Il parere di Alessandro Marra

14 10 2008

Non saranno gli “esperti” che affollano la televisione ed i giornali a chiarire cosa sta accadendo, perché sono esperti solo di quello che professano le banche, le borse e, in generale, l’attuale sistema economico, cioè i rei del grande male arrecato alla società.

Le ragioni della crisi sono in realtà due, una ben nota, ed una meno, benché, quanto a me, la stia descrivendo in ogni dettaglio dal 1985. Quella nota è che il sistema economico (banche, borse, apparato industriale, commerciale, ecc.) ha spesso creato i titoli fraudolentemente dal nulla, e comunque ne ha in generale molto gonfiato il valore, per cui l’intero blocco planetario dei titoli ha quotazioni esagerate. La meno nota, o meglio quella di cui nessuno vuol sentire, è che il 70% del sistema economico mondiale non vale niente, perché, pur essendo l’industrializzazione il massimo evento positivo mai verificatosi nella storia dell’universo conosciuto, almeno il 70% delle produzioni è, non solo inutile, ma dannoso, anche nel senso di compromettere l’abitabilità del pianeta, per cui la collettività si astiene sempre più dal consumarle.

Cosa che porterà in breve ad una definitiva crisi dell’economia consumistica: quell’economia basata sulla subordinazione dell’uomo alle logiche produttive anziché delle logiche produttive all’uomo. Un processo che mette in crisi il concetto stesso di speculazione, ed arrecherà danni a tutti coloro che, in piccolo o in grande, hanno creduto nella possibilità di speculare, ma solo a loro e solo per il momento.

Un processo che avrà infatti subito dopo effetti positivi, poiché libererà il mondo dai beni e dalle concezioni dannose in quanto inutili, e causerà l’inizio di quella vera civiltà senza la quale il genere umano sarebbe condannato  all’estinzione.

Non bisogna infatti farsi sfuggire che la contrazione dei consumi che ha causato la crisi dell’economia deriva dall’inizio di un immenso fenomeno culturale le cui scaturigini sono nella consapevolezza del fatto che, non in cento anni, come dicono questi sciagurati, ma da ora in poi si inizierà ad assistere a fenomeni climatici che la civiltà  dell’uomo non può reggere.

Aggiungo anzi che, nonostante la rivoluzione che professo, ed il cui codice  morale è tracciato nei miei libri e nei miei documenti, sia nelle mie intenzioni

E’ infatti singolare pensare che il benessere possa derivare dal rilancio dei consumi se poi si tratta di beni inutili, la cui produzione e consumo – è ovvio – impoverisce appunto inutilmente la società. Più importante è però il fatto che la contrazione dei consumi inutili causerà la nascita e un velocissimo sviluppo di un’economia umanistica, ovvero  n’economia basata su un’immane riconversione industriale in direzione dei beni utili e non inquinanti, a partire proprio dall’industria del disinquinamento e della ripulitura del pianeta, dell’energia  pulita, dell’agricoltura biologica ecc.

Vano sarebbe poi sperare che a salvare l’attuale economia possano essere i mercati asiatici, perché ormai l’incremento dei consumi, persino utili, va studiato con la massima cautela, dati i danni che arreca al clima, sicché, prima che questi ipotetici consumi asiatici  possano salvare l’economia consumistica occidentale, scatteranno regole che vanificheranno queste stolte attese.senza sangue, senza morti e senza sconfitti”, per coloro che insisteranno persino ora nel fare i paladini del regime nelle sue varie espressioni, non ci sarà luogo né modo per sfuggire alla furia delle genti.

 

 

 

 Leggi qui 

 

Vedi qui

Annunci

Azioni

Information

One response

10 08 2010
SaR

Concordo come ho già detto in via tendenziale. Un saluto vero da Salvatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: