La mia città, di Luca Carboni

16 04 2014

Il seguente pezzo del cantautore italiano Luca Carboni fu contenuto nell’album Carboni del 1992.

Seguendo bene le parole del testo, si avverte come la canzone riuscì ad anticipare diverse caratteristiche negative del sistema sociale neoliberista in cui ci troviamo tuttora a vivere, che si sarebbero ben manifestate con la cosiddetta globalizzazione, a partire dalla seconda metà degli anni novanta in poi, e che avrebbero preso una piega oppressiva, e quasi orwelliana, dagli inizi del XXI secolo in avanti.

1_20081117_area_videosorvegliata

La mia città, senza pietà, la mia città 
ma come è dolce certe sere 
a volte no, senza pietà 
mi chiude in una stanza 
mi fa sentire solo 
Una città, senza pietà, la mia città 
non la conosco mai fino in fondo 
troppi portoni, troppi cassetti 
io non ti trovo mai 
tu dimmi dove sei 

Adesso dove si va, cosa si fa, dove si va 
siamo sempre dentro a qualcosa 
un’auto che va o dentro un tram 
senza mai vedere il cielo 
e respirando smog… 

ma guarda là, che cazzo fa, ma pensa te 
ma come guida quel deficiente 
poi guarda qua, che ora e’ già 
ma chi ti ha dato la patente 
che ti scoppiasse un dente 
a te…. 

siamo sempre di corsa 
sempre in agitazione 
anche te… 
che anche se lecchi il gelato 
hai lo sguardo incazzato 

La mia città, senza pietà, la mia città 
ma come è bella la mattina 
quando si accende, quando si sveglia 
e ricominciano i rumori 
promette tante cose 

Ma dimmi dove sarà, prima era qua 
c’è un nero che chiede aiuto 
dove sarà questa città 
E’ sparita senza pietà 
c’ha troppi muri la mia città 

Ma guarda che civiltà la mia città 
con mille sbarre alle finestre 
guardie giurate, porte blindate 
e un miliardo di antifurti 
che stanno sempre a suonare 

Perché… 
c’è chi ha troppo di meno 
e chi non si accontenta 
e c’è… 
chi si deve bucare 
in un angolo di dolore 
e c’è… 
che c’è bisogno di tutto 
c’è bisogno di un trucco 

Senza pietà, la mia città 
“Signora guardi che belle case 
però a lei no, non gliela do 
mi dispiace signora mia 
è tutto uso foresteria” 

La mia città, senza pietà, una città 
ti dice che non è vero 
che non c’è più la povertà 
perché è tutta coperta 
dalla pubblicità 

C’è chi a lavorare 
è obbligato a imbrogliare 
e c’è… 
chi per poterti fregare 
ha imparato a studiare 
E c’è… 
che c’è bisogno di un trucco 
c’è bisogno di tutto 
e c’è… 
bisogno di più amore 
dentro a questa prigione. 


Altri testi su: http://www.angolotesti.it/L/testi_canzoni_luca_carboni_194/testo_canzone_la_mia_citta_10736.html
Tutto su Luca Carboni: http://www.musictory.it/musica/Luca+Carboni

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: