Caro amico, ti scrivo un mondo nuovo

8 03 2012

Marzo è arrivato. E con esso, puntuale, esattamente il primo giorno del mese, la scomparsa del cantautore Lucio Dalla. Morto in una maniera assolutamente improvvisa e inaspettata, come se qualcuno gli avesse spento un interruttore.

Prendiamo il seguente pezzo del suo celeberrimo brano, Caro amico ti scrivo

E si farà l’amore ognuno come gli va,
anche i preti potranno sposarsi
ma soltanto a una certa età,
e senza grandi disturbi qualcuno sparirà,
saranno forse i troppo furbi
e i cretini di ogni età.

Che sembra curiosamente fotografare la stessa sparizione di Lucio Dalla, il quale ha avuto una vita estremamente singolare, con la stranezza, per esempio, di apparire come una persona matura in giovanissima età, e paradossalmente “giovanile” in età avanzata. Ricordava Pablo Picasso, il quale disegnava come un adulto da bambino, e come un bambino da adulto. Meriterebbe di essere raccontata in maniera approfondita la biografia di Lucio Dalla, approfondendo molte zone poco note della sua vita e dei suoi album. O, forse, più che poco note, non ben collegate a qualcosa d’altro: i tempi cangianti, camaleontici in cui ha vissuto.

lucio dalla giovane

lucio dalla maturo

Di certo, le morti di personaggi molto celebri, soprattutto coloro del mondo dello spettacolo, e in particolar modo della musica leggera, sono qualcosa che segna, piuttosto in profondità, la mente collettiva di un determinato popolo in un determinato tempo. E, nel caso di figure della cosiddetta “musica leggera internazionale”, anche l’intero occidente e zone limitrofe.

tema natale lucio dalla civiltà scomparse

Tema astrologico natale di Lucio Dalla

Qualcuno potrebbe domandarsi cosa c’entri la scelta di associare “Un mondo nuovo”,  brano di un gruppo italiano degli anni novanta come i Disciplinatha, con Lucio Dalla. Di ragioni ve ne possono essere ben due: la provenienza geografica di entrambi (l’Emilia Romagna), e il fatto che Dalla è sempre stato un cantautore che ha, a suo modo, indagato gli enigmi del tempo che passa – la sua ossessione per le date era nota – e suscitato, in diverse sue canzoni, l’attesa per “un mondo nuovo”, appunto. Qualcosa che esiste nei miti, nelle leggende (compresa la fantascienza), e che con la nostra congenita mancanza di fantasia, di amore per la “vita comoda” e di amore per lo status quo, impediamo che divenga reale.

Con una settimana di ritardo,

ciao Lucio!

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: