Tracce di mutamento – Segnali di ingresso nella ( mia ) era del Leone

5 03 2019

 

Questa è la prima volta che mi rendo conto in contemporanea e non in retrospettiva, di un cambiamento di era nella mia vita. Le nostre vite si svolgono in parallelo con la Storia, e passa virtualmente e simbolicamente attraverso scompartimenti diversi, distinti fra loro. Ognuno di essi è come un secolo, si contraddistingue per il suo ” carattere ” e per il progresso personale che produce.   

All’ inizio della vita ( o possibilmente anche dopo l’ adolescenza ) queste epoche interiori sono uguali per tutti, e tutte si accompagnano all’ ingresso, come una interferenza, di ” altro da sè “, una figura di riferimento, un simbolo esteriore e concreto di ciò che viviamo a livello psicologico e interiore, intangibile agli altri. 

Il nostro primo – punto di riferimento o catalizzatore – è sempre la nostra madre, poichè si inizia sempre nell’ epoca del Cancro, in un tempo della vita in cui siamo dipendenti dalla sua presenza e dal suo supporto, dove dormiamo quasi tutto il giorno e viviamo dentro una casa, a contatto con la famiglia, dove impariamo le basi della vita, una stagione di tutorial dove dobbiamo essere guidati dai genitori in ogni cosa. Certe epoche durano poco, altre si estendono per diversi anni. E potenzialmente possono essere ” di anticipazione ” oppure ” di primo grado “, poichè per esempio ad un certo punto il bambino che cresce entra in una breve epoca mentale del Pesci, dove vive in un mondo che assomiglia ad un ” sogno “, intriso di fantasia, fiabe, leggende, e affronta il primo contatto con l’ acqua della piscina. 

Durante i miei primi mesi di vita spesso mi trovavo a stare da solo con mia madre mentre mio padre si occupava dell’ emergenza di salute di mio nonno. Mia madre allo stesso modo in cui io ne avevo esperienza come ” maggiore influenza e interferenza ” nella mia nuova esistenza, scriveva tutto quello che mi riguardava nelle sue agende. Poi il ” proiettore metaforico ” si è spostato su mio padre, che mi raccontava le fiabe, le favole, le barzellette, le filastrocche, poi ho cominciato a disegnare, a inventare mondi tutti miei, e ho cominciato verso i sei anni un corso di nuoto. 

Ad un certo punto avviene un mutamento evidente, in concomitanza con l’ esperienza con un insegnante o una babysitter, grazie al quale impara il concetto di autorità ” esterna dai genitori ” e guida ( alternativa ).  Questa è una fase di nuovi inizi, nella quale emerge la vera personalità primaria e basilare del bambino, dove comincia a distinguersi per qualcosa di ” tutto suo “. In questa fase il bambino vede ogni cosa come nuova, come qualcosa da iniziare e scoprire, non c’è un passato definibile, ma un presente molto intenso. Il bambino inizia uno sport, il bambino si confronta con ” gli altri da sè ” , compete con i compagni di scuola o di corso, costruisce le basi della sua individualità e identità, e vive la vita con grande energia, e spesso anche con attacchi di rabbia. Il bambino pensa solo ai suoi interessi, generalmente, è concentrato pienamente su sé stesso. Inoltre il pionierismo si vede nella interpretazione individuale del mondo circostante, rappresentato da esso in modi innovativi ed esclusivamente personali.

La mia infanzia secondaria è stata accompagnata dalla figura di babysitters, insegnanti, ma soprattutto compagni di scuola, e dagli istruttori del centro nuoto. Creavo idee tutte mie sul mondo che stavo imparando a conoscere, e percepivo tutto in correlazione con me stesso, ma percepivo con intensità anche il confronto con gli altri. La lettura degli Animorphs, che è sostanzialmente una storia di guerra, ha rappresentato una parte veramente significativa delle mie esperienze percettive.   

L’ ingresso nella pubertà è il mutamento di epoca più evidente e turbolento, e rappresenta simbolicamente l’ ingresso nell’ epoca interiore dei Gemelli, che di solito dura fino alla fine del sedicesimo anno di vita.  Il modello di riferimento è il – coetaneo, un compagno di classe, il fratello, la sorella, eventualmente un cugino, un giovane vicino di casa, uno zio. Una fase imprevedibile, dove la varietà si accumula, le novità si accavallano, tutto è ancora generalmente nuovo, ci si concentra prevalentemente sulle comunicazioni, sul nuovo cellulare, sui messaggi, le email, i bigliettini in classe, i pettegolezzi, e sul mondo scolastico.

A tredici anni, attraverso una festicciola, sono entrato di diritto nell’ epoca interiore del Gemelli. Le novità e il progresso erano apportati dai coetanei, dalla storiella con una ragazza, l’ approccio all’ epoca innovativo con il cellulare, l’ epoca dei messaggini, degli sms, degli squilli, per me iniziata a quattordici anni, il confronto con un fratello che cresceva, le ultime esperienze con i cugini d’ estate prima di allontanarsi e perdersi di vista, la lettura dei libri, il primo approccio con le notizie del mondo, i fumetti, come Topolino e Dylan Dog ( una collezione posseduta da mio zio ), il passaggio dalle medie alle superiori, e la concentrazione sullo studio e sulle informazioni. L’ uso originale ed eccentrico del mio diario, con codici segreti, disegnini e altre cose che intrigavano i miei compagni, un diario che veniva ricercato e chiacchierato … 

Generalmente dai diciassette ai diciannove anni si entra nell’ epoca interiore dell’ Acquario, nella quale il simbolo di riferimento, l’ ” altro da sè ” che produce una interferenza e una influenza nella nostra vita è il migliore amico, il gruppo, la compagnia, i compagni di classe , e l’ approfondimento delle amicizie, e delle conoscenze tecnologiche, è centrale. Si incomincia ad uscire dal perenne presente, e si comincia a immaginare e pianificare il futuro, gli adulti diventano elementi di contorno, si ricerca l’ indipendenza e la libertà, e i cambiamenti abbondano ancora, e sono ancora più imprevedibili e repentini. Si diventa adolescenti ribelli e bastian contrari, si esce dal recinto, si valorizza le proprie diversità e si trasgredisce alle regole.

A partire dal 2007 la mia classe era entrata al centro delle mie esperienze, culminando nella elezione a rappresentante di classe, una sorpresa imprevista, e culminando nell’ innamoramento perso e non corrisposto, che ha portato me al centro dell’ attenzione. Quella era anche un’ epoca di fondamentali e significative esperienze in amicizia, e anche nell’ approccio con il mondo della rete, che prima di allora, sinceramente, non era così influente per me, ed estendendo le conoscenze della rete, si sono modificate tante percezioni, ho affrontato l’ esperienza di partecipare a discussioni sui forum, ho appreso informazioni alternative e innovative, ma l’ energia turbolenta dell’ Acquario, a livello metaforico, ha portato anche turbolenze mentali e psicologiche, attacchi di panico e altri problemi, nel 2008. 

La mia ” era del Sagittario interiore ” è iniziata intorno alla metà di giugno – inizio luglio 2009, in concomitanza con la conoscenza di una grossa ” figura di mentore ” e figura di riferimento, quale è stata Terence Mckenna. Ad un certo punto, come per magia, tutto ha iniziato a girare intorno a lui e alla sua idea della vita, e alla timewave. Terence Mckenna mi ha donato una passione per la Storia, e l’ esplorazione di concetti rari da trovare. Tutto girava intorno alle Grandi Domande, e poi ho cominciato il primo anno di tentativo di università, e allora il mio mondo, anche sociale, si è allargato, ho esplorato i concetti di diversità, di lontananza dal mio territorio usuale, e sono diventato un po’ più indipendente, anche senza la patente. Il 6 ottobre 2009 è stato il secondo ingresso in questa epoca, forse l’ unica che ha avuto un prologo estivo prima di accendersi pienamente. Durante l’ autunno del 2012 è tornata per qualche settimana, quando ho provato di nuovo a frequentare l’ università, anche se è stata un’ esperienza diversa, più concentrata sulle materie di studio, e meno sull’ approccio alternativo ed espanso, al sociale. Quell’ autunno, infatti, è stato l’ ultimo periodo dove la credenza nelle idee e nelle ” storie ” di Mckenna era molto concreto, le aspettative erano alte, il suo messaggio e il suo pensiero percepiti intensamente dentro di me. 

Nel giugno e luglio 2010 e dicembre 2010 – giugno 2011 e febbraio – giugno 2012 ho affrontato le mie prime esperienze di ” esplorazione lavorativa “, presentatasi a me attraverso intermezzi, per poi concentrarsi pienamente fra marzo e luglio 2014, in una potenziale ” Epoca della Vergine “, caratterizzata da un forte senso del dovere che avvertivo come una catena che stringeva. Inoltre l’ approccio organizzato e preciso della Vergine mi ha aiutato a produrre tutte le mie ricerche relative alla Timewave, per esempio. Inoltre dalla fine dell’ estate 2011 al marzo 2013 ho anche vissuto fra due case e due famiglie, alle prese con una intensissima e inglobante vicenda che si collegava a delle lezioni private, e quindi il mio ” secondo fratello ” è stato un elemento guida e di riferimento ( tutto all’ improvviso girava intorno a lui, e tutto si allacciava a lui ) e poi il punto di riferimento si è spostato verso i colleghi del mio lavoro attuale. Ho sviluppato una vita abitudinaria e monotona, dimenticando per un bel po’ tutti i cambiamenti e le rivoluzioni proposte dalle fasi precedenti, ho imparato determinate cose, e ho vissuto in una visione del mondo pratica che ha stonato un bel po’ con la mia essenza.

Il 2013, più o meno dalla metà di marzo fino a fine febbraio 2014, e poi ancora lungo tutto il 2014 e una piccola parte del 2015, è stato un anno Cancerino, poichè mi sono chiuso in me stesso e nella mia casa, che mi ha donato esperienze nuove, ho iniziato ad esplorare e riscoprire con grande intensità e determinazione il mio passato, leggendo tutte le agende di mia madre, andando a vedere tutte le vecchie foto, i filmini, e continuando a scrivere sui miei diari con più intensità, per conservare e immagazzinare il presente. In quella fase credo che il mio punto di riferimento sia diventato dapprima la mia soffitta con le sue foto vecchie, l’ armadio delle agende di mia madre, e successivamente il mio attuale posto di lavoro, nel quale mi sono adattato come fosse una seconda casa, perché è così che mi sento, anche se non sarà per sempre. Il passato era più concreto del presente, e infatti la mia vita si è di gran lunga rallentata e stabilizzata, arruginendosi un bel po’. Quella staticità era evidente, e mi provocava grande frustrazione. La mia prima compagnia di amici post stasi è diventata come una piccola famiglia alternativa, una combriccola di fratellastri, e io ero una figura di riferimento e moderazione, assieme ad un mio altro amico, eravamo diventati i ” genitori ” del gruppo. Dalla fine dell’ estate 2014 all’ inizio dell’ inverno 2014 – 2015 tutto ha cominciato a ruotare intorno a loro. 

Intorno ad un giorno indefinito ( ancora non ero cosciente di questi mutamenti d’epoca interiore ) della primavera 2015 ho cominciato la mia era dello Scorpione: i segnali erano evidenti, il modello di riferimento culturale, e il modello di pensiero che più ha influito sulla mia vita era Stephen King, i suoi libri, ma non solo, adesso che ci penso, anche la serie di Degrassi, con tutte le innovazioni percettive che produceva sul mio modo di pensare. I libri di King erano tutta un’ altra cosa rispetto agli altri testi, erano intensi, potevano suggestionare, ti catturavano, ti scombussolavano, erano letture vissute. Il 2015 è stato, inoltre, ” l’ anno in cui ho perso di vista il mondo interiore “, avevo allentato i contatti con la mia interiorità e le mie meditazioni, dopo il ” ritiro in me stesso ” del 2013 – 2014, ne avevo abbastanza, e infatti il mio mondo sociale è esploso, si è espanso a dismisura, ogni mese spuntava fuori qualcuno di nuovo, o un nuovo amico, sia concreto che potenziale. Senza esserne cosciente, il mio stile di vita e le mie tendenze, si sono modificate, allineandosi al ” modo in cui si percepisce chi è Scorpione ” per così dire. E’ stato anche l’ anno in cui è morto il mio gatto, che viveva con noi da sedici anni, e ho avuto a che fare con il tema della – condivisione delle risorse – e bisogna dirlo, c’è stato anche un notevole sfruttamento di queste risorse, e uscire da questo circolo vizioso è stato difficile, ma intorno alla primavera del 2017 ce l’ ho fatta.

Nel 2015 e 2016 ho vissuto ” il lato ombra della adolescenza ” ed ero completamente immerso in una seconda fase adolescenziale, visto che io sono sempre stato un caso a parte, percorrendo una corsia alternativa, con tempi di crescita e maturamento ben differenti dalle altre persone. In quest’ anno ho vissuto l’ adolescenza ” di strada ” e ” delle esperienze ” che mi mancava, e mantenere il segreto e la discrezione era diventata ” parola d’ ordine “. Nel 2015 inoltre ho scoperto il mondo LGBT, ho approfondito l’ argomento, perché mi interessava comprendere il loro punto di vista. Le mie riflessioni ed esplorazioni del pensiero umano si sono concentrate su quella comunità di persone. Non solo, ho anche scoperto di avere l’ OCD ( disturbo ossessivo – compulsivo ) e ho approfondito l’ argomento e conosciuto meglio me stesso. Ci sono state inoltre diverse esperienze legate alla mortalità altrui, già da inizio anno 2015, che mi hanno fatto riflettere. Ho cominciato veramente a stare sveglio per la gran parte della notte, e l’ anno scorso mi son guardato tutte le stagioni di Skins, la serie tv più ” scorpionica ” che possa esserci in circolazione. Lo Scorpione è associato ai cibi esotici, e persino quello ho affrontato, con occasionali serate al ristorante Giapponese …   persino la parte relativa agli interventi chirurgici ( unica volta per me finora ) l’ ho affrontata alla fine dello scorso anno! le complicazioni e le difficoltà, le CRISI erano vissute con grande intensità, quasi si presentassero apposta per questa fase della vita, CRISI che a tutti gli effetti si sono ritirate nel corso della primavera 2017, dove sono entrato all’ improvviso in una fase calma, durata per tutto il 2018, e che forse si avvia verso la fine, pronta ad una nuova ricarica, ma con ” energie e atmosfere ” ben diverse dalla gelosia e vendicatività, e struggimento rabbioso e frustrato dello Scorpione.  

____________________________________________________________________________________________

Ora che cosa sta succedendo? Come sarà il mio futuro immediato? 

Per qualche tempo, fra la seconda metà del 2018 e i primi due mesi del 2019, sono stato in un limbo, una fase di ritiro, di inerzia, di lentezza, ma ora penso che questa fase stia arrivando alla fine, e che una serie di nuovi cambiamenti avrà presto inizio. 

Già dai primi giorni dell’ anno avvertivo una sorta di anticipazione, anche se credevo facesse ancora tutto parte di ciò che veniva prodotto dall’ era dello Scorpione interiore, ma in realtà erano esperienze nuove. 

Credo di aver trovato il mio nuovo ” punto di riferimento simbolico “, anche se per confermarlo, bisognerà attendere ancora qualche tempo, prendere nota e catturare tutti i segnali del mutamento. 

Le sincronicità sono tali che potrei persino provare ad abbandonare il mio approccio fatalistico prodotto dallo Scorpione, dove l’ impatto del pensiero nichilistico ha prodotto imprevedibili interferenze, e probabilmente potrei tornare ad un modo di pensare più individualistico.

A volte sinceramente si ha la percezione perfettamente coordinata di ” vedere il futuro, unire tutti i puntini, di trovarsi in situazioni che sembrano roba da telefilm ” …

Se si entra nel regno del Leone interiore, bisogna arrivare a capire che, vivendo una vita in un corpo, tutto gira veramente intorno alla tua esperienza singolare e individuale. Il mio modo di vedere eccentrico e individualistico potrebbe tornare alla ribalta. 

Le parole chiave di questa nuova imminente esperienza di vita sono: lealtà, volontà, fedeltà, sicurezza e fiducia interiore, rispetto di sè, generosità, un nuovo approccio alle figure di autorità, la percezione dell’ arroganza, dell’ egoismo, e un approccio innovativo e concentrato sulla creatività e sul talento, un’ epoca che sarà caratterizzata dal ” ritorno della drammaticità ” nella mia vita, dopo un calmissimo 2018 ( per i miei standard, si intende ). Inoltre forse ci sarà un approccio innovativo concentrato sui divertimenti, il ritrovamento del bambino interiore, un potenziale nuovo approccio alla ” vita romanticizzata “, una potenziale ” nuova alba “, un periodo che durerà diversi anni, forse più di tutte le altre epoche precedenti, che rappresenterà ” il mezzogiorno della vita “, e forse si ridurrà l’ esperienza di vita ” di veglia notturna ” fino alle sette del mattino, ma non mancheranno serate molto significative, visto che il Leone è associato alle esperienze ( non solo diurne e pomeridiane ) serali, mentre invece lo Scorpione mi aveva fatto addentrare nella notte profonda. 

Urge un approfondimento astrologico della psicologia leonina, per capire a cosa vado incontro. Una esperienza leonina può produrre ” spettacoli ” , esperienze che possono farti sentire come se fossi ” interprete e attore ” * ( non è mica un caso che il mio insegnante di scuola guida appena iniziata sembra rubato ad un palcoscenico teatrale nei suoi modi di esprimersi ;), per fare un minuscolo esempio), aumenta la vitalità, ma si presentano anche notevoli eccedenze ed esagerazioni. Probabilmente ad un certo punto, nel corso dei mesi e degli anni, cercherò ” la attenzione altrui ” e mi concentrerò di nuovo sui miei talenti creativi.             

Annunci




Un approccio inusuale agli stadi della vita ( con qualche esempio personale )

8 12 2018

Visualizza immagine di origine

Ho trovato un sito ( American Institute ) che spiega le 12 fasi ( una però è intrauterina ) di una vita umana, connettendosi così in qualche modo anche all’ astrologia:

  • La fase infantile primaria è associabile al segno dei Pesci o del Cancro, il modello simbolico dell’ esperienza è quello della madre, alla quale si è ancora intimamente legati e dipendenti da essa. Gli infanti dormono di più, rimangono  in casa, a contatto con la famiglia e i parenti più stretti, hanno bisogno di essere guidati e accompagnati in ogni azione. L’ infante vive in un mondo che assomiglia ad un ” sogno “, intriso di fantasia, fiabe, leggende, adesso in tempi moderni entra a contatto per la prima volta con l’ acqua in piscina, ai corsi di acquaticità.
  • La fase del bambino è associabile al segno dell’ Ariete, il modello simbolico dell’ esperienza è un( ‘ ) insegnante o una babysitter, in qualità di autorità e guida. In questa fase il bambino vede ogni cosa come nuova, come qualcosa da iniziare e scoprire, non c’è un passato definibile, ma un presente molto intenso. Il bambino inizia uno sport ( per me è stato il nuoto, per mio fratello il basket ), compete con i compagni di scuola o di corso, costruisce le basi della sua individualità e identità, e vive la vita con grande energia, e spesso anche con attacchi di rabbia. Il bambino pensa solo ai suoi interessi, generalmente, è concentrato pienamente su sé stesso. Inoltre il pionierismo si vede nella interpretazione individuale del mondo circostante, rappresentato da esso in modi innovativi ed esclusivamente personali.  
  • La fase della prima adolescenza, quando si entra alle medie, fino alla fine del sedicesimo anno, è associabile al segno dei Gemelli, il modello di riferimento è il – coetaneo, un compagno di classe, il fratello, la sorella, eventualmente un cugino, un giovane vicino di casa, uno zio – e l’ arrivo della pubertà genera e mette in moto tutta una serie di cambiamenti, e infatti questa è una fase imprevedibile, dove la varietà si accumula, le novità si accavallano, tutto è ancora generalmente nuovo, ci si concentra prevalentemente sulle comunicazioni, sul nuovo cellulare, sui messaggi, le email, i bigliettini in classe, i pettegolezzi, e sul mondo scolastico.
  • La fase della seconda adolescenza, alle superiori, fino alla fine del diciannovesimo anno, è associabile al segno dell’ Acquario, il modello di riferimento è – il migliore amico, il gruppo, la compagnia, i compagni di classe – e qui l’ approfondimento delle amicizie, e delle conoscenze tecnologiche, è centrale. Si incomincia ad uscire dal perenne presente, e si comincia a immaginare e pianificare il futuro, gli adulti diventano elementi di contorno, si ricerca l’ indipendenza e la libertà, e i cambiamenti abbondano ancora, e sono ancora più imprevedibili e repentini. Si diventa adolescenti ribelli e bastian contrari, si esce dal recinto, si valorizza le proprie diversità e si trasgredisce alle regole.
  • Da qui le fasi non sono più uguali per tutti:
  • Chi si dirige verso l’ ambiente universitario si addentra nella fase associabile al Sagittario, si approfondisce lo studio, ci si laurea, si incontrano eventuali teorie sulle Grandi Domande, ci si rapporta con la diversità e con il lontano, il proprio ambiente si espande, si viaggia, ci si rapporta con culture estranee, e si mantiene la propria indipendenza. Io ci sono passato, anche se non è durato molto, e per me la fase è durata dal 6 ottobre 2009 a fine maggio 2010 e poi ancora fra ottobre e dicembre 2012, e ovviamente il mio personaggio di riferimento periodico è stata la figura Guru di Terence Mckenna, e siccome l’ ho scoperto nell’ estate del 2009, si può dire che mi ha accompagnato nella fase universitaria, diventando l’ elemento centrale di tutte le mie riflessioni e scoperte del periodo. Proprio come sono uscito dalle superiori, ho immediatamente iniziato una nuova fase.
  • Probabilmente le fasi possono intersecarsi quando si è adulti, perché sono sicuro che sono passato anche attraverso la fase dell’ inizio del lavoro, cominciata per me il 14 giugno 2010, con un lavoro estivo, seguito da uno stage di sei mesi fra dicembre 2010 e maggio 2011, e poi ancora nell’ inverno e primavera del 2012. Siccome il mio lavoro attuale è cominciato nel marzo 2014, credo che quella fase sia durata almeno fino all’ estate inoltrata del 2014. Entro quel periodo ho anche vissuto fra due case e due famiglie, alle prese con una intensissima e inglobante vicenda che si collegava a delle lezioni private, e quindi il mio ” secondo fratello ” è stato un elemento guida e di riferimento ( direi assolutistico in quel periodo ), e poi il punto di riferimento si è spostato verso i colleghi del mio lavoro attuale. Ho sviluppato una vita abitudinaria e monotona, dimenticando per un bel po’ tutti i cambiamenti e le rivoluzioni proposte dalle fasi precedenti, ho imparato determinate cose, e ho vissuto in una visione del mondo pratica che ha stonato un bel po’ con la mia essenza.
  • Credo che possa esistere una fase associabile al Cancro ( anche ) nella decade dei ventenni, perché in quel periodo, iniziato a marzo 2013 ho iniziato ad esplorare e riscoprire con grande intensità e determinazione il mio passato, leggendo tutte le agende di mia madre, andando a vedere tutte le vecchie foto, i filmini, e continuando a scrivere sui miei diari con più intensità, per conservare e immagazzinare il presente. In quella fase credo che il mio punto di riferimento sia diventato dapprima la mia soffitta con le sue foto vecchie, l’ armadio delle agende di mia madre, e successivamente il mio attuale posto di lavoro, nel quale mi sono adattato come fosse una seconda casa, perché è così che mi sento, anche se non sarà per sempre. Il passato era più concreto del presente, e infatti la mia vita si è di gran lunga rallentata e stabilizzata, arruginendosi un bel po’. Quella staticità era evidente, e mi provocava grande frustrazione. La mia prima compagnia di amici post stasi è diventata come una piccola famiglia alternativa, una combriccola di fratellastri, e io ero una figura di riferimento e moderazione, assieme ad un mio altro amico, eravamo diventati i ” genitori ” del gruppo.
  • Secondo me potrei essere attualmente in una fase della vita associabile al segno dello Scorpione, e credo che il mio modello di riferimento sia diventato Stephen King, perché da quando ho iniziato a leggere i suoi libri, leggere qualcos’ altro è diventato meno soddisfacente, sebbene ultimamente leggere i libri di King sia diventato più difficile, perché ti entrano dentro e ti scombussolano veramente, devi prenderli alla leggera e non farti suggestionare. Però non vedo ancora le eventuali esperienze sessuali che dovrebbero accompagnarsi a questa fase! ( LOL ) Ho scoperto King nel 2015, che per me è stato un anno di esplosione del mondo sociale, ma è anche stato l’ anno in cui è morto il mio gatto, che viveva con noi da sedici anni, e ho avuto a che fare con il tema della – condivisione delle risorse – e bisogna dirlo, c’è stato anche un notevole sfruttamento di queste risorse, e uscire da questo circolo vizioso è stato difficile, ma intorno alla primavera del 2017 ce l’ ho fatta. In quest’ anno ho vissuto l’ adolescenza ” di strada ” e ” delle esperienze ” che mi mancava, con tutti i suoi lati oscuri, credetemi, ne ho viste di tutti i colori. Nel 2015 inoltre ho scoperto il mondo LGBT, ho approfondito l’ argomento, perché mi interessava comprendere il loro punto di vista, e ho riflettuto sulla mia – potenziale – ( non ci sono state sperimentazioni, per ora ) bisessualità. ( Devo dire che finora non ci avevo ancora pensato, pensavo che questa fase della mia vita mi mancasse! ) ; inoltre in questa fase attuale della mia vita ( perché credo che duri ancora adesso ) ho anche scoperto di avere l’ OCD ( disturbo ossessivo – compulsivo ) e ho approfondito l’ argomento e conosciuto meglio me stesso. Ci sono state inoltre diverse esperienze legate alla mortalità altrui, già da inizio anno 2015, che mi hanno fatto riflettere. Ho cominciato veramente a stare sveglio per la gran parte della notte, soprattutto quest’ autunno, non riesco più a dormire la notte.  Ultimamente poi sto guardando tutte le stagioni di Skins, e ho detto già tutto, quella serie rappresenta in toto lo Scorpione. Lo Scorpione è associato ai cibi esotici, e persino quello ho affrontato, con occasionali serate al ristorante Giapponese …   persino la parte relativa agli interventi chirurgici ( unica volta per me finora ) l’ ho affrontata alla fine dello scorso anno!
