Una fantasia sulla Rete prossima ventura

15 01 2010

L'essere umano si vede sempre molto più "lontano" da se stesso rispetto a come è realmente.
Non si percepisce a livello molecolare. E per "molecolare" si intende nella frequenza del suo codice genetico, il software attraverso cui la coscienza si interfaccia in questa realtà con una determinata forma.
Nel nostro caso quella di essere umano.
Ogni cellula prende una ben determinata specializzazione.
Eppure, nonostante ogni tipo di cellula sia diverso dall'altro, in tutte è presente lo stesso codice, diverso da persona a persona.
Chissà, davvero, la parte di codice definita "spazzatura" in realtà cosa nasconde.
Ebbene, pensiamo a una Rete interconnessa, anzichè basarsi sui calcolatori, l'elettricità, l'elettronica, la telefonia, sfrutti invece le potenzialità della genetica.
Forse si tratta di portare alla luce qualcosa che già esiste.
Può essere che lo stato ordinario di veglia sia qualcosa che nasconde questa Rete genetica.
La Rete, come la si conosce oggi, è qualcosa di grezzo, rozzo, legato a un tipo di fornitura di energia del secolo passato, piena di cavi, cavetti, schermi, ingressi, uscite; la vedo più come una specie di metafora, di anticipazione di uno dei tanti possibili futuri.

Questo argomento l'avevo già toccato in questo post.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: