Reeves name game

25 01 2019

http://copycateffect.blogspot.com/2019/01/Reeves.html

George Reeves (5 gennaio 1914 – 16 giugno 1959) Steve Reeves (21 gennaio 1926 – 1 maggio 2000) Keanu Reeves (2 settembre 1964 -) Christopher Reeve (25 settembre 1952 – 10 ottobre 2004)

Molti portali aperti grazie ai names games. Una rivelazione degli strani monikers (nomi, appellativi) si verifica se studiate gli avvistamenti nel corso degli anni.
Prendete come gateway un libro quale The Field Guide to Extraterrestrials di Patrick Huyghe oppure Operation Trojan Horse di John Keel.
Per un momento, lasciatemi mettere ciò in tale contesto. Con un solo nome: Reeves.

Ho scoperto che quel famoso parapsicologo J.B. Rhine ha studiato il caso Reeves. Così nel 2014 ho contattato il responsabile dell’istituto per vedere quali file avesse. C’è stata una ricerca in proposito ma non hanno potuto trovare nessuna menzione della famiglia Reeves nei loro archivi.

La discussione su Twitter riguardante “Reeves” m’ha stimolato a fare una raccolta dei miei pensieri sui name game  inerenti il cognome Reeves e le sue forme associate, tutto assieme.

<> <> <>

Nell’aprile del 1966, la sedicenne Kathy Reeves di Newport, nell’Oregon, vide tre minuscoli tronchi d’albero che attraversavano un prato vicino a casa sua. Stava camminando verso casa con un amico attraverso un grande campo quando videro tre piccoli “monticelli” che si muovevano attraverso il campo. Erano multicolori; arancione, bianco, giallo, blu anche “anguria”.

Tim Binnall ha scritto nel 2009:

Loren Coleman nel suo libro Mothman and Other Curious Encounters , scrive  la strada di Pioneer Mountain “era sempre stata anomala”, secondo la gente del posto. (È un tipo di strada spettrale.) Coleman fa il name game con Newport; commentando che la città è un “nuovo porto” di eventi bizzarri, e che il nome Reeves sembra essere in cima alla lista per le persone che stanno vivendo eventi “alla Charles Fort”.

La famiglia Reeves in Oregon ha sperimentato un bel po ‘di stranezze dopo che Kathy Reeves è stata testimone di un avvistamento; luci colorate che si muovono sia all’interno che all’esterno della casa, UFO, ecc. Altri sono stati i testimoni di questi eventi sulla Pioneer Mountain, e degli UFO sono stati avvistati anche da diversi altri testimoni in differenti zone di Newport.

John A. Keel una volta sollevò la questione della selettività del nome nei suoi scritti: “Centinaia di migliaia di eventi fenomenali sono stati descritti su giornali, riviste e libri e centinaia di migliaia di testimonianze sono stati riportate dalla stampa. Quando si ha a che fare con una così grande collezione di evidenze da parte della popolazione, dovrebbero emergere certe leggi di probabilità. Dovremmo aspettarci che più Smith vedano più UFO di chiunque altro, semplicemente perché ci sono più Smiths in giro, ma, in realtà, il cognome Smith appare raramente in un rapporto UFO. “

Ciò che Keel ha scoperto è che i nomi inusuali erano il punto di convergenza dei fenomeni. Vedendo McDaniel, Reeves / Reaves, Maddox, Heflin, Allen, Hill e altri, come selezionati per gli UFO e le relative esperienze, così come ho sottolineato nel mio capitolo “Name Game” nel 1983, in Mysterious America .

Bryant e Helen Reeve del Flying Saucer Pilgrimage

Il cognome dei testimoni, Reeves, è tra quei speciali titoli di famiglia che sono stati individuati come un ruolo magnetico nel name game. John Keel una volta mi disse che le persone di nome Reeve / Reeves hanno molte strane esperienze. Molti testimoni chiave sono stati nominati Reeves. Uno sguardo agli indici di “Fortean Times” [rivista ispirata a Charles Fort] mostrerà una pletora di Reeves e Reeve come testimoni.

John F. Reeves sottolinea ciò che considera impronte aliene vicino alla sua proprietà a Brooksville, in Florida.

Un uomo di nome Reeves fu il principale testimone di un caso UFO di Brooksville, in Florida, ormai famoso. Come ha scritto Jerome Clark: “Un uomo così oscuro da essere a malapena conosciuto dalla maggior parte degli altri residenti dell’area rurale in cui viveva, John F. Reeves, 66 anni, ha finito per trovarsi al centro dell’attenzione internazionale nel 1965, quando ha riferito di un incontro con un UFO e il suo occupante. “
I contendenti Bryant e Helen Reeve raggiunsero lo status di celebrità negli anni ’50 dopo aver scritto il loro libro, Flying Saucer Pilgrimage.
Molto è stato scritto delle tragiche coincidenze che turbinavano le vite degli attori (George Reeves e Christopher Reeve) che interpretarono Superman al cinema e alla tv(un personaggio immaginario che era un alieno venuto sulla Terra per aiutare gli umani) o il “superman” ( Keanu Reeves) in Matrix.
C’è un motivo per cui è chiamato name game. Mothman and Other Curious Encounters (NY: Paraview, 2002)

Steve Reeves, Ercole nella serie di film 1957-1959.

1 agosto 2007:  il ponte I-35W crolla.

Jay Reeves, 39 anni, è stato uno dei primi personaggi sulla scena dopo il crollo. Ha provato a chiamare il 911, ma tutte le linee erano bloccate. Poi, ha sentito i suoni delle urla dei bambini dallo scuolabus.
“Ho aperto la portiera della mia auto e sono stato accolto dalle urla di molti bambini. I bambini urlanti sono un ottimo segno: ciò significa che sono vivi e pieni di molta energia “, ha detto Reeves, un paramedico addestrato e coordinatore della sicurezza pubblica per la Minnesota American Red Cross. Associated Press, 2 agosto 2007.
Un famoso produttore cinematografico del film della serie di Superman, Man of Steel , Lloyd Phillips, 63 anni, è morto improvvisamente a Malibu, in California  il 28 gennaio 2013. La “maledizione” di Superman?
Chiunque abbia scritto la voce ” Superman Curse ” su english Wikipedia ha svolto un ottimo lavoro di ricerca sull’argomento discutendo di un elenco molto ampio di individui a cui può essere applicato. Questi, oltre a George Reeves e Chris Reeve, erano altri personaggi legati a Superman, tra cui Bud Collyer, Lee Quigley, Kirk Alyn, Margot Kidder, Richard Pryor e Dana Reeve. Cose di questo tipo sono state esplorate nel documentario del 2006, The Curse of Superman (La maledizione di Superman).

La maledizione di Superman.

17 ottobre 2013 . Washington DC
Dopo che i legislatori hanno votato per la riapertura del governo, le cose hanno preso una piega bizzarra alla Camera. Una stenografa del Congresso di nome Dianne Reidy ha dovuto essere rimossa  dopo aver preso il microfono alla reception, e cominciato a parlare di cose come Massoneria & Costituzione, aggiungendo inoltre che gli Stati Uniti non sono “una nazione sotto Dio”.

“Vanno contro Dio!”, Esclamò la donna. “Non puoi essere servitore di due padroni. Lode a Dio, Signore Gesù Cristo! “
I legislatori hanno osservato quello che stava accadendo, all’inizio, in un silenzio sbalordito. Un rappresentante del Texas ha detto all’Associated Press, “Aveva un’espressione impazzita”, come trasmesso da KXL 101 FM News.

Reidy avrebbe dichiarato:

Non sarà deriso! Non sarà deriso! (Non toccarmi). Non sarà deriso! Il più grande inganno è qui, questa non è una nazione sotto Dio! Non lo è mai stata! Se lo fosse stata, non sarebbe stata, no, non sarebbe stata, la costituzione non sarebbe stata scritta dai massoni! Loro vanno contro Dio! Non puoi servire due padroni! Non puoi servire due padroni. Lode a Dio, Signore Gesù Cristo! Lode a …

Dianne Reidy, la stenografa della camera.

Nell’ambito della decodifica del linguaggio del twilight, si deve sottolineare come in precedenza ho notato l’importanza del name game tra i seguaci di Charles Fort e i fenomeni anomali riguardanti i “Reed” / “Reeder” / “Reeves” e, secondo John A. Keel, anche in ufologia e demonologia, coi “Reeves” / “Reaves”. Il cognome, naturalmente, è stato associato alle vite tragiche dei vari “Reeves” che hanno interpretato Superman in televisione e al cinema, e i ruoli di Superman di Keanu Reeves in Matrix e Ultimatum alla Terra .

Il nome “Diane Reidy” sarebbe semplicemente una piega diversa del filone  Reeves / Reed.

13 gennaio 2014 . Wesley Chapel, Contea di Pasco, in Florida.
Curtis Reeves, Jr., 71 anni, un capitano della polizia di Tampa in pensione è stato arrestato e detenuto senza cauzione per aver sparato a un uomo e a sua moglie dopo un’apparente discussione sugli sms mentre si trovava in un cinema a Wesley Chapel, in Florida .
Nel pomeriggio di lunedì a vedere il film Lone Survivor , Reeves e sua moglie erano seduti dietro un’altra coppia, Chad e Nicole Oulson, a guardare le anteprime, quando Reeves si è agitato con Chad per mandare sms prima dell’inizio del film.
Alla Wesley Chapel, la proiezione del 13 gennaio di Lone Survivor è scoppiata una discussione tra le coppie, è stato lanciato un popcorn, dopo di cui Reeves ha lasciato il teatro, per poi tornare e tirare fuori una pistola sparando a a Oulson e sua moglie. I funzionari hanno detto che Nicole ha cercato di bloccare la pallottola, provocando una ferita da arma da fuoco alla sua mano, prima che Chad venisse colpito e ucciso.

Paul Monet, 1847-1922.

Keanu Reeves.

Whitley Strieber ha preregistrato un episodio con me, Loren Coleman, per il suo podcast Dreamland .
Abbiamo parlato, in generale, del tema delle strane creature , del museo cripto-zoologico e della prossima conferenza , ma poi Whitley ha preso una piega inaspettata: mi ha chiesto del mio studio su nomi e date. Come gli dissi, all’epoca, “so dove stai andando”.
All’improvviso, Whitley scelse un nome per discuterne.
Il nome: Reeves .
Come ho detto a Whitley, Reeves è uno di quei nomi che sembrano avere un’attrazione magnetica per gli incidenti UFO e per i temi culturali alla “Superman”. John Reeves è un nome legato agli avvistamenti UFO di Brooksville in Florida; Bryant e Helen Reeve hanno viaggiato negli Stati Uniti in cerca di “dischi”, S’è vista un collegamento tra Keanu Reeves e UFO polacchi , e John A. Keel nei suoi scritti ha parlato dell’importanza del nome ” Reeves “.
Il nome stesso, Reeve , in inglese significa “la testa sotto il re, o il sovrintendente / capo contadino di un maniero”. Reeve in olandese significa “passare un filo attraverso un anello o qualcosa di simile”. Questo deriva da reven , “reef”, in un certo senso “usare una corda dentro o come nel reefing “.
Reeves è un nome. Sappiamo che ce ne sono altri.
In The Rebirth of Pan: Hidden Faces of American Earth Spirit , così scrive Jim Brandon, per quanto riguarda il “name game”:
Non sto parlando di scioglilingua spettrali come Yog-Sothoth di HP Lovecraft o Ishakshar di Arthur Machen, ma di nomi abbastanza comuni quali Bell, Beall e varianti, Crowley, Francis, Grafton, Grubb, Magee / McGee, Mason, McKinney , Montpelier, Parsons, Pike, Shelby, Vernon, Watson / Watt, Williams / Williamson.
Nel mio libro del 1983, Mysterious America , scrissi:

Criptologia o coincidenza? A Jim Brandon dovrebbe essere attribuito il richiamo al nome Watts / Watkins / Watson e al suo intreccio con cose inspiegabili. Alcuni altri nomi coinvolti in eventi misteriosi individuati da Brandon sono Bell, Mason, Parsons, Pike, Vernon e Warren. L’influenza di nomi come Mason, Pike, Warren e Lafayette, ad esempio, affronta, in qualche modo cripto-politico e occulto, i loro legami con la tradizione massonica.

Il mio collega e corrispondente Chuck Shepherd, è stato uno studente di questo “name game” per anni. Ecco cosa dice Chuck al riguardo, in una introduzione all’argomento:

Il classico middle name

Nei primi anni ’90 mi venne in mente che “Wayne” era un nome popolare tra alcuni degli assassini più atroci del nostro tempo, ad esempio il pagliaccio John Wayne Gacy (il quale uccise quasi tre dozzine di ragazzi e giovani nel tardo pomeriggio del1970 e seppellì la maggior parte di loro sotto le assi della sua casa) ed Elmer Wayne Henley (condannato a sei ergastoli consecutivi nel 1974 a Houston per il ruolo, con il capobanda Dean Allen Corll, negli omicidi di 27 giovani). Ho iniziato a pubblicare elenchi periodici nel 1996, e presto i lettori si sono assicurati di non averne mai perso uno di quelli che hanno fatto notizia. Fonte, (con un impressionante elenco di nomi) .

 

 

Annunci




La mia interpretazione di astrologia – Una filosofia astrale

25 01 2019

Visualizza immagine di origine

La mia interpretazione dell’ Astrologia la interpreta come una filosofia che studia la rappresentazione simbolica del Sistema Solare e immediati dintorni come metafora della mente umana.

Nella mia interpretazione il Sistema Solare si potrebbe identificare come una analogia della coscienza e dell’ inconscio umano, una sorta di dimensione matematica e quindi intangibile della concreta dimensione mentale umana psicologico – caratteriale.

Gli scienziati hanno la ” certezza – evidenza – convinzione ” che tutto ciò che riguarda l’ essere umano abbia a che fare con la genetica e i geni.

La filosofia astrologica dice un po’ la stessa cosa, ma rimpiazza i geni con delle energie, delle forze simili alla gravità, intangibile ma onnipresente, o per meglio dire rimpiazza i geni con dei cicli che sincronicamente si allineano con il movimento delle orbite degli astri, quasi come se ogni movimento di un astro possa essere analogo alla trasmissione di informazioni fra neuroni.

L’ Astrologia infatti è intimamente connessa agli studi sulla ciclologia, e ha la sue origini nei calendari e nelle documentazioni di informazioni sincroniche antiche.

Noi uomini moderni dobbiamo avere una interpretazione metaforico – ciclica – sincronica delle ” regole astrologiche ” e del suo sistema di credenze.

In questo senso, il Sole rappresenterebbe la nostra personalità più evidente e immediata, il cuore e il fulcro del nostro essere. Il Sole è il ” nostro nome ” e il nostro ” ruolo ” sulla Terra. L’ Ascendente è la parte della personalità che usiamo in situazioni pubbliche e quindi non intime, è il copione che decidiamo di interpretare quando vogliamo apparire o agire consapevolmente in modo cosciente e controllato, ma la personalità Solare è quella spontanea, intima, privata e unicamente caratteristica di noi stessi come individui.

I pianeti più vicini al Sole sono le nostre emozioni e passioni più emergenti, come l’ intelletto e i nostri interessi ” verbali “, il tono di voce e ciò che vogliamo comunicare ( Mercurio ), le nostre emozioni legate all’ amore, all’ affetto e all’ amicizia, e il rapporto con l’ estetica del nostro fisico ( Venere ) e la nostra tenacia, l’ energia vitale, e la rabbia, il rapporto con la forza fisica ( Marte ). In questo contesto si inserisce anche la (Luna), che rappresenta i nostri umori, ricordi improvvisi e fugaci e il nostro intuito. La Luna è connessa alle maree terrestri come i nostri umori sono connessi agli occhi, a ciò che vediamo, perché la visione è il motore di trasmissione reazionale delle emozioni, e le acque Terrestri sono i nostri dotti lacrimali, mentre i Terrestri sono i nostri occhi.  

La Fascia Asteroidale, con elementi protagonisti Cerere, Vesta e Igea rappresentano l’ analogo dei nostri geni, ci sono migliaia di rocce piccole e grosse che si allacciano in qualche modo alle nostre caratteristiche più svariate, ai livelli più svariati, come se esistesse uno – spettro – rappresentato dai gradi presenti nella nostra carta astrale, e diventano più magnificati ed evidenti quando raggiungono il grado 0°, 1° e 29° alla nostra nascita. Come se ci fossero una miriade di potenzialità per noi, che diventano ” allacciate intimamente ” a noi solo qualora nascessimo sotto un determinato grado di alto valore astrologico. (Cerere) rappresenta la soddisfazione dei bisogni, il nostro rapporto con il cibo, e il rapporto con il genitore. ( Vesta ) rappresenta la devozione, la presenza o meno del pudore, eventuali repressioni, la capacità di concentrarsi, mentre ( Igea ) rappresenta il nostro concetto e livello di igiene, salute, pulizia.

Le Case Astrologiche rappresentano qualcosa di simile ai gruppi sanguigni, indicano il settore della vita nel quale ogni ” pianeta ” manifesterà il suo simbolismo nella vita individuale, e generalmente sono dodici ( in Oriente sono 27 o 28, associate al ciclo lunare e non quello solare ):

Il SE’, I VALORI, le COMUNICAZIONI, L’ ABITAZIONE / L’ AMBITO FAMIGLIARE, i PIACERI, L’ AMBITO DI LAVORO E SALUTE, le ASSOCIAZIONI e PARTNERSHIP, la TRASFORMAZIONE, la FILOSOFIA, la REPUTAZIONE PUBBLICA, le AMICIZIE e la RETE SOCIALE, l’ INCONSCIO e L’ AMBITO DEL DISFATTISMO.

Nella Astrologia Postmoderna inserirei anche: La VISIONE DELLE COSE / L’ ORIENTAMENTO, la REDENZIONE / RESTAURAZIONE / PROTEZIONE oppure la SOPPRESSIONE e l’ ASSOPIMENTO, e poi anche la STRUMENTALIZZAZIONE, la DEVOZIONE, la LOTTA INTERIORE/ l’ ESORCIZZAZIONE / l’ ESPULSIONE / l’ EROSIONE / il TOCCARE IL FONDO.          

Visualizza immagine di origine

La fascia esterna è separata dall’ analogia della mente ” esternalizzante ” e assume una tendenza ” interiorizzante “, rappresentata da Giove, Saturno e Nettuno. ( Giove ) rappresenta il nostro rapporto con l’ abbondanza, il nostro spettro di ottimismo – pessimismo, la magnificazione degli eventi che si innesca – dentro di noi – e il nostro livello di capacità e volontà di espandere i nostri confini e la nostra elasticità mentale. Giove è una spugna che raccoglie e deposita tutta la ” massa ” cerebrale, come un ponte fra l’ immediatezza esteriorizzante e la meditazione interiorizzante. ( Saturno ) rappresenta il nostro approccio alle regole, ai doveri e ai compiti che ci vengono imposti nella vita, simbolizza le nostre difficoltà interiori, e il nostro approccio nei confronti di limiti e capacità o potenzialità ridotte e ostacolate dagli eventi. Rappresenta anche le ambizioni, lo spettro del realismo e della razionalità Il pianeta è circondato da anelli come quella area mentale è circondata da ostacoli e barriere nei confronti del resto. Sono pianeti ” gassosi “, nebulosi come l’ area della nostra interiorità che simbolizzano.

Ci sono anche i Centauri, dei quali l’ elemento principale è ( Chirone ) che rappresenta la nostra ferita interiore, l’ invidia e il desiderio di aiutare gli altri quando non possiamo fare qualcosa per noi stessi. Mentre per esempio ( Asbolus ) potrebbe rappresentare l’ emergere di un presentimento.  I Centauri hanno un’ orbita instabile, possono trasformarsi in comete ed eventualmente anche essere espulsi dal territorio, e potrebbero rappresentare pensieri zavorra eventualmente espulsi.  

( Urano ) rappresenta gli impulsi, l’ approccio ai cambiamenti e alle occasioni nell’ immediato, il desiderio di cambiare, il dinamismo interiore di chi possiede una grande energia. Urano possiede dei ” poli equatoriali ” quindi si associa al desiderio di distinguersi dalla massa. Simboleggia quindi anche le nostre caratteristiche eccentriche e originali, mentre ( Nettuno ) rappresenta la parte nebulosa della nostra mente, la ricettività psichica, le incertezze, ma anche la parte capace di astrazione e immaginazione, e anche di ideali e obiettivi teorici e astratti, non ancora concretizzati. E’ associato anche ai castelli di carta, quelli di alcuni mistici, ma anche di molti scienziati categorici e dogmatici, oppure degli scienziati da talk show, quelli pagati per divagare, etichettando cose non evidenti e non tangibili come ” scienza “. Questi sono giganti ghiacciati, perché sono meno connessi alle emozioni, e più allacciati invece a delle aree mentali alle quali ci approcciamo con neutralità. Sono composti da sostanze ” volatili ” come lo sono i prodotti di queste aree mentali che simbolizzano, che noi associamo a idee di libertà e speranza.

I satelliti rappresentano ” ulteriori scompartimenti ” : (Ganimede) rappresenta le caratteristiche LGBT  e tutto ciò che riguarda la questione del gender e dell’ identità sessuale, ed è uno scompartimento di Giove. ( Titano ) legato a Saturno potrebbe rappresentare le nostre associazioni agli antenati e le eredità dettate da essi, poiché i Titani esistevano prima degli Dei Olimpici ed erano delle forze primordiali. Forze che possono essere associate alle tendenze ereditarie.

Oltre Nettuno abbiamo la Cintura di Kuiper e il Disco Diffuso, popolato da pianeti ben distanti dal Sole ( quindi distanti dalla personalità immediata esteriorizzata, intima e caratteristica individuale ), lontani dal fulcro della nostra mente. Qui si cela il nostro inconscio.

Risultato immagine per unconscious in mind

Qui abbiamo (Plutone – Caronte ), le nostre ossessioni sia individuali che collettive e associabili ad una generazione, nonché il nostro concetto di mortalità e il rapporto con il fenomeno più ignoto di tutti, la morte. Fino a poco tempo fa Plutone racchiudeva in sé tutto il nostro inconscio, ma ora nella nuova astrologia in sviluppo, il nostro inconscio è stato diviso in vari scompartimenti.

Abbiamo ( Orcus ) che rappresenta le promesse ( a noi stessi, agli altri ), i patti, e il disturbo ossessivo compulsivo, come anche la necessità di mettere ordine. Abbiamo ( Issione ) che rappresenta la contestazione di leggi ingiuste e illegittime, la coscienza delle ciclicità ed eventuali ritorni sui propri passi. Abbiamo ( Salacia ) che rappresenta la nostra fuga interiore e fisica, alla ricerca di uno sfogo dalle pressioni, la vergogna e la sensazione di inadeguatezza. Abbiamo ( Varuna ) che rappresenta la metabolizzazione e la ” macchina dell’ innesto dei pensieri ” che poi si trasformano in parole, frasi, discorsi, scritti, e anche bugie, in associazione via ” ponte ” con Mercurio. Abbiamo ( Haumea ) che rappresenta energie e frequenze drammatiche, intense, reazioni ad eventi che spazzano via tutto il resto, energie che collidono e si impattano sulle altre.  

Questi pianeti viaggiano su cicli che possono portarli ad emergere a livello cosciente ( perielio – vicinanza massima al Sole ) oppure a rimanere allo stadio di inconsapevolezza e un – awareness ( Apside – massima distanza dal Sole ). Abbiamo ( Quaoar ) che rappresenta l’ elaborazione di ciò che poi diventerà il carisma ( le strategie ), il desiderio di sperimentare, rischiare, la voglia di scherzare che emerge anche in modo incontrollabile, la ricerca di distrazioni, l’ inconscio legato all’ approccio alla musica, l’ elaborazione di quelli che diventeranno confronti verbali ( sarcasmo, sfida ). Abbiamo ( Makemake ) che rappresenta tutte le nostre bizzarrie nascoste, i guizzi mentali, l’ intelletto che si scontra con la società, la reazione alle sorprese, o l’ elaborazione di queste nei confronti di altri. Abbiamo ( Eris ) che simboleggia l’ elaborazione del confronto diretto con gli altri, soprattutto a polarità opposte, l’ approccio e l’ elaborazione del pensiero che poi interpreterà i comportamenti dell’ altro sesso, il confronto con l’ esclusione sociale e con la forza distruttiva della natura, l’ approccio con rivali, nemici, nemesi e i Casus Belli, quindi gli eventi triggeranti. Abbiamo ( TX300 ) che rappresenta l’ elaborazione di ciò che diventerà poi diffusione di informazioni, rapporto con i mass media, manipolazione, propaganda, il bisogno di attirare l’ attenzione, il mercanteggiare, la nostra versione dei fatti, la scelta di una fazione, e quindi in sostanza la nostra ideologia e il nostro messaggio. Abbiamo ( AW197, anche detto Edison ) che rappresenta ciò che ci coglie quando si accende la lampadina, l’ energia che alimenta una idea, una connessione, una epifania, una rivelazione interiore, la capacità di costruirsi una rete sociale, la vocazione.  

In tempi più recenti abbiamo anche ( Huya, dio della pioggia, nome analogo ad una nota azienda finanziaria Giapponese ), che rappresenta la nostra idea di diritti sociali, l’ approccio con il concetto di scarsità, e la sete di qualcosa, ma anche le occasioni che piovono sul nostro percorso. ( Varda, ancora poco noto e poco elaborato ) che potrebbe simboleggiare lo sviluppo interiore della forza creativa, la capacità di vedere oltre, e la chiarezza mentale, una energia positiva, che porta luce nell’ ignoto. Abbiamo ( Sila – Nunam ) un elemento binario che rappresenta la codipendenza, e l’ attaccamento a situazioni tossiche. Abbiamo ( Albion ) che ventisette anni fa ha prodotto una nuova era astrologica ma ha ricevuto il nome solo di recente, e rappresenta il rapporto con le iniziative, la costruzione e la fondazione di imprese e di ” mondi ” , il nostro imperialismo interiore, le iniziazioni e i riti di passaggio.

Abbiamo anche gli onirici Mors – Somnus ( un altro elemento binario come Plutone e Sila – Nunam ) e Altira, che simboleggiano il primo il rapporto con l’ inconscio notturno, i pensieri che ci vengono al buio, in solitudine, mentre cerchiamo di addormentarci, la sensazione di lasciarci la giornata alle spalle e quindi di prepararci ad una ” piccola morte transitoria “, essere in allerta e veglia notturna, la letargia, l’ eventuale anemia mediterranea, la stimolazione, il sonnambulismo per alcuni, l’ uso di luci per sfuggire al buio, la meditazione sul cuscino, il sogno lucido. Il secondo, che rappresenta la fase REM, il mondo del sogno aborigeno, che simboleggia coloro che incarnano un sogno, che esprimono un sogno, che rappresentano il sogno di altri, gli incubi, l’ assorbimento in sé stessi, l’ approccio con i sogni e il significato che vi associamo.      

E ce ne sarebbero tanti altri, magari ancora da nominare e da scoprire. La metafora associabile all’ eclittica è il grado a spettro della tangibilità, e della capacità umana di quantificare, studiare e prevedere l’ andamento e il percorso sul quale viaggiano le nostre aree mentali. In questo caso ( Eris ) sarebbe l’ area dal percorso più complesso e turbolento.

Abbiamo ( Sedna ) che rappresenta l’ inerzia, il desiderio di sopravvivenza, la vittimizzazione, il sacrificio, il pianto interiore e silenzioso, la privazione, il rapporto con ciò che non è aggiustabile e correggibile, il disgusto, il sentirsi eventualmente miserabili, in depressione, diciamo che frequentiamo l’ area di Sedna nei punti più bassi della nostra vita. Infatti sta proprio al fondo del nostro inconscio.

Anche se non tutto è perduto, perché pare che ancora più in fondo ci sia ( OR10 ) che rappresenta la connessione con uno sconosciuto, l’empatia, la compassione profonda e umana, la partecipazione alla collettività, la commozione, la suscitazione, l’ incoraggiamento, la carità, e l’ espressione di pensieri profondi.

L’ inconscio, come funziona nel rapporto fra le aree più periferiche del Sistema Solare e gli otto pianeti, è uno specchio, o il lato oscuro del conscio, proprio come il Sole contiene la sua parte oscura in OR10, Mercurio in Varuna e TX300, Marte e Venere rispettivamente in Eris e nel non ancora menzionato ( Lempo: amore capriccioso, pericoloso, morboso, la violazione dell’ intimità altrui, l’ amore che prende il controllo del conscio, la passione sofferta, la frenesia amorosa, l’ amore non corrisposto e la seduzione dell’ altro ), Cerere e Plutone in Haumea, Giove in Quaoar, Saturno in Orcus e Sedna, Urano in Makemake e Issione ed Edison, Luna e Nettuno rispettivamente in Salacia e OR10. Infatti i Transnettuniani e altri nuovi astri rappresentano le espressioni oscure e inconscie del territorio mental – emotivo che abbiamo vissuto finora.

Non solo questo, ma l’ Astrologia include un sistema di ” etichettatura dei flussi ” simile all’ I Ching con i suoi esagrammi, ed è composto dai 360 gradi sabiani, per ognuno dei quali esiste una definizione e una immagine mentale associabile.  

Il Ventunesimo secolo in Astrologia è iniziato nel 1992, con la scoperta del primo Cubewano ( quello che ora si chiama Albion ) e rappresenta il secolo della filosofia e dell’ approccio con il nostro inconscio, nei minimi dettagli.