  • Sicuramente mi manca da affrontare la fase associabile al Toro, e in tale fase potrei avere accesso ad un mio appartamento ( anche se a me piacerebbe ereditare la soffitta o casa mia intera, ehehe ), dovrò approfondire tutti gli aspetti economici della vita, e modificare la mia dieta che va da una Italianità classica totalizzante ad aspetti ben poco rassicuranti per certe persone. In quella fase probabilmente tornerò ad apprezzare il mondo naturale, la campagna, e perchè no, anche la montagna. Diventerò un po’ più materialista, mi concentrerò sugli acquisti e sui miei hobby e passatempi, e collezioni. Aspetto quindi di incontrare il mio prossimo modello di riferimento …   
  • Se avrò figli, anche se magari non saranno miei non importa, se troverò una partner, e se comincerò a concentrarmi sul mio talento della scrittura ( anche se attualmente non sono più così convinto e determinato riguardo alla scrittura di libri ), entrerò nella fase associabile al Leone, comincerò a vivere prevalentemente di giorno, dicendo ciao alla mia vita da notturno, e tornerò a concentrarmi su me stesso e le mie capacità, cercando di lasciare una traccia e farmi scoprire, cercando una audience, e chissà, magari magari potrei iscrivermi ad un corso di recitazione, e magari scoprire che faccio schifo, ma non si sa mai …
  • Credo che entro quella fase si intersecherà anche quella associabile alla Bilancia, quella fase della vita che condividi spesso con un partner fisso, un marito o una moglie, o i colleghi, o una compagnia di amici, insomma, spero che non sarò solo nell’ affrontare la vita. Dovrò affrontare la mia tendenza ad appoggiarmi e a vivere in simbiosi con l’ altro, mettendo i suoi interessi e bisogni prima dei miei, come ho fatto in passato, e dovrò cercare di mantenere una vita equilibrata, e approfondirò il mondo delle arti … e delle buone maniere, delle apparenze … della diplomazia e della collaborazione.
  • Quando sarò un sessantenne, vicino alla pensione, entrerò nella fase della vita associabile al Capricorno, e comincerò a ritirarmi dalla vita sociale per spremere tutto il rimanente dalla mia carriera, dalla vita lavorativa, leggerò molto di più e avrò a che fare con modi di utilizzare appieno e in modo utile e importante il mio tempo quotidiano, e dovrò raccogliere le risorse necessarie alla sopravvivenza nella vecchiaia vera e propria. Questa è l’ attuale fase che stanno vivendo i miei genitori, giusto prima della pensione per mia madre, mentre mio padre dovrà affrontare almeno altri cinque anni ( forse di più ) di carriera lavorativa, e in questa fase non hanno affatto rallentato, invece hanno proprio aumentato il tempo che trascorrono fuori casa, la famiglia è passata in secondo piano, mio padre vive fra turni di notte, chiamate di notte, dodici ore di lavoro, e mia madre cerca di vivere il suo ultimo anno da lavoratrice, pensando a cosa farà quando non saprà più come impiegare il tempo e aiutare la collettività. — Io mi sceglierò un tipo di carriera più leggero, se scriverò veramente per vivere, lavorerò da casa, anche se la casa editrice cercherà di fare pressione per un nuovo libro …
  • La fase della vecchiaia post pensionamento è associabile probabilmente al Cancro, per chi finisce in casa di riposo, per chi diventa nonno e finalmente ha più tempo da passare con i figli grandi e i nipoti, tempo da passare in casa, a costruire un nuovo presente intriso di passato, quando nella vita c’è più passato che futuro … E nella fase finale si torna al mondo sognante e distaccato dalla realtà dei Pesci, si dorme di più, appisolandosi sulla poltrona, oppure si dorme di meno, ma la televisione diventa una fonte di immaginazione ed estraniamento dalla realtà quotidiana, la vita diventa di nuovo più inconscia che conscia, e per chi ancora vuole mantenersi attivo ci sono i corsi di Acquagym in piscina … Per molte persone la vecchiaia finale si affronta in ospedale, e sebbene ci siano dei parenti accanto, spesso ci si ritrova con altri pazienti sconosciuti e infermiere e medici … quindi un po’ isolati dal mondo, a visitare cimiteri, a guardare i manifesti di chi è scomparso, a farsi curare dagli acciacchi …
  • E poi chissà cosa succede … 😉