopo la metà degli anni settanta, quel ragazzo riccioloso (che per i maligni, e anche per certi amici, è “completamente scemo”) viene notato da Pippo Baudo in uno dei locali dove si esibiva a Milano e, di lì a non molto, la sua carriera fa un balzo supersonico e, dopo alcune comparsate su vari programmi di comicità dell’epoca, in poco tempo arriva a condurre programmi tv in prima serata, dai vari “Fantastico” del sabato sera (seguiti da milioni di persone) a, intorno al 1981, programmi TUTTI SUOI, come i vari “Te la do io l’America”, “Te lo do io il Brasile”, ricordo che quand’ero piccolissimo m’avevano regalato un 45 giri con la sigla del programma cantata da lui in modo blues.

Bene, facciamo un po’ i fantasiosi. Mettiamo che fin dalle origini, in qualche modo, “si sapeva già come sarebbe andata a finire” o, perlomeno, i vari centri di intelligence nazionali e internazionali avevano già, nei loro cervelli elettronici di allora, calcolato uno scenario politico italiano come si sarebbe concretizzato decenni avanti e avevano quindi pensato di preparare una possibile carta da giocare, da preparare e da tirarla fuori all’occorrenza, nel momento giusto, quando i tempi sarebbero stati maturi,  una specie di “candidato manciuriano” all’italiana…oppure, no, magari tutte le coincidenze della carriera di Grillo non sono dovute alla mano dell’uomo, a complotti, cospirazioni, operazioni segrete (come a certuni piace credere) ma a misteriosi sincronismi, sincronicità, coincidenze, a una specie di intelligenza “non umana” (ma facente parte di ciò che chiamiamo “natura”) che, in qualche modo gioca con i simbolismi, gli archetipi, le somiglianze, le anticipazioni di qualcosa che si manifesterà meglio in seguito, nel corso del tempo e della storia, come avevo detto alla fine dell’articolo dedicato al “Codice Genesi e sincromisticismo.”

Cercasi_Gesù_-_Beppe_Grillo

La capigliatura “alla Gianroberto Casaleggio” di Grillo, quando, a 33 anni, interpretò “Gesù.”

Torniamo a quel 1981, anno cardine per Beppe Grillo, ormai completamente famoso a livello nazionalpopolare (qualcosa di impensabile per lui fino a cinque anni prima), come dicevamo, ha ora un programma tv condotto tutto da lui, dove fa il mattatore e l’one man show, e canta anche la sigla blues della trasmissione. Il regista Luigi Comencini gli fa fare il suo primo film da protagonista, “Cercasi Gesù”…leggiamo la trama del film presa dal dizionario di cinema Mereghetti:

Un editore cattolico cerca una faccia da Gesù per lanciare un’opera a fascicoli, e la trova in Giovanni (Grillo), uno sbandato senza fissa dimora che vive presso un falegname. Mite e stralunato, Giovanni viene prima rapito da una terrorista (Maria Schneider) che aveva cercato di aiutare, poi viene spedito dai preti [della casa editrice cattolica che l’aveva ingaggiato per fargli fare Gesù] in manicomio[…] Grillo esordisce al cinema ma non funziona.[…]

In effetti, nonostante la fama dello showman ligure, il film fu un flop, ricordo di averlo visto da ragazzino, in televisione su una tv privata genovese, diversi anni dopo e, a dire la verità, sembrava davvero anticipare cose che si sarebbero concretizzate solo molto successivamente nella vita di Grillo e, nello stesso tempo, rispecchiare avvenimenti già accaduti. L’editore cattolico, interpretato dall’attore spagnolo Fernando Rey, una specie di manager che scopre e ingaggia Grillo per farlo diventare famoso, sembra anticipare di anni quel Gianroberto Casaleggio che convinse Grillo a partecipare a un nuovo progetto politico imperniato su internet, facendolo quindi, in seguito, una specie di “Messia” e, lo stesso personaggio, fa anche ricordare il talent scout Pippo Baudo che scoprì Beppe in un locale di Milano, portandolo a diventare un comico televisivo della RAI.

Immagine6

Pippo Baudo, Gianroberto Casaleggio, Fernando Rey.

Il protagonista del film, ricordo, aveva un’indole assai celentaniana, portata a essere “contro il sistema” ma, a dir la verità, in una maniera diversa rispetto a come – solo successivamente – Grillo sarebbe stato “contro il sistema”, a partire dalla seconda metà anni ottanta in poi, il suo linguaggio, infatti, mentre parlava dei disastri del nostro tipo di civiltà industriale (ricordo una strana scena dentro una discarica) era pacato…ciononostante, in questo film si manifesta per la prima volta, anche se in maniera molto blanda, un certo essere contestatario del comico. Nel film, i discorsi naturisti e pacifisti del personaggio di Giovanni (la figura del Messia per i fascicoli di una casa editrice) faranno poi arrabbiare i preti manager che l’avevano tolto dalla strada e reso celebre, fino a sbatterlo dentro una casa di cura.

Nell’anno in cui gira “Cercasi Gesù”, Grillo ha, guardacaso, 33 anni e, nel dicembre dello stesso anno, rischia anche di morire in un oscuro incidente d’auto in montagna dove persero la vita quattro persone e lui si salvò per miracolo.

Nello stesso anno, il 1981, in Francia, un comico italofrancese chiamato Michel Colucci, in arte Coluche, scende in campo in politica, candidandosi per le presidenziali francesi in opposizione sia al centrodestra che al centrosinistra, volendo far davvero sul serio, ma poi si ritira per non generare tensioni, dal momento che i sondaggi gli davano una preferenza tra l’elettorato francese del 16%. Un comico che entra in politica? Sembra davvero un Grillo ante litteram!

download

Coluche all’epoca della sua corsa alle presidenziali francesi del 1981.

Coluche ha girato pochi film, Grillo anche, eppure il destino si diverte a far loro contendere il ruolo di protagonista in “Scemo di Guerra” di Dino Risi. Questa la trama tratta dal dizionario di Mereghetti:

In Africa orientale, sul fronte italiano, il sottotenente medico Lupi (Grillo) specializzato in psichiatria, trova nello squilibrato comandante Pilli (Coluche) un interessante caso clinico da studiare. Una commedia grottesca dal sapore amaro.[…] Il cinema, come sempre, non sembra essere fatto per Grillo.

E, infatti, anche “Scemo di guerra”, come “Cercasi Gesù”, fu un flop. L’avevo visto per sbaglio una notte sulla Rai, una vagonata di anni fa e ricordo diverse scene particolarmente crude e impressionanti. E’ tutt’altro che un film comico, credetemi.

Coluche, comunque, a suo modo, ha continuato a far politica, nel 1985, lo stesso anno di “Scemo di guerra”, fonda un’associazione che si occupa di dare da mangiare ai senzatetto e ai bisognosi; morirà l’anno dopo, in un incidente motociclistico, sospetto per alcuni.

Immagine7

Nel 1987, lo stesso anno in cui fece le famose pubblicità ipnotiche, telepatiche, ufologiche per gli yogurt Yomo, Beppe Grillo interpreta il suo terzo e ultimo film, “Topo Galileo”, di Francesco Laudadio; leggiamo da Mereghetti:

Giuseppe Maria Galileo (Grillo), specialista in deratizzazioni, è incaricato di catturare la cavia Sigfrido fuggita dal laboratorio di una supermilitarizzata centrale nucleare. Ma Galileo finirà nella vasca di plutonio e diventerà anch’egli una cavia. Su un soggetto di Stefano Benni, sceneggiato con Beppe Grillo, il film vorrebbe essere un apologo antinucleare, ma è troppo schematico e diretto senza idee per essere convincente. Curiosa solo la prima parte, con qualche divertente parodia della fantascienza.

01071909

Grillo si difende dalle radiazioni nucleari nel suo terzo e ultimo film, “Topo Galileo.”

Naturalmente, anche il terzo film con protagonista Grillo fu un flop, ricordo di averlo visionato chissà quando, avevo messo il timer di notte per registrare un certo film su VHS e, invece del film previsto nella programmazione, il giorno dopo avevo scoperto che avevano mandato in onda questo “Topo Galileo”…pensando a tutte le invettive contro il nucleare e gli inceneritori, in questi ultimi anni, da parte di Grillo, anche questa (dimenticabile) opera cinematografica sembrava, in qualche modo, essere presagio di ciò di cui si sarebbe occupato l’ex comico negli anni a venire.

Adesso, a proposito di videoregistrazione, metto l'”avanti veloce” e faccio una veloce carrellata  proprio su tutti gli anni successivi all’87 e gli anni novanta, ovvero gli anni della sempre maggiore politicizzazione degli spettacoli di Grillo, dalle battute sui socialisti dai palchi di Sanremo (che gli erano costate l’ostracizzazione da “mamma RAI”), allo spettacolone in prima serata nel 1993 (proprio durante la supertransizione tra la prima e la seconda repubblica nel fermento che portò alla globalizzazione), spudoratamente politico dall’inizio alla fine!

beppe-grillo-copertina-227324_tn

Una copertina del settimanale “L’Espresso” del periodo post-tangentopoli, quando Grillo ebbe una trasmissione in prima serata tutta sua sul primo canale della RAI, politica dall’inizio alla fine.

E poi gli spettacoli che riempivano i palasport, come “Apocalisse morbida” del 1998 (periodo d’inizio della “nuova era” che il mio compare Mediter ha ben analizzato), da cui un filmato riguardante la moneta debito e la sovranità monetaria gira in rete da anni; i “discorsi di fine anno” – facendo il verso al presidente della repubblica ma parlando di argomenti che saranno stati propri del movimento politico di cui è uomo immagine – l’epoca, nella transizione dal XX al XXI secolo, in cui spaccava i computer sui palchi prima, invece, di rovesciarsi di segno e diventare una specie di paladino della comunicazione via computer…

Sembra quasi che ci sia l’illusione che personaggi come Beppe Grillo e Adriano Celentano siano stati forgiati dai mass media, per lunghissimi anni, in preparazione a un EVENTO prossimo venturo (o a una serie di eventi), che farà a pezzi il mondo in cui siamo stati abituati a vivere, qualcosa che si può anche definire come “La demolizione controllata dello Status Quo”, per dirla con gli amici del sito Anticorpi.info.

Lo stesso “Movimento 5 stelle”, di cui Beppe Grillo è “pasionario” e uomo immagine, è qualcosa di ben più dirompente di ciò che molti critici possano pensare a prima vista, il suo avere alte percentuali di voto tendenzialmente sempre in crescita, il suo non voler fare accordi e alleanze con nessun partito tradizionale, il generare da anni un certo tipo di immaginario fatto di “tempeste perfette”, “fuga dei politici con gli elicotteri”, “cacciata della casta”, ecc fa pensare a una possibile direzione futura dove, per dirla con Leo Zagami, si concretizzerebbe una “dittatura democratica”, una “dittatura della cittadinanza”, del resto lo stesso ex comico non ha sempre detto che “una volta raggiunto l’obiettivo il movimento potrà essere sciolto”? E L’obiettivo qual’è? Ne’ più ne’ meno che la  presa del potere totale da parte della “cittadinanza” di tutte le istituzioni politiche, il governo, forse la presidenza della repubblica, e il 100% del parlamento. Del resto, pensando a un possibile “governo a 5 stelle”, è immaginabile un’opposizione formata da tutto l’arco parlamentare della casta politica? E’ chiaro che questo “totalitarismo della cittadinanza” abbia bisogno di essere anticipato da una specie di psicodramma collettivo, una cerimonia collettiva che possiamo chiamare “il grande momento della cacciata della casta”, qualcosa a cui i mass media, piano piano, ci stanno preparando da anni ormai, anche con il contributo di diversi personaggi dello spettacolo, con Grillo come ariete da sfondamento. Questo momento, per riuscire davvero, avrà bisogno che, contemporaneamente, avvengano cose grosse in ambito internazionale e geopolitico.

Il definire il “governo 5 stelle” prossimo venturo una dittatura o un totalitarismo (per quanto della “democrazia diretta”), il mettere a confronto Beppe Grillo e Adolf Hitler, NON INTENDE ASSOLUTAMENTE dare giudizi di valore o di moralità, mettere in cattiva luce chicchessia, ma semplicemente confrontare due epoche storiche (quella della fine della “Repubblica di Weimar” in Germania, all’inizio degli anni 30 e quella che stiamo vivendo attualmente in Italia) e notare che le due epoche sono SORPRENDENTEMENTE SIMILI nel loro aspetto ricorsivo, avvenimenti che ritornano anche se in modo diverso. Cambiano tempi, luoghi, personaggi, tipo di storia, ma vi è come la stessa “aria di famiglia.”

Qualche tempo fa, circolò su internet un discorso che sembrava proprio scritto da Beppe Grillo in questi ultimi anni e invece, poi, alla fine, si scopriva che era un discorso di Adolf Hitler dell’inizio degli anni 30. Successivamente, venne fuori che si era trattato di una bufala ma, intanto, quel qualcuno che aveva messo in rete quello scritto tipo Grillo spacciandolo per uno di Hitler, aveva evidentemente colto – senza rendersene conto – una strana similitudine tra le due epoche storiche.

La cosiddetta “Repubblica di Weimar”, dal nome della città tedesca in cui ne fu siglata la costituzione, fu praticamente imposta come tale alla Germania dai vincitori della Prima Guerra Mondiale, tra la fine degli anni dieci e l’inizio degli anni venti del XX secolo. Era basata sul liberalismo di tipo anglosassone, quindi qualcosa di estraneo rispetto allo spirito tedesco (statalismo.) Unita alle riparazioni postbelliche, finì per generare una spirale di inflazione, indebitamento pubblico e disoccupazione generalizzata, che si aggravò tra fine anni venti e fine anni trenta, dopo la Grande Depressione proveniente dall’America in seguito al “lunedì nero di Wall Street del 1929.

Ci viene da paragonarla alla cosiddetta “Seconda repubblica” italiana, in un certo senso imposta all’Italia, dai vincitori della Guerra Fredda, dal 1992 in poi in seguito a “Tangentopoli” – siglata non a Weimar, ma a Maastricht – basata sul liberalismo di tipo anglosassone, qualcosa di estraneo rispetto allo spirito italiano (piccole medie imprese.) Unita alla corruzione e alla burocrazia, ha finito per generare una spirale di indebitamento pubblico, fiscalità aggressiva e chiusura delle aziende, il tutto aggravato tra il 2008 e il 2011, dopo la Grande Crisi finanziaria proveniente dall’America in seguito al crollo di Lehman Brothers, a tutto ciò che ne è seguito e al contraccolpo speculativo sui debiti che ha ricevuto l’Europa, anzi, la “Zona Euro.”

All’inizio degli anni 30 in Germania era già bene attivo politicamente il nazionalsocialismo, dopo che aveva cominciato a farsi sentire intorno alla metà del decennio precedente, e il suo obiettivo era di porre fine alla democrazia dei partiti e alla repubblica di Weimar.

All’inizio del 2010 in Italia era già bene attivo politicamente il movimento 5 stelle, dopo che aveva cominciato a farsi sentire intorno alla metà del decennio precedente, e il suo obiettivo è di porre fine alla democrazia dei partiti e alla seconda repubblica.

Lasciamo stare i cancellieri tedeschi prima del 30 marzo 1930 e i premier italiani prima del 16 novembre 2011 e concentriamoci su quelli dopo queste due date.

 

Immagine1

Heinrich Brüning, cancelliere dal 30 marzo 1930 al 30 maggio 1932. Le sue azioni politiche furono emanate per decreto presidenziale. Un’alta pressione fiscale e i tagli al welfare, per diminuire il livello del debito pubblico, peggiorarono le condizioni dei ceti più sfavoriti e accentuarono l’espandersi della disoccupazione. Gli ultimi mesi di Brüning videro il crescere della marea nazista e il problema della successione dell’anziano presidente della repubblica Von Hindenburg. Mario Monti, premier dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013. Il suo governo nacque sotto l’egida del presidente della repubblica. Un’alta pressione fiscale e i tagli al welfare, per diminuire il livello del debito pubblico, peggiorarono le condizioni dei ceti più sfavoriti e accentuarono la chiusura di aziende e l’espandersi della disoccupazione. Gli ultimi mesi di Monti videro il crescere della marea pentastellata e il problema della successione dell’anziano presidente della repubblica Napolitano.

 

Immagine2

Franz Von Papen, cancelliere dal 1º giugno 1932 al 17 novembre 1932. Il presidente Von Hindenburg lo nomina a patto che la sua amministrazione sia neutrale dal punto di vista politico e socio-economico. Il suo governo, invece, è reazionario e dalla parte del grande capitale tedesco, generando malcontento diffuso, che lo porterà a cadere entro breve tempo. I nazisti sono in parlamento e si cerca inutilmente di cooptarli per volerli normalizzare. Enrico Letta, premier dal 28 aprile 2013 al 22 febbraio 2014. Il presidente Napolitano lo nomina a patto che la sua amministrazione sia neutrale dal punto di vista politico e socio-economico. Il suo governo, invece, è reazionario e dalla parte delle grandi banche italiane e internazionali, generando malcontento diffuso, che lo porterà a cadere entro breve tempo. I pentastellati sono in parlamento e si cerca inutilmente di cooptarli per volerli normalizzare.

 

Immagine3

Kurt Von Schleicher, cancelliere dal 4 dicembre 1932 al 28 gennaio 1933. Diretto responsabile della caduta del governo Von Papen, ex generale, definito in modi sprezzanti, fu sempre vicino a coloro che detenevano il potere, dotato di talento nell’intrigo politico e ai mutamenti di opinione. Cercò di utilizzare i nazisti come pedina politica Fece continue promesse alle masse, giocando continuamente di sponda in sponda e il suo governo finì per cadere. Matteo Renzi, premier dal 22 febbraio 2014. Diretto responsabile della caduta del governo Letta, ex sindaco, definito in modi sprezzanti, sempre vicino a coloro che detengono il potere, dotato di talento nell’intrigo politico e ai mutamenti d’opinione. Cerca di utilizzare i pentastellati come pedina politica. Fa continue promesse alle masse, giocando continuamente di sponda in sponda e…

A questo proposito vedere anche https://civiltascomparse.wordpress.com/2013/04/05/romolo-augusto/

 

Immagine4

Paul Von Hindenburg è presidente della repubblica di Weimar all’epoca dell’inasprimento della crisi, è ultraottuagenario. Figura storica di un’epoca che non c’è più. Al momento della scadenza del suo mandato settennale, venne persuaso dai partiti a ripresentarsi per un secondo mandato, per contrastare l’ascesa dei nazisti. La sua prima presidenza venne inaugurata il 15 MAGGIO 1925. Giorgio Napolitano è presidente della seconda repubblica all’epoca dell’inasprimento della crisi, è ultraottuagenario. Figura storica di un’epoca che non c’è più. Al momento della scadenza del suo mandato settennale, viene persuaso dai partiti a ripresentarsi per un secondo mandato, in contrasto con i pentastellati. La sua prima presidenza viene inaugurata il 15 MAGGIO 2006. Napolitano è nato nel 1925, anno dell’inizio della prima presidenza Von Hindenburg.

In un’altra occasione presentato un’altra linea ricorsiva storica, dove, in pratica, avevamo mostrato l’attuale presidente della repubblica italiana come una sorta di Umberto II parte II, anche tenendo presente la leggenda urbana del Napolitano figlio illeggittimo dell’ultimo re d’Italia (indubbiamente diceria dovuta a una certa somiglianza fisioniomica) prima della proclamazione della (prima) repubblica.

