Appunto sincro-ciclo-archetipico su Maria Elena Boschi

9 12 2019

Il qui presente aggiornamento del blog potrebbe forse vedersi come un “prossimamente”, una serie di ampliabili indizi su un certo personaggio della politica degli ultimi anni, piuttosto esposto sotto i riflettori dei mass media, prevalentemente italiani.

Questo è un piccolo appunto per un maggiore approfondimento che oggidomani qualcuno potrebbe intraprendere al riguardo, iniziando una ricerca di tracce nel corso degli anni riguardanti il V.I.P.  in questione.

Segnali che si riconducono al passato storico degli Etruschi risalente a duemila-tremila anni fa, il quale si ripresenta in un certo modo ai giorni nostri, dal momento che certe realtà archetipiche possono risuscitare attivamente in presenza di condizioni sincro-cicliche adatte.

Sono persuaso che, andando a cercare, possono uscire fuori delle sorprese.

http://www.turismoitalianews.it/arte-architettura/850-il-busta-di-arianna-capolavoro-della-scultura-etrusca

E’ un capolavoro della scultura etrusca recuperato dall’oblio solo negli ultimi anni. Il busto di Arianna in terracotta, proveniente da Falerii e datato al III secolo avanti Cristo, può essere considerato come uno degli esempi più belli di coroplastica etrusca di età ellenistica.

In questi anni 10 del XXI secolo che si stanno velocemente avviando alla loro conclusione, quel tipo di ciclicità storica studiata in questo blog (legata agli archetipi e alle sincronicità) ha probabilmente fatto risuonare oggi quel passato etrusco di decine e decine di secoli fa, come ben si sa anche legato alla storia di Roma e alle sue politiche, dal momento che ci sono stati pure re di Roma di origini etrusche, i quali tra l’altro furono proprio gli ultimi re, prima dell’instaurarsi della Repubblica.

L’incontro-scontro dell’Etruria con l’Urbe ha nuovamente elettrizzato l’agone politico.

https://www.finestresullarte.info/888n_donna-etrusca-libera-bellissima-moderna.php

La donna etrusca: indipendente, libera, moderna e bellissima

Quando pensiamo allo stato della donna nelle civiltà antiche, nel nostro immaginario si profila la figura di una donna subalterna rispetto all’uomo, e il cui compito è soprattutto quello di curare le attività domestiche, o comunque di attendere a occupazioni tipicamente femminili. Non era così, invece, per la donna etrusca: nessun altra donna come quella etrusca godette di un grado tanto alto di emancipazione, libertà e autonomia.