Immagine5

“Mi hanno proposto un’alleanza, ma loro sono morti! Non hanno capito di avere a che fare con qualcosa di completamente diverso da un partito. Abbiamo una nazione economicamente distrutta. gli agricoltori rovinati, la classe media in ginocchio. le finanze agli sgoccioli, sette milioni di disoccupati… chi è il responsabile?
Loro! I partiti! Per 13 anni hanno dimostrato cosa sono capaci di fare. Sono loro i responsabili! Io vengo confuso…oggi sono socialista, domani comunista, poi sindacalista. loro ci confondono, pensano che siamo come loro.
Noi non siamo come loro!
Loro sono morti. E vogliamo vederli tutti nella tomba! Io vedo questa sufficienza borghese nel giudicare il nostro movimento….mi hanno proposto un’alleanza.
Così ragionano! Ancora non hanno capitodi avere a che fare con un movimento completamente differente da un partito….E’ un movimento che non può essere fermato….non capiscono che questo movimento è tenuto insieme da una forza inarrestabile che non può essere distrutta….noi non siamo un partito.
RAPPRESENTIAMO L’INTERO POPOLO, UN POPOLO NUOVO”

Firmato: Adolf Hitler o Beppe Grillo?

http://www.hubmagazine.it/il-discorso-di-hitler-che-ricorda-grillo-una-bufala/

Federico Fellini una volta disse: “Non voglio dimostrare niente, io voglio mostrare.”





Sincronicità e illuminazione

21 08 2013

Utilizzando lo studio della Storia, l’astrologia, e la teoria della sincronicità, l’autore e ricercatore David Wilcock ha discusso di come ci sia un un’architettura nascosta che si manifesta in cicli, la quale – secondo le sue ricerche – guiderebbe l’umanità verso l’illuminazione e il progresso spirituale. “La storia si ripete in cicli precisi” dice Wilcock, citando come esempio la previsione accurata di un astrologo francese nel 1961, di come la rivolta di Giovanna d’Arco scoppiata nel 1400 ripeteva la rivolta guidata dagli studenti (nel 1968) in Francia nel giro di pochi giorni.

“A questo ciclo di 539 [molto vicino a 1/4 dell’anno zodiacale] anni può essere stato fatto riferimento da Gesù in una parabola, quando parlava di perdonare tuo fratello sette volte 77 volte“, ha proseguito.

hannibal_hitler

Questi cicli si ripetono una volta passati 2160 anni, corrispondenti all’ “anno zodiacale.” Una buona parte della storia americana del Novecento è connessa olograficamente alla storia romana nell’ “età dell’ariete.”
Annibale sembra “Hitler con la barba.” Entrambi invasero le stesse aree, durante lo stesso periodo di tempo, usando, in ogni ciclo, le stesse strategie di base.

Wilcock ha anche trovato un parallelo tra la storia di Roma antica e quella americana dei tempi moderni, la prima guerra punica starebbe alla prima guerra mondiale così come la seconda guerra punica alla seconda guerra mondiale, Cartagine alla Germania, e Annibale a Hitler. “La realtà non è ‘vera’. Siamo in un ologramma. C’è come un programma che si sta ripetendo (chiamato Storia), e continua a ripetersi fino a quando non saremo riusciti a padroneggiare la lezione che ci sta insegnando”, ha poi sostenuto. “Ci sono anche i cicli più grandi di 720 anni (corrispondenti a1/3 dell’anno zodiacale), i quali corrispondono a insegnamenti misterici antichi” ha osservato.

“Il tempo della Fine non è relegato strettamente alla profezia cristiana, ma se ne fa riferimento in testi profetici di oltre 30 culture antiche, i quali indicano che ci stiamo dirigendo verso una ‘età dell’oro’, dopo essere passati attraverso periodi molto bui” ha poi detto.

Le persone stanno adempiendo un progetto cosmico, più vecchio del tempo stesso, che si propone di guidarci verso un’ ‘età dell’oro’ in cui avremo cose come viaggi attraverso stargate, tecnologia antigravitazionale, e l’ascensione in cui gli esseri umani giungono a trasformarsi in ‘corpi di luce’ ha proclamato. Per saperne di più,  date un’occhiata al video di Wilcock del suo nuovo libro The Synchronicity Key.

Versione originale: http://www.coasttocoastam.com/show/2013/08/19





Appunti, più o meno disordinati, su Hitler, tempo e petrolio

8 03 2013

[…] Ieri pensavo anche di sentirmi “scandalosamente vicino” ad Adolf Hitler il quale, come me, fin dall’infanzia viveva “in un mondo tutto suo”, “sognava la gloria”, sognava di diventare un pittore. Come me, quindi, aveva talento per il disegno. E, proprio come è successo a me, quel suo talento è stato frustrato. Non fu ammesso all’Accademia di Belle Arti di Vienna perché i suoi risultati all’esame di ammissione furono ritenuti troppo mediocri.

hitl_03

Acquerello di Adolf Hitler

Prima di diventare un completo nullatenente, quindi praticamente un clochard, Hitler cercò lavoro presso diversi posti a Vienna, ma gli venne rifiutato. Anni dopo, verso la fine degli anni trenta del XX secolo, sia quelli che l’avevano sbattuto fuori dall’Accademia di Vienna, sia quelli che gli avevano rifiutato un lavoro, furono scovati dalle SS agli ordini del führer, il quale, praticamente, si vendicò di loro.

cat-looking-like-hitler

L’effetto di quella causa che fu il rifiutare un lavoro a Hitler, e il non ammetterlo all’Accademia, avvenne più di venticinque anni dopo, quando la Storia era tutta diversa. Una specie di “legge del karma.” Quindi, in qualche modo, ciò viene dimostrato dall’immagine seguente, in cui viene messa a confronto la percezione comune del tempo lineare – dove l’effetto segue la causa a breve distanza, procedendo in avanti – e, invece, un modello più vicino a come il tempo è realmente, cioè effetti che sbocciano lontano nel tempo (lineare) rispetto alla loro causa.

480250_458784487508446_1552600313_n

Ciò che la gente pensa sia il tempo – Ciò che il tempo “realmente” è

Un altro esempio può essere lo smantellamento di un’area geografica culturalmente e linguisticamente unificata come l’Impero Ottomano negli anni dieci del XX secolo, e l’effetto di questa causa ha avuto modo di manifestarsi non subito, ma dopo gli anni settanta dello stesso secolo, con il caos bellico/militare del Medio Oriente, sia per via dei confini disegnati a tavolino da parte dell’Occidente, sia per via della presenza dello stato israeliano (a cui si è cominciato a dare via libera negli stessi anni dieci, con la “dichiarazione Balfour”) sia i cosiddetti “petrodollari”, coi quali i paesi mediorientali – come l’Arabia Saudita – dovevano pagare il loro petrolio, per far si di sostenere il dollaro USA dopo l’abbandono del Gold Standard nel 1971.

[segue divagazione]

Ecco perché gli USA e i loro alleati, da quell’epoca in avanti, sono sempre stati pronti a “guerre sante per il petrolio”, dall’epoca Ford-Carter in poi, come aveva anticipato Kissinger in quel numero di Business Week del 1975, perché ora il dollaro non è più sostenuto dalle riserve auree ma dalla vendita di petrolio in dollari, e quindi non si può permettere che degli stati mediorientali produttori di petrolio possano venderlo in una valuta diversa dal dollaro, magari, un tempo, alleandosi con l’URSS e quindi cominciando a vendere il petrolio in rubli.

Anni dopo, con l’URSS defunto, tra fine anni novanta e inizio anni duemila, leggevo articoli sul web – a cominciare dal 2005/2006 se non vado errato – in cui si diceva che l’Iraq era stato preso di mira dal complesso governativo USA (allora dominato dai neoconservatori del PNAC) perchè aveva preso la decisione di vendere il petrolio in euro e non più in dollari. Nel 2006 avevo letto che le minacce verso l’Iran erano dovute al fatto che quest’ultimo aveva deciso di aprire una “borsa del petrolio” in cui il greggio veniva venduto non in dollari.

Petrolio_Pasolini_FrontLa faccenda dell’Iran dura da tanti, tanti anni. Nel 2006, la questione era già su tutti i giornali dopo che nel 2005 – lo stesso anno in cui venne eletto Ratzinger papa – venne fatto dire al neopresidente dell’Iran che “Israele va cancellato dalla cartina geografica”, durante una conferenza chiamata World without zionism. E venne fatta anche una fiaccolata di sostegno a Israele contro l’Iran, organizzata da Giuliano Ferrara. Una specie di Mario Appelius parteggiante per il sionismo, con quella sua trasmissione in prima serata su RaiUno. L’attuale presidente Rai è una donna chiamata Tarantola.

Parallelismi e risonanze nel tempo a distanza di anni: il caos di Bengasi nel febbraio/marzo 2006 e il caos di Bengasi nel settembre 2012; il film blasfemo su Maometto, diffuso sempre in questo settembre e le vignette blasfeme su Maometto diffuse in quel febbraio/marzo.





Appunti tratti dal mio quaderno (6)

30 11 2012

Ecco la sesta puntata tratta dai miei quaderni, su cui scrivo appunti a mano con la penna. Come al solito, avviso che sono pietre grezze, da lavorare ulteriormente, magari un giorno da far diventare “gemme.” Alcuni di questi risalgono al novembre 2010, fino a circa un terzo di questo testo. Tra le parentesi quadre c’è quello che ho aggiunto per rendere lo scritto più comprensibile e preciso.

La fotografia che ritrae la spiaggia di Sampierdarena, e l’epoca dell’era fascista, in cui c’era un’impronta di ordine e di crescita. Vi erano i regoli calcolatori, altro che i computer, ed era, tutt’al più, l’era dell’elettricità assieme all’industria pesante [non dell’elettronica.] L’elettronica era ancora di là da venire. Figura estremamente simbolica di Mussolini, ritratta in testa a giornali solo in bianco e nero dentro i quali vivevano immagini di gentildonne e gentildonne, di tempi che non erano “altri”, perchè erano proprio quelli. Tempi da qualcuno rimpianti nel dopoguerra, in seguito al 1945, quando gli yankee sui carri armati distribuivano chewing gum e “cioccolatte” ai bambini che li vedevano come “liberatori.” Bambini straccioni, a piedi nudi, in braghe di tela di sacco con le pezze al sedere.

Enorme potere simbolico della “bandiera a stelle e strisce”, dagli anni quaranta-cinquanta del secolo scorso in avanti. E quelli che sono stati chiamati “neocon” avrebbero voluto vedere in tal senso anche il XXI secolo. Il “Progetto per un nuovo secolo americano” (Project for a new american century), firmato da diversi appartenenti al governo Bush junior, risale al 1998.

Nostalgia dell’arcaico. Volto di Mussolini scolpito nella roccia, volto simbolico, con quella mandibola pesante [e carica d’energia] e quei labbroni. Statua scolpita in una delle colonie italiane in Africa. “Faccetta nera”, ma, nello stesso tempo, gentiluomini e gentildonne “all’antica”, come nell’ottocento. Uomini tutti con il cappello, “donne con le gonne.” Quella canzoncina della Baistrocchi, che avevo ascoltato nel 1996, simile come impostazione a “Passeggiando per Milano”, riportata dal gruppo Casino Royale all’inizio di un brano dell’album Dainamaita, nel 1993, che avrei ascoltato per la prima volta quattro anni dopo.

Cantanti [di aspetto “benpensante”], come Natalino Otto, “il ragazzo di Cogoleto”, [e poi] Alberto Rabagliati, Pippo Barzizza […] Tutta roba all’antica, alla buona, [antiglobale] e autarchica. Canzoni come “Mille lire al mese”, “Ma cos’è questa crisi”, inserzioni pubblicitarie con modi di dire desueti come “raffreddore di petto”, slogan che però all’epoca erano “alla moda.”

Però, tutto sommato, negli anni 30 del XX secolo, in Italia c’era uno strano vento di modernità (e penso che un’atmosfera simile la si respirasse anche in Germania), la Topolino 500 Fiat [e poi] la “novità dell’estate 1936 o 1936”, il gelato da passeggio chiamato PINGUINO. Cose da anni sessanta nel pieno degli anni trenta.

save-the-date-il-pinguino-da-passeggio-oggi-a-L-TA6ra9Quando c’era il programma domenicale della sera [su Italia 1] chiamato Drive In, e lo vedevo, da bambino, alla televisioncina in bianco e nero di plastica arancione, con l’antenna rotonda [che si regolava male], dentro il salotto dell’appartamento di mia nonna. Appartamento che mi sembra ricorrente in sogni che al mattino non ricordo [bene.] Comunque, vi era lo showman Gianfranco D’Angelo – ora del tutto scomparso – il quale, alla fine della puntata, esordiva sempre [dicendo]: “Amici…”, e cominciava una pappardella che faceva in modo di far ridere [e applaudire], a tratti, la platea del pubblico davanti.

gianfranco-dangelo

Poi Gianfranco D’Angelo faceva anche le imitazioni (come quella di Roberto Gervaso -“Gervasetto”, nome che fu ritrovato nella lista degli aderenti alla loggia massonica “Propaganda 2”), e di Marina Lante Della Rovere.

Stato di routine, abitudinarietà, ripetitività, ipnosi. Questo è stato il 2010.

Il patto “Ribbentrop-Molotov” del 23 agosto 1939. Ovvero il patto tra la Germania nazista e l’odiato nemico comunista URSS. Stalin somigliava [di faccia un po’ a] mio nonno. Patto paradossale, dato che per tutti i comunisti-socialisti di allora, della 3^internazionale, la stella polare della loro vita era la falce e martello di Stalin. Il presente di allora è questa foto di Molotov, con quell’aspetto [come] “disegnato a matita”, che ritrovavo anche [nelle foto] dei volumi dell’enciclopedia “Le Nove Muse”, per esempio. E anche in certi libri di scuola di mia mamma. Certi giornali, quando ebbero ricevuto la “velina”, la buttarono dentro il cestino della spazzatura, credendo che la notizia fosse uno scherzo. Le due innaturali alleanze di Stalin all’inizio e alla fine della II Guerra Mondiale: quella con il nazismo e quella con gli angloamericani (dominati dai signori del debito alle banche private.)

Adolf Hitler, passato dall’essere una [specie di] barbone nullafacente [a Vienna negli anni dieci], ai giochetti con [la nipote] Geli Raubal negli anni venti – perversioni e anomalie psichiche a non finire – a essere tra i protagonisti ESAGERATAMENTE STORICI della II Guerra Mondiale. Assieme a Winston Churchill, Benito Mussolini, Charles De Gaulle, Franklin D. Roosevelt, Josif Broz Tito e Stalin. Grazie al nonno, e ai libri e alle riviste che leggeva, sono cresciuto in quell’appartamento [già citato] con questi miti che aleggiavano.

Hitler sembrava avere il naso finto.

Le sincronicità nel corso della storia: ben oltre l’ “11.11” e il fenomeno per cui pensi a un conoscente e dopo un minuto ti telefona.

Storie nascoste sotto la superficie della storia ufficiale, che non sono facili da raccontare come quest’ultima.

Quando non vi erano svastiche, altri simboli nazisti e [scritte come] “W Hitler” pasticciati sui muri della città, o sui sedili dell’autobus, perchè già i quotidiani come “Il corriere della sera” avevano stampate immagini in B/N [raffiguranti] parate di svastiche e frasi con scritto “W Hitler.”

Il film “Olympia” di Leni Riefensthal, nonostante fosse ambientato nel pieno del nazismo, tra la notte dei coltelli e quella dei cristalli, pare essere simile a una delle telecronache [sportive] televisive. Telecronache, in realtà cinecronache, mentre gli atleti si esibiscono, coi loro corpi degni delle statue greche.

RGA_olympia460

A Prato Nevoso, [i primi giorni di] gennaio 1991, poco prima di ricominciare il liceo, con la malinconia di ritornare a scuola, pochi giorni prima dello scoppio della prima guerra del Golfo, quando avevo registrato “la notte di Blob” su RaiTre, e c’era quella sigla finale con la musica di John Coltrane, [il brano] “My sweetest thing.” [In quello stesso periodo] avevo anche letto quel volume, della collana “Siamo fatti così” [ispirata all’omonima serie a cartoon], in cui veniva esposto come la generazione [di chi scrive] sarebbe stata la prima a diventare galattica. Sembrava [una cosa] scritta da qualcuno che la sapeva lunga.

Siamo-fatti-così

[Uno studioso e giornalista], tal Knicherbocker, nel 1934, scrisse un libro “Ci sarà la guerra in Europa?”, in cui praticamente profetizzava la II guerra mondiale. Adolf Hitler lo acquistò per 12 lire e lo seguì alla lettera. Il celentaniano [film] “Zio Adolfo in arte Fuhrer”, con anche Felice Andreasi, una delle ICONE del periodo 1979-1983. In uno di quei fogli di giornale appiccicati sui muri all’ingresso di quel negozio: “Posto fisso se lavori di più” = meccanismo oppressivo che utilizza la psicologia delle masse, come quando Mario Monti ha espettorato: “I benefici di questa manovra non li vedremo noi ma i nostri lontani discendenti.”

Il pezzo “Jungla di città” del 1982 [sembrava essere stato] suggerito a Celentano dal principe Philip di Edimburgo, con le sue allusioni [al depopolamento terrestre], come [nel punto in cui canta] “Siamo troppi sulla Terra/come tappi/nella birra.”

In quel filmato del giugno 1940, a fianco di Mussolini, vi era un personaggio vestito di bianco che urlava “Saluto al Duce!”, ed era una ritualità di quei tempi…ai tempi in cui mio nonno aveva quindici anni, e poi voleva tramandare questa tradizione anche ai suoi nipoti. Cioè, stava attento che noi nipoti salutassimo.

saluto_al_duce

I gentiluomini che si levavano il cappello Borsalino, prodotto in Italia, quando incontravano una dama vestita con una gonna che, [solo] a partire dal 1912, arrivava al ginocchio. Quando prima arrivava fino alle caviglie. Non c’era niente lasciato al caso. I ruoli e le gerarchie erano ben individuabili, così come i ruoli destinati alle diverse età. Si apprendevano veramente i mestieri e le professionalità, si tramandavano di padre in figlio. In nuove industrie, attività umane, si investiva denaro sonante. Non soldi digitati su uno schermo, usciti fuori dal nulla e dati in prestito. Non voglio far cadere nell’equivoco che stia rimpiangendo quei tempi. [Sto solo facendo un’analisi oggettiva.] A scuola e nelle università si insegnava e si imparava per davvero. Ed era fortemente avvertita l’autorità accademica. Prima dell’alleanza dell’Italia con USA e UK nella NATO, [vi erano espressioni come] “Perfida Albione”, “Dio stramaledica l’Inghilterra”, e vi erano espressioni curiose, come “Il popolo dei cinque pasti.”

Il prossimo mese ci si troverà in una data limite, di cui se n’è tanto parlato negli anni scorsi, e di certo tante teste cadranno – nel mondo dell’informazione alternativa – se “qualcosa di grosso” non succede.

Ricordo quando l’anno scorso, più o meno a quest’epoca, attendevo che finisse il 2011 e iniziasse il 2012. Tutto il movimento nel corso del 2011 (la “primavera araba”, il conflitto in Libia e la morte di Gheddafi, l’arresto del direttore del FMI, la morte di Osama Bin Laden, le turbolenze finanziarie-speculative a luglio in Italia, la minaccia di default in USA il 2 agosto, gli indignados in Spagna, Occupy Wall Street in USA, il varo di un “governo tecnico” in Italia, imposto dall’estero dopo le dimissioni di Berlusconi…) m’aveva fatto pensare che il 2012 sarebbe stato ancora peggio…o ancora meglio [a seconda dei punti di vista.] E riempivo di attesa cose come il nome di quel sito (bufala) canadese, “The 2012 scenario”, pensando che tutta l’irrequietezza veduta nel 2011 era un assaggio di ciò che sarebbe successo l’anno successivo. Invece, il 2012 è stato un anno ricco di falsi allarmi, di sostanziale immobilismo e attendismo. Un anno alla “Aspettando Godot.” Anche se, in gennaio, c’era stato un avvenimento forte, che aveva un po’ scosso, ovvero l’affondamento della nave Costa Concordia. Tutto il resto è stato noia.